Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Tanzania del nordest
Veduta aerea della città di Tanga e dell'isola Toten nella Tanga Bay
Stato

Tanzania del nordest è una regione della Tanzania estesa fino ai confini con il Kenya.

Da sapere[modifica]


Territori e mete turistiche[modifica]

  • Territorio dei Pare — Regione montana sottosviluppata, che possiede la vetta più alta dei Monti Pare, in cui è possibile fare anche trekking. La Lomwe Secondary School situata nel villaggio incontaminato di Usangi, ha un centro culturale turistico, dove si possono organizzare escursioni molto convenienti. A Usangi ha luogo un mercato il lunedì e il martedì.
  • Monti Usambara — Una delle zone ecologicamente più diversificate del pianeta. Lushoto, attraente e principale città, realizzata in stile architettonico coloniale tedesco, è un'ottima base per intraprendere trekking nelle foreste circostanti.
  • Costa nordorientaleTanga è la sua città principale. A un'ora in direzione sud si trova la città di Pangani, circondata da spiagge idilliache e mare blu. Molto simili alle spiagge di Zanzibar, ma meno affollate, ed è qui che i tanzaniani vanno in vacanza.

Centri urbani[modifica]

  • 1 Arusha — Capoluogo del distretto e regione omonimi e sede centrale dell'East African Community.
  • 2 Bunda — Capoluogo del distretto omonimo.
  • 3 Karatu — Cittadina nel distretto omonimo nei pressi del cratere di Ngorongoro.
  • 4 Lushoto — Piccolo centro capoluogo del distretto omonimo.
  • 5 Marangu — Città situata nella regione del Kilimangiaro.
  • 6 Moshi — Situata nella regione di Arusha ai piedi del Kilimangiaro e in prossimità del confine con il Kenya.
  • 7 Mto wa Mbu — Villaggio masai nella regione di Arusha, situato sulle sponde del lago Manyara.
  • 8 Musoma — Capoluogo della regione del Mara.

Altre destinazioni[modifica]


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

La regione è servita dal "Kilimanjaro International Airport" che si trova a 40 km da Arusha ed offre collegamenti con l'Europa.

In autobus[modifica]

Potete scegliere di arrivare ad Arusha, che è la base di partenza per qualsiasi safari o trekking in tutta la regione con l'autobus proveniente da Nairobi in Kenya, ci sono collegamenti diretti tra l'aeroporto ed Arusha, tempo di percorrenza circa 4/5 ore, comprese di frontiera.

Come spostarsi[modifica]

L'unico modo per fare il safari è la jeep 4X4, potete noleggiarla con autista ad Arusha (solitamente gli autisti sono delle buone guide), presso una delle tante agenzie presenti.

Cosa vedere[modifica]

  • Monti Usambara — Gli Usambara sono una parte dell'antica catena di Arco Orientale le cui montagne si estendono in una mezzaluna spezzata dalle colline Taita nel sud del Kenya fino a Morogoro e gli altipiani meridionali. Si stima che si siano creati almeno 100 milioni di anni fa e le rocce che li formano possano avere fino a 600 milioni di anni. Le montagne ospitano un assortimento eccezionale di piante e animali e rappresentano uno dei più alti livelli di biodiversità del continente. Tracce abitative negli Usambara risalgono ad almeno 1,5 milioni di anni. Tracce che sono uniche nella storia del mondo sono stati trovati vicino alla vetta di Mambo e che ancora possono essere viste. Nessuno sa chi furono le persone che per primi si insediarono nell'Usambara; è noto solamente che gli antenati degli attuali abitanti Sambaa sono venuti centinaia di anni fa. A metà del XVIII secolo un regno Sambaa già esisteva ed era composto da circa 60.000 persone. Nella seconda metà del XIX secolo si segnala che c'era un sacco di guerre con le tribù vicine che terminarono con la colonizzazione tedesca. I tedeschi scoprirono il fascino dell'Usmabara e si stabilirono a Lushoto (a quel tempo Wilhelmsthal) che era un privilegiato luogo di vacanza per gli amministratori coloniali. Oggi si trovano ancora molte tracce del periodo tedesco. Il Tanganica divenne un territorio britannico dopo la prima guerra mondiale e l'amministrazione britannica ha continuato a sfruttarne le foreste. Dopo l'indipendenza nel 1961 la politica Ujamaa, il cosiddetto "socialismo africano" del presidente Nyerere, ha portato una delle comunità di villaggio meglio organizzate in Africa, che ancora esiste oggi nell'Usmabara. Oltre ai siti storici gli Usambara hanno un sacco di luoghi e attività interessanti. È un luogo raffinato per escursionismo, birdwatching, mountain bike o semplice relax.


Cosa fare[modifica]

  • Ascesa del Kilimanjaro (vedi Parco nazionale del Kilimangiaro)
  • Ascesa del monte Ol Doinyo Lengai — una scalata faticosa e spettacolare anche se con una altitudine accettabile, ovvero l' Ol Doinyo Lengai, “il Monte di Dio”, unico vulcano ancora attivo dell'Africa Orientale che svetta come un perfetto cono sopra il lago Natron, è questa la montagna sacra del popolo Masai, si arriva fino a 2.800 m. Le pendenze sono sicuramente superiori a quelle del Kilimangiaro, però non fa freddo, tranne su in cima al cratere dove una giacca a vento o un pile è sufficiente. Il problema di questa esperienza invece è un altro, cioè scendere piuttosto che salire, vi troverete su veri e propri precipizi, talmente ripidi che a volte dovrete scendere con il sedere e le mani per terra, le vostre ginocchia saranno messe a dura prova e non mancheranno le cadute e gli scivoloni a terra. Anche qui suolo vulcanico che si sgretola al passaggio, pericoloso per chi sta sotto di voi per i sassi che potrebbero colpirlo, infatti l'equipaggiamento che mi sento di consigliare, oltre agli scarponi, il caschetto, e, se soffrite di vertigini, lasciate perdere. Si inizia a salire intorno alla mezzanotte con le lampade frontali, anche qui è necessaria una guida Masai che recluterete molto velocemente al lago Natron. Anche qua è terribile l'effetto ottico, sembra sempre di essere ad un passo invece no, il sentiero non esiste e la guida è fondamentale per non ritrovarsi in un crepaccio senza vie d'uscita e ritornar indietro, tanti i burroni ai lati, le pendenze sono elevatissime e spesso si sale a carponi. Si arriva in cima alle 05:30, qua il suolo è cambiato, pieno di zolfo bianco che sembra neve, e salendo oltre iniziano le prime fumarole, alcuni buchi che sparano aria caldissima come un fon, e poi, lassù, l'anello del cratere e strettissimo, si può stare a cavalcioni con una gamba dentro e una fuori, da giù in fondo il terribile e pauroso gorgoglio della lava che ogni tanto esplode con i tanti fumi che si alzano. È un posto che fa paura, da una sensazione incredibile di piccolezza umana di fronte alla forza spaventosa della natura. Si ritorna al lago Natron alle 11:00 del mattino. È fondamentale compiere l'ascesa di notte, altrimenti il caldo sarebbe veramente proibitivo.
  • Foot2Afrika (Moshi, Kilimanjaro), +255 027 2754538, @ . Organizzazione non governativa, volta ad aiutare la comunità locale per lo sviluppo economico attraverso il lavoro volontario.


Dove alloggiare[modifica]


A tavola[modifica]


Sicurezza[modifica]



1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard e presenta informazioni utili a un turista. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.