Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Astigiano
Vista da Costigliole d'Asti
Stato
Regione
Capoluogo
Sito del turismo

Astigiano è un territorio storico delle colline piemontesi.

Da sapere[modifica]

L'Astigiano è un morbido territorio collinare situato tra la pianura Torinese e quella Alessandrina. È il proseguimento naturale delle Langhe che lo cingono a sud. Queste colline sono una regione di grandi vini e dolci paesaggi che spaziano dai filari di vite ai borghi arroccati sulle alte colline. Il territorio è punteggiato da chiese e manieri medievali in cui si può ancora oggi assaporare la storia che per secoli ha segnato questi luoghi. Tutto il territorio orbita intorno alla città di Asti, da sempre un importantissimo capoluogo politico e militare che, per questo, conserva segni di una grande prosperità. L'Astigiano offre al turista innumerevoli possibilità: escursioni all'aperto, visite a musei, torri e castelli, soste nelle molteplici cantine del territorio, attività sportive e un ricchissimo patrimonio gastronomico.

Quando andare[modifica]

Ogni stagione può essere adatta a visitare questo territorio, ma si consiglia di programmare la visita in concomitanza con uno dei tanti eventi culturali e gastronomici che si svolgono ogni anno, solitamente in primavera ed autunno.

Territori e mete turistiche[modifica]

Centri urbani[modifica]

Il borgo di Castagnole
  • 1 Aramengo — Circondato da fitti boschi, patria dei tartufi, il paese si trova all'estremo nord del territorio. D'interesse è la chiesa tardo-barocca intitolata a Sant'Antonio Abate.
  • 2 Asti — La città è il cuore e il vertice di tutto il Monferrato. Universalmente conosciuta per i suoi vini e spumanti e per il suo ottimo cibo, Asti offre anche anche moltissime testimonianze artistiche e culturali, tipiche degli antichi borghi medievali. Il Medioevo ha lasciato nelle tradizioni della città anche grandiose manifestazioni, come il Palio, che si svolge nel mese di settembre da più di ottocento anni.
  • 3 Canelli — Questa cittadina, circondata da ampi vigneti, è uno dei maggiori produttori dell'Asti Spumante: il suo territorio è stato dichiarato patrimonio dell'UNESCO, entrando a far parte dei "Paesaggi vitivinicoli del Piemonte: Langhe-Roero e Monferrato". Le cantine per la produzione vinicola sono vere e proprie cattedrali sotterranee, scavate nella roccia calcarea.
  • 4 Cocconato — Dichiarato uno dei borghi più belli d'Italia, è un rinomato centro enogastronomico. Il centro storico conserva preziose testimonianze di gotico italiano, come il Palazzo Comunale.
  • 5 Mombaruzzo — Vi si producono gli amaretti morbidi che possono essere degustati nelle molte pasticcerie del centro. Il principale monumento del paese è la Chiesa di Sant'Antonio abate, fondata dai monaci benedettini
  • 6 Montechiaro d'Asti — Piccolo borgo rurale con importanti testimonianze medievali come l'antica torre civica che dà l'accesso al borgo. Poco distante dal paese sorge isolata nei campi la piccola Chiesa di San Nazario e San Celso, in stile romanico.
  • 7 Montiglio Monferrato — Il paese è dominato da un piccolo castello quattrocentesco nel cui parco si trova la cappella di Sant'Andrea che conserva preziosi affreschi gotici. Ogni anno si tiene la Fiera del tartufo.
  • 8 Nizza Monferrato — Era un importante nodo commerciale centro di tessitura della seta. La cittadina è famosa per la produzione esclusiva di cardo gobbo, ingrediente della bagna cauda. Nell'antico centro storico si trova la torre campanaria del Municipio, detto "el Campanon" ("il Campanone").
  • 9 Piovà Massaia — Antico borgo rurale, che conserva i resti di un antico ricetto. Nella parte alta del paese si trova la chiesa dei Santi Pietro e Giorgio con una massiccia cupola barocca.
  • 10 San Damiano d'Asti — È la seconda città dell'astigiano e conserva ancora l'impianto del borgo originario con gli antichi bastioni oggi trasformati in caratteristici viali alberati. D'interesse sono la chiesa di San Giuseppe ottimo esempio di barocco piemontese.
  • 11 Vinchio — È situato su un complesso collinare che fa parte della Riserva della Valle Sarmassa istituita per la protezione di un bosco di querce e castagni secolari. Vi si producono diversi vini tra i quali la Barbera d'Asti.


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

Gli aeroporti più vicini sono:

Dagli aeroporti si può raggiungere la zona noleggiando un'auto, utile poi per visitare la campagna astigiana, o tramite navette e treno.

In auto[modifica]

  • Da Milano e il nord Italia: prendere l'A7 Milano - Genova e a Tortona passare sull'A21 per Asti.
  • Da Roma e dal cento sud Italia: prendere l'A1 fino a Piacenza e poi passare sull'A21 per Asti.

In treno[modifica]

La stazione principale del territorio è quella di Asti che si trova sulla linea Torino-Alessandria-Genova. I collegamenti con Torino ed Alessandria sono frequenti, ogni 30 minuti, quelli con Genova ogni 60 minuti. Da Milano occorre cambiare ad Alessandria o Voghera.

Come spostarsi[modifica]

Per assaporare al meglio questi ampi paesaggi conviene muoversi in auto o in moto attraverso le tortuose strade che percorrono di lungo in largo queste colline.

Cosa vedere[modifica]

Il Pontile, o Jubé, con decorazione scultorea policroma, Abbazia di Vezzolano
  • 1 Santa Maria di Vezzolano, @ . È uno tra i più importanti monumenti medievali del Piemonte, situato nel comune di Albugnano. L'interno è di forme romanico-gotiche con influssi francesi e lombardi. Attualmente è composto da due navate, centrale e sinistra, in quanto quella destra è stata incamerata nel chiostro nella seconda metà del XIII secolo. Le volte sono ad archi acuti costolonati. Abbazia di Vezzolano su Wikipedia abbazia di Vezzolano (Q1120660) su Wikidata
  • 2 Chiesa di Santa Maria Ausiliatrice di Viatosto. Si trova sulle colline a poca distanza dalla città di Asti. L'edificio fonde elementi romanici e gotici che si armonizzano perfettamente con le precedenti strutture. Dal sagrato, è possibile ammirare una splendida visuale della città. Chiesa di Santa Maria Ausiliatrice (Asti) su Wikipedia chiesa di Santa Maria di Viatosto (Q3674089) su Wikidata


Cosa fare[modifica]

Il turismo enogastronomico e culturale è uno dei motori dell’economia del luogo, e gli eventi ad esso legati sono moltissimi. Su tutti va ad esempio ricordato il Festival delle Sagre, ad Asti.

  • Astesana - Strada del Vino. È un percorso che si snoda nella parte sud della provincia e tocca tutti i più importanti paesi e le migliori cantine, enoteche e agriturismi.


A tavola[modifica]

Moscato d'Asti.jpg

Tra i migliori prodotti tipici dell'Astigiano si possono annoverare la robiola di Roccaverano e la Muletta (un salame grosso fatto di pancetta, filetto, coscia, spalla disossata e sgrassata). Tra i prodotti ortofrutticoli della zona annoveriamo il cardo, utilizzatissimo nella preparazione del piatto tipico per eccellenza, la bagna cauda (o caôda), i peperoncini e la mostarda d’uva. Abbondante la presenza dei buonissimi e ricercati tartufi bianchi e della nocciola Piemonte. Piatti tipici della gastronomia di Asti sono i risotti e i tajerìn (o tajarìn).

Bevande[modifica]

Tra i migliori vini di Asti il Barbera, il Moscato e il Grignolino sono i fiori all’occhiello delle sue colline. Importante anche il Freisa.

Sicurezza[modifica]


Voci correlate[modifica]

  • Monferrato
1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il modello standard e ha almeno una sezione con informazioni utili (anche se di poche righe). Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.