Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Catanese
Catania mit Aetna.JPG
Localizzazione
Catanese - Localizzazione
Stato
Regione
Capoluogo
Superficie
Abitanti
Sito istituzionale

Catanese è un territorio turistico della Sicilia.

Da sapere[modifica]

Cenni geografici[modifica]

Il Catanese comprende un'area geograficamente molto diversa, dalla valle dei due fiumi Simeto e Dittaino, che cominciano nell'entroterra montuoso e sfociano nel delta del capoluogo, fino al massiccio dell'Etna che domina la maggior parte del territorio.

Quando andare[modifica]

Le condizioni climatiche variano enormemente a seconda della zona geografica, ci sono enormi differenze tra il clima arido Mediterraneo e il clima di montagna (sull'Etna a più di 3000 m di altezza).

Lingue parlate[modifica]

Localmente si parla il siciliano con inflessioni tipicamente catanesi che producono un tono ascendente specie quando si pongono delle domande.

Cultura e tradizioni[modifica]

Miti e leggende[modifica]

Aci e Galatea di Luca Giordano (1685)

Al vulcano Etna sono associati diversi miti connessi alla sua natura vulcanica. I giganti Encelado e Tifone furono confinati all'interno del vulcano, e per questa ragione sono causa di frequenti eruzioni. L'altra associa il fuoco della lava al lavoro di Efesto abile nell'arte della lavorazione dei metalli con cui forgiava le armi degli dei e degli eroi.

Il litorale a nord di Catania tra Acireale e Aci Trezza è interessato da diverse leggende e miti. La leggenda da cui poi nascerebbe anche il nome di molte città (Aci) deriva dall'amore fra Aci e Galatea ed è introdotta da Ovidio nelle Metamorfosi e altri autori antichi. La bellissima ninfa Galatea era innamorata del pastorello Aci. Il loro amore era contrastato da Polifemo, il terribile ciclope che, infuriato dalla gelosia, scagliò contro il pastorello un sasso, provocandone la morte. La ninfa, disperata per la perdita di Aci, supplicò gli dèi affinché lo restituissero in vita ed essi, accogliendo le preghiere, trasformarono il pastorello in un fiume eterno, chiamato Aci (Akis).

Un altro riferimento citato nell'Odissea è quello di Ulisse e il Polifemo identificato nel tratto di costa tra Capo Mulini e Aci Trezza. I faraglioni di Acitrezza sarebbero secondo il mito i massi scagliati contro Ulisse da un Polifemo accecato. L'Isola Lachea venne identificata con l'isola dove sostò la flotta delle dodici navi achee di cui fa menzione Omero.

Nella Gigantomachia di Claudiano si fa riferimento allo scontro che funestò il mondo dei miti, tra i Titani dell'Olimpo e i Giganti. Questi ultimi vennero puniti cadendo nel Lucus Jovis identificato col Bosco d'Aci (oggi sparito a causa dell'espansione urbana), nel quale bosco si sarebbero potute scorgere, sia le pelli che le teste recise di questi sfortunati.

Secondo la tradizione l'eruzione dell'Etna del 396 a.C. - che storicamente investì e stravolse il territorio acese - avrebbe anche messo in fuga la flotta cartaginese comandata da Imilcone che si preparava ad uno sbarco durante la seconda guerra punica.

Territori e mete turistiche[modifica]

Centri urbani[modifica]

  • Cataniaunesco La seconda città della sicilia, meta immancabile per i suoi monumenti nonché punto di partenza della maggior parte delle escursioni sull'Etna.

I paesi dell'Etna

  • Adrano — Antica città di origini sicule, oggi sede di un interessante museo e di un grazioso centro storico.
  • Belpasso
  • Bronte — Città famosa per il pistacchio ma anche un riferimento per visitare le località vicine.
  • Linguaglossa
  • Nicolosi — La città da cui la maggior parte dei turisti sale sull'Etna verso il rifugio Sapienza.
  • Randazzo — Città medievale bagnata dal fiume Alcantara, ottimo punto da cui iniziare l'esplorazione del versante nord dell'Etna e dei vicini parchi dei Nebrodi e dell'Alcantara.
  • Zafferana Etnea — Conosciuta per la secolare minaccia della lava e dei terremoti che l'hanno martoriata, ogni anno in ottobre richiama molti visitatori per l'Ottobrata.

Riviera dei Ciclopi

Altre destinazioni[modifica]


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

  • 1 Aeroporto di Catania (Aeroporto di Catania Fontanarossa "Vincenzo Bellini". IATA: CTA), Via Fontanarossa, 20, Fontanarossa, +39 0957239111. Aeroporto per voli nazionali e internazionali. Aeroporto di Catania-Fontanarossa su Wikipedia Aeroporto di Catania-Fontanarossa (Q540273) su Wikidata

In auto[modifica]

Catania è facilmente raggiungibile dall'autostrada A18 Messina - Catania - Siracusa (a pedaggio in direzione Messina) e da Palermo tramite l'autostrada A19.

L'Orientale Sicula SS114 corre parallela all'autostrada da Messina a nord a Catania e da lì prosegue verso sud fino a Siracusa. La SS284 da Paternò conduce a Randazzo.

La SS417 in direzione sud-ovest conduce a Caltagirone, mentre la SS194 passa da Lentini - Francofonte e a sud fino a Ragusa.

In nave[modifica]

  • 2 Porto di Catania, Porto di Catania, +39 095 531 667 (capitaneria di porto). Ecb copyright.svg tariffe per lunghezza. Simple icon time.svg accesso continuo. Il Porto è raggiungibile con collegamenti diretti da Napoli e semi-diretti da Valetta sull'isola di Malta; Porto di Catania su Wikipedia porto di Catania (Q3909225) su Wikidata

In treno[modifica]

Catania e Lentini hanno stazioni RFI, con treni Trenitalia che permettono sia il collegamento regionale (con Messina e Siracusa oltre che con i centri minori nelle linee Messina - Catania e Catania - Siracusa) che nazionale, tramite InterCity ed InterCity Notte.

Come spostarsi[modifica]

In treno[modifica]

Il tracciato della circumetnea e le sue stazioni
  • 3 Ferrovia Circumetnea, Via Caronda, 352/A - 95128 Catania, +39 095541111, fax: +39 095431022, @ . Avendo tempo e volendo visitare a tappe il territorio etneo con tempi meno frenetici una valida alternativa è la ferrovia Circumetnea. La ferrovia parte, come metropolitana, dalla fermata porto della metropolitana di Catania e uscita dalla città, gira tutto intorno all'Etna da sud, da ovest e da nord, tranne che per il tratto costiero (a est): a Giarre-Riposto si scambia con la linea FS Messina-Catania. Tale soluzione permette un costo contenuto ma deve essere valutata con coscienza. Infatti, se da una parte la tortuosità del tracciato permette di fondersi col paesaggio, via via sempre meno urbanizzato allontanandosi da Catania, in una lenta simbiosi, dall'altro il dilatarsi dei tempi e la mancanza di un mezzo proprio obbligano ad un organizzazione molto precisa dell'itinerario e dei suoi tempi. I treni sono quelli di una linea locale, con tutto ciò che ne deriva in termini di affollamento negli orari di punta dei giorni lavorativi nella zona catanese, mentre più ci si spinge verso ovest e nord più diminuiscono le frequenze. Spesso il tracciato è interrotto a causa di lavori di ammodernamento e alcuni tratti potrebbero essere sostituiti da servizi di autobus sostitutivi. È possibile trasportare anche biciclette. Ferrovia Circumetnea su Wikipedia ferrovia Circumetnea (Q1408003) su Wikidata


Cosa vedere[modifica]

  • 1 Cuba di Santa Domenica, Castiglione di Sicilia. Cuba di Santa Domenica su Wikipedia cuba di Santa Domenica (Q3699035) su Wikidata
Ponte dei saraceni
  • 2 Ponte dei Saraceni (o di Carcaci) (vicino Adrano lungo il Simeto). Nel corso ulteriore del fiume il letto del Simeto torna ad essere tagliato di nuovo nel basalto con dei prismi basaltici originatisi dalle prime effusioni basaltiche dell'Etna (tra 200.000 e 100.000 anni addietro). Questo ponte del XII secolo in origine, faceva parte di un importante asse di collegamento tra le città di Troina, prima capitale del regno di Ruggero I di Altavilla, e di Catania. Ponte dei Saraceni su Wikipedia Ponte dei Saraceni (Q1839807) su Wikidata
  • 3 Gurne dell'Alcantara. Gurne dell'Alcantara su Wikipedia Gurne dell'Alcantara (Q3779865) su Wikidata
Gole dell'Alcantara
  • 4 Gole dell'Alcantara, Via Nazionale, 5 - Motta Camastra (Da Catania sulla A18 direzione Messina uscire a Giardini Naxos e imboccare la SS185 per Motta Camasta, percorretela per circa 14,5 km.), +39 0942985010, fax: +39 0942985264, @ . Ecb copyright.svg Adulti 10€, ragazzi 7€ (agosto 2015). Simple icon time.svg Alta stagione: 08:00-19:00. Canyon scavato dal fiume Alcantara, parte largo e man mano si restringe fino a pochi metri di larghezza e decine di metri in altezza. Diversi percorsi di visita sia delle gole, che delle rive del fiume, che del parco e dei sentieri che portano alle vicine località vulcaniche. Vista la temperatura dell'acqua in loco si affittano stivali e salopette di gomma. Si consiglia comunque di non immergersi se si è appena mangiato. Percorsi diversi per tutte le capacità. Panorami eccezionali, in primavera periodo migliore per i fotografi. Attenzione a visitare le gole dopo piogge abbondanti, esse potrebbero essere chiuse alle visite, chiedete prima di mettervi in viaggio all'ente parco. Gole dell'Alcantara su Wikipedia Gole dell'Alcantara (Q1536232) su Wikidata
  • 5 Area archeologica di Santa Venera al Pozzo. Chiusa per lavori di adeguamento. Area archeologica di Santa Venera al Pozzo su Wikipedia Area archeologica di Santa Venera al Pozzo (Q3621980) su Wikidata
Castagno dei Cento Cavalli
  • 6 Castagno dei Cento Cavalli (Da Sant’Alfio imboccare la strada in salita SP 5i per poi svoltare alla SP84. Sono comunque presenti adeguate indicazioni stradali). Ecb copyright.svg Gratis. Simple icon time.svg Libera fruizione. È un albero di castagno plurimillenario, nel 1982 è divenuto patrimonio italiano dei monumenti verdi con i suoi 22 m di altezza e perimetro del tronco che lo hanno fatto entrare anche nei Guinness dei primati quanto a dimensioni. Secondo i biologi l’albero ha tra i 2.000 e i 4.000 anni di età. Il nome deriva da una leggenda secondo cui una regina assieme ai suoi cavalieri venne sorpresa da un temporale, e per ripararsi si misero sotto l’albero tutti e cento i cavalieri che facevano parte della scorta.
L’area del castagno è un luogo piacevole dove portare i bambini, per la presenza di giostrine e giochi pubblici. Ma vi è ampio spazio per un picnic o per pranzare in uno dei ristoranti della zona. Castagno dei Cento Cavalli su Wikipedia castagno dei Cento Cavalli (Q1520397) su Wikidata
  • 7 Riserva naturale Fiume Fiumefreddo, +39 095 4013625. Ecb copyright.svg gratis. Simple icon time.svg Lun-Ven 8:30-13:30 e 14:30-17:30, Sab 8:30-13:00. La riserva è posta nelle immediate vicinanze del fiume Fiumefreddo ed è presente la pianta del papiro così come è presente a Siracusa, unici esempi di crescita spontanea in Europa, ma è di fatto inaccessibile per contenziosi sull'accesso al terreno. Pertanto è visitabile solo la sala accoglienza con i pannelli esplicativi. Riserva naturale Fiume Fiumefreddo su Wikipedia Riserva naturale Fiume Fiumefreddo (Q3936570) su Wikidata
  • 8 Castello di Nelson (Abbazia di Santa Maria di Maniace), Corso Giorgio Maniace, 1, Maniace (Da Bronte (13 km circa) prendere la SP 17III che poi diventa la SP87 e poi svoltando a destra sulla SS120, quindi girare a sinistra seguendo le indicazioni), +39 095 690018. Simple icon time.svg Chiuso per lavori di restauro. Sulle rovine di vecchi edifici sulla riva sud del Torrente Saraceno nel 1163 sotto la Regina Margherita fu costruito un complesso monastico con una diga. Il monastero e la Torre di Guardia furono gravemente danneggiati dal terremoto del 1693. Come ringraziamento per il sostegno fornito dall'ammiraglio Horatio Nelson contro i ribelli di Napoli nel 1796, la tenuta gli fu assegnata dal re Borbone Ferdinando III e la dignità del duca concessa. Il complesso edilizio rimase di proprietà della famiglia fino al 1981 e fu poi venduto al comune di Bronte. Il Cimitero Inglese con le tombe dei duchi inglesi di Bronte rimase di proprietà della famiglia . Abbazia di Santa Maria di Maniace su Wikipedia abbazia di Santa Maria di Maniace (Q3662761) su Wikidata
  • 9 Spirale megalitica, contrada Balze soprane, Bronte (vicino alla Cascata delle Balze Sottane). Struttura megalitica costituita da dieci lastroni di pietra lavica sbozzati e disposti a spirale. Attorno alla struttura il cui diametro interno va da 2,60 a 3 m, vi è una sorta di corridoio largo 1.10 m delimitato da bassi blocchi appoggiati ad ovest ad una piccola altura che sovrasta la costruzione. Accanto inoltre sono presenti altri lastroni, circa dieci, di cui solo due nella posizione originaria, che potrebbero essere parte di una seconda struttura. Non esiste alcun indizio in merito alla datazione, si ritiene appartenga all’età preistorica, si per la tecnica costruttiva che per la tipologia architettonica.


Cosa fare[modifica]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi: Cicloturismo_in_Sicilia#Catanese.

Oltre alla presenza di spiagge lungo la costa in inverno è possibile praticare attività invernali e sciistiche sull'Etna.

Il territorio è ricco di siti naturalistici e archeologici da scoprire. Sul territorio operano molte associazioni che ogni fine settimana organizzano visite ed escursioni in varie località. Tra le tante si segnala Etnattiva.

  • 1 Etnaland (sulla A18 uscita Misterbianco imboccare la SS121 in direzione Etnapolis, uscita Valcorrente, seguire indicazioni sulla SP15.), +39 0957913333. Ecb copyright.svg (2015) Parco a tema € 25 adulti ed € 20 bambini sopra 140cm, parco acquatico idem + lettini fra i 3,5 e i 4,5 € (dipende dalla posizione). Sul sito presenti varie combinazioni d'ingresso e promozioni. (2015). Simple icon time.svg apertura 09.30, chiusura fra le 18.30 e le 00.30, dipende dalla stagione. Biglietteria chiude 3 ore prima delle attrazioni. Un parco divertimenti situato a Belpasso, nell'Hinterland catanese, molto apprezzato dai cittadini catanesi e dai turisti. Comprende un parco acquatico con scivoli, piscine e giochi d'acqua e un parco a tema. Ristoranti, aree ristoro e shop.
  • 2 Etna Sicily Touring, Via Giuseppe Verdi, 155, 95129 Catania, +39 3925090298, @ . Associazione escursionistica leader per l'organizzazione di escursioni con guida in quota sul vulcano e nei dintorni dell'Etna.
  • Pista ciclabile Castiglione di Sicilia-Linguaglossa. Una pista ciclabile sul tracciato di una vecchia ferrovia, purtroppo costato molti soldi e mai completato, fa parte di un suggestivo percorso.
  • 3 Cinestar (Parco commerciale I Portali (S.G. La Punta)), +39 0957515163. Cinema.

Eventi e feste[modifica]

Data Festività Note
3-5 febbraio Festa di Sant'Agata Festa della patrona di Catania con processione di migliaia di fedeli, con le "candelore". Indossando il tradizionale abito bianco, i fedeli, portano in processione l'effige della patrona per le vie del centro storico.
prima settimanagiugno Catania Filmfest Festival Internazionale di Cinema e Musical di Catania


A tavola[modifica]

La cucina è caratterizzata da pesce e frutti di mare in genere vicino al mare e diversi formaggi locali, pancetta e salsicce nell'entroterra e nelle zone montane. Da non dimenticare i dolci offerti in tutta l'isola, dal marzapane ai cannoli, biscotti alle mandorle di origine araba, gelati e granite.

Sicurezza[modifica]

Particolare prudenza va considerata visitando Catania non sono rari episodi di criminalità come borseggi e furti d'auto. Nelle città periferiche ma soprattutto in campagna il crimine è al di sotto del livello di qualsiasi città.


Altri progetti