Scarica il file GPX di questo articolo

Europa > Italia > Italia nordoccidentale > Lombardia > Bassa del Po di Lombardia > Oglio Po > Voltido

Voltido

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Voltido
Il Municipio
Stato
Regione
Territorio
Altitudine
Superficie
Abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Posizione
Mappa dell'Italia
Voltido
Voltido
Sito istituzionale

Voltido è un centro della Lombardia.

Da sapere[modifica]

Cenni geografici[modifica]

Situato nella pianura padana sulla destra del canale Delmona, nella parte settentrionale del comprensorio Oglio Po, a poca distanza dall'Oglio, dista 18 km. da Casalmaggiore, 30 da Cremona, 30 da Viadana.

Cenni storici[modifica]

Probabilmente abitato già dai Romani, in passato fu poi chiamato Aldendum, cioè terra di aldi, uomini semiliberi secondo le usanze longobarde. A loro fu affidato probabilmente il compito di coltivare il territorio intorno al VI secolo dopo Cristo. Nel X secolo fu possesso del monastero benedettino di Nonantola.

Le sue vicende dipesero spesso da quelle dei centri vicini, come Piadena e Drizzona. Nel Trecento il borgo fu coinvolto nelle lotte fra guelfi e ghibellini; nel 1306 infatti subì devastazioni da parte dei mantovani e dei bresciani come ritorsione verso i ghibellini cremonesi. Ebbe molte infeudazioni: i Sanseverino, i principi di Stigliano e, verso la fine del Seicento, gli Araldi che lo ebbero insieme a Piadena e a Drizzona.

Come orientarsi[modifica]

Quartieri[modifica]

Il territorio di Voltido comprende anche i centri di Recorfano e Colombarolo.

Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

Italian traffic signs - direzione bianco.svg

In auto[modifica]

I caselli autostradali più vicini sono quelli di

È a poca distanza dalle ex strade statali:

In treno[modifica]

Italian traffic signs - icona stazione fs.svg

Stazione a Piadena:


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

San Michele
  • 1 Chiesa parrocchiale di San Michele. L'aspetto attuale è il risultato di un rifacimento tardo ottocentesco. La facciata è a due ordini con timpano che sovrasta una bifora con arco a tutto sesto. L'interno è ad una sola navata e conserva una statua tardo rinascimentale.
  • Villa Casalini. La villa Casalini è costituita da un nucleo Seicentesco e da una corte rustica che ingloba i resti di una precedente fortezza. È ancora visibile un torrione quattrocentesco.
  • 2 Municipio. Fu costruito, con sobrie linee, nella prima metà dell'Ottocento; su un fianco esiste ancora una bassa costruzione, su un lato del cortile, che costituiva la ghiacciaia pubblica e che fu edificata nel primo ventennio del Novecento.

A Recorfano[modifica]

  • Villa Decio Furchino. Risale al XVIII secolo.


Eventi e feste[modifica]

  • Sagra di San Michele. Simple icon time.svg il 29 settembre.
  • Sagra di San Rocco (a Recorfano). Simple icon time.svg il 16 agosto.


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]


Come divertirsi[modifica]


Dove mangiare[modifica]


Dove alloggiare[modifica]


Sicurezza[modifica]

Italian traffic signs - icona farmacia.svg Farmacia

  • 6 Priori, Via Libertà, 31 (a Piadena), +39 0375 98146.


Come restare in contatto[modifica]

Poste[modifica]

  • 7 Poste italiane, Via Libertà 2, +39 0375 389787, fax: +39 0375 389778.

Tenersi informati[modifica]

  • Oglio Po news. Quotidiano informatico dell'Oglio Po.
  • L'Inviato. Quotidiano on-line della provincia - Cronaca di Casalmaggiore.
  • La Provincia, Via Pozzi, 15, +39 0375 200493, fax: +39 0375 201466. Giornale quotidiano - Redazione di Casalmaggiore.


Nei dintorni[modifica]

  • San Giovanni in Croce — Villa Medici del Vascello è il castello della Dama dell’ermellino del famoso dipinto di Leonardo da Vinci. Fu proprio Cecilia Gallerani, la Dama del ritratto, ad iniziare la sua trasformazione da struttura militare a residenza signorile, illeggiadrendone l’aspetto guerresco della sua primitiva fondazione quattrocentesca. La Villa è circondata da un vasto parco e da un’alta muraglia che non impedisce di scorgerne l’elegante bellezza.
  • Casteldidone — Villa Mina della Scala è un’ affascinante costruzione castellana che racchiude in sé l’imponenza del castello e l’eleganza della villa. Costruito nel Cinquecento, rimaneggiato nel Seicento e poi nel Settecento, il Castello divenuto Palazzo e Villa si presenta ancora maestoso e affascinante nella campagna di Casteldidone, a poca distanza dall’altra splendida villa – castello di San Giovanni in Croce. 
  • Bozzolo — Città gonzaghesca, fu capitale di un ducato di un ramo collaterale dei Gonzaga. Vespasiano vi operò urbanisticamente prima di metter mano al suo capolavoro: Sabbioneta; con Giulio Cesare e Scipione definisce il proprio elegante aspetto urbano che risponde agli ideali cinquecenteschi. Delle antiche mura rimane invece solamente un breve tratto gravemente danneggiato da crolli ed incuria.
  • Sabbioneta — Città di fondazione, Patrimonio Mondiale dell'Umanità UNESCO, mantiene la cerchia muraria entro la quale è rimasta intatta la magia dell'urbanistica ideale realizzata da Vespasiano Gonzaga; il Teatro all'Antica, il Palazzo Ducale, la Galleria, la chiesa dell'Incoronata sono alcuni dei suoi monumenti che spiccano in un contesto che si è mirabilmente conservato.

Itinerari[modifica]

  • Nelle terre dei Gonzaga — Un itinerario attraverso i centri, grandi e piccoli, che furono capitali dei rami Gonzaga cadetti: principati, marchesati, ducati che, all'interno della compagine statale mantovana, godevano di una vera e propria indipendenza, spesso battevano moneta e tenevano corti raffinate che rivaleggiavano con quella mantovana, abbellivano i propri centri urbani dotandoli di eleganti architetture – chiese, piazze, palazzi, mura, torri - e di caratteristici scorci urbani come i tipici portici gonzagheschi.


Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard contiene informazioni utili a un turista e dà un'informazione sommaria sulla meta turistica. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.