Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Chiese storiche del Lato est di Buffalo
(Buffalo)
Historic Churches of Buffalo's East Side
Chiesa cattolica di Sant'Anna
Tipo itinerario
Stato
Stato federato
Territorio
Città
Inizio
Fine
Tempo

Chiese storiche del Lato est di Buffalo è un itinerario che si sviluppa a Buffalo attraverso il distretto del Lato est.

Introduzione[modifica]

Gli Stati Uniti sono sempre stati una nazione di immigrati, ma in nessun momento della loro storia è stato così vero come nel XIX secolo, quando milioni e milioni di persone provenienti da tutta Europa, "gli stanchi, i poveri, le masse ammucchiate", nelle famose parole di Emma Lazarus, hanno attraversato l'oceano alla ricerca di una vita migliore.

Con un sacco di posti di lavoro facilmente disponibili nelle fabbriche, nelle ferrovie e al porto, Buffalo era una delle principali destinazioni per questi nuovi arrivati e il Lato est della città era uno dei suoi quartieri di immigrati più vivaci che ospitava un mosaico di diverse nazionalità, ma soprattutto persone provenienti da Germania e Polonia. Per molti versi, il Lato est di quei giorni somigliava più all'Europa che al resto degli Stati Uniti: cibo, musica e cultura tradizionali erano ovunque, l'inglese era spesso relegato allo status di seconda lingua, e lo stesso che nel vecchio paese, l'edificio più alto e magnifico in un dato quartiere era invariabilmente la chiesa parrocchiale. Questi erano edifici sontuosi uguali a qualsiasi altro nelle terre d'origine dei loro parrocchiani, simboli imponenti dell'orgoglio e della prosperità che avevano cercato e finalmente raggiunto nella loro nuova casa.

I discendenti di questi immigrati hanno quasi tutti lasciato i vecchi quartieri, ma molte delle loro chiese sopravvivono come il contributo del Lato est alla ricca cornucopia architettonica che Buffalo celebra oggi. In questo tour di guida, vedrete il più magnifico di questi edifici, scoprirete le loro caratteristiche architettoniche uniche e imparerete a conoscere la storia delle comunità che vi adoravano.

Cenni storici[modifica]

Il 1840 fu un periodo di guerre intermittenti, disordini politici e persecuzioni religiose nella regione ora conosciuta come Germania, e il caos spinse molti tedeschi a cercare rifugio in altre terre. Le piatte e fertili pianure a est di quello che oggi è il centro di Buffalo divennero presto sede del vivace German Village. A differenza della maggior parte degli immigrati dell'epoca, la maggior parte dei tedeschi di Buffalo era benestante e abile in una varietà di mestieri, e il quartiere presto prosperò.

Il Lato est crebbe costantemente verso l'esterno dal centro, con il periodo di crescita più rapido che ebbe luogo dal 1860 al 1900. Il piano messo a punto dagli speculatori immobiliari per attirare sviluppo su nuove terre fu ingegnoso: dopo averlo diviso, il proprietario di un volantino donerebbe gratuitamente uno dei suoi lotti migliori alla diocesi cattolica o a qualche altro gruppo religioso per la costruzione di una chiesa, che fungerebbe da calamita per attirare gli acquirenti di case. In questo modo, gli sviluppatori potrebbero persino esercitare un certo controllo sulla composizione etnica e religiosa del nuovo quartiere: questo è stato essenzialmente ciò che Joseph Bork ha fatto con San Stanislao, come leggerete più avanti.

Per la maggior parte della seconda metà del XIX secolo, i tedeschi costituivano più della metà della popolazione di Buffalo e gran parte dell'élite politica e commerciale della città: per un certo periodo ci furono persino richieste al governo della città di rendere il tedesco una lingua co-ufficiale assieme all'inglese. A partire dal 1870 circa, ai tedeschi si unì una grande comunità polacca centrata all'angolo tra Fillmore Avenue e Broadway, che all'inizio del secolo costituiva un ulteriore 10% della popolazione della città. Nel Lato est erano presenti minoranze di ebrei, italiani, russi, ungheresi, ucraini e, in seguito, afroamericani.

Fu la rapida crescita della comunità nera iniziata intorno alla prima guerra mondiale, insieme a una sana dose di pregiudizio razziale, che spinse i bianchi dal Lato est verso i sobborghi mentre il XX secolo andava avanti. Durante quel periodo, la frequenza in molte delle chiese del distretto diminuiva sempre di più e, con il calo delle entrate della raccolta fondi ogni domenica, le parrocchie stavano presto trovando sempre più difficile tenere il passo con le bollette e le riparazioni degli edifici. A partire dagli anni '90 e con un'accelerazione durante il primo decennio del XXI secolo, molte chiese del Lato est si sono fuse con le congregazioni vicine o sono state chiuse del tutto. Il crescendo è avvenuto sotto il vescovo cattolico di Buffalo, Edward Kmiec, il cui controverso programma Journey in Faith and Grace ha chiuso o fuso quasi un centinaio di chiese cattoliche nella diocesi di Buffalo, tra cui molte nel Lato est, tra il 2005 e il 2008.

Gli stati odierni estremamente variabili di queste chiese sono un altro problema di cui imparerete di più in questo tour. Mentre molti di loro continuano a essere la sede di congregazioni religiose attive, altri sono stati riutilizzati in vari modi per una nuova generazione di abitanti del Lato est, e altri ancora rimangono abbandonati e in decomposizione o sono stati persi a causa della palla da demolizione. Gli interni delle chiese rimaste attive (o come sede della loro congregazione originaria, di una congregazione successiva o come oratorio) possono essere visitati negli orari di servizio, elencati nell'articolo principale del Lato est; gli interni di quelli che non lo sono sono vietati al pubblico. Tuttavia, gli esterni possono essere visualizzati in qualsiasi momento, purché gli edifici esistano. A tal fine, la salvaguardia di ciò che rimane dell'eredità architettonica delle chiese del Lato est è uno dei principali obiettivi dell'odierna comunità conservazionista storica di Buffalo.

Cattolica contro Protestante

Noterete che la stragrande maggioranza delle chiese che visitate in questo tour sono cattoliche piuttosto che protestanti. Perché? Ci sono diversi motivi.

Il primo è una semplice questione demografica: di gran lunga i cattolici costituivano la maggioranza dei residenti del Lato est del XIX secolo. In particolare, la Polonia era ed è un paese quasi interamente cattolico, e anche i luoghi da cui provenivano la maggior parte degli immigrati tedeschi a Buffalo, dalla Baviera, dal Württemberg e la regione culturalmente tedesca dell'Alsazia in Francia, erano a maggioranza cattolica.

In secondo luogo, ci sono anche differenze significative tra la tradizione cattolica e quella protestante quando si tratta di architettura ecclesiastica. Mentre i cattolici tradizionalmente non esitavano a dare il massimo con squisita grandezza quando costruivano chiese, decorandole con dettagli architettonici ornati e opere d'arte mozzafiato dentro e fuori, i protestanti modesti e parsimoniosi davano molta più enfasi al contenuto dei sermoni del predicatore che l'ambiente fisico della chiesa, e quindi tendeva a considerare l'ostentazione di stampo cattolico vistosa e volgare, persino idolatra. Tuttavia, l'architettura è destinata a essere uno dei principali punti focali di questo itinerario e, a parte le differenze teologiche, le chiese cattoliche del Lato est sono semplicemente più interessanti per gli appassionati di architettura di quelle protestanti.


Architettura[modifica]

Parlando di architettura, l'elenco delle chiese del Lato est è vario e comprende la maggior parte degli stili in voga tra la metà e la fine del XIX secolo. Questo è stato un periodo piuttosto conservatore nella storia dell'architettura, dominato da stili revivalisti che rimandavano consapevolmente alle epoche passate della storia europea, una soluzione perfetta per gli immigrati affamati di ricordi nostalgici delle loro terre d'origine. Alcuni degli stili architettonici che incontrerete in questo tour sono:

  • Il Revival Gotico, che, insieme al Neoclassicismo a cui serviva da diretto rimprovero, fu uno dei primi stili di "periodo revival" a entrare in voga in Nord America. Quindi, in questo tour, le chiese che vedete che sono gotiche tendono ad essere tra le più antiche ed erano particolarmente popolari tra le congregazioni tedesche. La caratteristica distintiva dello stile è l'arco a sesto acuto (spesso indicato come "arco gotico") che corona tutte le finestre e le porte di un edificio, nonché le volte interne spaziose e ariose. Gli edifici in stile neogotico sono inconfondibilmente orientati verticalmente, con forme sottili e linee del tetto ripide che attirano lo sguardo verso l'alto. Le finestre sono tipicamente decorate con trafori decorati e i contrafforti esterni comunemente forniscono supporto strutturale ai lati degli edifici. I campanili e altri pinnacoli sono solitamente sormontati da statue, pinnacoli o altri ornamenti; dove i tetti sono piatti e sono spesso presenti merlature decorative.

Il periodo di massima popolarità del revival gotico in questa regione va dal 1830 circa allo scoppio della guerra civile. Le chiese risalenti a quel periodo di solito imitano le strutture dell'epoca medievale in Inghilterra e nella Francia normanna. Tuttavia, lo stile rimase abbastanza comune per il resto del XIX secolo, ramificandosi in sottostili come il gotico carpentiere rustico e semplificato e l'eclettico gotico vittoriano, un'interpretazione più libera del modello caratterizzata da elementi decorativi decorati e facciate esterne policrome spesso in terracotta e, nel caso dello stile Carpentiere Gotico e simili modelli di influenza tardo gotica inglese spesso usati per le chiese protestanti, anche fino al XX secolo.

  • il Revival Romanico, un'imitazione dei disegni dell'XI e XII secolo popolari in Normandia e Lombardia che iniziarono ad apparire negli Stati Uniti non molto tempo dopo che il gotico divenne popolare: uno dei primi campioni fu il riformatore sociale Robert Dale Owen, che nel 1840 promosse sopra il Revival greco, lo stile nazionale difatto dell'America dell'epoca, vantando la "verità architettonica" del romanico nel fare spazio a ornamenti moderni come scale e camini, e deprecando i tetti bassi e altri elementi strutturali del Revival greco come inadatti ai climi più freddi, ma non si è affermata come una delle principali tendenze architettoniche fino a dopo la Guerra Civile. La divulgazione dello stile in America fu dovuta in gran parte al lavoro del grande HH Richardson, che fu pioniere del suo omonimo sottostile romanico richardsoniano proprio qui a Buffalo con il suo prototipo, il Buffalo State Hospital, eretto nel 1870. Il periodo di massimo splendore dello stile durò fino al 1900 circa. A Buffalo, l'architettura neoromanica era particolarmente popolare tra le chiese polacche di Broadway-Fillmore che furono costruite durante l'ultimo quarto del XIX secolo, così come alcune delle chiese tedesche del periodo successivo.

Gli edifici del revival romanico sono generalmente costruiti in mattoni o pietra; a Buffalo, l'arenaria di Medina è particolarmente popolare e hanno un aspetto robusto e poderoso in netto contrasto con il più delicato stile neogotico. La sua principale caratteristica distintiva è l'arco a tutto sesto o semicircolare, che è tipicamente impiegato su tutte le finestre e i portali di un edificio, oltre a fungere da motivo decorativo altrove. Il romanico richardsoniano usa tipicamente invece l'arco siriano molto simile. Le colonne che sono tipicamente impiegate intorno all'ingresso evitano ordini meno ornati come il dorico e il toscano a favore di adattamenti stilizzati di capitelli corinzi adornati con disegni ornati, spesso geometrici che a volte si estendono agli archi e ai timpani intermedi. Nelle chiese romaniche revival, i campanili sono spesso sormontati da semplici tetti piramidali anziché guglie, che si aggiungono al loro aspetto solido e robusto. Sia su una torre che altrove in un edificio, le divisioni orizzontali sulla facciata sono contrassegnate da marcapiani, spesso sostenuti da mensole che possono essere piuttosto ornate.

  • lo stile della Cattedrale Polacca, che, come indica il nome, fu portato dagli immigrati dalla Polonia nelle zone degli Stati Uniti dove si stabilirono in gran numero: vale a dire, le città industriali dei Grandi Laghi e delle regioni del Medio Atlantico e, in parte, la Nuova Inghilterra meridionale. Costruite in gran numero tra il 1870 e la prima guerra mondiale, queste strutture erano invariabilmente molto più grandi e più ornate delle chiese vicine: la loro grandezza serviva da testamento sia alla gloria di Dio che al prestigio delle comunità polacco-americane che le costruirono, ma portarono anche a critiche da parte di altre confessioni sull'uso delle donazioni dei parrocchiani poveri immigrati per finanziare sontuosi edifici ecclesiastici.

Lo stile della Cattedrale Polacca è meno uno stile a tutti gli effetti a sé stante che un insieme di principi di design e decorazione che potrebbero essere applicati praticamente a qualsiasi stile: a Buffalo, il revival romanico era solitamente l'estetica sottostante, sebbene le cattedrali polacche del revival gotico esistano ancora. Gli elementi decorativi prendono in prestito da una borsa di altri stili come il neoclassico, il barocco e il revival rinascimentale, sintetizzandoli in una fusione unica ed eclettica la cui ricercatezza è in genere rivaleggiata solo con i più floridi edifici barocchi spagnoli. Il segno distintivo dello stile della cattedrale polacca, tuttavia, è una coppia di identici campanili gemelli che fiancheggiano la facciata anteriore dell'edificio, coronata da cupole rivestite di rame con lanterne e pinnacoli nella parte superiore (o, nel caso di disegni a base gotica, con guglie alte e strette). L'elevazione frontale e la grondaia del tetto sono disseminate liberamente di statue, spesso raffiguranti figure religiose venerate dai cattolici polacchi, e l'abside è tipicamente sormontata da una grande cupola spesso simile nel design alle cupole dei campanili.

  • il Revival Rinascimentale, l'ultimo di questi stili ad entrare in voga. Il Rinascimento originale fu, ovviamente, un movimento di risveglio culturale che si diffuse in tutta Europa nel XV, XVI e XVII secolo, il che, nel regno dell'architettura, creò una gamma di forme ed estetiche vagamente connesse ma esasperanti principi propri di ogni singolo Paese. L'architettura rinascimentale non è diversa. In generale, a Buffalo le varietà più popolari di architettura rinascimentale erano gli stili francese e italiano, anche se vedrete anche alcuni esempi sparsi di altre tradizioni come l'olandese e il fiammingo. In Nord America, il periodo di massimo splendore del Revival rinascimentale fu un periodo relativamente breve di un decennio o due su entrambi i lati della fine del secolo. Uno stile altamente formalistico caratterizzato da una rigorosa simmetria verticale, il segno distintivo del Rinascimento rinascimentale è una facciata a strati, ogni cui livello è articolato in modo diverso: la superficie esterna può avere una trama diversa su uno strato, le colonne e i pilastri su un altro possono essere di un diverso ordine, il rivestimento della finestra su un terzo potrebbe essere diverso. Gli elementi decorativi prendono in prestito liberamente da una borsa di motivi greco-romani casuali, che spesso creano un miscuglio eclettico in cui un porticato romano potrebbe coesistere con un maestoso portico del tempio in stile greco. Lo stile rinascimentale italiano più diffuso favorisce trame esterne ruvide come bugne e cornici prominenti, mentre il più antico stile rinascimentale francese fonde motivi classici su un substrato di influenza gotica che si esprime in elementi come tetti spioventi e linee verticali prominenti.

Preparazione[modifica]

Con l'ovvia eccezione dei famigerati inverni rigidi della zona, l'itinerario delle Chiese storiche del Lato est di Buffalo è adatto a qualsiasi periodo dell'anno. Buffalo è un luogo con quattro stagioni distinte, ognuna con il proprio fascino, e durante i mesi temperati la regione sperimenta poco in termini di condizioni meteorologiche estreme. Per informazioni più specifiche su cosa potete aspettarvi in un dato periodo dell'anno, vedere Buffalo#Quando andare.

Dovreste prevedere un minimo di tre ore per completare l'intero tour, o più se volete davvero dare una lunga occhiata a questi maestosi edifici. Sebbene il traffico intenso non sia generalmente un grosso problema sulle strade del Lato est, se fate il tour in un giorno feriale potrebbe essere una buona idea evitare le ore di punta (circa 7:30-9:00 e 16:30-18:00). Avrete anche bisogno di un timeout in modo da aver finito prima che faccia buio, poiché è meglio evitare molte aree del Lato est di notte. Per ottenere i migliori risultati, potreste iniziare il vostro tour subito dopo la fine dell'ora di punta mattutina e concluderlo nel pomeriggio.

A parte questo, non è necessaria molta pianificazione anticipata. Finché avete un'auto, preferibilmente in buone condizioni e con il pieno di benzina, poiché le stazioni di servizio possono essere difficili da trovare nel Lato est, oltre a una macchina fotografica, batterie di ricambio e forse un sistema GPS, siete a posto.


Come arrivare[modifica]

In auto[modifica]

Il tour inizia e finisce all'angolo tra Broadway e Michigan Avenue. Per arrivarci dal centro, dirigersi verso Lafayette Square, quindi proseguire verso est per quattro isolati lungo Clinton Street (che inizia sul lato sud della piazza, di fronte all'Hotel Lafayette). Sulla Michigan Avenue, girare a sinistra e procedere per due isolati. Per arrivarci dalla periferia, prendete la Kensington Expressway (NY 33) per 10,4 km oltre la New York State Thruway e scendete all'uscita Goodell Street. Michigan Avenue sarà la prima a sinistra; svoltare lì e procedere per quattro isolati.

Con una lunghezza totale di 32,9 km, l'itinerario delle Chiese storiche del Lato est di Buffalo non è adatto da fare a piedi in quanto le distanze tra le chiese sono troppo lunghe per essere percorse a piedi, inoltre il Lato est è la parte di Buffalo meglio servita dai mezzi pubblici, l'estensione della rete e la frequenza del servizio non sono abbastanza per rendere l'autobus un'alternativa da utilizzare in questo tour. I ciclisti abituati a percorrere lunghe distanze potrebbero essere in grado di farcela, ma dovrebbero sapere che le piste ciclabili dedicate e altri elementi infrastrutturali per i ciclisti sono pochi e rari nel Lato est.


Tappe[modifica]

Old German Village: Inizia la storia del Lato est[modifica]

Il tour inizia all'angolo tra Broadway e Michigan Avenue, la parte più antica del Lato est, fondata nel 1830. Dirigetevi per tre isolati verso est lungo Broadway, lontano dal centro, finché non arrivate all'angolo di Pine Street.

  • La prima tappa del tour è, o è stata, anche la prima chiesa ad essere costruita nel Lato est. Nell'42.887285-78.8645851 ex sito della Chiesa Cattolica Redentorista di Santa Maria (angolo sud-ovest di Broadway e Pine Street) oggi vedrete solo un lotto libero e alcune case di nuova costruzione, ma ai vecchi tempi questo luogo era il centro nevralgico della fiorente comunità tedesca che si era stabilita nel Lato est.
La Chiesa Cattolica Redentorista di Santa Maria come appariva nel 1914, vista dall'angolo tra Broadway e Pine Street. Il Convento delle Suore di San Francesco è a destra. Il St. Mary Lyceum, non raffigurato, sarebbe fuori dal margine del quadro, a destra del convento
Lo stesso angolo nel 2015. Il sito della chiesa è ora occupato da un paio di nuove case costruite negli anni '90; i loro cortili sono dove c'era il convento. Il St. Mary Lyceum, all'estrema destra, esiste ancora e ha lo status di punto di riferimento locale

Correva l'anno 1843. La diocesi cattolica di Buffalo non era ancora stata fondata, la Frontiera americana del Niagara era allora una provincia arretrata dell'arcidiocesi di New York, e la terra a est del centro era una pianura bucolica e fertile che stava appena iniziando a riempirsi di coloni immigrati dalla Germania, che ogni domenica dovevano sopportare un lungo viaggio verso ovest fino alla chiesa di St. Louis. Cosa fare? L'arcivescovo di New York John Joseph Hughes vide un'opportunità per risolvere due problemi contemporaneamente. Quell'anno fondò Santa Maria non solo come chiesa parrocchiale per il nuovo Lato est tedesco, ma anche come sede della provincia locale della Congregazione del Santissimo Redentore, o Redentoristi, un ministero di sacerdoti itineranti che visitavano le zone rurali Comunità cattoliche in tutta l'ampia periferia della sua arcidiocesi (fino all'estremo est di Elmira), così come nelle zone limitrofe dell'Ontario meridionale, che erano troppo piccole per sostenere le proprie chiese. I sacerdoti redentoristi terrebbero servizi in qualunque edificio acconsentisse ad accoglierli. La prima chiesa di Santa Maria fu costruita nel 1844 con il lavoro non specializzato degli stessi parrocchiani e non era di nessuna importanza architettonica. Fu sostituita quattro anni dopo da una bella struttura gotica costruita con pietra calcarea locale.

Man mano che il Lato est cresceva in dimensioni e ricchezza, cresceva anche Santa Maria: quando fu dedicato il secondo edificio della chiesa, era già stata fondata una scuola parrocchiale e istituzioni di beneficenza di ampio respiro come la Casa degli orfani cattolici tedeschi e la chiesa di St. Francis Hospital sarebbero presto seguite. Sotto la guida di padre Adrian van de Braak, Santa Maria si è anche posizionata al centro della vita politica del Lato est: il Buffalo Volksfreund, un giornale in lingua tedesca finanziato personalmente da padre Van de Braak, è stato visto come la voce moderatrice della Chiesa cattolica contro il radicalismo politico focolaio sposato dal Täglicher Demokrat e altri organi, e nel 1899 Santa Maria prese anche l'iniziativa di fondare la Christian Society of Social Reform, un'organizzazione antisocialista che fu un'impresa cooperativa di tutte le società maschili cattoliche tedesche di Buffalo. La crescita della comunità continuò imperterrita fino all'inizio del XX secolo e nel 1906 fu tagliato il nastro del St. Mary's Lyceum, un bell'edificio scolastico neoclassico a tre piani che fu la prima istituzione educativa cattolica del suo genere a Buffalo.

Ma dopo la seconda guerra mondiale, le fortune del Lato est avrebbero preso una brusca piega e la posizione di Santa Maria nella parte più antica e più interna del distretto fece sì che fosse una delle prime parrocchie a sentire il devastante declino che si sarebbe insinuato nell'intero Lato est per il resto del secolo. Il Lyceum continuò come scuola cattolica e circolo sociale e atletico fino agli anni '30, poi per alcuni decenni come spazio scolastico per la St. Mary's Business School, ma non c'erano due modi per farlo: il carattere del quartiere stava cambiando; I cattolici si riversavano dal Lato est, e specialmente dal Vicino Lato est, verso i sobborghi. Nel 1981, la frequenza tipica alla messa era scesa a una dozzina o due e l'edificio aveva accumulato un lungo e crescente elenco di riparazioni necessarie con cui la congregazione non poteva tenere il passo. Santa Maria è stata chiusa e venduta a una società di salvataggio che ha trascorso gli anni successivi spogliando l'edificio di oggetti di valore come vetrate, campane e opere d'arte.

L'edificio stesso avrebbe potuto sopravvivere come molte altre chiese del Lato est, ma nelle prime ore del mattino del 20 dicembre 1986 scoppiò un incendio, nessuno sa bene come, che si diffuse rapidamente e culminò nel crollo dell'enorme campanile e cadendo in strada all'angolo tra Broadway e Pine diverse ore dopo. Il guscio carbonizzato della chiesa fu rapidamente demolito e il convento attiguo seguì quattro anni dopo, il che lascia l'ex Lyceum (correttamente propagandato come "ignifugo" quando fu costruito) come l'unico edificio del vecchio complesso di Santa Maria che esiste ancora oggi. Il St. Mary Lyceum è stato nominato come punto di riferimento di Buffalo ed è di proprietà della Belmont Contracting Company, che utilizza parte del secondo piano come spazio di archiviazione. Belmont è alla ricerca di un acquirente per l'edificio sottoutilizzato, poiché non ha i mezzi finanziari per effettuare le riparazioni necessarie, come un nuovo tetto, figuriamoci per riportarlo al suo antico splendore.

Proseguite verso est lungo Broadway attraverso il cuore dell'Old German Village. Attraversate Jefferson Avenue e proseguite per 450 metri. Alla vostra sinistra, appena prima dell'angolo di Emslie Street, vedrete il parcheggio del Kindgom Kids Family Fun Center, un buon posto dove accostare e dare un'occhiata alla prossima chiesa su questa lista, che si trova dall'altra parte della strada.

  • Una cosa che potete dire della comunità conservazionista di Buffalo è che non sono niente se non ostinati. Non esitano a riversare i loro cuori e i loro soldi in sforzi che agli altri possono sembrare cause perse donchisciottesche. La 42.890622-78.8492482 chiesa cattolica di Sant'Anna (651 Broadway) ne è un ottimo esempio: nonostante sia una delle chiese più grandi e più ornate di Buffalo, tuttavia situata in una delle sue zone più degradate, salvarla dalla palla da demolizione è, a partire da questo scrittura, una delle principali cause célèbres nell'agenda conservazionista locale.

Inizieremo con la sua architettura. Questa sentinella in stile neogotico di 53 metri che incombe lungo Broadway è forse la chiesa architettonicamente più europea della città, con pareti spesse 2 metri di dolomite Lockport rinforzata in acciaio. Noterete subito i due campanili, ricoperti da strutture che sembrano piuttosto tetti a mansarda: questi sono i resti tozzi delle guglie originali, che furono abbattute per motivi di sicurezza strutturale a seguito di una tempesta nel marzo 1964. La torre più alta, a sinistra, contiene un orologio installato nel 1895 dalla E. Howard Company di Boston e un totale di sei campane, la più pesante delle quali pesa 3.500 chilogrammi. Sebbene la chiesa sia oggi chiusa al pubblico, all'interno c'è ancora un tesoro di statue e opere d'arte: un dipinto dell'omonimo della chiesa importato dalla Germania, 35 vetrate in stile bavarese progettate dalla Francis X. Zettler Company, e affreschi dipinti nel 1907 dall'artista ecclesiastico locale Leo Frohe.

Come avete visto di persona, Sant'Anna è la seconda chiesa che incontrate lungo Broadway uscendo dal centro; allo stesso modo, è la seconda chiesa cattolica più antica del Lato est, fondata nel 1857 nella parte orientale del territorio di Santa Maria Redentorista. A quel tempo questa era ancora la periferia della città e in quei giorni gli speculatori terrieri, in questo caso Steven Van Rensselaer Watson, responsabile di gran parte dello sviluppo del Vicino Lato est, in particolare della Fruit Belt, donavano regolarmente uno dei lotti più scelti della loro terra ad un gruppo religioso per la costruzione di una chiesa che, a sua volta, attirerebbe i coloni. Sant'Anna non era diversa e, come ci si aspettava, questo tratto di terra densamente boscosa e scarsamente popolata si riempì presto di nuovi residenti tra la fiorente popolazione immigrata tedesca di Buffalo. Come molte chiese del Lato est dell'epoca, l'originale Sant'Anna, un bell'edificio romanico in mattoni rossi che fu dedicato lo stesso anno in cui fu fondata la congregazione, si trovò presto a dover faticare per accogliere la sua ormai vasta popolazione parrocchiale. Dopo che un progetto da 135.000 dollari per una nuova chiesa dell'architetto newyorkese Francis Himmpler fu respinto dalla congregazione all'inizio degli anni 1870 come troppo costoso, padre William Röther affidò il progetto al suo assistente, fratello Charles Halfmann, che era un viaggiatore del mondo e una specie di appassionato di architettura. Il fratello Halfmann modificò il progetto di Himpler per ridurre i costi e la costruzione iniziò finalmente nel 1878. Fedele al voto di padre Röther di non accumulare alcun debito sulla costruzione della chiesa, il processo di costruzione procedette a singhiozzo e non fu completato fino al 1886.

Essendo una parrocchia del Vicino Lato est, la vicinanza di Sant'Anna è stata una delle prime in città a risentire degli effetti della suburbanizzazione del dopoguerra e dei cambiamenti demografici che ne sono derivati, quindi è forse sorprendente che sia stata in grado di resistere come un parrocchia attiva fino all'aprile 2012. Nonostante l'inevitabilità che la messa a Sant'Anna non si avvicinasse più alle folle che faceva nei giorni dell'insalata del XIX secolo, la chiesa aveva sperimentato un modesto risveglio nel primo decennio del XXI secolo, non solo a causa dell'assistenza e dei servizi sociali forniti al quartiere in difficoltà, ma anche in termini di frequentazione della chiesa, poiché i rifugiati provenienti da paesi dilaniati dalla guerra come il Sudan e il Ruanda, molti dei quali cattolici, avevano iniziato ad arrivare nel quartiere. Nel 2007, quando la diocesi di Buffalo ha annunciato l'intenzione di fondere la parrocchia di Sant'Anna con quella di Santissima Colomba e Brigida, a pochi isolati a sud di qui, la congregazione ha combattuto il piano con le unghie e con i denti. Il processo di appello raggiunse lo stesso livello del Papa, ma fu tutto vano: il gioco finale fu la "sospensione" di tutte le attività della congregazione di Sant'Anna, con i parrocchiani incoraggiati a iniziare a partecipare alla messa nella loro nuova chiesa.

Oggi Sant'Anna è vuota e ha di fronte un futuro incerto. Poco dopo che la diocesi ha annunciato il suo piano per demolire l'edificio nell'agosto 2013, una tempesta di opposizione da parte dei cattolici dell'area di Buffalo e della comunità conservazionista l'ha costretta a cambiare rotta e almeno a cercare di trovare un acquirente disposto ad affrontare dagli 8 ai 12 milioni di dollari in interventi strutturali necessari per riportare a norma l'edificio. Per un po', si diceva che il Buffalo Religious Arts Center, a partire dal 2020 nell'ex chiesa di San Francesco Saverio a Black Rock, fosse interessato a trasferirsi a Sant'Anna, ma non si sapeva più nulla di questa idea. Per ora, l'edificio è nelle mani dell'organizzazione Save St. Ann's Church and Shrine, le cui frequenti raccolte di fondi hanno avuto un successo tale che molte delle riparazioni più urgenti necessarie sono già state completate. Anche se la sua nomina del 2014 a punto di riferimento di Buffalo ha eliminato definitivamente la possibilità di demolizione, l'organizzazione deve ancora affrontare una battaglia decisamente in salita. Coloro che sono interessati ad aiutare a salvare questa meraviglia architettonica sono invitati a fare una donazione tramite assegno personale, carta di credito o PayPal.

Polonia[modifica]

Continuate più a est lungo Broadway. State entrando nel distretto polacco di Buffalo. Il primo semaforo passato a Sant'Anna è Smith Street; proseguite lungo Broadway per un isolato dopo il semaforo fino a Coit Street, quindi svoltate a destra. Dopo due isolati, girate a sinistra sulla Peckham Street. Continuate per altri tre isolati. Il parcheggio su strada dovrebbe essere abbastanza facile da trovare, oppure potete parcheggiare nel parcheggio all'angolo di Wilson Street.

Chiesa cattolica di San Stanislao, vescovo e martire
  • In contrasto con le ultime due chiese che avete visto, la 42.887983-78.8404423 Chiesa cattolica di San Stanislao, vescovo e martire (angolo nord-ovest di Peckham e Wilson Street) è molto viva, ancora una pietra angolare della comunità che ha servito da quando è stata fondata. Infatti, in questo caso la chiesa era qui prima della comunità: nel 1872, Joseph Bork era uno speculatore fondiario di origine polacca che cercava un modo per attirare più suoi connazionali a stabilirsi a Buffalo piuttosto che rimanere solo il tempo necessario per organizzare per proseguire il viaggio verso Chicago, Detroit e altri luoghi dove esistevano già comunità di immigrati polacchi. Dopo essersi reso conto che le città in Polonia erano quasi sempre incentrate su una grande chiesa parrocchiale, donò una buona parte della sua terra alla diocesi cattolica per fondare una chiesa. La diocesi, a sua volta, reclutò padre Jan Pitass, un prete di lingua polacca della Slesia, e San Stanislao si mise a correre come "Chiesa madre di Polonia". Ingegnosamente, quando la chiesa fu dedicata, Bork si era assicurato che centinaia di nuove case fossero costruite nelle vicinanze e pronte per essere abitate, e il suo progetto funzionò come un incantesimo.

L'attuale edificio della chiesa di San Stanislao, il secondo a sorgere sul sito, fu eretto nel 1882 su progetto dell'architetto TO Sullivan, e con i suoi imponenti campanili gemelli che si elevano per 66 metri sopra Peckham Street, è un esempio particolarmente maestoso dello stile della cattedrale polacca del revivalismo romanico che conoscerete molto bene in questo prossimo tratto del tour. Il calcare grigio Onondaga di provenienza locale (probabilmente dalla cava di Lewis Bennett) delle pareti esterne è accentuato da finiture in calcare Lockport di colore più chiaro. Noterete anche la sfilata dei santi che incoronano i contrafforti ai lati dell'edificio, tra le statue ci sono molte figure religiose polacche tra cui Sant'Adalberto e San Giacinto di Cracovia, così come la cupola ottagonale sopra l'abside che fa eco a quelle in cima i campanili. Se siete abbastanza fortunati da avere la possibilità di entrare, sarete anche testimoni di alcune delle opere più squisite del prolifico artista ecclesiastico locale Jozef Mazur.

Al suo apice all'inizio del XX secolo, San Stanislao era tra le più grandi chiese cattoliche del paese, con quasi 20.000 parrocchiani, 2.000 studenti nella scuola parrocchiale e un organo a canne Johnson & Son. Tuttavia, come le altre parrocchie di Polonia, San Stanislao ha visto la sua congregazione diminuire di numero durante la seconda metà del XX secolo ed è stata infine dichiarata dalla diocesi "santuario di San Stanislao e di tutti i martiri polacchi", in parte per garantire la sua sopravvivenza in un quartiere che diventava ogni anno meno cattolico. Nonostante ciò, la sua importanza per la comunità polacca di Buffalo continua inalterata: la normalmente tranquilla San Stanislao si riempie di fedeli ancora una volta durante le vacanze come Natale e Pasqua e durante le feste etniche come il Dyngus Day.

Proseguite verso est lungo Peckham Street, attraversando Fillmore Avenue. Due isolati dopo Fillmore, arriverete a Lombard Street, dove girerete a sinistra e passerete lungo il retro del vecchio Broadway Market. Svoltate a destra sulla Kent Street e proseguite per un isolato fino a Clark Street. Qui, al leggendario "Superman Corner" di Buffalo, troverete un ampio parcheggio su strada e una vista maestosa della prossima tappa del tour.

Chiesa cattolica del Corpus Domini (a destra) e canonica (a sinistra)
  • Un quarto di secolo dopo la fondazione di San Stanislao, Broadway-Fillmore ospitava una fiorente comunità di 20.000 immigrati polacchi che adoravano in diverse chiese. La loro storia era un ciclo ripetitivo: poiché la popolazione del quartiere cresceva a passi da gigante ogni anno, le chiese, per quanto massicce, alla fine non potevano più contenere fisicamente le folle che venivano ad assistere alla messa ogni domenica. Di tanto in tanto le vecchie chiese venivano rase al suolo e sostituite con altre più grandi, ma questo da solo non bastava a risolvere il problema: dovevano essere istituite nuove parrocchie. Così iniziò un'orgia di costruzione durata dodici anni che vide quattro parrocchie figlie scavate nel territorio di San Stanislao; il gran finale arrivò nel 1898, quando fu fondata la 42.891559-78.8359654 Chiesa cattolica del Corpus Domini (199 Clark Street), la seconda più giovane delle grandi chiese antiche della Polonia (la chiesa della Regina del Santissimo Rosario sulla Sycamore Street seguì molto più tardi).

La congregazione di Corpus Domini originariamente venerava nell'edificio che ora funge da canonica: si trova all'estremità nord del complesso, adiacente a Kent Street. L'attuale chiesa fu eretta nel 1909 su progetto della ditta locale di Schmill & Gould. Le pareti esterne sono costruite in pietra arenaria ruvida e rossa di Hummelstown e la chiesa vanta una serie di torri gemelle simili nel design a quelle di San Stanislao; coronata da cupole in rame con finestre a tutto sesto. Interessanti sono anche le tre porte d'ingresso che si affacciano su Clark Street, ciascuna delle quali è fiancheggiata da un trio di colonne corinzie impegnate che sostengono un arco composto a tutto sesto, esemplare del revival romanico; il timpano del portale centrale contiene anche una formazione quadrilobata. Il retro della chiesa presenta un'insolita abside ricurva sorretta da una coppia di torri simili a quelle anteriori, ma più piccole e prive di cupole. Corpus Domini è anche rinomata per l'opera d'arte sacra al suo interno, installata durante i lavori di ristrutturazione nel 1926 e ampiamente considerata la più maestosa collezione di qualsiasi chiesa di Buffalo: tutte le sue vetrate, compreso il maestoso rosone sulla facciata anteriore, sono opera della Compagnia Franz Mayer di Monaco, e Jozef Mazur (la cui opera forse avrete già visto all'interno di San Stanislao) si è davvero distinta con gli affreschi e le altre opere d'arte che adornano il suo interno, tra cui una riproduzione della Disputa del Sacramento di Raffaello e sei grandi Madonne che sono riproduzioni di vari famosi santuari mariani in Polonia.

Al suo apice negli anni '20, la popolazione parrocchiale di Corpus Domini raggiunse le 2.000 famiglie, un numero che diminuì leggermente nel 1929 quando circa 300 case nel suo territorio furono demolite per far posto alla Central Terminal. Corpus Domini è sopravvissuta alla fine del XX secolo e nel XXI come molte altre chiese del Lato est ha chiuso, ma non c'era modo di negarlo: i giorni delle messe solo in piedi erano finiti. Broadway-Fillmore non è altro che una comunità resiliente, tuttavia, e quando nel 2003 si è parlato della fusione di Corpus Domini con una parrocchia vicina, non solo è stato rapidamente affondato, ma ha persino portato alla sua inclusione nel Registro nazionale dei luoghi storici come così come i fondi raccolti per un nuovo ciclo di ristrutturazioni edilizie, il quarto nella sua storia, che consolida il suo posto tra le chiese meglio conservate del Lato est. Tali lavori di ristrutturazione sono iniziati nel 2011 e sono tuttora in corso al momento della stesura di questo documento. Oggi, Corpus Domini suona in secondo piano solo a San Stanislao come pietra angolare della vecchia Polonia di Buffalo, ospitando due messe in lingua polacca a settimana e l'annuale festival del raccolto di Dożynki, la controparte di fine estate del Dyngus Day di primavera.

Tornate indietro lungo Kent Street fino a raggiungere nuovamente Lombard Street, quindi svoltate a destra. Probabilmente avrete un'attesa abbastanza lunga al semaforo di Broadway. Quando arrivate all'angolo, guardate alla vostra destra attraverso Broadway e vedrete un vecchio edificio di una banca in stile revival greco che ora è sede di Prudential Jewelry & Loan. Quando il semaforo diventa verde, girate a destra e poi a sinistra sulla strada laterale a sinistra della vecchia banca: Mills Street.

Se desiderate interrompere il tour per un po' e fermarvi a pranzo o a cena, un ottimo posto dove andare sarebbe 42.894318-78.8364331 R&L Lounge, che vedrete alla vostra destra al 23 di Mills Street. R&L è un vecchio, la fabbrica di gin operaia della scuola e, tanto quanto San Stanislao o Corpus Domini, un onesto ritorno al passato della vecchia Polonia. Al timone di tutto dal 1969 c'è stata l'inimitabile Lottie Pikuzinski. Chiedetele dei bei vecchi tempi del quartiere, o praticamente qualsiasi altra cosa, se è per questo, e vi parlerà con le orecchie, attingendo da quello che sembra un pozzo senza fondo di vecchie storie. R&L serve anche alcuni dei migliori piatti polacchi che Buffalo ha da offrire, specialmente il venerdì quando la frittura di pesce riempie la casa. È un'esperienza da non perdere.

Altrimenti, continuate per due isolati lungo Mills Street fino a Sycamore Street. Ora siete nella parte settentrionale del distretto di Polonia, colonizzato alla fine del 1890 da immigrati dalla Slesia, che ora fa parte della Polonia, ma allora era una regione dell'Austria a maggioranza polacca. Oggi ospita una varietà di immigrati tra cui yemeniti, pakistani e (soprattutto) bengalesi. Svoltate a destra per Sycamore e trovate un parcheggio in strada (non dovrebbe essere difficile). Guardate dietro di voi, tornate all'angolo tra Sycamore e Mills, e vedrete la prossima tappa dell'itinerario.

  • Nonostante la continua vitalità di San Stanislao e Corpus Domini, non tutte le antiche congregazioni di Polonia sono state in grado di resistere al declino del quartiere e ai cambiamenti demografici. Lo stato delle cose alla 42.898215-78.836865 chiesa cattolica della Trasfigurazione (929 Sycamore Street) è tra le più tristi di tutte le chiese del Lato est, crollando al suolo in bella vista ma a malapena riconosciuto dalla comunità conservazionista locale. La sua storia è una testimonianza delle immense sfide finanziarie e logistiche che sono coinvolte nel riuso di edifici così grandi e decorati come questi, specialmente nei quartieri economicamente depressi, e di alcune delle insidie ironiche della nomina di un edificio in pericolo a un registro storico.
Chiesa cattolica della Trasfigurazione

A differenza delle altre chiese di Polonia, l'architettura della chiesa della Trasfigurazione (una delle prime opere dell'architetto locale Karl Schmill, risalente al 1896, un decennio prima della sua collaborazione con George Gould) consiste in un design revival gotico relativamente semplice eseguito in mattoni rossi. Noterete archi a sesto acuto ovunque, dalle vetrate ai lucarnes nel campanile ottagonale all'arco composto che incornicia l'ingresso principale. Ma, ai suoi tempi, l'interno sembrava più o meno lo stesso di una qualsiasi delle parrocchie vicine: un tempo conteneva una ricchezza di arte decorativa, anche se tutto ciò che rimane oggi è un paio di affreschi sbrindellati sulle pareti dipinti da Leo Frohe. La storia della chiesa della Trasfigurazione risale al 14 maggio 1893, data di un incontro tra due delle entità più importanti della comunità polacca di Buffalo: i rappresentanti del ramo della St. Joseph Society della Chiesa cattolico-romana di Sant'Adalberto sulla Stanislaus Street, e il reverendo James Wojcik della Chiesa dell'Assunta a Black Rock. In quei giorni, la suddetta esplosione demografica in Polonia era in pieno svolgimento, con il quartiere diviso in parrocchie sempre più piccole, e ora erano i polacchi austriaci della zona intorno a Sycamore Street a cui toccava ottenere la propria chiesa, per essere guidata da padre Wojcik che è venuto dall'Assunzione. La chiesa con struttura in legno costruita per loro all'angolo tra Sycamore e Mills fu sostituita tre anni dopo (nel cui lasso di tempo la congregazione era già triplicata di dimensioni!) con l'edificio visto qui, e rimase sede di una vivace congregazione fino a quando il graduale esodo della comunità polacca di cui tanto avete sentito parlare è iniziato negli anni '50 e '60. La chiesa della Trasfigurazione ha continuato a svanire fino al 1993, quando alla fine è stata vittima di uno dei primi cicli di "riorganizzazione" da parte della diocesi di Buffalo che ha visto fondersi tra loro parrocchie in diminuzione nel centro della città. L'ultima messa nella vecchia chiesa fu celebrata il 4 agosto di quell'anno.

La diocesi aveva pianificato di demolire la chiesa della Trasfigurazione in seguito, ma dalla lavorazione del legno è emerso il famoso avvocato locale Bill Trezevant, che ha ottenuto il sostegno della comunità conservazionista locale e figure chiave del governo della città con il suo piano per convertire l'edificio in una scuola Montessori. La lotta per salvare la chiesa della Trasfigurazione è iniziata in modo abbastanza promettente nel 1994, con il consigliere comunale David Franczyk che ha perseguito con successo lo status di punto di riferimento locale per l'edificio che ha effettivamente impedito la sua demolizione, dopodiché la diocesi ha finalmente ceduto e ha venduto l'edificio a Trezevant. Tuttavia, quando si è trattato del lavoro effettivo necessario per stabilizzare strutturalmente l'edificio, il nuovo status della chiesa della Trasfigurazione come punto di riferimento di Buffalo ha aggiunto un ulteriore livello di burocrazia che ha causato il disfacimento dell'intero sforzo. La distribuzione della sovvenzione che Trezevant aveva ricevuto dal Dipartimento per l'edilizia abitativa e lo sviluppo urbano degli Stati Uniti è stata sospesa per due anni in attesa di varie revisioni ambientali e storiche dei suoi piani, mentre nel frattempo è stato trascinato ripetutamente davanti al tribunale per gli alloggi della città per rispondere delle violazioni del codice edilizio che non aveva i mezzi per affrontare, il che a sua volta ha complicato i suoi sforzi per richiedere più fondi federali. Gli alleati di Trezevant all'interno della comunità conservazionista iniziarono gradualmente a rivoltarsi contro di lui, sgomenti per il suo atteggiamento poco collaborativo nei confronti dell'Ufficio statale per la conservazione storica e la loro insistenza nell'approvare individualmente ogni fase del suo piano di ristrutturazione, nonché il suo rapporto sempre più ostile con la stampa locale e blogosfera. Nel 2007, enormi buchi nel tetto hanno esposto il bellissimo interno della chiesa agli elementi, pesanti tegole in ardesia avevano iniziato a cadere dall'edificio e il governo della città aveva ulteriormente paralizzato le finanze di Trezevant revocando lo status di esenzione fiscale dell'edificio.

Nonostante l'elenco crescente di azioni legali contro di lui, Bill Trezevant possiede ancora la chiesa della Trasfigurazione e la chiesa continua a deteriorarsi verso il punto di non ritorno, con solo poche riparazioni simboliche eseguite dalla sua chiusura, più di recente, nel gennaio 2017, la chiesa è scampata ad una demolizione di emergenza da parte delle squadre cittadine dopo che una valutazione ingegneristica in loco finanziata da una piccola sovvenzione del National Trust for Historic Preservation ha confermato che, ad eccezione della cupola, che è stata rimossa in quel momento, l'edificio non era in pericolo imminente di crollo. Tuttavia, le condizioni rimangono abbastanza disastrose che il suggerimento dell'importante conservazionista locale David Torke di fixBuffalo che il miglior uso per la chiesa della Trasfigurazione potrebbe essere quello di preservare il suo guscio come una "rovina sacra", alla maniera della Christ Church Greyfriar a Londra o della Kaiser Wilhelm Memorial Church a Berlino, è ancora una valutazione accurata. Il finale è significativamente più felice per alcuni dei suoi annessi, però: l'ex canonica è ora Paradise House, una residenza di transizione per donne e famiglie senzatetto, e la scuola è stata riproposta come libreria islamica.

Procedete verso est lungo Sycamore Street per quattro isolati, finché non vedete Sobieski Street. Poi girate a destra. Dopo una breve distanza, vedrete la prossima fermata alla vostra destra. Trovate un posto in strada per parcheggiare: di nuovo, dovrebbe esserci ampio spazio disponibile.

L'ex Cattedrale nazionale polacca della Santa Madre del Rosario, ora Masjid Zakariya
  • Il cattolicesimo romano era ovviamente la religione dominante tra i Buffalo Poles dell'inizio del XX secolo, ma non era l'unica. A partire dal 1914, Buffalo è stato anche uno dei principali punti di riferimento nazionali della Chiesa cattolica nazionale polacca, una controversa setta separatista il cui avamposto locale era la 42.899095-78.8328816 Cattedrale nazionale polacca della Santa Madre del Rosario (170 Sobieski Street). Costruita nel 1906 su progetto dell'architetto Sidney Woodruff, l'edificio presenta un adattamento dello stile gotico al modello strutturale della cattedrale polacca: sono presenti i campanili gemelli necessari, ma con finestre in vetro colorato ad arco gotico nella base e finestre a ruota semplici ma belle più in alto. Noterete anche un'insolita arcata cieca ornamentale di archi gotici a punta che si estende per tutta la lunghezza della facciata in arenaria della Medina, sopra l'ingresso e sotto un oculo sobrio ma delizioso che si trova al posto di un rosone. Fino al 2005, l'estetica era completata da un paio di belle guglie gotiche in cima ai campanili; questi sono stati rimossi nel 2005 dall'attuale proprietario dell'edificio, l'Istituto di istruzione superiore islamica Darul-Uloom Al-Madania, e le torri sono state rimodellate in minareti ricoperti da piccole cupole ottagonali a cupola. All'interno c'erano una volta non meno di venti affreschi e una serie di stazioni della Via Crucis squisitamente scolpite, tutte realizzate dall'artista religioso locale Jozef Mazur; quelli furono rimossi dall'edificio quando la congregazione lo vendette nel 1993.

La storia della Santa Madre del Rosario inizia con Sant'Adalberto, la prima nuova parrocchia fondata in Polonia dopo San Stanislao, nel 1886. Questa era una chiesa travagliata la cui congregazione era costantemente tormentata da lotte intestine. La questione di chi possedesse e controllasse l'edificio e il terreno della chiesa; la diocesi, o i parrocchiani le cui donazioni hanno contribuito a costruirle e mantenerle, ha portato a una porta girevole di preti impopolari che hanno cercato senza successo di mantenere l'ordine tra il loro gregge e, infine, nel 1895, alla fazione antidiocesana scissa sia dalla Chiesa che dalla Diocesi. Si unirono e acquistarono un appezzamento di terreno a un isolato di distanza da Sant'Adalberto, e fu così che fu fondata la prima chiesa "cattolica indipendente" di Buffalo. Padre Stefan Kaminski arrivò presto dal nord-est della Pennsylvania per guidare la nuova parrocchia, e con uno zelo ardente, per non parlare di Warta ("Guardia" o "Sentinella"), il giornale autofinanziato della chiesa, difese il suo gregge dagli insulti, scherni e violenze occasionali che hanno subito dal resto della comunità. Nel 1903, quando la chiesa costruita frettolosamente e sovraffollata in cui avevano adorato fino a quel momento fu reclamata da un incendio, padre Kaminski colse l'occasione per iniziare la costruzione di una casa adeguata per la sua congregazione. L'attuale edificio della chiesa fu consacrato tre anni dopo.

Padre Kaminski morì nel 1911 e, fatalmente, il suo successore si dimostrò molto meno fermo nel guidare la chiesa in crescita: in soli due anni, fu così afflitta da problemi finanziari da essere inadempiente sul mutuo della chiesa, e la città preclusa. La diocesi cattolica, vedendo l'opportunità di schiacciare per sempre la chiesa indipendente rinnegata, fece l'offerta più alta per la proprietà alla successiva asta di preclusione e, nel settembre 1913, l'ex chiesa indipendente ospitò la sua prima messa cattolico-romana.

Gli Indipendenti erano a terra, ma non erano fuori. Nel 1914, la congregazione dei senzatetto si allineò con la Chiesa cattolica nazionale polacca con sede a Scranton, in Pennsylvania, che si era separata da Roma in modo astioso alcuni anni prima a causa di una serie di lamentele, prima tra tutte la carenza di sacerdoti di lingua polacca per guidare le congregazioni di immigrati. Non era mai stato un problema nella Polonia di Buffalo; tuttavia, Franciszek Hodur, fondatore e "primo vescovo" della Chiesa nazionale polacca, aveva intrapreso un'aggressiva campagna di espansione basata in gran parte sull'assorbimento di chiese cattoliche indipendenti come la Santa Madre del Rosario, e qui vide l'opportunità di colpire Roma. Con il sostegno finanziario del vescovo Hodur, la congregazione fece causa alla diocesi e, nel 1915, riconquistò la loro chiesa più $ 24.000 di affitto arretrato per i 22 mesi in cui i cattolici romani occuparono l'edificio. La principale congregazione cattolica che si era riunita lì (la Regina del Santissimo Rosario) si è poi trasferita in un edificio modesto un po' più in basso sulla Sycamore Street. Nel frattempo, la loro vittoria in tribunale ha contribuito a rafforzare l'importanza della Chiesa nazionale polacca a Buffalo, che ha raggiunto il suo crescendo una dozzina di anni dopo, quando la Santa Madre del Rosario è stata nominata cattedrale della loro nuova diocesi di Buffalo-Pittsburgh, con il suo capo sacerdote, il giovane padre Jan Jasinski, come Vescovo.

Risolta definitivamente la disputa con la diocesi cattolica romana, la Santa Madre del Rosario si stabilì in una convivenza tranquilla e stabile con le altre chiese polacche del lato orientale. E, analogamente ai suoi vicini, con il passare del XX secolo il declino e i cambiamenti demografici nell'antica Polonia rendevano sempre più difficile per la chiesa continuare nella sua posizione attuale. Nel 1992, la congregazione approvò finalmente il trasferimento in periferia che stava contemplando da tempo, e tre anni dopo la nuova Cattedrale della Santa Madre del Rosario a Lancaster aprì al culto. Per coincidenza, la congregazione ha trovato un acquirente disponibile nel dottor Mohammed Memon, imam di Darul-Uloom Al-Madaniya, un seminario islamico che aveva recentemente lasciato la sua ex sede sulla Best Street a Masten Park. Darul-Uloom ha dimostrato di essere un amministratore esemplare del bel vecchio edificio, effettuando lavori di ristrutturazione per un valore di $ 200.000 al complesso e portando una nuova stabilità nel quartiere con un afflusso di immigrati. Oltre al seminario che occupa l'ex scuola e canonica della Santa Madre del Rosario, la chiesa stessa è utilizzata come moschea, la Masjid Zakariya.

Continuate lungo Sobieski Street, quindi svoltate alla prima a sinistra sulla Stanislaus Street e proseguite per un isolato e mezzo fino alla tappa successiva del tour. Il parcheggio in strada dovrebbe essere facile da trovare, ma se preferite parcheggiare in molto, girate sulla Rother Street (la prima a sinistra dopo Sobieski): ce n'è uno dietro la chiesa.

Basilica cattolica di Sant'Adalberto (al centro) e il Response to Love Center (all'estrema sinistra)
  • Salvare una vecchia chiesa del Lato est non richiede necessariamente alla congregazione di perseverare nei momenti difficili, né la diocesi deve necessariamente trovare un acquirente responsabile con le risorse finanziarie per non lasciare che l'edificio vada in rovina. C'è una terza opzione che è stata utilizzata più volte per preservare le chiese nelle mani responsabili della Diocesi anche quando non ci sono abbastanza fedeli per sostenere le proprie congregazioni: spesso vengono riproposte come oratori, o spazi di culto collegati a una parrocchia a tutti gli effetti nelle vicinanze e utilizzata da loro per varie funzioni come matrimoni, funerali e messe per eventi speciali. Convertire le ex chiese in oratori è di solito meno controverso che chiuderle del tutto, ma può ancora generare un certo risentimento nella comunità parrocchiale che ora sarà trasferita in una congregazione fusa in un edificio sconosciuto. Questo è esattamente quello che è successo nel 2011 alla 42.897474-78.8314647 Basilica cattolica di Sant'Adalberto (212 Stanislaus Street), la più grande chiesa di Buffalo che sia stata preservata in questo modo.

E l'hanno preservata: Sant'Adalberto è un bellissimo edificio, rivestito di bei mattoni rossi e che vanta un adattamento del design della cattedrale polacca che è unico nell'area di Buffalo; il lavoro dello studio di architettura di R. Huber & Company. Come in ogni edificio dello stile, la caratteristica distintiva di Sant'Adalberto sono i bei campanili gemelli che proteggono Stanislaus Street da un'altezza di 46 metri, ma altrettanto impressionante, e quasi altrettanto alta, è l'enorme cupola di rame che corona il centro del transetto, il cui disegno è simile alla cupola in cima ai campanili: sormontata a sua volta da una bella lanterna e da un fondo a croce. Noterete anche le eleganti mensole che sostengono la gronda a entrambi i livelli dei campanili e nella parte superiore della facciata stessa, dove incornicia un trio di finestre ad arco a tutto sesto i cui conci presentano belle chiavi di volta ornamentali. Anche gli ingressi sono di un disegno simile, incorniciati da un portico a colonne toscane, mentre le vetrate, sempre ad arco a tutto sesto e con copertura a conca, erano, come quelle di Corpus Domini, opera della compagnia Franz Mayer di Monaco.

Sant'Adalberto era la seconda chiesa cattolica della Polonia, separata dalla parrocchia di San Stanislao nel 1886 a causa della crescente crescita demografica del quartiere. Come si legge all'ultima tappa del tour, i suoi primi anni sono stati pieni di discordia tra i suoi parrocchiani su questioni di proprietà, una situazione che ha allontanato il suo prete fondatore e i suoi successori in breve tempo, e alla fine ha portato alla formazione della prima chiesa "cattolica indipendente" di Buffalo, la chiesa della Santa Madre del Rosario, da una delle fazioni scontente. Dopo quel periodo, tuttavia, Sant'Adalberto riuscì a stabilirsi in un'esistenza pacifica sotto l'abile guida di padre Tomasz Flaczek. Il momento culminante della storia della chiesa si ebbe nel 1907, quando papa Pio X elevò Sant'Adalberto al rango di basilica minore, dandole la precedenza su tutte le altre chiese della diocesi di Buffalo ad eccezione della Cattedrale di San Giuseppe, e dandole il diritto di utilizzare il simbolo papale delle chiavi incrociate nei suoi elementi decorativi interni. I dettagli storici sono scarsi sul motivo per cui il Papa ha scelto di distinguere la chiesa in questo modo, ma ciò che non è in discussione è che Sant'Adalberto è stata la prima chiesa negli Stati Uniti ad essere così onorata.

La storia successiva dovrebbe esservi familiare ormai: la prosperità del quartiere e i banchi pieni ogni domenica che caratterizzarono l'inizio del XX secolo iniziarono a diminuire dopo la seconda guerra mondiale quando i parrocchiani iniziarono a trasferirsi in massa nei sobborghi, e alla fine del secolo stava diventando difficile anche per una congregazione numerosa e prestigiosa come quella di Sant'Adalberto. È stato il vescovo Edward Kmiec che, tra il 2005 e il 2011, ha svolto il compito selvaggiamente impopolare ma alla fine inevitabile di chiudere o unire 104 parrocchie cattoliche dell'area di Buffalo, un programma che sfoggiava il nome un po' orwelliano di Journey in Faith and Grace. Nel 2007, come molti nella comunità avevano temuto, Sant'Adalberto è apparso nella lista delle chiese da chiudere, con i rimanenti parrocchiani fusi in San Giovanni Kanty a est di qui a Broadway. La congregazione è entrata in azione, facendo appello direttamente al Vaticano per annullare la decisione del vescovo e salvare la loro magnifica chiesa da un destino come la "demolizione per negligenza" della chiesa della Trasfigurazione o, peggio, la totale demolizione che ha segnato la fine di troppe altre chiese della zona. Gli ingranaggi burocratici girarono lentamente, ma quattro anni dopo Papa Benedetto decise che mentre la fusione delle congregazioni poteva procedere come previsto, Sant'Adalberto non poteva essere chiusa definitivamente e doveva rimanere di proprietà della Diocesi come oratorio. In un primo momento il vescovo Kmiec ha replicato che Sant'Adalberto sarebbe stato aperto al pubblico solo per una gamma molto limitata di "liturgie per occasioni speciali" come matrimoni e funerali, mai per la messa, ma un'intensa campagna di base (segnali sul prato con la scritta " IL VESCOVO KMIEC: COSA FAREBBE GES?" in grassetto, lettere rabbiose si vedevano disseminate in tutto il Lato est nell'estate 2011) lo fece cedere alla vigilia della Messa per il 125° anniversario di Sant'Adalberto nel settembre di quell'anno, la finale regolarmente in servizio di linea nell'edificio. Oggi potete certamente sposarvi o seppellirvi a Sant'Adalberto, ma ci sono anche molte messe per eventi speciali e altre opportunità per fermarvi e vedere sia l'interno che l'esterno di questo magnifico edificio antico. Inoltre, Sant'Adalberto rimane attiva nella comunità come sede del Response to Love Center con sede nella vecchia scuola parrocchiale, che fornisce cibo gratuito, materiale scolastico e formazione educativa e professionale ai residenti del quartiere bisognosi.

Proseguite verso est lungo Stanislaus Street (o, se avete parcheggiato nel parcheggio della chiesa, uscite a destra sulla Kosciuszko Street, quindi svolta a sinistra sulla Stanislaus). Svoltate a sinistra sulla Lathrop Street, quindi a destra sulla Sycamore Street, passando sotto la Belt Line Railroad e fuori dalla vecchia Polonia. Quattro isolati dopo il cavalcavia della ferrovia, troverete la prossima fermata del nostro tour. Un ottimo punto di osservazione per vedere questa chiesa è di fronte alla suggestiva casa funeraria Providence in stile metà del secolo a Sycamore; se non volete parcheggiare in strada, c'è un parcheggio recintato dietro l'edificio.

L'ex chiesa cattolica di San Luca (al centro) e la scuola di San Luca (a destra)
Particolare di parte del fregio decorato sopra l'ingresso porticato di San Luca: rilievo in terracotta dipinta con scene del Nuovo Testamento
  • Con i loro budget perennemente ridotti all'osso. di solito le organizzazioni comunitarie senza scopo di lucro non sono i primi gruppi a cui potreste pensare che siano disposti ad assumersi il compito di restaurare e mantenere una grande chiesa antica. Tuttavia, non è affatto inaudito che un edificio si renda disponibile e le finanze vengano a posto proprio al momento giusto e nel modo giusto per renderlo possibile, che è esattamente quello che è successo nel caso dell'ex 42.90251-78.8245288 Chiesa cattolica di San Luca (angolo nord-est di Sycamore Street e Oberlin Avenue), rinata nel 1994 come Missione della Misericordia di San Luca.

San Luca è una delle ultime grandiose chiese antiche costruite a Buffalo, eretta nel 1930 su progetto della prolifica azienda locale di Oakley & Schallmo; è un robusto edificio neoromanico con pianta basilicale e un notevole sapore classico per la sua architettura. La massima ispirazione per il suo design, come quello di San Gerardo che vedrete più avanti nel tour, è stata la Basilica di San Paolo fuori le mura a Roma, sebbene San Luca differisca dal suo modello con una facciata di mattoni rossicci e terracotta prendendo posto del marmo dell'originale, così come nel portico d'ingresso che si affaccia su Sycamore Street, che invece di un'ampia trabeazione sostenuta da colonne corinzie è un porticato di archi a tutto sesto composti, decorati con un motivo arabescato. Ma guardate sopra e tra quegli archi vedrete le caratteristiche decorative più impressionanti della chiesa: strombato sopra l'ingresso c'è uno squisito fregio in terracotta multicolore che raffigura scene bibliche, e nei pennacchi tra gli archi vedrete quattro sculture tonde a rilievo in terracotta che raffigurano i quattro autori dei Vangeli. Infine, su ogni lato della chiesa ci sono l'ex edificio scolastico e un bel campanile collegato all'edificio ma indipendente.

Sebbene si trovi a pochi isolati dai binari della ferrovia che dividono Broadway-Fillmore dalle aree a est, San Luca potrebbe anche essere considerata la settima parrocchia cattolica romana della Polonia, poiché all'inizio la maggior parte dei suoi parrocchiani erano polacchi che attraversavano la Belt Line ogni domenica mattina per adorare qui. Fu nel 1908 quando la sua continua crescita costrinse il vescovo Charles Colton a ritagliare la parrocchia di San Luca dal territorio di due chiese più antiche, quelle della Trasfigurazione e di San Giovanni Kanty, in modo che i residenti delle frange orientali del distretto polacco non avessero abbastanza finora per frequentare la chiesa e la scuola. Sotto la guida del sacerdote fondatore padre Leopold Stein, il primo edificio per ospitare San Luca fu terminato l'anno successivo.

Ma Broadway-Fillmore non era certo l'unico quartiere di Buffalo che riusciva a malapena a contenere la propria crescita in questo momento storico. A nord c'era una distesa di terra rocciosa chiamata Jammerthal, o "Valle del dolore", dove in passato i robusti immigrati avevano cercato e fallito di coltivare un sottile strato di terreno che giaceva in cima a un letto di calcare di alta qualità Onondaga. All'inizio del XX secolo le cave che erano arrivate a dominare l'area stavano iniziando a essere estratte, riempite e sostituite con quartieri residenziali popolati dall'espansione verso l'esterno del Lato est tedesco e San Luca, convenientemente situata all'estremo dell'estremità meridionale del Jammerthal, divenne gradualmente una congregazione di due etnie. La crescita fu tale che trascorse appena un decennio prima che la chiesa originale diventasse troppo piccola per la congregazione, e dopo un graduale processo di acquisto di lotti accanto alla chiesa in preparazione di tale costruzione, nel 1927 fu aperto il terreno per la chiesa odierna L'edificio fu dedicato tre anni dopo.

Naturalmente, ben presto la familiare storia del Lato est del declino economico del secondo dopoguerra, dei cambiamenti demografici e del degrado cominciò a manifestarsi anche nelle vicinanze di San Luca; nel giugno 1993, quando in chiesa fu celebrata l'ultima messa settimanale, i discendenti dei tedeschi e dei polacchi che avevano adorato qui negli anni passati si erano da tempo trasferiti nei sobborghi. Ma è stato più o meno nello stesso momento, a migliaia di chilometri di distanza in Portogallo, in un pellegrinaggio di gruppo al Santuario di Nostra Signora di Fatima guidato dal vescovo ausiliare Edward Grosz, dove la ristoratrice locale Amy Betros ha incontrato per la prima volta l'oncologo ricercatore Dr. Norm Paolini. Colpisce immediatamente per la loro reciproca devozione alla fede cattolica e al lavoro di carità, i due iniziarono a servire insieme i bisognosi residenti del Lato est, donandosi generosamente con cibo, vestiti, denaro, consigli o qualunque cosa fossero capaci di fare. Non era passato molto tempo prima che il vescovo Grosz informasse i due che la diocesi stava cercando un acquirente per San Luca, recentemente chiusa, e una visita al vecchio posto è stata sufficiente per convincerli che avevano trovato una nuova casa per il loro ministero, se solo potessero mettere insieme i soldi per comprarlo! Betros vendette il suo ristorante, il dottor Paolini andò in pensione anticipata dal suo lavoro al Roswell Park Comprehensive Cancer Center (allora noto come Roswell Park Cancer Institute) per dedicarsi a tempo pieno allo sforzo, e i due iniziarono immediatamente a raccogliere fondi. Infine, nell'agosto 1994, con un piccolo (o piuttosto tanto) aiuto di un anonimo benefattore. La Missione della Misericordia di San Luca ha aperto le sue porte. Il ministero avviato da Betros e Paolini da allora è cresciuto fino a diventare una delle organizzazioni di beneficenza più note del Lato est: composta da missionari laici volontari, indipendenti sia dalla diocesi cattolica che dal governo, e finanziata interamente da donazioni. I servizi di San Luca alla comunità includono cibo gratuito, vestiti e materiale scolastico per le famiglie bisognose, riabilitazione strutturata per uomini che soffrono di alcol o dipendenze da sostanze e un'educazione cattolica per gli studenti delle scuole elementari del quartiere.

Lontano Lato ovest: Kaisertown, Lovejoy, e Bailey Avenue[modifica]

Cimitero di Concordia

Continuate lungo Sycamore Street. Dopo circa 550 metri, poco prima del cavalcavia del vecchio ponte sospeso e della Niagara Junction Railroad, Sycamore si fonde con Walden Avenue. Al bivio, guardate alla vostra sinistra e vedrete il 42.906368-78.8196339 Cimitero di Concordia, il secondo più grande di Buffalo. Se siete particolarmente interessati alla storia locale, questo potrebbe essere un buon posto per fare una pausa dal tour: Concordia è stato inserito nel Registro nazionale dei luoghi storici per la sua importanza per la storia della comunità tedesca di Buffalo, così come la sua ben conservata collezione di lapidi che rappresentano una gamma di stili del XIX secolo. Concordia è stato fondato nel 1859 da un trio di chiese protestanti tedesche: la Chiesa Luterana della Prima Trinità, la Chiesa Evangelica Tedesca di San Pietro e la Chiesa Luterana Evangelica di Santo Stefano, e vanta un design semplice che è più tipico dell'inizio del XIX secolo rispetto al paesaggio squisitamente di "cimiteri rurali" del suo tempo, un lotto rettangolare diviso in tre sezioni che corrispondono alle tre rispettive chiese. In netto contrasto con gli allora prezzi dei terreni alle stelle nell'area urbanizzata di Buffalo, i terreni agricoli rurali oltre il confine della città erano ancora abbastanza abbordabili perché le tre chiese unissero i loro soldi e acquistassero un terreno di 6 ettari da utilizzare come luogo per seppellire i loro morti. Oggi Concordia contiene i resti di 17.000 individui, per lo più immigrati della classe operaia le cui lapidi sono, in molti casi, incise solo in tedesco: queste iscrizioni includono una particolarmente inquietante appartenente a una vittima di omicidio.

Dopo il cimitero di Concordia, proseguirete verso est lungo Walden per altri cinque isolati, quindi svoltate a destra per Bailey Avenue. Questo era un tempo un fitto bosco di proprietà di William Bailey, e la strada che porta il suo nome era una pista sterrata lungo la quale avrebbe trasportato legname al mercato. La fattoria di Bailey si trovava all'angolo di Broadway. L'area che state attraversando ora iniziò a urbanizzarsi intorno al 1890, dopo che un incendio boschivo reclamò la maggior parte dei Bailey Woods e i suoi discendenti vendettero la fattoria di famiglia alla Erie Railroad per utilizzarla come scalo ferroviario.

A 3,8 km a sud di Walden Avenue, arriverete a Clinton Street. Girate a sinistra su di esso e proseguite verso est oltre le rampe dell'Interstate 190. Ora siete a Kaisertown, un quartiere un tempo tedesco e ora polacco che risale all'inizio del secolo. La terza strada a destra dopo il cavalcavia dell'Interstate è Spann Street; prendetela, poi girate a sinistra per Casimir Street e proseguite per quattro isolati fino a Weimar Street. Svoltate a sinistra ed entrate nel parcheggio sul lato sinistro della strada, che è il miglior punto panoramico da cui dare un'occhiata alla prossima chiesa dell'itinerario.

Chiesa Cattolica di San Casimiro
  • Nel corso della sua storia, Kaisertown è stato meglio conosciuto come un quartiere tedesco, non a caso gli è stato dato il nome. Ma prima dell'arrivo dei tedeschi o praticamente di chiunque altro, c'era Kazimierzowo, una piccola colonia di immigrati polacchi raggruppati intorno a quello che oggi è l'angolo tra Clinton e Weimar Street e che prende il nome dalla chiesa dove adoravano nel loro collo sonnolento e campagnolo i boschi: La 42.868954-78.80762510 Chiesa Cattolica di San Casimiro (angolo nord-est di Weimar e Casimir Street)

Fin dall'inizio, si può dire che questa chiesa è unica tra tutti i luoghi che vedrete in questo itinerario: è un grande edificio a blocchi progettato in stile neobizantino, una rarità nella zona, e costruito nel 1927 su progetto dall'architetto locale Chester Oakley. San Casimiro è un vero piacere per gli occhi: una fantasia colorata ed esoticamente decorata in mattoni marrone chiaro e terracotta, il tutto sormontato da un'enorme cupola ricoperta di piastrelle di ardesia policroma. L'ingresso di fronte a Weimar Street è un trio di porte ad arco segmentato fiancheggiate da colonne di terracotta squisitamente decorate e attorcigliate e coronate da archi a tutto sesto ciechi. Sopra di loro vedrete un rosone nascosto in un enorme arco incassato che domina la metà superiore della facciata di Weimar Street, e dappertutto vedrete statue e sculture in rilievo eseguite in terracotta smaltata dai colori vivaci. Tra la statuaria predominano le figure religiose che svolgono ruoli importanti nella cultura cattolica polacca: San Giacinto, San Stanislao martire e, naturalmente, l'omonimo della chiesa che appare due volte: è raffigurato in bassorilievo mentre fa l'elemosina ai poveri nel timpano dell'arco centrale cieco del portale d'ingresso, così come in altorilievo nella parte superiore della facciata seduto su un trono con angeli inginocchiati ai suoi lati. A sinistra c'è un robusto campanile coronato da una cella campanaria circondata da colonne bizantine ancora più tortili e sormontata da una cupoletta. All'interno, l'abside semisferica è adornata da un affresco mozzafiato dell'Incoronazione di Maria, e la navata è fiancheggiata da un colonnato di una dozzina di colonne trionfali in marmo, tutte sormontate da statue dei Dodici Apostoli scolpite a mano in un monastero europeo.

Non appena i primi immigrati polacchi arrivarono a Kazimierzowo nel 1880, si presentò un problema: non avevano un posto vicino dove adorare. La chiesa più vicina era a 2,5 chilometri di distanza, a Buffalo sud, e la chiesa polacca più vicina era ancora più lontana. Quindi non ci volle molto perché i residenti del quartiere presentassero una petizione al vescovo Ryan per assegnare loro un prete e fondare una parrocchia per loro, e così, nel 1890, inizia la storia di San Casimiro. La congregazione all'inizio ha lottato, incontrandosi in un piccolo edificio con struttura in legno (soprannominato "Arca di Noè" a causa delle sue dimensioni oblunghe e simili a barche) per le messe domenicali guidate da predicatori che facevano i pendolari da San Stanislao. Ma il cambiamento era in vista: il nuovo secolo portò non solo un sacerdote devoto per San Casimiro da chiamare proprio, ma anche una crescita esplosiva nel loro piccolo quartiere arretrato ai margini della città: i confini del sempre più affollato Lato ovest tedesco erano spingendosi continuamente verso l'esterno, portando molti nuovi arrivati ​​a Kaisertown. I tedeschi presto ottennero una loro parrocchia, San Bernardo è all'angolo tra Clinton e Ogden Street, ma anche il contingente polacco è cresciuto costantemente. La sempre più angusta "Arca di Noè" fu demolita nel 1908 per far posto a un edificio più grande, che a sua volta fu raso al suolo diciannove anni dopo per la maestosa chiesa che esiste ancora oggi.

La seconda metà del XX secolo è stato un periodo di declino per Buffalo in generale e in particolare per il Lato est, e mentre Kaisertown non ha fatto eccezione a questa regola, questa parte della città ha resistito molto meglio di qualsiasi altro quartiere che avete passato fino ad ora su questo itinerario, fino ad oggi, Kaisertown rimane un'umile ma vibrante enclave di operai laboriosi. E mentre la frequenza in chiesa a San Casimiro è diminuita gradualmente a causa del cambiamento di atteggiamento nei confronti della religione in questi giorni moderni, è stata una sorpresa quando il vescovo Edward Kmiec ha annunciato nel 2011 che, sotto gli auspici del suo programma Journey in Faith and Grace summenzionato, entrambe le chiese cattoliche di Kaisertown si sarebbero unite alla congregazione di Nostra Signora di Czestochowa nella vicina Cheektowaga. Non tutto però è andato secondo i piani del Vescovo: San Bernardo ha reagito e ha convinto con successo la diocesi a cambiare rotta, e mentre San Casimiro è stata relegata allo status di oratorio, è insolitamente attiva: sei messe una settimana si svolge qui, oltre a una serie completa di eventi e servizi della comunità (incluso un chiassoso shindig del Dyngus Day) che preservano lo status di San Casimiro come nesso della comunità polacca di Kaisertown.

Proseguite verso nord lungo Weimar Street, quindi svoltate alla prima a destra per Clinton Street, in direzione est attraverso il cuore di Kaisertown. La seconda svolta che troverete è South Ogden Street. Lì girate a sinistra. Presto arriverete a un incrocio a cinque angoli con i cartelli che puntano verso l'Interstate 90. Proseguite dritti sul cavalcavia per rimanere sulla South Ogden Street. Passerete sopra la superstrada, attraverso Dingens Street e lungo un centro commerciale in stile suburbano con un Family Dollar e un Big Lots. Svoltate a destra allo stop in fondo alla piazza (siete sulla Richard Drive ora) e continuate a girare intorno alla curva finché la strada non si divide in due.

Al bivio tenete la sinistra passando sotto i vecchi binari della Ferrovia Erie. Presto arriverete a un altro bivio con un cartello che vi dà il benvenuto a Lovejoy, un quartiere industriale multietnico di inizio secolo completamente circondato da binari ferroviari, da cui il suo soprannome, Iron Island. Svoltate a destra al bivio. Ora siete sulla North Ogden Street.

Dopodiché, svoltate alla prima a sinistra per Ludington Street e proseguite verso ovest per tre isolati fino a Benzinger Street. Davanti a voi e sulla destra vedrete la prossima tappa del tour. Parcheggiate in strada o nel parcheggio il cui ingresso è alla vostra destra mezzo isolato dopo Benzinger.

L'ex chiesa cattolica di Sant'Agnese, oggi centro culturale buddista vietnamita Tu Viện Đại Bảo Trang Nghiêm
  • Come avete già visto nel caso della Santa Madre del Rosario, gran parte della nuova vita che sta arrivando nel Lato est, e in molti dei maestosi edifici al suo interno, viene portata da legioni di nuovi arrivati ​​che stanno aiutando a mantenere viva l'identità duratura del distretto come rifugio per immigrati, ma le cui identità culturali assomigliano poco a quelle dei tedeschi e dei polacchi della classe operaia che sono venuti prima di loro. La 42.887491-78.80653611 chiesa cattolica di Sant'Agnese di Lovejoy (194 Ludington Street) è un altro esempio di vecchia chiesa cattolica rinata come luogo di incontro per una congregazione di una religione completamente diversa: in questo caso, il centro culturale buddista vietnamita Tu Viện Đại Bảo Trang Nghiêm, che serve una comunità in crescita del sud-est asiatico che ha fatto la loro casa appena ad ovest di qui, così come il mondo in generale come sede dell'International Sangha Bhiksu Buddhist Association.

Sant'Agnese è una bella struttura in mattoni rossi in stile neoromanico, una delle tante opere della ditta Esenwein & Johnson che era una delle più importanti a Buffalo all'inizio del secolo. Forse la caratteristica più notevole della sua facciata sono le onnipresenti mensole: reggono il tetto a due falde e la grondaia sui lati dell'edificio, e coronano l'ingresso di Ludington Street e i due livelli superiori del campanile alto circa 30 metri. Il design dell'edificio ha un aspetto molto tedesco, non sorprende data la composizione etnica della congregazione di Sant'Agnese nei suoi primi anni, con finestre ad arco a tutto sesto e porte coronate da finestre semicircolari. Le vetrate, installate nel 1921, sono opera del vetraio locale Otto Andrle.

Precedentemente la fattoria di Joseph e Sarah Churchyard, alla fine del 1870 Lovejoy iniziò a svilupparsi come un quartiere operaio popolato da un variegato crogiolo di tedeschi, irlandesi, italiani e russi che lavoravano nelle officine meccaniche e negli scali merci delle ferrovie che circondava da ogni parte il quartiere. Per i primi anni, i tedeschi del miscuglio hanno dovuto camminare fino a Sant'Anna a Broadway per assistere alla messa, un viaggio di 4,5 chilometri in ogni direzione. Ma nel 1883, il vescovo Stephen Ryan fece eseguire un censimento nella parte orientale della parrocchia di Sant'Anna per determinare se c'erano abbastanza cattolici che vivevano lì per giustificare l'istituzione di una nuova chiesa. Finì per essere più che sufficiente e, come promesso, il primo edificio della chiesa di Sant'Agnese fu costruito in questo sito nel dicembre di quell'anno. Nei decenni successivi sarebbero state istituite altre due chiese per servire la popolazione di Lovejoy in forte espansione: la chiesa di San Francesco d'Assisi a maggioranza italiana sulla North Ogden Street, e la chiesa della Visitazione sulla Greene Street, dove si recavano gli irlandesi, ma questo fece a malapena intaccare il problema del sovraffollamento che affliggeva la piccola struttura in legno in cui si riuniva la congregazione di Sant'Agnese. Da qui l'edificio molto più grande che sorge oggi sul sito, eretto nel 1905.

Nel corso degli anni, l'equilibrio etnico di Lovejoy nel suo insieme iniziò a inclinarsi più verso l'italiano che verso il tedesco, e negli anni '40 Sant'Agnese era una parrocchia a maggioranza italiana. Ma nonostante il successo della chiesa nel riorientarsi verso un diverso tipo di parrocchiano, ben presto sarebbero avvenuti cambiamenti demografici diversi e ancora più devastanti. Sebbene il declino che ha devastato il Lato est nella seconda metà del XX secolo abbia lasciato Lovejoy relativamente illeso, la diocesi di Buffalo ha comunque annunciato nel 2007 che, nell'ambito del suo programma Journey in Faith and Grace, avrebbe chiuso Sant'Agnese e piega la sua congregazione in quella di San Francesco d'Assisi. L'ultima messa cattolica si tenne lì il 21 ottobre di quell'anno.

Quella avrebbe potuto essere la fine della storia per la chiesa, ma fortunatamente non lo fu. Sant'Agnese, così come l'ex chiesa cattolica della Visitazione a pochi isolati di distanza, furono acquistate due anni dopo da Thich Minh Tuyen, monaco buddista rifugiato dal Vietnam che, con la sua International Sangha Bhiksu Buddhist Association, iniziò a convertire la vecchia chiesa in un monastero per la formazione dei monaci e un centro di ritiro per buddisti che vivono nel New York occidentale, nell'Ontario meridionale e in altre parti della regione, e nonostante alcuni fastidiosi contrattempi che hanno coinvolto la manutenzione degli edifici e un'ondata di atti vandalici nel 2012, con l'aiuto dell'assistenza caritatevole dei buddisti di tutto il paese l'associazione ha ampiamente realizzato il suo sogno. Oggi, Tu Viện Đại Bảo Trang Nghiêm non è solo la casa di una comunità monastica in crescita, ma è anche aperta al pubblico sette giorni su sette per la preghiera silenziosa, e la domenica e il lunedì per il canto di gruppo e la meditazione. Frequentano anche corsi di lingua vietnamita per bambini, cerimonie religiose speciali ed eventi culturali. Se il tempio è aperto durante il periodo della vostra visita, noterete relativamente pochi cambiamenti all'interno dell'edificio: i pilastri di pietra nella navata sono decorati con bandiere gialle colorate e il crocifisso sull'altare è stato sostituito con un trio di enormi statue del Buddha, ma i banchi di quercia scolpiti a mano, le cabine confessionali e l'organo a canne originale rimangono al loro posto come uno sforzo intenzionale per evitare di offendere i curiosi ex parrocchiani che costituiscono una gran parte dei visitatori del tempio.

Continuate verso ovest lungo Ludington Street. All'angolo di Greene Street, arriverete a un incrocio a T e vedrete Hennepin Park di fronte a voi. Svoltate a sinistra e subito a destra per continuare lungo Ludington Street, lungo il bordo sud del parco.

Dopo un isolato siete di nuovo sulla Bailey Avenue. Svoltate a destra e tornate indietro lungo lo stesso tratto di strada in precedenza. Proseguite verso nord oltre Walden e attraversate anche Doat Street e Genesee Street. Finalmente arriverete a East Delavan Avenue. Il posto migliore per parcheggiare in questo angolo è il parcheggio Rite Aid sul lato sinistro della strada. Diagonalmente all'incrocio, vedrete la chiesa successiva nell'elenco.

Chiesa cattolica di San Gerardo (a destra) e Scuola di San Gerardo (a sinistra)
  • Alcuni anni fa, la 42.922932-78.81345312 chiesa cattolica di San Gerardo (1190 East Delavan Avenue) ha fatto notizia a livello nazionale a causa di una proposta di riqualificazione unica che ha diviso la comunità conservazionista di Buffalo: una congregazione cattolica della Georgia voleva smontare l'edificio in pezzi, spedirlo a 1.450 chilometri a sud e rimontarlo per il proprio uso. Fondata nel 1902, San Gerardo è un'anomalia: la parrocchia per cui è stata costruita era per lo più italiana, in netto contrasto con la costituzione tedesca e polacca della maggior parte del Lato est e la sua imponente architettura rinascimentale italiana, il cui debito verso San Paolo Fuori le Mura è molto più ovvio a prima vista di San Luca, rispecchia sicuramente i dati demografici dei suoi primi adoratori. Grazie al lavoro della ditta locale Schmill & Gould, San Gerardo è una struttura dall'aspetto solido di pietra calcarea dell'Indiana la cui facciata principale si affaccia su Bailey Avenue. Noterete una bella simmetria e un forte debito con il classicismo greco-romano lì, dove un trio di ingressi ad arco a tutto sesto sono fiancheggiati da lesene ioniche e, nel caso della porta principale, un orgoglioso frontone triangolare. Al secondo piano si trovano le statue in nicchia dell'omonimo della chiesa, San Gerardo Majella, e San Giuseppe, due figure di spicco della cultura cattolica italiana, opera dello scultore locale Angelo Gatti. Questi sono affiancati da molte lesene: due corinzie su entrambi i lati di ciascuna nicchia, mentre al centro una piccola ma graziosa vetrata ad arco a tutto sesto è circondata da lesene ioniche, un bel balconcino ornamentale balaustrato e un frontone arrotondato incassato. In netto contrasto con la chiesa è l'ex edificio della scuola di San Gerardo accanto, una struttura neoromanica in mattoni rossi con una robusta torre centrale; l'arco siriano che ne corona l'ingresso è rispecchiato da uno più piccolo sull'architrave sopra la finestra palladiana centrale del terzo piano. È stato convertito in appartamenti.

Delavan-Bailey è stato uno degli ultimi quartieri di Buffalo a urbanizzarsi e, all'inizio, la comunità servita da San Gerardo era ancora un'area scarsamente abitata all'estremità della città. I primi servizi sono stati tenuti dal Rev. William J. Schreck al piano superiore di un negozio di alimentari che un tempo si trovava dove ora si trova la East Delavan Branch Library. Ma nel 1911, quando iniziò la costruzione della chiesa odierna, Delavan-Bailey aveva un carattere molto più denso e urbano di prima. A causa di fondi limitati, per molti anni la chiesa rimase solo parzialmente completata con un tetto provvisorio in atto, fu infine completata nel 1930, quando il cleristorio della navata fu elevato all'altezza attuale di 18,2 metri e il campanile di 33 metri è stato aggiunto.

Dopo anni di declino a causa dei cambiamenti demografici del quartiere, la messa finale a San Gerardo si è tenuta il giorno di Capodanno del 2008. Prima della fine dell'anno, il reverendo David Dye della chiesa cattolica di Maria Nostra Regina a Norcross, in Georgia, ha acquistato l'edificio e annunciò il suo piano, che se fosse realmente accaduto sarebbe stato il più grande progetto del genere nella storia. La logica di Dye era che un edificio ecclesiastico esistente con una propria storia avrebbe incarnato lo spirito della sua parrocchia meglio di una sterile struttura moderna. Preservation Buffalo Niagara ha ricevuto molte critiche per essersi dichiarato a favore della "salvezza mediante trasferimento" dell'edificio; molti altri nella comunità conservazionista lo consideravano il saccheggio all'ingrosso del patrimonio architettonico di Buffalo. Ma alla fine, fu un punto controverso: i 16 milioni di dollari necessari per spostare l'edificio si rivelarono troppi per Dye da raccogliere senza la sponsorizzazione aziendale che aveva sperato ma non riuscì a trovare, e quando la chiesa fu di nuovo messa in vendita nel 2014, è diventato chiaro che il loro piano era stato finalmente messo a tacere. Nel febbraio 2017, dopo quasi tre anni sul mercato, la Corte Suprema dello Stato ha approvato la vendita di San Gerardo a un'organizzazione no-profit locale con l'intenzione di convertire l'edificio in una moschea, l'ennesimo riflesso dell'immigrazione in continua evoluzione identità del Lato est.

Se desiderate interrompere il tour a questo punto per mangiare qualcosa, siete a breve distanza da Kensington-Bailey, che offre i menù diversi del Lato est. Questo tratto di Bailey Avenue ha una buona selezione di ristoranti giamaicani, e uno particolarmente consigliato è 42.933519-78.8134082 Caribbean Experience, al 2897 di Bailey Avenue, sul lato destro della strada subito dopo il cavalcavia della Kensington Expressway. Il locale può sembrare vuoto quando entrate, ma non lo è: il bancone dove ordinate è in realtà nel retro. Suonate il campanello di fronte per far sapere al proprietario che siete qui. Quando avete finito, tornate di nuovo giù per Bailey a East Delavan.

Cuore del Lato est: Humboldt Park, Hamlin Park, e il vecchio Jammerthal[modifica]

Ora dirigetevi a ovest lungo East Delavan (girate a sinistra se venite dal parcheggio Rite Aid; a destra se venite dal Caribbean Experience). Prendete la seconda a destra per la William L. Gaiter Parkway, un nuovo parco industriale costruito sul sito del vecchio ponte sospeso e dei binari della ferrovia di Niagara Junction. Continuate a percorrere Gaiter Parkway per poco meno di 1,4 km, passando sotto la Kensington Expressway e svoltando alla prossima a sinistra sulla Kensington Avenue. Dopo due isolati, arriverete a un incrocio a forma di "segno della pace": svoltate leggermente a destra sulla Leroy Avenue. Dopo circa 600 metri, vedrete la vostra prossima fermata alla vostra sinistra.

Chiesa cattolica della Santissima Trinità
  • Data la frenesia delle chiusure e delle fusioni di parrocchie che è stata la principale risposta della diocesi dagli anni '90 al declino del cattolicesimo nel Lato est, a volte per una chiesa rimanere attiva e vibrante è semplicemente una questione di inghiottire il maggior numero possibile di parrocchie vicine. Un buon esempio di ciò è la 42.932632-78.83369713 chiesa cattolica della Beata Trinità (317 Leroy Avenue), che ha perseverato dal 1906 attraverso l'ascesa e la caduta del quartiere circostante di Highland Park.

Un punto di riferimento di Buffalo che è anche iscritto nel Registro nazionale dei luoghi storici, il design della Beata Trinità è uno squisito adattamento dello stile romanico lombardo al modello della Cathédrale Saint-Trophine ad Arles, un capolavoro dell'architetto locale Chester Oakley. La chiesa è costruita con mattoni marroni non modellati che sono stati fabbricati in un autentico stile medievale ed è decorata con quello che si dice sia il più abbondante ornamento in terracotta di qualsiasi chiesa negli Stati Uniti. Vedrete questa terracotta smaltata decorata su tutta la facciata dell'edificio, ma soprattutto intorno al portico anteriore che era un particolare punto di orgoglio per l'architetto: ci sono disegni geometrici lungo la prua dell'unico arco romanico d'ingresso così come sulle colonne addossate che si ergono accanto alle maestose porte in quercia rossa, una squisita scultura in bassorilievo della Crocifissione che adorna il timpano dello stesso arco e le mensole scolpite che sostengono il frontone del tetto anteriore che simboleggiano i Dieci Comandamenti. La chiesa ha anche tre rosoni la cui squisita vetrata è opera del vetraio locale Leo Frohe. A completare il tutto c'è un tetto di tegole spagnole coronato da una bella cupola ottagonale e da una lanterna.

Sebbene l'insediamento di questa parte della città sia iniziato alla fine del 1880, quando fu stabilita una linea di tram lungo Kensington Avenue, la chiesa della Beata Trinità era relativamente ritardataria a Highland Park: nel 1906, quando il vescovo Charles Colton organizzò l'ubicazione di una nuova parrocchia cattolica qui era già un quartiere ben radicato di immigrati tedeschi e irlandesi che vivevano su quella che un tempo era una landa rocciosa, la parte settentrionale della già citata Jammerthal. La neonata parrocchia si mise immediatamente al lavoro per la costruzione di una chiesa da chiamare propria: il sito che avevano acquistato faceva parte della tenuta di John Gesl, uno dei tedeschi che aveva tentato senza successo di coltivare il terreno di Jammerthal prima di trovare successo come azionista nella cava di pietra locale, tenendo la messa per il primo anno della loro esistenza al terzo piano del Kleinderhaus Grocery Store a un isolato di distanza lungo Dewey Avenue. Ma proprio mentre il nastro veniva tagliato sulla prima sede della chiesa della Beata Trinità, il suo sacerdote capo, padre Albert Fulton, stava già pianificando il futuro. Aveva visto quello che era successo ad altre parrocchie del Lato est, vittime della loro stessa crescita, le congregazioni si sono presto trovate a sforzarsi per adattarsi alle chiese sovraffollate in cui adorano, e con alcuni dei fondi avanzati della sua parrocchia, ha acquistato il terreno vacante accanto da tenere in serbo per quando inevitabilmente sarebbe stata necessaria la costruzione di una chiesa più grande. Infatti, una dozzina di anni dopo era spesso posto in piedi solo presso la vecchia chiesa, quindi scese e al suo posto sorse l'edificio che vedete qui, dedicato nel 1928.

La storia successiva rispecchia quella del resto del Lato est: nei decenni successivi, la crescita del quartiere rallentò gradualmente, si fermò e infine si invertì. Negli anni '60 e '70, i cattolici stavano lasciando l'area a frotte, e quelle poche persone che si trasferivano nel Lato est erano raramente della stessa fede religiosa dei loro predecessori. Questo, ovviamente, significava che la partecipazione alla Messa domenicale alla Beata Trinità e in altre chiese della zona era in caduta libera, il che poneva un grosso problema dato che ci si aspettava che le parrocchie fossero autosufficienti finanziariamente attraverso le donazioni al piatto della raccolta. Come abbiamo già letto, tenere il passo con la manutenzione degli edifici, per non parlare del semplice pagamento delle bollette, non è un compito da poco quando si parla di strutture enormi e ornate come queste. All'inizio, sotto una successione di vescovi comprensivi come Edward Head e Henry Mansell, la diocesi era disposta a incanalare denaro a queste parrocchie in difficoltà per mantenerle in vita, ma quell'approccio divenne rapidamente sempre più insostenibile: ad aggravare il problema c'era il fatto che lo scenario del Lato est era solo un esempio particolarmente severo di ciò che stava accadendo in tutta la diocesi; dalla città alle periferie fino all'entroterra rurale, la popolazione non solo era in declino, ma anche meno religiosa, e c'era una carenza non solo di denaro per la diocesi per sostenere le congregazioni in declino, ma anche di nuovi sacerdoti per il loro personale.

Questo era lo scenario di fronte al nuovo Vescovo di Buffalo, Edward Kmiec, quando salì alla guida della diocesi nell'ottobre 2004. Anche se c'era stata una serie di chiusure e fusioni di parrocchie avvenute a singhiozzo durante gli anni '90 (comprese alcune per volere delle stesse parrocchie, come quando un quartetto di chiese del Lato est poco frequentate chiese a Bishop Head di unirle in quella che divenne San Martino de Porres), non era neanche lontanamente abbastanza vicino e il fondo stava per cadere. Così, quando annunciò come sua prima grande iniziativa il "programma di rivitalizzazione e riorganizzazione parrocchiale" chiamò Journey in Faith and Grace, sotto gli auspici del quale decine di chiese in tutta la diocesi di Buffalo sarebbero state scelte per chiudere o fondersi con parrocchie vicine, basate su fattori come la frequenza settimanale e il tasso di battesimi, matrimoni e funerali, c'era un'aria di inevitabilità e rassegnazione sull'intera faccenda. Questo non vuol dire che non ci siano state polemiche, però: molti membri delle chiese che presto saranno fuse erano lividi per quello che percepivano come il modo insensibile e pesante con cui la diocesi si occupava dell'iniziativa, alimentando loro banalità come "la chiesa non è un edificio particolare, ma l'intera comunità del popolo di Dio" ignorando decenni di tradizione parrocchiale e in gran parte escludendo i fedeli ordinari dal processo decisionale, e la risposta conservazionista variava dalla trepidazione per la difficoltà di trovare acquirenti per così tanti enormi edifici ad alta manutenzione alle accuse di malafede da parte della diocesi (il blogger di fixBuffalo David Torke ha notoriamente soprannominato lo sforzo "Journey to Avoid Housing Court"). Tuttavia, le ruote si sono messe in moto e non c'era modo di tornare indietro: in sette fasi che durano per tutto il 2007 e la maggior parte del 2008, le chiese di tutta la diocesi, ma in modo sproporzionato quelle del Lato est, il cui elenco di 21 chiese cattoliche è stato ridotto a dieci, o celebravano le loro ultime messe o si preparavano per un afflusso di nuovi arrivati ​​dalle parrocchie vicine. Certo, la Beata Trinità è stata una vincitrice più che una perdente: dopo aver ospitato i resti di diverse altre congregazioni durante gli anni '90 e 2000, il 1° luglio 2007 ha accolto gli ex membri di San Gerardo e San Giacomo sulla Bailey Avenue per la prima volta.

Proseguite verso ovest lungo Leroy Avenue, quindi svoltate a sinistra sulla Fillmore Avenue e procedere per 1,6 km. L'incrocio che incontrerete è strano: vedrete un semaforo con un cartello stradale etichettato Northland Avenue e, subito dopo, passerete sotto la ferrovia della Belt Line, con l'angolo di strada vero e proprio situato proprio sotto il cavalcavia. Sebbene non sia un incrocio trafficato, è difficile da vedere dietro l'angolo, quindi fate attenzione. Svoltate a destra e proseguite lungo Northland fino a quando non termina sulla Humboldt Parkway.

La prossima tappa del vostro itinerario si trova attraverso la Kensington Expressway e un po' a sinistra. Potete avere una vista abbastanza buona della chiesa da lontano, ma ci sono anche diverse opzioni se volete avvicinarvi ad essa. A piedi, potete girare a sinistra e proseguire per mezzo isolato lungo Humboldt, e c'è un ponte pedonale che attraversa l'autostrada. In auto, svoltare a destra sulla Humboldt, continuate a tenere la destra per evitare la rampa dell'autostrada, quindi svoltate a sinistra sulla West Delavan Avenue. Passate sotto il cavalcavia dell'autostrada e girate di nuovo a sinistra sul lato opposto di Humboldt Parkway, quindi procedete per tre isolati.

Chiesa cattolica di San Francesco di Sales
  • Naturalmente, uno dei modi più logici per riutilizzare una chiesa defunta è come sede di un'altra chiesa, e la perdita di popolazione o meno, le chiese sono qualcosa di cui il Lato est non è mai stato a corto. Con la diocesi che mette molte di queste magnifiche chiese sul mercato a prezzi da svendita, può essere allettante per una congregazione più piccola acquistare e trasferirsi in un edificio che è molto più ornato e grandioso di qualsiasi cosa che potrebbero permettersi di costruire da sole. Ma come abbiamo visto più volte in questo tour, in edifici enormi come questi, le attività di manutenzione ordinaria e le semplici bollette si trasformano in oneri finanziari monumentali che a prima vista è facile sottovalutare. Un ottimo esempio è la 42.918876-78.84392114 chiesa cattolica di San Francesco di Sales di Hamlin Park (575 Humboldt Parkway), che, dopo la sua chiusura da parte della diocesi cattolica, ha trascorso brevi periodi negli anni '90 e 2000 sotto la proprietà di due congregazioni separate che hanno dimostrato l'incapacità di assumersi la responsabilità.

Progettato dall'architetto George Dietel in associazione con lo studio di Washington di Murphy & Olmstead ed eretto nel 1928, San Francesco di Sales è un maestoso edificio in stile rinascimentale italiano (con la sua configurazione a blocchi e il piccolo rosone, è ispirato specificamente da chiese del ravennate) la cui facciata in calcare dell'Indiana monocromatica color crema è fiancheggiata da alte finestre e portali ad arco a tutto sesto, tra i quali si ergono colonne ingaggiate i cui capitelli sono ornati da modanature geometriche di ispirazione medievale e che sono fiancheggiate da nicchie contenenti sculture in rilievo di vari santi. La caratteristica più sorprendente di San Francesco di Sales, tuttavia, è il suo elegante campanile di 42 metri, sormontato da una piccola cupola senza pretese. L'edificio è sostenuto da file di eleganti contrafforti ai lati e sormontato da un tetto di tegole rosse spagnole.

Hamlin Park è stato chiamato in onore di Cicero Hamlin, un ricco commerciante di merci secche che possedeva il Buffalo Driving Park' che si trovava in questo sito fino al 1905. Dopo la morte di Hamlin, i suoi eredi avevano molto più interesse a vendere le sue proprietà terriere ora piuttosto preziose che nel continuare a far funzionare l'ippodromo, quindi sul mercato è andato. Il vescovo di Buffalo, Charles Colton, ebbe la lungimiranza di sapere che con l'afflusso di residenti sarebbe venuta la necessità di un'ennesima nuova parrocchia cattolica, così incaricò il giovane padre JC Carr di organizzarne rapidamente una parrocchia nel nuovo quartiere, il cui territorio sarebbe stato disegnato da quelle di San Nicola, San Maria Maddalena e San Vincenzo de' Paoli. Una cappella, convertita da un edificio precedente che si trovava già sul sito, fu completata nell'agosto 1912. Come previsto, la crescita del nuovo quartiere iniziò con il botto e continuò ad andare forte negli anni '10 e '20; solo un anno dopo la costruzione della cappella, San Francesco di Sales è stata ampliata con un edificio della chiesa da $ 80.000 progettato dal giovane architetto di Buffalo George Dietel, che sarebbe diventato famoso a livello locale diversi decenni dopo come uno dei progettisti del glorioso municipio di Buffalo. A loro volta, entrambe caddero sulla palla da demolizione nel 1925 per far posto alla magnifica chiesa che esiste oggi, progettata dallo stesso architetto.

San Francesco di Sales ha prosperato per diversi decenni nella sua maestosa nuova chiesa, ma negli anni '50 e '60 aveva iniziato a subire lo stesso destino di altre parrocchie del Lato est: cambiamenti demografici che hanno ridotto precipitosamente il suo elenco di membri. La fine arrivò nel 1993, quando la chiesa fu chiusa in una delle prime chiusure che modificò profondamente la mappa della diocesi negli anni '90 e '00. A differenza di molte congregazioni che sono arrivate a quella fine, però, la diocesi è riuscita subito a trovare un acquirente: La Tabernacle Baptist Church, una piccola congregazione afroamericana che da tempo cercava una nuova casa.

Per sempre felici e contenti? Non così tanto. Sebbene abbia acquistato la vecchia chiesa per una canzone, Tabernacle Baptist si è presto trovata a lottare con bollette e riparazioni strutturali urgenti che facevano impallidire il prezzo di acquisto. La congregazione fece uno sforzo per tenere il passo, ma alla fine la chiesa si dissolse sotto la pressione del suo crescente debito. Da quel momento in poi, San Francesco di Sales passò di mano più volte: dal governo della città, che nel 1999 ha pignorato l'ipoteca del Tabernacle; a Scott Wizig, un investitore immobiliare noto come il proprietario più perseguito nella storia di Buffalo; a James Youngblood, un padrone di casa assente di Houston che ha permesso all'edificio di deteriorarsi a tal punto che è caduto brevemente sotto la minaccia di demolizione prima che la sua nomina a punto di riferimento di Buffalo prevenisse quel processo. Poi, nel 2004, Perry Davis, il pastore della Chiesa di Dio in Cristo di New Life Harvest World Ministries, si è fatto avanti.

A prima vista, il reverendo Davis sembrava essere l'uomo perfetto per il compito: non solo era il carismatico giovane capo di una fiorente congregazione afroamericana del Lato est, ma era anche un collaudato raccoglitore di fondi e, come capo di lunga data di una società di costruzioni, apparentemente aveva l'esperienza necessaria per restaurare e mantenere un edificio grandioso e decorato come San Francesco di Sales. Ma le complicazioni si sono sviluppate quasi immediatamente quando, dopo aver venduto tredici delle vetrate della chiesa a un antiquario locale per $ 3.000 prima che la vendita dell'edificio a lui fosse ancora finalizzata, il reverendo ha lasciato la città. Quando è stato finalmente localizzato, è stato immediatamente trascinato all'Housing Court di Buffalo, che a sua volta è stato accolto con disprezzo dalla comunità conservazionista per la sua lassista applicazione delle leggi della città sui monumenti storici, per spiegarsi. Le affermazioni del reverendo Davis secondo cui stava semplicemente cercando di garantire che le finestre non sarebbero state vittime di atti di vandalismo e saccheggio furono inizialmente considerate con scetticismo, ma meno con il passare del tempo e con il restauro della chiesa. Tuttavia, come i precedenti proprietari prima di lui, alla fine il Rev. Davis e la sua congregazione hanno finito i soldi e infine hanno rimesso in vendita la chiesa nel 2013. Al momento della stesura di questo documento, San Francesco di Sales rimane sul mercato con un prezzo richiesto di $ 75.000; la sua posizione nell'Hamlin Park National Historic District dà diritto agli acquirenti a un credito d'imposta del 40% sui lavori di ristrutturazione qualificati. Nel frattempo, la porta accanto, l'ex canonica della chiesa è già di nuovo in uso come la Northland House, una casa famiglia per veterani militari disabili.

Tornate indietro lungo la Northland Avenue fino a Fillmore Avenue, quindi svoltate a destra (se siete andati in macchina dall'altra parte di Humboldt Parkway per dare un'occhiata più da vicino a San Francesco di Sales, come descritto sopra, procedete verso sud fino a East Ferry Street, poi, girate a sinistra e poi ancora a sinistra sull'altro lato di Humboldt, poi girate a destra sulla Northland).

Procedete verso sud sulla Fillmore per circa 1,1 km. State entrando ad Humboldt Park, un quartiere che, sebbene caduto in disgrazia in questi giorni, era la casa dell'élite aristocratica della comunità tedesca di Buffalo a partire dal 1870. Proseguite fino all'angolo di Urban Street, in quel punto sulla vostra sinistra vedrete la prossima fermata dell'itinerario. Il parcheggio in strada è facile, oppure potete entrare nel parcheggio appena prima della chiesa sul lato sinistro della strada.

L'ex chiesa cattolica di Santa Maria Maddalena, ora chiesa battista missionaria di Antiochia
  • Nonostante la triste storia di San Francesco di Sales, per una grande chiesa cattolica antica essere rilevata da una moderna congregazione del Lato est non è sempre il bacio della morte. Una che ha avuto un destino molto più fortunato è la 42.909635-78.83887815 Chiesa cattolica di Santa Maria Maddalena (1327 Fillmore Avenue), che oggi prospera sotto la guida del pastore William Bunton come sede della Chiesa Battista Missionaria di Antiochia.

Una fortezza revival romanica magnificamente conservata, la facciata di Santa Maria Maddalena è realizzata in mattoni di terracotta color crema ed è centrata su un glorioso rosone di fronte a Fillmore Avenue. La facciata dell'edificio è chiusa da una coppia di guglie gemelle contenenti alla base eleganti vetrate e sormontate da architravi ad arco a tutto sesto in tinta con quello sopra il rosone. Le sommità di questi campanili un tempo vantavano insolite cupole in stile moresco che furono sostituite dopo una violenta tempesta di vento nel marzo del 1964 con campanili dal design più semplice; tuttavia, i caratteristici quartetti di piccole guglie dal tetto conico che li circondano rimangono intatti. In cima è una lunga mensola a mensola che corre lungo il timpano del tetto e si estende fino alla sommità del primo livello dei campanili. Il tetto dell'edificio è a forte inclinazione e il suo interno un tempo conteneva un trio di squisiti murales dipinti nello stile di Diego Velázquez dall'artista di Rochester Albert Prentiss: rispettivamente, raffiguravano l'omonimo della chiesa, la scena della morte di San Francesco Saverio e Cristo nel Giardino del Getsemani. Sebbene fosse un fiorente quartiere di benestanti cattolici tedeschi, per i suoi primi due decenni Humboldt Park era un ristagno per quanto riguardava la mappa parrocchiale della diocesi di Buffalo: era diviso come l'entroterra di diversi territori di chiese lontane. Tutto cambiò nel 1899, quando il vescovo James Quigley rispose positivamente a una petizione di 300 residenti del quartiere e incaricò padre JC Bubenheim di fondare e guidare una nuova parrocchia cattolica per Humboldt Park, il cui territorio sarebbe stato ricavato dalle parrocchie di Santa Maria del Dolore e San Nicola. Riunendosi per i suoi primi mesi in un negozio in affitto, la congregazione ha completato il suo primo edificio dedicato l'anno successivo: un blocco di mattoni di tre piani su un terreno donato dal ricco mugnaio e proprietario terriero tedesco di Buffalo, George Urban. L'originale Santa Maria Maddalena era un edificio polivalente che combinava una chiesa al piano terra, la scuola al secondo piano e una piccola sala riunioni al terzo, ma ovviamente in un quartiere fiorente come Humboldt Park dove decine di nuovi residenti si radunavano ogni mese, qualsiasi soluzione del genere dovrebbe essere temporanea. Fedele alla forma, non passò molto tempo prima che la chiesa permanente vista in questa immagine fosse eretta: un progetto dell'architetto locale George Setter la cui magnificenza la collocò bene tra i ranghi delle sontuose chiese del Lato est di Buffalo. In quell'edificio la congregazione prosperò per oltre tre quarti di secolo.

La fine di Santa Maria Maddalena è arrivata prima di qualsiasi altra chiesa cattolica del Lato est: vittima dello stesso cambiamento demografico del quartiere che aveva portato alla chiusura della sua scuola nel decennio precedente, la congregazione si è sciolta dopo la sua messa finale il 16 ottobre, 1978. Ma il flash-forward di circa quarant'anni fino ai giorni nostri non ci porta a una conclusione deprimente come potreste temere: contro ogni previsione, la Chiesa Battista Missionaria di Antiochia ha prosperato per oltre un quarto di secolo nella vecchia casa di Santa Maria Maddalena e ha mantenuto l'edificio in perfetta forma.

Continuate verso sud lungo Fillmore Avenue per 800 metri. Ora siete nel cuore del Lato est, un posto che, sebbene sia fuori dai sentieri battuti per i buongustai di Buffalo, vanta comunque alcuni dei più autentici barbecue, cibo soul e altre specialità del Sud America che la zona ha da offrire. Se avete fame, qualsiasi posto in cui passerete lungo Fillmore vi andrà bene, ma una scelta particolarmente interessante sarebbe 42.908203-78.8389413 Lee's Barbecue al 1269 di Fillmore Avenue. Lee's è l'unico a Buffalo specializzato nello stile barbecue della Carolina dell'Est, che evita le salse appiccicose e dolci a base di pomodoro a cui potreste essere abituati a favore di una crema sottile, piccante e a base di aceto che è unica nella zona, ma crea dipendenza. La salsa extra costa un dollaro in più, ma è un dollaro ben speso.

Altrimenti, proseguite dritti lungo Fillmore, curvando attraverso Martin Luther King, Jr. Park. Il vostro secondo semaforo dopo essere usciti dal parco sarà Genesee Street, che ai suoi tempi era la via principale della Germania di Buffalo. Svoltate a destra e procedete per tre isolati fino all'angolo con Rich Street, dove troverete la prossima fermata del nostro itinerario. Sebbene il parcheggio parallelo lungo Genesee sia raramente, se non mai, un problema, potete anche girare a destra per Rich Street e parcheggiare nel parcheggio recintato alla vostra destra.

L'ex chiesa cattolica di Santa Maria Addolorata, più recentemente sede della King Center Charter School
  • Quando una grande chiesa antica chiude i battenti, una delle cose migliori che potrebbe accadere è che il governo cittadino, il sistema scolastico pubblico o altri enti pubblici dalle tasche profonde esprimano interesse per essa. Nel 2000, la 42.901004-78.84290316 chiesa cattolica di Santa Maria Addolorata (938 Genesee Street), chiusa da tempo, era appesa a un filo: fino ad ora nelle mani del King Urban Life Center senza scopo di lucro che aveva trascorso gli anni successivi a lottare per farcela con fondi per restaurare e mantenere l'edificio, il suo futuro fu assicurato quell'anno quando la King Center Charter School vi aprì un negozio con l'aiuto di una lista completa di finanziamenti governativi.

Innanzitutto, parliamo della sua architettura. Santa Maria Addolorata è anche conosciuta come la Chiesa dei Sette Dolori ed è probabilmente la chiesa più maestosa di questo intero itinerario: il famoso architetto Adolphus Druiding ha usato la famosa cattedrale di Worms come modello per il suo progetto, ma è andato quel vecchio capolavoro migliore con dettagli architettonici magnifici e intricati e la sua facciata bugnata in pietra calcarea blu delle Pianure di Buffalo aggiunge anche un tocco di identità locale. C'è un aspetto surreale e fiabesco a Santa Maria Addolorata: ovunque guardate vedrete tavoli mensoloni decorati, frontoni ripidi e torrette sormontate da terminali e decorazioni squisite di ogni tipo. L'ingresso di fronte a Genesee Street è un buon esempio di questo capriccio: un vestibolo a forma di arco, i suoi quattro portali sono composti da doppie porte sormontate da deliziose traverse in vetro colorato e collocate all'interno di archi romanici rientranti che sono a loro volta sormontati da ripidi frontoni, mentre tra gli archi si trovano torrette impegnate con pinnacoli conici a fasce orizzontali. L'ingresso è fiancheggiato da una coppia di campanili asimmetrici: quello più piccolo a destra è a tetto piano e sormontato da un parapetto, con un ottetto di alte e delicate finestre ad arco a tutto sesto nel livello superiore, mentre quello più grande dall'altro lato c'è una robusta torre dell'orologio rettangolare la cui enorme guglia conica alta 72 metri fa di Santa Maria Addolorata la chiesa più alta di questo tour. È interessante notare che i maestosi rosoni di Santa Maria Addolorata si trovano nella parte posteriore dell'edificio, nascosti dietro una lunga navata con volta a botte dal tetto ripido: li vedrete su entrambi i lati del transetto.

All'inizio degli anni 1870, quando l'architetto paesaggista Frederick Law Olmsted circondò quella che allora era la periferia di Buffalo con un ampio sistema di parchi e strade pedonali, la vegetazione verdeggiante si dimostrò immediatamente una calamita per l'aristocrazia di Buffalo che costruì eleganti tenute di campagna sul terreno adiacente, il The Parade, ovvero il Martin Luther King, Jr. Park di oggi; l'estremità orientale della rete non faceva eccezione, e così Humboldt Park divenne il nuovo quartiere preferito dai più ricchi tedeschi del Lato est di Buffalo. Ma c'era un problema: il ritorno a ovest verso le chiese di St. Louis e Sant'Anna era lungo. La necessità di una nuova parrocchia per i residenti di Humboldt Park era ovvia, e fu nel 1872 quando la diocesi incaricò padre William Grundlach di fondarne una, e non accadde un momento troppo presto. In questi anni la popolazione del Lato est stava crescendo più velocemente che mai prima o dopo, e sebbene l'edificio sia stato ampliato dodici anni dopo la sua costruzione per ospitare i nuovi arrivati, nel giro di un anno era di nuovo solo in piedi. Fu così che, nel 1886, la parrocchia inviò Adolphus Druiding a Chicago per progettare una nuova, ancora più grande, Santa Maria Addolorata. La sua costruzione ha richiesto ben quindici anni per essere completata: la dedica formale dell'edificio non è avvenuta fino al 1901.

Quando un incendio distrusse l'interno di Santa Maria Addolorata nel 1947, l'area di Humboldt Park era ancora abbastanza vivace da consentire alla parrocchia di raccogliere abbastanza facilmente $ 500.000 dalla sua comunità per ricostruirla. Tuttavia, l'allontanamento da quella prosperità era già iniziato e si sarebbe intensificato solo in futuro: i tedeschi benestanti si stavano spingendo più a est e alla fine oltre il confine della città, lasciando il posto agli europei dell'est più poveri e, dopo il 1950, agli afroamericani. La chiesa ha resistito per tutti gli anni '60 e '70, ma alla fine ha ceduto all'inevitabile: c'erano solo così tanti soldi nelle casse della diocesi e i soldi della parrocchia galleggiavano per pagare la manutenzione strutturale di un edificio massiccio e decorato che raramente ospitava più di poche decine di parrocchiani alla volta era un paradigma sempre più insostenibile. L'ultima messa a Santa Maria Addolorata avvenne nel 1985, con la demolizione prevista per l'anno successivo.

Ma perdere uno dei pochi edifici del quartiere non contaminato dalla peronospora sarebbe stato un colpo devastante per il già sconvolto Humboldt Park. I leader della comunità erano preoccupati e, fortunatamente, avevano l'orecchio della comunità conservazionista. Insieme, entrarono in azione. Il primo punto all'ordine del giorno era prevenire la demolizione, cosa che riuscirono a fare con successo nell'estate del 1986 convincendo il Consiglio per la Preservazione della città a nominare Santa Maria Addolorata un punto di riferimento per i Buffaloniani. Il compito successivo, molto più importante e difficile, era capire cosa fare con l'edificio ora che è stato salvato. Ancora una volta, l'assistenza simpatica del governo della città si è rivelata preziosa: non solo hanno accettato di prendere la proprietà dell'edificio e di riaffittarlo gratuitamente al gruppo, liberandolo dall'onere delle tasse di proprietà in modo che tutti i loro fondi potessero essere utilizzati per preservare l'edificio, ma sono stati anche determinanti nella creazione di un comitato formale di otto persone di personalità politiche locali, uomini d'affari e membri della comunità che si è evoluto fino a diventare il comitato esecutivo del King Urban Life Center, una nuova organizzazione comunitaria il cui compito era quello di stabilire un'ampia gamma di programmi educativi che avrebbero avuto luogo lì. Con un altro colpo di fortuna, gli ispettori edili hanno scoperto che Santa Maria Addolorata era strutturalmente in ottime condizioni, il che significava che, con l'eccezione di alcune riparazioni del tetto relativamente minori e della pulizia della facciata, la maggior parte dei finanziamenti che il King Center aveva stanziato potrebbe essere utilizzato per quei programmi.

Nonostante tutto, però, non è stata un'impresa da poco per una piccola organizzazione no profit mantenere accese le luci e il riscaldamento in questo vecchio edificio cavernoso e intraprendere la manutenzione quotidiana. Il modesto budget del King Center è stato portato al limite e hanno lottato per andare avanti. La salvezza arrivò nel 2000, quando il governatore George Pataki tagliò il nastro dell'omonima King Center Charter School, la prima di Buffalo, che avrebbe fornito un'istruzione di qualità a centinaia di bambini del quartiere nello spirito previsto dal centro comunitario, mentre il suo contratto di locazione avrebbe fornito al genitore organizzazione con ben $ 167.000 all'anno da utilizzare per i suoi altri programmi educativi, che continueranno nella sua nuova casa proprio dall'altra parte della strada. Con questa disposizione in atto, il King Urban Life Center è diventato una forza dominante a Humboldt Park, riportando in vita il suo tratto di Genesee Street con una lista ampliata di programmi comunitari e nel riabilitare e trovare inquilini per molte delle case e degli edifici intorno alla Chiesa. Sebbene la scuola charter si sia finalmente trasferita in un edificio più grande (l'ex Public School 71 a Delavan-Bailey) per l'anno scolastico 2014-2015, la sua eredità di un quartiere trasformato si è rivelata un colpo al braccio duraturo per il King Center e il suo sforzi. Con una lunga e impressionante lista di successi all'attivo e un profilo più alto che mai nella comunità, la prognosi per il centro che trova un nuovo inquilino per l'antica Santa Maria Addolorata è decisamente positiva.

Continuate verso ovest lungo Genesee Street (se avete parcheggiato nel parcheggio vicino a Rich Street, girate a destra). Il secondo semaforo che troverete è all'angolo di Jefferson Avenue. Svoltate a destra, passate sul cavalcavia sopra la Kensington Expressway e proseguite verso nord per altri cinque isolati.

Cerchio completo: Midtown e il Vicino Lato est[modifica]

Svoltate a sinistra sulla Best Street. Questa è la via principale di Masten Park, un'enclave tedesca un tempo benestante di un'annata leggermente precedente a quella di Humboldt Park che ora sta tornando di nuovo in piedi. Dopo circa 1 km, la strada curverà leggermente a destra e incontrerete un semaforo. Questa è Main Street, la tradizionale linea di demarcazione di Buffalo tra est e ovest. Svoltate a sinistra e proseguite per mezzo isolato. Alla vostra sinistra vedrete la prossima tappa del tour. Parcheggiate sulla Main Street o nel lotto dietro la chiesa, accessibile tramite Old Best Street.

L'ex chiesa cattolica di Nostra Signora di Lourdes. La canonica, demolita nel 2014, sarebbe stata alla sua destra in questa foto
  • Con l'esempio di San Gerardo, abbiamo visto che la questione di come si conserva un edificio storico può irritare la comunità conservazionista quasi quanto la prospettiva che venga demolito in primo luogo. La 42.903834-78.86814917 chiesa cattolica di Nostra Signora di Lourdes (1115 Main Street) è un esempio più recente dello stesso fenomeno: nel 2015, la chiesa da tempo chiusa è stata oggetto di molte polemiche come potenziale beneficiario di un prestito di conservazione storica anche se il suo nuovo proprietario, Ellicott Development, aveva demolito parti del complesso, compresi gli ex edifici scolastici e la canonica.

Interessante il disegno della Madonna di Lourdes, eseguito dalla ditta locale AE Minks and Sons in uno stile ibrido che riprende elementi del romanico e del gotico: mentre il primo è rappresentato dagli archi a tutto sesto che sovrastano il bugnato in arenaria di Medina, la facciata e l'aspetto complessivamente robusto e poderoso dell'edificio, il tetto a falde ripide e i terminali che si trovano onnipresenti in cima ai timpani del tetto, agli abbaini e alle guglie sono più suggestivi di quest'ultima scuola. Il lato della chiesa sulla strada principale presenta due distintive guglie asimmetriche, la più alta delle quali è coronata da una cupola ottagonale a falde ripide con una lanterna traforata in cima, e un tempo vantava statue di nicchia di San Pietro e della Madonna di Lourdes realizzate con marmo italiano importato. Quelle belle decorazioni, insieme all'altare in marmo scolpito a mano abbinato, alla Via Crucis a tutto tondo e agli squisiti murales interni, sono ora perduti, così come le maestose finestre di vetro colorato, ora sbarrate.

Anche se non lo sapreste mai a guardarla, la storia di Nostra Signora di Lourdes risale più indietro di qualsiasi altra chiesa cattolica del Lato est. La sua storia inizia nel 1832, lo stesso anno in cui Buffalo è stata incorporata come città, quando è stata fondata la prima chiesa cattolica di Buffalo, quella dell'Agnello di Dio. Un umile edificio con struttura in legno che sembrava piuttosto un fienile, la chiesa dell'agnello di Dio si trovava all'angolo tra Main e Edward Street, dove ora si trova la chiesa cattolica di St. Louis, e nei suoi primi anni era frequentata da tutti i cattolici di Buffalo senza riguardo alla nazionalità: tedeschi, irlandesi e francesi.

Ma la chiesa dell'Agnello di Dio non durò a lungo. Fin dall'inizio, la congregazione fu tormentata da aspre lotte intestine sulla leadership della chiesa, sugli affari finanziari e su altri fattori, con fazioni divise lungo linee etniche. Nel 1850, la chiesa dell'Agnello di Dio si era divisa in quattro congregazioni: la maggioranza irlandese di San Patrizio a Broadway ed Ellicott Street in centro (sede dell'attuale Central Library), la tedesca St. Louis e Santa Maria Redentorista e la Chiesa cattolica francese di San Pietro, che si è riunita per mezzo secolo in un minuscolo edificio commerciale convertito in mattoni rossi sulla Lafayette Square, fino a quando non è stato demolito per far posto all'Hotel Lafayette. La demolizione è avvenuta in un momento opportuno: per tutto l'ultimo decennio del XIX secolo, è apparso chiaro che l'edificio era troppo piccolo per ospitare tutti i fedeli che si presentavano alla messa domenicale, ed era inoltre vecchio e cadeva a pezzi. Quando la palla da demolizione finalmente reclamò la Vecchia San Pietro nel 1900, la congregazione, ora ribattezzata Nostra Signora di Lourdes, aveva già adorato per diversi mesi nella loro nuova chiesa di Main Street. Con il passare degli anni, la parrocchia ha ampliato i suoi già imponenti scavi con una completa ristrutturazione degli interni negli anni '20 e '30.

Essendo situata in un quartiere che non è caduto così lontano nel pantano di degrado e declino economico come molte altre aree del Lato est, è concepibile che Nostra Signora di Lourdes possa essere stata una delle sopravvissute agli anni di caduta libera della fine del XX secolo, quando le chiese cattoliche in questa parte della città stavano chiudendo a decine e visse per assistere alla rinascita del suo quartiere all'inizio del nuovo millennio. Ma il bacio della morte per la congregazione era la sua piccola dimensione. Si deve supporre che la ragione per cui una chiesa così grande è stata costruita per loro fosse che presumevano che il loro gregge avrebbe continuato a crescere, proprio come molte chiese del Lato est che "sono cresciute in" edifici che inizialmente erano troppo grandi per loro. Ma come chiesa francese in un quartiere a maggioranza tedesca, la dimensione della congregazione di Nostra Signora di Lourdes è rimasta stabile. Quindi, anche se ha trascorso gli anni '70 e '80 andando oltre la maggior parte delle chiese nel suo duplice compito di centro culturale di quartiere (oltre alla solita lista di attività sociali, il complesso aveva anche un campo da basket a grandezza naturale e persino un bowling vicolo, "Lourdes Lanes"), Nostra Signora di Lourdes è stata tra la prima ondata di chiusure delle chiese del Lato est dei decenni che hanno chiuso l'anno 2000: nel 1993, insieme ad altre tre parrocchie del Vicino Lato est, San Matteo a Genesee-Moselle, San Bonifacio nella Fruit Belt e San Benedetto il Moro a Cold Spring, chiese al vescovo Edward Head di unire loro quattro in una nuova chiesa, che continua ancora oggi sulla Northampton Street come San Martino de Porres.

Al momento della chiusura di Nostra Signora di Lourdes, l'edificio aveva già visto giorni migliori e non ci volle molto perché il fondo crollasse. Spogliate delle sue belle statue in marmo e degli elementi interni e di tutto quel bel vetro colorato, le assi di compensato che ricoprono le vecchie finestre hanno lottato per tenere la pioggia e il tempo fuori dall'interno del guscio sventrato e disseminato di macerie dell'edificio. Fino alla fine degli anni '90 e negli anni '00, la chiesa ha continuato a crollare in bella vista anche se il quartiere intorno ad essa, ora chiamato Midtown, è tornato in vita come la via di mezzo tra il fiorente motore economico del Buffalo Niagara Medical Campus e i quartieri alla moda di Allentown e Elmwood Village. Nel 2005, è stata acquistata da un'organizzazione ministeriale del centro cittadino con grandi progetti per un centro comunitario per il quartiere circostante, ma nulla di tutto ciò è avvenuto, né è successo nulla di un'asta tre anni dopo, nonostante i migliori sforzi della città per parlare della sua posizione privilegiata nel cuore della rivitalizzazione di Buffalo, non ha attirato offerte serie.

Quindi, tutti gli occhi erano puntati su Carl Paladino, sviluppatore locale e razzista politico, nel 2010, quando la sua ditta, Ellicott Development, ha acquistato la chiesa dalla città. Mai una figura popolare tra la comunità conservazionista, che disdegnava i progetti in stile suburbano che i suoi uomini avevano inventato come ciechi alla storia e al carattere urbano unico di Buffalo, il loro vago senso di trepidazione per il futuro della chiesa si trasformò in urla di protesta quando Paladino si sottomise una richiesta al Buffalo Preservation Board pochi mesi dopo di demolire l'ex canonica accanto alla chiesa, non avendo detto nulla sui suoi progetti per la chiesa stessa e avendo fatto solo vaghi riferimenti a "lavorare con un paio di possibili occupanti per la scuola". Sebbene la richiesta sia stata ritirata pochi giorni dopo per ragioni sconosciute, i bulldozer e le terne si sono presentati sulla Main Street quattro anni dopo per reclamare sia la canonica che la scuola proprio mentre Paladino annunciava i piani preliminari per convertire l'ex chiesa in dodici appartamenti. Ciò ha presentato ai conservazionisti un dilemma interessante: Paladino doveva essere condannato per aver compromesso l'integrità del complesso con la demolizione delle dipendenze, o essere lodato per aver almeno preservato la chiesa stessa, cosa che molti pensavano che non avrebbe fatto?

La trama si è infittita nel marzo 2015, quando Paladino ha chiesto un prestito per la conservazione storica attraverso la Buffalo Urban Development Corporation per aiutare a finanziare la conversione della chiesa. La domanda fondamentale che si poneva, in quali circostanze la conservazione storica può essere conciliata con la demolizione selettiva, alimentava e approfondiva il divario tra la comunità conservazionista, e sebbene divenne discutibile nel settembre successivo quando cambiò bruscamente rotta e scelse di cercare finanziamenti da altre fonti invece, quelle divisioni sono riemerse all'inizio del 2017 con la tardiva presentazione da parte di Paladino del suo progetto completo per la proprietà di Nostra Signora di Lourdes: l'edificio della chiesa trasformato in appartamento sarebbe stato unito tramite un atrio di vetro a un complesso di uffici e negozi di sei piani sull'ex sito della canonica, con un design sorprendentemente moderno ma (alcuni conservazionisti si sono lamentati) insipido molto in linea con lo stile della casa di Ellicott Development e il "nuovo look" che questo tratto di Main Street ha sfoggiato dalla crescita del vicino Buffalo Niagara Medical Campus è iniziato sul serio all'inizio degli anni 2010. Al momento della stesura di questo documento, la costruzione dovrebbe iniziare (in attesa dell'approvazione finale del Consiglio di pianificazione) entro l'inizio dell'estate 2017, con completamento intorno alla fine del 2018.

Proseguite verso sud lungo Main Street fino all'incrocio successivo (East North Street), dove girerete a sinistra e poi a destra al semaforo successivo (Michigan Avenue). State passando lungo il perimetro settentrionale e orientale del Buffalo Niagara Medical Campus, un'impresa cooperativa gestita dall'Università di Buffalo, Kaleida Health e Roswell Park Cancer Institute che sta cambiando profondamente il volto del Vicino Lato est attraverso la costruzione di importanti nuove istituzioni sanitarie e biomediche che, entro il 2017, forniranno un lavoro ben retribuito a ben 17.000 Buffaloniani. Probabilmente avete già visto gli effetti di ricaduta in quartieri come Masten Park e Fruit Belt, dove i cottage vittoriani in mattoni dell'era della Guerra Civile vengono gradualmente riportati al loro antico splendore e vecchie fabbriche e magazzini vengono convertiti in nuovi appartamenti di lusso venduti a professionisti medici.

Proseguite verso sud oltre il cavalcavia della Kensington Expressway per altri 800 metri. Questo tratto di Michigan Avenue è stato designato dalla città come il Michigan Street African-American Heritage Corridor, che conserva molti dei luoghi storici e dei siti significativi per la storia della comunità nera di Buffalo. Il più importante di questi siti è la prossima e ultima tappa del nostro itinerario: lo vedrete alla vostra sinistra mezzo isolato dopo Broadway. È possibile parcheggiare fuori strada nel parcheggio all'angolo sud-ovest tra Michigan e Broadway.

La chiesa battista di Michigan Street
  • La 42.886245-78.86739318 Chiesa Battista di Michigan Street (511 Michigan Avenue) è l'ultima tappa del tour ed è il simbolo di una nuova fase nella storia del Lato est che ha posto fine all'era in cui i cattolici bianchi dominavano il panorama demografico lì. Da quando esiste il Lato est, ha ospitato una comunità afroamericana, infatti, la Chiesa Battista di Michigan Street è la chiesa più antica dell'intero itinerario, ma fino all'inizio del XX secolo era piccola, confinata in uno dei pochi isolati quadrati centrati su Vine Alley (quello che oggi è il tratto di William Street tra Oak Street e Michigan Avenue). Tuttavia, le cose sarebbero cambiate in grande stile con l'alba del XX secolo e gli afroamericani hanno iniziato a spingersi verso l'esterno, soppiantando i tedeschi e i polacchi che hanno iniziato a trasferirsi a frotte nei sobborghi dopo la seconda guerra mondiale.

La Chiesa Battista di Michigan Street è un luogo di superlativi: è stata la prima congregazione afroamericana di Buffalo (esistente almeno dal 1838); è la più antica proprietà ininterrottamente di proprietà dei neri della città (eretta nel 1847); è stata guidata per molti anni dal Rev. Dr. J. Edward Nash, il più importante leader dei diritti civili a livello locale; ed è oggi il fulcro del Michigan Street African-American Heritage Corridor. L'unica cosa che non è notevole è l'edificio stesso: è una semplice struttura in mattoni rossi a due piani senza particolari distinzioni architettoniche, con un tetto spiovente e ampie finestre ad arco tondo che si affacciano su Michigan Avenue.

La Chiesa Battista di Michigan Street Baptist Church è nata dalla First Baptist Church, una congregazione a maggioranza bianca sulla Washington Street che la piccola comunità nera di Buffalo frequentava in gran parte per impostazione predefinita. Fu nel 1836 quando Elisha Tucker, un importante membro afroamericano della congregazione, ebbe l'idea di dividere il contingente nero in una chiesa a parte. I primi sette anni nella storia di quella che allora fu chiamata Second Baptist Church furono un periodo di miseria: non potendo permettersi un edificio proprio, il gregge stazionava sotto una rapida successione di ministri in una stanza in affitto sopra l'ufficio di un impresario di pompe funebri. Non è stato fino a quando Samuel Davis è salito al ruolo di pastore che una certa stabilità è arrivata alla congregazione: un muratore di professione, facendo gran parte dei lavori di costruzione da solo, la sua congregazione poteva permettersi di costruire sul terreno vacante sulla Michigan Avenue che avevano acquistato in precedenza. Nel 1844 fu posata la pietra angolare della nuova chiesa battista di Michigan Street.

Negli anni precedenti la guerra civile, la comunità afroamericana di Buffalo era piccola ma di fondamentale importanza: situata adiacente al confine con il Canada, Buffalo era il punto di sosta per la spinta finale verso la libertà di molti schiavi fuggiti sulla Ferrovia Sotterranea, e la grande e attiva comunità abolizionista locale ha lavorato a stretto contatto con i neri di Vine Alley per garantire un alloggio e un passaggio sicuri per i fuggitivi. Il reverendo Davis e la sua congregazione hanno avuto un ruolo da protagonista nei procedimenti: era noto per la sua schiettezza a favore degli afroamericani dell'epoca, avendo scritto una dichiarazione antischiavista nello statuto della sua chiesa, essendo stato delegato alla Convenzione nazionale dei negri del 1843, ed essendo il capo di una chiesa i cui membri erano per lo più ex schiavi stessi. La Frontiera americana del Niagara contiene quasi due dozzine di siti noti per aver servito come "stazioni" sulla Underground Railroad, e probabilmente ce ne erano molti altri in aggiunta a questo, ma la Chiesa Battista di Michigan Street è la più nota di tutte. Gli schiavi fuggiti venivano tenuti nascosti in una stanza nel seminterrato della chiesa di giorno, poi trasportati attraverso il fiume Niagara da Unity Island con il favore della notte.

Naturalmente, la guerra civile ha posto fine alla schiavitù negli Stati Uniti una volta per tutte, ma la Chiesa Battista di Michigan Street ha continuato a mantenere la sua posizione in prima linea nel movimento locale per i diritti civili. Al Rev. Davis successe al pulpito J. Edward Nash, Sr., figlio di schiavi liberati originario della Virginia che era ancora un giovane quando salì al suo posto nel 1892. Il Rev. Nash si fece rapidamente un nome come il leader indiscusso della comunità afro-americana di Buffalo, il cui accesso ai leader del movimento nazionale per i diritti civili dell'epoca, come Booker T. Washington, WEB DuBois, e in particolare il suo compagno di classe e amico, Adam Clayton Powell, Sr., non aveva eguali localmente. Sorprendentemente, il reverendo Nash è stato anche in grado di allacciare rapporti con le élite politiche e commerciali di Buffalo, un dominio in gran parte vietato ai neri all'inizio del XX secolo, che ha messo a frutto nel fondare i capitoli locali della National Urban League e del NAACP e nel guidare gli sforzi di miglioramento della comunità attraverso la chiesa. E, forse più di tutto, Nash era un consumato diplomatico che mediava sia tra la comunità nera e l'establishment bianco che tra fazioni opposte all'interno della comunità nera, difendendo sempre i membri della sua congregazione e comunità vittime del razzismo che ha infestato l'epoca.

Per quanto riguarda la comunità afroamericana di Buffalo in generale, il lungo mandato di Nash come pastore della Chiesa Battista di Michigan Street ha coinciso con un periodo di crescita esplosiva in essa: la popolazione nera di Buffalo è aumentata durante quel periodo da 1.200 individui a oltre 40.000. In quel periodo, l'intero Paese stava attraversando una Grande Migrazione di afroamericani in fuga dalla segregazione e dal razzismo nel Sud e attratti dalla facile disponibilità di posti di lavoro nei centri industriali del Nord come Buffalo. Mentre le condizioni nel nord erano nettamente migliori rispetto al luogo da cui provenivano, il razzismo esisteva a Buffalo in misura considerevole e l'arrivo in gran numero di neri ha acceso profonde tensioni. Spronato da pratiche pregiudizievoli nella comunità immobiliare come il redlining, attraverso il quale agenti immobiliari e prestatori di mutui hanno cospirato per proibire efficacemente agli afroamericani di acquistare case o affittare appartamenti a ovest di Main Street, incoraggiando allo stesso tempo apertamente gli acquirenti bianchi a evitare il Lato est, i residenti tedeschi e polacchi del vecchio Lato est iniziarono rapidamente ad abbandonare qualsiasi quartiere che percepivano come occupato dai neri (un fenomeno noto come fuga dei bianchi). I disordini civili degli anni '60 e il declino generale dell'economia di Buffalo durante lo stesso periodo non fecero altro che accelerare il processo e, alla fine del secolo, il volto di Buffalo nel suo insieme e del Lato est in particolare era cambiato profondamente.

Dopo sei decenni al pulpito, il reverendo Nash si dimise da pastore della Chiesa Battista di Michigan Street nel 1953. Il suo ritiro fu un evento di gala, culminato con il Buffalo Common Council che ribattezzò Potter Street, che correva dietro la chiesa ed era la strada pastore sopravvissuta e, in suo onore, fu davvero un punto di svolta nella storia della chiesa e del Lato est in generale. Mentre la comunità nera di Buffalo continuava a spingersi verso l'esterno, i quartieri più vicini al centro, inclusa l'area di Michigan Avenue, iniziarono semplicemente a svuotarsi. Infatti, con il passare degli anni '50 e '60, molti quartieri semiabbandonati del Vicino Lato est furono sommariamente demoliti in nome del rinnovamento urbano per far posto ai progetti di edilizia popolare che a quei tempi erano visti come una panacea per i mali sociali del centro città, e presto molte delle famiglie che avevano frequentato la Chiesa Battista di Michigan Street per generazioni si trovarono costrette a trasferirsi in quartieri lontani. Con il cuore pesante, la congregazione iniziò a pianificare il trasferimento in un altro edificio e nel 1964 si tenne il primo servizio nella nuova sede di Humboldt Parkway. La vecchia chiesa battista di Michigan Street è stata nominata nel registro nazionale dei luoghi storici nel 1974 e ha trascorso la maggior parte di quel decennio e il successivo come dimora temporanea di un'altra congregazione battista, la Chiesa Battista di Macedonia, ma era stata vacante per qualche tempo dal 2012, quando è passata sotto l'egida del Michigan Street African-American Heritage Corridor, un gruppo comunitario senza fini di lucro istituito per preservare e celebrare i siti storici importanti per la storia nera di Buffalo. Ora completamente restaurata al suo aspetto originale, la Chiesa Battista di Michigan Street è stata preservata come sito storico che è una testimonianza della comunità duratura che ha contribuito a costruire.

Tornate indietro di mezzo isolato verso nord lungo Michigan Avenue fino a raggiungere Broadway. Ora siete tornati al punto di partenza dell'itinerario.

Sicurezza[modifica]

Il Lato est è noto tra i Buffaloniani come un'area ad alto tasso di criminalità, ma la realtà è così brutta come suggerisce la sua reputazione? Sì e no.

Prima di tutto, mentre la povertà e la degrado sono endemiche in tutto il Lato est, ciò non si traduce sempre in alti tassi di criminalità. In altre parole, solo perché vi trovate in un quartiere visibilmente in rovina non significa necessariamente che siete in pericolo. In secondo luogo, e soprattutto, è importante capire che la maggior parte dei crimini violenti nel Lato est è commesso contro la gente del posto. Supponendo che voi non siate membri di una banda o siate coinvolti nel traffico di droga, avete ben poco di cui preoccuparvi perché non siete un bersaglio. I crimini contro la proprietà sono tutta un'altra storia: i furti, anche di veicoli, sono comuni in molte delle aree che attraverserete, quindi quando parcheggiate l'auto per dare un'occhiata più da vicino a una di queste meraviglie architettoniche, usate il buon senso come si fa in qualsiasi area urbana: chiudete a chiave l'automobile e tenete nascosti gli oggetti di valore.

Le condizioni della superficie stradale del Lato est variano considerevolmente e tendono ad essere particolarmente pessime nelle strade laterali. Siate vigili quando si tratta di buche.

Nei dintorni[modifica]

Se l'elenco delle magnifiche chiese antiche del Lato est non vi è bastato, sarete felici di sapere che ce ne sono molte altre da ammirare in tutta l'area.

  • Appena oltre il confine meridionale di Buffalo si trova Lackawanna, una città industriale operaia che è la posizione alquanto improbabile della chiesa più magnifica dell'intera area di Buffalo, la Basilica di Nostra Signora della Vittoria. Un capolavoro del revival barocco completato nel 1926 su progetto di Emile Ulrich, oggi è una testimonianza delle opere di beneficenza di padre Nelson Baker, che al momento della stesura di questo documento è considerato santo dalla Santa Sede.
  • Il centro ha anche alcune magnifiche chiese, tra cui la Cattedrale di San Giuseppe sulla Franklin Street che funge da sede della diocesi cattolica di Buffalo, così come la Cattedrale episcopale di San Paolo, un monumento storico nazionale che è uno dei progetti più noti di Richard Upjohn, l'architetto il cui magnifico corpus di opere, più di chiunque altro, ha reso popolare lo stile neogotico negli Stati Uniti.
  • Oltre a ospitare molti tedeschi e (soprattutto) polacchi fuggiti dal Lato est a metà del XX secolo, Cheektowaga è anche il luogo in cui si trova la Cappella di Maria Hilf, un luogo di pellegrinaggio locale fondato nel 1853 dall'immigrato alsaziano Joseph Batt in omaggio a Nostra Signora Ausiliatrice, a cui ha attribuito la sopravvivenza della sua famiglia dopo che la nave che stavano portando in America si è trovata coinvolta in un uragano.


ItinerarioGuida: l'articolo rispetta le caratteristiche di un articolo usabile ma in più contiene molte informazioni e consente senza problemi lo svolgimento dell'itinerario. L'articolo contiene un adeguato numero di immagini e la descrizione delle tappe è esaustiva. Non sono presenti errori di stile.