Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search


Leopoli
Львів - L'viv
Il centro visto dall'alto con la cupola della chiesa dei Domenicani in primo piano
Stemma e Bandiera
Leopoli - Stemma
Leopoli - Bandiera
Stato
Regione
Territorio
Altitudine
Superficie
Abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Posizione
Mappa dell'Ucraina
Reddot.svg
Leopoli
Sito del turismo
Sito istituzionale

Leopoli (Львів, traslitterato: L'viv; in polacco Lwów; in russo: Львов, traslitterato: L'vov; in tedesco Lemberg) è una città dell'Ucraina occidentale.

Da sapere[modifica]

Una città graziosa, sempre più apprezzata dal turismo internazionale come dimostrato dall'incremento degli arrivi al suo aeroporto, balzati da 1.080.000 del 2017 a 1.598.700 dell'anno successivo.

Da Leopoli sono inoltre possibili interessanti e svariate escursioni nell'Ucraina occidentale, una regione dal sapore ancora agreste, caratterizzata da paesaggi bucolici tra i dolci rilievi dei Carpazi, molto diversi dal resto del Paese dove predominano monotone pianure e grossi centri dell'industria pesante risalenti all'epoca sovietica.

Dietro le chiese e i palazzi del piccolo centro storico, che rimandano ad atmosfere dell'impero austro ungarico, si nasconde un passato turbolento. Leopoli è una città che ha molto sofferto durante la seconda guerra mondiale; è stata teatro di barbarie ed eventi drammatici che non dovrebbero essere dimenticati.

Dal 1998 il suo centro storico è stato inserito nell'elenco dei Patrimoni mondiali dell'umanità in Ucraina.

Cenni geografici[modifica]

Leopoli si trova nella vallata del fiume Poltva, nella zona dello spartiacque tra il mar Baltico e il mar Nero. La vallata segna il confine tra gli altipiani Roztocze e Podolia. L'altitudine media di Leopoli è di 296 m sul livello del mare. Il suo punto più alto è costituito dalla collina Castel del Monte (409 m) da cui si gode una vista panoramica del centro storico con i suoi caratteristici tetti verdi. Nel XIX secolo il tratto del fiume Poltva che scorre in corrispondenza del centro, è stato coperto per formare il più ampio dei viali cittadini, il Prospekt Svobody.

Quando andare[modifica]

 Clima gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic
 
Massime (°C) -0,1 1,3 6,3 13,6 19,4 22 23,9 23,5 18,3 12,9 6 0,9
Minime (°C) -6,1 -5,5 -1,7 3,6 8,4 11,3 13,2 12,5 8,4 4,1 -0.3 -4,6
Precipitazioni (mm) 40 44 45 52 89 89 96 77 67 52 49 48

L'estate è un buon periodo per visitare Leopoli. Maggio è un mese di festival.

Il clima di Leopoli è del tipo moderato continentale. La temperatura media di gennaio è di -4 °C, quella di giugno 20 °C. Le precipitazioni medie annue sono di 660 mm di pioggia, con il massimo quantitativo nel periodo estivo. Il cielo è coperto per una media di 66 giorni l'anno.

Cenni storici[modifica]

La città fu fondata nella primavera del 1256 dal re Danilo I Romanovich che gli diede il nome dal suo figlio maggiore, Lev (Leone) in occasione del matrimonio di quest'ultimo con la principessa Costanza, figlia del re ungherese Bela IV.

Danilo apparteneva a un ramo dei Rjurikidi, la dinastia che aveva fondato il potente Stato della Rus' di Kiev, poi indebolitosi per l'abitudine dei sovrani di assegnare porzioni del loro regno anche ai figli cadetti.

L'antica Leopoli, come altre città dell'epoca, era composta da tre parti: una cittadella, un quartiere intorno (Podzamchie) riservato ai commercianti anch'esso cinto di mura e un sobborgo. Il castello (detinets) si trovava su un monte, che nel XV secolo fu chiamato Gorai, nel XVII secolo Monte Calvo e in seguito Monte del Principe. Come si nota da una litografia del XVII secolo, il castello sorgeva su un monte alto dai versanti a strapiombo, difficilmente espugnabile.

Il sobborgo occupava la riva destra del fiume Poltva. Non era fortificato e in caso di attacco armato del nemico, gli abitanti, insieme ai loro beni, si rifugiavano a Podzamche.

Lungo la via Bohdan Khmelnitsky si affacciavano numerose chiese e monasteri, alcuni dei quali sono sopravvissuti fino ad oggi: Santa Maria della Neve, San Giovanni Battista, Santa Paraskeva, Sant'Onofrio e San Nicola.

Nel 1349 il re polacco Casimiro III il Grande conquistò Leopoli. Sotto di lui la città prosperò. I coloni tedeschi costituivano la maggioranza della popolazione, ma alcuni quartieri periferici erano occupati da acattolici (armeni, russi, ebrei) che furono privati ​​di alcuni diritti. Nel 1363 la numerosa comunità armena eresse una sua cattedrale.

Come orientarsi[modifica]

Quartieri di Leopoli

La piazza del mercato (Rynok) costituisce il centro di Leopoli. Il viale più importante del centro è Prospect Svobody, così ampio da sembrare una piazza; vi si affaccia il teatro dell'opera. Sulla sua destra c'è un simpatico mercatino di anticaglie e ricami tipici che vale la pena di visitare.

Il fondo delle strade cittadine versa in pessime condizioni ed è pericoloso circolare in moto. Monumenti a parte, è possibile visitare la fabbrica della birra locale (Lvivske) con un museo e assaggi compresi nel biglietto di ingresso.

Quartieri[modifica]

  • Halych (Галицький район, Halytskyi raion) — Il centro storico della città.
  • Zaliznytsia (Залізничний район, Zaliznychnyi raion), letteralmente "quartiere ferroviario" — A ovest del centro
  • Lychakiv (Личаківський район, Lychakivs'kyi raion) — A est del centro
  • Sykhiv (Сихівський район, Sykhivs'kyi raion) — A sud del centro
  • Franko (Франківський район, Frankivs'kyi raion), dal nome di Ivan Franko — Si trova a sud-ovest del centro
  • Shevchenko (Шевченківський район, Shevchenkivs'kyi raion), dal nome di Taras Shevchenko — A nord del centro.


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

Terminal 1 dell'aeroporto
  • 49.812523.9561111 Aeroporto di Leopoli (Міжнародний аеропорт Львів імені Данила Галицького), Via Liubinska, 168 (Si trova all'interno del confine cittadino a soli 7 km dal centro.), +380 32 2298112. Al 2019 i voli da/per l'aeroporto di Leopoli erano operati dalle seguenti linee aeree:Gli autobus della linea 48 -7 грн- e i filobus della linea 9 -5 грн o 2.5 грн per gli studenti- provvedono a collegare lo scalo con il centro ogni 10-15 minuti. Al 2019 autobus di linea e pulmini finivano le loro corse intorno alle 20:00 per cui se il vostro aereo arriva o parte di sera (capita spesso) è consigliabile prenotare un servizio shuttle evitando così di pagare somme esose per una corsa in taxi.
    Uber offre questo tipo di servizio. Al 2019 una corsa da/per l'aeroporto costava circa 15 €. Se non vi va di registrarvi e scaricare l'applicazione potreste incaricare il vostro albergo di prenotare un taxi al vostro posto.
    Il taxi dall'aeroporto alla città (o viceversa) costa circa 45 грн, a seconda dell'ora del giorno. Negoziare prima della partenza.
    Il nuovissimo edificio del terminal ha sostituito il vecchio angusto, che è ancora visto nelle vicinanze come un sublime esempio di architettura stalinista, con splendide sculture che, purtroppo, sono visibili solo dalle piste.
    Aeroporto di Leopoli su Wikipedia Aeroporto di Leopoli (Q282909) su Wikidata

In auto[modifica]

Dalla Polonia: prendere la Strada europea E40, che terminerà al centro della città. Le formalità al confine richiedono almeno un'ora. Ci sarà una lunga fila per i camion, che si potrà superare viaggiando in auto. Non aspettarsi che la polizia di frontiera vi tratti con rispetto o che parli una lingua diversa dall'ucraino, dal polacco o dal russo. In effetti, aspettarsi l'esatto opposto per quanto riguarda entrambi.

È inoltre illegale guidare nel centro della città (compresa la Prospekt Svobody) la domenica e nei giorni festivi. Questo è segnalato solo in cirillico e c'è sempre della polizia presente per pizzicare qualche ignaro straniero.

In treno[modifica]

Stazione di Leopoli
  • 49.83983923.994062 Stazione ferroviaria centrale (Льві́в-Головни́й). La stazione di Leopoli è un nodo importante dei trasporti ferroviari nazionali con collegamenti frequenti per Kiev e Odessa. L'edificio della stazione è un magnifico esempio di Art Nouveau.
    Esiste un collegamento tra Cracovia e Leopoli effettuati da treni internazionali notturni. Informazioni sul sito IC Poland (digitate "Kraków" per Cracovia e "Lwów" per Leopoli). Il viaggio dura parecchie ore.
    Un'alternativa più economica e forse più comoda sta nel prendere un treno nazionale diurno da Cracovia alla città di confine di Przemyśl da dove, intorno alle 14:30, partono treni diretti a Kiev con fermata intermedia a Leopoli (arrivo intorno alle 17:30).
    Lviv railway station (Q30967565) su Wikidata

In autobus[modifica]

  • 49.786724.01643 Stazione degli autobus a lunga distanza, via Stryiska, 109 (Nel distretto di Sykhiv, periferia est. È servita dagli autobus della linea 18 e da minibus privati). La stazione principale di Leopoli è un edificio a tre piani costruito tra il 1976 e il 1980. È dotata di piattaforme coperte e scoperte. Una parte dell'edificio è adibita ad albergo. Lviv Bus terminal (Q4271066) su Wikidata

Gli autobus extraurbani possono far capolinea in altri punti della città (almeno 10) e non è sempre facile raccapezzarsi tra orari e capolinea. Prendere un autobus internazionale da città polacche a Leopoli potrebbe essere una soluzione ancora più scomoda del treno in quanto i controlli alla frontiera sono lunghi.

Valichi di frontiera[modifica]

  • 49.80510322.9615734 Shehyni-Medyka - Valico di frontiera con la Polonia situato sulla M-road-11-Ukraine.svg che ha inizio da Leopoli. Si può attraversare il confine a piedi, in autobus o in treno .
  • 50.27440523.5887255 Hrebenne- Rawa Ruska - Aperto 24 ore al giorno. Il traffico passeggeri e merci è consentito senza restrizioni.


Come spostarsi[modifica]

Con mezzi pubblici[modifica]

Leopoli ha una vasta rete di tram e minibus. I minibus (5 ₴) sono conosciuti come marshrutky e seguono un percorso prestabilito, ma senza un orario fisso. Per indicare il desiderio di salire a bordo, allungate un braccio mentre la marshrutka si avvicina; chiedete semplicemente all'autista di fermarsi quando vorrete scendere. Tuttavia, alcuni conducenti fermeranno l'autobus solo alla fermata dell'autobus ufficiale più vicina per paura delle forze dell'ordine. Le linee vanno da 1 a 179.

Tram e filobus costano 5 ₴ (i biglietti per gli studenti sono 2,5 ₴) (aprile 2018). Potete acquistare i biglietti da qualsiasi edicola o dall'autista del tram. Chiedete un "tramvainyi kvytok" [biglietto del tram]. Se state trasportando un bagaglio più grande di uno zaino, dovrete acquistare un secondo biglietto. Una volta saliti sul tram, assicuratevi di convalidare i biglietti perforandoli in uno dei punzoni di metallo montati sulle pareti. Un ispettore potrebbe venire a controllare il biglietto: queste persone non indossano uniformi, ma mostrano un piccolo badge. La maggior parte degli autisti dei tram e dei controllori dei biglietti sono donne.

In taxi[modifica]

I taxi sono disponibili in tutta la città e il centro ne brulica di notte. Per motivi di comodità e prevedibilità della tariffa potete utilizzare Uber, l'app Bolt o il suo rivale ucraino Uklon.

In moto[modifica]

Molte app per scooter elettrici operano a Leopoli e sono estremamente popolari in città, fornendo un modo semplice per spostarsi evitando il traffico stradale. Possono essere ritirati e lasciati in pochi secondi in tutta la città. Non è consentito guidare il monopattino sulle strade automobilistiche.

In bici[modifica]

Le piste ciclabili dovrebbero essere invece utilizzate con la velocità massima di 20 km orari, è consentita anche la pedalata sui marciapiedi con la velocità massima di 5 km orari.


Cosa vedere[modifica]

Architetture religiose[modifica]

Chiesa della Transigurazione
  • 49.84361124.0294441 Chiesa della Transigurazione (Tserkva Preobrazhennia Hospoda Nashoho Isusa Khrysta), Krakivs'ka 21. Il tempio fu eretto tra il 1703 e il 1731 in forme barocche, come chiesa cattolica romana della SS. Trinità. Nel 1783 il monastero fu chiuso per decreto dell'Imperatore del Sacro Romano Impero Giuseppe II e la chiesa utilizzata come biblioteca dell'Università. Fu distrutta dal fuoco dell'artiglieria austriaca durante i moti della primavera del 1848.
    Fu ricostruita secondo il progetto originale a spese della comunità greco-cattolica e riconsacrata il 29 aprile 1906 come chiesa greco-cattolica della Trasfigurazione di Nostro Signore Gesù Cristo. L'interno subì modificazioni più vistose per essere adattato alla liturgia di rito orientale.
    Nella prima metà del XX secolo, la chiesa divenne un centro dell'indipendentismo ucraino e fu la prima delle chiese di Leopoli ad essere restaurata dopo il crollo dell'Unione Sovietica del 1989.
    Church of Transfiguration (Q1982263) su Wikidata
Cattedrale armena
Interno della cattedrale armena
  • 49.84333324.0308332 Cattedrale armena (Вірменського собору), Virmenska 7-13. Piccolo tempio con un interno suggestivo. Vi sono custodite due icone ritenute prodigiose, una della Madonna e l'altra di San Gregorio Illuminatore, portate a Leopoli nel XVII secolo dall'Armenia. Appena a nord del tempio si trova un piccolo convento di benedettini armeni e, a sud, adiacente al campanile, il palazzo arcivescovile della fine del XVII secolo.
    Una prima chiesa fu eretta negli anni 1363-1370, a spese di un mercante armeno. Si pensa che sia stata modellata sull'esempio della cattedrale di Ani, l'antica capitale armena.
    Nel 1437 furono aggiunte arcate tutt'intorno al tempio. Si è salvato solo il portico meridionale.
    Dopo l'incendio del 1527 che infuriò sulla città, fu aggiunto il campanile in pietra. La navata centrale fu ampliata una prima volta nel 1630 e una seconda volta nel 1723. Dal XVII secolo fino al 1945, la cattedrale appartenne al rito armeno cattolico. La Cattedrale deve la maggior parte del suo aspetto attuale ad una ristrutturazione effettuata negli anni 1908-1927 dall'arcivescovo Józef (Joseph) Teodorowicz.
    Nel 2° dopoguerra le autorità sovietiche decisero di sopprimere l'arcidiocesi. Nel 1946, l'ultimo parroco, Dionizy Kajetanowicz, fu deportato in un gulag della Siberia e lì assassinato insieme ad altri tre sacerdoti nel 1954. La cattedrale fu chiusa e adibita a magazzino.
    Dopo il crollo dell'Unione Sovietica, una manciata di famiglie cattoliche armene ha tentato di riconsacrarla. Poco prima della visita di Papa Giovanni Paolo II, le autorità locali assegnarono la cattedrale alla Chiesa apostolica armena a condizione che anche la comunità di rito armeno-cattolico potesse servirsene.
    Il 18 maggio 2003 la cattedrale è stata riconsacrata alla presenza dell'allora presidente dell'Ucraina Leonid Kravčuk, di personalità politiche e celebrità del mondo dello spettacolo, tra le quali il cantante Charles Aznavour.
    Dal 2009 la cattedrale è stata oggetto di un processo di ristrutturazione, interamente finanziato dal Ministero della Cultura polacco.
    Cattedrale armena su Wikipedia Cattedrale armena (Q684239) su Wikidata
Chiesa domenicana
Interno della chiesa domenicana
  • 49.84277824.0341673 Chiesa domenicana e monastero (Домініканський костел і монастир / Dominikanskyi kostel i monastyr), Piazza Muzeina 1 (nel centro storico della città, a est della piazza del mercato). È stata in origine la chiesa cattolica romana del Corpus Domini per poi fungere da chiesa greco-cattolica della Santa Eucaristia.
    L'ordine dei Domenicani arrivò per la prima volta a Leopoli nel XIII secolo e la prima chiesa di legno sarebbe stata costruita nel 1234. Nel corso dei secoli successivi fu ricostruita più volte, l'ultima delle quali risale al 1749. La ricostruzione fu resa possibile grazie alle donazioni del nobile polacco Mikołaj Bazyli Potocki che fece costruire una cappella all'interno dove riposano i resti della madre.
    I frati domenicani riuscirono a sopravvivere al tempo dell'imperatore Giuseppe II che ordinò la chiusura di molti monasteri, ma dopo la seconda guerra mondiale il complesso fu occupato dai sovietici, utilizzato come magazzino e negli anni '70 del novecento trasformato in museo di religione e ateismo. Con il crollo dell'Unione Sovietica, il tempio è stato restituito alla Chiesa greco-cattolica ucraina ad eccezione del monastero che funziona ancora da museo, ribattezzato "Museo di Storia della religione di Leopoli".
    La chiesa ha forme barocche, presenta un interno a croce greca sormontato da una grande cupola.
    La chiesa custodiva un'immagine miracolosa della Beata Vergine Maria, trasferita nel 1946 nella chiesa di San Nicola di Danzica e una scultura in alabastro di San Giacinto del XIII secolo, portata anche questa nel 1946 nella chiesetta di sant'Egidio di Cracovia.
    Chiesa dei Domenicani (Leopoli) su Wikipedia Chiesa dei Domenicani (Leopoli) (Q2994596) su Wikidata
Chiesa dei Gesuiti
  • 49.841524.02914 Chiesa dei Gesuiti (Костьол єзуїтів), Teatral'na str, 11 (Basata sulla chiesa del Gesù di Roma). Può ospitare fino a 5.000 fedeli. Costruita in stile barocco negli anni 1610-1630, i lavori di rifinitura proseguirono nel 1660. Nel 1775-1848, nella chiesa ebbero luogo le riunioni per la nascita della Dieta del Regno di Galizia e Lodomeria, il primo parlamento provinciale. Jesuit Church (Q2389158) su Wikidata
Chiesa della dormizione
  • 49.84224.03445 Chiesa della Dormizione (Успенскої церкви), Ruska, 5/7. Tempio appartenente alla chiesa autocefala ortodossa dell'Ucraina e dedicato alla Dormizione della Madre di Dio.
    La chiesa fu eretta tra il 1591 e il 1629 secondo uno stile rinascimentale italiano sul sito di un'altra andata distrutta nell'incendio nel 1571, trent'anni dopo il suo completamento. Il tempio è chiamato anche chiesa valacca perché il committente fu il signore (ospodaro) della Moldavia, Aleksandr Lopuszanin. Accanto sorge il campanile dalla forma di torre massiccia alta 65 m, detta Korniakt, dal nome del suo finanziatore, Costantino Korniaktos, un mercante e mecenate originario di Candia, Creta. All'interno della chiesa si trova la tomba del mercante e un olio su tela che lo raffigura nell'atto di adorare il crocifisso. La torre aveva la funzione di avvertire la popolazione in caso di arrivo di nemici e di scoppio di incendi.
    Poco dopo la ricostruzione della torre, Costantino Korniaktos concluse un altro contratto con l'architetto Piotr Krassowski per la costruzione di una cappella dedicata ai Tre Santi Gerarchi: Giovanni Crisostomo, Basilio Magno e Gregorio di Nazianzo. La cappella aveva la forma di una tipica chiesa valacca dalle piccole dimensioni, secondo i canoni dell'architettura bizantina e con tre cupole. La costruzione andò distrutta nell'incendio del 1671, ma fu ricostruita e decorata con stucchi dorati, mosaici policromi e sculture barocche. La cappella custodisce l'icona cinquecentesca della trasfigurazione del signore.
    Tutte e tre gli edifici - Chiesa della Dormizione, Cappella dei tre Gerarchi e torre campanaria sono strutturati in modo da formare un unico insieme, raccolto intorno a una corte interna a portici.
    All'interno del tempio si notano l'altare maggiore, un esempio di rococò dove si mescolano influenze bizantine e l'iconostasi del XVII secolo. Le vetrate policrome furono realizzate tra il 1926 e il 1930.
    Il complesso costituiva il luogo di culto dei greci di rito cattolico, originari delle colonie veneziane di Candia, Corfù, Zacinto e dediti a lucrosi commerci tra l'impero ottomano, la repubblica di Venezia e gli imperi russo e austriaco. La chiesa apparteneva a una confraternita detta "Stavropigi di Leopoli", molto potente per le donazioni dei ricchi mercanti. Alla confraternita si deve la prima stamperia cittadina. La storia del tempo è documentata dalle collezioni del museo annesso alla chiesa.
    Nel 1946 il tempio è stato rilevato dalla chiesa ortodossa ucraina in base a un decreto dell'Unione Sovietica che vietava il culto cattolico.
    Chiesa della Dormizione (Leopoli) su Wikipedia chiesa della Dormizione (Q575468) su Wikidata
Cattedrale Latina
  • 49.84055624.0305566 Cattedrale Latina (Лати́нський собо́р), Piazza Katedralna 1 (Angolo sud-ovest della Piazza del Mercato). Fondata nel 1360, costruita nel corso di un lungo periodo durato fino al 1481, in tipico stile gotico europeo. Nelle pareti si aprono alte e strette finestre chiuse da vetrate istoriate. Al suo interno si trova la Cappella Kampianiv (Каплиця Кампіанів), costruita vicino alla parete settentrionale della Cattedrale Latina nel 1619 e la Cappella Boimiv (Каплиця Боїмів) che fu costruita nel 1610 come tomba per la famiglia di mercanti Boim. Una meraviglia dell'architettura manierista interamente realizzata in pietra nera. Cattedrale dell'Assunzione (Leopoli) su Wikipedia Cattedrale dell'Assunzione (Q122324) su Wikidata
Cattedrale San Giorgio
  • 49.83874424.0128317 Cattedrale di San Giorgio (Cобор св. Юра), Piazza Sviatoho Yura, 5 (Святого Юра пл., a sudovest). Fu costruita tra il 1363 e il 1437 come chiesa in pietra in stile basilicale bizantino. L'attuale Cattedrale greco-cattolica fu costruita nel 1744-1770 ed è un classico esempio di architettura barocca dell'epoca. Cattedrale di San Giorgio (Leopoli) su Wikipedia Cattedrale di San Giorgio (Q1774485) su Wikidata
Monastero dei Bernardini
  • 49.83944424.0347228 Monastero dei Bernardini (Бернардинський монастир), Piazza Soborna, 1-3 (Соборна пл.). Il monastero occupa un lotto triangolare, che era la base dell'asse viario tra la porta della città galiziana, il bastione reale e la parte superiore; un forte bastione di ciò che un tempo veniva chiamato Bernardino. Era circondato da possenti mura di pietra con merli e una torre con la porta Hlynyanskymy. C'erano edifici agricoli adiacenti come una fucina, una stalla e altri. La parte principale del monastero è la chiesa romano-cattolica Bernardyns'kyi (Бернардинський костьол). Costruita dapprima in legno, nel 1600, i lavori di rifinitura proseguirono nel 1630. Nel 1738-1740 fu ricostruita in pietra sbozzata. Bernardine Church and Monastery (Q1966798) su Wikidata
Chiesa e monastero di Sant'Onofrio
  • 49.8492624.028519 Chiesa e monastero di Sant'Onofrio (Церква та монастир свОнуфрія), Khmelnytskoho B. 36 (A nordovest, Autobus 700, 1A, 8, 22, 26, 35, 37, 39, 46, 50, 53 per Piazza Richia). Qui c'era una chiesa di legno, dove i monaci si stabilirono all'inizio del XV secolo. Intorno al 1550, il principe Costantino Ostrozhsky costruì una chiesa in mattoni. Nel XVIII secolo vi erano due chiese: una primaria, la cosiddetta "chiesa grande", e la Cappella della Trinità sul lato sud, detta la "chiesa piccola", costruita nel 1680. Nel 1776 la "chiesa grande" (o alta) e la cappella erano collegate. Nel 1821/1824 fu ampliata l'area orientale dell'altare e furono costruiti la sacrestia e il portico. Infine nel 1902 fu costruita la navata nord, riprendendo la forma della cappella sud. Di conseguenza la chiesa ora ha tre navate. St. Onuphrius Monastery (Q1966813) su Wikidata
  • 49.8574624.012310 Tempio del santo apostolo Andrea (Xрам св. Апостола Андрія), Varshavska 38 (A nordovest, Bus 12 o 28, fermata 'Strumok').
Chiesa Parasceva Pyatnitsy
  • 49.851824.030611 Chiesa Parasceva Pyatnitsy (Церква св. Параскеви П'ятниці), Khmelnytskoho B. str., 63 (A nordovest, vicino il museo della birra). Nel 1645 la chiesa fu costruita in pietra viva (nella parte inferiore) e mattoni. St. Paraskeva Church (Q575463) su Wikidata
Chiesa armena della Santa Croce
  • 49.849424.02712 Chiesa armena della Santa Croce (Церква Святого Хреста), Zamarstynivska 9 (A nordovest vicino al viale Chornovil). Chiesa di rito romano cattolico con un tempio con abside semicircolare costruito nel 1630. Oggi ha un'architettura gotica. La Chiesa è usata alternativamente per il culto dalle comunità greco-cattoliche e ortodosse.
    Il tempio è orientato sull'asse est-ovest con la facciata principale rivolta ad ovest sul viale. Sugli altri tre lati è circondato da ex convento e fabbricati agricoli. Il tempio è costruito in mattoni con l'uso della pietra nel plinto, negli angoli, nelle nervature e negli infissi delle finestre. La pianta è a una navata con presbiterio terminante con abside semicircolare. I tetti della navata e del presbiterio sono a capanna. L'inizio e la fine della navata sono sormontate da frontoni triangolari con croci in metallo in alto. Un timpano leggermente più piccolo dello stesso tipo e con una croce separa il tetto nel punto in cui l'abside confina con il presbiterio. Nella navata su ciascun lato vi sono due gruppi di finestre a coppie una sopra l'altra, di cui la superiore con un'estremità a freccia. Una monofora su ciascun lato del presbiterio, una finestra sulla facciata principale e una nelle stanze adiacenti. Nella parte alta dell'abside è disposta una finestrella rotonda. Tutte le finestre sono incorniciate in pietra. L'esterno della facciata è intonacato senza decorazioni. Il sottotetto è formato da un cornicione a moduli.
    Holy Cross church, Lviv (Q4235782) su Wikidata
  • 49.8474424.0290313 Chiesa di San Nicola (Церква Cв. Миколая), Khmelnytskoho B., 28 (ulica Bogdana Chmielnickiego. Tram 4, 5, 6 per Piazza Staryi Rynok). Delle strutture primarie dell'VIII secolo sono sopravvissute solo la parte inferiore della fondazione e le pareti composte da blocchi di calcare bianco. Nel XVIII secolo la chiesa fu ricoperta di scandole. Le condizioni degli interni della chiesa sono estremamente precarie. Church of Saint Nicholas, Lviv (Khmelnytskoho Street) (Q4505078) su Wikidata
  • 49.84624.007414 Chiesa di Sant'Andrea il Primo Chiamato (Kостьол Св. Родини ордену реформатів, ex Chiesa della Santa Famiglia, Костьол Св. Родини ордену реформатів), Shevchenka T. 66 (Nel nordovest, Tram 7 per 'Turyanskoho'). Chiesa ortodossa costruita tra il 1896 e il 1901 come chiesa della Sacra Famiglia dell'Ordine Francescano Riformato. Distrutta dopo il 1946 e ricostruita nel 1993-1998 in stile neobarocco. Church of Saint Andrew the Apostle in Lviv (Q11746316) su Wikidata
Chiesa di Sant'Anna
  • 49.8425424.0170615 Monastero e Chiesa di Sant'Anna (Храм св. Анни), Shevchenka T. 1 (Nel nordovest, angolo Gorodokskaja). Nel 1507 fu costruita prima una chiesa in legno per poi essere restaurata nel 1599. Una chiesa in pietra fu poi costruita qui negli anni '60 del Settecento. Le specificità del barocco si combinano con la modestia e la semplicità delle divisioni, delle strutture, delle linee di silhouette, della modestia del decoro e di altri segni del Rinascimento. Un elemento successivo è una torre costruita nel 1927 con una cupola Art Deco. Davanti alla torre vi è un nartece triedrico decorato con lesene. Il tempio ha interni moderni dopo il restauro nel 1997. L'edificio del monastero, attiguo sul lato sud, ha conservato i tratti caratteristici dell'architettura settecentesca. Church of Saint Anne, Lviv (Q4301555) su Wikidata
Chiesa di San Giorgio il Grande Martire
  • 49.841924.040716 Chiesa di San Giorgio il Grande Martire (Церква святого великомученика Георгія), Korolenka V., 3 (Sulla collina). Cattedrale in stile neo bizantino, di rito ortodosso ucraino soggetta al patriarca di Mosca. Prima della prima guerra mondiale, la chiesa era l'unica chiesa ortodossa legale in tutta la Galizia. I servizi di culto si svolgono tutti i giorni, la domenica e nei giorni festivi ci sono due o tre servizi . I servizi di culto si tengono nella lingua slava ecclesiastica di Mosca, non di Kiev , come è consuetudine nella maggior parte delle chiese della diocesi. Church of Saint George, Lviv (Q1969395) su Wikidata
  • 49.83624.022117 Chiesa del santo Spirito (Церква Святого Духа), Kopernyka M., 40 (Коперника М. ул.). Durante la seconda guerra mondiale la chiesa fu distrutta. Si conserva solo il campanile in pietra, a pianta quadrata, a tre piani, con completamento barocco. Nel 1786 ha installato l'orologio. Nel 1957 il monumento fu restaurato. Oggi vi si trova il Museo delle Sirene del fiume Dnestr. Church of the Holy Spirit (Q12168571) su Wikidata

Sinagoghe[modifica]

Rovine della Sinagoga della Rosa d'Oro
  • 49.84611124.02972218 Rovine della Sinagoga della Rosa d'Oro (Руїни синагоги Золота Роза), Staroievreiska str (Nel centro storico), +380 322 383 804. Questa era la più antica sinagoga in Ucraina. Nel 1941 gli invasori nazisti distrussero questo edificio insieme ad altre sinagoghe. Oggi si possono visitare le fondamenta e il solo muro originale rimasto; inoltre, c'è una targa commemorativa. Sinagoga della Rosa d'Oro di Leopoli su Wikipedia sinagoga della Rosa d'Oro di Leopoli (Q926505) su Wikidata
Sinagoga Tsori Gilod
  • 49.83802824.00444419 Sinagoga Tsori Gilod (Sinagoga Beis Aharon V'Yisrael), Brativ Mikhnovs'kykh St, 4 (Ad ovest, Tram 6 per piazza Kropyvnytskoho), +380 322 383 804. Costruita nel 1925, adibita a magazzino durante l'occupazione tedesca e restituita alla comunità ebraica nel 1989 per poi essere ristrutturata. È oggi l'unica sinagoga operante a Leopoli. Sinagoga Beis Aharon V'Yisrael di Leopoli su Wikipedia sinagoga Beis Aharon V'Yisrael di Leopoli (Q814897) su Wikidata
Sinagoga Jakob Glanzer
  • 49.84547224.02720 Sinagoga Jakob Glanzer (Якоб Глазнер Шул у Львові), Vyhil'na, 3 (Вугільна). Costruita nel 1842-1844, è con la Sinagoga Beis Aharon V'Yisrael di Leopoli una delle sole due sinagoghe di Leopoli ad essere sopravvissuta alle distruzioni dell'Olocausto. Usata dalle truppe tedesche come deposito e stalla tra il 1941 e il 1944, fu l'unica sinagoga a riaprire al culto nel dopoguerra fino al 1961 quando fu anch'essa confiscata dalle autorità sovietiche e trasformata in palestra. Nel 1989 la proprietà fu restituita alla comunità ebraica. È oggi sede di un centro culturale ebraico. Sinagoga Jakob Glanzer di Leopoli su Wikipedia sinagoga Jakob Glanzer di Leopoli (Q833536) su Wikidata

Architetture civili[modifica]

Palazzo Bandinelli
Palazzo Potocki
  • 49.83805624.02694421 Palazzo Potocki (палац Потоцьких). Costruito nel 1880 come residenza di Alfred Józef Potocki. Confiscato dalla Repubblica socialista sovietica ucraina nel 1940. Negli anni 2000, è stato trasformato dall'Ucraina in residenza presidenziale.
    L'edificio è realizzato in stile Neoclassico, in mattoni, intonacato, a forma di H, con una zona centrale e due ali laterali. È alto tre piani con un attico. Le facciate sono decorate con cornici per finestre e bugnati figurati, balconi modellati e balaustre. L'ingresso principale è decorato con un portico ad arco con stucchi e colonne ioniche.
    Palazzo Potocki su Wikipedia Palazzo Potocki (Q1576016) su Wikidata
  • 49.842524.032522 Palazzo Bandinelli (Палац Бандінеллі), Di fronte alla Piazza del Mercato. Costruito nel 1589 e acquistato nel 1634 dal mercante fiorentino Roberto Bandinelli, detto il fondatore del primo ufficio postale della Galizia orientale. Nell'Ottocento il palazzo fu adibito a libreria e luogo di ritrovo dei letterati locali. Palazzo Bandinelli su Wikipedia Palazzo Bandinelli (Q1985858) su Wikidata
Corte del Palazzo Korniakt
  • 49.8422524.03323 Palazzo Korniakt (Палац Корнякта), Sulla piazza del mercato. Ottimo esempio di kamienica reale, o residenza cittadina. Fu originariamente costruito per il mercante Konstanty Korniakt, un sostenitore dell'ortodossia greca e co-fondatore della Confraternita della Dormizione di Leopoli. La costruzione di questo palazzo rinascimentale severamente elegante fu completata nel 1580. Nel 1908, il Palazzo Sobieski divenne sede del museo Jan III. Oggi fa parte del Museo di Storia di Leopoli . Le camere reali sono utilizzate per esporre mobili e orologi rococò, una collezione di medaglioni e argenteria preziosa. Palazzo Kornjakt su Wikipedia Palazzo Kornjakt (Q1982271) su Wikidata
Palazzo Lubomirski
  • 49.84177524.03324724 Palazzo Lubomirski (La facciata principale del palazzo è sulla Piazza del Mercato). Il palazzo del principe Stanisław Lubomirski fu costruito negli anni '60 del Settecento. Tra il 1771 e il 1821, il Palazzo Lubomirski servì come residenza dei governatori austriaci della Galizia. Fu acquistato da un'organizzazione ucraina nel XIX secolo e successivamente divenne un focolaio di attività nazionaliste. Fu lì che Yaroslav Stetsko proclamò l'indipendenza dell'Ucraina diversi giorni dopo l'invasione dell'Unione Sovietica da parte della Germania nazista. Lubomirski Palace (Q1634318) su Wikidata
Palazzo comunale
  • 49.84183524.03132625 Palazzo comunale (Ратуша), Piazza del Mercato, 1. Il primo municipio risale al 1357, ma essendo in legno subì un incendio nel 1381. Successivamente fu ricostruito in pietra. La parte centrale dell'edificio era la sua parte più antica, risalente al XIV secolo. La caratteristica dominante del complesso era la torre più alta. Una nuova torre fu posta nella prima metà dell'Ottocento secondo uno stile classico viennese. Lviv Town Hall (Q4271056) su Wikidata
Palazzo arcivescovile
  • 49.8386424.0136326 Palazzo arcivescovile (Palazzo Metropolitano), Difronte alla Cattedrale di San Giorgio. È stata la residenza principale dei metropoliti della Chiesa greco-cattolica ucraina sin dal XVI secolo. L'attuale edificio fu eretto nel 1761-62 su progetto di Clement Fessinger e mostra tratti del passaggio dal barocco al neoclassico. La facciata presenta una targa in memoria dell'arcivescovo Andrey Sheptytsky. Sul lato ovest del palazzo si estende un antico giardino fiorito. Papa Giovanni Paolo II ha soggiornato al palazzo durante la sua visita del 2001 in Ucraina. Metropolitan Palace (Q1983797) su Wikidata
Palazzo Sapieha
  • 49.83611124.02194427 Palazzo Sapieha. Un palazzo castello a due piani risalente al 1870. Il primo proprietario della casa fu il principe Adam Sapieha, un pioniere della costruzione di ferrovie in Galizia. Attualmente è sede di una società regionale per la conservazione dei monumenti storici e architettonici. Sapieha Palace (Q143047) su Wikidata
La casa nera
  • 49.8424524.032828 La casa nera (Чорна кам'яниця, Chorna Kamyanytsia), Piazza del mercato, 4. Notevole edificio rinascimentale costruito per l'esattore delle tasse italiano Tomaso Alberti nel 1577. Il Museo storico di Leopoli è stato ospitato nella Casa Nera dal 1926. La facciata presenta pregevoli ornamenti decorativi. Jan Lorencowicz acquistò la casa nel 1596, aggiungendo un altro piano e aprendo una delle prime farmacie della città al piano terra. Il piano più alto fu aggiunto nel 1884.
    La casa in pietra nera ha acquisito il suo nome nel XIX secolo per un motivo molto banale: nel corso dei secoli il piombo bianco utilizzato come rivestimento per le policromie si era ossidato a causa dell'esposizione all'aria e alla luce, diventando così nero. Successivamente, questo colore nero è stato mantenuto dalla manutenzione ordinaria. Negli anni '60 c'era una leggenda popolare secondo cui il colore nero dell'edificio era il risultato di anni passati a strofinare sulla facciata il succo nero delle bucce di noce verdi. Un'altra teoria per lo scolorimento nero, che è scontata dai principali architetti di Leopoli, sostiene che la fuliggine abbia ricoperto l'arenaria bianca a causa di molti anni di riscaldamento.
    Casa Nera su Wikipedia Casa Nera (Q1981415) su Wikidata
Rovine del castello alto
  • 49.84833324.03888929 Rovine del castello alto (Unione del tumulo di Lublino, Vysokij zamok), Vysokyi Zamok street (Ad est). Ecb copyright.svg Gratuito. Il luogo in cui un tempo sorgeva un castello storico e ora si trova un tumulo costruito nel 1869 per commemorare il 300° anniversario dell'Unione di Lublino. Sul tumulo c'è una piattaforma di osservazione con belle vedute della città e un altro tumulo sabbioso, che si può anche scalare, e che ha una croce dedicata ai caduti della guerra in Afghanistan. Dal tumulo si può passeggiare per tutto il parco collinare centrale del paese. Facile da trovare e molto raccomandabile. Lviv High Castle (Q2623848) su Wikidata
Casa del Governo
  • 49.84155624.0371930 Palazzo del Governo (Casa del Governatorato di Halychyna), Vynnychenka, 18 (L'edificio si trova oltre il confine orientale della città medievale e occupa un'area d'angolo, con la facciata che si affaccia su via Vynnychenka a ovest e su via Prosvita a nord). Monumento architettonico di importanza nazionale eretto nel 1870. L'edificio è un esempio dello stile neorinascimentale dell'impero austro-ungarico da cui fu governato il Regno di Galizia e Lodomeria.
    La casa è a pianta rettangolare, con cortile chiuso, si sviluppa su quattro piani e termina con una mansarda. Le facciate sono arrugginite e simmetriche, divise verticalmente da piccole sporgenze, orizzontalmente - da fasce di cornicioni. Sulla facciata principale, l'asse centrale è accentuato da un balcone del secondo piano, che si erge su quattro colonne che fiancheggiano l'ingresso principale.
    L'edificio è dotato di uno speciale ascensore per sedie a rotelle.
    Government House, Lviv (Q4132552) su Wikidata
Chiesa dell'Assunzione e Torre di Kornyakt
  • 49.8422624.0345931 Torre di Kornyakt (Вежа Корнякта), Pidvalna, 9 (Вулиця Підвальна, nel centro storico). La torre fu costruita nel Rinascimento come campanile della Chiesa dell'Assunzione nel 1572-1578. Sulla torre, ancor prima del completamento della costruzione, era appesa la campana più grande della Galizia con un diametro di 2 metri. Il campanile è a pianta quadrata. L'altezza totale della torre senza la croce è di 65,8 metri ed era uno degli edifici più belli d'Europa all'epoca. Korniakt Tower (Q4080258) su Wikidata
Casa del Popolo
  • 49.8429124.0288332 Casa del Popolo (Народний Дім), Teatralna, 22. Una delle istituzioni culturali ed educative più antiche e ricche della Galizia, nel 1849-1939. Alla Casa del Popolo c'erano una biblioteca e un museo. Tra le varie organizzazioni che vi si stabilirono erano presenti: il Casinò russo", il circolo accademico e la società delle donne russe. Nel 1862 si trasferì qui il primo liceo accademico ucraino. Qui è stato aperto anche un collegio. Oltre alle istituzioni scolastiche, esisteva un museo storico-archeologico (insieme a una pinacoteca ) e un museo di storia naturale. People's House in Lviv (Q4400806) su Wikidata
Arsenale reale
  • 49.8428624.0346133 Arsenale reale (Королівський арсенал), Pidvalna, 13. Costruito all'interno delle mura della città tra il 1639 e il 1646 per ordine del re polacco Ladislao IV Vasa. La facciata dell'edificio fu decorata con sculture in bronzo, oggi nel Museo Storico. L'edificio è in pietra, a pianta rettangolare, con due ali a L collegate da un muro, queste pareti sono a protezione del lato est del patio. La facciata è decorata con balcone e frontone in stile barocco. Sulla facciata laterale dell'ala est si conserva un portale in pietra scolpita in stile rinascimentale. Royal Arsenal in Lviv (Q4233747) su Wikidata
Palazzo delle Stagioni
  • 49.8438824.031234 Palazzo delle Stagioni (Кам'яниця Пори року, o casa popolare di Ivashkevych), Virmenska, 23 (Вірменська). Una casa intonacata, allungata, di quattro piani in mattoni. L'ultima ristrutturazione risale al XIX secolo. Lo stile della facciata è del tardo classicismo: il secondo e il terzo piano sono collegati da pilastri ionici, tra di loro al secondo piano c'è una rappresentazione di Chronos e ai lati quattro rilievi con scene della vita quotidiana delle persone, che simboleggiano le stagioni. In alto, si dipana per l'intera lunghezza del fregio raffigurante i segni zodiacali. Dipinto nel 1860. Ci sono anche case monumentali in via Virmenska ai civici: 17, 27 e 33.
  • 9.8436924.0306335 Casa del patio (будинок із дворик), Lesi Ukrainky, 10 (Лесі Українки). Palazzina di tre piani in muratura a pianta rettangolare con patio. Ricostruito nel XIX secolo. La facciata intonacata liscia diversifica le lesene piatte. Altre case monumentali in via Lesi Ukrainky si trovano ai civici: 12, 14, 16 e 26.
Palazzo Domazhyrska
  • 49.8432924.0315136 Palazzo Domazhyrska (Кам'яниця Домажирська, anche palazzo Stefanovychivska), Virmenska, 15 (Вірменська). Palazzo del XVII secolo, con l'ultimo piano realizzato successivamente. L'edificio in muratura, intonacato, a forma rettangolare, ha un angusto cortile. L'aspetto architettonico principale della facciata principale è un grande portale, chiave di volta è la pietra insieme a due mensole posizionate simmetricamente che sostengono un balcone con griglia metallica traforata. 15 Virmenska Street, Lviv (Q84834556) su Wikidata
  • 49.8436824.0300737 Palazzo Poleyovskiy (будинок Полейовський), Krakivska, 24 (Краківська). Edificio d'angolo che affacciata lateralmente sulla strada Lesi Ukrainky (Лесі Українки). La costruzione risale al 1780 a cura dell'architetto P. Poleyovskiy, ristrutturato nel 1783 e nel 1894. L'architettura in pietra mostra elementi riconducibili al barocco e allo storicismo. Questo palazzo è un edificio in mattoni a tre piani. A livello del piano terra, facciate posate a bugnato. Balcone centrale del XVIII secolo su mensole in pietra. Oggi l'edificio è adibito ad abitazione. Inoltre ci sono altri edifici monumentali in via Krakivska ai civici: 4, 13, 15, 17 e 22.
  • 49.8444724.0298238 Palazzo Griffon (гриффонів будинок), Krakivs'ka, 34. Scala originale, decorata con pregevoli rilievi in stile impero con motivi Grifone, vasi e senso giocoso. Rilievo, che contengono marchio.
  • 49.8431824.0333139 Palazzo Fedorova (будинок Федорова), Fedorova I., 1 (Федорова І.). Trattasi di edificio di quattro piani a pianta quadrilatera con patio. Tre fronti aperti (in via Armenia, via Fedorova e piazza Stavropihyyskoy) con piani inferiori intonacati e dipinti. Costruito nel XVII secolo. Questo palazzo ha mantenuto caratteristiche di epoche e stili diversi.

Musei[modifica]

Dentro il centro storico[modifica]

Galleria nazionale d'arte
  • 49.83701724.02530840 Galleria nazionale d'arte Borys Voznytsky (Львівська Національна Галерея Мистецтв імені Бориса Возницького), Stefanyka, 3, +38 032 261-44-48, . Museo d'arte francese con oltre 62.000 opere d'arte nella sua collezione, comprese le opere artistiche polacche, spagnole, austriache e altri Paesi europei. La galleria deriva da un'istituzione polacca, la Lwowska Galeria Sztuki, fondata nel 1907 come museo municipale della città. Tutte queste opere furono, fino all'invasione della Polonia del 1939 e la successiva appropriazione statale, di proprietà della Polonia.
    All'inizio del 2005 la collezione Lubomirski di arte europea del XIV-XVIII secolo è stata trasferita nella sua nuova sede: il rinnovato Palazzo del Conte Potocki, ex governatore della Galizia austriaca. Un capolavoro dell'artista francese del XVII secolo, Georges de La Tour, è in esposizione permanente.
    Galleria nazionale d'arte di Leopoli su Wikipedia Galleria nazionale d'arte di Leopoli (Q2391444) su Wikidata
Museo dell'Arsenale
  • 49.841324.035541 Museo dell'Arsenale (Державний історичний музей старовинної зброї Арсенал), Pidvalna, 5 (вул. Підвальна), +380 235-7060, +380 235-8061. Simple icon time.svg Estate 10:00-17:30, inverno 10:00-16:30. Era una fortificazione cittadina, costruita nel 1554-1556, in stile rinascimentale di architettura militare. Contiene armi e armature dal medioevo all'inizio del XX secolo, provenienti da oltre 30 Paesi. Il museo si trova nel più antico dei tre edifici storici dell'arsenale a Leopoli, risalente al XVI secolo. Arsenale di Leopoli su Wikipedia Arsenale di Leopoli (Q1967013) su Wikidata
Museo degli antichi monumenti di Leopoli
  • 49.8468424.03123142 Museo degli antichi monumenti di Leopoli (Музе́й пам'ято́к старода́внього Льво́ва , anche Музей найдавниших пам'яток Львова), Uzhhorodska,1 (Ужгородська ул), +380 32 272-2886. Museo allestito nella chiesa sconsacrata di San Giovanni Battista. Un dipartimento della Galleria d'Arte di Leopoli, che presenta mostre sulla Leopoli dei tempi principeschi. Vi sono esposti reperti archeologici e documentazioni sulla storia della città. L'esposizione del museo comprende reperti archeologici, campioni di belle arti, cimeli ecclesiastici e documenti storici che danno un'idea della cultura, dell'artigianato e della vita della popolazione durante la creazione e la formazione di Leopoli.
    La mostra più preziosa del museo è l'icona della metà del XIV secolo "Lviv Madre di Dio".
    (Q12130571) su Wikidata
Museo della Farmacia
  • 49.8427424.0323643 Museo della Farmacia (Аптека-музей "Під чорним орлом"), Drukars'ka, 2 (angolo Stavropihiis'ka, 1. Nella piazza del mercato nella casa d'angolo, dove iniziano le strade Drukarskaya e Stavropigiyskaya), +380 32 272-0041, . Ecb copyright.svg 8 грн. Simple icon time.svg Lun-Ven 09:00-19:00, Sab-Dom 10:00-18:00. La più antica farmacia di Leopoli, aperta nel 1735. Più di tremila articoli. 16 padiglioni espositivi con una superficie totale di 700 m². Pharmacy Museum (Q1989108) su Wikidata
Museo nazionale
  • 49.84305624.02805644 Museo nazionale (Національний музей у Львові ім. А.Шептицького), Svobody, 20 (пр. Свободи), +380 32 235-8856. Ecb copyright.svg 9 грн, bambini 3 грн; mostre temporanee: 3/1; mostre permanenti: 5/1. Escursioni: 15/10. Tour in (inglese, polacco, russo): 50 грн. Simple icon time.svg Mar-Dom 10:00-18:00. L'edificio principale mostra l'arte ucraina dal Medioevo fino al XIX secolo. La Galleria d'arte di Leopoli mostra principalmente arte straniera nelle sue collezioni d'arte, quindi se si è più interessati all'arte ucraina si dovrebbe assolutamente visitare questo museo. A proposito degli edifici, l'ex Museo dell'Arte e dell'Industria fu costruito nel 1904, in stile neorinascimentale. Dal 1950 al 1990 ha ospitato una succursale del Museo centrale di Lenin. Museo nazionale di Leopoli su Wikipedia Museo Nazionale di Leopoli (Q2037262) su Wikidata
Museo di storia naturale
  • 49.8425524.0293345 Museo di storia naturale, Vul. Teatral'na., 18 (Театральна), +380 32 235-6917, . Simple icon time.svg Mar-Gio Sab-Dom 10:00-17:00. La collezione comprende più di 500.000 articoli. L'edificio del museo è nel palazzo 'Dzieduszyckis - Magistrates', edificio del XVIII secolo, ricostruito nel XIX secolo in stile classico. Uno degli oggetti di cui sono più orgogliosi del museo è il primo rinoceronte peloso e mammut a carcassa intera d'Europa portato alla luce dal villaggio di Starunia, (Oblast' di Ivano-Frankivs'k), sito di un antico vulcano di fango. State Museum of Natural History (Q4155883) su Wikidata
Galleria delle uniformi militari ucraine
  • 49.8425324.0313846 Galleria delle uniformi militari ucraine (Галерея українського військового однострою), Rynok sq., 40, +380 32 297-5193. Simple icon time.svg Mar-Dom 11:00-18:00. Galleria in cui vengono esibite uniformi e truppe ucraine dell'inizio del XX secolo. The Gallery of Ukrainian Military Uniforms (Q12094037) su Wikidata
  • 49.8433724.0334647 Galleria d'arte Dzyha (Галерея сучасного мистецтва "Дзига"), St. Virmenska, 35, +380 32 297-56-12, +38 32 276-74-20, . Esposizione di un'associazione culturale e artistica della città, che sostiene, produce e promuove varie arti contemporanee: pittura, musica, letteratura, teatro, cinema, multimedia e altro ancora.
Museo di storia della religione
  • 49.8430224.0338148 Museo di storia della religione (Львівський музей історії релігії), Piazza Museina, 1 (пл. Музейна), +380 32 272-9100, . Ecb copyright.svg Adulti/ridotti: 10/5 грн; tour guidati: 10/5 грн. Simple icon time.svg Mar-Dom 10:00-18:00. Un interessante museo che documenta la storia ebraica e cristiana di Leopoli in una delle chiese barocche più grandi e belle della città del XIV-XVIII secolo. Il museo dispone di una biblioteca specializzata di profilo religioso; l'unica nello Stato. Tra le 150.000 copie - opere di teologi di Kiev, Leopoli, San Pietroburgo e Accademie teologiche di Mosca e dei loro periodici. E la letteratura religiosa delle istituzioni cattoliche di Italia, Germania, Austria, Francia e Polonia. Una raccolta di libri religiosi dell'epoca del Khanato di Crimea, opere della casa editrice dell'Università Cattolica Ucraina di Roma. Una collezione unica di Bibbie in diverse lingue: greco, latino, tedesco, francese, cinese, inglese, ecc. Tra queste: la Bibbia Ostrog di Ivan Fedorov, l'edizione parigina del 1563 e un'edizione veneziana del XVI secolo. Lʹvivsʹkyĭ muzeĭ istoriï relihiï (Q4306348) su Wikidata
Museo postale
  • 49.8424824.0325349 Museo postale (Музей пошти), Piazza Rynok, 2 (пл. Ринок, nel bel Palazzo dei Bandinelli), +380 32 2720671. Ecb copyright.svg Adulti/ridotti: 10/5 грн, escursioni: 40/20 грн. Simple icon time.svg Gio-Mar 10:00-17:30. Palazzo edificato nel tardo rinascimento, alla fine del XVI secolo. All'inizio del XVII secolo l'edificio divenne proprietà del mercante fiorentino Roberto Bandinelli che ottenne la licenza reale da Sigismondo III Vasa per gestire due servizi postali di Leopoli. Dal 1629 ha ospitato il primo ufficio postale in Ucraina. Nell'Ottocento esisteva una libreria e un circolo per intellettuali. Postal Museum (Q4306434) su Wikidata
  • 49.8422224.0327450 Galleria d'arte Hotyk-Khol (Sala Gotica) (Арт-галерея Готик-Хол), Piazza Rynok, 6 (пл. Ринок, nel Palazzo Kornyak), +380 32 2356990, . Ecb copyright.svg Adulti/ridotti: 5/2 грн. Un "negozio-salone di antiquariato" con più di 300 anni di storia. È uno dei capolavori di Leopoli e, allo stesso tempo, dell'architettura europea del Medioevo. La sua prima descrizione si riferisce al XVII secolo. L'edificio è stato progettato dall'architetto Peter Barbone. Al suo interno si trovano: dipinti e disegni, icone, mobili, complementi d'arredo, vasellame, articoli per la casa, sculture, gioielli, vintage, orologi e monete.
Museo del mobile e della porcellana
  • 49.8417724.0330151 Museo del mobile e della porcellana (Музей меблів та порцеляни), Piazza Rynok, 10 (пл. Ринок), +380 32 2743388. Simple icon time.svg Mar-Dom 11:00–17:30. C'è una notevole collezione di quasi 700 esempi di mobili ucraini ed europei, tessuti e oggetti in metallo del XVII-XIX secolo. Il museo possiede anche una collezione di porcellane, vetri artistici e ceramiche dei secoli XVI-XX che comprende oltre 11.000 manufatti (Q16707668) su Wikidata
  • 49.841524.0331752 Galleria Herdan (Галерея Гердан), Rus'ka, 4, +380 32 2725046, +380 32 2971001. Simple icon time.svg Lun-Ven 14:00-17:00. Esposizione e vendita d'arte contemporanea: pittura, grafica, ceramica.
  • 49.8412424.0306853 Museo storico di Leopoli (Львівський історичний музей), Piazza Rynok, 24 (пл. Ринок, nel Palazzo Massarivs'ka), +380 32 235-6874. Ecb copyright.svg Adulti/bambini: 10/5 грн, tour guidati: 40/20 грн. Simple icon time.svg Gio-Mar 10:00-17:30. L'edificio (Кам'яниця Массарівська) ha quattro piani ed è ricostruito in stile rinascimentale dopo un incendio nel 1527. L'ultimo restauro fu nel 1920. Il parapetto fu sostituito con un'opera a bassorilievo, per includere balcone e scultura sopra il portale. Ci sono resti di finestre gotiche del piano terra. Diviso in molti dipartimenti, la maggior parte dei quali si trovano nella città vecchia e mostrano archeologia, storia dal medioevo fino alla lotta ucraina per il nazionalismo, oltre a gioielli e armeria.

Fuori il centro storico[modifica]

Palazzo Potoskiy - Galleria d'arte di Leopoli
  • 49.83701724.02530854 Galleria d'arte di Leopoli (Tovarystvo Prykhylnykiv Fortets I Palatsiv), Stefanyka, 3 (Стефаника. Tram 1, 2, 10 e bus 21, 48 fermata Holovna Poshta), +380 322 744 047, +380 322 613 799. Ecb copyright.svg Adulti: 90 UAH, studenti: 50 UAH, bambini e pensionati: 20 UAH. Tour guidati a pagamento e sconti per famiglie. Simple icon time.svg Mar-Mer 10:00-16:00, Gio-Dom 10:00-17:00. Diviso in diversi dipartimenti per cui quello centrale è in mostra al Palazzo Potoskiy che mostra principalmente arte europea rinascimentale e barocca (per l'arte ucraina vedi Museo nazionale). Nelle vicinanze si trova il Palazzo delle Arti, dove si svolgono mostre d'arte contemporanea. Altri rami interessanti della Galleria di Leopoli sono il Museo dei libri antichi, il Museo delle reliquie e il Museo Pinsel (dedicato all'intagliatore del legno barocco locale). Galleria nazionale d'arte di Leopoli su Wikipedia Galleria nazionale d'arte di Leopoli (Q2391444) su Wikidata
Museo etnografico e dell'artigianato
  • 49.8410524.0271455 Museo etnografico e dell'artigianato (Музей етнографії та художнього промислу Інституту народознавства Н.А.Н. України), Svobody, 15 (Ad ovest. Tram 1, 2, 10 fermata Petra Doroshenka), +380 32 272-7808. Ecb copyright.svg Intero: 5 грн, ridotto: 2 грн. Il museo, fondato nel 1951, ha una collezione unica e vasta di monumenti di cultura e arte popolare ucraina tradizionale ed esempi di arte decorativa, con oltre 50.000 reperti. Museo dell'etnografia e dell'artigianato su Wikipedia museo dell'etnografia e dell'artigianato (Q4306518) su Wikidata
Shevchenkivsky Hay
  • 49.844624.067356 Museo nazionale dell'architettura popolare e della vita rurale "Shevchenkivsky Hay" (Музей народної архітектури і побуту "Шевченківський гай"), Chernecha Gora, 1 (вулиця Чернеча Гора. Ad est. Tram 2, 10 fermata Pasichna. Sulla collina centrale a circa mezz'ora a piedi dal cimitero di Lychakivskiy), +380 322 471 882, . Ecb copyright.svg Ingresso intero: 70 UAH, studenti: 50 UAH, tour guidato di un'ora: 300 UAH (in ucraino) o 500 UAH (in lingua straniera). Simple icon time.svg 10:00-18:00. Qui si trova una serie di circa 150 edifici in legno provenienti da tutta l'Ucraina occidentale, smontati e rimontati in questa area di circa 60 ettari. Le chiese a più livelli sono gli edifici più spettacolari e sono tutte ancora funzionanti. L'edificio più antico è una chiesa risalente al 1749. Museo nazionale dell'architettura popolare e della vita "Clemente Šeptyc'kyj" su Wikipedia Museo nazionale dell'architettura popolare e della vita "Clemente Šeptyc'kyj" (Q4522268) su Wikidata
Museo Pinsel
  • 49.839424.037157 Museo Pinsel della scultura sacra barocca (Музей сакральної барокової скульптури Пінзеля), Piazza Mytna, 2 (Мытна пл.), +380 32 275-6966. Un museo aperto nel 1996 nei locali dell'ex chiesa cattolica romana di Santa Clara del 1607. Il museo ospita opere d'arte, comprese le sculture di Johann Georg Pinsel, famoso scultore di Leopoli degli anni '90 del Settecento. Nel 2021 il Museo Pinzel è stato ammodernato e reso privo di barriere architettoniche per consentire l'accesso a tutti i visitatori. Bernardine church, Lviv (Q4235779) su Wikidata
Museo della Birra
  • 49.8477524.0156558 Museo della Birra (Музей пива во Львове), Kleparivska, 18 (2 km a nordovest. a 400 m dalla fermata del tram Pid Dubom), +380 322 948 065, . Ecb copyright.svg Adulti: 100 UAH, studenti: 85 UAH, adolescenti e anziani: 60 UAH. Simple icon time.svg Lun-Dom 10:00-19:00. Il museo, inaugurato nel 2005, dispone di una sala di degustazione, dove si può provare tutti i tipi di birra in un'atmosfera accogliente. Alcune delle mostre sono giocose e interattive: incisione dal vivo, teatro delle ombre, ologrammi 3D. Il format unisce le caratteristiche di un museo moderno e di uno spazio culturale, pronto ad adattarsi a mostre, conferenze, sfilate di moda e altro ancora.
    Rinnovato nel 2017, questo museo racconta nei suoi 2.000 m², la storia e il ruolo della birra nello sviluppo della città; è uno spazio artistico che coltiva l'arte ucraina e una meravigliosa attrazione turistica, interessante per i suoi interni e il design insoliti.
    Beer Brewing Museum (Q4306415) su Wikidata
  • 49.8396124.0486259 Museo Panchyshyn di storia della medicina (Музей історії медицини Галичини ім. Мар'яна Панчишина), Karmeliuka, 3 (A est), +380 32 2769798, fax: +380 32 2767835. Si trova nell'ex casa dove il dottore e vicepresidente Marian Panchyshyn visse dal 1925 al 1943. Questo museo ha come obiettivo il lavoro educativo tra gli studenti dell'Università di Medicina di Leopoli e di altre istituzioni mediche, e anche di illustrare la storia dell'università e quella dei medici ucraini che hanno vissuto e lavorato in Galizia. (Q20082492) su Wikidata
Centro di storia urbana dell'Europa centro-orientale
  • 49.8372324.0359960 Centro di storia urbana dell'Europa centro-orientale (Центр міської історії Центрально-східної Європи), Bohomoltsia, 6 (A sud), +380 32 2751734, . Il centro produce varie mostre, seminari e conferenze. Ci sono film, registrazioni sonore provenienti da collezioni private e collezioni ufficiali che rappresentano la vita di grandi e piccole città dell'Europa centro-orientale.
Palazzo d'arte
  • 49.8375524.0259561 Palazzo d'arte (Львівський Палац мистецтв), Kopernyka M., 17 (In centro), +380 32 272-7573, fax: +380 32 261-4733, . Centro Esposizioni. Palace of Arts (Q4271076) su Wikidata
  • 49.8380724.0275962 Museo dell'antica arte del libro ucraino (Музей мистецтва давньої української книги), Ulica Kopernika, 15 (A sudovest. Tram 1, 2, 10 fermata Petra Doroshenka), +380 32 272-2536. Museo e centro di ricerca. Le collezioni del museo comprendono 12.000 reperti, inclusi manoscritti e primi libri stampati. Tavole di libri e illustrazioni di libri, letteratura pedagogica. L'esposizione si compone di quattro sale. Museum of Ancient Ukrainian Book Art LAG (Q4306287) su Wikidata
Museo della prigione di Lontskogo
  • 49.8345224.0188163 Museo della prigione di Lontskogo (Музей-меморіал жертв окупаційних режимів ""Тюрма на Лонцького""), Bandery S., 1 (Ad ovest. Tram 2 fermata Stepana Bandery), +380 32 2474220. Prison on Łącki Street (Q4467697) su Wikidata
  • 49.833224.028364 Complesso storico del museo nazionale Sheptytsky, Drahomanova M., 17 (A sud. Tram 3, 5, 9 fermata piazza Ivana Franka), +380 32 2613594. Simple icon time.svg Mer-Dom 10:00-18:00. C'è una collezione di belle arti, che comprende quasi 117.000 oggetti (icone dal XIV al XVIII secolo).
  • 49.84202424.03376665 Museo di storia della stampa (Музей книги та друкарства України), Ivana Fedorova, 11, +380 322 613 012. Simple icon time.svg Lun-Dom 9:00-16:00.
  • 49.8362624.0340766 Museo della metrologia (Музей метрології та вимірювальної техніки), Kniazia Romana, 38 (A sud), +380 32 2616030. Simple icon time.svg Lun-Ven 9:00-16:00. La collezione del museo conta più di 500 reperti.

Altri luoghi d'interesse[modifica]

Casa degli scienziati
  • 49.841224.021467 Casa degli scienziati (Народне казино (Казино Герхарда) - Будинок вчених), Lystopadovoho Chynu, 6 (A ovest: accanto all'Università di Leopoli Ivan Franko). Monumento di architettura, ex casinò pubblico di Herkhard. House of scientists, Lviv (Q4165616) su Wikidata
Lychakivsky Tsvyntar
  • 49.832524.05611168 Lychakivsky Tsvyntar (Cimitero di Lychakiv, Личаківський цвинтар), Vul. Mechnikhova, 33 (вул. І. Мечнікова. A est 5 km: Tram 7 fermata Pekarska). Ecb copyright.svg 30 грн. Qui sono sepolte circa 400.000 persone, inclusi eroi ucraini come Ivan Franko. Il cimitero è enorme (42 ettari), ed è molto piacevole passeggiare su una rete di sentieri variamente mantenuti. Sul retro c'è una serie di monumenti ai caduti. Il cimitero è considerato un museo; per questo si paga per entrare. Presumibilmente c'è anche un sovrapprezzo per il permesso di scattare foto (probabilmente per servizi fotografici professionali, in quanto è difficile applicarla ai semplici turisti). Cimitero di Lychakiv su Wikipedia Cimitero di Lychakiv (Q1316721) su Wikidata
Alto Castello
  • 49.8485524.0372369 Alto Castello (Tumulo dell'unione di Lublino, Vysokij zamok), Vysokyi Zamok (A est). Ecb copyright.svg Gratuito. Nel luogo in cui un tempo sorgeva un castello storico, oggi si trova un tumulo costruito nel 1869 per commemorare il 300° anniversario dell'Unione di Lublino. Sul tumulo c'è una piattaforma di osservazione con belle vedute della città e un altro tumulo sabbioso, che si può anche scalare, e che ha una croce dedicata ai caduti della guerra in Afghanistan. Dal tumulo si può passeggiare per tutto il parco collinare centrale del paese. Molto raccomandabile e facile da trovare. Lviv High Castle (Q2623848) su Wikidata
Politecnico di Leopoli
  • 49.835424.014570 Università politecnica nazionale di Leopoli (Politecnico di Leopoli Ivan Franko, Львівський університет), Vul. Stepan Bandera, 12 (вул. Степана Бандери. Tram 9, 10 or Bus 41, 42, 43 to stop 'Lvivska politekhnika'). Politecnico di Leopoli su Wikipedia Università Politecnica Nazionale di Leopoli (Q1817355) su Wikidata
  • 49.8410224.0282271 Monumento a Shevchenko, Svobody (Tram 1, 2, 10, Bus 48,114,138 fermata Petra Doroshenka). Donato da membri della diaspora ucraina argentina, e assolutamente inconfondibile nel centro della città; una scultura dello scrittore e un monumento a forma di onda con motivi di arte popolare ucraina che si innalzano al suo fianco. A volte sembra essere usato dalla gente del posto come parete da arrampicata.
  • 49.8395323.9942372 Terminal ferroviario di Leopoli. Costruito nel 1904 in stile Art Nouveau.
  • 49.8389724.0300173 Ex Hotel Europeo (Колишній Готель Європейський), Ploshchad' Mitskevicha, 4 (Tram fermata Petra Doroshenka). Ricostruito nel 1930. Dal 1950 al 1980 è stato l'Hotel Ukraine. Dopo il 2006, questo edificio è diventato una filiale della Ukreximbank.


Eventi e feste[modifica]

  • Partecipate a un concerto o a un festival – Leopoli è stata chiamata la "Regina dei festival" come città, perché spesso c'è un festival diverso ogni due settimane. Alcuni festival con molte attività gratuite sono il Festival del Cioccolato, il Festival del Caffè e l'Alpha Jazz Festival. Fermatevi al Centro di informazioni turistiche in piazza Rynok per saperne di più sui festival in programma durante il vostro soggiorno a Leopoli.


Cosa fare[modifica]

  • Sauna (Bania). Una sauna in stile russo per uomini e donne (non in comune). È un'esperienza che vale la pena. L'esperienza può essere leggermente difficile per l'occidentale pudico, poiché tutte le attività sono condotte da nudi. Ma non preoccupatevi, è un ambiente altamente civile. A Leopoli se ne trovano alcune attive.

Parchi e giardini[modifica]

  • 49.806323.99781 Parco acquatico Pliazh (Аквапарк Пляж), str. Princess Olga 114 (Kniahyni Ol'hy str., 114) (A 5 km a sud), +380 32 2638297, +380 32 2636055. Ecb copyright.svg Tariffa: 100 грн al giorno (2014). Fuga dalla calura estiva. Superficie 1,4 ettari. Godetevi il bagno turco e la jacuzzi greco-romana, i bar "Tropic" e "Hawaii" nella zona umida.
  • 49.779624.01862 Ippodromo di Leopoli (Львівський іподром), Stryis'ka str., 117 (A 7 km a sud), +380 322 649727, +380 322 649729. Percorsi di gara.
  • 49.8384524.01993 Parco Ivan Franko (Парк ім. Івана Франка (колишній парк Костюшко)), str. Universytetska (вул. Університетська) (1 km a ovest dal centro: tram 1, 2, 10 o autobus 21, 48 fino alla fermata 'Holovna Poshta'). È il parco più antico della città. Tracce di quel tempo si possono trovare in querce e aceri di trecento anni. Con l'abrogazione dell'ordine dei Gesuiti nel 1773 il territorio divenne proprietà comunale. Un noto giardiniere Bager organizzò il territorio secondo lo stile del paesaggio e la maggior parte degli alberi furono piantati tra il 1885 e il 1890.
  • 49.8274624.022774 Parco culturale e ricreativo Bohdan Khmelnytsky (Парк культури та відпочинку імені Богдана Хмельницького, Парк ім. Богдана Хмельницького), Strade Striyskeyu (ulitsa Zaritskikh) (A 1,5 km a sudovest dal centro storico - Tram 3, 5, 9, 11 per il 'Parco Kultury'), +380 32 2727877, +380 32 2727931. Nel quartiere di Halych c'è un interessante valore locale di arte del giardino (1984). È una delle zone verdi meglio organizzate e moderne che contiene una sala da concerto e da ballo, lo stadio, la città delle attrazioni, il palco centrale, numerosi caffè e ristoranti. Nel parco ci sono la ruota panoramica. Tra le strade Striyske, Guardyisko, Vitovskogo e Zaritsky. Nella parte superiore del parco si trova il Monumento alla gloria della cultura. L'area del parco è di 26 ettari.
  • 49.82277824.0261115 Parco Stryiskyi (Стрийський парк), Tra Str. Stryis'ka e Str. Ivana Frank, 156 (A 1,5 km a sud dal centro storico, prendere l'autobus n. 30. o il tram n. 25 fino alla fermata "Park Kultury".). È considerato uno dei parchi più pittoreschi della città. Il parco ha oltre 200 specie di alberi e piante. È noto per una vasta collezione di alberi e cespugli rari e pregiati. Al cancello d'ingresso principale troverete uno stagno con i cigni.
  • 49.8465324.061396 Parco paesaggistico regionale di Znesinnya (Регіональний ландшафтний парк «Знесіння»), Strada Novoznesens'ka, (вулиця Новознесенська) (A 1,5 km a nordest). Sito ideale per il ciclismo, lo sci e l'escursionismo. È su parti collinari verdi del villaggio storico di Znesinnya. Superficie: 312,1 ettari. Il parco comprende rari esemplari di piante, ma anche arenarie, calcari contenenti fossili, colline ricoperte da boschi e pittoresche valli con stagni e ruscelli.
  • 49.84460324.0656287 Pagliaio di Shevchenkivskyi (Шевченківський гай), Vul. Chernecha hora. (вул. Чернеча гора) (Nelle vicinanze (ovest) c'è il parco dell'"Alto Castello".), +380 32 2437823. Ecb copyright.svg 15 грн. Simple icon time.svg 10:00-18:00. Nel parco c'è un museo all'aperto unico che ha raccolto la migliore collezione di architettura in legno ucraina. Il museo combina con successo il terreno collinare, la vegetazione dei Carpazi. Sono stati restaurati e spostati con cura edifici storici provenienti da diverse regioni dell'Ucraina occidentale. Il parco è di circa 84 ettari.
  • 49.848124.03928 Parco dell'Alto Castello (Високий Замок парк) (A 1 km a nordest). Si trova sulla collina più alta della città (413 m) e occupa un territorio di 36 ettari costituito dalla terrazza inferiore un tempo chiamata Knyazha Hora (monte del principe), e dalla terrazza superiore con torre della televisione e terrapieno artificiale.
  • 49.8194324.037279 Parco Zalizni Vody (Залізна Вода), Situato tra le strade Stusa, Myshugy, Ternopylska e Yaroslavenka (A 2 km a sud). È iniziato dall'ex giardino Zalizna Voda (Acqua di ferro) che unisce la via Snopkivska con il distretto di Novyi. Il parco deve il suo nome alle sorgenti ad alta concentrazione di ferro. Questo bellissimo parco con faggi secolari e numerosi sentieri è il luogo preferito di molti locali. La superficie totale di 19,5 ettari il parco. Qui, tra le pendici occidentali dell'altopiano di Leopoli, nei pressi del parco ha origine Poltva. Nel parco si possono vedere le uscite della marna, che è la ragione dell'esistenza di più sorgenti. Il nome del parco deriva dall'alto contenuto di ferro delle sorgenti che qui sgorgano. Vegetazione: faggio, pino, quercia, betulla, pioppo, salice, alberi e arbusti ornamentali. Cresce anche un vecchio meleto.
  • 49.8340924.0657610 Parco Lychakivskyi (Личаківський парк), Tra le strade Tsetnerivka, Lychakivska e Pasichna. Fondato nel 1892 e intitolato alla periferia circostante. Sul territorio del parco è presente un orto botanico, fondato nel 1911 e che occupa un territorio di 18,5 ettari. Al parco si trova un complesso sportivo dell'Università statale di cultura fisica di Leopoli, lo "Stadium Skiff".
  • 49.876624.029811 Parco forestale di Zamarstynivs'kyi (Замарстинівський лісопарк), Ulitsa Filippa Orlika (A 3 km a nord. Da Trolley 13 proseguire per 'Pylypa Orlyka St' e dirigersi a nord per 0,5 km).
  • 49.864924.019412 Parco del 700° anno di Leopoli (Парк ім. 700-річчя Львова), prospekt Vyacheslava Chernovola, 91 (A 2 km a nord: da Trolley 13 proseguire per 'Torfiana St').
  • 49.8435524.035513 Parco Na Valakh (Парк "На Валах"), Pidval'na str. (A est). C'è una 49.8428824.0356374 torre del fuoco.
  • 49.838624.015314 Parco Sviatoiurs'kyi (Святоюрський парк, Сад собору святого Юра, Схил Святоюрської гори), Lystopadovoho Chynu street (A ovest).
  • 49.828324.01315 Parco dello studente (Студентський парк), Sakharova A. akademika str. (A 2 km a sudovest).
  • 49.830124.065116 Orto Botanico dell'Università Nazionale Ivan Franko di Leopoli (Ботанічний сад Львівського національного університету ім. І.Франка (стара частина)), Cheremshyny str, (вул. Черемшини), 44 (A 4 km a est: Tram 2, 10 a 'Pasichna St', proseguire a piedi per 600 m a sud o prendere l'autobus 15, 19, 23, 27, 40, 47A, 50, 117 o 138 a 'Tadzhykska St' per 200 m), +380 322 768369, . Ci sono 1.025 specie arboree e arbustive; 720 specie erbacee naturali; 1.095 specie e specie erbacee culturali; 1.630 specie tropicali e subtropicali.
  • 49.825324.00317 Giardino botanico dell'Istituto di ingegneria forestale di Lvov (Ботанічний сад Львівського лісотехнічного інституту), Chuprynky T. henerala str (A 4 km a ovest: tra le strade Chuprinky (ex Pushkina) e Pryrodnoiu - Tram 2 alla fermata di 'Hordynskyh St'). La superficie terrestre è di 10,8 ettari. C'è una collezione di fiori, un'area didattica e una piccola fattoria di ricerca. Anche la collezione comprende circa 200 specie di alberi e arbusti.
  • 49.823823.997718 Parco Piskovi Ozera (Park Pischani ozera, Парк "Піщані озера"), Hordynskykh str. (A 5 km a ovest - Tram 2 per 'Konovaltsia St').
  • 49.82423.991719 Parco Kulparkivskyi (Кульпарківський сквер), ulitsa Evgeniya Konovaltsa, ~111 (A 5,3 km a ovest: Tram 2 per 'Konovaltsia St').
  • 49.818324.011520 Parco Horikhovyi hai (Парк "Горіховий Гай"), Boikivs'ka str. (A 5 km a sudovest: Tram 3, 5 per 'Boychuka St').
  • 49.90805623.80305621 Santuario degli orsi Domazhyr, 1 Vedmezhy Krai St, Zhornyska, Yavoriv District (Nella Riserva della Biosfera dell'UNESCO Roztochya), +380 67 5093058, . Il santuario è stato costruito dall'organizzazione per il benessere degli animali Four Paws nel 2016. L'intera area comprende 20 ettari e offre visite guidate e mostre per l'educazione ambientale. Bear Sanctuary Domazhyr (Q65120525) su Wikidata


Acquisti[modifica]

Centri commerciali[modifica]


Come divertirsi[modifica]

Spettacoli[modifica]

Teatri[modifica]

Teatro dell'opera
Teatro Maria Zankovetska
  • 49.84398924.0261781 Teatro del balletto e dell'opera lirica (Театр опери і балету), Svobody, 28 (nella parte occidentale del centro). Fondato nel giugno 1897. Riccamente decorato sia all'esterno che all'interno. Lo storico teatro dell'opera offre regolarmente spettacoli di varie opere e balletti. I biglietti possono essere acquistati presso la cassa del teatro ("Kaca") con un prezzo compreso tra 50 грн e 80 грн. Anche se l'opera e il balletto non fanno per voi, vale la pena almeno una notte a teatro per godersi questo luogo spettacolare. Teatro dell'Opera e del Balletto di Leopoli su Wikipedia Teatro dell'Opera e del Balletto di Leopoli (Q1246092) su Wikidata
  • 49.8439524.0272442 Teatro Maria Zankovetska (Міський театр), Lesi Ukrainky, 1, +38 32 235-5583, . Teatro d'arte drammatica costruito nello stile del classicismo viennese. La lunghezza è di circa 96 m, la larghezza 76 m, con una superficie di circa di 7.000 m². Uno degli edifici teatrali più grandi d'Europa dopo La Scala di Milano e il teatro di corte di Dresda. Dal 1944 sede della compagnia teatrale Zankovetska. Ukrainian Dramatic Theatre of Maria Zankovetska (Q1986941) su Wikidata
  • 49.8410224.028223 Teatro municipale di Leopoli Lesya Ukrainka (академічний драматичний театр імені Лесі Українки), Horodotska, 36 (Tram 6, 7, autobus 6A, 7, 9, 17, 20, 25, 28, 29, 30, 31, 34, 36, 41, 49, 51 fermata Teatr im. Lesi Ukrainki), +380 322 333 188 (biglietteria), +380 322 33 185 (ricevimento), +380 322 333 179 (contabilità), . Simple icon time.svg Mar-Gio e Dom 11:00-18:30, Ven-Sab 11:00-22:00. Ex teatro militare con una storia controversa. Ha un repertorio di opere classiche e produzioni teatrali moderne. L'edificio ha uno stile medioevale, modernizzato con elementi di architettura gotica e romanica.
    All'interno è presente anche una scuola di teatro.
    (Q4271077) su Wikidata
  • 49.8375624.0301574 Società filarmonica di Leopoli (Львівська обласна філармонія), Chaikovs'koho P. str., 7 (Sud - Autobus 3А, 4А, 48, 53 per 'Knyazya Romana St'), +380 32 2721042, fax: +380 32 2358122, . Ecb copyright.svg 40, 60, 80, 100 grivne. Simple icon time.svg Cassa 11:00-19:00.
  • 49.83617324.032885 Mini teatro "Persone e bambole" (Львівський театр естрадних мініатюр "І люди, і ляльки"), Fredra O. str.(вул. Фредра), 6, +380 322613125.
  • 49.84224.02546 Teatro della gioventù Les Kurbas (Львівський молодіжний театр ім. Леся Курбаса), Kurbasa L. str., 3 (Tram 2, 9, 10 fino a 'St Petra Doroshenka'), +380 32 2724914. Lviv Les Kurbas Academic Theater (Q4271087) su Wikidata
  • 49.84157824.0246367 Primo teatro ucraino per bambini e ragazzi (Перший український театр для дітей та юнацтва), Hnatiuka V. akad. str. 11 (Tram 2, 9, 10 fino a 'St Petra Doroshenka'), +380 32 2726841.

Spettacoli sportivi[modifica]

  • 49.77527824.0277788 Arena Lviv. Inaugurata nel 2011, ha una capienza di 35.000 persone. Arena Lviv su Wikipedia arena Lviv (Q215399) su Wikidata
  • 49.85277824.0137229 Army Sports Club Stadium. Army Sports Club Stadium (Q2025714) su Wikidata
  • 49.835324.062810 Skif Stadium. Skif Stadium (Q12153512) su Wikidata
  • 49.81923424.04819311 Ukraina Stadium. Spesso usato dalla nazionale di calcio dell'Ucraina. Stadio Ucraina su Wikipedia stadio Ucraina (Q2296961) su Wikidata
  • 49.8526824.01347412 SKA Stadium, Kleparivska St, 39А, +380 970724877.

Altro[modifica]

Locali notturni[modifica]

I club a Leopoli sono sempre molto vivaci, con molte opzioni che vanno dai club più semplici a quelli intimi ed esclusivi. Di solito ci sono costi d'ingresso, ma i prezzi delle bevande li compensano. Nella maggior parte dei club puoi acquistare bottiglie di vodka a un prezzo ragionevole e rilassarti a un tavolo tutta la sera.


Dove mangiare[modifica]

Bicchiere di L'vivs'ke
Bottiglia di L'vivs'ke

Prezzi modici[modifica]

  • 49.862324.01691 Supermercato Arsen N 2 (Супермаркет Арсен N2), Viacheslava Chornovola Ave. (пр-т Черновола), 93 (Quartiere nord-occidentale - Parco "Lvov 700 anni"), +38 0322976070. Simple icon time.svg Lun-Ven 08:00-23:00, Dom 09:00-22:00.
  • 49.8589624.019182 Ristorante e fast food (Ресторан Картопляна хата), Chornovola V. ave., 65 (Quartiere nord-occidentale - Centro commerciale Eldorado), +38 0322521975. Catena di ristoranti.
  • 49.8471224.026023 McDonald's (Ресторан Макдональдз), Chornovola V. Ave., 12 (Quartiere nord-occidentale), +380 32 297-0414. Wi-Fi.
  • 49.84624.023934 Bistrò (Бістро), Panteleymona Kulisha, 13 (Quartiere nord-occidentale), +380 32 272-2165.
  • 49.8438924.024415 Bistrò (Бістро), Horodotska str., 11 (Quartiere nord-occidentale), +380 32 240-3598. Catena di fast food.
  • 49.8402224.023786 Puzata Hata, Sichovykh Striltsiv Str., 12 (Quartiere nord-occidentale - nello stesso edificio Mini Hostel/Hostel2 Lviv). Questa catena di fast food offre un abbondante smörgåsbord ucraino. Il ristorante in stile caffetteria offre una selezione di piatti tradizionali ucraini mescolati con altri cibi trovati nella zona.
  • 49.84255424.0319077 Taverna "Akropolis" (Таверна "Акрополіс"), Rynok Square, 44, +380 975503311. Ecb copyright.svg Gyros e souvlaki per $ 3. Una cena informale greca. Il personale parla inglese e potrebbe benissimo iniziare a ballare, in stile tradizionale, dato qualsiasi incoraggiamento.

Prezzi medi[modifica]

Prezzi elevati[modifica]

  • 49.8380324.0322918 Valentino, Ostapa Nyzhankivs'koho, 20, +380 322 356 766. Simple icon time.svg Lun-Dom 07:00-23:00.
  • 49.84042324.03026219 Amadeus, Katedralna Square, 7, +380 322356316. Un ampio menu europeo e ucraino in un ambiente a 5 stelle con cibo a 4 stelle e prezzi bassi.
  • 49.84077524.02881620 Vienna Coffee House (Віденська кав'ярня), Svobody Ave, 12 (Accanto al Teatro dell'Opera), +380 322358721. Ecb copyright.svg Un piatto principale € 3-4, un pasto di tre portate € 6-7. Questo posto ha menu in inglese e personale che parla inglese. La Wiener Schnitzel è ottima, così come tutte le zuppe, le colazioni, le frittelle di patate e l'Apfelstrudel.
  • 49.83638424.03224321 Veronika, Shevchenka Ave, 21, +380 322986028. È sia un caffè in stile francese (al piano di sopra) che un elegante ristorante al piano di sotto.


Dove alloggiare[modifica]

Leopoli ha una varietà di hotel, ostelli e appartamenti per tutte le tasche e le esigenze. Le migliori offerte per viaggiatori in economia (2-3 persone) si trovano con i graziosi appartamenti in affitto in tutta la città. Questi possono essere trovati online (preferibilmente in russo) o all'arrivo alla stazione ferroviaria. Aspettatevi di pagare circa 150-200 dollari al mese per un grazioso monolocale con cucina, TV e un bel bagno con acqua calda.

Prezzi modici[modifica]

  • 49.8426324.029691 DREAM Hostel, Krakivska, 5, +380 322 471 047.
  • 49.8423824.032752 New Hostel, Piazza Rynok, 5, +380 93 938 0805.
  • 49.841824.016633 Hotel Cisar, Horodotska, 65, +380 94 993 4565.
  • 49.835124.034484 Etude Hotel, Ivana Franka, 20A, +380 68 660 0450.
  • 49.83947724.0316395 Danylo Inn, Halytska, 20, +380 97 969 8100.
  • 49.8422724.0325096 Central Square Hostel, Rynok Square, 5 (Città vecchia), +380 936554219, . Ecb copyright.svg Posto letto in dormitorio 95 грн, camera doppia 350 грн. Check-in: 12:00, check-out: 11:30. Ostello accogliente nel cuore della città - 18 letti, personale che parla inglese, polacco e russo, Wi-Fi gratuito, informazioni turistiche, mappe gratuite, caffè e tè, lenzuola e asciugamani inclusi, lavatrice. Vi mostrerà anche la città.
  • 49.8413524.0298067 Coffee Home Hostel, Teatralna St, 10 (Città vecchia. Accanto alla piazza principale), +380 676747353, . Ecb copyright.svg Da 8€. Ostello da camera: 20 letti, personale che parla inglese, spagnolo e russo, Wi-Fi gratuito, informazioni turistiche, mappe gratuite, colazione, caffè e tè, lenzuola e asciugamani inclusi, lavanderia.
  • 49.84676924.0286798 Hostel TSisar Bankir (Хостел Цісар Банкір), Khmel'nyts'koho B. str., 23 (Quartiere nord-occidentale), +380 322255627.

Prezzi medi[modifica]

Prezzi elevati[modifica]

Grand Hotel
Albergo Leopolis


Sicurezza[modifica]

Le città ucraine non sono pericolose, anche se è necessaria un po' più di precauzione. Derubarvi apertamente avviene meno poiché i rischi sono grandi. Tuttavia, il borseggio è ancora una cosa che avviene anche nel centro storico, quindi tenete d'occhio le vostre cose.

Può essere molto utile imparare un po' di ucraino prima di visitare il paese, o almeno l'alfabeto cirillico. Tutti possono anche leggere, parlare e scrivere in russo, anche se apprezzerebbero il fatto che abbiate imparato anche alcune frasi di base in ucraino. Il tedesco e, soprattutto, il polacco è parlato bene tra le persone con ricordi maturi dell'era tra le due guerre. Soprattutto se parlate polacco, sopravvivere a Leopoli non dovrebbe essere un problema, poiché molte persone lo capiscono ed è abbastanza vicino all'ucraino.

Le persone che vendono i biglietti alla stazione ferroviaria potrebbero non parlare altro che ucraino o russo e potrebbero non avere pazienza o simpatia per chi non lo parla. Le code in Ucraina tendono a essere caotiche, specialmente nelle stazioni. Affermate il vostro posto con un gomito e uno sguardo cattivo, perché tutti gli altri lo faranno. Assicuratevi di fare la fila per gli stranieri quando volete acquistare i biglietti del treno. Il cassiere potrebbe non parlare inglese, ma se conoscete i dettagli del treno che desideri, scriveteli!

Consolati[modifica]

Consolati generali[modifica]

Consolati onorari[modifica]


Come restare in contatto[modifica]

Poste[modifica]

  • 49.8375524.0237925 UKRPoshta (Ufficio postale principale) (УКРпошта (Поштамт,Головна пошта)), Str. Slovats'koho YU.(Вулиця Словацького), 1, +380 32 2615321.
    • Ufficio postale n°20 (20 поштове відділення), Varshavska str., 54. (A nord-ovest), +380 32 252-3441.
    • Ufficio postale n°19 (19 поштове відділення), Zamarstynivska Str., 30 (A nord-ovest), +380 32 2724918.
    • Ufficio postale n°7 (7 поштове відділення), Hrebinky Y.E. Str., 6 (A nord-ovest).

Telefonia[modifica]

Il prefisso di Leopoli è +380 32(2). L'impianto telefonico è stato modificato; quindi, per comporre numeri a 6 cifre, utilizzare il prefisso di città 322, ma per numeri a 7 cifre, utilizzare solo 32.

Tutte le chiamate da e verso i telefoni cellulari vengono trattate come chiamate interurbane. Il sistema telefonico è stato modificato ancora una volta, quindi non è necessario comporre un 8 seguito dal prefisso città/cellulare, seguito dal numero di telefono. Alcuni prefissi mobili frequenti sono 050, 067, 066, 096 e 097. I principali operatori mobili sono Kyivstar, MTS e Life. Potete acquistare una carta SIM o una carta di rifornimento del saldo in molti negozi di Leopoli.

Internet[modifica]

Gli Internet cafè sono abbondanti. Situato in posizione centrale c'è Chorna Medeia sulla Kryva Lypa.

Quasi tutti i ristoranti e le caffetterie offrono la connessione Wi-Fi gratuita, il personale in genere fornisce una password su richiesta.


Nei dintorni[modifica]

A nord[modifica]

  • 50.022723.772426 Parco nazionale di Javoriv (Яворівський національний природний парк) — Un'area cosparsa di laghi e acquitrini inframezzati da boschi, oggetto di escursioni di fine settimana degli abitanti di Leopoli. Il parco presenta numerosi sentieri percorribili a piedi o anche in auto.
  • 50.06666723.96666727 Žovkva — Città fondata nel 1594 dal nobile Stanisław Żółkiewski, seguendo la progettazione della città ideale del rinascimento. Nel XVII secolo Žovkva divenne la residenza del re di Polonia Giovanni III Sobieski.

Ad est[modifica]

Castello di Oles'ko
Castello di Pidhirci
  • 49.94486824.97964929 Pidhirci — Villaggio medievale di circa 1.000 abitanti con un castello della prima metà del XVII secolo, considerato uno dei migliori esempi del barocco in Ucraina.
  • 49.802624.906230 Zoločiv — Cittadina di 25.000 abitanti circa con numerose attrazioni tra cui spicca una residenza del casato dei Sobieski risalente al 1635.

A sud[modifica]

  • 49.3523.531 Drohobyč (77 km) — Città di 75.000 abitanti circa, Drohobyč è un centro reso prospero dall'industria estrattiva del petrolio e di gas naturali. Conserva numerosi monumenti tra cui una Sinagoga in stile neomoresco del 1865.
  • 49.26666723.532 Truskavec' (12 km a sud di Drohobyč) — Situata in una verde vallata dei Carpazi, Truskavec' è rinomata stazione termale, grazie a numerose sorgenti ricche di zolfo.


Altri progetti

CittàGuida: l'articolo rispetta le caratteristiche di un articolo usabile ma in più contiene molte informazioni e consente senza problemi una visita alla città. L'articolo contiene un adeguato numero di immagini, un discreto numero di listing. Non sono presenti errori di stile.