Scarica il file GPX di questo articolo

Europa > Italia > Sicilia > Provincia di Caltanissetta > Gela

Gela

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search
Gela
Panorama di Gela
Stato
Regione
Territorio
Altitudine
Nome abitanti
Posizione
Mappa dell'Italia
Gela
Gela
Sito istituzionale

Gela è una città della Sicilia.

Da sapere[modifica]

Cenni geografici[modifica]

La città di Gela si trova sulla costa meridionale della Sicilia ad ovest della confluenza dell'omonimo fiume sul golfo di Gela e a 84 km dal capoluogo di provincia Caltanissetta nell'entroterra.

Cenni storici[modifica]

È un'antica città fondata intorno al 688 a.C. da coloni di Rodi e Creta e tra i più antichi insediamenti abitati ininterrottamente nel sud Italia. La colonia divenne il punto di partenza dell'ulteriore colonizzazione greca della Sicilia, ad esempio, Akragas infatti è fu fondata da Gela. Alleatasi dapprima con Siracusa fu poi distrutta dai Cartaginesi e nel 397 a.C. ricostruita. Ciò avvenne nuovamente nel 311 a.C. sempre ad opera dei Cartaginesi, mentre nel 282 a.C. fu distrutta dal tiranno Finzia di Agrigento e dalla popolazione di Finziade (l'odierna Licata). È importante ricordare che il drammaturgo greco Eschilo 456 a.C. morì proprio a Gela e fu sepolto.

Nel periodo della dominazione romana Gela perse di importanza, solo il nome del luogo come "Città delle colonne" ne ricordava la città. Nel 1233 Federico II la rifondò con il nome di Terranova, creandovi delle mura e il Castelluccio nella seconda metà del XIII secolo. La città passerà sotto la signoria feudale dei Signori d'Aragona, dal XVI secolo. Nel 1799, alla città venne attribuita la chiara distinzione di Terranova di Sicilia, nel contesto dell'italianizzazione dei nomi dei luoghi sotto il dominio fascista, fu rinominata nel 1928 come Gela.

La città divenne importante durante la seconda guerra mondiale come luogo di sbarco degli alleati tra il 9 e il 10 Luglio 1943, diventando la prima città europea ad essere liberata dal fascismo.

L'economia oggi è improntata sull'agricoltura (viticoltura, grano e cotone) la pesca, e l'industria petrolchimica oggi in declino che offusca l'immagine turistica della città. Tuttavia, la raffineria di Gela è sta chiusa e riconvertita.

Come orientarsi[modifica]

La città è collegata alla frazione di Manfria (in cui si trova l'omonima torre), a ovest lungo la costa.

Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

Gela è servita dall'aeroporto di Comiso (34 km) o dall'aeroporto internazionale di Catania (95 km).

In auto[modifica]

Secondo i progetti Gela è la città in cui dovrebbe terminare l'autostrada A18 che da Messina passa da Catania e Siracusa e che attualmente si ferma a Rosolini. La città è ad oggi collegata dalla SS115 che da Siracusa giunge alla città e prosegue passando da Agrigento, Sciacca, Mazara del Vallo sino a Marsala.

Da Catania è collegata con la SS417 passando per Caltagirone che poi diventa la SS117bis.

Da Palermo si prende l'autostrada A19 si esce a Enna e si prendere la SS561 che poi diventa la SS117bis.

In nave[modifica]

In città vi sono due porti il Porto Rifugio utilizzato per il turismo e la pesca e il porto di Porto Isola solo per le collegamenti commerciali. Il porto più vicino è quello di Pozzallo, Catania o Porto Empedocle.

In treno[modifica]

Stazione di Gela
  • 1 Stazione di Gela. I servizi ferroviari attraverso la stazione di Gela sono interrotti tranne che per un paio di treni che vanno da e per Siracusa e Modica (nessun servizio la domenica).
La stazione si trova a 15 minuti a piedi dal centro. Stazione di Gela su Wikipedia "stazione di Gela" su Wikidata

In autobus[modifica]

Gli autobus passano da e per Palermo, Agrigento, Catania, Caltanissetta, Caltagirone ed Enna. Due bus al giorno vanno anche verso est lungo la costa fino a Ragusa, Noto, Modica e Siracusa. Ci sono linee di autobus nazionali e internazionali che collegano Gela con Napoli, Bari, Roma, Milano e altre destinazioni.

Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

Chiesa Madre di Gela
  • 1 Chiesa madre (chiesa di Santa Maria Assunta), Via Matrice, 2, +39 0933 917792. La chiesa fu completata nel 1844 in sostituzione di una precedente chiesa trecentesca detta di Santa Maria de' Platea. L’interno a croce latina con tre navate. Recentemente sono stati eseguiti dei lavori sul pavimento che hanno fatto rinvenire una cripta con diversi corpi nonché il basamento di un tempio greco. Chiesa madre (Gela) su Wikipedia "chiesa madre" su Wikidata
  • 2 Museo archeologico regionale di Gela. Possiede un'importante collezione di vasi greci, monete, sarcofagi, statue e gioielli provenienti dall'acropoli di Gela e dai siti limitrofi. Museo archeologico regionale di Gela su Wikipedia "Museo archeologico regionale di Gela" su Wikidata
  • 3 Acropoli di Gela (Accanto al museo archeologico). L'antica acropoli greca con abitazioni e tre templi.
  • 4 Area archeologica demaniale Bosco Littorio. Area archeologica demaniale Bosco Littorio su Wikipedia "Area archeologica demaniale Bosco Littorio" su Wikidata
  • 5 Biblioteca comunale di Gela. Biblioteca comunale di Gela su Wikipedia "Biblioteca comunale di Gela" su Wikidata
  • 6 Castelluccio di Gela. Castelluccio di Gela su Wikipedia "Castelluccio di Gela" su Wikidata
  • 7 Chiesa di San Francesco di Paola. Chiesa di San Francesco di Paola (Gela) su Wikipedia "chiesa di San Francesco di Paola" su Wikidata
  • 8 Chiesa di Sant'Agostino. Chiesa di Sant'Agostino (Gela) su Wikipedia "chiesa di Sant'Agostino" su Wikidata
  • 9 Palazzo di Città. Palazzo di Città (Gela) su Wikipedia "Palazzo di Città" su Wikidata
  • 10 Teatro comunale Eschilo. Teatro comunale Eschilo su Wikipedia "Teatro comunale Eschilo" su Wikidata
  • 11 Antiquarium iconografico. Antiquarium iconografico su Wikipedia "Antiquarium iconografico" su Wikidata
  • 12 Bagni greci di Gela. Bagni greci di Gela su Wikipedia "Bagni greci di Gela" su Wikidata
  • 13 Mura timoleontee. Mura timoleontee su Wikipedia "Mura Timoleontee" su Wikidata
Torre di manfria
  • 14 Torre Manfria, Contrada Manfria. Antica torre costiera del XVII secolo a 7 km da Gela. Veniva utilizzata, un po' come tutte le torri costiere della Sicilia a difesa degli attacchi corsari molto frequenti all'epoca. "Torre di Manfria" su Wikidata


Eventi e feste[modifica]


Cosa fare[modifica]

  • 1 Riserva naturale orientata Biviere di Gela. Riserva naturale orientata Biviere di Gela su Wikipedia "Riserva naturale orientata Biviere di Gela" su Wikidata
  • 2 PalaLivatino. PalaLivatino su Wikipedia "PalaLivatino" su Wikidata
  • 3 PalaCossiga. PalaCossiga su Wikipedia "PalaCossiga" su Wikidata
  • 4 Villa Garibaldi, Corso Salvatore Aldisio. Simple icon time.svg 09:00-21:00. È il principale giardino pubblico della città con molti alberi secolari e meravigliose viste sulla costa.


Acquisti[modifica]


Come divertirsi[modifica]

Locali notturni[modifica]

  • 1 La Duna, Lungomare Federico II di Svevia, +39 333 353 9872.


Dove mangiare[modifica]

Gela è famosa per un ottimo pane da assaggiare, street-food e pizze. Essendo una città sul mare a Gela, puoi gustare piatti a base di pesce, un ottimo gelato e pasticcini.

Prezzi modici[modifica]

  • 1 Piccadilly bar, Via Palazzi.
  • 2 La Mandragola (pub), Via Gioacchino Rossini, 10, +39 340 355 6350.
  • 3 La Capannina (bar), Viale Mazara del Vallo, 33.
  • 4 Re Nero (bar), Via Europa, 91.
  • 5 Peccati di Gola (Bar Pasticceria), Via Francesco Crispi, 247.
  • 6 BeSt Cafè, Piazza Trento, 3, +39 3917120693. Ecb copyright.svg 5-10€. Simple icon time.svg Lun-Ven 05:00-23:00, Sab 05:00-00:00, Dom 06:00-23:00. Bar, gelateria, tavola calda e aperitivi.

Prezzi medi[modifica]


Dove alloggiare[modifica]

Prezzi medi[modifica]

Prezzi elevati[modifica]


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]


Nei dintorni[modifica]


Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard contiene informazioni utili a un turista e dà un'informazione sommaria sulla meta turistica. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.