Scarica il file GPX di questo articolo

Europa > Italia > Italia nordoccidentale > Lombardia > Bassa del Po di Lombardia > Oltrepò mantovano > Gonzaga (Italia)

Gonzaga (Italia)

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Gonzaga
Gonzaga - Torre quattrocentesca
Stemma
Gonzaga (Italia) - Stemma
Stato
Regione
Territorio
Altitudine
Superficie
Abitanti
Nome abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Patrono
Posizione
Mappa dell'Italia
Gonzaga (Italia)
Gonzaga
Sito istituzionale

Gonzaga è una città della Lombardia.

Da sapere[modifica]

Nasce qui la storia della famiglia Corradi che dopo avere accumulato ingenti ricchezze terriere si lanciò nella lotta politica trasferendosi a Mantova, dove si identificarono come Corradi da Gonzaga. Giunti infine alla Signoria di Mantova nel 1328 dopo avere spodestato i Bonacolsi, dal 30 aprile 1335 assunsero il solo cognome Gonzaga.

Cenni geografici[modifica]

Sorge nella pianura lombarda sulla sponda destra del Po, nell'Oltrepò mantovano; è quasi equidistante da Mantova (32 km) e da Reggio Emilia (34 km).

Cenni storici[modifica]

L'area di Gonzaga ha dato reperti etruschi e romani; notizie certe sul paese si hanno a partire dal Mille, quando i Canossa sono signori della Corte di Gonzaga. Ai Canossa si fa risalire la costruzione del monastero benedettino che dipende dall'Abate del Polirone e della chiesa parrocchiale di San Benedetto. Il paese in questo periodo è dotato di un fortilizio. Morta Matilde di Canossa Gonzaga passa ad Enrico V, poi ai monaci benedettini del Polirone dopo la sua morte. Ottone IV assegna Gonzaga ai Casaloldo, sostituiti nel XIII secolo dai Corradi, i futuri signori Gonzaga che ne mantengono il possesso fino alla caduta della famiglia. Nel Quattrocento, consolidatosi il potere gonzaghesco nel Ducato di Mantova, la Corte di Gonzaga viene usata dai principi come residenza estiva.

Terminata la signoria gonzaghesca il ducato di Mantova passa ai domini austriaci; il Castello di Gonzaga viene demolito nel 1717 per fornire materiale da costruzione per la fortezza di Mantova. Il Risorgimento vede fervori patriottici anche a Gonzaga, con le figure dei patrioti conte Arrivabene e Lisiade Pedroni. L'Unità d'Italia unisce infine i destini di Gonzaga a quelli del nuovo Stato.

Terremoto del 2012[modifica]

Nel gennaio 2012 e nel successivo mese di maggio 2012 forti scosse di terremoto hanno colpito una vasta area dell'Emilia danneggiando seriamente numerosi centri della Pianura padana emiliana fra l'autostrada del Sole e il corso del Po, nelle aree di Modena soprattutto e delle confinanti zone ferraresi e reggiane, interessando anche l'Oltrepò mantovano, appartenente alla Lombardia ma orograficamente parte dell'Emilia. Il sisma, che in Emilia è costato anche numerose vittime, nell'Oltrepò ha colpito i centri storici di numerose città causando crolli, cedimenti e lesioni in chiese e in antichi monumenti e lesionandone numerosi altri. I centri più colpiti sono stati Moglia, Pegognaga, San Giacomo delle Segnate, Poggio Rusco, Quistello, Gonzaga, San Giovanni del Dosso. I danni maggiori a Gonzaga si sono avuti nelle frazioni: a Palidano si è verificato il distacco della facciata della chiesa parrocchiale, lesioni al campanile e danni anche a villa Strozzi; a Bondeno il crollo del frontone semicircolare della chiesa parrocchiale e di parte della volta che ha distrutto l'altare maggiore. Nel capoluogo si sono verificati danneggiamenti alle torri e nelle due chiese.

Come orientarsi[modifica]

Quartieri[modifica]

Il suo territorio comprende i paesi di Bondeno e Palidano.

Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

Italian traffic signs - direzione bianco.svg

In auto[modifica]

È a poca distanza dall'Autostrada del Brennero:

Autostrada A22 Italia.svg

In treno[modifica]

Italian traffic signs - icona stazione fs.svg
  • * 4 Stazione di Gonzaga - Reggiolo, Via della Stazione. Ha stazione ferroviaria propria (Gonzaga - Reggiolo) sulla linea Verona - Modena.

In autobus[modifica]

Italian traffic sign - fermata autobus.svg


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

  • Torre civica.
  • 1 Chiesa parrocchiale di San Benedetto Abate, via Matilde di Canossa 14. La cappella dedicata a San Benedetto fu demolita nel 1089; al suo posto si costruì una chiesa ben più grande, a tre navate e tre absidi, con transetto, secondo i canoni romanici. Di questa struttura rimangono due absidi, il presbiterio ed una parte del transetto, poiché la chiesa fu modificata nel 1534 quando si ricostruirono le navate, poi nel 1868 ed infine nel 1925, quando si demolì il protiro originale e si rifece la facciata ad imitazione del romanico.
All'interno sono di un certo pregio alcune opere della quadreria: la pala dell'altare maggiore, riconducibile alla scuola di Giulio Romano, raffigurante la Vergine, il Bambino, San Benedetto e San Giovanni; alcune immagini di Santo carmelitani, che probabilmente provengono dal soppresso convento; una immagine della Madonna dei Miracoli, tela di piccole dimensioni del Quattrocento. L'altare maggiore è opera del 1781 in marmi policromi.
  • Piazza Castello.
  • Piazza Matteotti.
  • Convento di Santa Maria.
  • Chiesa dell'Immacolata Concezione (Chiesina di piazza).
  • Villa Canaro. Nel 1468 Luca Fancelli la costruì per i Gonzaga, che la usarono come villa di rappresentanza, e prende il nome dall'abbondanza delle canne palustri che si trovavano nei pressi. Fu sopraelevata nel Seicento, dotandola così di un grande salone con balaustra e un grande vestibolo. Conserva un imponente arco settecentesco all'ingresso.
  • Villa Speroni. Ha una ricca facciata a cui si affiancano due ali di edificio; è ancora abitata dalla famiglia omonima che la fece costruire, il cui capostipite si era trasferito da Padova a Mantova, lavorando a Palazzo Te con Giulio Romano
  • Corte Agnella. Esempio di architettura settecentesca della zona, con rustici e abitazioni dei contadini che contornano l'aia.

A Bondeno[modifica]

  • 2 Chiesa parrocchiale di San Tommaso Apostolo, Piazza Quattro Novembre.
  • Villa Rossi-Benatti.

A Palidano[modifica]

  • 3 Chiesa parrocchiale di San Sisto II Papa, Piazza Sordello.
  • Villa Strozzi. La Villa fu rimaneggiata nel Seicento, quando fu sopraelevata costruendo sopra l'unico piano che aveva. Furono aggiunti così il vestibolo, il salone ovale con balaustrata, la loggia ed altri eleganti ambienti ornati di stucchi barocchi. La Villa possiede anche pregevoli dipinti settecenteschi.
  • Villa Marini Guerrieri. Furono i conti Zanardi a far costruire l'edificio in un parco di faggi e di platani ora secolari. Le sue molte sale sono decorate da personaggi, piante, animali. Di grande impatto visivo lo scalone che conduce al piano superiore dove affreschi attribuiti al Campi precedono una bella sala di rappresentanza.


Eventi e feste[modifica]

  • Fiera Millenaria. Simple icon time.svg Si tiene ogni anno tra la prima e la seconda domenica di settembre. È una manifestazione di rilevanza nazionale che richiama allevatori e agricoltori da ogni parte d'Italia; Millenaria perché la sua origine si perde nel lontano passato, dal momento che vanta i natali nel Nono secolo.
  • Mostra mercato del C'era una volta. Simple icon time.svg la quarta domenica del mese.
  • Mercato settimanale. Simple icon time.svg il mercoledì.
  • Mercato settimanale (a Bondeno). il giovedì


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]


Come divertirsi[modifica]

Spettacoli[modifica]

  • Teatro Comunale, via Martiri di Belfiore. Organizza stagioni di spettacoli


Dove mangiare[modifica]

Prezzi medi[modifica]

  • 1 Nuovo Ristorante pizzeria Al Ponte Verde, Viale Fiera Millenaria 5, +39 0376 58409.
  • 2 Ristorante Negri, Latgo Martiri della Libertà 14, +39 0376 528182.
  • 3 Pizzeria Robby's, Piazza Matteotti 46, +39 0376 528467.
  • 4 Ristorante pizzeria Da Beppe, Strada Brigate Garibaldine 21 bis (a Bondeno), +39 0376 54449.
  • 5 Pizzeria ristorante bar La Pepa, via Dino Villani 2 (a Palidano), +39 0376 535003.


Dove alloggiare[modifica]

Prezzi medi[modifica]

  • 1 Albergo Il Rifugio, Via Chiesa Matildica 4, +39 0376 595071.
  • 2 Villa Alessia, Piazza Sordello 8 (a Palidano), +39 0376 532329, fax: +39 0376 507585.


Sicurezza[modifica]

Italian traffic signs - icona farmacia.svg Farmacie

  • 5 Conti, Piazza Matteotti 60, +39 0376 528359.
  • 6 Bondeno, Strada Bondeno degli Arduini, 2 (a Bondeno), +39 0376 54022.


Come restare in contatto[modifica]

Poste[modifica]

  • 7 Poste italiane, viale Virgilio 16, +39 0376 528358, fax: +39 0376 588409.
  • 8 Poste italiane, piazza Quattro Novembre 6 E (a Bondeno), +39 0376 54559, fax: +39 0376 54559.


Nei dintorni[modifica]

  • Carpi — Capitale dei Pio, vanta un centro storico monumentale di prim'ordine. Alla ricchezza storica ha affiancato una florida attività produttiva tessile supportata da una forte tradizione commerciale. Il terremoto del 2012 l'ha ferita, ma non ha vinto la tenacia della sua popolazione che sta lavorando per ripristinare quanto è stato danneggiato
  • Mirandola — Giovanni Pico della Mirandola è il più famoso e proverbiale personaggio della casata che signoreggiò la città per quattro secoli, dal 1311 al 1711. La sua zona monumentale è stata gravemente danneggiata dal terremoto del 2012, che ha seriamente compromesso anche le attività produttive.
  • Novellara — Fu capitale della Contea di un ramo della famiglia Gonzaga. Rimangono visibili la Rocca edificata da Guido Gonzaga ed ampliata dal conte Alessandro I Gonzaga ed il Santuario della Fossetta voluto da Barbara Gonzaga.
  • San Benedetto Po — L'Abbazia del Polirone perpetua il ricordo di Matilde di Canossa, la Gran Contessa che legò alla sua fama il nome del paese. La maestosità e la bellezza della chiesa e delle strutture conventuali, unite all'ampio respiro della piazza, ne fanno una meta di grande interesse.

Itinerari[modifica]


Altri progetti

2-4 star.svg Usabile: l'articolo rispetta le caratteristiche di una bozza ma in più contiene abbastanza informazioni per consentire una breve visita alla città. Utilizza correttamente i listing (la giusta tipologia nelle giuste sezioni).