Scarica il file GPX di questo articolo
Europa > Italia > Italia nordoccidentale > Lombardia > Bassa del Po di Lombardia > Oglio Po > Sabbioneta

Sabbioneta

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search
Sabbioneta
Palazzo Ducale
Appellativi
Stato
Regione
Territorio
Altitudine
Superficie
Abitanti
Nome abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Patrono
Posizione
Mappa dell'Italia
Sabbioneta
Sabbioneta
Sito del turismo
Sito istituzionale

Sabbioneta è una città della Lombardia nella provincia di Mantova.

Da sapere[modifica]

Vespasiano Gonzaga, fondatore di Sabbioneta. Statua lignea, Palazzo Ducale di Sabbioneta

Città fortezza detta anche la piccola Atene, assieme a Mantova nel 2008 è stata dichiarata dall'UNESCO Patrimonio Mondiale dell'Umanità.
È inserita tra I borghi più belli d'Italia ed è stata premiata con la bandiera arancione dal Touring Club Italiano.

Cenni geografici[modifica]

L'abitato sorge nel tratto della pianura padana compreso tra i comuni di Casalmaggiore, Commessaggio, Rivarolo del Re ed Uniti, Spineda e Viadana, nella zona della Bassa del Po di Lombardia conosciuta come Oglio Po.

Le sue frazioni sono: Breda Cisoni, Ca' de Cessi, Commessaggio Inferiore, Dossi, Ponteterra, Vigoreto e Villa Pasquali.

Quando andare[modifica]

Tutto l'anno. Ma i periodi migliori sono ad inizio ottobre, quando le prime nebbie avvolgono tutti i monumenti della "città ideale" e in inverno, con pochi turisti, quando sembra di tornare al tempo di Vespasiano Gonzaga.

Cenni storici[modifica]

Già possesso dell'Abbazia di Leno, nel 1444 passò al ramo cadetto dei Gonzaga di Sabbioneta e Bozzolo. Vanta una notevole importanza storica per essere stata fondata da Vespasiano Gonzaga Colonna tra il 1554 e il 1591 e fu la capitale dell'omonimo Ducato. Vespasiano seppe costruire una delle più belle cittadine del Rinascimento italiano, instaurando un ordinamento civile e militare. La dotò di un'accademia, un museo, una biblioteca e di una zecca. Dopo la sua morte, avvenuta nel 1591, una lunga vicenda successoria smembrò il ducato, che nel 1708 venne incorporato nel Ducato di Guastalla. Nel 1746 Sabbioneta passò alla Casa d'Austria. Nel 1806 Napoleone riunì Sabbioneta e Guastalla in un solo principato.

Il Ducato di Sabbioneta[modifica]

Stemma ducale

Il Ducato di Sabbioneta fu un antico Stato italiano di origine comitale limitato all'odierno comune di Sabbioneta, sorto per nomina imperiale nel 1577 e governato inizialmente da Vespasiano Gonzaga. Confinava ad ovest con il ducato di Milano, retto dal 1535 da un governatore spagnolo; a sud, oltre il Po, con il ducato di Parma e Piacenza amministrato dai Farnese, a nord-est con il ducato di Mantova dominato dai Gonzaga, ma da essi autonomo. Vespasiano tra il 1554 e il 1556 iniziò la trasformazione dell'antico borgo in una piazzaforte militare, fortificandola con mura e curandone lo sviluppo urbano: fece erigere palazzi, chiese e altri monumenti di valore artistico. Il decreto imperiale gli riconosceva il diritto di battere moneta e, probabilmente nei locali del vecchio castello, il duca fissò la sede della zecca che incominciò l'attività nel 1562. Il 18 novembre 1577 l’imperatore Rodolfo II concesse a Vespasiano l’elevazione di Sabbioneta a ducato indipendente. Il 26 febbraio 1591 Vespasiano morì e Isabella, sua unica figlia sopravvissuta, gli succedette nel governo del ducato. La duchessa, però, si curò poco del feudo (nominò un vicario), facendo trasferire a Milano e a Napoli, dove dimorava abitualmente, i preziosi arredi ed oggetti raccolti dal padre. Tra il 1630 ed il 1637 scomparvero sia Isabella che il marito Luigi Carafa della Stadera lasciando la cittadella di Sabbioneta (senza titolo ducale) alla nipote Anna Carafa della Stadera, alla quale subentrò, nel 1644, l'erede Nicola María de Guzmán Carafa, ultimo discendente di Vespasiano Gonzaga, il quale la resse fino al 1689. Il territorio sabbionetano passò al governatorato spagnolo di Milano che, nel 1693, lo vendette al genovese Francesco Maria Spinola. Nel 1703, infine, Sabbioneta fu ceduta ai Gonzaga di Guastalla che la incorporarono nel loro "Stato" fino al 1746 con Giuseppe Maria Gonzaga. Nel 1747 il ducato di Guastalla fu annesso dagli Asburgo d'Austria al Sacro Romano Impero.

La comunità ebraica di Sabbioneta[modifica]

Sabbioneta, Piazza Ducale

Il 22 luglio 1436 è la data di nascita della comunità ebraica sabbionetana, che raggiunse fasi di notevole sviluppo nei cinquecento anni della sua permanenza nella città ducale, fino a quando i suoi componenti si trasferirono via via nelle grandi citta, in particolare a Milano. Bonaiuto e Bonaventura da Pisa furono i primi due ebrei autorizzati, in quel lontano 22 luglio, ad aprire un banco di prestito a Sabbioneta, per volere di Gianfrancesco Gonzaga. Qui i componenti della comunità si dedicarono, oltre che ad attività finanziarie, alla stamperia, la quale nel 1554 diede alla luce l'ultima stampa italiana del Talmud.

Fra le famiglie ebraiche di Sabbioneta spiccarono soprattutto i Forti e i Foà; a quest'ultima famiglia appartiene il famoso attore Arnoldo Foà recentemente scomparso, ma anche il medico Pio Foà precursore della lotta alla tubercolosi e al cancro, che fu Senatore del regno d'Italia. Gli ebrei sabbionetani non ebbero mai un ghetto, poiché il Duca Vespasiano Gonzaga impose loro di vivere frammisti agli abitanti cattolici.

La comunità ebbe in successione almeno tre sinagoghe; l'attuale fu l'ultima, consacrata nel 1824. Caduta in abbandono nel Novecento fu restaurata negli ultimi decenni del medesimo secolo, e parzialmente riarredata con donazioni della comunità ebraica di Mantova. Il cimitero ebraico, collocato fuori città a Borgofreddo, conta 49 lapidi; caduto pure in abbandono, è stato restaurato ed è ora visitabile su richiesta alla Pro loco di Sabbioneta, che ne ha in carico la conservazione e la manutenzione. L'ultima inumazione porta sulla lapide la data del 1937, e riguarda un Forti emigrato a Milano, che tuttavia volle tornare da morto nella sua terra natale. Il volume “Il giardino degli ebrei, cimiteri ebraici del mantovano”, edito nel 2008 dalla casa editrice Giunti di Firenze, dedica spazio al cimitero sabbionetano e ne trascrive tutte le iscrizioni funebri.

Come orientarsi[modifica]

  • 1 Ufficio Turismo, Piazza d'Armi (Palazzo Giardino), +39 0375 52039, @ info@iatsabbioneta.org. Simple icon time.svg Da aprile a ottobre: Lun-Ven 09:30-13:00 e 14:30-18:00 Sab-Dom: 09:30-13:00 e 14:30-18:30 Lunedì chiuso (salvo festivi). Da novembre a marzo: Lun-Ven 09:30-13:00 e 14:30-17.00 Sab-Dom: 09:30-13:00 / 14:30-17.30 Lun chiuso (salvo festivi). L'Ufficio vende tutti i biglietti per i monumenti della città: biglietti combinati a Palazzo Giardino / Galleria, Teatro all'Antica, Palazzo Ducale, Sinagoga costano € 12. C'è anche un biglietto separato per la Chiesa della Beata Vergine Incoronata e Mausoleo di Vespasiano Gonzaga (€ 2).
Targa UNESCO

Brochure con itinerari giornalieri.

  • Piazza Ducale, con il Palazzo Ducale.
  • Piazza d'Armi, con il Palazzo del Giardino e la Galleria degli Antichi.

Quartieri[modifica]

Oltre alla città capoluogo il suo territorio comunale comprende anche le frazioni di Breda Cisoni (con la parrocchiale di San Giorgio), Ca' de Cessi, Commessaggio Inferiore (centro condiviso con Commessaggio, Ponteterra, Villa Pasquali (con la prestigiosa parrocchiale del Bibiena).

Come arrivare[modifica]

Piazza San Rocco

In aereo[modifica]

Gli aeroporti più vicini sono:


In auto[modifica]

Sabbioneta è attraversata dalla strada statale 420 Sabbionetana e dalla strada provinciale 62.
Possibilità di parcheggio gratuito.

  • Autostrada A22: uscita Mantova: seguire i cartelli in direzione Parma
  • Autostrada A1: uscita Parma: seguire i cartelli in direzione Colorno - Casalmaggiore - Mantova
  • Autostrada A21: uscita Cremona: seguire i cartelli in direzione Casalmaggiore e da qui Sabbioneta


In treno[modifica]

  • 6 Stazione di Mantova, Piazza don Leoni (direttrice Verona Porta Nuova-Mantova, Modena-Mantova, Milano Centrale-Cremona-Mantova, Monselice-Mantova). Treni diretti 1 volta al giorno da Bologna Centrale, Parma e Venezia Mestre.
  • 7 Stazione di Casalmaggiore, Via Mazzini, 68 (direttrice Parma-Brescia.). 1 coppia di treni al giorno anche sulla relazione Mantova-Piadena-Parma
  • 8 Stazione di Bozzolo, Piazza don Leoni (direttrice Mantova-Piadena.). 3 coppie dirette senza cambi sulla relazione Milano Centrale - Cremona - Mantova nelle fasce orarie di punta; in quelle di morbida sono previste coincidenze a Piadena per Cremona e Milano Centrale.

In autobus[modifica]

  • APAM, linea 17: Mantova-Sabbioneta-Viadana
  • TEP, linea 2812: Parma Sabbioneta


Come spostarsi[modifica]

Con mezzi pubblici[modifica]

  • APAM, linea 17: Mantova-Sabbioneta-Viadana
  • TEP, linea 2812: Parma Sabbioneta

In bici[modifica]

Itinerario ciclabile nei dintorni:

Viadana/Pomponesco: strada argine. Correggio Verde: strada argine. Villastrada: strada argine. Cavallara: strada argine. Cizzolo: strada argine. San Matteo delle Chiaviche: S.P. 57. Torre D'Oglio: ponte di barche, S.P. 57 e strada argine. Scorzarolo: strada argine. Borgoforte: S.P. 54. Boccadiganda: S.P. 54 e strada argine. San Nicolò Po: S.P. 54. San Giacomo Po: S.P. 54 e strada argine. Correggio Micheli: strada argine e strada comunale. Governolo: Conca di San Leone.

Cosa vedere[modifica]

Palazzo Ducale
Chiesa dell'Incoronata
  • 1 Palazzo Ducale, Piazza Ducale. Venne eretto, su disegno di Paolo Tusardi, nel 1568 con portico al piano terreno e torretta al centro del fabbricato. La facciara venne abbellita nel 1569 e adornata di affreschi, ora scomparsi. All'interno tutti i saloni (Sala delle Guardie, Galleria degli Antenati, Sala dei Dardi, Sala d'Oro, con soffitto dipinto in oro zecchino) sono con soffitti in legno intagliato e decorati con stucchi. Sono presenti quattro statue equestri del 1587, opere attribuite a Lorenzo Bregno, e cinque busti in legno rappresentanti gli antenati di Vespasiano Gonzaga. Palazzo Ducale (Sabbioneta) su Wikipedia "Palazzo Ducale" su Wikidata
Galleria degli Antichi
Teatro Olimpico o all'Antica
  • 2 Chiesa dell'Incoronata, Via dell'Incoronata. A pianta ottagonale fu edificata nel 1588. Al suo interno è collocato il mausoleo di Vespasiano Gonzaga opera di Della Porta, con la sua statua in bronzo, opera di Leone Leoni, che in origine era collocata a Palazzo Ducale. Chiesa della Beata Vergine Incoronata su Wikipedia "chiesa della Beata Vergine Incoronata" su Wikidata
  • 3 Galleria degli Antichi, Piazza d'Armi. Fa parte del Palazzo del Giardino, del 1577. Lunga novanta metri ed è sostenuta da una serie di archi sottostanti. Fu realizzata ne periodo 15883-1584 per contenere una raccolta di statue e lapidi greco romane.
  • Attrazione principale4 Teatro Olimpico o all'Antica. È il capolavoro di Vincenzo Scamozzi, del 1588. E' considerato come la prima edificazione di un teatro chiuso con scena fissa. Oggi, al suo interno si tengono spettacoli musicali. Teatro all'Antica su Wikipedia "Teatro all'Antica" su Wikidata
Piazza Ducale
Palazzo del Giardino
  • 5 Chiesa di Santa Maria Assunta, Piazza Ducale. Del 1581, conserva all'interno la cappella del Sacro Cuore, opera di Antonio Bibiena e numerose tele di artisti rinascimentali.
  • 6 Palazzo del Giardino (Ufficio del Turismo), Piazza d'Armi 1, +39 0375 52039, fax: +39 0375 52039, @ iat@sabbioneta.org. Ecb copyright.svg 5 €. Simple icon time.svg 09:30-13:00 e 14:30-17:00. Eretto tra il 1577 e il 1588 per i piaceri del duca Vespasiano Gonzaga, presenta al suo interno lussuoso numerose salette decorate da allievi di Giulio Romano. Ha pianta rettangolare con facciata molto semplice e sul retro un giardino all'italiana con resti di numerose fontane. Al piano terreno sono presenti la Sala di Marte, la Sala dei Venti e il Camerino di Venere, con affreschi di Barnardino Campo. Al piano superiore il Camerino dei Cesari e la Sala delle Olimpiadi con grottesche di allievi di Giulio Romano, la Sala dei Miti, la Saletta di Enea e la grande Sala degli Specchi. Da questo piano si ha accesso alla Galleria degli Antichi.


Porta Vittoria
Porta Imperiale
  • 7 Porta Vittoria. Una delle due porte di accesso alla città.
  • 8 Porta Imperiale. Edificata nel 1579, è una delle due porte di accesso alla città.


Mura antiche
  • Mura antiche. Munite di sei bastioni, vennero erette a difesa della città.


A Villa Pasquali[modifica]

  • Chiesa Parrocchiale di Sant'Antonio Abate. Edificata nella seconda metà del Settecento, la chiesa fu progettata da Antonio Luigi Galli da Bibiena, famoso architetto dell'epoca. L'edificio in stile rococò mostra un ingresso centrale nella facciata suddivisa in due ordini, tuscanico e corinzio. Il progetto originario prevedeva la costruzione di due torri; ne è stata realizzata una sola.
L'interno è a navata unica, con due cappelle laterali a sinistra ed altre due a destra. L'alta cupola (33 metri) azzurra e doppia sovrasta con imponenza la costruzione. Lo stesso Bibiena mise mano ai decori interni, proseguiti poi da Pietro Groppi e Giuseppe Cremaschi. Al pittore cremonese Agostino Amadini si deve la pala d'altare di fine ottocento, mentre la Via Crucis è opera di Francesco Chiozzi di Casalmaggiore, l'affresco dell'Annunciazione di Giovanni Morini di Viadana.
La chiesa è dotata di un organo Cavalletti del 1841.
Il terremoto dell'Emilia del 2012 ha arrecato danni all'edificio, che pertanto è rimasto chiuso per restauri e consolidamenti antisismici, in particolare nela zona del presbiterio e dell'abside. I lavori, con la conseguente riapertura del tempio, si sono conclusi nel 2016.

Eventi e feste[modifica]

  • 9 Mercatino dell'antiquariato (nelle vie del centro). Ogni prima domenica del mese ad eccezione di Gennaio e Agosto.
  • 10 Giornata delle bandiere Arancioni. Ad ottobre di ogni anno.


Cosa fare[modifica]

Antiquario
  • Visitare Mantova e Sabbioneta (con la linea bus Mantova-Sabbioneta), + 39 0376 230 339, @ customer.care@apam.it. Simple icon time.svg Orari servizi. Orario telefonici: Lun-Gio 7:30-17:00; Ven 7:30-16:00; Sab 7:30-12:00. Nei giorni feriali il collegamento tra Mantova e Sabbioneta è garantito dalla Linea Interurbana 17 APAM. La Linea 17 non passa per il centro storico di Mantova ma è possibile raggiungere le fermate interessate attraverso la Linea Circolare (Linee Urbane)


Acquisti[modifica]

Mobili ed oggetti antichi nei numerosi negozi di antiquariato del centro storico.

  • 1 Mercatino serale (Tutti i giovedì dal 5 giugno all'11 luglio). Piccolo antiquariato, hobbismo, artigianato, collezionismo, modernariato, curiosità e oggettistica.


Come divertirsi[modifica]

Spettacoli[modifica]

  • Notte Bianca a Sabbioneta (Nelle vie del centro). Simple icon time.svg A settembre.


Dove mangiare[modifica]

Prezzi medi[modifica]


Dove alloggiare[modifica]

Prezzi modici[modifica]

Aree sosta per camper[modifica]

  • 1 Area di sosta Sabbioneta, Via Vespasiano Gonzaga 28 (L'area è situata in via Piccola Atene, laterale di Via A. De Gasperi, che si imbocca svoltando all'incrocio sulla SP 420 Parma-Mantova a 300 m. dal centro storico.), +39 0375 52010. L'area attrezzata è dotata di acqua, pozzetto di scarico ed illuminazione. Lo spazio è ampio e può ospitare numerosi mezzi. È possibile sostare in altre aree situate vicino alle mura.

Prezzi medi[modifica]


Sicurezza[modifica]

In caso di emergenza contattare:

  • Polizia al +39 0375 52045
  • Polizia turistica al +39 0375 221008


Come restare in contatto[modifica]

Poste[modifica]



Nei dintorni[modifica]

Parco Oglio sud
  • Parco dell'Oglio Sud
  • Villa Pasquali, con chiesa parrocchiale barocca di Antonio Bibiena.
  • Viadana — Capoluogo del Viadanese, il suo vasto centro storico, di buon interesse, vive di atmosfere padane e gonzaghesche. I viali di circonvallazione segnano il percorso delle antiche mura scomparse; le vie porticate del centro contraddistinguono la città con lo stile urbanistico gonzaghesco.
  • Pomponesco — Città di fondazione, deve a Giulio Cesare Gonzaga la sua struttura urbanistica cinquecentesca in cui spicca la scenografica piazza porticata, che si collega con una scalinata all'argine del Po, sulla quale prospettano su due lati la chiesa arcipretale ed il palazzo civico; sul quarto lato rimangono purtroppo solo poche tracce del castello.
  • Mantova — Capitale dei Gonzaga, emana ancora il suo sottile fascino di grande città d'arte per la quale la nomina a Patrimonio Mondiale dell'Umanità UNESCO è stata non tanto un riconoscimento, quanto una doverosa presa d'atto. Ineguagliabili le sue atmosfere antiche, i profili dei palazzi e delle cupole che si stagliano nella foschia padana avvolti dallo specchio dei suoi laghi, la sua sterminata reggia gonzaghesca che ingloba numerosi edifici nel centro città.
  • Casalmaggiore — Capoluogo del Casalasco, protetta da poderosi argini, la città si sviluppa parallelamente al letto del Po. L'ampio respiro della piazza principale, l'innegabile maestosità del Palazzo municipale e del Duomo rivelano il suo carattere di importante centro della Bassa. Il Santuario della Madonna della Fontana, la chiesa di Santa Chiara, la chiesa dell'Ospedale sono fra i suoi monumenti di spicco.
  • Colorno — La sua Reggia fu dei Sanseverino, poi dei Farnese, di Maria Luigia d'Austria, dei Borbone; è il monumento di gran lunga più importante di questa piccola Versailles parmense, che offre anche un centro storico piccolo ma bello, a ridosso del torrente Lorno che gli dà il nome e del Parma, poco lontano dal Po.
  • Parma — Città d'arte fra le maggiori dell'Emilia, mantiene con grande evidenza aspetto, signorilità e modi di vita da Capitale, come lo fu per secoli. La reggia Farnese della Pilotta, la Cattedrale romanica, la chiesa della Steccata sono alcune delle emergenze monumentali che caratterizzano la città; di gran fama il suo Teatro, la sua tradizione musicale (Giuseppe Verdi), la sua scuola di pittura (Correggio, Parmigianino), il suo amore per la buona tavola (prosciutto crudo di Parma, salumi, parmigiano reggiano, lambrusco).
  • Cremona — Ha un centro storico monumentale - Duomo, Battistero, Palazzo comunale - fra i più insigni della Lombardia. Fu città romana. Fu potente all'epoca dei Comuni e rivaleggiò con Milano, che infine la sottomise. I suoi violini (Stradivari e Amati), il suo Torrazzo e ancor più il suo torrone, sono noti ovunque.
  • Percorso naturalistico degli Arginelli

Itinerari[modifica]

Informazioni utili[modifica]

Con Mantova Card (costo €20 adulti e €8 famiglia), acquistabile negli infopoint e musei di Mantova (a Sabbioneta: Ufficio Turismo, Piazza d'Armi 1) ed anche online, è possibile visitare musei e monumenti di Mantova e Sabbioneta a prezzi vantaggiosi. Durata della card 72 ore dal giorno del primo utilizzo.


Altri progetti

2-4 star.svg Usabile: l'articolo rispetta le caratteristiche di una bozza ma in più contiene abbastanza informazioni per consentire una breve visita alla città. Utilizza correttamente i listing (la giusta tipologia nelle giuste sezioni).