Scarica il file GPX di questo articolo

Tematiche turistiche > Destinazioni a tema > Patrimoni mondiali dell'umanità > Patrimoni mondiali dell'umanità in Marocco

Patrimoni mondiali dell'umanità in Marocco

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Questa è la lista dei Patrimoni mondiali dell'umanità presenti in Marocco al 2019.

Introduzione[modifica]

Logo UNESCO
Bandiera nazionale

Il Marocco ha accettato la Convenzione UNESCO per i Beni dell'Umanità il 28 ottobre 1975.

Lista dei patrimoni dell'umanità[modifica]

Sito Anno Tipo Criteri Descrizione Immagine
1 Medina di Fez 1981 Culturale (ii)(v) Fondata nel IX secolo e sede della più antica università del mondo, Fez raggiunse il suo culmine nei secoli XII/XIV sotto i Merinidi, quando ha sostituito Marrakech come capitale del regno. Il tessuto urbano e i principali monumenti della medina (madrase, fondouks, palazzi, residence, moschee e fontane) risalgono a questo periodo. Anche se la capitale politica del Marocco fu trasferita a Rabat nel 1912, Fez ha mantenuto il suo status di centro culturale e spirituale del paese. Blue Gate in Fes.jpg
2 Medina di Marrakech 1985 Culturale (i)(ii)(iv)(v) Fondata nel 1070-72 dagli Almoravidi, Marrakech rimase un centro politico, economico e culturale per un lungo periodo. La sua influenza è stata sentita in tutto il mondo musulmano occidentale, dal Nordafrica all'Andalusia. Ha numerosi imponenti monumenti che risalgono a quel periodo: la Moschea Koutoubiya, la qasba, merli, porte monumentali, giardini, ecc. Gioielli architettonici successivi includono il Palazzo Bandia, la Madrasa di Ben Youssef, le Tombe Saadiane, diversi grandi residenze e la piazza Jamaa El Fna, un vero e proprio teatro all'aperto. Koutbia.jpg
3 Ksar di Ait-Ben-Haddou 1987 Culturale (iv)(v) Lo ksar, un gruppo di edifici di terra circondato da alte mura, è un habitat tradizionale pre-sahariano. Le case si affollano l'un l'altra all'interno delle mura difensive, che sono rinforzate da torri angolari. Ait-Ben-Haddou, nella provincia di Ouarzazate, è un esempio lampante di architettura del sud del Marocco. Kasbahs in Aït Benhaddou.JPG
4 Città storica di Meknes 1996 Culturale (iv) Fondata nell'XI secolo dagli Almoravidi come insediamento militare, Meknes divenne capitale sotto Sultano Moulay Ismail (1672-1727), il fondatore della dinastia alawita. Il sultano la trasformò in una città imponente in stile ispano-moresco, circondata da alte mura con grandi porte, dove la fusione armoniosa di stili islamici e europei del Maghreb del XVII secolo sono evidenti ancora oggi. Bab Mansour.jpg
5 Sito archeologico di Volubilis 1997 Culturale (ii)(iii)(iv)(vi) La capitale della Mauritania, fondata nel III secolo a.C., divenne un importante avamposto dell'Impero Romano abbellito successivamente con numerosi edifici. I loro estesi resti sopravvivono nel sito archeologico, situato in una fertile zona agricola. Volubilis divenne per poco la capitale di Idris I, fondatore della dinastia Idrisidi, che è sepolto nel vicino Moulay Driss Zerhoun. Volubilis-basilica.jpg
6 Medina di Tétouan (già nota come Titawin) 1997 Culturale (ii)(iv)(v) Tétouan è di particolare importanza nel periodo islamico, dal VIII secolo in poi, dal momento che serviva come il principale punto di contatto tra il Marocco e l'Andalusia. Dopo la Riconquista, la città fu ricostruita dai rifugiati andalusi che erano stati espulsi dagli spagnoli. Questo è ben illustrato dalla sua arte e architettura, che rivela una chiara influenza andalusa. Anche se è una delle più piccole delle medine marocchine, Tétouan è senza dubbio la più completa ed è rimasta in gran parte incontaminata dalle successive influenze esterne. Tetuan vista desde un tejado.JPG
7 Medina di Essaouira (l'antica Mogador) 2001 Culturale (ii)(iv) Essaouira è un eccezionale esempio di città fortificata del tardo XVIII secolo, costruita secondo i principi dell'architettura militare europea contemporanea in un contesto nordafricano. Fin dalla sua fondazione, è stato un importante porto commerciale internazionale, che collega il Marocco e il suo entroterra sahariano con l'Europa e il resto del mondo. Remparts medina Essaouira Luc Viatour.jpg
8 Città fortificata portoghese di Mazagan (El Jadida) 2004 Culturale (ii)(iv) La fortificazione portoghese di Mazagan, ora parte della città di El Jadida, 90 km a sud ovest di Casablanca, è stata costruita come una colonia fortificata sulla costa atlantica nei primi anni del XVI secolo. È stata rilevata da marocchini nel 1769. La fortificazione con i suoi bastioni e le mura è uno dei primi esempi di progettazione militare del Rinascimento. Gli edifici superstiti portoghesi sono la cisterna e la Chiesa dell'Assunta, costruita in stile manuelino dell'architettura tardo gotica. La città portoghese di Mazagan (uno dei primi insediamenti degli esploratori portoghesi in Africa occidentale sulla rotta per l'India) è un eccellente esempio di scambio di influenze tra le culture dell'Europa e del Marocco, ben riflesse in architettura, tecnologia e urbanistica. Mazagan1-CCBY.jpg
9 Rabat, capitale moderna e città storica: un'eredità condivisa 2012 Culturale (ii)(iv) Situata sulla costa atlantica a nord-ovest del Marocco, il sito è il prodotto di uno scambio fecondo tra il passato arabo-musulmano e il modernismo occidentale. La città annoverata comprende la nuova città ideata e costruita sotto il protettorato francese dal 1912 al 1930, comprese le zone reali e amministrative, sviluppi residenziali e commerciali e Jardins d'Essais botanici e giardini di piacere. Essa comprende anche le parti più vecchie della città, risalenti al XII secolo. La nuova città è uno dei più grandi e ambiziosi progetti urbani moderni costruiti in Africa nel XX secolo e probabilmente il più completo. Le parti più antiche: Moschea Hassan (iniziata nel 1184) e le mura e cancelli almohadi, le sole parti superstiti del progetto di una grande capitale del califfato almohade così come resta del principato moresco, o andaluso, del XVII secolo. Kasbah Oudayas exterior.jpg
Legenda Unesco
(i) Rappresentare un capolavoro del genio creativo dell'uomo.
(ii) Mostrare un importante interscambio di valori umani in un lungo arco temporale o all’interno di un'area culturale del mondo, sugli sviluppi dell'architettura, nella tecnologia, nelle arti monumentali, nella pianificazione urbana e nel disegno del paesaggio.
(iii) Essere testimonianza unica o eccezionale di una tradizione culturale o di una civiltà vivente o scomparsa.
(iv) Costituire un esempio straordinario di una tipologia edilizia, di un insieme architettonico o tecnologico o di un paesaggio che illustri uno o più importanti fasi nella storia umana.
(v) Essere un esempio eccezionale di un insediamento umano tradizionale, dell’utilizzo di risorse territoriali o marine, rappresentativo di una cultura (o più culture) o dell’interazione dell’uomo con l’ambiente, soprattutto quando lo stesso è divenuto per effetto delle trasformazioni irreversibili.
(vi) Essere direttamente o materialmente associati con avvenimenti o tradizioni viventi, idee o credenze, opere artistiche o letterarie dotate di un significato universale eccezionale.
(vii) Presentare fenomeni naturali eccezionali o aree di eccezionale bellezza naturale o importanza estetica.
(viii) Costituire una testimonianza straordinaria dei principali periodi dell’evoluzione della terra, comprese testimonianze di vita, di processi geologici in atto nello sviluppo delle caratteristiche fisiche della superficie terrestre o di caratteristiche geomorfiche o fisiografiche significative.
(ix) Costituire esempi significativi di importanti processi ecologici e biologici in atto nell’evoluzione e nello sviluppo di ecosistemi e di ambienti vegetali e animali terrestri, di acqua dolce, costieri e marini.
(x) Presentare gli habitat naturali più importanti e significativi, adatti per la conservazione in situ della diversità biologica, compresi quelli in cui sopravvivono specie minacciate di eccezionale valore universale dal punto di vista della scienza o della conservazione.

Altri progetti