Scarica il file GPX di questo articolo
Europa > Italia > Italia meridionale > Puglia > Salento > Lecce

Lecce

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search
Lecce
Collage Lecce.jpg
Appellativi
Stato
Regione
Altitudine
Superficie
Abitanti
Nome abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Patrono
Posizione
Mappa dell'Italia
Lecce
Lecce
Sito istituzionale

Lecce è una città della Puglia.

Da sapere[modifica]

Lecce è stata nominata Capitale italiana della cultura per il 2015, assieme a Ravenna, Cagliari, Perugia e Siena.

Cenni geografici[modifica]

Situata nel tacco d'Italia, nella parte meridionale della Puglia denominata Salento, di cui è la capitale storica e culturale, Lecce sorge al centro di una zona prevalentemente pianeggiante, a circa 10 km dalla costa adriatica e 30 km da quella Ionica.

La città presenta un originale tessuto urbano che le hanno meritato l'appellativo di "Firenze del Sud" o "la Signora del Barocco". All'interno del circuito murario cinquecentesco, la città racchiude testimonianze del periodo messapico, romano, medievale e soprattutto barocco che ne fanno una delle città d'arte più apprezzate e visitate dell'intero sud Italia.

Quando andare[modifica]

La città presenta un clima mediterraneo che ne consente la visita durante tutto l'anno, con temperature medie di +10° in inverno e +30° in estate. La sua posizione centrale nel Salento e la vicinanza delle principali stazioni balneari salentine la rendono inoltre un ottimo punto d'appoggio verso le mete turistiche estive.

Cenni storici[modifica]

Città messapica latinizzata "Lupiae", Lecce conobbe un periodo dorato sotto gli imperatori Marc'Aurelio e Adriano (durante il quale la città venne dotata di un teatro e un anfiteatro tuttora visibili).

Nel medioevo divenne una delle capitali culturali scelte dai conti normanni, ma fu solo nel XV secolo che Lecce raggiunse il periodo di massimo splendore, tanto da essere considerata la seconda città più importante del Regno di Napoli dopo la capitale. Nei due secoli successivi assunse l'aspetto tipico che la caratterizza (con ampliamenti significativi oltre il circuito murario che si riscontreranno solo durante l'epoca fascista) e divenne la capitale della Terra d'Otranto (corrispondente alle attuali province di Lecce, Brindisi, Taranto e parte del Materano).

Come orientarsi[modifica]

Il feudo di Lecce è piuttosto ampio e buona parte dei Comuni confinanti possono ritenersi quasi parte di esso, l'estensione del comune di Surbo è interamente annidata nel territorio leccese. Oltre a ciò esistono le marine di Frigole e di San Cataldo (la spiaggia dei leccesi) oltre alla frazione di Villa Convento

Quartieri[modifica]

  • Borgo San Nicola
  • Casermette
  • Castromediano (però frazione di Cavallino)
  • Leuca
  • Rudiae
  • San Massimiliano Kolbe
  • San Giovanni Battista
  • San Pio
  • San Sabino
  • Santa Rosa



Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

Lecce è collegata con l' Aeroporto del Salento di Brindisi, distante circa 45 km dal centro cittadino.


  • aeroporto 1 Aeroporto del Salento (Aeroporto di Brindisi-Casale), Contrada Baroncino, 72100 Brindisi (BR). Aeroporto internazionale distante circa 45 km da Lecce.

I collegamenti per arrivare a Lecce dall'Aeroporto del Salento sono garantiti da:

  • Shuttle Bus Gestito da SITA con destinazione Airport City Terminal Lecce (Viale Porta d'Europa, ingresso Nord Città di Lecce, a 100 m dall'Hotel Tiziano) con nove corse giornaliere e costo del biglietto di € 6 (a luglio 2013). È possibile acquistarlo a bordo senza alcun sovrapprezzo.
  • Il servizio ferroviario che collega la Stazione di Brindisi con la Stazione di Lecce (operato da Trenitalia) ha un tempo di percorrenza medio di 31 minuti, con partenze ogni mezz'ora circa (il servizio è spesso garantito anche in caso di sciopero). Il biglietto di corsa singola ha costi diversi, in funzione del tipo di treno utilizzato, ed è acquistabile online sul sito di Trenitalia, o presso la biglietteria e le emettitrici self service (ha una validità di 90 minuti dopo la convalida).
I costi indicativi (al 25/07/2013) sono:
Biglietti ferroviari Brindisi - Lecce
Regionale/Reg. veloce Intercity Frecciabianca Frecciargento
€ (Euro) 2,60 8,00 10,50 14,00
Per arrivare alla stazione di Brindisi sono presenti (oltre ai taxi) i bus della compagnia STP Brindisi. La linea è una circolare con capolinea presso l'aeroporto, attiva tutti i giorni dell'anno. Le corse vengono effettuate a partire dalle ore 5:30 (da via Cristoforo Colombo - Porta Mesagne) fino alle ore alle 23.45 (ultima partenza), ogni 30 minuti. In base alle condizioni del traffico, per raggiungere il centro città sono necessari dai 10 ai 15 minuti. Costo del biglietto di corsa semplice: € 0,90 presso le rivendite (in aeroporto presso la Libreria Giunti), a bordo (con sovrapprezzo) € 1,50.
  • Autonoleggio: è possibile noleggiare un'auto dall'aeroporto (sono presenti diversi operatori) ed in soli 25 minuti si arriva a Lecce tramite la SS613 (gratuita, due corsie per senso di marcia, limite velocità 110 km/h)

In auto[modifica]

  • Da Bari (direzione nord), al termine della rete autostradale, proseguire sulla SS16. All'altezza di Fasano è consigliabile proseguire sulla SS379 fino a Brindisi, infine imboccare la SS613 fino a Lecce. La città è circondata da un anello di superstrada (la tangenziale di Lecce) che consente di bypassare il centro con facilità.
  • Da Taranto (direzione est) è consigliabile immettersi sulla SS7 (Via Appia) e una volta giunti a Brindisi imboccare la SS613 per Lecce.

In nave[modifica]

Il porto più vicino è il Porto di Brindisi, a circa 35 km.

In treno[modifica]

La stazione ferroviaria di Lecce è la terminale di numerosi collegamenti diretti con il centro e nord Italia, gestiti dalle Ferrovie dello Stato e Trenitalia. Esiste anche la compagnia regionale delle Ferrovie Sud Est, che consente un collegamento della città con tutte le principali località del Salento.

  • stazione 2 Stazione di Lecce. Stazione Trenitalia e FSE. Stazione di Lecce su Wikipedia "stazione di Lecce" su Wikidata

In autobus[modifica]

Le principali autolinee extraurbane sono:

  • Elios (per Bari).
  • Marino (Ancona, Pesaro, Urbino, Milano, Torino, Reggio Emilia, Parma, Cremona, Brescia, Bologna, Modena, Mantova, Verona, Vicenza, Varese, Como, Perugia, Svizzera, Lussemburgo, Germania, Francia).
  • Marozzi (Roma, Padova, Pisa, Siena, Firenze).
  • Miccolis (Basilicata e Campania).

Nel periodo estivo, da giugno a settembre, è attivo un servizio di autobus turistici gestito dalla provincia di Lecce, chiamato Salentoinbus che permette il collegamento della città con i principali centri balneari della provincia.

Come spostarsi[modifica]

Con mezzi pubblici[modifica]

Le linee urbane sono gestite dalla compagnia SGM, con 20 linee regolari e 4 filobus.

In taxi[modifica]

Il servizio LecceTaxi permette spostamenti in città e nel Salento.

In auto[modifica]

Il centro di Lecce è area pedonale a traffico limitato ai soli residenti. È possibile parcheggiare lungo il perimetro della cinta urbana antica con prezzi che vanno dai 0,60 € ai 1,50 € all'ora (Luglio 2013). È pertanto consigliabile lasciare l'auto in uno dei vari parcheggi custoditi a ridosso del centro. Il principale parcheggio cittadino è il Parcheggio Comunale (ex Carlo Pranzo) sito su Viale dell'Università a 300 metri da Porta Napoli, uno dei principali accessi al centro storico. Il parcheggio si trova anche all'ingresso nord di Lecce venendo da Brindisi e costituisce un ottimo sistema per lasciare l'auto vicino al centro ma senza addentrarvisi. L'area è attrezzata anche a parcheggio camper, con prezzi modici (1,50€ per l'intera giornata) e con sistema di bike sharing (info su Bicincittà). Altro parcheggio cittadino è il Foro Boario, giusto all'ingresso da Brindisi e di fronte all'Hotel Tiziano.

In bici[modifica]

Estese parti del nucleo urbano di Lecce sono aree pedonali che la rendono pertanto adatta a essere percorsa in bicicletta. È dotata di piste ciclabili e di un servizio di bike sharing con tariffe agevolate anche per turisti (info su Bicincittà). In Piazza Sant'Oronzo è anche possibile noleggiare tandem a quattro ruote per due e quattro persone.

Cosa vedere[modifica]

Architetture religiose[modifica]

  • Attrazione principale 1 Duomo (Cattedrale metropolitana di Santa Maria Assunta). Costruita dal 1659 al 1670. Mirabile esempio dell'arte barocca porta la firma dello Zimbalo, che la costruì sui resti dell'antica cattedrale dell'Assunta (XII sec.). Suo anche l'alto Campanile a cinque piani (1682). A croce latina a tre navate, conserva all'interno fastosi altari e pregiati dipinti. Splendida la piazza, la cui forma attuale risale al 1761. Duomo di Lecce su Wikipedia "duomo di Lecce" su Wikidata
  • Attrazione principale 2 Basilica di Santa Croce. Simbolo del barocco leccese, alla sua costruzione (1646) attesero tre grandi architetti: G Riccardi pose mano alla struttura generale e alla parte inferiore della facciata, lo Zimablo al protiro a colonne binate e ai portali laterali, C. Penna alla parte alta del prospetto. Il grande rosone centrale di ispirazione romanica, la ricca cornice, le quattro colonne e le nicchie rendono, unitamente ai telamoni, alle creature fantastiche, agli animali, ai personaggi mitologici e storici presenti in facciata rendono questa chiesa un unicum conosciuto in tutto il mondo. Basilica di Santa Croce (Lecce) su Wikipedia "basilica di Santa Croce" su Wikidata
  • 3 Chiesa di Sant'Irene. Costruita dal 1591 al 1639. Progettata dal Grimaldi, fu dedicata dai Pp. Teatini alla Vergine di Tessalonica un tempo protettrice della città; reca per questo sull'alto frontone lo stemma civico, con la lupa che passa sotto un leccio coronato. Recentemente è stato restaurato l'annesso chiostro, ora sede di esposizioni ed eventi culturali. Chiesa di Sant'Irene (Lecce) su Wikipedia "chiesa di Sant'Irene" su Wikidata
  • 4 Chiesa di Sant'Anna. Con ex-conservatorio. Di epoca seicentesca con alto prospetto a due ordini e fastigio triangolare, fu disegnata dallo Zimbalo. Accanto il Conservatorio realizzato nel 1868 sulle vestigia di un asilo settecentesco per donne di nobile famiglia. Chiesa di Sant'Anna (Lecce) su Wikipedia "chiesa di Sant'Anna" su Wikidata
  • 5 Chiesa di San Giovanni Battista (Chiesa del Rosario). di S. Domenico di Guzman; all'interno è da notare l'unico pulpito della città in pietra leccese. Chiesa di San Giovanni Battista (Lecce) su Wikipedia "chiesa di San Giovanni Battista" su Wikidata
  • 6 Chiesa dei Santi Niccolò e Cataldo. Situata fuori le mura, fu voluta da Tancredi D'Altavilla nel 1180, ma fu abbandonata fino alla fine del XV sec. Medievali il rosone e il portale, mentre a G. Cino si deve la facciata ricostruita nel 1716. Chiesa dei Santi Niccolò e Cataldo su Wikipedia "chiesa dei Santi Niccolò e Cataldo" su Wikidata
  • 7 Chiesa di Santa Chiara. Ricostruita nel 1687, un tempo era annessa a un convento di clausura. Opera del Cino, la chiesa ha navata ottagonale con soffitto rivestito di cartapesta e altari lignei della fine del ' 600, attribuiti agli scultori napoletani Fumo e Catalano. Chiesa di Santa Chiara (Lecce) su Wikipedia "chiesa di Santa Chiara" su Wikidata
  • 8 Chiesa di San Matteo. Costruita dal 1667 al 1700. Del tutto estraneo alle architetture locali. Il modello è autentica rielaborazione della chiesa borrominiana di S. Carlo delle Quattro Fontane. Caratteristico il gioco della parte convessa del primo ordine con la parete concava del secondo. Elittico l'interno con di pinti settecenteschi e lo splendido altare maggiore. Chiesa di San Matteo (Lecce) su Wikipedia "chiesa di San Matteo" su Wikidata
  • 9 Monastero Olivetani. Su solo commissione fu realizzato il primo Chiostro (1559) con al Centro un pozzo con ricco baldacchino rinascimentale. Il secondo chiostro risale al 1639. Monastero degli Olivetani (Lecce) su Wikipedia "Monastero degli Olivetani di Lecce" su Wikidata
  • 10 Palazzo dei Celestini. Risalente al 1549. Il prospetto a bugne (1659-1695), reca la chiara firma dello Zimbalo nel motivo della punta lanceolata. Il disegno cinquecentescodel cortile è attribuito invece al Riccardi. Palazzo dei Celestini su Wikipedia "Palazzo dei Celestini" su Wikidata

Architetture militari[modifica]

  • 11 Castello Carlo V (Castello di Lecce). Costruita dal 1539 al 1549. Vera e propria fortezza, fu realizzata fu progetto di G.G. Dell'Acaya per ordine di Carlo V a difesa della città. L'interno è stato ampiamente rimaneggiato nel corso degli anni. La parte più antica è un mastio quadrangolare di epoca angioina. Castello di Lecce su Wikipedia "castello di Lecce" su Wikidata
  • 12 Porta Napoli. Conosciuto anche come Arco di Trionfo fu eretto nel 1548 in onore dell'imperatore Carlo V come ringraziamento per le fortificazioni che realizzò a difesa della città. Sorge dove un tempo era l'antica porta di S. Giusto. Vacanze in tour Porta Napoli (Lecce) su Wikipedia "Porta Napoli" su Wikidata
  • 13 Porta Rudiae. Risalente al 1703. L'epigrafe dedicatoria racconta la leggendaria origine della città ed è sormontata dalla statua di S.Oronzo, con ai lati i S.sIrene e Domenico. Sull'architrave i busti dei mitici fondatori di Lecce: Euippa, sposa di Idomeneo, Malennio, re dei salentini, Dauno, suo figlio e Idomeneo, che avrebbe dato il nome della città. Porta Rudiae su Wikipedia "Porta Rudiae" su Wikidata
  • 14 Porta San Biagio. Risalente al 1774. Segnava l'ingresso meridionale della città e prende il nome dalla statua di S. Biagio, vescovo di Sebaste, posta sulla sua sommità. Porta San Biagio (Lecce) su Wikipedia "Porta San Biagio" su Wikidata
  • 15 Torre di Belloluogo. Torre di Belloluogo su Wikipedia "torre di Belloluogo" su Wikidata
  • 16 Torre del Parco (Turris Prati Magni). Torre del Parco su Wikipedia "Torre del Parco" su Wikidata
  • 17 Mura Urbiche.
  • 18 Torre Rinalda (a Torre Rinalda). "La torre di Torre Rinalda" su Wikidata
  • 19 Torre Chianca, Torre Chianca (a Torre Chianca). "La torre di Torre Chianca (Lecce)" su Wikidata

Altro[modifica]

  • 21 Obelisco. Fu eretto nel 1822 da V. Carluccio in occasione della visita a Lecce di Ferdinando I di Borbone. Le Quattro facce sono decorate con i rilievi simbolici dei quattro capoluoghi di Terra d'Otranto.
  • 22 Piazza Sant'Oronzo. Prende il nome dalla statua del Santo protettore che svetta da una colonna, che segnava la fine della via Appia, eretta nel 1666 come ringraziamento allo scampato pericolo della peste. "" su Wikidata
  • Attrazione principale 23 Anfiteatro romano. Di età augustea (I sec), è scavato in parte nel tufo e in parte su imponenti arcate; fu riportato alla luce nel 1938. Più della metà dell'impianto, che poteva contenere 20.000 spettatori, è ancora sepolto. Anfiteatro romano di Lecce su Wikipedia "anfiteatro romano di Lecce" su Wikidata
  • 24 Teatro romano. È l'unico finora scoperto in Puglia. Di età Agustea, fu rinvenuto nel 1929. Aveva grandi dimensioni: le gradinate destinate a ospitare il pubblico erano molto più numerose delle 12 preservatesi. Al suo interno sono venute alla luce statue di età antoniana, copie di originali greci. Teatro romano di Lecce su Wikipedia "teatro romano di Lecce" su Wikidata
  • 25 Museo archeologico provinciale Sigismondo Castromediano. È il più antico museo di tutta la Puglia, fondato nel 1868 da Sigismondo Castromediano duca di Cavallino. Notevoli l'antiquarium e la pinacoteca. Museo archeologico provinciale Sigismondo Castromediano su Wikipedia "Museo archeologico provinciale Sigismondo Castromediano" su Wikidata
  • 26 Museo Faggiano, Via Ascanio Grandi, 56.
  • 27 Palazzo Adorno, Via Umberto I, 28. È l'unico Palazzo cinquecentesco leccese con esterno in bugnato liscio, sfaccettato nell'androne esterno. Sontuosa l'ornamentazione tardo rinascimentale, probabilmente del Riccardi. Nel palazzo è possibile vedere anche la falda acquifera che scorre tra le fondamenta.
  • Parco archeologico di Rudiae.
  • 28 Il Sedile (Palazzo del Seggio). Sedile (Lecce) su Wikipedia "Sedile" su Wikidata


Eventi e feste[modifica]

La festa patronale di Lecce è quella di Sant'Oronzo, che si festeggia il 26 agosto, quando la città si riempie di luminarie, bancarelle e artisti di strada, oltre che musica e concerti.

  • Mercatino dell'antiquariato, via XX Settembre. Simple icon time.svg ogni ultima domenica del mese.
  • Festival del cinema europeo. Simple icon time.svg aprile.
  • Casermette in festa. Simple icon time.svg giugno.
  • Festa dei santi patroni Oronzo, Giusto e Fortunato. Simple icon time.svg dal 24 al 26 agosto.
  • Fiera di Sant'Oronzo, a Frigole. Simple icon time.svg 26 agosto.
  • Sagra te la cecora resta. Simple icon time.svg settembre.
  • Fiera dei presepi e dei pupi. Simple icon time.svg dicembre.
  • Piano Festival di Miami in Lecce.
  • Premio Internazionale Mediterranea.


Cosa fare[modifica]

  • Bowling Lecce, Via Merine.
  • The Awaiting Table Cookery School. Scuola di cucina
  • Circolo Tennis "Mario Stasi".


Acquisti[modifica]

  • Mercato Settelacquare, Largo Settelacquare.
  • Parco Commerciale Conad (A Cavallino).
  • Centro Commerciale Mongolfiera (A Surbo).


Come divertirsi[modifica]

A Lecce nel corso degli anni si sono create varie vie della movida, il corso principale parte da Porta Rudiae, continua su via Libertini, passa per piazza Sant'Oronzo, continua su via Trinchese e termina in piazza Mazzini, su questa via (e negli immediati dintorni) vi è una grande varietà di pizzerie, ristoranti e rosticcerie. Sulle traverse del corso si sono create spontaneamente altre aree, c'è piazzetta Santa Chiara dove prevalgono i bar e i lounge bar ed è il posto preferito dei giovani. C'è via Federico d'Aragona dove vi è predominanza di pizzerie e pub. C'è via Umberto I dove vi è invece predominanza di enoteche e dove l'età media è più adulta. Esistono altri locali soprattutto di lounge bar su via Paladini.

Spettacoli[modifica]

Locali notturni[modifica]

Discoteche[modifica]

  • Womb (sulla Castromediano - Cavallino). Discoteca
  • Boogaloo (all'ingresso di Surbo). Discoteca latina.
  • Outline. Discoteca estiva

Bar[modifica]

  • QuarantaCinque, Via Marco Basseo, 24. ottimi cocktail
  • Twin Towers, Viale Japigia, 63.
  • Bar Royal, Via Lupiae, 5 (di fronte ai carabinieri). Simple icon time.svg Sempre aperto.
  • Nando's bieretheque, Via Benedetto Cairoli 19. Vasta scelta di birre
  • 5 Verso Sud, Piazza Vittorio Emanuele 8. Cocktail di qualità.


Dove mangiare[modifica]

La cucina salentina è caratterizzata dalla presenza di pesce, cereali, verdure e legumi nei vari piatti. La carne quindi ha un ruolo più marginale.

Prezzi modici[modifica]

  • Dolce Lecce. Le crepes leccesi sono diverse da quelle delle altre parti d'Italia, qui sono croccanti quasi come un biscotto e non c'è bisogno di mangiarle su un vassoio.
  • Zenzero. Gastronomia vegana e vegetariana
  • Piadina Salentina. La piadina non è un piatto tipico salentino, in questo posto però hanno sostituito il classico strutto dell'originale romagnolo con dell'olio extravergine d'oliva. Inoltre qui è presente il vegan kebab dove la carne viene sostituita dal seitan
  • Bar Alvino. Storico bar leccese in piazza Sant'Oronzo

Prezzi medi[modifica]

Prezzi elevati[modifica]

  • 3 Le Quattro Spezierie (Gourmet Restaurant & Roof Garden), Via Augusto Imperatore 27, +39 0832246311, fax: +39 0832245976, @ info@risorgimentoresort.it. Ecb copyright.svg 30€ - 80€. Simple icon time.svg 12:30-14:30 e 19:30-22:30. La cucina gourmet d'autore offre al palato prodotti, sapori e colori del Salento. A pranzo e a cena in un ambiente elegante e accogliente, i piatti sono preparati con ingredienti chilometro zero del territorio. Tra i primi, da provare: tagliolini di grano arso con pere, tartufo, porcini e scaglie di canestrato; tra i secondi: filetto di manzo Fassone affogato al primitivo di Manduria con carciofi al pecorino e menta. Carta dei vini di 250 etichette italiane e internazionali. In estate, potrai godere della vista sulla città al panoramico Roof Garden.
  • Bros', via Acaja 2. Il ristorante dello chef stellato Floriano Pellegrino e di Isabella Potì
  • Alex, Via Vito Fazzi 15/23. Ristorante dello chef Alessandra Civilla


Dove alloggiare[modifica]

Prezzi modici[modifica]

Prezzi medi[modifica]

  • 2 Risorgimento Resort, Via Augusto Imperatore 19, +39 0832246311, fax: +39 0832245976, @ info@risorgimentoresort.it. Check-in: 14.00, check-out: 12.00. Nel centro storico di Lecce, la dimora di lusso hotel 5 stelle, con camere e suite di design contemporaneo d'autore. A pranzo e cena, il ristorante à la carte Le Quattro Spezierie Gourmet Restaurant & Roof Garden offre i sapori della tradizione culinaria del Salento rivisitati dallo Chef. Per il relax intimo e riservato, offre una spa con zona umida, hammam, doccia emozionale, area fitness, area trattamenti olistici e vasca nuvola.
  • 3 Hotel President, Via Antonio Salandra 6, +39 0832456111, fax: + 39 0832456632, @ info@hotelpresidentlecce.it. Check-in: 14.00, check-out: 12.00. Nel centro di Lecce, hotel 4 stelle con camere di arredamento classico ed istituzionale, coniuga eleganza e tradizione all'efficienza dei servizi. Comfort, qualità, accoglienza, professionalità, a pochi passi da Piazza Mazzini. Al Ristorante Myosotis, piatti della antica tradizione di Puglia e del Salento dai sapori di stagione a base di carne, pesce e terra.
  • 4 Eos Hotel, Viale Vittorio Alfieri 11, +39 0832230030, fax: + 39 0832347840, @ info@eoshotel.it. Check-in: 14.00, check-out: 12.00. Nato nel 2008 dalla design competition Viaggio Nel Salento, offre ospitalità a Lecce, a soli 10 minuti a piedi dal centro storico in camere di design ispirate al territorio salentino: la pietra bianca, intimo dna del Barocco di Lecce, il verde bruno delle distese di ulivi, l'azzurro del mare e i colori caldi del tramonto. A colazione, le tipicità del Salento sono dolci e salate, fatte in casa e servite al lounge bar Espere, un ambiente moderno e giovane.
  • Perla del Salento, Torre Pali Marina di Salve (Marine di Salve (LE)), +39 08331858000, @ info@salentovillas.it. Ecb copyright.svg 30€. Salve a soli 5 km, dalla spiaggia di Pescoluse struttura di nuova costruzione, composta da 5 spaziose camere al piano terra, e 7 al piano ribassato. tutte accessoriate con aria condizionata, tv-color lcd, bagno con box doccia, frigo-bar.
  • 5 Villa Papaleo, via V. Papaleo 52, +393473450956, @ info@villapapaleo.it. Villa Papaleo dimora storica di notevole pregio artistico e architettonico è situata a poca distanza da Otranto e dalle spiagge degli Alimini. La Villa Papaleo offre ai suoi ospiti splendide camere dotate di tutti i comfort con ingresso indipendente e affaccio del giardino.
  • 6 Residence I Giardini di Atena, Via Montenegro 181 Lizzanello (Seguire direzione Merine, dopo 4 km il Residence è sulla destra), +390832623197, fax: +390832626126, @ info@igiardinidiatena.com. Ecb copyright.svg € 39. Check-in: 14, check-out: 10. City Resort alle porte di Lecce, immerso nel verde, dotato di comodi appartamenti monolocali e bilocali. Servizi offerti: ristorante, piscine, impianti sportivi, bar, market, sala congressi, palestra, anfiteatro, guardiania, navetta.
  • Tracce di Salento, via E. Toti 15, +39 3479387994, @ info@traccedisalento.it. Struttura confortevole alle porte del centro storico di Lecce, composta da due camere matrimoniali con bagno privato e terrazzino riservato

Prezzi elevati[modifica]

  • 7 Patria Palace Hotel, Piazzetta Riccardi Gabriele.
  • 8 La Fiermontina, Piazzetta De Summa Scipione 4.


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]

Tenersi informati[modifica]

  • Tele Rama. Emittente televisiva locale.
  • informazioni Ufficio informazioni turistiche, Via Vittorio Emanuele 24.


Nei dintorni[modifica]

Itinerari[modifica]


Altri progetti

2-4 star.svg Usabile: l'articolo rispetta le caratteristiche di una bozza ma in più contiene abbastanza informazioni per consentire una breve visita alla città. Utilizza correttamente i listing (la giusta tipologia nelle giuste sezioni).