Scarica il file GPX di questo articolo

Epiro

Da Wikivoyage.
Epiro
La rinomata destinazione turistica di Parga
Localizzazione
Epiro - Localizzazione
Bandiera
Epiro - Bandiera
Stato
Capoluogo
Superficie
Abitanti
Sito del turismo
Sito istituzionale

Epiro è una regione della Grecia continentale.

Da sapere[modifica]

L'Epiro è una regione storico-geografica della Grecia. Scarsamente abitato, il suo territorio è attraversato dalla catena montuosa del Pindo. Molte delle località dell'Epiro costituiscono classiche mete fuori dal sentiero battuto, nonostante la facilità di comunicazioni marittime con i porti italiani dell'Adriatico.

Lingue parlate[modifica]

Il greco è la lingua più diffusa.

  • "Vlachika" — Un dialetto neolatino, correlato al romeno ancora parlato nella zona di Metsovo. "Vlachas" (propriamente: "Valacco", abitante della Valacchia) in greco moderno è sinonimo di stupido.
  • "Arvanitika" — Un dialetto albanese di cui sussiste qualche traccia nelle zone di confine con Macedonia e Tessaglia. Era ed è ancora parlato da popolazioni nomadi di origine albanese che tra l'XI e il XVI secolo si installarono nella Grecia continentale. Lo stato greco si è sempre rifiutato di riconoscerli come minoranza preferendo convertirli alla cultura nazionale e alla vita sedentaria.
Villaggio tradizionale di Metsovo


Territori e mete turistiche[modifica]

Epirus greece.png

L'Epiro è abitualmente diviso nei quattro territori riportati di seguito:

  1. Territorio di Ioannina — Il capoluogo regionale è romanticamente adagiato sulle sponde del lago Pamvotis. A una ventina di km da Giannina sta Dodoni, sede di un antico oracolo dedicato alla dea Dione e famosa per il suo antico teatro. Metsovo è un villaggio nei dintorni di Giannina. Molto reclamizzato nei depliants turistici, Metsovo è ancora abitato da alcuni anziani pastori che indossano il caratteristico costume locale. Zagori è una serie di villaggi tradizionali a nord di Giannina. Konitsa, a 70 km da Giannina, lungo il tratto greco della strada europea "E90". Costituisce la base per escursioni al Parco nazionale Vikos-Aoos e al monte Smolikas.
  2. Tesprozia — Un'antica regione famosa per il Necromanteion (oracolo dei morti) sulle rive del fiume Acheronte, ritenuto l'ingresso dell'Ade. Il suo capoluogo è Igoumenitsa, piccolo porto collegato tutto l'anno a quelli italiani dell'Adriatico. Syvota è un centro balneare poco più a sud di Igoumenitsa con molti alberghi.
  3. Territorio di Preveza — Territorio costiero a sud di Igoumenitsa ove è situata Parga, il più importante centro balneare dell'Epiro, adatto più che a giovani dinamici a famiglie in cerca di relax. Prevesa, il piccolo capoluogo all'ingresso del golfo Ambracico dispone dli arenili nei suoi paraggi anch'essi prediletti da famiglie che non chiedono nient'altro che rilassarsi.
  4. Territorio di Arta — Arta è una cittadina di provincia lungo la strada Giannina-Patrasso all'imbocco delle gole del fiume Louros. Nelle vicinanze di Arta sta un lago artificiale creato dallo sbarramento del fiume Arachthos.


Centri urbani[modifica]

Giannina e il lago Pamvotida

Altre destinazioni[modifica]

  • Lago Pamvotida


Come arrivare[modifica]

Parga e il suo golfo

In aereo[modifica]

L'aeroporto internazionale più vicino con voli da scali italiani è quello di Corfù. Da lì bisognerà poi imbarcarsi in uno dei frequenti traghetti diretti a Igoumenitsa.

Altri aeroporti da poter prendere in considerazione sono quelli di Patrasso, Atene, Volos e Salonicco. Per raggiungere la propria destinazione in Epiro si dovrà far ricorso ad una delle autolinee regionali riportate nel paragrafo successivo.

In auto[modifica]

Kakkavia è il valico di frontiera con l'Albania.

In nave[modifica]

Igoumenitsa costituisce lo scalo di traghetti provenienti dall'Italia e l'inizio della Via Egnazia.

A Parga fanno scalo alcune imbarcazioni provenienti dall'Isola di Passo.


Come spostarsi[modifica]

In Epiro non esistono strade ferrate e di conseguenza ci si sposta o in auto o con le corriere del consorzio KTEL.

In auto[modifica]

A Giannina si incrociano la moderna Via Egnazia proveniente da Igoumenitsa e la cosiddetta strada ionica (A5) da Patrasso. Quest'ultima passa sul grandioso ponte che scavalca il golfo di Patrasso. Dopo Giannina prosegue per Konitsa e Kastoria nella Macedonia occidentale. Una diramazione conduce ai confini albanesi.

L'itinerario più battuto dai non molti turisti motorizzati è la strada in parte litoranea che va da Igoumenitsa a Preveza toccando il centro balneare di Parga. Tramite questa strada è possibile accedere, oltre Preveza, all'isola di Leucade


Cosa vedere[modifica]

Teatro di Dodona

Itinerari[modifica]


Cosa fare[modifica]

  • Balneazione - Associati in genere al "dolce far niente", i bagni di mare possono essere praticati a Parga e sulle spiagge nei dintorni di Igoumenitsa e Prevesa
  • Escursioni in montagna - Possono essere praticati sul monte Smolikas e nel parco nazionale Vikos-Aoos


A tavola[modifica]


Sicurezza[modifica]


Altri progetti