Scarica il file GPX di questo articolo

Europa > Italia > Italia nordorientale > Emilia-Romagna > Emilia > Appennino emiliano > Appennino parmense > Varsi

Varsi

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Varsi
Groppo Rocca - Varsi
Stato
Regione
Territorio
Altitudine
Superficie
Abitanti
Nome abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Patrono
Posizione
Mappa dell'Italia
Varsi
Varsi
Sito istituzionale

Varsi è un centro dell'Emilia-Romagna.

Da sapere[modifica]

Cenni geografici[modifica]

Si trova nella Valle del Ceno, sulle colline parmensi, vicino ad un piccolo lago. Dista 48 km. da Parma, 52 da Fidenza.

Cenni storici[modifica]

Già probabilmente abitato in epoca romana forse al tempo dell'imperatore Traiano, Varsi conobbe un periodo di grande importanza con i Longobardi. Nell'Ottavo secolo il paese fu il centro motore dell'economia valligiana. La pieve di San Pietro ha tramandato undici pergamene originali di epoca longobarda ora conservate presso l'Archivio Capitolare della Cattedrale di Piacenza. Era attraversato dai percorsi dei pellegrini e da strade militari. Ebbe un castello, di cui ora rimangono scarse tracce; fu feudo vescovile fino all'inizio del XIV secolo. Le famiglie Pallavicino e Landi costruirono nella valle presidi militari che col tempo furono trasformati in dimore signorili, come ad esempio il castello di Golaso.

Archeologia

In località Tosca c'è il sito archeologico Città d'Umbria (o d'Ombria), un antico castelliere del II secolo avanti Cristo che deriva il proprio nome dal fatto di essere stato costruito dagli Umbri con lo scopo di contrastare le milizie romane; secondo altri invece si trattava di popolazioni liguri. Il sito, a quasi mille metri di altitudine, venne impiegato sempre a scopi difensivi anche in epoche successive.

Come orientarsi[modifica]

Nel territorio di Varsi si trovano anche i seguenti centri abitati: Baghetti, Bianchi, Busi, Casa Carnevale, Casa Tron, Contile, Corticella, Ferrè, Franchini, Golaso, Lagadello, Leonardi, Lubbia Sopra, Lubbia Sotto, Manini, Marsaia, Michelotti, Minassi, Peracchi, Peretti, Perotti, Pessola, Pietracavata, Pietrarada, Ponte Vetrioni, Rocca Barborini (Rocca Vecchia), Rocca Nuova, Scaffardi, Scortichiere, Sgui, Tognoni, Tosca, Villora, Volpi.

Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

Italian traffic signs - direzione bianco.svg

Italian traffic signs - direzione bianco.svg Aeroporto di Parma

In auto[modifica]

In treno[modifica]

In autobus[modifica]

  • Italian traffic sign - fermata autobus.svg Linea di pullman da Parma - Linee TEP (orari)


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

  • Castello. Risalente forse al Decimo secolo, costituiva una importante fortificazione a difesa della valle. Ne rimangono i resti: due torri mutile ed una vicino alla parrocchiale di San Pietro. Fu accresciuto nel Trecento dalla famiglia Scotti da Fombio che nel 1303 avevano ottenuto Varsi dal vescovo Ugo di Piacenza mantenendo il loro possesso sul paese fino al 1720. La cortina muraria e l'abitazione castellana del conte furono distrutti e trasformati fra Otto e Novecento con la costruzione della nuova piazza e della canonica.

A Golaso[modifica]

Castello di Golaso
  • Castello, via Roma 13, +39 052574112. Il castello di Golaso fu costruito e trasformato in più riprese, fino a perdere il suo originale aspetto di fortificazione, perdendone anche il ruolo, per divenire nel tempo una residenza nobiliare di innegabile fascino. Scarsissime sono le notizie documentali, tanto che non si conosce esattamente l'epoca della costruzione originaria del complesso; anche le tracce architettoniche, per una lettura del maniero alla ricerca di risposte sulla sua nascita sono molto difficili, poiché quasi nulla è rimasto della costruzione più antica.
A pianta quadrilatera, il complesso monumentale si estende per 5000 metri quadrati e conserva alle estremità quattro torri; le due quadrate guardano a valle, le due cilindriche sono verso il monte. Un portone ad arco in pietra immette in un primo cortile quadrato nel quale si trovano un Oratorio ed un pozzo. Sullo sfondo si innalza il corpo di fabbrica chiamato Il Palazzo, costruzione imponente accompagnata sugli altri lati da altri corpi di fabbrica più contenuti, con funzione sia di abitazioni sia di scuderie.
Un androne del Palazzo consente di passare ad un secondo cortile che conserva una torretta sola fra quelle che ne guarnivano gli angoli. La parte piè interessante e più elegante di tutto il complesso è certamente il Palazzo, che colpisce per la sua vastità. Secondo la tradizione il castello avrebbe 12 scale come i mesi dell'anno, 30 porte come i giorni del mese e 365 finestre come i giorni dell'anno.
La Villa-Maniero-Casa Forte fu proprietà dei Conti Rugarli, dai quali passò alla famiglia Corsini che ne detiene ancora la proprietà.


Eventi e feste[modifica]

  • Sagra di San Pietro. il 28 giugno
  • Festa dei Fiori. nel mese di maggio


Cosa fare[modifica]

Varsi offre molte possibilità per il tempo libero: campi da calcio, tennis scoperto, pallavolo, laghi per la pesca sportiva, canoa, caccia, deltaplano, percorsi per trekking. Si possono compiere escursioni ai monti Dosso (1243 m.) e Barigazzo (1284 m.). Varsi inoltre è posta lungo l'Ippovia della Val Taro e Val Ceno [1].

Acquisti[modifica]

Varsi è uno dei centri dell'associazione con finalità di promozione turistica enogastronomica Strada del prosciutto e dei vini dei colli che annovera con Varsi i comuni di Calestano, Corniglio, Felino, Fornovo di Taro, Langhirano, Palanzano, Sala Baganza, Varano de' Melegari, Varsi. Questa appartenenza suggerisce l'acquisto di prosciutto crudo di Parma e malvasia delle colline.

Come divertirsi[modifica]


Dove mangiare[modifica]


Dove alloggiare[modifica]


Sicurezza[modifica]

Italian traffic signs - icona farmacia.svg Farmacia


Come restare in contatto[modifica]

Poste[modifica]

  • Poste italiane, Via Roma 7, +39 0525 74502, fax: +39 0525 74618.
  • Poste italiane, via Chiesa 31/A (a Pessola), +39 0525 70228, fax: +39 0525 70228.



Nei dintorni[modifica]

  • Bardi — Il suo castello è sicuramente uno dei più spettacolari fra i numerosi manieri delle colline di Parma; abbarbicato su un picco roccioso, ebbe fama di imprendibilità. È anche uno dei castelli meglio conservati e più visitati dai turisti.
  • Fornovo di Taro — La sua antica Pieve fu un'importante tappa lungo il percorso della Via Francigena
  • Varano de' Melegari — È meno conosciuto e meno citato rispetto agli altri manieri, ma il castello di Varano Melegari connota con la sua svettante imponenza la parte antica del paese arricchendolo di suggestione. Vanta un'antichissima pieve nella frazione Serravalle; è infine noto per il suo Autodromo.
  • Compiano — La sua struttura urbana ottimamente conservata attorno al suo massiccio castello ha valso al paese l'inserimento nel novero dei Borghi più belli d'Italia.
  • Berceto — Il suo imponente Duomo di antica fondazione romanica fu una delle tappe più importanti sulla via Francigena; del castello dei Rossi rimangono dei ruderi. La cittadina conserva un centro storico con antichi palazzetti di prestigio; è un importante centro di servizi, commerci e villeggiatura sulla strada del Passo della Cisa.

Itinerari[modifica]

  • Castelli del Ducato di Parma e Piacenza — Disseminati sull’appennino parmense e piacentino, ma presenti anche nella pianura a sorvegliare il confine naturale del Po, i numerosi castelli dell’antico Ducato di Parma e Piacenza caratterizzano tutta l’area. Baluardi militari in origine, molti di essi hanno mantenuto l’aspetto di rocca inaccessibile, molti hanno via via trasformato la loro natura bellica in raffinata dimora nobiliare; tutti perpetuano nel tempo l’atmosfera di avventura, di favola e di leggenda che da sempre è legata ai castelli, in molti dei quali si narra della presenza di spiriti e fantasmi.


Altri progetti

2-4 star.svg Usabile: l'articolo rispetta le caratteristiche di una bozza ma in più contiene abbastanza informazioni per consentire una breve visita alla città. Utilizza correttamente i listing (la giusta tipologia nelle giuste sezioni).