Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Itinerario del centro di Castel Goffredo
(Castel Goffredo)
Piazza Castelvecchio
Tipo itinerario
Stato
Regione
Territorio
Città

Itinerario del centro di Castel Goffredo è un itinerario che si svolge attraverso il centro storico di Castel Goffredo, in provincia di Mantova, Lombardia.

Introduzione[modifica]

Questo itinerario nell'antica capitale dei Gonzaga di Castel Goffredo, permette di vedere i monumenti principali della città e viene eseguito esclusivamente a piedi.

Come arrivare[modifica]

Castel Goffredo, centro internazionale della calza.

In aereo[modifica]

Gli aeroporti più vicini sono:

  • aeroporto Aeroporto di Bergamo-Orio al Serio
  • aeroporto Aeroporto di Brescia-Montichiari. Solo Charter.
  • aeroporto Aeroporto di Verona-Villafranca

In treno[modifica]

Le stazioni più vicine sono:

  • stazioneStazione FS di Desenzano del Garda. Serviita da Frecciabianca per Milano Centrale, Torino Porta Susa, Trieste Centrale e Venezia Santa Lucia; da Frecciarossa per Brescia e Roma Termini e da regionali per Milano Centrale e Verona Porta Nuova.
  • stazioneStazione FS di Mantova. Sulla direttrice Verona-Modena.
  • stazioneStazione di Asola. Sulla direttrice Brescia-Parma.

In auto[modifica]

I caselli autostradali più vicini sono:

In autobus[modifica]

  • autobus Servizio espletato da APAM.

Parcheggi[modifica]

Liberi[modifica]
  • parcheggio Piazza Martiri della Liberazione
  • parcheggio Piazzale scuole medie Virgilio (libero solo nei giorni festivi)
  • parcheggio Piazzale del cimitero

Come spostarsi[modifica]

L'itinerario è percorribile per intero a piedi o anche in bicicletta.

Tappe[modifica]

Dal punto 1 al punto 5[modifica]

Porta Picaloca
Piazza Mazzini

Il percorso di visita inizia da 1 Porta Picaloca, unica rimasta delle quattro porte della fortezza cinquecentesca (Porta di Sopra, Porta Poncarali, Porta di Sotto). Si percorre via Mantova, lasciando sulla destra l' 2 Ospedale Vecchio, di fondazione quattrocentesca. Prima di raggiungere la piazza centrale, sulla destra si incontra il 3 quartiere ebraico e l'antica Sinagoga, dei quali oggi purtroppo non restano tracce. Su via Mantova, sul fianco sinistro della chiesa prepositurale, sono collocate alcune 4 epigrafi gonzaghesche del XVI secolo, risalenti al tempo di Aloisio Gonzaga, signore di Castel Goffredo. In una rientranza, in prossimità di Piazza Mazzini, è collocato il 5 Monumento a don Aldo Moratti, un curato che ha dedicato la sua vita ai ragazzi, ai sofferenti e ai bisognosi.

Dal punto 6 al punto 13[modifica]

Percorsi pochi passi, si entra nella 6 Piazza Mazzini, cuore della città, nella quale sono situati i principali edifici storici: il 7 Torrazzo col 8 Palazzo Gonzaga-Acerbi, da sempre sedi dei signori di Castel Goffredo; la trecentesca 9 Torre civica, simbolo della città, il 10 Palazzo Municipale e Loggia della Magnifica Comunità, il 11 Palazzo Riva, i 12 Portici cinquecenteschi con i negozi dei commercianti. Sul lato opposto della piazza è situata la 13 Chiesa prepositurale di Sant'Erasmo col Tesoro di Sant'Erasmo.

Dal punto 14 al punto 16[modifica]

Chiesa di San Giuseppe

Fiancheggiando la chiesa, si imbocca via Andrea Botturi, politico Castellano e si incontra il 14 MAST Castel Goffredo, museo della città, collocato nel Palazzo della Prevostura. A seguire il 15 Palazzo Negri, sede della prevostura di Castel Goffredo. Di fronte, la 16 Chiesa di San Giuseppe, in stile barocco, originariamente adibita a scuderia dei Gonzaga.

Dal punto 17 al punto 18[modifica]

Imboccata via don Aldo Moratti, la si percorre sino alla fine per giungere alla cinquecentesca 17 Chiesa dei Disciplini. Dietro alla chiesa, sulla sinistra, su una casa di civile abitazione, era collocato il 18 Torrione dei Disciplini, uno dei sette torrioni a difesa della città-fortezza.

Dal punto 19 al punto 21[modifica]

Si percorre via Montello per imboccare via Poncarali a destra, quindi per via Italia si giunge al 19 Parco La Fontanella, al cui interno è situato il 20 Torrione di Sant'Antonio, uno dei sette a difesa della città murata, sul quale è stata ricostruita una rotonda adibita a bar estivo. Sulla destra del torrione, è ancora visibile un antico tratto di 21 Mura gonzaghesche del XV secolo (verso il torrente Fuga).

Dal punto 22 al punto 25[modifica]

Primo tratto di mura

Usciti dal parco, da piazza Martiri della Liberazione si giunge, svoltando a destra, nella 22 Piazza Castelvecchio, la più antica della città, al centro dell'antico borgo di 23 Castelvecchio, primo nucleo della città fortificata. Imboccato 24 Vicolo Carlo V, che ricorda la visita dell'imperatore nel 1543 al paese, si fiancheggia la ex 25 Chiesa di Santa Maria del Consorzio, in origine la più antica del borgo e rifondata nel XV secolo.

Dal punto 26 al punto 27[modifica]

Per via Manzoni, al termine della quale era collocata 26 Porta di Sopra col rivellino e il fossato a difesa, si percorre un tratto di via Monte Grappa, alla metà della quale, sulla destra all'altezza del civico n. 25, si possono ancora vedere le 27 Prime mura con redondone in marmo.

Ritorno[modifica]

Percorsi pochi metri, si entra in 28 vicolo Cannone, sempre nel borgo Castelvecchio, al termine del quale si ritorna nella centrale Piazza Mazzini.

Sicurezza[modifica]

Nei dintorni[modifica]

Escursioni[modifica]

  • Lago di Garda — È uno dei grandi laghi lombardi; la sponda orientale è veneta, la punta a nord è trentina. Meta di turismo climatico fin dall'Ottocento, ogni paese rivierasco vive e si sviluppa con il turismo. Mete principali sono Sirmione, Desenzano del Garda, Salò, Riva del Garda, Garda, Peschiera del Garda.
  • Mantova — Città ricca di importanti tesori d'arte, Mantova è universalmente conosciuta come la città dei Gonzaga, che per quattro secoli la governarono tenendovi una delle corti più sfarzose d'Europa e ne fecero una delle più belle città del Rinascimento. Per la testimonianza eccezionale di realizzazione urbana, architettonica e artistica del Rinascimento, collegate tra loro attraverso le idee e le ambizioni della famiglia regnante, i Gonzaga, Mantova assieme a Sabbioneta, nel 2008, sono state dichiarate dall'UNESCO Patrimonio Mondiale dell'Umanità. Mantova è stata nominata Capitale italiana della cultura per il 2016.
  • Cremona — Ha un centro storico monumentale - Duomo, Battistero, Palazzo comunale - fra i più insigni della Lombardia. Fu città romana. Fu potente all'epoca dei Comuni e rivaleggiò con Milano, che infine la sottomise. I suoi violini (Stradivari e Amati), il suo Torrazzo e ancor più il suo torrone, sono noti ovunque.
  • Casatico (Marcaria) — È la patria del famoso letterato Baldassarre Castiglione, che qui nacque il 6 dicembre 1478. Interessante Corte Castiglioni, eretta nel XV secolo e rimaneggiata nel Cinquecento e Settecento.
Castel Goffredo, Oratorio di Sant'Apollonio.

Itinerari[modifica]

Itinerari di Castel Goffredo[modifica]

Altri itinerari[modifica]

Colline moreniche del lago di Garda
  • Luoghi della battaglia di Solferino e San Martino — L'itinerario percorre i luoghi nei quali si svolse, il 24 giugno 1859, la storica battaglia di Solferino e San Martino.
  • Nelle terre dei Gonzaga — Un itinerario attraverso i centri, grandi e piccoli, che furono capitali dei rami Gonzaga cadetti: principati, marchesati, ducati che, all'interno della compagine statale mantovana, godevano di una vera e propria indipendenza, spesso battevano moneta e tenevano corti raffinate che rivaleggiavano con quella mantovana, abbellivano i propri centri urbani dotandoli di eleganti architetture – chiese, piazze, palazzi, mura, torri - e di caratteristici scorci urbani come i tipici portici gonzagheschi.
  • Colline moreniche del lago di Garda — Sui primi corrugamenti della pianura padana che si fa collina, là dove ha inizio il grande bacino lacuale del Lago di Garda, il percorso tocca paesi e città che furono dominio gonzaghesco, veneziano, scaligero, e divennero poi teatro delle sanguinose battaglie risorgimentali che furono il preludio dell'Unità d'Italia. All'importanza turistica, storica e naturalistica la zona unisce un interesse enologico in quanto area di produzione dei vini dei colli, tokai, merlot e chiaretto.
2-4 star.svg Usabile: l'articolo rispetta le caratteristiche di una bozza ma in più contiene abbastanza informazioni per consentire lo svolgimento dell'itinerario.