Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Distretto di Covasna
Paesaggio del nord nei dintorni di Covasna
Localizzazione
Distretto di Covasna - Localizzazione
Stemma e Bandiera
Distretto di Covasna - Stemma
Distretto di Covasna - Bandiera
Stato
Regione
Capoluogo
Superficie
Abitanti
Sito istituzionale

Distretto di Covasna (Județul Covasna) è una regione della Transilvania.

Da sapere[modifica]

Il distretto è stato fondato nel 1968 e si trova nel centro della Romania, nella parte interna della curvatura dei Carpazi (o sub Carpazi).

Cenni geografici[modifica]

Il distretto di Covasna confina con il distretto di Bacău e il distretto di Vrancea a est, il distretto di Buzău a sud-est, il distretto di Brașov a sud-ovest e il distretto di Harghita a nord. Situato nella parte sud-orientale della Transilvania, il territorio di questo distretto è collegato all'area extra-carpatica attraverso i passi Buzău e Oituz nonché attraverso diversi passi dei Carpazi orientali.

Le montagne occupano più della metà della superficie della contea e hanno cime smussate e sono per lo più coperte da foreste.

Il fiume Olt è la principale arteria idrografica, sul territorio del distretto di Covasna con una lunghezza di circa 150 km e raccoglie la maggior parte delle acque in quest'area.

Quando andare[modifica]

Il distretto di Covasna ha un clima moderato, con estati calde e inverni gelidi. La temperatura massima assoluta è stata di 39,3 °C (nel 1952) e la minima assoluta, -35,2 °C (nel 1947).

Cenni storici[modifica]

Chiesa fortificata a Sfântu Gheorghe

Questo territorio è stato abitato sin dall'antichità, a partire dal Paleolitico , come testimoniano gli scavi archeologici effettuati a Lădăuți , Sita Buzăului o Valea Brădetului.

Numerose scoperte e scavi sistematici hanno dimostrato un'intensa abitazione dei Daci in tutto il distretto, una delle più importanti fortezze dei Daci è stata ricercata presso la Fortezza delle Fate vicino alla città di Covasna. Numerosi tesori monetari testimoniano l'intensa vita economica dei Daci in quest'area, il che ci mostra che i Daci da qui avevano collegamenti commerciali con città greche lontane ma anche con il mondo romano.

Durante il periodo romano, una vita intensa pulsava in tutta la contea, come testimoniano le numerose scoperte fatte.

Per il V e VII secolo sono attestate tracce dei Gepidi e il periodo compreso tra il VI e il XII secolo è stato segnato dalle penetrazioni nell'ambiente locale da parte di popolazioni migranti (slavi, ungheresi, avari, ecc. ).

Monti Baraolt nella zona di Baraolt

Nel XII secolo ma anche nel XIII secolo questa zona fu colonizzata dai Siculi, che durante la loro convivenza con la popolazione locale crearono una propria ed originale cultura.

Lingue parlate[modifica]

La maggior parte della popolazione del distretto è di etnia ungherese (~74%), una notevole eccezione è l'area di Întorsura Buzăului. L'ungherese è quello che si sentirà più spesso, ma chiaramente il rumeno, che è la lingua ufficiale, è diffuso. Quasi tutti i locali parlano e capiscono il rumeno, anche se non è perfetto e il loro accento potrebbe essere buffo. Le lingue straniere sono meno conosciute, soprattutto dagli anziani e nelle zone rurali.


Territori e mete turistiche[modifica]

Centri urbani[modifica]

  • Baraolt (Barót in ungherese) — Un tempo città mineraria, attualmente offre opportunità di sviluppo nel campo del turismo rurale.
  • Covasna (Kovászna in ungherese) — Il turismo ha un ruolo importante nell'economia di questa città, grazie alla sua posizione geografica, al clima e alle risorse naturali.
  • Sfântu Gheorghe (Sepsiszentgyörgy in ungherese) — Una delle più antiche città della Transilvania.
  • Târgu Secuiesc (Kézdivásárhely in ungherese) — Considerata il centro educativo della parte nord-orientale del distretto.
  • Întorsura Buzăului (Bodzaforduló in ungherese) — A settembre il festival Ciobănașul anima la città con musica popolare rumena e sarà possibile degustare cibi e bevande tradizionali.

Altre destinazioni[modifica]

  • Monti Baraolt — Popolare area escursionistica la cui vetta più alta è Vârful Havad con i suoi 1.019 m. La città più grande della zona è Sfântu Gheorghe, insieme alle città di Baraolt e Malnaș.
  • Monti Bodoc — Si trovano nella parte centro-settentrionale della contea, che si estende tra Tușnad e Angheluș su una lunghezza di 30 km, con altezze comprese tra 800 e 1.100 m.
  • Monti Brețcului — Delimitati a ovest dalla depressione di Târgu Secuiesc e ad est dalle sorgenti di Oituz e dal fiume Bâsca Mare. Arrivano fino a 1.369 m.
  • Monti Harghita — A nord dei Monti Baraolt, sono presenti nel territorio del distretto di Covasna con la loro parte occidentale, con altezze comprese tra 900 e 1.100 m, ma anche con alcune vette su cui si trovano tracce di crateri vulcanici che hanno altezze fino a 1.558 m.
  • Monti Nemira — Con il loro settore meridionale ubicato nella parte nord-occidentale del distretto. La parte occidentale di queste montagne è generalmente caratterizzata da altezze comprese tra 800 e 1.200 m, ma la parte orientale è costituita dal massiccio montuoso con le vette più alte fino a 1.640 m.
  • Monti Vrancea — Appartengono al distretto di Covasna solo attraverso attraverso le vette con altezze superiori a 1.500 m.
  • Monti Întorsurii — Hanno altitudini inferiori; solo alcune vette che superano i 1.000 m.


Come arrivare[modifica]

Maniero a Zagon

In aereo[modifica]

Non ci sono aeroporti nel distretto, gli aeroporti internazionali più vicini sono Bucarest, Târgu Mureș (Marosvásárhely in ungherese), Sibiu (Nagyszeben in ungherese) e Cluj-Napoca (Kolozsvár in ungherese). Un aeroporto è in costruzione vicino a Brașov (Brassó in ungherese), vicino al confine del distretto.

In auto[modifica]

Le strade nazionali DN11 (Brașov-Bacău - per chi proviene da Bucarest, da ovest o dalla Moldavia), DN12 (Brașov-Miercurea Ciuc (Csíkszereda in ungherese) - per chi proviene dalla Transilvania settentrionale) e DN10 (da Buzau e dalla costa del Mar Nero) sono le voci principali della contea.

In treno[modifica]

La linea ferroviaria principale attraversa il Paese da sud a ovest, l'hub ferroviario più vicino è Brașov (Brassó in ungherese). Ci sono diversi treni a lunga percorrenza, diretti, rapidi e intercity che collegano il distretto con altre città della Transilvania (Cluj-Napoca (Kolozsvár in ungherese), Satu Mare (Szatmár in ungherese), Baia Mare (Nagybánya in ungherese)), Moldavia (Iasi, Suceava), la capitale Bucarest, Oltenia (Craiova) e la costa del Mar Nero nel periodo estivo. Ci sono due treni internazionali che collegano il distretto con Budapest.


Come spostarsi[modifica]

Centro storico del comune di Târgu Secuiesc

In auto[modifica]

Questo è il modo più conveniente per esplorare la contea. Le strade nazionali (DN) sono in buone condizioni, alcune delle quali sono state oggetto di ampi lavori di ricostruzione a partire dal 2010 (DN12, DN2D). La qualità delle strade distrettuali e rurali (nome in codice DJ, DC) varia, da molto buona a pessima, soprattutto nei mesi primaverili dopo pesanti inverni. Tuttavia, sono in corso lavori per migliorare la situazione.

La rete stradale nazionale in questa zona è composta da:

Altre strade minori, ma pur sempre di rilievo sono la E578 (che collega Sărăţel a Chichiș) e la E574 (che collega Craiova a Bacău).

In treno[modifica]

Una linea secondaria collega la capitale del distretto con altre città e villaggi, passando da Sfântu Gheorghe (Sepsiszentgyörgy in ungherese) per Brețcu (Bereck in ungherese) nel sud-est in direzione nord-ovest, gestito da una società privata chiamata RegioTrans. Nonostante la piccola distanza percorsa, il tempo di percorrenza può essere elevato (~2 ore per 65 km).


Cosa vedere[modifica]


Cosa fare[modifica]


A tavola[modifica]


Sicurezza[modifica]

L'intera area è molto sicura, uno dei distretti più sicuri della Romania. I crimini violenti sono estremamente rari (pochi casi all'anno) e non coinvolgono i turisti, ma avvengono all'interno di una famiglia o tra persone ubriache. Mai litigare con persone ubriache ed essere consapevoli che molti abitanti delle zone rurali potrebbero portare con sé un coltellino (per motivi pacifici, come tagliare pane e pancetta).

L'accattonaggio per strada è soprattutto un fastidio nelle città, ma non è un problema nelle zone rurali. Se un mendicante si avvicinasse, basare dire fermamente No! e andare via.

Il furto d'auto o dalle auto avviene sporadicamente, soprattutto nella parte orientale, ma non è un problema generale.

Altri progetti

  • Collabora a Wikipedia Wikipedia contiene una voce riguardante Distretto di Covasna
  • Collabora a Commons Commons contiene immagini o altri file su Distretto di Covasna
1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il modello standard e ha almeno una sezione con informazioni utili (anche se di poche righe). Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.