Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Ho Chi Minh
Thành phố Hồ Chí Minh
Panorama di Saigon al crepuscolo
Stato
Regione
Altitudine
Superficie
Abitanti
Nome abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Posizione
Mappa del Vietnam
Reddot.svg
Ho Chi Minh
Sito istituzionale

Città di Ho Chi Minh è il maggiore centro urbano del Vietnam meridionale.

Da sapere[modifica]

Dei 4,3 milioni di turisti recatisi in Vietnam nel 2007, il 70%, (circa 3 milioni), hanno visitato Ho Chi Minh. Secondo più recenti statistiche, Ho Chi Minh ha accolto 6 milioni di turisti nel 2017.

Cenni geografici[modifica]

Ho Chi Minh si trova nella regione sud-orientale del Vietnam, 1.760 km a sud di Hanoi. L'altitudine media è di 19 m sul livello del mare. La città copre un'area di 2.095 km² (0,63% della superficie del Vietnam) e si estende da una distanza di 19 km dal confine con la Cambogia fino a lambire la costa del Mar Orientale in località Cần Giờ.

La distanza dal punto più settentrionale (Comune di Phú Mỹ Hưng, Distretto di Củ Chi) a quello più meridionale (Comune di Long Hòa, Distretto di Cần Giờ) è di 102 km e dal punto più orientale (Rione di Long Bình, Distretto Nine) a quello più occidentale (Comune di Bình Chánh) è di 47 km.

La città è bagnata dal fiume Saigon che nasce nel sud-est della Cambogia.

Quando andare[modifica]

Ho Chi Minh ha un clima tropicale caratterizzato dall'alternanza di due stagioni, una umida e un'altra asciutta.

La stagione secca va da dicembre a maggio e coincide con il miglior periodo per una visita. In particolare i mesi di dicembre, gennaio e febbraio presentano temperature e tassi di umidità meno elevati rispetto al resto dell'anno.

Marzo e aprile sono mesi già caldi, con temperature che possono raggiungere i 40° C. e meno indicati per una visita.

La stagione delle piogge è lunga, di solito inizia a maggio e termina ad ottobre.

Durante la stagione umida, una combinazione di alta marea, forti piogge, volume elevato dei fiumi Saigon e Dong Nai provoca inondazioni regolari e cedimento di terreni in diversi punti della città.

Cenni storici[modifica]

Sul sito dell'odierna Ho Chi Minh sorgeva, nell'XI secolo d.C., un villaggio chiamato Baigaur. Quando l'impero Cham fu invaso dal popolo Khmer, Baigaur fu ribattezzata Prey Nokor, che significa "Città della foresta". Un nome alternativo era Preah Reach Nokor che, secondo una cronaca Khmer, significa "Città reale".

A partire dagli inizi del XVII secolo, la progressiva colonizzazione dell'area da parte di coloni vietnamiti isolò i Khmer del delta del Mekong dai loro consanguinei che vivevano nei territori dell'odierna Cambogia. Sotto i vietnamiti Prey Nokor divenne nota come Saigon. Nel 1698, Nguyễn Hữu Cảnh, un nobile vietnamita, fu inviato via mare dai governanti Nguyễn di Huế per stabilire strutture amministrative vietnamite nell'area. La fortezza Gia Định fu costruita da Victor Olivier de Puymanel, uno dei mercenari francesi di Nguyễn Ánh. La cittadella fu successivamente distrutta dai francesi in seguito alla battaglia di Kỳ Hòa.

Colonizzata dai francesi nel 1859, la città fu ceduta alla Francia dal Trattato di Saigon del 1862. Negli anni successivi Saigon di ricoprì di un gran numero di palazzi e ville nello stile eclettico imperante in Europa nella seconda metà dell'800. Nel 1929 Saigon aveva raggiunto 123.890 abitanti. Di questi 12.100 erano francesi.

Nel 1931 si formò la nuova conurbazione di Saïgon-Cholon ma i due centri continuarono ad avere aministrazioni separate, ciascuna con un proprio sindaco e consiglieri comunali. Solo dopo la proclamazione dell'indipendenza del Vietnam del Sud nel 1955, i due centri si fusero in un'unica città.

Nel 1949 l'imperatore Bảo Đại fece di Saigon la capitale dello Stato del Vietnam e proclamò se stesso capo di stato. L'accordo di Ginevra del 1954 divise il Vietnam a metà e il confine tra i due stati correva lungo il 17° parallelo (fiume Bến Hải).

Il Vietnam del Sud era uno stato capitalista che combatté con l'assistenza degli Stati Uniti e di altri paesi contro il governo comunista del Nord. Ciò nonostante il 30 aprile 1975 Saigon cadde nelle mani dei comunisti.

Questo evento è comunemente chiamato "Caduta di Saigon", mentre la Repubblica Socialista del Vietnam lo chiama "Liberazione di Saigon". L'anno seguente fu proclamata la Repubblica socialista comunista unificata del Vietnam e Saigon (compresa Cholon), fu ribattezzata Città di Ho Chi Minh in onore del defunto leader comunista. Tuttavia, il nome precedente Saigon è ancora ampiamente utilizzato dai vietnamiti in contesti informali.

Come orientarsi[modifica]

Una delle principali vie del centro è Đồng Khởi, lunga poco meno di 1 km. La via parte da Place de la Commune-de-Paris di fronte alla Cattedrale di Notre-Dame, attraversa la Piazza Lam Son, il Parco Chi Lang e termina all'incrocio con via Ton Duc Thang, sulla riva del fiume Saigon.

Si chiamava in origine Rue Catinat, dal nome di una nave da guerra che nel XIX secolo prese parte alle operazioni belliche che garantirono alla Francia la nuova colonia dell'Indocina.

Đồng Khởi è contornata da notevoli palazzi di epoca coloniale, oggi adibiti ad alberghi di lusso (Continental, Majestic, Grand Hotel e Caravelle). Sulla via si affaccia anche il Teatro dell'Opera Lirica.

Distretti[modifica]

La città è divisa in 22 distretti ("Quận") ma cinque di questi, situati all'estrema periferia, non sono che aree rurali. I rimanenti 17 sono indicati con cifre, eccezion fatta per cinque di loro che portano i nomi di Tan Binh, Binh Thanh, Phu Nhuan, Thu Duc e Go Vap. I distretti di maggiore interesse turistico sono:

Distretto nº 1 - Corrisponde al centro di Ho Chi Minh City, limitato a est dal fiume Saigon e a sud dal canale Ben Nghe.. Pressappoco al suo centro c'è la zona del mercato "Ben Thanh" ma il cuore del distretto batte un po' più a est, là dove si erge il palazzo del Comitato del Popolo (municipio) con davanti il monumento a Ho Chi Minh.

Distretto nº 5 - Questo distretto corrisponde all'antico quartiere cinese noto come Cholon il cui nome significa Grande Mercato. I Cinesi vi si insediarono verso la fine del XVIII secolo ma molti di loro furono costretti ad abbandonarlo in seguito alla campagna governativa promossa contro questa minoranza intorno al 1979, anno del conflitto sino-vietnamita, una scaramuccia durata soltanto 17 giorni. Al tempo della guerra del Vietnam finita 5 anni prima, soldati e disertori americani vi mantenevano un fiorente mercato nero dove l'oggetto delle contrattazioni era costituito soprattutto da armi. Oggi il quartiere attira molti turisti per via delle sue numerose pagode e parecchi cinesi a caccia di affari vi si sono installati di nuovo dopo la distensione dei rapporti fra Vietnam e Cina.

Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

Aeroporto Tan Son Nhat
  • 1 Aeroporto Internazionale Tan Son Nhat. Recentemente è stato completato un secondo terminale nuovo di zecca per i voli internazionali mentre il preesistente è adesso riservato ai soli voli domestici. I controlli alla dogana sono severi e minuziosi soprattutto per quanto riguarda i documenti di viaggio così le code costituiscono la norma.
Il trasferimento da/per l'aeroporto avviene tramite l'autobus nº 152 che fa capolinea nella zona di Pham Ngu Lao, ferma in Duong le lai, al mercato Ben Thanh, e in DE Tham, ci impiega 45 minuti ( Duog le Lai, e DE Tham nel distretto 1, sono le zone dove ci sono moltissimi hotel). Sebbene il prezzo del biglietto sia stato portato a 5.000 dong, a noi occidentali chiedono anche 5.000 dong per la valigia, l'autobus costituisce ancora la soluzione più economica per i trasferimenti da/per l'aeroporto.
Un taxi impiega circa mezz'ora per raggiungere il centro e il costo della corsa dovrebbe aggirarsi sui 10-12 US$. ma bisogna fare attenzione che il tassametro sia stato messo in funzione. Altrimenti per 10-12 US$ corrispondenti a 200.000-240.000 dong si può acquistare un coupon al bancone vicino all'uscita del terminal, mettendosi così al riparo da disguidi e discussioni.
All'aeroporto c'è la possibilità di cambiare in valuta locale ma le commissioni sono salate, ammontando a un buon 3% così chi volesse risparmiare farebbe bene a cambiare una volta giunto in centro.
Anche qui come a Hanoi il conducente di taxi insisterà per condurvi a un albergo di sua conoscenza e bisognerà essere fermi nel rifiutare. C'è da dire ancora che quando ripartirete il conducente tenterà con tutta probabilità di estorcervi qualche dollaro in più invocando una tassa per l'accesso alla zona dell'aeroporto che non vi compete.
Bisogna fare molta attenzione a controllare che nel costo del biglietto sia inclusa la tassa di imbarco/sbarco altrimenti avrete una brutta sorpresa allo sportello del check dove vi verrà chiesto con tono perentorio di sganciare altri 240.000 dong. Aeroporto Internazionale Tan Son Nhat su Wikipedia aeroporto internazionale Tan Son Nhat (Q478595) su Wikidata

In nave[modifica]

Ho Chi Minh è un vivace porto fluviale, anche passeggeri; oltre ad accogliere un flusso costante di navi mercantili, le navi passeggeri operano regolarmente su rotte per varie destinazioni nel Vietnam meridionale e in Cambogia; tra queste Vũng Tàu, Cần Thơ, il delta del Mekong e Phnom Penh. HCMC Ferrybus è la compagnia adibita al trasporto pubblico fluviale.

In treno[modifica]

  • 2 Stazione ferroviaria (Ga Sài Gòn). La stazione ferroviaria principale si trova nella zona di Cach Mang Thang Tam a nord ovest del centro.
Vi fa capolinea l'Espresso della Riunificazione (tàu Thống Nhất) proveniente da Hanoi. Le ferrovie assorbono solo lo 0,6% del traffico passeggeri. Saigon railway station (Q2673539) su Wikidata


Come spostarsi[modifica]

Strade e marciapiedi sono a disposizione dei motorini e non dei pedoni sebbene le proteste di chi cammina si facciano sempre più forti e forse a breve le autorità prenderanno qualche misura restrittiva. Il traffico non è così pazzesco come a Bangkok ma rimane pur sempre inquietante per il turista medio. A correre come folli per le strade cittadine sono quasi esclusivamente nugoli di motorini e spesso a bordo di una motocicletta si vede una famiglia al completo: mamma, papà e due-tre figli nel mezzo. Chi è alla guida di un motorino è prepotente e se ne infischia dei pedoni e dei rari semafori. Tutto questo rende problematico attraversare la strada e il trucco consiste nell'accompagnarsi ai locali e nel non tentare mai la sorte da soli.

Anche gli agenti della polizia stradale se ne infischiano delle infrazioni al codice e il loro compito sembrerebbe limitato a controlli casuali con l'intento di spiccare multe e alimentare così le casse di qualche ente amministrativo. Se poi verrete malauguratemente coinvolti in un incidente stradale, ve ne verrà imputata la colpa semplicemente perché siete straniero.

Un rickshaw a pedali nel centro di Ho Chi Minh City

Con mezzi pubblici[modifica]

Il sistema dei trasporti pubblici è stato notevolmente migliorato. Sono stati messi in circolazione autobus moderni di colore verde. Agli uffici del turismo statale sono disponibili dépliant con i loro percorsi. Se andate sul sito degli autobus, trovate la mappa stilizzata dei percorsi, e anche la mappa delle fermate. Dalla stazione Ben Thanh (piazza del mercato) passano molti autobus, N. 1 per andare a Cholon, i N. 30,45 e 95 per andare alla Pagoda dell'imperatore di Giada.

In taxi[modifica]

Il taxi costituisce il mezzo più confortevole per spostarsi da un punto all'altro della città e si può anche fermarlo per strada. Purtroppo i conducenti sono spesso disonesti e smanettano il tassametro per far salire il prezzo della corsa. Le tariffe si aggirano sui 12.000 dong per i primi 2 km, 17.000 per ogni km in più. È importante portare con sé abbondanti spiccioli perché quasi sempre il conducente afferma di non avere resto da dare. I taxi più vecchi, poi non hanno l'aria condizionata.

In ciclomotore[modifica]

Le motociclette con funzione di taxi (xe ôm) sono diffusissime ma a volte può essere una scelta pericolosa. Naturalmente è necessario pattuire il prezzo in anticipo e farselo scrivere su un pezzo di carta. I prezzi sono assolutamente irrisori. Un passaggio da un estremo all'altro del centro non dovrebbe costare più di 10.000 dong mentre una corsa fino all'aeroporto dovrebbe aggirarsi sui 30.000. Se siete sofferenti di stomaco dovreste evitare gli xe ôm perché corrono come saette.

Potete anche noleggiare un ciclomotore tutto vostro per spostarvi in piena libertà. La zona di Pham Ngu Lao dove si trova la maggior parte degli alberghetti a prezzi modici, pullula anche di noleggiatori. I prezzi variano dai 3 ai 7 US$ per 24 ore a seconda delle condizioni del ciclomotore. Con un po' di pazienza per 4 US$ si dovrebbe trovare un ciclomotore da 100-110 cc in buone condizioni. Comunque questa è una soluzione per chi ha già un po' di pratica con il traffico locale. I ladri di motorini poi, abbondano come le zanzare e lasciarlo incustodito significa non ritrovarlo più.

In cyclo[modifica]

I caratteristici cyclo, ovvero i vecchi, cari rickshaw a motore sono quasi scomparsi dalle strade cittadine perché l'amministrazione locale li giudica d'intralcio al traffico. Se ne trovano ancora alcuni nella zona del mercato centrale. Il prezzo è di circa 2 $. Pattuite comunque il prezzo in anticipo e anche in questo caso fatevelo scrivere su un pezzo di carta. Appena salirete a bordo poi, il conducente vi proporrà un giro turistico della città, ci potete scommettere.


Cosa vedere[modifica]

Monumento a Ho Chi Minh e Palazzo del Comitato del Popolo (Municipio)
Particolare della pagoda dedicata a Thien Hau, dea del mare
  • 1 Palazzo del Comitato del Popolo. Questo palazzo di epoca coloniale si trova nel centro esatto di Saigon. L'espressione Comitato del Popolo sta a indicare l'ente preposto all'amministrazione cittadina, ovvero il municipio. Il palazzo, dalla facciata riccamente decorata, fu costruito dai francesi tra il 1900 e il 1908. L'interno non è visitabile. Municipio di Ho Chi Minh su Wikipedia Municipio di Ho Chi Minh (Q2227195) su Wikidata
Palazzo della Riunificazione
  • 2 Palazzo della Riunificazione (Dinh Thống Nhất), Entrata da via Nam Ky Khoi Nghia n° 135, +84 8 9693272. Ecb copyright.svg Ingresso: 15,000 dong. Simple icon time.svg Ogni giorno dalle 07:30 alle 11:00 e nei pomeriggi dalle ore 01:00 alle 16:00. Noto anche come Palazzo dell'Indipendenza, è l'edificio in cui avvenne la storica riunificazione tra il Vietnam del Sud e quello del Nord. Alle 10:45 del 30 aprile 1975, infatti, vi entrò il carro armato dei Vietcong n° 843. I soldati quindi occuparono il palazzo che era stata la sede di Nguyen Van Thieu, presidente del Vietnam del Sud e fuggito precipitosamente all'estero nove giorni prima. Ad attendere i militari c'era il suo secondo successore, il generale Duong Van Minh che non poté fare altro che arrendersi. Era rimasto in carica per sole 48 ore. Il tank n° 843 è ora parcheggiato nel cortile del palazzo. La prima pietra per la costruzione dell'edificio fu posta nel 1868 da Lagrandière, l'allora governatore francese della Cocincina in sostituzione di un modesto edificio in legno. Il progetto del palazzo fu affidato a Hermite, un architetto che aveva realizzato la sede del municipio di Hong Kong. L'edificio fu completato nel 1873 e prese il nome di "Norodom" in onore dell'allora re della Cambogia. Fino al 1954 fu sede del governatore dell'Indocina francese tranne la breve parentesi dell'occupazione giapponese durante la II guerra mondiale. Dopo la sconfitta francese del 1954 divenne la sede del presidente del Vietnam del Sud e fu rinominato palazzo dell'Indipendenza. Il 27 febbraio del 1962 andò distrutto in seguito a un attacco operato da forze aeree del Vietnam del Nord. La sua ricostruzione fu affidata a Ngô Viết Thụ, un architetto vietnamita che si era distinto in campo internazionale vincendo il Grand Prix de Rome del 1955. Il nuovo palazzo presidenziale fu inaugurato il 31 ottobre 1966 e l'anno successivo vi si insediò il presidente Van Thieu che vi rimase fino al 21 aprile 1975, giorno della sua fuga all'estero. Il tempo sembra essersi fermato all'interno del palazzo e tutto è rimasto come lo aveva lasciato Van Thieu. Palazzo dell'indipendenza su Wikipedia Palazzo di Riunificazione (Q933384) su Wikidata
  • 3 Cattedrale di Notre Dame (Nhà thờ Đức Bà), Via Han Thuyen, all'angolo con via Dong Khoi. Fu costruita dai Francesi verso la fine del XIX secolo in stile neo-romanico. Basilica di Notre-Dame di Saigon su Wikipedia basilica di Notre-Dame di Saigon (Q428129) su Wikidata
  • 4 Pagoda di Thien Hau, Via Nguyen Trai n° 710.. Ecb copyright.svg Ingresso libero. Dedicata alla divinità del mare Thien Hau in onore della quale si tiene una festa nel mese di marzo. All'interno vi sono statue raffiguranti la dea. Thien Hau Temple, Ho Chi Minh City (Q1063916) su Wikidata
  • Pagoda di Quan Ama, Via Lao Tu n° 12, Cholon. Ecb copyright.svg Ingresso libero. Simple icon time.svg Aperta dalle 08:00 alle 16:30. La più antica delle pagode di Cholon. Riccamente decorata sia all'interno che all'esterno.
  • 5 Pagoda di Phung Son, Viale Thang, Cholon. Questo piccolo tempio fu costruito agli inizi del XIX secolo ed è dedicato a Ong Bon, guardiano della Felicità e della Virtù. Notevole la porta d'ingresso decorata con figure di guerrieri. Phụng Sơn Pagoda (Q10748518) su Wikidata
  • 6 Museo della città di Ho Chi Minh, 65 Lý Tự Trọng, Bến Nghé, +84 28 3829 9741. Simple icon time.svg Lun-Dom 08:00-17:00. Ho Chi Minh City Museum (Q864767) su Wikidata
  • 7 Museo della Storia del Vietnam (Bảo tàng Lịch sử Việt Nam), 2 Nguyễn Bỉnh Khiêm, Bến Nghé, +84 28 3829 8146. Simple icon time.svg Lun-Dom 08:00-11:30 e 13:30-17:00. Museum of Vietnamese History (Q6941045) su Wikidata
  • 8 Giardini botanico e zoologico (Thảo Cầm Viên Sài Gòn), 2 Nguyễn Bỉnh Khiêm, Bến Nghé, +84 28 3829 1425. Simple icon time.svg Lun-Dom 07:00-17:30. Saigon Zoo and Botanical Gardens (Q3162430) su Wikidata
Museo delle vestigia belliche
  • 9 Museo delle vestigia belliche (Bảo tàng chứng tích chiến tranh). Il museo comprende una serie di stanze a tema in diversi edifici ed espone materiali militari d'epoca collocati all'interno di un cortile recintato. L'equipaggiamento militare include un elicottero UH-1 "Huey", un caccia F-5A, una bomba BLU-82 "Daisy Cutter", un carro armato M48 Patton, un bombardiere d'attacco A-1 Skyraider e un bombardiere d'attacco A-37 Dragonfly. Un certo numero di ordigni inesplosi sono immagazzinati in un angolo del cortile, con le loro cariche e/o le micce rimosse.
Un edificio riproduce le "gabbie della tigre" in cui il governo del Vietnam del Sud teneva prigionieri politici. Altre mostre includono fotografie accompagnate da didascalie in inglese, vietnamita e giapponese, che spiegano gli effetti dell'Agente Orange e di altri spray chimici defogliatori, l'uso di bombe al napalm e al fosforo e atrocità di guerra come il massacro di My Lai.
La mostra fotografica include il lavoro del fotoreporter della guerra del Vietnam Bunyo Ishikawa che ha donato al museo nel 1998. Le curiosità includono una ghigliottina usata dai francesi e dai vietnamiti del sud per giustiziare i prigionieri e tre vasi in cui sono conservati feti umani deformati dall'esposizione a diossine e composti diossina-simili, contenuti nell'agente defogliatore Orange. War Remnants Museum (Q703871) su Wikidata
  • 10 Museo di Belle Arti, 97A Phó Đức Chính, Phường Nguyễn Thái Bình, +84 28 3829 4441. Simple icon time.svg Lun-Dom 08:00-17:00. Ho Chi Minh City Museum of Fine Arts (Q2756351) su Wikidata
  • 11 Landmark 81. Landmark 81 su Wikipedia Landmark 81 (Q18640924) su Wikidata
  • 12 Bitexco Financial Tower. Bitexco Financial Tower su Wikipedia Bitexco Financial Tower (Q638512) su Wikidata


Eventi e feste[modifica]

  • Nuovo anno lunare (Tet Nguyen Dan). Simple icon time.svg 1º giorno di luna piena del primo mese lunare. Tet, abbreviazione di Tet Nguyen Dan, è la festa più importante di Ho Chi Minh e del Vietnam. Segna l'arrivo della primavera, che cade nei mesi di gennaio e febbraio. I preparativi iniziano due settimane prima. L'atmosfera generale che precede il Tet è ravvisabile nel trambusto dello shopping. I genitori acquistano vestiti nuovi per i loro figli in modo che i bambini possano indossarli quando arriva Tet.
Il colore rosso rappresenta la buona fortuna e appare ovunque durante il festival. Le lanterne sono immancabilmente rosse, l'anguria è il frutto che appare più di frequente sulle tavole.
Il festival implica una mostra di fiori nel parco Tao Dan. Tết Nguyên Ðán su Wikipedia Tết Nguyên Ðán (Q912988) su Wikidata


Cosa fare[modifica]

Parco di divertimenti a tema "Suoi Tien"

Se il caldo si fa insopportabile allora è il caso di andare in uno dei centri acquatici di Saigon. Ne sono sorti parecchi negli ultimi anni.

  • Dam Sen Water Park, 03 Hoa Binh, Ward 3, Distretto n° 11 (Il più vicino al centro cittadino), +84 8 8588418, +84 8 8653453, fax: +84 8 8588419, @ . Ecb copyright.svg Il prezzo è fissato in base alla statura; sotto gli 80 cm è gratis, per gli altri invece varia dai 35 ai 70,000 dong. Simple icon time.svg Lun-Sab 08:30-18:00. Dom e festivi 08:00-19:00. Inaugurato nel 1999, con scivoli che vengono sostituiti di anno in anno. — All'interno si trovano ristoranti e sale per massaggi.
  • Saigon Water Park (Nel distretto di Thu Duc).
  • Water World (Nel distretto 9).
  • Ocean Water Park (Nel VII distretto).
  • Dai The Gioi Water Park (Nen V distretto).

Una curiosità: i parrucchieri di Saigon pare siano famosi per la loro bravura e i prezzi, con trattamento di manicure e pedicure sono assolutamente irrisori.

  • Vu Salon, 210, Tran Quang Khai, District 1.

Se vi trovate a passare per Saigon di domenica e vi piacciono le corse in motocicletta, noleggiatene una e unitevi alla folla per il di choi. Si tratta di un party che si protrae fino alle ore piccole dove tutti corrono all'impazzata per le strade del centro.

Acquisti[modifica]

Il mercato coperto di Ben Thanh
  • 1 Mercato Ben Thanh. Situato alla fine della centralissima strada Le Loi, è il più noto mercato di Saigon. Vi si trova di tutto, dalle classiche magliette con stampato sopra il ritratto di Ho Chi Minh alle prugne sottaceto e finanche volatili vivi, soprattutto oche (Attenzione all'influenza aviaria). Mercato Bến Thành su Wikipedia Bến Thành Market (Q3232879) su Wikidata
  • Mercato di notte (di fronte al mercato di Ben Thanh). Un mercato di generi alimentari che apre alle 17:00, l'ora in cui chiude Ben Thanh.
  • 2 Mercato Americano (Dân Sinh), 127 Ký Con. Si trova a Cholon ed è famoso perché vi si trovano vecchie tute mimetiche indossate dai militari americani al tempo della guerra del Vietnam ma la loro autenticità è dubbia.
  • 3 Russian Market, 328 Võ Văn Kiệt, Phường Cô Giang. Simple icon time.svg Lun-Dom 19:00-19:00. Vi si è trasferito il mercato russo. Molto popolare fra i giovanissimi. Vi si trovano orologi di fattura cinese, DVDs, T-shirts, jeans, ecc.
  • 4 Saigon Centre, 65 Đ. Lê Lợi, Bến Nghé. Simple icon time.svg Lun-Dom 09:30-21:30.


Come divertirsi[modifica]

Spettacoli[modifica]

  • 1 Teatro municipale. Teatro dell'Opera di Saigon su Wikipedia Teatro dell'Opera di Saigon (Q1949129) su Wikidata

Locali notturni[modifica]

  • 2 Acoustic Bar, 6E1 Hẻm 6 Ngô Thời Nhiệm, Phường 7 (In fondo a un vicolo cieco del distretto 3), +84 816 777 773. Simple icon time.svg Lun-Dom 19:30-23:00. Minuscolo ma rinomato locale con musica dal vivo. Prezzi consumazioni abbordabili.
  • 3 Air Saigon, 136 Lê Thị Hồng Gấm, Phường Nguyễn Thái Bình, Quận 1, +84 97 458 77 88. Simple icon time.svg Lun-Dom 17:00-01:00.
  • 4 Apocalypse Now, 2B Thi Sách, Bến Nghé (Distretto 1), +84 28 3825 6124. Simple icon time.svg 19:00-04:00.
  • 6 Chill Skybar, Tầng 26, 76A Lê Lai, Phường Bến Thành, Quận 1 (AB Tower), +84 93 882 28 38. Simple icon time.svg Lun-Dom 17:30-02:00. Bar sul terrazzo della AB Tower rinomato per le magnifiche viste sulla città. Ha anche fama di essere un locale molto caro.
  • 7 Skyloft by Glow, 93 Nguyễn Du, Bến Nghé, Quận 1, +84 93 887 45 69. Simple icon time.svg Lun-Dom 18:00-02:00.
  • 8 Thi Bar Saigon, 224 Đề Thám, Phường Phạm Ngũ Lão, +84 28 2210 2929. Simple icon time.svg Lun-Dom 17:00-01:30. Situato sulla Party street di Saigon, il Thi Bar è un locale con musica dal vivo che si dichiara LGBT friendly.


Dove mangiare[modifica]


Dove alloggiare[modifica]

Prezzi modici[modifica]

La maggior parte degli alberghi a basso prezzo si trova nella zona di Pham Ngu Lao nel distretto 1, 10-15 minuti a piedi dal mercato di Ben Thanh. In particolare i vicoletti e le strade tra Phạm Ngũ Lão e Bui Vien rigurgitano di ostelli di appena 5-10 stanze offerte al prezzo di 6 US $. È una zona rumorosa e gli ostelli sono sempre pieni ma procedendo in direzione sud-ovest vicino a Ng Thai Hoc, troverete strade più tranquille e gestori dal comportamento più cordiale.

  • 1 Prague Hotel Vietnam, 175/10/12 Phạm Ngũ Lão. I prezzi variano da un minimo di 12 US$ per una singola senza finestra ai 30 US$ per una tripla questa volta con finestra sulla strada. Le stanze sono pulite ed hanno Aria condizionata, TV satellitare, un frigorifero. Il personale è garbato e in più c'è l'ascensore.
  • 2 Nguyen Khang Hotel, 283/25 Pham Ngu Lao, +84 28 3837 3566. in una stradina tra Pham Ngu Lao e Do Quang Dau. Il prezzo varia dagli 8 ai 20 US$ a seconda della stanza. Colazione ed accesso ad internet sono compresi nel prezzo. Le stanze hanno l'aria condizionata ed il frigorifero l'atmosfera è simpatica e il personale cordiale.
  • Rainbow Hotel, 283/5 Pham Ngu Lao; tel: 8360039. Stanze abbastanza spaziose e luminose e quelle ai piani superiori hanno anche una bella vista. Sono però un po' vecchiotte. Il prezzo è di circa 10 dollari.

Prezzi elevati[modifica]

Hotel Majestic
  • 3 Hotel Grand Saigon, 8 Đồng Khởi, Bến Nghé,m (Distretto 1).
  • 4 Liberty Central Saigon Riverside Hotel, 17 Đ. Tôn Đức Thắng, Bến Nghé (Distretto 1). Albergo a 4 stelle.
  • 5 Hotel Majestic, 1 Đồng Khởi, Bến Nghé. Un albergo d'epoca, commissionato dall'uomo d'affari cinese Hui Bon Hoa e completato nel 1925 secondo lo stile degli hotel della Costa Azzurra. Dal 1975 l'hotel ha cambiato più volte nome nel tentativo di cancellare la memoria coloniale.
Dopo la caduta di Saigon, l'albergo è stato utilizzato dallo Stato come area di accoglienza per i dignitari stranieri. Recentemente è stato ribattezzato di nuovo dal suo nome originale. L'edificio di sei piani è ora un hotel a 5 stelle con vista sul fiume Saigon. È di proprietà statale e gestito dalla società Saigontourist Hotel Majestic (Q3063149) su Wikidata
  • 6 Hotel REX, 141 Nguyen Hue Blvd,. Rex Hotel (Q7319215) su Wikidata


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]


Nei dintorni[modifica]

Nord
Tunnel di Cui Chi
  • 1 Tunnel di Cu Chi (47km / 1h 10min in auto passando per la Strada Statale QL22) —
  • 2 Tay Ninh (90km in 2h circa) — Situata poco più a nord del tunnel di Cui Chi, Tay Ninh è località famosa per il santuario della religione Cao Dai. Altre attrazioni turistiche includono Núi Bà Đen ("Montagna della Vergine Nera") raggiungibile in funivia e il lago Dầu Tiếng, uno dei più grandi laghi artificiali del Vietnam e del sud-est asiatico.
In genere le agenzie lungo la strada Pham Ngu Lao che rifilano escursioni di mezza giornata ai tunnel di Cu Chi abbinano anche l'escursione a Tay Ninh con ritorno a Saigon in giornata.


Est
  • 3 Vung Tau (96km passando per la statale QL51) — Un centro con molte spiagge nei suoi dintorni a circa due ore in autobus da Ho Chi Minh City, meno se si prende una barca che percorra il fiume Saigon.
  • 4 Mui Ne (216 km/4h circa) — Una località balneare molto frequentata a 4-6 ore in autobus da Saigon
Sud
  • Delta del Mekong — Le agenzie turistiche di Saigon propongono un enorme varietà di escursioni al delta del Mekong sia in barca che in autobus. Le gite possono durare un giorno o più e anche terminare oltre confine, alla capitale della Cambogia. In quest'ultimo caso l'agenzia si farà carico anche della pratica necessaria all'ottenimento del visto che dovrebbe costare 20 - 30 USD. In genere le gite fino a Phnom Penh prevedono una sosta in un modestissimo albergo di Chau Doc.
Ovest
  • 5 Phnom Penh (230 km in 5 ore circa in auto passando per la statale QL22) —

Itinerari[modifica]

Ho Chi Minh-Bangkok — Itinerario di 880 km circa che permette, fra l'altro, la visita ai templi di Angkor, il sito archeologico più spettacolare del Sud-est asiatico.

Altri progetti

  • Collabora a Wikipedia Wikipedia contiene una voce riguardante Ho Chi Minh (città)
  • Collabora a Commons Commons contiene immagini o altri file su Ho Chi Minh (città)
1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard contiene informazioni utili a un turista e dà un'informazione sommaria sulla meta turistica. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.