Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Albania nordorientale
Lago Koman
Stato

Albania nordorientale è una regione albanese.

Da sapere[modifica]

Cenni geografici[modifica]

Le alpi albanesi (Alpet Shqiptare) occupano la parte settentrionale del paese e costituiscono una regione isolata, poiché le strade che vi conducono sono poche e in pessime condizioni.

Le Alpi Albanesi costituiscono l’estremità meridionale delle Alpi Dinariche e si sviluppano sul confine con il Kosovo e il Montenegro.

In albanese ghego, le Alpi Albanesi sono dette Bjeshkët e Namuna (“creste maledette”). La vetta più alta è la Cresta del Lago (Maja e Jezercës) che con i suoi 2.694 m. di altitudine costituisce il punto più alto di tutte le Alpi Dinariche.

Passo di Valbona

Il fiume più famoso delle Alpi albanesi a livello turistico è lo Shala che ha la sua sorgente vicino al villaggio di Theth e sfocia nel bacino idrico di Koman, alimentato e drenato dal fiume Drin. L'alto corso del fiume costituisce una zona incontaminata che attrae un certo numero di turisti nonostante la difficoltà dei collegamenti stradali.

Il Drin è un fiume di maggior portata (mediamente 352 m³/s). È formato dalla congiunzione di due fiumi:

  • Il Drin Nero (Drini i zi) è l'emissario del lago di Ocrida (Macedonia del Nord). Entra in territorio albanese in corrispondenza del lago artificiale di Debar e punta verso Nord confluendo con il Drin Bianco all'altezza della città di Kukës.
  • Il Drin Bianco (Drini i bardhë), nasce a nord della città di Peć (Kosovo) ed entra in territorio albanese dopo aver aver bagnato la città di Prizren.

Nell'attraversare le Alpi Albanesi il Drin è stato soggetto a numerosi sbarramenti che hanno originato diversi laghi, tra cui quello di Fierza (Liqeni i Fierzës) e quello di Koman (Liqeni i Komanit) usato per la navigazione. Quest'ultimo lago attrae moltitudini di turisti per i suoi paesaggi, simili a quelli di un piccolo fiordo norvegese.

Nell'attraversare il territorio di Scutari, il Drin si biforca: Un piccolo braccio del fiume (Drini i Lezhës) si dirige a sud per sfociare nel mar Adriatico ad ovest della città di Alessio mentre l'altro ramo (chiamato Grande Drin, Drini i Madh) scorre verso ovest, e nei pressi del castello di Rozafa, si riversa nelle acque del Boiana, l'emissario del lago di Scutari che sfocia nel mar Adriatico con un delta che segna il confine tra Albania e Montenegro.


Territori e mete turistiche[modifica]

Centri urbani[modifica]

  • 1 Bajram Curri — Villaggio situato in un punto remoto della valle di Valbonë, al confine con il Kosovo.
  • 2 Croia (Krujë) — Città natale dell'eroe nazionale Giorgio Castriota Scanderbeg (Gjergj Kastrioti Skënderbeu), Croia è un piacevole borgo di montagna dominato da un castello medievale, oggi adibito a museo. Grazie alla sua vicinanza con Tirana e l'aeroporto internazionale, Croia riceve un certo numero di visitatori, tutti interessati al bazar locale e a souvenir da portarsi a casa.
  • 3 Kukës — È il centro abitato più vicino all'omonimo aeroporto internazionale. Non ha interesse specifico essendo il vecchio abitato stato sommerso dalle acque del lago Fierza in seguito al completamento della diga sul Drin nel 1978. Kukës può però essere presa in considerazione come punto di partenza per escursioni al lago Koman e al parco di Valbona.
  • 4 Scutari (Shkodra o Shkodër) — Situata sul lago omonimo, spartito con il Montenegro, Scutari merita sicuramente una visita. La città è considerata "La culla della cultura albanese" ed è famosa per il Castello di Rozafa, un belvedere con magnifiche viste panoramiche su Scutari, la piana sottostante e le Alpi albanesi.
  • 5 Theth — Villaggio al centro dell'omonimo parco nazionale, una valle delle Alpi Dinariche rinomata per la straordinaria bellezza dei suoi paesaggi.
  • 6 Tirana (Tiranë) — La piccola capitale dell'Albania costituisce, grazie al suo aeroporto internazionale, l'inizio del viaggio. La città presenta interessanti musei, una scelta cospicua di locali da intrattenimento e verdi dintorni.
  • 7 Valbona (Valbonë) — Villaggio situato in una valle delle Alpi Dinariche al centro dell'omonimo parco nazionale.
  • 8 Zogaj — Villaggio dalle case in pietra situato sul lago di Scutari, sulla linea di confine con il Montenegro.

Altre destinazioni[modifica]

  • 1 Lago Koman (Liqeni i Komanit) — Formatosi in seguito al completamento della diga sul fiume Drin, il lago Koman presenta paesaggi tra i più sorprendenti dei Balcani, ammirabili da una delle tante imbarcazioni che fanno la spola tra il villaggio di Fierza e la centrale idroelettrica.
  • 2 Parco nazionale Dajti
  • 3 Parco nazionale Lurë (Parku Kombëtar Lurë-Mali i Dejës) — Un parco di boschi, faggette alle altitudini più basse e conifere a quelle più elevate. La località Campo di Mares è quella che presenta i paesaggi più spettacolari. Gli alloggi consistono in alberghi e pensioni a conduzione familiare, quasi tutti raggruppati nel villaggio di Fushë Lurë.
  • 4 Parco nazionale del passo di Shtamë (Parku Kombëtar i Qafshtamës) — Situato a circa 25 chilometri a est di Croia, il parco è famoso per i suoi splendidi paesaggi e per i suoi boschi costituiti principalmente da pinete inframezzate da piccoli laghi e ruscelli. Il parco costituisce una meta ideale per gli appassionati di escursionismo a piedi (hiking).
  • Parco nazionale della valle del Valbona (Parku Kombëtar i Luginës së Valbonës) — Il parco comprende l'alta valle del fiume Valbona e l'area dei monti Prokletije. Assieme agli altri siti delle foreste primordiali dei faggi dei Carpazi, il parco albanese è stato dichiarato patrimonio dell'umanità dell'UNESCO nel 2007.
  • Parco nazionale di Theth (Parku Kombëtar i Thethit) — Occupa la valle omonima, situata tra i 740 e i 950 m s.l.m. e circondata dalle Alpi Albanesi che raggiungono in questo punto un'altitudine di 2.694 metri con la vetta del monte Jezercë.
È una valle profondamente incassata con pendii molto ripidi dell'ordine 16°-35° ma anche del 45°-60° in più punti.


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

  • 2 Aeroporto Internazionale di Kukës. Aperto al traffico internazionale nel luglio 2021 per fungere da scalo a compagnie Low Cost, l'aeroporto di Kukës presenta ancora un numero ridotto di voli effettuati dalle seguenti linee aeree:
Lo scalo è situato 5 km a sud della città di Kukës, attraversata dalla A1, autostrada a pedaggio che consente un rapido collegamento tra Durazzo e Tirana da un lato e Prizren, Pristina (Kosovo) dall'altro.
Lo scalo di Kukës è anche indicato per coloro che progettano di visitare il lago Koman o i parchi delle Alpi Albanesi (Valbona e Theth). Aeroporto di Kukës su Wikipedia Aeroporto di Kukës (Q1431804) su Wikidata

In auto[modifica]

La A1 nei pressi di Kukës. Sullo sfondo il monte Gjallica
  • Strada statale 2 (Rruga Shteterore 2) è la superstrada che collega Tirana a Durazzo.
Su di essa si innestano alcune delle principali arterie albanesi:
  • La statale SH60 per l'aeroporto internazionale Madre Teresa di Tirana.
  • Strada statale 1 (Rruga Shtetërore 1) — Inizia allo 1 svincolo di Kamza - Passa per Alessio e Scutari per poi terminare al valico di frontiera di 2 Hani i Hotit con il Montenegro (125 km).
  • Autostrada A1 Albania.svg o Rruga e Kombit ("strada della Nazione") — Si innesta sulla Strada statale 1 tramite lo 3 svincolo di Fushe-Milot e termina a 4 Morinë, valico di confine con il Kosovo. Prosegue oltre confine con la denominazione di R7. toccando i centri di 5 Prizren e 6 Pristina. È l'unica autostrada albanese a pedaggio.



Come spostarsi[modifica]

In auto[modifica]

  • Strada statale 1 (Rruga Shtetërore 1) collega Tirana ad Alessio (58km) e Scutari (123km) per poi arrestarsi al posto di frontiera di Hani i Hotit con il Montenegro (125 km).


Cosa vedere[modifica]


Cosa fare[modifica]

Hiking a Valbona
  • Trekking — Le Alpi Albanesi si prestano per magnifiche escursioni a piedi.
Tuttavia dovrete prendere alcune precauzioni come informarvi sull'intensità del segnale di telefonia mobile e naturalmente controllare il vostro stato di salute. Le zone migliori per praticare il trekking sono le valli di Valbona e di Theth. Si può passare anche da una valle all'altra ma l'escursione è impegnativa (15 km in circa 7 / 8 ore). Il tracciato è però ben segnalato ed è percorso anche da veicoli a motore ma non è praticabile al di fuori dell'estate.
Se pensate di portare scorte d'acqua e cibarie in abbondanza, potrete servirvi anche di uno dei tanti muli messi a disposizione dagli alberghi locali. Troverete un paio di punti di ristoro in corrispondenza del 1 passo di Valbona (Qafa e Valbonës, 1795 m.) che è l'unico tratto veramente difficile di tutta l'escursione. Il dislivello da superare è infatti di 1.000 m. e il pendio, soprattutto dal lato della valle di Theth, è assai ripido.
Escursioni in barca sul lago di Koman
  • Gite in barca — Le gite in barca sul lago di Koman sono giudicate come irrinunciabili. Tuttavia la compagnia che li gestisce, la Komani Lake ferry, accetta esclusivamente passeggeri che abbiano effettuato la prenotazione sul proprio sito o contattando tramite WhatsApp diversi numeri di cellulare colà riportati tra cui uno italiano (+39 32 725 66 357).
Tenete presente che le strade che conducono al lago da Scutari o da Kukës sono in pessime condizioni ma l'agenzia si incarica, su richiesta di venervi a prendere con uno dei suoi veicoli 4x4.


A tavola[modifica]


Sicurezza[modifica]


1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard e presenta informazioni utili a un turista. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.