Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Turchia mediterranea
Antakya - 2011-04-10.jpg
Localizzazione
Turchia mediterranea - Localizzazione
Stato
Superficie
Abitanti

Turchia mediterranea (Akdeniz Bölgesi) è una regione turistico-geografica dell'Anatolia nella Turchia.

Da sapere[modifica]

Grazie alla sua ricchezza d'arte e storia, la regione è la principale destinazione turistica del paese.

Cenni geografici[modifica]

Occupa l'intera costa meridionale della Turchia e alcune località più interne. È per lo più una stretta striscia di terra tra le montagne del Tauro coperte di pini (Toros) e il Mar Mediterraneo. Essendo stata risparmiata dall'inquinamento grazie alla mancanza di industria pesante, giace sotto uno dei cieli più soleggiati d'Europa.

Quando andare[modifica]

La Turchia mediterranea gode di un clima tipicamente mediterraneo: la temperatura può superare i 40 °C con estati senza pioggia, e anche senza nuvole, mentre il resto dell'anno è abbastanza piovoso, anche se le minime invernali raramente scendono sotto i + 5 °C e la neve è praticamente sconosciuta nella regione (tranne le cime delle montagne abbastanza alte vicino alla fascia costiera). La stagione con la maggiore quantità di precipitazioni è l'inverno (più o meno limitata a fine ottobre fino all'inizio di aprile) e può essere accompagnata da forti venti, fino al punto di avere temporali nelle località vicine alla riva, in particolare intorno ad Antalya.

La temperatura dell'acqua del Mar Mediterraneo è di circa 28 °C durante l'estate, cioè da maggio a ottobre.

Il distretto dei laghi interni ha un clima continentale completamente diverso rispetto al resto della regione, e gli inverni possono essere rigidi e abbastanza nevosi.

Cenni storici[modifica]

Nella geografia antica, la parte orientale era conosciuta come Cilicia e Licia mentre la parte ovest e centrale erano conosciute come Panfilia.

Sede di una serie di antiche civiltà, la Turchia mediterranea fu conquistata dai Romani circa un secolo prima della nascita di Cristo. Dopo una breve occupazione da parte dei crociati diretti a Gerusalemme, come evidenziato da un certo numero di cittadelle costruite o espanse dai crociati principalmente nelle sezioni orientali della regione e da un certo numero di regni armeni sostenuti dai crociati, i selgiuchidi turchi conquistarono la regione. Fu durante quest'epoca che gli antenati della maggior parte degli abitanti della regione si riversarono dall'Asia centrale come tribù nomadi. Alcuni mantengono ancora la tradizione, svernando sulla calda costa e dirigendosi verso le vette delle montagne del Tauro o degli altipiani dell'Anatolia centrale o più nell'entroterra a nord quando l'estate si avvicina assieme alle loro carovane di capre e cammelli. I selgiuchidi furono sostituiti dagli ottomani nel 1400.

Lingue parlate[modifica]

La lingua parlata è ovviamente il turco, ma nelle grandi città, soprattutto a Adalia si trova tante persone che sanno comunicare in inglese, tedesco e persino russo e lingue scandinavape. La regione inoltre ospita una pletora di dialetti turchi, da Muğla şivesi, alcuni dei quali sono del tutto incomprensibili per i turchi non locali e parlati in Licia, fino al dialetto dei Monti Cilici che è essenzialmente una "estensione" continentale del turco cipriota. Il dialetto siriano arabo è anche prevalente intorno ad Antakya.

Territori e mete turistiche[modifica]

Provincie della Turchia mediterranea
      Provincia di Adana
      Provincia di Adalia
      Provincia di Burdur
      Provincia di Hatay
      Provincia di Isparta
      Provincia di Mersin
      Provincia di Kahramanmaraş
      Provincia di Osmaniye

Centri urbani[modifica]

Turchia mediterranea

Il faro di Capo Taşlık (Gelidonia), che si protende verso il Mediterraneo a sud di Antalya

Provincia di Adana

  • Adana — Una delle città più grandi del paese, lungo un fiume con una importante presenza industriale

Provincia di Adalia

  • Adalia (Antalya) — La più grande città della Turchia sud-occidentale e l'indiscussa capitale della riviera turca.
  • Alanya — Città a est di Adalia con un po' di monumenti storici da vedere e spiagge per nuotare
  • Demre
  • Gelemiş — Con la fu fiorente città storica di Patara.
  • Kaleköy
  • Kalkan

Provincia di Burdur

Provincia di Hatay

  • Alessandretta (İskenderun)
  • 1 Antiochia (Antakya) — Ottimo cibo e grande storia vicino al confine siriano; qui vi ha sede il Museo del Mosaico con una ricca collezione romana.

Provincia di Isparta

Provincia di Mersin

Provincia di Kahramanmaraş

Comuni nella Provincia di Osmaniye

Altre destinazioni[modifica]

Spiaggia vicino Olympos
  • Anemurium — Rovine di una città romana nel punto più meridionale della Turchia
  • Cascate di Manavgat — cascate vicino ad Antalya
  • Kabak
  • Kayaköy — Città fantasma con numerose possibilità di escursioni nella zona circostante
  • Kemer — Una località turistica a 45 km a sud di Antalya.
  • Olympos — Destinazione per escursionisti con case sugli alberi nella foresta vicina a una spiaggia di ciottoli e rovine romane, caratterizzata anche da una ricca vita notturna
  • Paradiso e inferno — Una curiosità geologica, due grandi voragini uno accanto all'altro situati a 4 km nell'entroterra
  • Parco Nazionale Karatepe-Aslantaş — Un museo a cielo aperto all'interno di una fitta pineta quasi completamente circondato da un lago diga (da cui il nome locale Hitit Yarımadası, "la penisola ittita") era il sito di un antico insediamento neo-ittita, le cui mura sono ancora presenti e circondano il posto. Il museo espone una serie di rilievi in pietra in uno stile con un influenze del Vicino Oriente, oltre a una serie di statue di grandi dimensioni, tra cui quella del dio del tuono fenicio Baal, assorbita nel pantheon ittita come Tarhunzas.
  • Side
  • Valle delle farfalle — Un canyon isolato con cascate e una grande colonia di farfalle
  • Xantos e Lethoonunesco Rovine della capitale dell'antica Licia, patrimonio mondiale dell'UNESCO
  • Ölüdeniz — La "Laguna Blu", la cui immagine è forse quella più utilizzata negli opuscoli di viaggio sulla Turchia


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

L'aeroporto internazionale di Adalia costituisce il principale accesso alla regione. Tra le aerolinee che operano voli dall'Italia, Blue Panorama Airlines, Corendon Airlines

Altri aeroporti sono a Dalaman e Adana.

In auto[modifica]

La regione è collegata alle parti settentrionali del paese da una serie di autostrade, anche se i passaggi che le strade devono attraversare quando si attraversano i Monti del Tauro possono presentare punti tortuosi ed essere più strette delle normali autostrade. Tuttavia, la O-21 a nord di Adana / Mersin è un'eccezione in quanto è un'ampia autostrada con direzioni separate.

In nave[modifica]

Ci sono traghetti da Cipro del Nord a numerose città costiere. Vedi anche Traghetti del Mediterraneo.

In treno[modifica]

Adana ha servizi giornalieri di treni passeggeri diretti sia a Istanbul che Ankara (e da un certo numero di altre città sulla strada, come Konya), mentre Isparta e Burdur hanno servizi da Izmir. C'è anche un collegamento settimanale tra Mersin e Adana e Aleppo in Siria.

In autobus[modifica]

Tutte le città, soprattutto quelle di rilevanza turistica, hanno collegamenti diretti in autobus da tutte le grandi città del paese.

Come spostarsi[modifica]

In aereo[modifica]

Non ci sono voli tra gli aeroporti della regione.

In auto[modifica]

L'autostrada D400, che segue da vicino la costa del Mediterraneo turco da un'estremità all'altra, è la strada principale della regione. Sebbene la maggior parte sia molto ampia (almeno 2 corsie per direzione) e in ottime condizioni, alcune sezioni sono molto tortuose e strette come la sezione tra Alanya e Silifke. Ci sono altre strade, come la D650, che collega più regioni interne (Distretto dei Laghi) con la D400, quindi con la costa.

In nave[modifica]

Non ci sono traghetti a lungo raggio lungo la costa, tuttavia, le gite in barca offrono piacevoli crociere nelle parti più remote della costa dalle principali città turistiche.

In treno[modifica]

Il servizio ferroviario nella regione è limitato alle pianure della Cilicia con una diramazione a sud verso Iskenderun a Hatay . La zona dei laghi ha anche una linea (per lo più inutilizzata) che si estende a nord-ovest.

In autobus[modifica]

Gli autobus per i percorsi a lungo raggio come da Antalya ad Adana e i minibus (per i percorsi più brevi tra una grande città e le città vicine sono il principale mezzo di trasporto all'interno della regione. I servizi sono abbastanza frequenti e comodi, soprattutto nelle zone più turistiche della Licia e della Panfilia.

Cosa vedere[modifica]

Castello di Mamure vicino ad Anamur
  • Rovine - La regione è punteggiata da molte rovine antiche di città. La maggior parte risale alle civiltà indigene della regione, che furono ampliate o ricostruite dai romani in seguito.
  • Cittadelle - Essendo sulla rotta principale strategica tra Europa e Medio Oriente, ci sono anche molte cittadelle nella regione, che circondano le città o in una valle o su una collina rocciosa per difendere le strade da ospiti indesiderati. Molte, specialmente quelli nelle parti orientali della regione, sono state costruite dai crociati da zero o pesantemente fortificate.

Itinerari[modifica]

Via Licia - Un sentiero escursionistico di 509 km segnalato che collega Fethiye con la periferia meridionale di Antalya.

Cosa fare[modifica]

Crociera nella baia di Göcek
  • Yachting - Una delle migliori aree per crociere nel bacino del Mediterraneo, la parte sud-occidentale della Turchia mediterranea (coste della Licia e della Panfilia occidentale) offrono numerose opzioni di navigazione da diporto. Nella tanto famosa e difficilmente sopravvalutata Blue Cruise (aka Blue Voyage; Mavi Yolculuk), iniziata da un gruppo di intellettuali turchi negli anni '40 e solitamente paragonata alla crociera nei Caraibi. Si prende un caicco noleggiato tipo yacht (barche di legno a due alberi) per un periodo di tempo prestabilito (di solito 15 giorni), e si naviga da una baia all'altra con acque turchesi circondate da montagne ricoperte di pini che si innalzano improvvisamente sul bordo del mare, facendo scalo sulla costa tra città e villaggi di pescatori lungo la rotta. Marmaris, Fethiye, Kaş, Bodrum e Kuşadası (gli ultimi due dei quali si trovano nella regione dell'Egeo) sono i punti di partenza abituali di una crociera blu.


A tavola[modifica]

Mentre la cucina locale tradizionalmente abbraccia la carne di capra, che è meno comune nella maggior parte del resto del paese e può causare problemi di stomaco a chi non è abituato, i ristoranti nelle città turistiche spesso propongono prelibatezze più familiari. I ristoranti di pesce abbondano in città di mare, mentre il tipico fast food turco Döner e simili è comune nelle grandi città. Adana a est è nota per il suo kebab (Adana kebabı), mentre la cucina di Antakya a sud-est, essendo culturalmente una parte della vicina Siria, offre piatti mediorientali altamente deliziosi e parzialmente vegetariani (o anche vegani).

Bevande[modifica]

Un ottimo modo per ridurre i costi dell'acqua in bottiglia in questa regione calda è utilizzare distributori di acqua fredda gratuiti, localmente chiamati sebil (pronunciato say-beel), che di solito si trovano ai lati delle strade e nei cortili delle moschee nelle città e nei quartieri meno turistici della regione. Sembrano piccoli frigoriferi bianchi e di solito hanno due rubinetti: quello rosso eroga acqua calda (o leggermente calda a seconda del periodo), mentre quello blu offre acqua comodamente fredda. Sebbene l'acqua che esce dai rubinetti non provenga da un barattolo in bottiglia commerciale, probabilmente dalla rete idrica cittadina, è buona e non provoca disturbi di stomaco. Un modo per ridurre il rischio può essere quello di consentirvi una settimana dopo l'arrivo nella regione di abituarvi alla microflora e alla fauna locali che possono essere presenti nell'acqua e quindi sfruttare appieno i sebil.

Sicurezza[modifica]

La Turchia mediterranea si trova a una latitudine più meridionale che in qualsiasi altra parte d'Europa ad eccezione di Cipro e l'isola greca di Creta, quindi rilassatevi all'inizio del viaggio e prestate molta attenzione ai primi segnali di calore e disidratazione. Mentre siete in spiaggia, applicare quantità generose di crema solare non sarebbe male.

Se avete intenzione di trascorrere del tempo in montagna, fate attenzione agli scorpioni. Crescono nel clima mediterraneo e le aree rocciose sono i loro habitat, quindi non giungete mai sotto una roccia senza prima controllare attentamente. Tenete lo zaino sempre chiuso se lo si tiene fuori, e non dimenticate di controllare prima l'interno delle scarpe, se le toglite per un po' di tempo.

Sulle spiagge pubbliche affollate (cioè quelle che non sono di proprietà e racchiuse da un hotel resort), non lasciate incustoditi gli oggetti di valore come telefoni cellulari e macchine fotografiche, o meglio ancora, non portateli in spiaggia. Mentre molte spiagge sono sorvegliate dalla polizia e dalle telecamere di sicurezza, ci sono ancora segnalazioni di piccoli furti. Comunque, le città del Mediterraneo sono molto sicure (e le forze di sicurezza sono molto ansiose di mantenerle così), anche se potrebbero esserci aree difficili in grandi città come Antalya, Mersin e Adana.

Altri progetti