Scarica il file GPX di questo articolo

Kochi

Da Wikivoyage.
Kochi
noframe
Stato
Stato federato
Abitanti
Prefisso tel
CAP
Posizione
Mappa dell'India
Kochi
Kochi
Sito istituzionale

Kochi (precedentemente nota come Cochin) è il nome di una città nello stato indiano del Kerala.

Da sapere[modifica]

Cenni geografici[modifica]

Kochi è una città costruita sul pelo dell'acqua, posta all'estremità settentrionale del lago Vembanad, una laguna formata dagli estuari di più fiumi perenni che hanno le loro sorgenti nei non distanti Gathi occidentali (Meenachil, Muvattupuzha, Pamba e Periyar). È la più popolosa città del Kerala. Al censimento del 2005 la popolazione nell'area metropolitana ammontava a 1,463,000 abitanti Si trova a circa 200 km a nord di Thiruvananthapuram (ex Trivandrum), la capitale del Kerala

Quando andare[modifica]

Reti di pescatori cinesi sul lungomare di Kochi

Il miglior periodo per visitare la città va da fine dicembre a inizio gennaio. Alcuni albergatori considerano alta stagione il periodo ottobre-dicembre, mesi in cui le piogge sono di lieve entità a Kochin. Dal 20 dicembre al 10 gennaio è la "Peak Season" con prezzi maggiorati. Infatti, data la prossimità della città alla linea equatoriale, le escursioni termiche annuali non sono molto rilevanti. Queste variano infatti dai 20 ai 35 °C. La minima mai registrata a Kochi è stata di 17°, la massima di 35 °C. Il tasso di umidità varia dal medio all'alto. La stagione delle piogge portate dal monsone di sud-ovest va da giugno a settembre. Kochi è raggiunta anche dal monsone di nord-est che soffia da ottobre a dicembre portando con sé altre precipitazioni ma di minore intensità. La media annuale delle piogge è abbastanza alta (3,500 mm). I giorni coperti sono circa 132 all'anno.

Cenni storici[modifica]

Kochi cominciò ad acquistare importanza agli inizi del XV secolo quando vide un flusso migratorio dal vicino e antico porto di Cranganore (Kodungallur) che si era progressivamente insabbiato. Fra questi numerosi commercianti ebrei che, secondo la tradizione, si erano installati su questo tratto di costa del Malabar fin dai tempi della distruzione del Tempio di Gerusalemme ad opera dell'imperatore Tito (70 d.C.). Quando, verso la fine del secolo, vi arrivarono i Portoghesi, la città formava un piccolo regno i cui sovrani erano impegnati a contrastare i progetti espansionistici dei sovrani di Calicut. I nuovi venuti furono bene accolti in quanto si vedeva in loro un valido alleato contro le mire egemoniche dei Zamorin che regnavano a Calicut. Fu così che nel 1501 i Portoghesi poterono costruire un forte. Trent'anni più tardi San Francesco Saverio vi fondò una missione apostolica. Gli Olandesi si installarono a Kochi nel 1595 e riuscirono a cacciar via i Portoghesi nel 1663. Il loro dominio durò poco più di un secolo. Gli Inglesi, infatti, si impossessarono del loro forte nel 1793.

Come orientarsi[modifica]

All'imbocco della laguna, all'estremità settentrionale della penisola di Mattanchen, si trova "Fort Cochi", il quartiere dove per primi si insediarono i Portoghesi e con varie testimonianze dell'epoca coloniale. L'isola artificiale di Willingdon separa la città vecchia dalla terraferma, dove si estende il distretto di Ernakulam.

Tra le altre isole che costellano il lago Vembanad ricordiamo:

L'isola di Bolghatty, (o Ponjikara) - Vi si trova il palazzo omonimo, sede del governatore olandese nel XVIII secolo. Il palazzo, austero e cupo è oggi stato trasformato in albergo gestito dall'ente del turismo del Kerala (Kerala State Tourism Department)

Come arrivare[modifica]

Area del Check-in all'aeroporto internazionale di Kochi
Uno dei vecchi ferries molto usati per il trasporto locale

In aereo[modifica]

L'aeroporto internazionale di Kochi si trova in località Nedumbassery, circa 27 km a nord-est del centro. In attesa che venga costruito il collegamento ferroviario, il mezzo usuale per spostamenti da/per il centro rimane il taxi prepagato. Alcune delle compagnie che operano su rotte internazionali sono:

Voli domestici sono effettuati dalle seguenti compagnie:


In treno[modifica]

Due sono le principali stazioni ferroviarie della città: "Ernakulam Junction" e "Ernakulam Town". In genere ci si riferisce all'una o all'altra come stazione sud e nord rispettivamente.


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

Le principali attrattive di Kochi sono situate nella parte vecchia della città, nella zona di Fort Cochi. Vi si trovano:

Cattefrale cattolica di Santa Cruz
La chiesa di San Francesco, prima chiesa cattolica eretta dai Portoghesi
Particolare dell'esterno della Sinagoga Padaveri a Fort Kochi
Interno della sinagoga
  • Palazzo olandese (Si trova di fronte l'isola di Willingdon). Fu in realtà costruito dai Portoghesi nel 1557 per conto del raja locale. Al tempio del dominio olandese divenne la sede del governatore ma fu ceduto nuovamente al raja che lo abbellì con affreschi rappresentanti scene del Ramayana visibili tutt'oggi nella camera da letto del sovrano (palliyara). Altri affreschi sono visibili nella sala della scalinata o "kovinthalam" e in altre sale al pianterreno ma risalgono ad un'epoca posteriore.
  • Cattedrale di Santa Cruz. Fu fondata dai Portoghesi nel 1557. Andò distrutta nel 1795, durante la battaglia tra Inglesi e Olandesi per il possesso di Kochi. La costruzione attuale risale agli inizi del XX secolo. La chiesa fu consacrata nel 1904. Nel 1984 fu elevata al rango di Basilica dal papa Giovanni Paolo II.
  • Chiesa di San Francesco. Anche questa chiesa fu costruita dai Portoghesi. Per un breve periodo ospitò le spoglie di Vasco de Gama prima che queste fossero trasferite in Portogallo nel 1538. All'interno della chiesa si trovano pietre tombali di personaggi portoghesi ed olandesi
  • Sinagoga Paradesi. Si trova dietro il palazzo olandese nel cuore del quartiere di Mattancherry, dove ancora oggi vive una piccola comunità di ebrei. Si tratta di un edificio molto modesto eretto tra il 1566 e il 1568. All'interno sono custodite le placche in rame con l'atto di donazione di Bhaskara Ravivarman, re di Chera (962 - 1019) che concesse a un mercante ebreo, tale Joseph Rabbane, il permesso per lui e la sua gente di installarsi nel porto di Cranganore. Gli ebrei di Kochi si dividevano in due gruppi: gli Ebrei bianchi (Paradesi) e gli Ebrei neri, meticciati con la popolazione locale che si erano allontanati dall'ebraismo originale e praticavano riti particolari. I Portoghesi, una volta installatisi a Kochi, portarono l'inquisizione e molti Ebrei furono perseguitati. Dopo la creazione dello stato d'Israele molti preferirono tornare alla loro terra d'origine ed oggi la comunità è ridotta al lumicino. Il pavimento della Sinagoga è rivestito di maioliche dipinte del XVIII secolo provenienti da Canton. Vi si ammirano anche alcuni candelabri in cristallo del Belgio.


Eventi e feste[modifica]


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]


Come divertirsi[modifica]


Dove mangiare[modifica]


Dove alloggiare[modifica]

Un attore si prepara a una rappresentazione teatrale "Kathakali", un genere molto seguito nel Kerala

Prezzi modici[modifica]

  • Hotel Fort QueenManthra Road (Vicino la cattedral di Santa Cruz), +91 484 2210943, +91 484 2210944, +91 484 2210945, fax: +91 484 2226874, @ . Ecb copyright.svg -da 29 a 70 € a seconda della stagione e del tipo di sistemazione selezionato. Albergo di terza categoria inaugurato alla fine del 2005. Dispone di 15 stanze e 3 suites. Vi è presente un gym center. Il ristorante è specializzato in cucina continentale, cinese e naturalmente in quella tradizionale del Kerala.

Prezzi medi[modifica]

Prezzi elevati[modifica]

  • Malabar House (Di fronte la chiesa di S. Francesco, nella zona di Fort Kochi).
  • Brunton Boatyard (Nella zona del forte). Albergo sulle rive del lago, in un'antica magione di epoca vittoriana, completamente restaurata.


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]


Nei dintorni[modifica]


Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard contiene informazioni utili a un turista e dà un'informazione sommaria sulla meta turistica. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.