Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Il cicloturismo in Sicilia è un settore poco sviluppato ma con grandi potenzialità. Nell’isola sono presenti alcune piste ciclabili e dei percorsi specifici per il cicloturismo ma non c’è ancora la possibilità di percorrere molti chilometri in sicurezza. Questo articolo segnala i percorsi esistenti e delle strade che a causa della bassa intensità di traffico risultano adatte a questo scopo.

Introduzione[modifica]

Pista ciclabile di Siracusa

Come già detto il cicloturismo in Sicilia è poco sviluppato ma è comunque possibile se ben pianificato per tempo. Per quanto i percorsi ciclabili siano molto pochi, molte strade di campagna presentano una scarsa intensità di traffico, tale da poter essere utilizzate per questo scopo. La sensibilità sull’argomento è ristretta solo agli appassionati delle due ruote, per questa ragione non esistono indicazioni ufficiali, non ci sono adeguate strutture per l’assistenza ai cicloturisti e le poche informazioni vanno trovate su internet attraverso le descrizioni di amatori.

Anche le strutture ricettive non sono preparate per questo scopo. Pertanto sarà sempre utile specificare la presenza delle bici e trovare delle ciclo officine in caso di emergenza. Questi ultimi sono ampiamente presenti, seppur nelle località minori e distanti dalla costa, sono molto meno frequenti.

Alcuni tour operator propongono dei viaggi in bicicletta lungo queste tratte occupandosi del noleggio e di tutta l’assistenza.

Quando andare[modifica]

Paradossalmente il cicloturismo per la Sicilia va fatto escludendo l’estate in quando le temperature già da metà maggio e fino a metà settembre possono essere particolarmente elevate. L’unica possibilità per non soffrire troppo il caldo è di scegliere dei percorsi in quota (ad esempio l’altomontana sull’Etna).

I periodi strettamente invernali sono ottimi per tour costieri, quando le temperature non scendono mai sotto zero, salvo circostanze particolari.

Preparativi[modifica]

Il territorio siciliano è per buona parte montuoso. I monti possono superare i 1000 mt e ciò ha ovviamente un impatto sulle capacità fisiche necessarie per affrontare i percorsi. Questa varietà può da un lato essere un impedimento mentre dall’altro una possibilità per scoprire ambienti totalmente diversi e quasi del tutto isolati. Soprattutto la parte interna dell’isola è poco conosciuta dal turismo di massa, ma presenta molteplici attrazioni che consentono di unire la dimensione del viaggio a quella della visita culturale e gastronomica.

Quando si decide di effettuare degli spostamenti tramite i mezzi pubblici, si può optare esclusivamente sul treno. I treni regionali (compresa la Circumetnea attorno l’Etna) sono generalmente muniti di uno spazio per il trasporto delle bici. Tuttavia la rete ferroviaria non è molto capillare e per alcune tratte la frequenza dei treni è scarsa. Trenitalia offre una convenzione per agevolare l'utilizzo della bici con il treno oppure il viaggio in treno e lo sconto sull'affitto in città. Le città coinvolte sono: Palermo, Catania, Siracusa e Trapani. Gli autobus non sono attrezzati per il trasporto di bici, salvo come bagaglio.

Le città siciliane sono sostanzialmente prive di piste ciclabili, seppur sono presenti alcune eccezioni ma per brevi tratti che fungono più da percorso per passeggiata che per collegamento integrato fra quartieri. Le città minori hanno una frequenza di traffico scarsa e dei centri storici interessanti da visitare.

Percorsi[modifica]

In questa sezione vengono menzionate le piste ciclabili e i percorsi suggeriti in base ad un traffico raro che consente di godere in appieno del paesaggio.

Agrigentino[modifica]

  • 1 SP118 — Strada a traffico limitato per frana che collega la SS188 vicino Giuliana con San Carlo.

Calatino[modifica]

  • 2 Strada per le cascate dell'oxena — Strada interna tra due accessi lungo la SP 28ii (su cui si consiglia di proseguire).
  • 3 SP28iii — strada panoramica vicino alle pale eoliche.

Catanese[modifica]

  • 4 Pista ciclabile del lungomare di Catania — Questa pista ciclabile percorre tutto il lungomare di Catania fino alla zona di Ognina. È perfettamente distanziata dal traffico.
  • 5 Pista altomontana — si estende per ben 42 km lungo il versante occidentale dell'Etna con un dislivello di 300 metri. Il percorso corrisponde a parte del sentiero europeo E1.
  • 6 Sentiero delle Ginestre — Si snoda lungo il versante orientale dell'Etna percorrendo a media altezza il fianco del vulcano, da percorrere in mountain bike.
  • 7 Piano delle Ginestre e bosco di Centorbi
  • 8 Pista ciclabile di Riposto — pista ciclabile lungo la strada costiera da Riposto alla Torre Archirafi di 27 km.
  • 9 Pista ciclabile Linguaglossa-Castiglione di Sicilia-Rovittello — Questa pista ciclabile segue l'ex tracciato della circumetnea che passava dai comuni citati. Il tratto da Linguaglossa a Castiglione di Sicilia è stato creato tramite un finanziamento europeo ma è stato lasciato subito in abbandono. Le gallerie sono al buio e c'è persino una frana che ha fatto crollare un ponte, superabile tuttavia tramite una scomoda deviazione. Da Castiglione la ex linea prosegue, passa sotto un ponte stradale e si ricollega a un secondo tratto di pista ciclabile su asfalto per collegarsi alla statale.

Ennese[modifica]

Ex Ferrovia Dittaino-Leonforte
  • 10 Parco minerario di Floristella-Grottacalda — All'interno del parco sono presenti diversi percorsi adatti per le mountain bike.
  • 11 Ex ferrovia Dittaino-Leonforte — Panorami mozzafiato tra gallerie e viadotti percorribili in bicicletta o a piedi.
  • 12 SP75 — Questa provinciale è interdetta al traffico a causa delle numerose frane e della strada piuttosto pericolosa per le auto. In bici invece è un percorso in mezzo alle campagne molto bello e panoramico. Va considerato il dislivello di circa 300 mt.

Messinese[modifica]

  • 13 SP115 — questa strada che conduce a Tripi ha uno scarso traffico.
  • 14 strada tra la SP110 e Roccella Valdemone — percorso in salita con parecchie curve e alberi, scarso il traffico.

Palermitano[modifica]

Ragusano[modifica]

  • 17 Pista ciclabile di Marina di Ragusa

Siracusano[modifica]

  • 18 Pista ciclabile Rossana Maiorca — un percorso costiero di 7 km lungo la ex ferrovia di Siracusa con panorami eccezionali.
  • 19 Bosco di Giarranauti — Bosco ricco di sentieri per mountain bike all'interno della riserva di Pantalica.
  • 20 Pista ciclabile di Pantalica — Questa pista si sviluppa per 12 km lungo l'ex ferrovia che collegava Siracusa a Vizzini e ricade all'interno di Pantalica.
  • 21 SR 15 — Strada panoramica con bassa intensità di traffico.
  • 22 SR 5, SP29 e SP10SR 5 strada panoramica vicino a delle pale eoliche interdetta al traffico. SP29 con cui si interseca collega Sortino a Buccheri diventando SP10. La stessa presenta poco traffico veicolare e bei panorami.

Trapanese[modifica]

Tra più territori[modifica]

  • 24 Itinerario di Santa Rosalia — percorso impegnativo che da Santo Stefano Quisquina conduce a Palermo passando dal Parco dei Monti Sicani.
  • 25 Ciclovia SIBIT da Trapani a Siracusa. Non si tratta di una vera e propria pista ciclabile ma di un percorso segnalato che spesso passa lungo le strade statali per poi deviare su strade secondarie.
  • 26 Ex ferrovia Palermo-Corleone-San Carlo — In attesa che venga convertita in pista ciclabile, il tracciato per diverse parti è percorribile tramite mountain bike. Lunga circa 112 km è rintracciabile da Burgio a Villafrati. Il tratto Corleone-Ficuzza è attrezzato (vedi sopra).
  • 27 Ex ferrovia Castelvetrano-San Carlo-Burgio — Univa Castelvetrano a Burgio con un percorso di 73 km. Eccetto alcune gallerie chiuse, e dei tratti non più riconoscibili è percorribile in mountain bike.
1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard e ha almeno una sezione con informazioni utili (anche se di poche righe). Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.