Scarica il file GPX di questo articolo

Europa > Italia > Italia nordoccidentale > Lombardia > Prealpi e grandi laghi lombardi > Lecchese > Montevecchia

Montevecchia

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search
Montevecchia
Panorama
Stato
Regione
Territorio
Altitudine
Superficie
Abitanti
Nome abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Posizione
Mappa dell'Italia
Montevecchia
Montevecchia
Sito istituzionale

Montevecchia (Muntavégia in dialetto brianzolo) è una città della Lombardia nella provincia di Lecco.

Da sapere[modifica]

Montevecchia è sede del Parco regionale di Montevecchia e della Valle del Curone.

Non troppo lontano dal fiume Adda la vegetazione nasconde qualcosa che proprio non ci si aspetta: tre piramidi a gradoni, con lo stesso orientamento e inclinazione. Base, lati e pendenza di queste strutture sono identiche. È in Val Curone, a quindici chilometri da Lecco, ma queste tre formazioni collinari ricordano la Piana di Giza. Apparentemente sembrano tre colline ma l’osservazione satellitare svela qualcosa di più enigmatico, come il posizionamento che ricorda le tre stelle della cintura di Orione. Gli egizi creavamo sempre un filo conduttore con il cielo per le loro piramidi, per permettere ai defunti di ritrovare la via di casa. E queste piramidi sarebbero state realizzate proprio a scopo religioso e non per finalità agricole, visto che le piramidi di Montevecchia ricordano quella del faraone Zoser, nella necropoli di Saqqara, considerata uno dei più grandi monumenti dell’antico Egitto. L’incredibile scoperta è stata fatta dall’architetto Vincenzo di Gregorio quindici anni fa, scatenando la curiosità degli amanti del mistero e del soprannaturale. Questo perché secondo le ricerche effettuate dallo scopritore, sarebbe stata un’antica civiltà a modellare le colline di roccia calcarea formandone i gradoni che si possono intravedere oggi. Il terreno non può essere coltivato. Nella zona sono state trovate le tracce del più antico insediamento preistorico lombardo. E pare che la piramide centrale, detta "Belvedere Cereda", fosse un sito astronomico utilizzato dai Celti ancor prima dell’arrivo dei Romani. Oggi le piramidi sono custodite all'interno di un parco regionale e si possono trovare alla terza tappa del percorso naturalistico dei Prati Magri, di facile percorrenza, a piedi o in bici.

Cenni geografici[modifica]

Il comune di Montevecchia è situato nel Parco regionale del Curone, a quindici chilometri da Lecco, e si sviluppa nel territorio del Meratese.

Confina a nord con Olgiate Molgora, La Valletta Brianza, a est con Cernusco Lombardone e Merate, a ovest con Missaglia, a sud con Osnago.

Quando andare[modifica]

Nelle giornate limpide di primavera la vista che si gode sulla pianura lombarda è davvero meravigliosa.

Cenni storici[modifica]

Parco del Curone

Le sue origini risalgono all'epoca romana. È un territorio che ha regalato ritrovamenti dell'Età del Ferro, del periodo celtico, romano ed etrusco, monumenti dall'epoca medievale a quella barocca. Sono state persino scoperte tre piramidi la cui collocazione storica è ancora tutta da definire. In questa zona è stato rinvenuto anche il più antico insediamento di umanoidi (Neanderthal) dell'intera Lombardia.

Dal punto di vista archeologico, la zona è dunque una vera "miniera" e peculiarità risiede nell'interrotta presenza umana.

Se contiamo che gli studi archeologici datano la presenza celtica nel Nord Italia attorno al VII secolo a.C. e il fatto che le prime forme di agricoltura siano comparse circa 11 mila anni fa, ciò significa che queste piramidi potrebbero essere state costruite dai 3 ai 10 mila anni fa.

Come orientarsi[modifica]


Come arrivare[modifica]

Montevecchia

In aereo[modifica]

In auto[modifica]

  • Da Milano: Si prende la tangenziale Est verso Venezia, si passa la barriera in direzione Lecco e si va sempre diritto verso Lecco per 18 km., al I° semaforo di Merate si gira a sinistra verso Pagnano, poi prendete la prima a destra per Ca' Soldato per 4 km.
  • Da Bergamo: Si prende la Statale Bergamo - Como fino a Brivio, si gira a sinistra verso Milano, dopo 5 km. al I° semaforo di Merate si gira a destra verso Pagnano, poi si prende la prima a destra per Ca' Soldato per 4 km.
  • Da Como: Si prende la Statale Como - Bergamo fino a Calco, si gira a destra verso Milano, dopo 3 km. al I° semaforo di Merate si gira a destra verso Pagnano, poi si prende la prima a destra per Ca' Soldato per 4 km.
  • Da Lecco: Si prende la Statale Lecco - Milano fino a Merate, al I° semaforo di Merate girate a destra verso Pagnano, poi prendete la prima a destra per Ca' Soldato per 4 km.

In treno[modifica]

  • Linea Milano - Lecco - Sondrio dalla stazione Centrale o Garibaldi di Milano, dopo 40 minuti di viaggio si scende alla stazione di Cernusco Lombardone e si segue il percorso n. 2.

In autobus[modifica]

Linea Como-Casatenovo-Merate C47 della compagnia SPT LINEA.

Eventi e feste[modifica]


Cosa fare[modifica]

Vista di uno dei sentieri del Parco del Curone

Passeggiare per sentieri[modifica]

Zaino in spalla e un binocolo per osservare la fauna: siamo pronti, si parte alla scoperta del Parco!!!

Possiamo lasciare l'automobile al parcheggio di Lomaniga (frazione di Missaglia) e seguire le indicazioni per il sentiero n. 8: si segue la strada che sale dolcemente proseguendo poi lungo la strada che conduce alla località Casarigo; da qui il sentiero sale fiancheggiando vigneti e campi terrazzati toccando la località Galeazzino prima di arrivare a Montevecchia alta dove si ammirerà l'ampio paesaggio che si scorge da questo balcone naturale.

Dopo la visita al santuario della Beata Vergine del Carmelo, si potrà proseguire seguendo le indicazioni del sentiero n. 2 verso il Centro Parco "Ca' del Soldato" percorrendo la vecchia strada comunale con il manto in pietra. Da qui, scendendo verso la Cascina Ospedaletto, si incontra uno dei piccoli torrentelli che si immettono nel Torrente Curone dove si possono ammirare le interessanti sorgenti.

Si segue poi il sentiero che risale, parzialmente immerso nel bosco, che passa a fianco ad alcune cascine fino ad arrivare a Galbusera Nera (interessante esempio di antico insediamento rurale) e Galbusera Bianca.

Si seguono le indicazioni del sentiero n. 11 che porta alla sommità di un colle dove svettano verso il cielo degli alti cipressi. Ci troviamo nell'area dei prati magri che possiedono elevato pregio naturalistico per la presenza di elementi floristici mediterranei quali delle rare specie di orchidee.

Camminando sui passi del sentiero n. 7 si giunge in località Deserto dove si incontra la strada panoramica che collega Lissolo a Montevecchia alta: siamo all'interno della Riserva Naturale valle santa Croce e Alta Val Curone. Si prosegue lungo un sentiero che attraversa a mezza costa la parte più elevata della Valle Santa Croce fino ad arrivare alla Cappelletta di Crippa: da qui si prende la via dei roccoli, così chiamata perché lungo il crinale si incontrano dei vecchi roccoli in disuso, utilizzati un tempo per la cattura degli uccelli.

Si arriva a Monte di Missaglia dove si seguono le indicazioni per il sentiero n. 9 per la Valle Santa Croce: sulla strada si incontra una stele eretta a ricordo dei morti della peste del 1630. Qui si percorre il sentiero n. 6 che segue il torrente Molgoretta fino alla località Pianetta dove si sale seguendo un sentiero con leggeri saliscendi fino alla località Albereda. Da questo punto si scende e si arriva al punto di partenza a Lomaniga: siamo arrivati!

Acquisti[modifica]

  • 1 Alimentari Cadei Di Cadei Maria Teresa & C. Sas, Via Belvedere, 3, +39 039 993 0151.
  • 2 Azienda agricola chelidonia, Via Privata Ostizza, 10 (Frazione Ostizza).
  • 3 Latteria Maggioni Amabile Di Maggioni Raffaele E C. S.A.S., Via Alta Collina, 27, +39 039 993 0382.


Come divertirsi[modifica]


Montevecchia è una bellissima località per fare passeggiate nel Parco regionale di Montevecchia e della Valle del Curone con la famiglia e per mangiare in numerosi ristoranti e trattorie.

Dove mangiare[modifica]

Il comune di Montevecchia è noto per la produzione di erbe aromatiche, (salvia, rosmarino, basilico, timo e alloro) e di vini; il paese è infatti la patria del Pincianel, il classico vino rosso dell'Alta Brianza. La salvia ed il rosmarino di Montevecchia sono riconosciuti come Prodotti agroalimentari tradizionali lombardi.

Degni di nota sono anche i famosi furmagett de Muntavegia (o furmagett de faciröla), tipici formaggini freschi e stagionati che vengono prodotti con latte vaccino e caprino.

Prezzi modici[modifica]



Dove alloggiare[modifica]

Prezzi medi[modifica]

  • 1 B&B Corte Del Passone, Via Passone, 2, +39 039 993 0556.
  • 2 La Cagnettera, Via del Palazzetto, 11 (Nella frazione di Palazzetto), +39 039 928 6107.
  • 3 Il Colombee, Via Colombe´, 14, +39 338 334 0267.


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]


Nei dintorni[modifica]

Veduta dal cimitero di Montevecchia alta
Veduta da montevecchia alta

Itinerari[modifica]


Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard contiene informazioni utili a un turista e dà un'informazione sommaria sulla meta turistica. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.