Scarica il file GPX di questo articolo

Colombo (città)

Da Wikivoyage.
Colombo
කොළඹ
Veduta di Colombo
Stato
Regione
Superficie
Abitanti
Prefisso tel
Fuso orario
Posizione
Mappa dello Sri Lanka
Colombo (città)
Colombo
Sito istituzionale

Colombo è l'ex capitale di Sri Lanka.

Da sapere[modifica]

Lontana dall'avere l'aspetto delle megalopoli asiatiche, Colombo assomiglia piuttosto a una città di provincia anche se non è esente da problemi di inquinamento atmosferico e traffico veicolare. Distando appena 5 km dall'aeroporto internazionale costituisce per i più la porta d'ingresso al paese. Molti si fermano a Colombo il tempo strettamente necessario per noleggiare un auto o prendere un treno o un autobus che li condurrà ad altre destinazioni turistiche.

Cenni geografici[modifica]

La città di Colombo si trova sulla costa occidentale dell'isola di Sri Lanka alla latitudine Nord di 6.8806° e alla longitudine Est di 79.8639°. Il tratto di costa dove oggi sorge la città era in gran parte paludoso e coperto da una fitta giungla. Furono i dominatori britannici ad avviare una grande opera di bonifica intorno alla metà del XIX secolo. Tuttora nel centro di Colombo si estende il lago di Beira che è il residuo di questa zona paludosa.

Secondo il censimento del 2001 la popolazione ufficiale era di 642,000 abitanti. Se si comprendono i sobborghi notevolmente estesi questa cifra dovrebbe risultare oggi più che triplicata. Sempre secondo i risultati di quel censimento, il 45% della popolazione urbana appariva costituito da genti di etnia cingalese. I Tamil erano attestati su un abbondante 28%. Seguivano i Mori di Sri Lanka con una percentuale del 23,87%. Con questo termine si intendono genti di fede islamica discendenti dagli antichi mercanti arabi che tuttora detengono il monopolio dei commerci del paese.

Quando andare[modifica]

Secondo alcuni il miglior periodo per visitare Colombo va da febbraio ad aprile, mesi caratterizzati dall'assenza di piogge. A febbraio in particolare le temperature sono molto miti essendo attestate su 22°. Nei due mesi successivi salgono fino a superare i 30°. Da maggio ad agosto decorre la stagione del monsone di Sud-ovest caratterizzata da abbondanti piogge. Anche il periodo ottobre-gennaio è stagione di piogge, questa volta portate dal monsone di Nord-est che è comunque di minore intensità. Le escursioni di temperatura, sia annuali che diurne, non sono mai rilevanti essendo la città situata appena 6° sopra la linea equatoriale. Piuttosto è il tasso di umidità che sale di parecchio nella stagione delle piogge a causare qualche fastidio.

Cenni storici[modifica]

Si suppone che il porto di Colombo sia di origine molto antica e che fin dal tempo di Augusto fosse frequentato da navi di mercanti arabi che fornivano di spezie l'occidente greco-romano. Un viaggiatore cinese del V secolo d. C., tale Fa Hsien, fa accenno nel suo resoconto di viaggio al porto di Kalambu da identificarsi senz'altro con l'odierna Colombo. Anche il geografo arabo Ibn Battuta, vissuto mille anni più tardi, menziona il porto e la città di Colombo. I Portoghesi vi fecero la loro comparsa nel 1507, anno in cui vi crearono uno scalo commerciale con l'autorizzazione del re di Kotte. Nel 1656 gli Olandesi spodestarono i Portoghesi dai loro insediamenti nell'isola di Ceylon. I nuovi padroni però preferirono stabilire il loro quartier generale a Galle. Fu solo sotto il dominio britannico, avvicendatosi a quello olandese nel 1796, che Colombo conobbe uno straordinario sviluppo, divenendo capitale dell'isola nel 1815. La città mantenne il suo ruolo di capitale anche dopo il 1948, anno della proclamazione dell'indipendenza dell'isola. Nel 1985 la capitale fu però spostata a Sri Jayawardenepura Kotte.

Dagli anni '80 numerosi sono stati gli attentati perpetrati dalle tigri Tamil (Ltte). L'ultimo di cui si ha notizia risale al 10 gennaio 2008, quando una bomba è stata collocata in una cabina telefonica vicino l'albergo Hilton.

Come orientarsi[modifica]

È invalso l'uso di suddividere la città di Colombo in 15 distretti postali ciascuno dei quali comprende uno o più quartieri. Di seguito questa divisione è riportata quasi per intero ma è doveroso precisare che i quartieri con un qualche interesse turistico sono essenzialmente quattro: (1) Il Fort con la zona del lungomare immediatamente a sud del World Trade Center. (2) Pettah, l'affaccendato quartiere dei commerci. (3) Cinnamon Gardens, il quartiere delle ambasciate e dei musei. (4) Havelock Town, il quartiere dell'Università. Una mappa del centro con la segnalazione dei luoghi notevoli è reperibile in rete.

Palazzo Ghafoor del XIX secolo sulla York Street, nel quartiere di Fort
  • Fort (Colombo 1) - Il centro di Colombo è costituito da questo quartiere che prende il suo nome da una antica fortezza costruita dai Portoghesi e ampliata dagli Olandesi ma demolita al tempo del dominio britannico. Il distretto è compreso tra il porto a nord e il lago di Beira a sud. Ad Est un canale lo separa dal quartiere di Pettah. Nel Forte si trova il World Trade Centre e il palazzo del vecchio parlamento. Oggi il Fort è soprattutto il quartiere della finanza e degli alberghi di lusso. Per motivi di sicurezza alcune zone del Fort come il porto sono soggette a restrizioni e non sono visitabili. Se ne può avere però una veduta d'insieme dalla terrazza del Grand Oriental Hotel.
  • Pettah (Colombo 11) - Il quartiere commerciale di Colombo le cui strade polverose, sudicie e dagli odori assai pungenti costituiscono un immenso bazar a cielo aperto pieno di mercanzie di ogni genere proposte da una moltitudine di ambulanti. Vi si trovano anche numerosi templi indù, moschee e chiese. Come in altre città asiatiche, ogni strada è votata a un particolare tipo di commerci; così Gabo's line è la strada dei negozi con prodotti ayurvedici. Sea street è invece la strada degli orefici e delle gioiellerie. Nella zona meridionale di Pettah si trova la piccola stazione ferroviaria, rimasta inalterata dall'anno della sua costruzione.
  • Slave Island (Colombo 2) - Questo quartiere esteso a sud del Fort e compreso tra il lungomare Galle Face Green e il lago di Beira è a maggior rischio di attentati per la presenza di numerose caserme sul suo territorio. Sulle rive del lago si trova il tempio buddista di Gangaramaya.
  • Kollupitiya (Colombo 3) - La zona del lungomare appena a sud del Fort. Vi si trova il Galle Face Green, tradizionale luogo della passeggiata domenicale per molte famiglie di Colombo. Il luogo si estende per mezzo km circa a sud del World Trade Center e del vecchio parlamento. Fu sistemato nel 1859 per volontà dell'allora governatore britannico Sir Henry Ward. A quell'epoca vi si svolgevano gare ippiche. Il passeggio odierno attira numerosi venditori ambulanti, soprattutto di panini e di gelati. Lungo questo tratto di lungomare si trovano gli alberghi Ceylon Intercontinental e il Galle Face Hotel che con i suoi arredi evoca i fasti del periodo coloniale britannico. Vi si trovano anche gli edifici della Università di Colombo [1] con l'annessa biblioteca.
  • Bambalapitiya (Colombo 4) — Chiamata più semplicemente "Bamba", è la zona sul lungomare a sud di Kollupitiya. Fino agli inizi del XIX Colombo 4 era totalmente ricoperta da una fitta giungla infestata dai serpenti.
  • Havelock Town, Kirullapone (Colombo 5) — Due quartieri dell'entroterra, ad est di Bambalapityia. Al numero 55 di Jawatta road si trova la sede della nostra rappresentanza diplomatica e, non molto distante la chiesa cattolica.
  • Wellawatte, Pamankada, Kirulapone — Questi 3 quartieri, estesi a sud di Kollipitiya costituiscono il distretto postale di Colombo 6
La sede del Royal College a Colombo 7
  • Cinnamon Gardens (Colombo 7) — In epoca coloniale era un quartiere elegante come dimostrano le sue vecchie case che si affacciano su viali alberati. Molte di queste ville costituiscono oggi sedi di rappresentanze diplomatiche. Nel suo territorio si trova il parco Viharamahadevi, l'unico di una certa estensione in tutta Colombo. Entro i limiti del parco si trova il museo Nazionale e, alla sua estremità nord orientale, il palazzo municipale. Nelle vicinanze si trova anche la sede del Royal College istituito nel 1835 [2].
  • Hultsdorf (Colombo 12) — A est di Pettah
  • Kotahena & Kochchikade (Colombo 13) —
  • Grandpass (Colombo 14) —
  • Mutuwal, Modara, Mattakuliya, Madampiltyia (Colombo 15) —

Sobborghi[modifica]

Il centro di Colombo, normalmente diviso in distretti postali, è attorniato da numerosi sobborghi che accolgono un'alta percentuale della popolazione complessiva del paese. Sono sobborghi anonimi con interesse turistico nullo o quasi eccezion fatta per:

  • Sri Jayawardenepura Kotte — La capitale ufficiale del paese dal 1985 si estende poco oltre la frangia dei sobborghi orientali di Colombo, così da essere considerata essa stessa un vero e proprio sobborgo di Colombo. Occupa il sito dell'antica Kotte ove regnava una dinastia cingalese, al tempo in cui fecero la loro apparizione i primi naviganti portoghesi.
  • Dehiwala — Un sobborgo industriale piuttosto brutto ma è noto per il suo zoo che accoglie varie specie di felini. Gli elefanti sono stati addestrati e vi si esibiscono in una specie di danza per la delizia dei visitatori sia locali che stranieri.
  • Mount Lavinia — A circa 11 km dal centro e quasi attaccata a Dehiwala, si trova questa stazione balneare famosa per un albergo d'epoca, il Mount Lavinia Beach Hotel, descritto nella rubrica dedicata agli alberghi.


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

Bandaranaike International Airport

Bandaranaike International Airport (IATA: CMB, ICAO: VCBI) è l'unico aeroporto internazionale del paese. Si trova a 35 km dal centro di Colombo, in località Katunayake. I trasferimenti da/per l'aeroporto avvengono normalmente in taxi ma è possibile servirsi di autobus che fanno capolinea nel quartiere di Pettah ad est della stazione ferroviaria.

Compagnie che operano collegamenti con aeroporti italiani:

Altre:

La compagnia nazionale è la SriLankan Airlines. Effettua voli diretti da Roma-Fiumicino. Altri partono da Londra (Heathrow), Parigi (Charles de Gaulle), Francoforte - Monaco, Zurigo, Vienna. Generalmente effettuano uno scalo in un aeroporto del Medio Oriente.

In nave[modifica]

Per quanto il porto di Colombo abbia una notevole importanza commerciale, non esistono navi passeggeri che provvedano a collegarlo con i porti della vicina India e tanto meno con quelli del sud-est asiatico e dell'Indonesia. Vero è che sono sempre più numerose le navi da crociera che vi fanno scalo provenienti dalla lontana Taiwan e anche dal più lontano Giappone

In treno[modifica]

Stazione di Fort

La stazione ferroviaria si trova nel quartiere di Fort. I treni sono estremamente lenti ma sono ugualmente raccomandabili per la bellezza dei panorami che offrono. Il viaggio in treno fino a Badulla nella provincia di Uva è spettacolare: cascate, piantagioni di tè e foreste si dispiegano agli occhi dei passeggeri.


Come spostarsi[modifica]

In taxi[modifica]

Gli spostamenti avvengono quasi sempre in taxi in quanto gli autobus pubblici non possono essere presi in considerazione. Un'alternativa al taxi potrebbe essere costituita dai tuk-tuk che in teoria dovrebbero essere più economici se non fosse per l'abitudine di questi conducenti di richiedere ai visitatori stranieri il triplo e anche più della somma normalmente sborsata dai locali.

Con tour guidati[modifica]

Se avete fretta, rivolgetevi a una visita guidata per ottimizzare i tempi.


Cosa vedere[modifica]

Nel quartiere del Fort[modifica]

Lighthouse Clock Tower
Le torri gemelle del World Trade Center e alla loro sinistra il grattacielo della Bank of Ceylon. In primo piano la silhouette dell'albergo Galadari e il basso edificio neoclassico del "Colombo Secretariat Building"
Galle Road, il lungomare di Colombo con esercizi di ambulanti che vendono gelati, sandwich e finanche pizza
  • Lighthouse Clock Tower (All'incrocio delle vie Janadihipathi Mawatha e Chatham, nel quartiere del Fort). La torre dell'orologio fu commissionata dalla moglie di Sir Henry Ward, governatore britannico di Ceylon con il proposito di aiutare i locali ad essere più puntuali. Fino al 1950 la torre funse anche da Faro.
  • Cargills & Millers. Questi magazzini e l'edificio dalla caratteristica facciata rossa che li ospita sono protetti per legge e non possono essere demoliti.
  • World Trade Center. Echelon Square, Colombo 01 Sito web. Un complesso moderno assurto a simbolo di Colombo. È costituito da due torri gemelle di 35 piani dove hanno sede uffici di società private o gestite dallo stato. Un altro grattacielo ospita la Bank of Ceylon (BOC), la maggiore del paese. Intorno al complesso si stagliano tre dei più prestigiosi alberghi di Colombo: l'hotel Hilton, il Galadari hotel e il Ceylon Continental Hotel.
  • Colombo Secretariat Building. Un edificio coloniale costruito tra il 1920 e il 1930 che ha accolto fino al 1985 la camera legislativa. La facciata, di stile neoclassico, è ornata da colonne di ordine ionico. Il progetto fu curato dall'architetto A. Woodson, a quel tempo responsabile del dipartimento delle opere pubbliche. I lavori della camera di consiglio presero avvio il 29 gennaio 1930 sotto l'egida del governatore Sir Herbert J. Stanley. Un anno più tardi il nome fu mutato in consiglio di Stato. Dopo la proclamazione dell'indipendenza assunse il nome di Camera dei Rappresentanti. Dopo la riforma della costituzione del 1972 divenne sede dell'Assemblea di Stato.

Nel quartiere di Slave Island[modifica]

'Gangaramaya Vihara


Nel quartiere di Pettah[modifica]

La moschea Jami Ul Alfar
Wolfendahl church
  • Kathiresan Kovil. Un complesso di templi indù, dedicato a Skanda, il dio della guerra nel pantheon induista. Il complesso si affaccia su Sea street, la strada delle oreficerie ed è costituito da "gopuram", ovvero torri riccamente decorate con statue secondo un modello tipico dell'India meridionale e diffuso soprattutto nello stato di Tamil Nadu. Da qui parte la processione con carri trainati da buoi in occasione della festa annuale del Vel.
  • Moschea di Jami Ul Alfar. Nota più semplicemente come moschea di Pettah è tra le più antiche di Colombo ed ha una caratteristica facciata in bricchi rossi e neri.
  • Kerkhof (Old Dutch Cemetery), Front street. L'antico cimitero olandese.
  • Dutch Period Museum HousePrince street, 95. Simple icon time.svg Ven-Mar 09:00-17:00. Il museo è ospitato in una modesta costruzione che fu la residenza di Thomas van Rhae, un governatore olandese (1692-1697). Al tempo del dominio britannico la casa fu adibita ad ospedale e in seguito a ufficio postale. Il museo fu aperto al pubblico nel 1982. Le collezioni, piuttosto modeste comprendono manoscritti, armi, monete e mobili d'epoca.
  • Wolvendaal Church. Una chiesa sulla cima di una collinetta ad est della piazza detta "Kayman's Gate" dove confluisce la strada principale di Pettah in un quartiere piuttosto brutto e dal traffico intenso. La sua costruzione risale al 1749. Al suo interno si trovano le pietre tombali dei governatori olandesi van Eck, Falck e van Angelbeek.

Nel quartiere di Cinnamon Gardens[modifica]

Colombo Town Hall
Museo Nazionale di Colombo
  • Museo Nazionale di Colombo. La maggiore attrazione cittadina è costituita da questo museo, ospitato in un palazzo del 1877 realizzato su progetto dell'architetto James Smithers, allora al servizio del locale dipartimento delle Opere Pubbliche. L'edificio, dalle forme neoclassiche, ha servito da sfondo ad alcune riprese del film "Gandhi". Notevoli le collezioni tra le quali spiccano statue in bronzo e in pietra raffiguranti divinità brahmaniche.
  • Parco Viharamahadevi. L'unico parco pubblico cittadino. Fu creato durante il periodo coloniale inglese come Victoria Park in onore della regina Vittoria. Vi si trovano fontane decorative e una grande statua dedicata al Buddha, oltre a un minuscolo zoo.
  • Colombo Town Hall. All'estremità nord orientale del parco Viharamahadevi, il palazzo municipale dalla candida facciata e sormontata da una cupola che ricorda in scala ridotta Capitol Building nel Washington, D.C, fu costruito nel 1927.

Nel distretto postale di Colombo 7[modifica]

Bandaranaike Memorial International Conference Hall
  • Bandaranaike Memorial International Conference Hall (BMICH), Bauddhaloka Mawatha, Colombo 7. Un palazzo di forma ottagonale realizzato nel 1975 con fondi del governo della Repubblica Popolare Cinese per onorare la memoria di S.W.R.D Bandaranaike, primo ministro assassinato nel 1959. La sala interna può ospitare 1.500 persone. A fianco si trova una replica della statua di Aukana Budda e la "Independence Commemoration Hall" in stile tradizionale cingalese. La sala delle conferenze viene usata per eventi fieristici.


Eventi e feste[modifica]

  • Navam Perahera. Festa buddista che coincide con la notte di plenilunio di febbraio e prevede processioni di elefanti che partono dal monastero di Gangaramaya, sulle rive del lago di Beira.
  • Giorno dell'Indipendenza. Simple icon time.svg 4 febbraio. Celebrazione accompagnata da parate.
  • Nuovo anno. Simple icon time.svg 13 e 14 aprile. Viene celebrato dalle comunità cingalesi e Tamil.
  • Festa del Vel. Simple icon time.svg Nel mese di Esala corrispondente ai nostri luglio-agosto. Festa indù in onore del dio Skanda che comporta processioni di carri trainati da buoi che partono nel quartiere di Pettah.


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]

  • LaksalaYork Street, 60 (Quartiere del Fort). Simple icon time.svg 09:00-17:00. Un centro commerciale a gestione statale dove è possibile reperire una grande varietà di oggetti artigianali e in diversi materiali, anche pregiati. Sono proposti inoltre tessuti, ricami, batik e qualche gioiello.
  • BarefootGalle Road, 704, +94 11 2580114, @ . Tessuti, oggetti artigianali e artistici.
  • ARENA338 T. B. Jaya Mawatha. Articoli di vestiario.
  • Duty Free Complex. Situato all'interno dell'aeroporto internazionale di Katunayake. Oltre a sigarette, alcolici e profumi sono proposti in vendita articoli elettronici, giocattoli, tappeti e anche qualche articolo casalingo. Gli acquisti al Duty Free non possono essere effettuati in valuta locale ma solo straniera o in travelers checks.


Nella zona del lungomare (Galle Road) si trovano quattro centri commerciali dove è possibile trovare di tutto dai gioielli fino al famoso tè di Ceylon.

  • Liberty Plaza (All'incrocio delle strade "RA de Mel Mawatha" e "Ananda Kumaraswamy Mawatha", ad un isolato dal lungomare).
  • Crescat Boulevard75, Galle Road.
  • Unity Plaza.
  • Majestic City10, Station Road. Simple icon time.svg Aperto fino alle 22:00. Un centro commerciale nel quartiere di Bambalapitiya.


Alcune delle gioiellerie più famose sono:


Come divertirsi[modifica]

Locali notturni[modifica]

La vita notturna si svolge nei night clubs ospitati all'interno dei grandi alberghi del Fort.

Dove mangiare[modifica]

I ristoranti migliori e di cucina occidentale sono all'interno dei grandi alberghi. Chi non teme di infuocare il proprio palato con la micidiale miscela di spezie che accompagnano ogni cibo locale avrà la soddisfazione di spendere pochissimo danaro.

Dove alloggiare[modifica]

Prezzi modici[modifica]

Prezzi medi[modifica]

Prezzi elevati[modifica]

Albergo Galle Face
Mount Lavinia Hotel
  • Mount Lavinia Hotel (Nel sobborgo omonimo, 11 km a sud del centro, lungo la strada per Galle). Costruito su uno sperone roccioso che domina due lunghi arenili, l'albergo conserva l'incanto del periodo coloniale ma è dotato di tutti i moderni comfort. Annovera 275 stanze, quattro ristoranti, una piscina, un business center e numerosi negozi. La villa fu realizzata tra su commissione di Thomas Maitland, governatore britannico di Ceylon dal 1805 al 1811.
  • The Havelock Place BungalowHavelock Place nº 6-8 (Nell'omonimo quartiere di Havelock), +94 11 2585191, +94 11 2506153, +94 11 2506154, fax: +94 11 2584655. Ecb copyright.svg Prezzi a partire da 100 $ (anno 2008). Boutique hotel. composto da due case di epoca coloniale recentemente restaurate. Tra i servizi offerti wireless Internet, piscina e ristorante
  • Airport Garden Hotel (Vicino l'aeroporto, sulla laguna di Negombo), +94 11 2253771, +94 11 252950, fax: +94 11 2252953, @ .


Sicurezza[modifica]

Colombo era in passato una città ad alto rischio per l'eventualità sempre incombente di attentati. Oggi questo pericolo sembra scongiurato per sempre in seguito all'uccisione nel maggio 2009 di Velupillai Prabhakaran, capo delle Tigri Tamil da parte dell'esercito regolare.

Numeri di emergenza:

  • Vigili del fuoco: +94 11 242 2222 oppure 110
  • Pronto Intervento Polizia 119
  • Pronto Intervento Polizia di Colombo +94 11 243 3333
  • Squadra antiterrorismo (Bomb Disposal Army Squad): +94 11 243 4251

Precauzioni sanitarie:

  • Pronto Soccorso (Ospedale generale di Colombo) : +94 11 269 1111
  • Servizi di Ambulanza
    • St John +94 11 243 7744
    • Croce Rossa (Sri Lanka Red Cross) +94 11 267 2727


Come restare in contatto[modifica]


Nei dintorni[modifica]

Escursioni nei dintorni[modifica]

  • Kalaniya — Località a 9 km dal centro e lungo la strada per Kandy ove si trova il Raja Maha Vihara (Grande Monastero Reale) ricostruito dopo essere stato distrutto dai Portoghesi nel XVI secolo. La grande cupola del monastero (Dagoba) conserva la forma originaria del XIII secolo.

Itinerari[modifica]

Da Colombo partono a raggiera strade e ferrovie dirette ai principali centri turistici del paese.


Altri progetti

2-4 star.svg Usabile: l'articolo rispetta le caratteristiche di una bozza ma in più contiene abbastanza informazioni per consentire una breve visita alla città. Utilizza correttamente i listing (la giusta tipologia nelle giuste sezioni).