Scarica il file GPX di questo articolo
Europa > Balcani > Bulgaria > Bulgaria del nordovest > Sofia

Sofia

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search
Sofia
София
Arcobaleno nei cieli di Sofia
Stemma e Bandiera
Sofia - Stemma
Sofia - Bandiera
Stato
Altitudine
Abitanti
Prefisso tel
Posizione
Mappa della Bulgaria
Sofia
Sofia
Sito istituzionale

Sofia è la capitale della Bulgaria.

Da sapere[modifica]

Cenni geografici[modifica]

Sofia giace in una larga vallata ad un'altitudine media di 550 m s.l.m. Diversamente da altre capitali europee, non è attraversata da nessun fiume degno di questo nome, ma solo da qualche torrente che ha le sue sorgenti dalla Vitoša, il massiccio montuoso appena a sud del centro. La valle non è chiusa e permette facili comunicazioni con il Danubio e il Mar Egeo grazie ai fiumi Iskăr che confluisce nel Danubio e allo Struma che nasce dalla Vitosha per gettarsi nel Mar Egeo non lontano da Amfipoli dopo un percorso di 450 km.

Quando andare[modifica]

Sofia è visitabile tutto l'anno tenendo presente che il suo clima è di carattere continentale moderato. Gennaio è il mese più freddo con temperature di norma attestate sui -4°. Luglio è il mese più caldo, ma pur sempre mitigato dall'altitudine, anche se talvolta il termometro ha impennate fino a 40°.

Cenni storici[modifica]

La data della fondazione di Sofia non è certa. I Romani che la conquistarono nel 29 a.C., si riferiscono ad essa con il nome di Serdica. Sotto il regno di Aureliano fu capitale della provincia della Dacia meridionale. Nel 345 vi si tenne un Concilio religioso cui parteciparono 70 vescovi con il proposito di trovare un accordo sull'eresia ariana. Il tentativo fallì sul nascere e i vescovi orientali defezionarono tenendo un concilio separato nella vicina Plovdiv. Nel 441 la città fu saccheggiata dagli Unni.

Al tempo dell'imperatore Giustiniano fu dotata di un presidio militare. Nell'anno 809 d.C. fu strappata ai Bizantini dal Khan bulgaro Krum e da quella data passò varie volte dalle mani dell'uno all'altro contendente.

Nel 1382 fu conquistata dagli Ottomani e rimase saldamente in loro potere per i 5 secoli successivi, tranne un tentativo del re di Polonia, Ladislao III Jagellone (1424 – 1444) di riconquistarla. Questi riuscì ad espugnarla nel 1443 ma trovò la morte l'anno dopo a Varna, cinta d'assedio con il proposito di cacciarne gli infedeli. Da allora Sofia si trasformò in una sonnacchiosa città di provincia dall'aspetto tipicamente ottomano, con moschee e molti bagni turchi.

A svegliarla da quel lungo letargo fu la cavalleria russa che vi fece un ingresso trionfante il 4 gennaio 1878. Il trattato di Santo Stefano del marzo successivo sancì l'autonomia della Bulgaria. Sofia, divenuta capitale del principato, conobbe un rapido sviluppo passando, in poco più di un cinquantennio, da 25,000 abitanti a più di 300,000.

Per quanto sia ritenuta una città molto antica, le vestigia del suo passato rimangono scarse fino al periodo bizantino mentre abbondano le testimonianze del periodo ottomano e ancor più quelle della Belle Époque. A ricordo di quand'era una delle repubbliche socialiste aderenti al patto di Varsavia, Sofia offre inoltre notevoli esempi dello stile detto "Realismo Socialista" dalle forme fredde e pure, tanto care ai regimi dittatoriali sia di destra che di sinistra, ma che oggi tende ad essere rivalutato e non più schernito.

Come orientarsi[modifica]

Segnale stradale a Sofia

Le targhe delle strade sono scritte in cirillico. Sono ancora poche le targhe che riportano in basso la traslitterazione nei corrispondenti caratteri latini come da immagine a fianco. A creare ulteriore disagio sono targhe pubblicitarie di esercizi commerciali appese allo stesso palo.

Quartieri[modifica]

Piazza Indipendenza (Largo) con il palazzo ex sede del partito comunista, i magazzini TZUM a sinistra e il palazzo presidenziale a destra
Il viale Vitosha ai suoi inizi nei pressi del Palazzo dei Congressi (Palazzo Nazionale della Cultura)

Centro di Sofia — Il cuore di Sofia è la Piazza Nezavisimost (Piazza Indipendenza, ex Piazza Lenin), chiamata più semplicemente "Largo". La piazza e la zona intorno furono danneggiate dai bombardamenti nel corso della II guerra mondiale a tal punto che si rese necessaria la sua risistemazione avviata nel 1951.

Alla sua realizzazione contribuì l'architetto Petso Zlatev che l'adornò di monumentali edifici secondo i dettami del Realismo Socialista in voga nell'Europa dell'Est negli anni del dopoguerra. Largo fu pavimentata con ciottoli viennesi dal caratteristico colore giallo, famosi quanto i sampietrini di Roma.

Sulla piazza si affaccia il palazzo ove aveva sede il comitato del defunto Partito Comunista bulgaro, il palazzo presidenziale, l'hotel Balkan ex Sheraton, sul retro del quale si trova la Rotonda di San Giorgio e i magazzini TZUM, un tempo a conduzione statale, ma oggi proprietà di Georgi Gergov, un uomo d'affari bulgaro.

Dopo gli eventi del 1989 che condussero alla fine del regime comunista, la piazza fu privata dai simboli del passato regime. La statua di Lenin al suo centro fu rimossa e la stella rossa al culmine della guglia sul palazzo ex sede del partito comunista fu sostituita con la bandiera bulgara.

A Largo confluisce il Viale Vitosha che ha inizio dallo Yuzhen Park (Parco Meridionale) e può essere considerato il Corso di Sofia. Attraversa tutto il centro di Sofia nel senso della longitudine e vi si affacciano parecchi ristoranti, bar e negozi di alta moda. L'angolo con "Patriarch Eftimii", là dove si trova la farmacia (apteka), è il luogo dove tradizionalmente si danno appuntamento gli abitanti di Sofia.

Lungo il Viale Vitosha si trovano anche alcuni dei più interessanti palazzi cittadini come il Palazzo Nazionale della Cultura (NDK). Nelle vicinanze si trova la 1 Piazza Slaveykov, (Площад Славейков), dedicata a due scrittori del XIX secolo Petko e Pencho Slaveykov, rispettivamente padre e figlio. La piazza, da tempo trasformata in isola pedonale, accoglie bancarelle di libri usati.

Il proseguimento del viale Vitosha, oltre Largo è denominato Boulevard Maria Luisa che termina dopo circa 1 km alla stazione centrale dei treni e a quella degli autobus. Lungo il suo primo tratto si affaccia la moschea di Banya Bashi. L'arteria attraversa il Ponte dei Leoni (Lovov Most) che di sera si trasforma in una zona malfamata.

Il settore est del centro — A "Largo" confluiscono ad angolo acuto i viali "Knyaz Aleksandar Dondukov" e "Tsar Osvoboditel", entrambi provenienti da Est. Nel triangolo compreso fra queste due arterie sono raggruppate alcune delle maggiori attrazioni della capitale bulgara come la Cattedrale dedicata ad Alexander Nevski.

Il Viale Zar Osvoboditel (lo zar liberatore) è dedicato alla memoria di Alessandro II di Russia che operò un ruolo cruciale nella liberazione della Bulgaria dal giogo ottomano. Ha inizio dal 2 Ponte delle Aquile(Орлов мост, Orlov most) sul torrente Perlovska, decorato con colonne sormontate da aquile. Nelle vicinanze si trova il parco con lo stadio nazionale "Vasil Levski". Lungo il viale si affacciano il palazzo del Rettorato dell'Università, il Parlamento (Assemblea Nazionale) e l'ex Palazzo Reale, oggi sede della Galleria Nazionale di Belle Arti. È la parte più bella del centro e costituisce il luogo ideale dove scegliersi l'alloggio. Potrebbe sembrare un po' fuori mano rispetto al centro vero e proprio costituito da Largo e dal viale Vitosha ma i locali all'interno dell'albergo Radisson garantiscono serate vivaci.

Bojana — Boiana è il quartiere della periferia sud alle falde del massiccio della Vitosha. Deve la sua fama all'omonimo monastero bizantino dichiarato patrimonio mondiale dell'umanità nel 1979. Boiana è uno dei pochi quartieri della periferia di Sofia dal carattere alto borghese. Vi si trova anche il museo nazionale della storia con interessanti collezioni di ori e argenti di epoca preromana.

Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

Aeroporto di Sofia
La zona della stazione centrale fotografata dall'alto
  • 3 Aeroporto internazionale di Sofia (SOF) (Letishte Sofiya, Летище София). Lo scalo è a 11 km dal centro. Ha due terminal. Il primo, piuttosto antiquato e carente di servizi, è usato da compagnie low cost, il secondo di recente costruzione è a qualche km di distanza e il collegamento tra i due è coperto da minibus non molto frequenti (ogni mezz'ora). Il costo del biglietto aereo con una compagnia di linea può essere piuttosto elevato.

I voli dall'Italia sono effettuati dalle seguenti compagnie:

Biglietti aerei a prezzi veramente stracciati sono offerti fuori del periodo di alta stagione per gli altri due aeroporti bulgari di Varna e Burgas.

Lo scalo dispone di stazione metro (mal segnalata) che costituisce il capolinea della linea 2. Autobus navetta fanno la spola tra la stazione e i 2 terminal. Due linee d'autobus garantiscono i collegamenti con il centro. Transitano da ambo i terminal:

  • La linea 84 fa capolinea in centro.
  • La linea 184 fa capolinea di fronte l'università.

L'unica compagnia di taxi ammessa ad effettuare corse da/per l'aeroporto è la "OK Taxi". Quant' altri offrano spontaneamente i loro servizi sono da considerarsi alla stregua di truffatori dai quali stare alla larga. È pur vero che le code in attesa di un taxi regolare sono talmente lunghe da far perdere la pazienza. Purtroppo esistono anche OK TAXI falsi e se avrete la sventura di salirci, pagherete una tombola.

Un'altra soluzione consiste nel servirsi di uno shuttle privato che vi depositerà davanti al vostro albergo per un prezzo uguale, se non più basso di una corsa in taxi. Aeroporto di Sofia su Wikipedia "Aeroporto di Sofia" su Wikidata

In treno[modifica]

  • 4 Stazione centrale di Sofia. La stazione centrale di Sofia è un chilometro a nord dal centro sul boulevard Maria Luisa. L'edificio che la ospita è stato rinnovato e in sostanza ricostruito secondo il modello dello stadio di Monaco di Baviera. Da qui è possibile andare a Salonicco, Atene da una parte e ad Istanbul dall'altra. Per orari e informazioni si può consultare il sito delle ferrovie bulgare "Sofia Central Station" su Wikidata

In autobus[modifica]

Stazione centrale degli autobus extraurbani
  • 5 Stazione centrale delle autolinee extraurbane (Централна автогара София, Tsentralna avtogara Sofiya). La stazione principale degli autobus extraurbani si trova a fianco della stazione centrale dei treni. L'edificio che la ospita è stato inaugurato nel 2004. All'interno vi sono ben 57 biglietterie. Tutta l'area è sorvegliata costantemente da 130 video camere.

Alcune delle autolinee che vi operano sono:


Come spostarsi[modifica]

Cartina della metro aggiornata al 2016

Con mezzi pubblici[modifica]

I mezzi pubblici comprendono autobus, tram e due linee di metropolitana, utili per gli spostamenti quotidiani dei pendolari, ma non per turisti. I biglietti da una corsa costano 1 leva (circa 50 centesimi di euro), il biglietto giornaliero intera rete 4 leva (circa 2 euro).

Se avete un bagaglio voluminoso al seguito è preferibile spiccare un biglietto a parte per evitare eventuali multe. Potete acquistare i biglietti alle stazioni metro e alle rivendite di giornali. Non sempre i conducenti dispongono di biglietti. Tram e autobus sono antiquati. Circolano anche maxitaxi privati di linea, detti marshrutki. Un biglietto di corsa semplice con questi mezzi costa 1 leva e 50 (circa 75 centesimi di euro).

In taxi[modifica]

Per quanto riguarda i taxi è meglio servirsi dei radio taxi. Compagnie abbastanza fidate sono "Radio CB taxi" (Tel 91263) e "OK supertrans" (Tel 9732121). Bisogna far molta attenzione perché il tassametro è spesso truccato, azionato da un minuscolo pedale a fianco di quello per il gas che gonfia il chilometraggio. I conducenti sono obbligati a consegnare al cliente ricevuta con il relativo importo. Sul cruscotto c'è una tabella che riporta le tariffe, il numero identificativo del taxi e il telefono del servizio clienti, tutti dati che dovrebbero essere annotati preventivamente nel caso non infrequente di frode.

Uber e altri metodi di trasporto analoghi che permettevano di mettersi al riparo dalle truffe dei tassisti, non sono più in funzione a Sofia dal 2016 quando la Commissione bulgara per la tutela della concorrenza (CPC) ha decretato la fine del servizio multando Uber per concorrenza sleale e accogliendo così pienamente le istanze dei tassisti che si erano mobilitati in massa.

Cosa vedere[modifica]

Il centro di Sofia è abbastanza piccolo da poter essere girato a piedi. Il trasporto pubblico comprende autobus, maxitaxi privati, noti con il nome di marshrutki, qualche tram e due linee di metro [1] alle quali nel 2015 ne è stata aggiunta una terza.

Nella zona di Largo[modifica]

Rotonda di San Giorgio
Museo Archeologico Nazionale
  • 1 Rotonda di San Giorgio (Rotonda Sveti Georgi) (In un cortile a fianco dell'albergo Sofia Hotel Balkan ex Sheraton). Una chiesa cristiana in mattoni rossi del IV secolo. Le sue dimensioni sono minuscole, solo 10 m di diametro. Notevoli affreschi del XII-XIV secolo ne decorano la cupola. Essi vennero coperti in periodo ottomano e furono riportati alla luce solo nella II metà del XX secolo. Il tempio è al centro di una zona di scavi che hanno riportato alla luce resti della Serdica di epoca romana. Chiesa di San Giorgio (Sofia) su Wikipedia "chiesa di San Giorgio" su Wikidata
  • 2 Museo Archeologico Nazionale (Национален археологически музей, Natsionalen arheologicheski muzey). L'edificio che ospita il museo è una costruzione in pietra del XV secolo che in epoca ottomana fungeva da moschea. Era la più grande e la più antica delle moschee di Sofia. Il suo nome in turco, "Büyük camii" significa Moschea Grande. Nel 1880 l'edificio accolse la Biblioteca Nazionale. Nel 1905 la biblioteca fu trasferita altrove e la moschea fu adibita a museo. "National Archaeological Museum" su Wikidata


Moschea di Banya Bashi
Palazzo delle Terme
Sinagoga
  • 3 Moschea di Banya Bashi (Баня баши джамия, Banya bashi dzhamiya), bul. Maria Luiza. Difficilmente visitabile, se non durante le ore di preghiera, la moschea risale, con molta probabilità, alla seconda metà del XVI secolo e, secondo la tradizione, fu disegnata dal celebre architetto Sinan. Colpisce il leggiadro e svettante minareto. "Moschea Banya Bashi" su Wikidata
  • 4 Terme di Sofia (Sofiyska gradska mineralna banya). Lo stabilimento termale di Sofia fu costruito agli inizi del XX secolo sul sito di preesistenti bagni turchi (Hamam). Il progetto fu elaborato dagli architetti Petko Momchilov e Friedrich Grünanger. Ne risultò un palazzo in stile secessionista viennese ma con influenze bizantine. I bagni furono inaugurati il 13 maggio 1913 e rimasero in funzione fino al 1986. "Sofia Public Mineral Baths" su Wikidata
  • 5 Sinagoga di Sofia (Софийска синагога, Sofiyska sinagoga) (Un isolato ad est della Moschea di Banya Bashi, vicino al mercato centrale). Inaugurata il 9 settembre 1909 su disegno dell'architetto austriaco Friedrich Grünanger che si ispirò alla sinagoga di Vienna. Come quella, anche questa di Sofia è in stile moresco con influenze veneziane nella facciata ed anche del movimento della Secessione dilagante in quegli anni tra gli artisti viennesi. L'interno è riccamente decorato. Le pareti sono decorate a mosaico, le colonne sono in marmo di Carrara e il candelabro centrale pesa ben 2 tonnellate. Sinagoga di Sofia su Wikipedia "sinagoga di Sofia" su Wikidata


Lungo il Viale "Tsar Osvoboditel" e dintorni[modifica]

Galleria Nazionale d'Arte Straniera
Cattedrale di Alessandro Nesky
  • 6 Chiesa in memoria di Alexander Nevski (Sulla piazza omonima). I lavori per la sua costruzione iniziarono nel 1882 e non terminarono che nel 1912 e da allora è la chiesa del patriarcato ortodosso bulgaro. Il progetto fu elaborato da architetti russi che si inspirarono alle glorie bizantine. L'altezza della cupola maggiore è di 45 m. mentre la torre campanaria raggiunge i 50,52 m. L'interno, ampio e molto suggestivo, è decorato con marmi preziosi, onice e alabastro. All'interno della cripta vi è una vasta collezione di icone. Cattedrale di Aleksandr Nevskij (Sofia) su Wikipedia "cattedrale di Aleksandăr Nevski" su Wikidata
  • 7 Galleria Nazionale di Arte straniera (Национална галерия за чуждестранно изкуство, Natsionalna galeriya za chuzhdestranno izkustvo), Piazza Alessandro Nevsky. Inaugurata nel 1985, la galleria è albergata in un palazzo neoclassico del 1884 progettato dall'architetto austriaco F. Schwanberg. Vi sono esposte opere di artisti fiamminghi oltre ad opere di Marc Chagall, Auguste Rodin e Pierre-Auguste Renoir. "National Gallery for Foreign Art" su Wikidata
Galleria Nazionale d'Arte (ex Palazzo reale)
  • 8 Galleria nazionale d'Arte (Национална художествена галерия, Natsionalna hudozhestvena galeriya), Piazza Battenberg. Vi sono esposte 50,000 opere di artisti bulgari oltre a un gran numero di dipinti medievali. L'edificio che ospita la Galleria era un tempo la residenza ufficiale degli zar bulgari. Fu completata nel 1882 su disegno di architetti austriaci. "National Art Gallery" su Wikidata
Mausoleo di Alexander Battenberg
  • 9 Mausoleo Battenberg (Мавзолей на Батенберг, Mavzoley na Batenberg), Vasil Levski Boulevard n° 81. Dedicato alla memoria del principe Alessandro I di Bulgaria (1857–1893), la cui tomba è ospitata all'interno del Mausoleo. Realizzato su disegno dell'architetto svizzero Hermann Mayer che fuse elementi barocchi con altri neoclassici, il mausoleo fu inaugurato nel 1897. Le pareti interne furono affrescate dall'artista bulgaro Haralampi Tachev. Il monumento fu chiuso al pubblico in era comunista. Riaprì le porte nel 1991. "Battenberg Mausoleum" su Wikidata
Basilica di Santa Sofia
  • 10 Basilica di Santa Sofia (Църква "Света София"). La chiesa, classico esempio di arte paleocristiana, fu costruita durante il regno di Giustiniano I (527-565) sul sito di altre più antiche. Scavi nel sottosuolo hanno, infatti, riportato alla luce le fondamenta di ben tre chiese preesistenti. La prima della serie risale al 313 d. C. e sorse sul luogo di una necropoli cristiana con tombe a cupola. Tra il XII e il XIV secolo, al tempo del II dominio bulgaro fu sede vescovile. In periodo ottomano fu trasformata in moschea e i mosaici che l'adornavano andarono persi. Restauri del 1931 ne ripristinarono le antiche forme. La pianta della basilica è a croce latina. All'interno vi è la tomba di Ivan Vazov, famoso poeta bulgaro vissuto tra il 1850 e il 1921. "chiesa di Santa Sofia (Sofia)" su Wikidata
  • 11 Biblioteca Nazionale dei Ss Cirillo e Metodio, Vasil Levski blvd n° 88, +35929882811, +35929882811, +35929882811. Simple icon time.svg Lun-Ven 08:30-20:30, Sab 08:30-18:30. Chiusa d'agosto. Fondata il 4 aprile 1878, la biblioteca è ospitata in un edificio neoclassico del 1953. Le collezioni comprendono stampe antiche, manoscritti religiosi in greco i più antichi dei quali risalgono al IX secolo e sacre scritture in paleoslavo. La sezione orientale contiene documenti di epoca ottomana, araba e persiana. "SS. Cyril and Methodius National Library" su Wikidata


Nella zona sud del centro[modifica]

Museo di mineralogia (Museo Nazionale della Terra e dell'Uomo)
  • 12 Museo della Terra e dell'Uomo, Cherni vruh blvd. n° 4 (Più a sud del Palazzo Nazionale della Cultura). Simple icon time.svg Dalle 10:00 alle 18:00. Chiuso i lunedì. Un museo dedicato alla mineralogia con più di ventimila pezzi di cristallo esposti. "Earth and Man National Museum" su Wikidata


Periferia sud[modifica]

Chiesa di Bojana
Museo storico nazionale
Museo dell'Arte Socialista
Zoo di Sofia
  • 13 Chiesa di Bojana (Боянска църква - Boyanska tsarkva), ul. Boyansko ezero 1-3 (Nel quartiere di Boyana). Una piccola chiesa medievale la cui costruzione risale ai secoli 10° e 11°. La navata centrale è posteriore (XIII secolo). Il tempio deve la sua fama agli affreschi che decorano le sue pareti interne. Il monumento appare nella lista dei Patrimoni Mondiali dell'Umanità fin dal 1979. Chiusa al pubblico per più di due decenni, riaprì i battenti nell'anno 2000. Chiesa di Bojana su Wikipedia "chiesa di Bojana" su Wikidata
  • 14 Museo Storico Nazionale (Natsionalen istoricheski muzey, Национален исторически музей), Vitoshko lale 16, +359 2 955 4280. Simple icon time.svg Lun-Dom 09:30-18:00. Museo archeologico con interessanti collezioni di ori e argenti di epoca tracia. Il museo è allestito nella mastodontica villa dell'altolocato quartiere di Bojana appartenuta a Todor Živkov, leader comunista della Bulgaria dal 1954 al 1989. "National Historical Museum" su Wikidata
  • 15 Zoo di Sofia, ул. "Сребърна" 1, кв. „Хладилника”, ПК 67, +359 2 868 2043. Simple icon time.svg Lun-Ven 09:30-19:00. Fondato con regio decreto il 1° maggio 1888, è il più antico e il più grande giardino zoologico della Bulgaria. Zoo di Sofia su Wikipedia "zoo di Sofia" su Wikidata
  • 16 Museo dell'Arte Socialista (Muzey na sotsialisticheskoto izkustvo, Музей на социалистическото изкуство), Ulitsa "Lachezar Stanchev" 7 (A 500 metri/ 6 minuti a piedi dalla stazione metro G. M. Dimitrov - linee 1 e 2), +359 2 980 0093. Simple icon time.svg Mar-Dom 10:00-17:30. Vi sono esposti statue e simboli del regime comunista che un tempo ornavano vie, piazze e palazzi di Sofia. Tra questi la statua di Lenin originariamente collocata in piazza Indipendenza (Largo) e la stella a cinque punte che stava sulla guglia dell'ex sede del partito comunista bulgaro sempre in piazza Indipendenza. Vi sono esposte anche statue di Stalin e Todor Zhivkov, il leader che governò il paese dal 1952 al 1989. "Museum of Socialist Art, Sofia" su Wikidata


Eventi e feste[modifica]


Cosa fare[modifica]

Parco di divertimenti Sofia Land
  • 1 Sofia Land (София Ленд). Parco di divertimenti. "Sofia Land" su Wikidata


Acquisti[modifica]

  • 1 Paradise Center, bulevard "Cherni vrah" 100 (Accessibile tramite sottopassaggio dalla stazione metro "Vitosha" sulla linea 2), +359 700 10 050. Il più grande centro commerciale di Sofia e uno dei più grandi dell'Europa balcanica. Fu inaugurato nel 2013 in una zona densamente popolata della periferia sud, tra enormi condomini a schiera di epoca comunista. Nell'atrio è stato allestito un giardino con un laghetto sormontato da ponti e cascate artificiali. La maggior parte dei negozi si trova al pianterreno mentre il piano superiore è riservato all'intrattenimento; vi troverete ristoranti, bar, fast food, sale cinematografiche e piste per il pattinaggio.
L'ultimo piano ospita un centro fitness e un altro per trattamenti termali oltre a campi da tennis. Sul terrazzo è stato sistemato un parco a tema. "Paradise Center" su Wikidata


Come divertirsi[modifica]

Per conoscere spettacoli e vita notturna prima di partire, il sito di riferimento è www.programata.bg. Giunti all'aeroporto si può acquistare una copia del settimanale "Sofia Echo", in inglese, oppure prendere qualche dépliant gratuito presso il bancone dell'ufficio turistico.

Spettacoli[modifica]

Palazzo Nazionale della Cultura
  • 1 Teatro Nazionale dell'Opera Lirica e del Balletto (Национална опера и балет), viale Dondukov angolo Raskovski, +359 2 987 7011. Se vi piacciono i balletti classici e l'opera lirica, allora il vostro posto è il teatro dell'Opera, a pochi metri da Largo. Il programma è consultabile sul web, anche in inglese. "National Opera and Ballet" su Wikidata
  • 2 Palazzo Nazionale della Cultura (Национален дворец на културата, Natsionalen dvorets na kulturata) (A sud del centro agli inizi del Viale Vitosha). Fu ultimato nel 1981 come centro di congressi e conferenze. Nel 2005 ha ottenuto un riconoscimento ufficiale come migliore centro congressuale di quell'anno. Le sue 13 sale occupano una superficie di 15,000 m² e sono distribuite in 8 piani. Altri 3 piani sono stati ricavati dal sottosuolo. Il centro ospita anche festival cinematografici, concerti e mostre artistiche. Alcuni rinomati club privati riportati nella sezione successiva sono ospitati all'interno del palazzo. "National Palace of Culture" su Wikidata

Locali notturni[modifica]

  • 3 Yalta Club (ex Chervilo Club), bul. Tsar Osvoboditel 20, +359 89 787 0230. Locale con musica dal vivo e serate a tema presenziate da apprezzati dj locali.
  • 4 Bedroom Premium Club, ul. Lege 2, +359 88 886 0666. Simple icon time.svg Mer-Sab 22:30-06:00. Discoteca alla moda. Purtroppo gli stranieri pagano qualcosa in più
  • 5 Club Terminal 1, Angel Kanchev 1, +359 88 921 9001. Discoteca con dj e spesso musica dal vivo.
  • 6 Sofia Live Club, +359 88 666 1045. Simple icon time.svg Lun-Dom 20:00-04:00. Locale con una sala di 270 posti per concerti e musica dal vivo. Vi si esibiscono cantanti e bande di fama internazionale.
  • 7 Club Studio 5, Piazza Bulgaria 1. Apprezzato locale di musica dal vivo.
  • 8 Culture Beat, Piazza Bulgaria, +359 88 727 0777. Simple icon time.svg Lun-Sab 10:00-05:00 Dom 10:00-24:00. Serate a tema e musica elettronica per lo più. La prerogativa del locale è il terrazzo con belle viste sulla città e il monte Vitosha.
  • 9 MIXTAPE5, bul. Bulgaria, +359 88 983 8348. Discoteca con concerti e musica dal vivo
  • 10 By the Way, Rakovski 166, +359 2 980 3836. Simple icon time.svg Lun-Sab 09:00-01:00 Dom 09:00-22:30. Cocktail bar con una selezione di piatti leggeri (sandwich e insalate).

Le discoteche preferite dagli studenti sono dislocate nella città universitaria (Студентски град = Studentski grad). La zona, un po' fuori mano, è raggiungibile dal centro con autobus delle linee 94 e 280. Leggete le recensioni prima di andarvi perché potrebbero non essere adatti per turisti di passaggio anche se di età giovanile. La selezione all'ingresso è spesso rigida per cui è meglio portare con sé la tessera universitaria. Di seguito ne sono riportati un paio ma ce ne sono altri nelle immediate vicinanze (Illuzion Club, Plazza Club, ecc.)

  • 11 Club 33 (Клуб 33), Viale Atanas Manchev 1 (ул. Атанас Манчев 1) (Studentski grad), +359 0895 433 702, +359 0895 433 70.
  • 12 Club Maskata, Città studentesca blocco 19 / Студентски град, блок 19, +359 88 567 8233. Simple icon time.svg Ven-Sab 21:00-05:00. Pub con sottofondo musicale per lo più di genere rock.


Dove mangiare[modifica]

A Sofia troverete ristoranti da leccarvi le dita ma se entrerete in un locale scelto a casaccio potreste uscirne sgradevolmente delusi e con il portafoglio alleggerito.

Potete scegliere il ristorante che più si confà ai vostri gusti sul sito www.programata.bg. Di seguito ne è riportato qualcuno:

Prezzi modici[modifica]

  • 1 Divaka (ДИВАКА = Selvaggio), ul. 6-ti septemvri 41. pub-ristorante preferito dai giovani di Sofia. Involtini di riso in foglie di vite è il piatto più richiesto.

Prezzi medi[modifica]

  • 2 Happy Bar and Grill, Stamboliyski 7 (Angolo via Vitosha), +359 700 20 888. Simple icon time.svg Lun-Dom 11:00-24:00. Catena di ristoranti molto rinomata e generalmente apprezzata. Ne troverete parecchi altri con la stessa insegna sia in centro che in periferia. Il menù è anche in inglese, e si avvale di immagini il che semplifica la comunicazione. Tra le pietanze principali figurano le patate Monnalisa al burro, formaggi (feta) e fettine di petti di pollo impanate. Il locale di via Vitosha, data la sua centralissima collocazione, è il più affollato, il che può comportare qualche disservizio soprattutto nelle ore di punta.
  • 3 Ristorante Manastinska Magernitza (Ресторант Манастирска Магерница), Ulitsa Han Aspire 67. Piatti particolari troverete nel menù di questo ristorante il cui nome significa "La cucina del Monastero" È adatto soprattutto per la cena.
  • Club Lavazza, 13 viale Vitosha. Va bene per un buon caffè espresso accompagnato da uno spuntino.

Prezzi elevati[modifica]

  • 4 La Capannina, piazza Narodno Subranie 9, +359 2 980 4438. Simple icon time.svg Lun-Dom 12:00-24:00. Un ristorante italiano abbastanza caro nella zona più bella del centro, vicino alla cattedrale di Aleksandr Nevskij e all'hotel Radisson


Dove alloggiare[modifica]

Prezzi modici[modifica]

Ostello Mostel
  • 1 Canape Connection Hostel, 12 A William Gladstone Street, +359 2 441 63 73, @ hostel@canapeconnection.net. Check-in: 14:00, check-out: 12:00. Ricavato da una vecchia casa del centro rimodernata in maniera simpatica ed estrosa, l'ostello si definisce "A new generation hostel". Lo trovate anche su facebook. nel prezzo è compresa una colazione particolarmente abbondante.
  • 2 Hostel Lavele, 14 Lavele (A fianco della chiesa Sveta Nedelya, centro), +359 2 987 23 61, +359 884 08 02 83, @ lavelehostel@gmail.com. Altro simpatico ostello con personale affabile e sempre sorridente. Il collegamento ad internet è disponibile in ogni stanza.
  • 3 Art Hostel, ul. "Angel Kanchev" 21, +359 2 987 0545. Ostello piccolino ma rinomato. Sistemazione in stanze a 6 letti. Nel prezzo, davvero irrisorio, è compresa la 1^ colazione. Il giornale britannico "The Guardian", l'ha definito il più "fico" degli ostelli europei.
  • 4 Mostel, 2A, Makedonia Blvd, +359 889223296. Ecb copyright.svg Posto letto a partire da €9. Ostello ricavato da una costruzione all'interno di un cortile condominiale. I gestori propongono escursioni di un giorno nei dintorni. L'esercizio ha acquistato notorietà per i prezzi concorrenziali praticati in passato. Se sceglierete la sistemazione in posto letto dovrete fare la coda per accedere alle docce e ai bagni in comune.

Prezzi medi[modifica]

  • 5 Hotel Niky, 16, Ulitsa Neofit Rilski (Qualche isolato ad ovest del viale Vitosha), +359 2 953 0110, +359 2 952 3058. Stanze ampie e servizio curato fanno dell'hotel Niky uno dei migliori alberghi di Sofia di fascia media. I prezzi sono addirittura inferiori a quelli dei concorrenti e il Niky potrebbe essere collocato nella fascia bassa. Le stanze sono dotate di bagno privato e cucinotto. Quest'ultimo è tuttavia inutile considerata la bontà delle pietanze sfornate nel ristorante annesso. Ancora potete contare su aria condizionata e "free wi-fi". Poiché tutti conoscono il Niky e le stanze sono poche (22 in tutto), la prenotazione va effettuata con largo anticipo (minimo un paio di mesi). Tenete presente che è proibito fumare negli spazi dell'albergo e non potete sperare di farla franca in quanto speciali sensori rilevano immediatamente la presenza del fumo. Nel caso foste colti in flagrante, dovrete sorbire una multa salata.

Prezzi elevati[modifica]

L'hotel InterContinental sullo sfondo e la cattedrale Alessandro Nevski in primo piano
  • 6 Hotel Balkan, Piazza Sveta Nedelya n° 5 (Zona di Largo), +359 2 981 6541. Uno dei più rinomati alberghi di lusso di Sofia ma forse non proprio il migliore. Svantaggi sono il traffico intenso e il prezzo decisamente maggiorato. Tuttavia per chi ama atmosfere dei tempi passati costituisce la scelta giusta. L'albergo occupa un'ala dell'ex palazzo presidenziale costruito nel 1886. Nel cortile interno sta la piccola chiesa bizantina di San Giorgio.
  • 7 InterContinental Sofia, 4, piazza Narodno Sabranie (Vicino alla cattedrale Alexander Nevski), +359 2 933 4334. Altro rinomato albergo di fascia alta, l'InterContinental è una costruzione del periodo comunista non molto accattivante se vista dall'esterno. Ha però un'atmosfera meno formale del precedente e una collocazione migliore. La sua nota storica è il portiere sulla soglia, dalla notevole statura e imbacuccato d'inverno in una divisa che ricorda quella di un generale sovietico dei "bei" tempi andati. Altre caratteristiche rimaste invariate sono i night al suo interno sempre affollati e gai come ai tempi del comunismo e i deliziosi croissant della prima colazione appena sfornati ma a disposizione dei soli tipi mattinieri.


Sicurezza[modifica]

Il ponte dei Leoni (Luvov most)

La zona del Ponte dei Leoni può essere pericolosa di notte essendo frequentata da travestiti e trans. Evitare anche l'adiacente zona della stazione nelle ore serali, così come i parchi, i luoghi solitari e i passaggi pedonali sotterranei.

Cambiare in valuta locale in certi uffici cambi e negozi del centro può risultare pericoloso così come usare la propria carta di credito per i propri acquisti. In caso di truffa non potrete rivolgervi alla polizia locale che al contrario potrebbe usare modi intimidatori se non violenti per dissuadervi dallo sporgere denuncia. Recarsi solo in banche accreditate e mai cambiare grosse somme di danaro.

Girare per le strade di Sofia con auto propria o noleggiata è una pessima idea a causa di furti frequenti di van e quattro ruote.

Come restare in contatto[modifica]

Internet[modifica]

Sono molte le aree del centro coperte da wireless internet.


Nei dintorni[modifica]

Il massiccio della Vitosha visto dalla periferia sud di Sofia
  • Vitosha - Massiccio montuoso appena a sud della capitale. Una classica gita fuori porta.

Itinerari[modifica]

  • Sofia - Salonicco
  • Sofia - Istanbul


Altri progetti

2-4 star.svg Usabile: l'articolo rispetta le caratteristiche di una bozza ma in più contiene abbastanza informazioni per consentire una breve visita alla città. Utilizza correttamente i listing (la giusta tipologia nelle giuste sezioni).