Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Abidjan
Spiaggia a Cocody
Stemma e Bandiera
Abidjan - Stemma
Abidjan - Bandiera
Appellativi
Stato
Territorio
Altitudine
Superficie
Abitanti
Nome abitanti
Prefisso tel
Fuso orario
Posizione
Mappa della Costa d'Avorio
Reddot.svg
Abidjan
Sito istituzionale

Abidjan è la principale città della Costa d'Avorio.

Da sapere[modifica]

Capitale dal 1933 al 1983, Abidjan è la città più grande e importante della Costa d'Avorio. È la seconda città più grande dell'Africa occidentale dopo Lagos ed è stata storicamente la base del potere economico della regione.

Dopo la morte del presidente a vita Félix Houphouët-Boigny nel 1993, le fortune di Abidjan sono cambiate molto e i successivi colpi di Stato in Costa d'Avorio hanno causato un massiccio esodo degli stranieri che vivevano lì. Oggi, nonostante le attuali questioni politiche in Costa d'Avorio in generale, Abidjan rimane la capitale economica e di fatto del Paese. Anche dopo tutto quello che è successo, vanta ancora un'ampia selezione di ristoranti, hotel, siti e altri motivi per visitarla. Per chi viaggia attraverso l'Africa occidentale, è una città da non perdere con una delle scene notturne più vivaci che si possano trovare per 1.000 km.

Secondo una leggenda locale, un esploratore europeo sperduto nella zona incontrò un vecchio. Alla domanda dello sconosciuto che gli chiedeva il nome del luogo in cui si trovavano, lui ha risposto: "Sono appena tornato dal taglio delle foglie" , che si pronuncia nella lingua Ébrié T'chan M'bi djan. Il piccolo orecchio addestrato dell'esploratore pensò di aver sentito Abidjan e di averlo registrato nel suo diario di viaggio e così la città fu battezzata.

Abidjan è una città unica in Africa. I suoi soprannomi, come "Manhattan dei tropici", "Piccola Manhattan" o "Perla delle lagune", spiegano l'immagine imprevedibile e trionfante della città. Con le sue strutture ricettive (come il Golf Hôtel) e gli impianti sportivi, la sua vivace vita notturna, i trasporti e le linee di comunicazione nonché la sua imponenza, è la città perfetta per il turismo d'affari.

Abidjan ha anche spiagge intorno alla laguna, con palme e palme da cocco, nella zona di Vridi, che sono molto popolari nei fine settimana con la vista pittoresca dei venditori di ananas e cocco. Tuttavia, le correnti di marea che interessano praticamente l'intera costa del Golfo di Guinea, fanno sì che in questa zona non sia generalmente consentita la balneazione. In generale, in Costa d'Avorio, il turismo non si è mai sviluppato realmente come industria economica; il paese non è una destinazione di vacanza comune.

Cenni geografici[modifica]

Sorge sulla Laguna Ébrié su alcune penisole e isole convergenti, collegate da ponti.

Quando andare[modifica]

 Clima gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic
 
Massime (°C) 30 30 30 30 30 28 26 26 27 28 30 30
Minime (°C) 24 25 25 25 25 24 23 22 22 24 25 24
Precipitazioni (mm) 16 57 121 145 233 347 137 50 111 149 109 44

Cenni storici[modifica]

La città crebbe a causa della costruzione di un nuovo molo nel 1931 tanto quanto grazie alla sua designazione come capitale della colonia francese nel 1933. Il 1 gennaio 1934, Abidjan divenne la capitale della colonia. L'inaugurazione del canale di Vridi nel 1951 permise un'importante crescita del porto, con cui arrivò ad essere collegata con il mare. Il 4 dicembre 1958, prende il titolo di capitale della Repubblica della Costa d'Avorio dopo Grand-Bassam e Bingerville.

Nel 1983, Yamoussoukro fu designata come capitale nazionale, però la maggior parte degli uffici del governo e le ambasciate straniere rimasero ad Abidjan.

Letture suggerite[modifica]

  • (FR) Sophie Chegaray, Abidjan, Abidjan, Fraternité Matin, 1982. Libro-reportage ideato e prodotto dai team del quotidiano “Fraternité Matin”
  • (FR) Alain Bonnassieux, L'altra Abidjan (L'autre Abidjan), Parigi, Kartala, 1987. Storia di un quartiere dimenticato. (ISBN 978-2-8653-7191-4)
  • (FR) Gérard Bellanger, Abidjan per bambini (Abidjan des enfants), Montreuil, Éditions de l'Œil,2002. (ISBN 978-2-9124-1502-8)

Film suggeriti[modifica]

  • Moi, un noir di Jean Rouch (1958).
  • Le Sixième Doigt, un film di Henri Duparc.
  • Bronx-Barbès di Eliane Delatour (2000).
  • Mentir pour Être Parfait di Abraham Arts Entertainment.
  • Enfer De La Justice di Abraham Arts Entertainment.
  • Caramel di Henri Duparc con Adrienne Koutouan, Fortuné Akakpo.
  • Rue Princesse di Henri Duparc con Félicité Wouassi, Akissi Delta, Gérard Essomba (1993) - Raffigurante un quartiere noto per la vita notturna, la musica e le prostitute.
  • Danger permanent di Pierre Laba con Michel Bohiri, Michel Gohou, Adrienne Koutouan, Jimmy Danger.
  • Un homme pour deux sœurs di Marie-Louise Asseu (2007), con Bétika, Jimmy Danger, Michel Gohou.
  • Le gentleman de Cocody di Christian-Jaque (1964), con Jean Marais, Philippe Clay, Robert Dalban, Jacques Morel Gil Delamare, Maria Grazia Buccela, Nancy Holloway e Liselotte Pulver.
  • Le virus di Bleu Brigitte (2007), con Fortuné Akakpo, Fanta Coulibaly, Tatianna de M'C Ensira.


Come orientarsi[modifica]

Quartieri[modifica]

  • Le Plateau — Soprannominata da alcuni la "Manhattan dei tropici", i suoi numerosi edifici si affacciano sulla laguna di Ebrié. Dalla creazione del distretto ferroviario che ospita il capolinea della linea ferroviaria Abidjan-Niger, l'altopiano non ha cessato di svilupparsi fino a diventare il centro amministrativo, commerciale e finanziario della Costa d'Avorio. A Le Plateau ci sono molti hotel.
  • Abobo — Il comune di Abobo svolge da tempo il ruolo di rifugio per i migranti con scarsi mezzi finanziari. In origine, questo quartiere ospitò una delle prime stazioni ferroviarie e si sviluppò spontaneamente attorno a questa stazione. È un quartiere molto popolare dove convivono tutti i gruppi etnici.
  • Adjamé — È ad Adjamé che si trovano i ceppi più antichi di Abidjan. Mentre i coloni si stabilirono a Le Plateau, i primi migranti, venuti a lavorare nel cantiere ferroviario, costruirono le loro capanne vicino al villaggio di Adjamé. Questo distretto è ora un centro di intensi scambi commerciali dove commercianti ivoriani, libanesi, nigeriani, mauritani, ecc. si sistemò rapidamente. Adjamé è principalmente una città commerciale. Ci sono quindi molte persone che circolano lì, compresi i borseggiatori. Attenzione: occhio alle tasche e ai cellulari anche se la polizia tenta a modo suo di combattere questi ladri sempre più ingegnosi e sconsiderati.
  • Attécoubé — Situato su una collina che domina la baia del Banco, Attécoubé è rimasto a lungo un semplice villaggio poco colpito dall'urbanizzazione che si stava sviluppando nelle località limitrofe. All'inizio dell'era coloniale, Attécoubé fu il primo testimone del commercio di esportazione di legname. Tronchi di mogano, niangon, sipo, samba, framiré e altri tronchi passavano attraverso la laguna alle navi incaricate di trasportarli in Europa. Questi tronchi di legno fanno ancora parte del paesaggio di Attécoubé. Inoltre, il comune comprende tutti i 3.000 ettari che costituiscono il Parco nazionale del Banco.
  • Cocody — La reputazione di questa località residenziale è stata costruita attorno al suo quartiere delle ambasciate, dove ampi giardini affacciati sulla laguna impreziosiscono residenze molto belle con un'architettura lussuosa. Cocody ha l'enorme vantaggio di essere una periferia autonoma: vi sono raggruppate la maggior parte delle scuole primarie e secondarie che, oltre all'università, la Scuola nazionale di amministrazione, l'Istituto d'arte, ne fanno un vero e proprio centro culturale. Lì è installata anche la Radio e Televisione Ivoriana (RTI). Con i suoi ospedali, mercati ristrutturati e vari centri commerciali (tra cui Espace Latrille, sede del più grande centro commerciale della regione); Cocody ha tutto. Altrettanto piacevoli sono le sue estensioni (Riviéra, Deux-Plateaux, Angré). Cocody è il distretto della borghesia di Abidjan. Anche se ci sono baraccopoli come Washington situata tra il centro di Cocody e Riviéra Golf. Quattro villaggi Ebrié, ora fusi nella città, circondano Cocody: Blockaus, Anono, M'Badon e M'Pouto. Cocody ha perso molto del suo splendore dalla crisi economica.
  • Koumassi — Il tradizionale villaggio di Ancien Koumassi essendo annesso al comune di Marcory, il nuovo distretto di Koumassi è davvero un'altra città, emergente dalle paludi solo pochi anni fa. Beneficia di una zona industriale che garantisce un certo equilibrio tra posti di lavoro e alloggi. Il grande crocevia di Koumassi che si affaccia sul grande mercato è, per la sua larghezza, uno dei più grandi viali di Abidjan.
  • Marcory — Con il suo terreno paludoso e coperto di cespugli, Marcory è stato a lungo considerato quasi urbanizzabile. Fino al giorno in cui i singoli hanno preso l'iniziativa di riempire la penisola e valorizzare la città. L'umorismo popolare si esprime nel dominio delle strade di questa località; così, “avenue de la TSF” trova ironicamente la sua estensione in un quartiere che, sviluppatosi spontaneamente e privo di reti, prende il nome di Marcory sans fil. Più a est troviamo Marcory Poto Poto, che significa "il fangoso". Fa anche parte del demanio comunale, Zona 4 ospita sia industrie che ville, secondo il consueto sistema di concessioni dove le abitazioni sono contigue alla fabbrica. Marcory contiene ancora villaggi come Biétry, Vieux Koumassi, Anoumabo che si distinguono per le loro chiese cristiane o harriste, che sono ancora presenti. Marcory è anche la seconda città più trafficata con i suoi spazi come "Milles maquis" dove si trovano il Marcory Gasoil e il Jackpot, due grandi maquis mediterranei ad Abidjan, quindi per turisti. La "Zona 4" è piena di luoghi abbastanza esclusivi per il divertimento e l'intrattenimento. È un quartiere che si adatta abbastanza bene agli europei, che lì trovano distrazioni che ricordano casa.
  • Port-Bouët — Disteso lungo la costa per una decina di chilometri oltre il canale Vridi, Port-Bouët porta il nome del comandante Bouët Villaumez che, nel 1837, fu incaricato dal re Luigi Filippo I di Francia di stipulare trattati commerciali e di protezione con i capi costieri. Fu infatti intorno al 1930 che Port-Bouët iniziò ad essere abitata. La costruzione del distretto di "Derrière Warf" prosciugò in questo momento un'intera attività di movimentazione delle merci. In questo periodo fu costruito il famoso faro di Port-Bouët, che irradia il mare per un raggio di 28 miglia nautiche. La seconda fase dello sviluppo di questo comune risale alla creazione del porto nel 1950. Fabbriche e magazzini si moltiplicarono poi a "Vridi" che divenne la principale zona di lavoro ad Abidjan. Porto di Abidjan per eccellenza, avendo ceduto il porto marittimo a Treichville a causa del canale, Port-Bouët ha invece ospitato l'aeroporto internazionale di Abidjan. A Port-Bouët, nei fine settimana, puoi andare con la tua famiglia alla spiaggia di "Vridi".
  • Treichville — Treichville deve il suo nome a Treich-Laplène, il primo amministratore coloniale, che gestì le prime piantagioni di Elima e firmò numerosi trattati di commercio, protezione e amicizia. Treichville è stata costruita a partire dal 1910 su un'isola disabitata, proprio di fronte a Le Plateau, dove era appena stato costruito il capolinea della ferrovia RAN. Nel 1936 il quartiere beneficiò dei lavori di costruzione del canale Vridi, che fungeva da collegamento tra Le Plateau e il sito sul bordo lagunare. Quando nel 1950 fu costruito il porto di Abidjan e Treichville divenne il centro principale per lo sviluppo di industrie e magazzini commerciali che si stabilirono nelle "Zone I, II e III". Con le sue discoteche in rue 12 e Carrefour,, con le sue centinaia di macchia mediterranea dove birra locale e carne di selvaggina sono il menu tradizionale, con i suoi mercati, a Treichville puoi fare shopping nel mercato africano di Belleville.
  • Yopougon — Senza dubbio il quartiere più popolare di Abidjan con i suoi 1.500.000 di abitanti, questa città è anche conosciuta per il suo grande rumore di rue Princesse, una delle strade più vivaci dell'Africa, e i suoi numeroso maquis mediterranee come Le Shanghai. Questa città è anche nota per questi tornei di maracana, partite di calcio da 6 a 7 giocatori invece di 11.


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

  • 5.261417-3.9257781 Aeroporto di Abidjan-Félix Houphouët Boigny (IATA: ABJ) (Nel sud della capitale, vicino alla base militare francese). L'unico aeroporto della città. Un gioiello architettonico del primo presidente della repubblica ivoriana.Abidjan è ben collegata a livello internazionale con voli regolari su:Attenzione anche ai taxi clandestini; quelli che non sono arancioni di sicuro non sono ufficiali.
    La linea "Monbus 6" degli autobus collega l'aeroporto alla stazione di Abidjan-Lagune.
    All'interno sono presenti anche alcuni autonoleggio, come Hertz, Sixt e Tipoa Car Hire.
    Aeroporto di Abidjan-Félix Houphouët Boigny su Wikipedia Aeroporto Port Bouet (Q1165280) su Wikidata

Il modo più semplice per ottenere un visto è fare domanda online. Arriva la risposta in meno di 48 ore. Il processo in aeroporto è veloce e semplice.

In auto[modifica]

Le strade per Abidjan sono abbastanza buone nonostante la loro manutenzione non sia effettuata come dovrebbe. I semafori scompaiono quasi una volta fuori Abidjan, quindi guidare fuori città può essere impegnativo. indipendentemente che si sia in un'auto privata, in taxi o in gbaka (i minibus condivisi), si verrà fermati a vari checkpoint ufficiali (e non) dove come minimo ritarderanno il proprio viaggio e nel peggiore dei casi cercheranno di ottenere una tangente. Abidjan funge anche da capolinea per le linee di autobus a lungo raggio da Bamako (Mali), Ouagadougou (Burkina Faso) e Accra (Ghana).

Viaggiando da Nigeria, Ghana, Benin, Liberia e Togo, YSG Transport, Chisco Transport, Union Transport de Bouake (UTB Transport) e STC Transport sono buone alternative.

Altri viaggiatori dalla Nigeria possono raggiungere Abidjan e le vicine capitali dell'Africa occidentale attraverso il sistema di trasporto internazionale settimanale di Ejigbo, città nigeriana nello Stato di Osun. Hanno un programma di viaggio giornaliero e settimanale di viaggi senza confini ininterrotti dalla Nigeria alla Costa d'Avorio. Alcune agenzie di viaggio includono Bully Orelope, Atanda "Agee" Rambo Transport (nota anche come IRT), Laba Transport e STC Transport. Si può raggiungere Ejigbo da tutti i capolinea degli autobus interurbani di Lagos e da Osogbo.

La via terrestre è ancora la più utilizzata per via della politica di libera circolazione di persone e merci nella subregione.

In nave[modifica]

Abidjan ha un porto turistico situato sul lato del porto nella baia di Vridi:

  • 5.28826-3.995912 Abidjan Nautical Sports Association (ASNA) (Baia di Vridi, Treichville), +225 21 247420. Simple icon time.svg Lun-Dom 7:30-22:30. Dispone di due ristoranti.

In treno[modifica]

L'unico collegamento ferroviario ad Abidjan è da Ouagadougou (Burkina Faso) con scali a Bouaké e Bobo-Dioulasso, nonché alcune città più piccole. Sebbene forse sia una tratta interessante che richiede circa 36 ore, gli orari sono piuttosto inaffidabili e normalmente i viaggi richiedono molto più tempo. Ci sono circa due partenze settimanali.

Abidjan ha quattro stazioni, incluso il capolinea meridionale della linea a Treichville.

  • 5.4144-4.02123 Stazione di Abobo (Gare d'Abobo o Gare Le Banco). Taxi non disponibili.
  • 5.35778-4.028474 Stazione d'Adjamé (Gare d'Adjamé), Boulevard du Général de Gaulle. Taxi disponibili e fermata autobus SOTRA: Gare routière Nord.
  • 5.31607-4.020495 Stazione d'Abidjan-Lagune (Gare d'Abidjan-Lagune o Gare d'Abidjan-Plateau), Avenue Faidherbe (Nel quartiere centrale di Le Plateau, vicino a Place De La Republique). Taxi disponibili e fermata autobus SOTRA: Gare routière Sud.
  • 5.3006-4.013986 Stazione di Treichville (Gare de Treichville), Boulevard de Marseille. Fermata autobus CTI alla stazione di servizio.


Come spostarsi[modifica]

Il distretto centrale Le Plateau

Abidjan è piuttosto estesa, quindi camminare può richiedere molto tempo e andare in bicicletta non è la scelta più sicura (tranne più vicino all'acqua in Zone Quatre). Tuttavia, ci sono molte opzioni per spostarsi con i mezzi di trasporto, sebbene a causa dei numerosi ingorghi che rallentano il traffico nelle strade è difficile prevedere i tempi di percorrenza e le tariffe variano da 200 a 5.000 XOF a seconda della distanza e del mezzo di trasporto utilizzato.

Con mezzi pubblici[modifica]

Ci sono diverse linee di autobus in tutta la città, come SOTRA, CTI, ecc. Sono economici e discretamente affidabili, anche se spesso sono incredibilmente affollati a causa dei mezzi insufficienti. Tuttavia, alcune delle stazioni degli autobus come Adjamé, possono essere sovraffollate e per chi è nuovo a viaggiare nelle città dell'Africa occidentale potrebbe creare qualche impaccio. C'è anche la minaccia dei borseggiatori in queste aree affollate.

I Wibus della SOTRA hanno aria condizionata e servono i comuni di Cocody e Bingerville. Sono dipinti di verde e bianco, ogni veicolo ha un numero di linea, che va da 701 a 711. Operano nella fascia Lun-Dom 5:30-20:30 (ultima partenza) con tariffe da 300 XOF per le corse più brevi a 500 XOF per quelle più lunghe.

I Gbaka sono minivan da 18 posti. Esternamente sono spesso di colore bianco con linee o motivi di vari colori. Viaggiare in gbaka può essere un po' rischioso in quanto i veicoli sono spesso mal tenuti e gli autisti non sono molto attenti. Si tratta comunque di un mezzo di trasporto economico, veloce e comune. I gbaka circolano tra due terminal secondo un percorso definito e le linee più trafficate sono quelle di Abobo–Adjamé, Yopougon–Adjamé e Yopougon–Bingerville. Questi mezzi hanno la particolarità di impiegare, oltre al conducente, spesso dal comportamento sconsiderato, un giovane che svolge il duplice ruolo di trovare clienti e di cassiere. Questo funambolo, appeso alla porta laterale scorrevole o posteriore del veicolo, attira l'attenzione con gesti, acrobazie e richiami alla destinazione. A differenza dei taxi, i gbaka sono mezzi intercomunali.

In taxi[modifica]

Hanno un sistema che prevede due tipi di taxi. Il primo tipo che la maggior parte dei visitatori incontrerà sono quelli arancioni (o rosso-arancioni). Questi sono legalmente in grado di operare ovunque in città e molto probabilmente si sarà soli al suo interno. Sono anche i più costosi. Una corsa dall'aeroporto porterà la maggior parte delle persone (soprattutto non africane che parlano poco il francese) a circa 5.000 CFA, anche nei distretti che sono a soli 3 km di distanza. Se si è disposti a contrattare molto (i conducenti si lamentano spesso di dover pagare una tassa per far salire i passeggeri lì, sebbene non sia vero) si potrebbe riuscire a portarlo a 3.500 o 2.500 CFA. Una corsa tra due distretti lontani come Zone Quatre e Plateau sarà di circa 2.000 CFA.

L'altro tipo di taxi è codificato a colori per operare in un quartiere specifico, come i taxi verdi che dislocati in una zona come Koumassi e Treichville. Taxi gialli nelle aree municipali di Cocody, mentre blu a Marcory, Yopougon e Abobo. Questi sono significativamente più economici, ma molto probabilmente dovranno essere condivisi e ovviamente la distanza che possono percorrere è limitata a un singolo quartiere.

Le guide di viaggio spesso fanno allusione ad alcuni taxi con tassametro. Se lo fanno (e questo è raro), non funzionano mai e bisognerà sempre concordare il prezzo prima della partenza. Secondo Africa Travelogue, possono essere trovati solo nelle aree della Zona 4 (Industriel), dato l'alto livello della comunità di espatriati di europei che vi vive.

Taxi condivisi[modifica]

I Wôrô-wôrô sono taxi collettivi di linea regolare e a prezzo fisso dove possono prendere posto da cinque a sei passeggeri e i cui colori dipendono dai comuni: azzurro per Yopougon, giallo per Cocody, beige con due righe marroni per Abobo, verde per Attecoubé, Marcory e Koumassi, verde con striscia laterale bianca per Adjamé, giallo con striscia blu nella parte inferiore della scocca per Port-Bouët, rosso per Bingerville e infine blu scuro con una o due strisce marroni per Marcory e Treichville. Solo Le Plateau non dispone di un taxi comunale. Il nome wôrô-wôrô significherebbe "sei-sei" o "30 franchi-30 franchi". Le interpretazioni sono numerose ma, nel 1940, 60 franchi rappresentavano il prezzo di una corsa.

Auto condivise[modifica]

Yango è un'app di chiamata Yango Ride funziona ad Abidjan.

In moto[modifica]

Nel 2010, il governo ivoriano ha allentato le restrizioni all'importazione di piccole motociclette. Prima di questo, il numero di motociclette in strada era trascurabile e non c'era assolutamente nessuno che fungesse da taxi perché era illegale. I tempi stanno cambiando su questo fronte, ma tenere presente che andare in giro per Abidjan sul retro di una moto è probabilmente il modo migliore per morire durante un viaggi, anche se è economico.

In barca[modifica]

Per attraversare la laguna si può usufruire di una delle rotte dei traghetti. Sebbene la laguna sia inquinata in alcune parti, è comunque un giro meraviglioso e osservare lo skyline di Abidjan dall'acqua al tramonto è delizioso.

Ci sono tre compagnie navali sulla laguna di Ebrié che collegano i comuni di Abidjan: Abidjan Transport Company (SOTRA), Lagoon Transport Company (STL) e Ivorian Lagoon Transport Company (CITRANS). Queste flotte, comunemente chiamate Bateau-bus, servono Yopougon-Cocody-Le Plateau-Treichville a partire da soli 200 XOF.

In treno[modifica]

È in costruzione un sistema ferroviario per pendolari, la prima sezione dovrebbe aprire nel 2025.

Cosa vedere[modifica]

Abidjan viene talvolta definita la "Parigi dell'Africa occidentale". Durante il lungo e stabile governo del padrino della Costa d'Avorio Félix Houphouët-Boigny, la città di Abidjan è fiorita. Tuttavia, l'instabilità politica e la guerra civile dell'ultimo decennio hanno messo a dura prova la città. L'abbandono, la scarsa manutenzione degli edifici e degli spazi pubblici e l'esodo di massa degli stranieri hanno conferito alla città un'atmosfera di "gloria perduta". In nessun luogo si può vedere meglio che nel famoso Hotel Ivoire. Entrarci è come fare un viaggio negli anni '60; dalla sua costruzione non ci sono state modifiche o ammodernamenti significativi agli interni e ai mobili. Peccato però che la sua enorme piscina abbia le erbacce che crescono sul fondo invece delle acque blu.

  • 5.3794-4.00611 Zoo, Route du Zoo, +225 07 401630. Simple icon time.svg Lun-Dom 8:00-18:00. Zoo pubblico creato nel 1930 e nazionalizzato nel 1972. Si estende su dieci ettari e ospita molte varietà di animali africani. È davvero un posto bellissimo con un sacco di animali interessanti per soli 200 CFA, vale la pena questa piccola somma.
  • 5.335411-4.0246082 Biblioteca nazionale della Costa d'Avorio (Bibliothèque Nationale de Côte d'Ivoire), Boulevard Carde, +225 20 213534. Simple icon time.svg Lun-Ven 9:00-16:00. National Library of Ivory Coast (Q626855) su Wikidata
Fanicos, i lavandai di Abidjan
  • 5.393698-4.0517233 Parco nazionale del Banco (Parc national du Banco). Un parco nazionale di 30 km² appena a nord di Abidjan con molte piante tropicali rari (mogano, avodiré, ecc.). Ci sono diversi sentieri per passeggiate e per il trekking.
    Convertito nel 1926, questo parco si estende per 3.000 ettari e all'ingresso della città si trova l'antico "bosco sacro", nella comunità di Attécoubé , che è stato conservato come relitto del primo bosco che in passato circondava la laguna. Una strada asfaltata va dritta al lago, nel cuore del parco, attraversato da sentieri. Il parco è abitato e vi sono piantagioni di caffè e cacao.
    Ai margini del parco, un piccolo fiume funge da lavatoio dove i fanicos, lavandai, lavorano dopo aver ritirato la biancheria da tutta la città. È uno dei "piccoli lavori" che esistono ad Abidjan.
    parco nazionale del Banco (Q1858100) su Wikidata
  • 5.3657-3.88494 Giardino botanico di Bingerville (Jardin botanique de Bingerville) (A est). Istituito nel 1904, si estende su una superficie di55 ettari.
  • 5.32228-4.016445 La Pyramide. La Pyramide è uno degli edifici più notevoli a Le Plateau. Completato nel 1973, è stato costruito dall'architetto italiano Rinaldo Olivieri in stile brutalista. La Pyramide (Q3212063) su Wikidata
  • Mercato del bestiame (Port-Bouët). Pur non essendo interessati all'acquisto di animali, questo tipo di mercati sono sempre affascinanti da visitare.

Musei[modifica]

Esposizioni nel Museo delle Civiltà
  • 5.333538-4.0241416 Museo delle Civiltà in Costa d'Avorio (Musée des Civilisations de Côte d'Ivoire), 32 Boulevard Carde, +225 20 222056. Museo nazionale della Costa d'Avorio, inaugurato nel 1942. Contiene cospicue collezioni archeologiche ed etologiche, che lo rendono uno dei musei più importanti della regione. Museum of Civilizations in Ivory Coast (Q16888110) su Wikidata
  • 5.4201-4.01867 Museo delle Culture Contemporanee Adama-Toungara (Musée des cultures contemporaines Adama-Toungara). Adama-Toungara Museum of Contemporary Cultures (Q109311705) su Wikidata
  • Museo Municipale Cocody di Arte Contemporanea. Musée Municipal d'Art Contemporain de Cocody (Q16888478) su Wikidata

Luoghi di culto[modifica]

Veduta della cattedrale modernista di St. Paul
Ingresso al Santuario mariano
  • 5.332778-4.028 Cattedrale di San Paolo (Cathédrale Saint-Paul d'Abidjan), Avenue Jean Paul II. Costruzione iniziata nel 1980 in occasione della visita di papa Giovanni Paolo II ad Abidjan. La cattedrale, preceduta da un campanile con tre torri secondarie ed una principale, è divisa in due parti: una a nord dell'altare con 500 posti destinata alla parrocchia, l'altra a sud dell'altare per le grandi cerimonie. La cattedrale e i suoi campanili sono illuminati di notte. Nel giardino è situato anche il centro socio-culturale che comprende il patronato, la sala per il catechismo, la biblioteca, il museo della religione e la sala per le riunioni. Cattedrale di San Paolo (Abidjan) su Wikipedia cattedrale di San Paolo (Q2441417) su Wikidata
  • 5.35736-4.039229 Santuario di Nostra Signora dell'Africa di Abidjan (Sanctuaire Notre-Dame-d'Afrique d'Abidjan) (Attécoubé, Cité Fairmont). Modernissima opera realizzata dal 1985 al 1987 (anno della consacrazione) dall'architetto italiano Aldo Spirito. Sanctuaire marial d'Abidjan (Q3471723) su Wikidata


Eventi e feste[modifica]

Ogni anno ad Abidjan vengono organizzati festival cinematografici:

  • Clap Ivoire Festival.
  • Festival del cinema spagnolo.
  • Festival nazionale del cinema della Costa d'Avorio (FESNACI). Il primo dei quali è stato organizzato nel 2007.
  • Festival del cortometraggio (FIMA). Organizzato dal 1998 da Hanni Tchelley.
  • 5.32234-4.0170447 Festival dei film di animazione di Abidjan (FFAA), Avenue Franchet d'Esperey (Presso Institut Français Côte d'Ivoire), +225 27 2254 3573.


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]

Mercato di Koumassi
Mercato di Adjamé

Tenere sempre presente che, come ovunque in Africa, è pratica comune contrattare nelle piccole imprese e tra i piccoli artigiani. Il prezzo che viene chiesto inizialmente è spesso molto caro, soprattutto se non si è un turista straniero.

  • 5.29651-3.992781 Centro Artigianale della Città di Abidjan (Centre Artisanal de la Ville d’Abidjan, CAVA), Rue du Canal, +225 05 058253. Simple icon time.svg Lun-Dom 8:00-19:00. Situato all'aria aperta e strutturato come un piccolo villaggio. Riunisce una cinquantina di botteghe artigiane che offrono l'intera gamma dei produttori locali.
  • Mercato di Treichville (Marché de Treichville).
  • Mercato di Adjamé (Marché d'Adjamé).
  • Mercato di Koumassi (Marché de Koumassi).
  • Mercato di Cocody (Marché de Cocody).


Come divertirsi[modifica]

Spettacoli[modifica]

Locali notturni[modifica]

Il posto numero uno per uscire la sera ad Abidjan è Princess Road a Yopougon. Ci sono molti bar dove rilassarsi e bere qualcosa e anche ballare con musica dal vivo o deejay. Non dimenticare di ordinare del pollo fritto piccante preparato per strada!

Nel complesso, la vita notturna di Abidjan è considerata una delle più vivaci di tutta l'Africa.

Il distretto è ricco di locali notturni, maquis mediterranei, aree all'aperto e go-go bar. Queste piattaforme di intrattenimento forniscono una "conduttura" musicale che comprende principalmente DJ, Coupé-décalé e Zouglou e, in quantità minori, altre varietà locali e internazionali.

Un tempo contenente solo varietà tradizionali locali, musica congolese e musica occidentale, la vita notturna di Abidjan ha subito un cambiamento culturale positivo nella sua musica dall'inizio degli anni 2000, con l'arrivo della Coupé-décalé.

Questo genere musicale è stato introdotto nel 2002 da Douk Saga e La Jet Set, con l'aiuto di Sagacité, ha creato un fenomeno che non ha smesso di diffondersi e di raggiungere le calde notti nei capoluoghi della subregione. Ha conferito un'identità culturale identificabile a livello globale all'intrattenimento "made in Côte d'Ivoire".

Il popolarissimo Zouglou beneficia inoltre degli spazi "Wôyô"; arredato e dedicato in modo che i più famosi, l'Internat da Fitini e il Lycee da Vieux Gazeur's, attirino zougloufili per tutto il fine settimana.

Treichville, con i suoi numerosi maquis, discoteche e jazz club, era un tempo la zona più vivace della città, ma dalla fine degli anni '90 Youpougon , Marcory e Cocody hanno assunto questo ruolo.

Dove mangiare[modifica]

Ci sono molti posti dove mangiare cibo ivoriano, la maggior parte sul marciapiede o su una piccola terrazza sul lato della strada. Chiedere il prezzo prima di sedersi, per evitare lunghe discussioni sul prezzo quando cercheranno di far pagare troppo dopo il pasto. Gli alimenti base in Costa d'Avorio sono riso, cassava, igname e pane. Il pane viene solitamente consumato a colazione o come supplemento al pasto. La cassava (manioca) può essere consumata cotta intera, come un purè chiamato plakali, mescolato con banana (foutou) o in briciole (atchiki). Il pesce è solitamente il pasto più economico. La cucina europea si trova nei quartieri più ricchi come Plateau, Cocody, Deux Plateaux e Zone 4.

Prezzi medi[modifica]

  • 5.326729-4.0181951 Restaurant des Combattants (Dall'altra parte della strada rispetto all'ambasciata francese), +225 20 224742. Situato in una grande villa coloniale nel quartiere di Plateau, questo famoso ristorante propone una cucina tradizionale africana.
  • 5.32416-4.01542 Saarkan, Avenue Chardy (A Plateau, affacciato sull'AIP, sulla discesa di Radio Nostalgie, vicino all'autostrada sul lato orientale della penisola), +225 20 32 13 58. Ecb copyright.svg 6.000/12.000 CFA. Simple icon time.svg Lun-Gio 11:30-15:00 e 18:00-23:00, Sab 18:00-23:00. Il ristorante serve cibo ivoriano con un'atmosfera moderna. C'è un bar pieno. Il menu include un piatto vegetariano leggero e poco costoso di tofu in salsa di arachidi con riso e spinaci. La consegna è disponibile tramite Hellofood, dove è elencato anche il menu.
  • 5.3305043.9545753 Bushman Café (Riviera, Cocody), +225 7 59 49 6651. Simple icon time.svg Gio-Sab 18:00-00:00.

Prezzi elevati[modifica]

  • 5.3199-4.01174 Chez Georges Hollywood, rue du commerce (Plateau), +225 2032 1984. Simple icon time.svg Dom-Ven 11:30-22:30, Sab 18:30-22:30. Piatti francesi e italiani a "prezzi francesi" in un ambiente formale. Wifi gratis.


Dove alloggiare[modifica]

Prezzi modici[modifica]

  • 5.35806-4.038531 Bonté Divine, Rue H3, Cité Fairmont, +225 20 381414, . Ecb copyright.svg Doppia 25.000 XOF (ottobre 2019). Check-in: 10:00, check-out: 10:00. Bar ristorante con terrazza, giardinetto. Parcheggio custodito gratuito su prenotazione. Navetta aeroporto (con supplemento). Wifi gratuito. Nessun ATM.

Prezzi medi[modifica]

Prezzi elevati[modifica]

  • 5.322238-4.0136468 Pullman Abidjan, Rue Abdoulaye Fadiga (Plateau), +225 20 302020. Check-in: 14:00, check-out: 12:00. Hotel di lusso sul lungomare.
  • 5.326234-4.0200949 Hôtel Tiama, Boulevard de la République (Plateau), +225 20 313333. Situato nel quartiere Plateau vicino alla Standard Chartered Bank.
  • Hôtel Ivoire-Sofitel (Cocody). Check-in: 14:00, check-out: 12:00.


Sicurezza[modifica]

Ci sono una serie di problemi che affliggono Abidjan, che sono indicativi dei problemi generali che sta vivendo la Costa d'Avorio. Innanzitutto i posti di blocco militari. Sebbene generalmente innocui per gli stranieri, possono rendere esasperante attraversare la città in modo tempestivo, soprattutto se si è da soli. Le tangenti sono all'ordine del giorno, ma non è una regola fissa. Portarsi dietro piccole banconote è sempre una buona idea. Se si è rispettosi, di solito lasceranno perdere, a meno di non essere francesi, nel qual caso si sarà molto più seccati a causa del forte disprezzo degli ivoriani per il coinvolgimento francese nel loro Paese.

Inoltre, viaggiando in un'auto privata, si noterà che la maggior parte delle persone passa con il semaforo rosso a tarda notte. Sebbene illegali, si sono verificati episodi di furti d'auto quando le persone sono state fermate, quindi prestare attenzione in queste circostanze.

Un'altra cosa da tenere a mente è che la Costa d'Avorio chiude letteralmente a mezzanotte fino alle 05:00. Come residuo del coprifuoco imposto durante l'ultima guerra civile, barricano tutti i principali punti di entrata e di uscita di tutti i centri abitati. Se ci si trova dalla parte sbagliata di quella barricata quando è chiusa (come stare a Grand-Bassam, ma passare la serata ad Abidjan) non sarà assolutamente consentito passare fino alle 05:00.

I borseggiatori sono un problema nei luoghi affollati, proprio come in qualsiasi altra parte del mondo. Tenere d'occhio i propri oggetti personali e assicurarsi che i bagagli siano ben chiusi quando si passa per le stazioni degli autobus o nei mercati affollati.

Sebbene sia il quartiere più vivace, è probabilmente meglio evitare luoghi come Koumassi, Treichville e Yopougon a meno che non ci si vada con un locale. Yopougon è senza dubbio il più sicuro con l'assortimento più impressionante di cibo da strada, ma ci possono essere anche giovani uomini ubriachi in queste zone che possono essere in cerca di guai. Detto questo, chi non è in cerca di guai, probabilmente non avrai problemi poiché le persone ad Abidjan sono abituate a una folla internazionale nella loro città.

Le donne non dovrebbero uscire di notte se non accompagnate. Durante il giorno non si avranno problemi. La società ivoriana è decisamente patriarcale, ma allo stesso tempo gli uomini sono rispettosi delle donne internazionali e a volte forse un po' troppo rispettosi, dando molta più attenzione di quanto si vorrebbe. Se si ricevesse avances indesiderate, faire come fanno le ragazze del posto e dire loro fermamente che non si è interessate. Alla fine capiranno e passeranno ad altre donne da "ammaliare".

Ambasciate e consolati[modifica]

Sebbene Abidjan non sia la capitale politica della Costa d'Avorio, tutte le missioni diplomatiche straniere si trovano qui.

Salute[modifica]

  • 5.3365-4.013419 Policlinico internazionale Saint Anne-Marie (PISAM), Avenue Joseph Blohorn, +225 22 483131.

Centri Ospedalieri Universitari (CHU)[modifica]


Come restare in contatto[modifica]

Poste[modifica]

Abidjan ha una trentina di uffici postali ma nessuno è aperto il sabato. Eccone alcuni sparsi in tutta l'area urbana:

  • 5.31732-4.020123 Poste centrale (Abidjan 1), Place de la République, +225 20 252967. Simple icon time.svg Lun-Ven 7:30-18:00.
  • 5.32578-4.0174124 Tour Postel (Abidjan 17), Rue Lecœur, +225 21 001312, +225 67 778410. Simple icon time.svg Lun-Ven 7:30-18:00.
  • 5.4225-4.0151925 Poste d'Abobo (Abidjan 13) (Vicino al municipio), +225 24 390286. Simple icon time.svg Lun-Ven 8:00-16:00.
  • 5.34915-4.0168926 Poste d'Adjamé (Abidjan 9), Rue C37, +255 20 370616. Simple icon time.svg Lun-Ven 8:00-16:00.
  • 5.29039-3.9694127 Poste de Koumassi (Abidjan 10) (Di fronte alla stazione di polizia del VI arrondissement), +225 21 361325. Simple icon time.svg Lun-Ven 8:00-16:00.
  • 5.2588-3.964628 Poste de Port-Bouët (Abidjan 12), Ruedes Caraïbes, +225 2278560. Simple icon time.svg Lun-Ven 8:00-16:00.
  • Poste Félix-Houphouët-Boigny (Abidjan 7) (Nella sala partenze dell'aeroporto), +225 21 277558. Simple icon time.svg Lun-Ven 7:30-18:00.
  • 5.30642-4.0136629 Poste de Teichville (Abidjan 5), AvenueGabriel Dadié, +225 21 240871. Simple icon time.svg Lun-Ven 8:00-16:00.
  • 5.3517-4.074530 Poste de Yopougon-Siporex (Abidjan 21), Boulevard Principal, +225 2452199. Simple icon time.svg Lun-Ven 8:00-16:00.


Nei dintorni[modifica]

  • Abengourou — Una piccola città tre ore a nord dove si può avere un'udienza con il re del regno di Indénié.
  • Bouaké — La seconda città più grande della Costa d'Avorio situata nel centro morto del paese con un vivace mercato e una scena notturna.
  • Grand-Bassam — A circa 45 minuti a est e la capitale originale del Paese con l'antica architettura coloniale in fase di restauro e un'eccellente spiaggia.
  • Jacqueville — Una piccola e rilassante località balneare che si trova a circa un'ora da Abidjan con una breve tratta in traghetto di soli 450 metri attraverso la laguna.
  • San-Pédro — Un centro storico a circa sei ore a ovest di Abidjan con belle spiagge che funge da città portuale secondaria per il Paese.
  • Dabou — Il suo forte, chiamato Faidherbe, fu costruito in soli dieci giorni dal comandante Louis Faidherbe nel 1853 per proteggersi dall'invasione di un'altra potenza coloniale. Il recinto fortificato, la cui altezza è stata ridotta, era alto 6 metri . Comprende un cortile quadrato, di circa 40 metri di lunghezza, bastioni, un corpo di guardia, un edificio principale a due piani e due edifici annessi.
  • Parco nazionale delle isole Ehotilé — Area protetta nella laguna Aby.


Altri progetti

CittàBozza: l'articolo rispetta il modello standard e ha almeno una sezione con informazioni utili (anche se di poche righe). Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.