Scarica il file GPX di questo articolo

Europa > Italia > Italia nordorientale > Trentino-Alto Adige > Trentino > Primiero > San Martino di Castrozza

San Martino di Castrozza

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

San Martino di Castrozza
frazione di Primiero San Martino di Castrozza
Pale ValPradidali.jpg
Stato
Regione
Territorio
Altitudine
Abitanti
Prefisso tel
CAP
Posizione
Mappa dell'Italia
San Martino di Castrozza
San Martino di Castrozza
Sito istituzionale

San Martino di Castrozza, frazione di Primiero San Martino di Castrozza, è un centro turistico dell'alta valle del Primiero nel Trentino orientale dominato dal celebre gruppo dolomitico delle Pale di San Martino.

Da sapere[modifica]

Cenni geografici[modifica]

San Martino è adagiato in una verde conca prativa, circondato dal Parco naturale Paneveggio - Pale di San Martino. Dal paese sono visibili numerose vette dolomitiche: il grande gruppo delle Pale di San Martino, patrimonio dell'UNESCO, con il Cimon della Pala, la Vezzana (visibile dalla zona del Passo Rolle o dall'altipiano delle Pale), il Rosetta, il Sass Maor, le cime Val di Roda, la Cima della Madonna, e dall'altra parte il rilievo più dolce della Cavallazza e le cime in porfido del Colbricon e del Colbricon piccolo. Dal paese è anche visibile il gruppo delle vette Feltrine, con la caratteristica cima a sagoma piramidale del monte Pavione.

Cenni storici[modifica]

San Martino deve la sua origine ad un'istituzione religiosa molto antica, l'ospizio dei Santi Martino e Giuliano, che accoglieva i viandanti che valicavano il Passo Rolle, diretti dal Primiero alla Val di Fiemme e viceversa. Dell'antico ospizio ora rimane solo la chiesa di San Martino, con campanile romanico. La nascita di San Martino di Castrozza come stazione turistica è datata 1873, con la costruzione del primo albergo alpino che sostituì la legnaia dell'antico ospizio, su proposta dell'alpinista inglese John Ball. Nel primo decennio del Novecento San Martino di Castrozza si era già affermato come località turistica ed era luogo conosciuto dalla buona società dell'Impero Austro-Ungarico. Lo sviluppo della stazione dopo le devastazioni della prima guerra mondiale è stato rapidissimo, sia nel senso della struttura alberghiero-ricettiva, sia in quello degli impianti di risalita e sportivi.

Come orientarsi[modifica]


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

Italian traffic signs - direzione bianco.svg

  • 1 Aeroporto di Bolzano-Dolomiti (IATA: BZO, ICAO: LIPB) (6 km dal centro di Bolzano), +39 0471 255 255, fax: +39 0471 255 202. Simple icon time.svg apertura al pubblico: 05:30–23:00; apertura biglietteria: 06:00-19:00; il check-in per voli da Bolzano è possibile solo da 1 ora ad un massimo di 20 minuti prima della partenza. Piccolo scalo regionale con voli di linea da e per Lugano e Roma con Etihad Regional (by Darwin Air). In alcuni periodi dell'anno, la compagnia Lauda Air collega la città con Vienna una volta a settimana. Più numerosi invece i voli charter.
  • 2 Aeroporto di Verona (Catullo), Caselle di Sommacampagna, +39 045 8095666, @ .
  • 3 Aeroporto di Brescia (D'Annunzio), Via Aeroporto 34, Montichiari (I collegamenti con l'aeroporto di Brescia sono garantiti dai trasporti pubblici tramite il bus/navetta. La fermata a Brescia città è situata alla stazione dei pullman (numero 23), mentre quella dell'aeroporto è al fronte terminale. Sono inoltre previsti collegamenti per la città di Verona attraverso la linea bus/navetta 1), +39 045 8095666, @ . Solo Charter

In auto[modifica]

In autobus[modifica]

  • Collegamenti tramite le linee di pullman della Trentino Trasporti [1].



Come spostarsi[modifica]

In auto[modifica]


Cosa vedere[modifica]

  • Strada dei Formaggi delle Dolomiti. Interessa le Valli di Fassa, Fiemme e il Primiero.
  • Centro visitatori del parco naturale. Con il percorso scientifico all'esterno e lo stagno con la fauna tipica
  • Biotopo Prà delle Nasse.
  • Palazzo delle Miniere a Fiera di Primiero.


Eventi e feste[modifica]


Cosa fare[modifica]

  • Sci. Le piste sono 33 in tutto e si sviluppano per un totale di 60 km, tra i 1404 ed i 2357 m di quota all'interno di un paesaggio naturalistico unico.
  • Sci notturno. La "Colverde", pista rossa di 2 km di lunghezza e 500 metri di dislivello, è illuminata anche di notte.
  • Sci di Fondo. Le piste per i fondisti si trovano all'interno del Parco Naturale Paneveggio-Pale di San Martino e si sviluppano per 25 km attraverso paesaggi estremamente suggestivi. Sono due i centri attrezzati: il Centro Fondo di San Martino di Castrozza e il Centro Fondo di Passo Cereda.
  • Sci fuori pista.
  • Snowboard. Due sono gli Snowparks: il "FulmiLand" si trova nelle piste di Tognola mentre il "Rolle Railz Park" si trova al Passo Rolle.
  • Escursioni con le racchette di neve.
  • Pattinaggio e Curling. A San Martino di Castrozza si pattina e si gioca a curling sulla pista in loc. Prà delle Nasse, adiacente al nuovo centro sportivo.


Acquisti[modifica]


Come divertirsi[modifica]


Dove mangiare[modifica]

Prezzi medi[modifica]


Dove alloggiare[modifica]

Rifugi[modifica]


Sicurezza[modifica]

In caso di emergenza possono essere usati i seguenti numeri:

  • Pronto Soccorso: +39 0439 768739
  • Soccorso stradale: +39 0439 68095
  • Situazione neve: +39 0439 68505
  • Situazione viabilità: +39 0439 68505


Come restare in contatto[modifica]

Poste[modifica]

  • Poste italiane, via Passo Rolle 123, +39 0439 68074, fax: +39 0439 769158.


Nei dintorni[modifica]

Itinerari[modifica]

  • Passi dolomitici — L'itinerario percorre i passi più scenografici delle Dolomiti, dove la roccia e la natura sono protagoniste.

Informazioni utili[modifica]


Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard contiene informazioni utili a un turista e dà un'informazione sommaria sulla meta turistica. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.