Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Via Egnazia
Localizzazione
Via Egnazia - Localizzazione
Tipo itinerario
Stato
Inizio
Fine

Via Egnazia è una moderna superstrada che si snoda nelle tre regioni della Grecia del nord, Epiro, Macedonia e Tracia occidentale, arrestandosi al confine con la Turchia.

Introduzione[modifica]

L'itinerario si svolge lungo l'autostrada "Egnatia" Autokinetodromos A2 number.svg che va da Igoumenitsa ai confini con la Turchia.

Questa segue solo in parte il percorso della via consolare romana da cui trae il nome. L'antica Egnazia aveva infatti inizio a Durazzo nell'odierna Albania e raggiungeva Salonicco passando per Ocrida, nell'odierna Macedonia del Nord. Era tra le più importanti perché insieme all'Appia provvedeva a collegare Roma con Costantinopoli.

L'itinerario permette di conoscere le regioni della Grecia del Nord, l'Epiro, la Macedonia e la Tracia occidentale. Esso si muove su una rotta non molto battuta dal turismo internazionale.

Eccezion fatta per la penisola Calcidica, i litorali lungo il percorso non sono particolarmente interessanti a meno che non si voglia sostare a Corfù o imbarcarsi per l'isola di Thassos. Le spiagge sono comunque rilassanti e poco frequentate anche d'agosto. Gli alberghi però non sono molti e in alta stagione potrebbero registrare il tutto esaurito.

Lungo i monti Rodopi sono state istituite numerose riserve forestali. Queste saranno apprezzate dagli amanti del turismo ecologico.

Quando andare[modifica]

Katara in greco significa "Maledizione" ed è il nome di un passo sui monti del Pindo a quota 1690 m. È attraversato da una vecchia e tortuosa strada che collega Giannina con altri centri della Tessaglia e della Macedonia. Con l'apparire delle prime nevicate invernali il passo viene chiuso al traffico isolando l'Epiro da queste due regioni per un'intera stagione. Oggi questo problema è stato superato con l'apertura di gallerie sul tracciato dell'autostrada Egnatia, che rende di gran lunga più agevoli le comunicazioni stradali tra i due versanti marini della Grecia (Ionio ed Egeo).

L'itinerario si può compiere in qualsiasi mese dell'anno eccezion fatta per quei periodi dell'inverno in cui cada abbondante neve perché le corse degli autobus extraurbani potrebbero venire annullate o i pullman potrebbero viaggiare con catene alle ruote, il che farebbe allungare di molto i tempi di percorrenza.

Naturalmente se si viaggia fuori dal periodo estivo si farà a meno di andare alle spiagge della Calcidica e ci si limiterà alla visita delle città e dei loro dintorni sui monti Rodopi, dove esistono possibilità di escursioni anche a cavallo. Secondo operatori turistici locali l'autunno è un'ottima stagione per una visita alle riserve forestali dei Rodopi meridionali e ai laghi dell'Epiro e della Macedonia.

Come arrivare[modifica]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi: Come arrivare a Igoumenitsa.

Come spostarsi[modifica]

Volendo si può seguire l'itinerario con la propria auto senza pericolo di rovinarla perché l'itinerario si svolge su una moderna autostrada di 612 km. Tutt'al più il fastidio sarà circolare nei grandi centri urbani soprattutto ad Istanbul. Da considerare anche che i luoghi turistici più interessanti nella Macedonia e nella Tracia greca si trovano su strade strette e piene di curve sui monti Rodopi. Dal 2008 i costi delle traversate in automobile hanno subito una considerevole lievitazione in seguito al rialzo del prezzo del greggio. Il treno comunque serve alcune di queste località minori.

L'uso di mezzi di trasporto pubblici (nave + autobus + treno) non comporta disagio, soprattutto se si viaggia fuori del periodo di alta stagione (agosto). I traghetti però sono affollati in qualsiasi giorno dell'anno perché utilizzati da camionisti greci e medio-orientali. Nei mesi estivi si aggiungono orde di turisti e le navi si trasformano in autentiche "boat people", tali da creare disagio anche a quei fortunati che hanno trovato posto in cabina. Gli autobus extraurbani greci (KTEL) sono abbastanza comodi e molto economici. Stesso discorso per Il treno Salonicco-Istanbul, il cosiddetto "espresso dell'amicizia" che ha un servizio di cuccette di I e II classe. Il prezzo della cuccetta sull'espresso dell'Amicizia è di 48 euro se di II classe (scompartimento a due letti). Si arriva dunque ben riposati.

Dopo essere sbarcati a Igoumenitsa si prende la corriera per Salonicco e si pernotta lì. Il passaggio in corriera dovrebbe aggirarsi sui 15 euro. Due giorni sono più che sufficienti per una visita ai principali monumenti della città dopo di che si parte sempre in autobus per qualche centro balneare della Calcidica.

Sazi di mare e sole si ritorna a Salonicco e si sale a bordo del "Filias Express" il treno a cuccette che parte alle 8 di sera arrivando ad Istanbul il mattino seguente.

Tappe[modifica]

La via Egnazia ai suoi inizi, poco dopo aver lasciato Igoumenitsa

Epiro[modifica]

  • 1 Igoumenitsa (Km 0) - Igoumenitsa è il punto d'inizio della moderna via Egnatia. Il piccolo porto è collegato ai porti italiani dell'Adriatico da innumerevoli traghetti.

Quanti abitano a Bari, Brindisi, Ancona o nelle zone circostanti potrebbero tentare la traversata via mare. I traghetti da Venezia fino a Igoumenitsa impiegano 23 ore e forse sono un po' troppe. Da Ancona si scende a 17 ore e da Brindisi a 8. Anche il costo della traversata scende in proporzione. Le compagnie marittime che operano su queste rotte sono elencate nell'articolo su Igoumenitsa

  • 2 Dodona- Sito archeologico di un famoso oracolo dell'antichità.
  • 3 Giannina (Ioannina) - ha un aspetto indolente e un po' fuori dal tempo, banale nella parte nuova, romantico nella parte vecchia con atmosfere che rimandano alla vicenda del pascià Ali di Tepeleni e al romanzo "Il conte di Montecristo" di Alessandro Dumas.

Macedonia Occidentale[modifica]

  • Grevena - Grevena è una cittadina di provincia con un certo potenziale turistico grazie ai paesini circostanti annidati sul massiccio dello Smólikas. Manca però di infrastrutture turistiche adeguate.
  • 6 Svincolo con la Autokinetodromos A29 number.svg - La A29 è un'autostrada di 79 km che termina a 7 Kristallopigi, il posto di frontiera con l'Albania.

Sull'autostrada si incontra 8 Kastoria - Kastoria , famosa per le sue chiesette bizantine e i loro pregevoli affreschi.

  • 9 Svincolo di Kozani Nord con la Autokinetodromos A27 number.svg - La A27 è un'autostrada che dopo 78,5 km termine al 10 posto di frontiera di Niki con la Macedonia del Nord. Tocca la città di Florina. Oltre confine sta Bitola, città ai piedi del massiccio montuoso Baba, rinomata località di villeggiatura.
Kozani è una città industriale sede di una centrale elettrica che sfrutta i vicini giacimenti di carbone di Ptolemaida. L'interesse della città è limitato.

Macedonia Centrale[modifica]

  • Veria - L'interesse di Veria è dato dal centro e dal quartiere ebraico ma soprattutto dal vicino sito archeologico di 11 Verghina dove nel 1977 fu scoperta la tomba di Filippo II di Macedonia con gli arredi funebri ancora intatti.
  • 12 Svincolo con la A1 - La A1 è l'autostrada da Atene fino al posto di frontiera con la Macedonia del Nord.
  • 13 Salonicco è una tappa interessante per chi ama l'arte paleocristiana e bizantina. Si può anche associare ai bagni di mare e ai divertimenti notturni. In tal caso però è preferibile risiedere in un albergo dei sobborghi orientali vicino o addirittura oltre l'aeroporto internazionale. Il sobborgo di Perea, sul mare possiede alberghi di varia categoria, anche economici.
Da Salonicco si potranno raggiungere con facilità i centri balneari della Calcidica, salendo a bordo di autobus pubblici del servizio KTEL. La Penisola calcidica merita di essere visitata. Sithonia, Kassandra sono piene di bellissime spiagge e centri balneari con numerosi campeggi. Ogni anno la Calcidica riceve un gran flusso di turisti provenienti da Russia e Europa dell'Est in genere. Anche il Monte Athos con i suoi spettacolari monasteri si raggiungono facilmente da Salonicco prendendo una corriera per Ouranoupoli che ha coincidenza con i traghetti. Attenzione però a richiedere per tempo i permessi necessari.

14 Svincolo con la A25 - La A25 termina dopo 105 km a 15 Promachonas, il posto di frontiera con la Bulgaria. Tocca la città di Serres e il lago Kerkini.

Macedonia Orientale[modifica]

  • 16 Kavala Kavala è ritenuta una città piacevole. Ha inoltre frequenti collegamenti con l'isola di Thassos, dai paesaggi molto verdi,
  • Drama Il bosco di Fraktou (Δάσος Φρακτού) sempre sui monti Rodopi non dovrebbe essere perso per quanto difficile da raggiungersi. La zona è incontaminata. Si può soggiornare negli alloggi del corpo forestale, semplici casette in pietra e in legno. Il bosco si raggiunge dal villaggio di Parenesti dopo Drama e dotato di stazione ferroviaria.

Tracia occidentale[modifica]

  • 17 Xanthi - Conserva un vecchio centro con case in legno del XIX secolo, del tempo in cui Xanthi era un prospero centro del commercio del tabacco. Chi ama il mare potrà soggiornare sul litorale di Abdera o nella vicina Porto-Lagos. Possibilità di escursioni tra i boschi dei Monti Rodopi.
  • 18 Komotini - Una città di provincia dal forte colore orientale, dovuto alla presenza di una consistente comunità musulmana.
  • 19 Alessandropoli Capoluogo dell'Evros, Alessandropoli (Alexandroupoli) ha un'aria abbastanza banale ma dal suo porto salpa il traghetto diretto a Samotracia, l'isola ove fu rinvenuta la famosa statua della Vittoria di Samotracia, uno dei capolavori del Louvre. La traversata d ura poco più di un'ora.
  • 20 Kipi - Valico di frontiera con la Turchia dove finisce la via Egnatia. Istanbul dista 260 km dal valico.

Sicurezza[modifica]

Nei dintorni[modifica]

Altri progetti

  • Collabora a Wikipedia Wikipedia contiene una voce riguardante Via Egnazia
  • Collabora a Commons Commons contiene immagini o altri file su Via Egnazia
2-4 star.svg Usabile: l'articolo rispetta le caratteristiche di una bozza ma in più contiene abbastanza informazioni per consentire lo svolgimento dell'itinerario.