Scarica il file GPX di questo articolo

Europa > Turchia > Regione dell'Anatolia Centrale

Regione dell'Anatolia Centrale

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Regione dell'Anatolia Centrale
Paesaggio della Cappadocia
Localizzazione
Regione dell'Anatolia Centrale - Localizzazione
Stato

Regione dell'Anatolia Centrale è una regione turistica della Turchia.

Da sapere[modifica]

A parte gli scontati paesaggi della steppa e il paesaggio lunare della Cappadocia, l'Anatolia centrale offre una ricchezza di monumenti risalenti ad un'ampia gamma di civiltà.

Mentre gli abitanti della regione oggi sono in gran parte noti per la loro visione del mondo conservatore, gruppi di giovani del luogo, e il liberalismo guidato dal turismo in Ankara, Cappadocia, e più in particolare nella città universitaria di Eskişehir spingono la cultura della regione ad adeguarsi ai tempi moderni.

Quando andare[modifica]

Temperato continentale con quattro stagioni distinte, anche se la primavera e l'autunno tendono ad essere brevi periodi di transizione tra estate e inverno. Gli inverni sono spesso innevate e ben al di sotto del punto di congelamento, e temperature fino a -20 °C non sono rare, ma sono le zone orientali della regione che vedono i numeri più bassi nel termometro. Tuttavia, data la mancanza di umidità a causa della totale assenza di influenze marittime, si sente meno freddo delle città costiere come Istanbul, a meno che non sia inferiore a -10 °C. Le estati sono caratterizzate da giornate di sole con un caldo non appiccicoso, fresche serate e notti fredde. La primavera tende ad essere la stagione più piovosa, ma con una quantità piovosità annua pari a poco più di climi desertici, è improbabile di incontrare forti temporali in una qualunque parte della regione.

Cenni storici[modifica]

Çatalhöyük, che esisteva circa tra il 7500 aC e il 5700 aC nella steppe est di Konya, è stato il primo insediamento mai trovato in territorio che oggi costituisce la Turchia, e infatti è uno dei luoghi più antichi al mondo che testimonia uno stile di vita sedentario.

Il primo importante popolo che è salito al potere in Anatolia centrale è stato il Regno di Ittiti, una nazione antica di lingua indoeuropea e contemporanea al faraonico Egitto (con cui era spesso in guerra). Gli ittiti occuparono la maggior parte di Anatolia centrale, così come grandi porzioni delle regioni limitrofe, fino ad arrivare a sud con la Siria.

Più tardi, nel X secolo aC, arrivarono i Frigi da nord-ovest, molto probabilmente dalla Tracia nel sud-est della penisola Balcanica, stabilendosi nel tratto occidentale della regione. Frigi avevano scolpito ancora imponenti templi all'aria aperta sui fianchi delle montagne sacre per la loro dea madre Cibele.

Invasa successivamente dai Lidi da ovest e Persiani da est, la regione fu poi travolta dall'esercito di Alessandro Magno sulla strada per l'India, che ha tagliato il famoso nodo gordiano in Gordio, le rovine di cui oggi si trovano 60 km a ovest di Ankara, vicino Polatlı.

Poi arrivarono i Celti nel 278 aC, che un tempo occupava tutta Europa dalle isole britanniche all'Anatolia centrale, e fondarono il Regno di Galazia nelle zone centrosettentrionali della regione. Furono sconfitti dai Romani, che hanno mantenuto il nome e amministrato la regione come la Provincia di Galazia.

L'Anatolia centrale, Cappadocia in particolare, era uno dei covi di spesso oppressi primi cristiani, che fondarono città sotterranee e chiese nascoste per evitare la persecuzione. I Bizantini mantennero la tradizione di trasformare il paesaggio naturale della Cappadocia in uno religioso, con chiese splendidamente dipinte e modellate in naturali "camini delle fate".

Dopo la battaglia di Manzikert del 1071 che ha avuto luogo nella Regione dell'Anatolia Orientale, le tribù turche hanno cominciato ad apparire in Anatolia centrale, che è infatti la regione con la più lunga storia di insediamenti turchi in quella che è oggi è conosciuta come Turchia, forse a causa della somiglianza della regione loro patria in Asia centrale, in termini di geografia e clima. Tribù unite in Sultanato di Rum (Seljuqs), che aveva il suo centro nella regione.

Dopo la scomparsa del Sultanato, l'amministrazione regionale si dissolse in una serie di piccoli emirati, di cui un estraneo, gli ottomani , che prevalse uno per uno su tutti gli altri. Durante la maggior parte del periodo dell'Impero Ottomano, prevalentemente incentrato sulla Regione di Marmara e Balcani, questa regione è stata vista come una zona stagnante, il che può spiegare l'assenza di monumenti ottomani su larga scala. Questa regione fu integrata con mercati all'aperto nel tardo 19° secolo, con l'arrivo della linea ferroviaria Berlino-Baghdad, uno dei progetti più ambiziosi dell'epoca del colonialismo.


Territori e mete turistiche[modifica]

  • Cappadocia — Terra dei "camini delle fate" e dalle città sotterranee.

Centri urbani[modifica]

  • Afyonkarahisar (o Afyon) — Città tradizionale con un impressionante cittadella collocata sulla sommità di una collina. Il nome significa "Nero Castello dell'Oppio".
  • Aksaray
  • Ankara — Capitale e a seconda città più grande della Turchia.
  • Divriği — Sito patrimonio dell'UNESCO in cui è stata costruita la Grande Moschea.
  • Eskişehir — Città universitaria abbastanza liberale situata lungo un fiume con piacevoli ponti e sculture.
  • Karaman
  • Kayseri — Grande città vicino al monte Erciyes, un ottimo centro sportivo invernale.
  • Kemerhisar — Cittadina vicino all'antica città di Tiana e sorgenti di acque minerali.
  • Konya — Sito del mausoleo di Rumi, e molti bei monumenti selgiuchidi.
  • Kütahya — Città famosa per la sua tradizione di piastrelle/maiolica fin dai tempi ottomani. Campo base per la visita del Tempio di Zeus in Aizonai.
  • Kırıkkale
  • Kırşehir
  • Nevşehir — Capoluogo della Cappadocia.
  • Niğde
  • Sandıklı — Città nota per le sue sorgenti calde.
  • Sivas — Sito di un complesso selgiuchidi Madrese, così come il sito del Congresso di Sivas che predispose la Guerra Turca di Indipendenza.
  • Yozgat
  • Çankırı

Altre destinazioni[modifica]


Come arrivare[modifica]

Desolata strada rurale nelle steppe a nord di Ankara

In aereo[modifica]

L'aeroporto di Esenboğa ad Ankara è il principale internazionale aeroporto nella regione, anche se non è alla pari con la maggior parte degli altri aeroporti delle capitali del mondo. Gestisce un ristretto numero di collegamenti internazionali e di solito si deve far scalo in uno degli aeroporti di Istanbul quando si arriva dall'estero. Anche Konya, Kayseri e Sivas hanno degli aeroporti da cui partono/arrivano frequenti voli per le tratte nazionali.

In auto[modifica]

Autostrade larghe e ben asfaltate collegano la regione in tutte le direzioni.

In nave[modifica]

Questa è una regione senza sbocco sul mare e il flusso irregolare dei fiumi non consentono alle barche di navigare a lungo. Tuttavia gli amanti della canoa potranno spostarsi più agilmente con questo mezzo.

In treno[modifica]

Ankara è ben servita dai treni passeggeri potendo arrivare quasi ovunque nel paese. La maggior parte delle linee hanno almeno un servizio giornaliero. Eskişehir è servita da treni provenienti da nordovest e ad ovest di Ankara, mentre i treni provenienti da est passano attraverso Sivas e Kayseri prima di giungere ad Ankara. I treni provenienti da sud passano anche attraverso Kayseri.


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

"Camini delle fate" a Göreme
Deserto di Karapınar
  • La maggior parte delle città della regione, in particolare Konya, Kayseri e Sivas, hanno un gran numero di monumenti costruiti dai Selgiuchidi, noti per i loro maestosi portali e le loro squisite murature su pietra.
  • 1 Tuz Gölü (letteralmente lago di sale) — Si trova nel centro dell'Anatolia centrale, tra Ankara, Konya e Aksaray, ed è il secondo lago più grande della Turchia dopo il lago di Van, anche se di due soli metri di profondità. Durante i mesi estivi, si volatilizza letteralmente lasciando dietro di sé un paesaggio pianeggiante e completamente bianco, proprio come un deserto di sale. Si può passeggiare e raccogliere sale con le proprie mani. È anche un buon posto per il birdwatching in quanto è un importante tappa per gli uccelli migratori sulla loro rotta dall'Europa all'Africa e viceversa durante la primavera e l'autunno. Non dimenticate di portare scarpe comode e occhiali da sole, in quanto il sole, grazie alla superficie salina, riflette doppio più forte.
  • 2 Campi di lava di Karapınar — Mentre vasti paesaggi della steppa in estate sono gialli a perdita d'occhio tali da soddisfare la maggior parte dei viaggiatori, il Karapınar è la meta ideale per coloro che hanno sete di un vero pezzo di deserto, una città quasi totalmente disabitata sul bordo di un deserto di sabbia (con dune e tutto) a circa 170 km a sud est di Konya. Dune del deserto fanno da sfondo drammatico per la zona boscosa, pesantemente imboschite a partire dal 1970 al fine di evitare un'ulteriore espansione del deserto.
  • 3 Sultanhanı — Cittadina tra paesaggi stepposi che prende il nome da un grandioso caravanserraglio (Han) del XIII secolo, situato al suo interno.


Cosa fare[modifica]


A tavola[modifica]

La maggior parte della cucina locale si basa sul grano e la carne di montone; due importanti prodotti agricoli di questa regione arida e stepposa. La Cappadocia tuttavia, presenta alcune pietanze locali a base di vegetali, grazie al suo terreno più fertile ed ai macedoni immigrati che si insediarono in zona nel 1920.


Sicurezza[modifica]


Altri progetti