Scarica il file GPX di questo articolo

Peshawar

Da Wikivoyage.
Peshawar
پاکستان
Moschea a Peshawar
Stato
Altitudine
Superficie
Abitanti
Prefisso tel
Fuso orario
Posizione
Mappa del Pakistan
Peshawar
Peshawar
Sito istituzionale

Peshawar è una città del Pakistan, capoluogo di Khyber Pakhtunkhwa ex Provincia della Frontiera del Nord Ovest.

Da sapere[modifica]

Peshawar è il capoluogo di Khyber Pakhtunkhwa (ex North-West Frontier Province). Situata vicino il famoso passo di Khyber, è una città di frontiera d'interesse strategico e militare. Costituisce uno sbocco per il commercio dell'Afghanistan, soprattutto per prodotti illegali quali l'oppio e i fucili kalashinov contrabbandati in gran quantità nel bazar Karkhano e nascosti dietro coltri di tappeti. Il fascino di Peshawar risiede nei vicoli della città vecchia e nei suoi molti bazar intricati e sempre molto animati.


Come orientarsi[modifica]

Piantina di Peshawar

Quartieri[modifica]

  • Città vecchia - Si estende intorno al forte "Bala Hisar" ed è limitata dalle linee ferroviarie ad ovest e dalla "Grand Trunk Road" a nord.
  • Peshawar Cantonment - Il quartiere di epoca coloniale ad ovest della città vecchia. È situato tra la stazione ferroviaria e l'aeroporto di Peshawar.
  • Jehangirabad & University Town - Ad ovest del precedente fanno perno sulla Jamrud Road, il viale che esce dalla città conducendo poi al Passo di Khyber. Proseguendo su questa arteria si incontra prima il campo dei rifugiati di "Kacha Garhi" e quindi il famoso Karkhano market, altrimenti soprannominato Bazar dei contrabbandieri. (Smugglers' Bazar)
  • Hayatabad - Un quartiere moderno che iniziò a svilupparsi dal 1970 in poi. Vi hanno sede diverse cliniche e l'ospedale di Peshawar (Rehman Medical Complex). Come molti quartieri moderni di città pakistane è diviso in zone (phases). Vi si accede imboccando il viale "Bacha Khan Road", una traversa a sinistra (spalle al centro) di Jamrud Road.


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

Le compagnie che operano su rotte internazionali:

  • Air Arabia - Da/per Sharja
  • Airblue - Da/per Dubai
  • Emirates - Da/per Dubai
  • Etihad Airways - Da/per Abu Dhabi
  • Gulf Air - Da/per Bahrain
  • Pakistan International Airlines - Da/per Abu Dhabi, al-'Ayn, Doha, Dubai, Gedda, Riyadh
  • Qatar Airways (Doha)
  • Shaheen Air International - Da/per Abu Dhabi, al-'Ayn, Doha, Dubai
  • Saudi Arabian Airlines - Da/per Gedda, Medina, Riyadh


I voli domestici sono operati da:


In treno[modifica]

Nome treno N° treno Stazioni
Awam Express 13 UP, 14 DN Peshawar, Nowshera, Rawalpindi, Gujrat, Lahore, Multan, Bahawalpur, Hyderabad, Karachi
Khushal Khan Khatak Express 19 UP, 20 DN Peshawar, Nowshera, Attock, Mianwali, Dera Ghazi Khan, Jacobabad, Larkana, Dadu, Karachi
Kyber Mail 1 UP, 2 DN Peshawar, Nowshera, Rawalpindi, Gujrat, Lahore, Multan, Bahawalpur, Hyderabad, Karachi
Passenger 327 UP, 328 DN Peshawar , Nowshera, Attock, Rawalpindi, Gujar Khan, Jhelum, Gujrat, Gujranwala, Lahore
Quetta Express 23 UP, 24 DN Peshawar, Nowshera, Rawalpindi, Gujrat, Lahore, Multan, Bahawalpur, Sukkur, Sibi, Quetta

Maggiori dettagli nel sito delle ferrovie.

In autobus[modifica]

Il caotico capolinea degli autobus extraurbani sta sulla Grand Grand Trunk Road a circa 2 km dal Bela Hisar.


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

Moschea Mohabbat Khan
Il forte di Bala Hisar
  • Forte Bala Hisar. Bala Hisar è una parola persiana che significa "castello alto". Si staglia su un'altura al centro della città vecchia. Fu costruito al tempo di Babur, capostipite della dinastia Moghul subito dopo la cattura della città. In seguito fu residenza del sovrano afgano, lo scià Ahmed Durran e dei suoi discendenti fino al 1834, anno in cui fu preso e distrutto dai Sikhs. Fu ricostruito in mattoni in epoca coloniale.
  • Museo di Peshawar. Il museo fu istituito nel 1907 e fu chiamato "Victoria Memorial Hall" in onore della regina Vittoria. Ospita sculture dell'Arte del Gandhara, fortemente influenzata dall'arte ellenistica. Una sezione è dedicata all'arte islamica con collezioni di ceramiche provenienti da Multan e opere calligrafiche. La sezione etnografica illustra la cultura delle principali tribù che vivono nella provincia di cui Peshawar è il capoluogo.
  • Karkhano market, (Mercato dei contrabbandieri). È in funzione dal 1985 e oggi conta 4,500 negozi gestiti sia da Pakistani che da Afghani. La maggior parte delle mercanzie offerte in vendita sono frutto di contrabbando. Vi si trova di tutto. Tra i prodotti illegali, oltre l'oppio e le armi anche la benzina venduta a taniche. Agli stranieri è proibito accedere alle aree più pericolose del mercato.
  • Bazar Qissa Khawan (Il bazar dei narratori).


Eventi e feste[modifica]


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]


Come divertirsi[modifica]


Dove mangiare[modifica]


Dove alloggiare[modifica]

Prezzi modici[modifica]

  • Tourist Inn Motel6 Saddar Road (A nord-est del bazar Saddar), +92 91 5279 156. Un ostello ove si radunano i giovani che amano i viaggi stile backpacker. Qui si formano nuovi gruppi che poi partono insieme verso mete ancora più avventurose. L'ostello non è dei migliori. Si compone di tre grandi dormitori e due sole camere doppie. I gestori organizzano escursioni al passo di Khyber, altrimenti difficile da raggiungere individualmente. (Richiede scorta armata)
  • Spogmay HotelNamak Mandi (Nella città vecchia), +92 91 221 3255, fax: +92 91 221 4955. Stanze anguste con impianto idraulico che fa acqua da tutte le parti.

Prezzi medi[modifica]

Prezzi elevati[modifica]

  • Pearl ContinentalKhyber Rd (Vicino il forte Bala Hisar), +92 91 276 631. Il migliore albergo di Peshawar e anche il più caro.
  • Khan’s KlubNew Rampoora Gate (Nella città vecchia), +92 91 221 4802. Boutique hotel in una antica casa restaurata.


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]


Nei dintorni[modifica]

  • Sehri-Bahlol (anche Sehri-Bahlol) — Sito storico nelle vicinanze di Takht-i-Bahi, ad una distanza di circa 70 chilometri a nord-ovest di Peshawar, capitale della North West Frontier Province in Pakistan. È stato incluso tra i Patrimoni dell'umanità dell'UNESCO nel 1980. Contiene resti di un Buddha non ancora completamente scavato. Antichità quali statue, monete, utensili e gioielleria sono molto comuni. Il termine "Sehri-Bahlol" significa, secondo gli abitanti locali, "Signor Bahlol" (personaggio politico e religioso locale) in lingua hindko. In ogni caso il nome non è vecchio quanto il villaggio di Sehri-Bahlol.


Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard contiene informazioni utili a un turista e dà un'informazione sommaria sulla meta turistica. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.