Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Karachi
کراچی
Veduta di Karachi
Stemma
Karachi - Stemma
Stato
Regione
Altitudine
Superficie
Abitanti
Prefisso tel
CAP
Posizione
Mappa del Pakistan
Reddot.svg
Karachi
Sito istituzionale

Karachi è una città del Pakistan.

Da sapere[modifica]

Cenni geografici[modifica]

Karachi è un grande porto sulle coste del Mar Arabico. Ha una superficie di circa 3,530 km² e si estende su un territorio per lo più piatto con colline ai suoi limiti settentrionali ed occidentali. La città è attraversata da due fiumi: il Malir che scorre nella zona sud est ed il Lyari il cui corso è situato più a nord. La zona del porto si trova in una baia riparata a sud ovest del centro. Il lungomare meridionale è caratterizzato da un litorale sabbioso e uscendo dalla città in direzione est si trovano boschi di mangrovie intramezzati dai rami del delta dell'Indo. Il litorale di nord-ovest al contrario è caratterizzato da una costa frastagliata con scogliere e promontori rocciosi che ospitano le spiagge più belle di Karachi. In base a una stima governativa del 2007, Karachi ha 12,315,843 di abitanti ma secondo fonti non ufficiali la città aveva oltrepassato i 20.000.000 ancor prima del censimento del 2007.

Quando andare[modifica]

Il miglior periodo per visitare Karachi è l'inverno (da novembre a marzo). Dicembre è il mese preferito dalla maggior parte dei turisti ma anche dei numerosi Pakistani che vivono all'estero. Dalla metà di aprile fino alla fine di agosto è estate e il termometro sale rapidamente attestandosi su una media di 35 °C. Luglio è in genere mese di piogge portate dal monsone. L'umidità si mantiene su livelli alti in tutto l'arco dell'anno.

Cenni storici[modifica]

Il porto di Karachi fu realizzato dai Britannici nel XIX secolo. Prima non c'era che un modesto villaggio di pescatori, noto con il nome di Kolachi. Dopo l'indipendenza del Pakistan, la città ne divenne la capitale e accolse un enorme flusso di rifugiati musulmani dall'India. Nel 1958 fu soppiantata da Rawalpindi nel ruolo di capitale ma il trasferimento non ebbe alcun effetto negativo su Karachi che continuò a svilupparsi prepotentemente senza sosta alcuna.

La popolazione e la distribuzione demografica di Karachi hanno subito innumerevoli cambiamenti negli ultimi 150 anni. Organizzazioni internazionali e non governative stimano la popolazione di Karachi attorno ai 20 milioni (nel 1947 era solo 400.000). La popolazione della città aumenta a un tasso medio del 5% annuo a causa della costante migrazione dalle zone rurali.

Prima dell'indipendenza del Pakistan, Karachi aveva grandi comunità di Parsi (seguaci del Mazdeismo), Ebrei, Indù, Cristiani e di altre religioni. Dopo l'indipendenza, i mussulmani emigrati dall'India si stabilirono qui e molti indù emigrarono in India. Dal 1979, a causa dell'invasione sovietica dell'Afghanistan, molti afgani si stabilirono a Karachi. La popolazione afgana a Karachi oggi conta più di un milione di abitanti. La presenza di queste numerose etnie e il continuo arrivo di nuovi emigranti hanno conferito alla città, conosciuta come Melting pot of Pakistan, un carattere cosmopolita.

Come orientarsi[modifica]

  • Jinnah Road — Una delle principali arterie di Karachi. Il suo precedente nome era "Bandar Road", la via del porto. Ha inizio dal porto di Karachi e si dirige a nord-est terminando al Mausoleo di Quaid-e-Azam, il fondatore del moderno stato del Pakistan, come Gandhi lo fu per l'India. Lungo la Jnnah Road si affacciano alcuni dei più noti palazzi cittadini come il municipio, la torre Merewether, una reliquia del periodo coloniale in stile gotico e il mercato Bolton.
  • Moulvi Tamizuddin Khan Road — Ha inizio dallo stesso punto di Jnnah Road insieme alla quale forma un triangolo ove è racchiuso il quartiere di Saddar, il vecchio centro coloniale di Karachi. La strada è dedicata all'uomo politico che fu il primo presidente dell'Assemblea Costituente del Pakistan. Lungo il tracciato si affaccia il Pearl Continental Hotel con un noto night club al suo interno. Nelle vicinanze sta il viale che borda il lato settentrionale della Palude delle Mangrovie sulla quale si affaccia la sede della Compagnia Nazionale di Navigazione (PNSC) e il Beach Luxury, un altro noto albergo cittadino.
  • Club Road — Costituisce il prolungamento della precedente ad est. Il nome si riferisce al tratto dell'arteria che attraversa il quartiere coloniale di Saddar. Nelle sue vicinanze stanno gli alberghi Sheraton, Marriot e l'ambasciata USA.
  • Shara-e-Faisal — Il prolungamento di "Club Road", ancora più ad est. Lungo il viale, dedicato alla memoria del re saudita Faysal d'Arabia, si trovano le sedi di banche e di compagnie multinazionali. Prosegue poi in direzione dell'aeroporto internazionale.
La centralissima via Chundrigar
  • Chundrigar Road — Tra "Jinnah Road" e "Moulvi Tamizuddin Khan" è una delle strade più famose del centro di Karachi, nota nel periodo coloniale come "McLeod". Vi si affacciano alti grattacieli, sedi di istituti finanziari e di importanti quotidiani. Vi si trova di tutto, dagli accattoni ai negozi di computer. Quando gli uffici chiudono per la pausa del pranzo, lunghe code si formano fuori dei ristoranti. Dopo le 8 di sera si svuota divenendo una strada fantasma.
  • Korangi road — L'arteria che si distacca dalla Shara-e-Faisal all'altezza del "World Trade & Financial Centre" e conduce al "Defence Housing Colony", la zona benestante di Karachi.
  • Napier Road — Anche questa arteria ha inizio dallo svincolo stradale a forma di anello ove convergono Jnnah Road e Moulvi Tamizuddin Khan ma muove a sud attraversando il molo orientale del porto e terminando alla stazione ferroviaria di Keamari in un'orrenda zona industriale. Nelle vicinanze sta il quartiere a luci rosse di Karachi. Siccome la prostituzione è illegale in Pakistan, molti dei bordelli di Napier Road hanno licenza di locali notturni, sale da ballo o addirittura teatri. Le prostitute di Napier Road si definiscono "Entraineuses" e si esibiscono per i loro clienti in un tipo di danza sensuale detta "Mujra", una diversione moderna del "Kathak", una danza tradizionale diffusasi nell'India settentrionale al tempo dell'impero Moghul e molto reclamizzata nei vecchi film di Bollywood. Nel 2005 le ruspe hanno iniziato a demolire alcuni edifici coloniali di Keamari nell'ambito di una rivalutazione della frangia occidentale di questo distretto disteso per km sulla lingua di terra che separa la laguna delle Mangrovie dal Mare Arabico. Keamari da solo conta circa 1,000,000 di abitanti.
  • Burns Road — Una strada in downtown Karachi, famosa per la presenza di ristoranti e negozi che vendono cibi tipici come Biryani e Karhai, Dhaga Kabab, Fry Kabab, Nihari, Haleem e fried finger fish. Altre specialità includono Kheer, Rabri and Dahi Bara. In altre parole Burns Road è la Food street di Karachi. Il suo nome risale all'epoca coloniale britannica, e il suo mercato è il più frequentato dalle classi medie e basse. Le famiglie pakistane spesso parcheggiano ai lati delle strade e mangiano il cibo appena acquistato in macchina, come se si trovassero in un drive in.
  • Zamzama Avenue (famoso per i suoi outlets e clubs)
  • Beach Avenue
  • Karsaz Road (Karachi's pride)
  • Tariq Road (centro commerciale)


Quartieri[modifica]

  • Saddar Town — Saddar Town è il centro di Karachi sin dal tempo del dominio britannico, come attestano i suoi numerosi edifici in stile coloniale. Il distretto comprende i vecchi quartieri di Kharadar e Mithadar. È un'area commerciale; entro i suoi limiti sono situati lo storico Empress Market, la stazione ferroviaria e quella degli autobus extraurbani. Una delle strade più note è l'affollata "Zaib-un-nissa" intitolata a un famoso giornalista pakistano. In epoca coloniale era nota come Elphinstone Street e di quel periodo conserva ancora molti edifici, oggi sede di consolati o trasformati in alberghi di categoria inferiore.
  • Clifton — Il quartiere di Clifton si estende sul lungomare a sud di Saddar Town. È il luogo tradizionale della passeggiata domenicale degli abitanti di Karachi. Qui si trova la casa di Zulfikar Ali Bhutto, presidente del Pakistan dal 1971 al 1973 e padre di Benazir. Davanti alla casa dei Bhutto a Clifton fu assassinato nel 1990, Murtaza, il fratello di Benazir.
  • D.H.A. Phase VIII — La nuova Karachi si estende parecchi km a sud-est dal convulso centro cittadino, su terre sottratte al mare. Il quartiere è sorto su progetto del "Defense Housing Authority", (D.H.A.) l'ente preposto alla costruzione di alloggi per le Forze Armate. Vi sono sorti nuovi alberghi tra i quali il Carlton e sta per essere completato (2008) un porticciolo turistico, il "Marina Creek". "Crescent Bay" è un progetto portato avanti dalla società Emaar di Dubai. Il piano urbanistico prevede la realizzazione di un quartiere residenziale con grattacieli sul lungomare che accoglieranno alberghi e condomini di lusso.
  • Gulberg Town — Separato dal centro dal corso del fiume Lyari,Gulberg Town è abitato soprattutto da Muhajir, termine con cui si indicano i discendenti di quegli indiani di credo musulmano fuggiti dall'India dopo il 1947, anno che sancì la spartizione della colonia britannica in due stati indipendenti.
  • Gulshan Town — Situato a nord del centro, oltre il fiume Lyari, Gulshan Town è quartiere degli spazi fieristici del "Karachi Expo Centre" e degli edifici dell'Università statale di Karachi, la più grande del paese.


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

  • 1 Jinnah International Airport (IATA: KHI). È il maggiore e più trafficati aeroporto del Pakistan. Tra gli anni 60 e 80, Karachi era un aeroporto molto più frequentato, ma con lo sviluppo dell'aeroporto di Dubai quello di Karachi perse di importanza. Oggi è un hub per la compagnia aerea di bandiera Pakistan International Airlines che vola qui da tutte le città del Pakistan e da molte delle maggiori città del mondo.
Il terminal principale è diviso in due sezioni:
  • Jinnah East Satellite Concourse che è usato per voli internazionali
* Jinnah West Satellite Concourse usato per voli nazionali. Il piano terra di entrambe le sezioni è usato per gli arrivi. Aeroporto Internazionale Jinnah su Wikipedia Aeroporto Internazionale Jinnah (Q61052) su Wikidata
Compagnia aerea Destinazioni
Air Arabia Sharjah
airblue Islamabad, Lahore, Peshawar, Rahim Yar Khan, Dubai, Jeddah
Air China Chengdu
Air Indus Bahawalpur, Faisalabad, Islamabad, Lahore, Multan, Peshawar, Quetta
Cathay Pacific Bangkok-Suvarnabhumi, Hong Kong
Emirates Dubai
Etihad Airways Abu Dhabi
flyDubai Dubai
Flynas Jeddah
Gulf Air Bahrain
Iran Air Tehran-Imam Khomeini
Iraqi Airways Seasonal: Najaf
Oman Air Muscat
Pakistan International Airlines Bahawalpur, Dalbandin, Dera Ghazi Khan, Dera Ismail Khan, Faisalabad, Gwadar, Hyderabad, Islamabad, Lahore, Mohenjo-daro, Multan, Nawabshah, Panjgur, Peshawar, Quetta, Rahim Yar Khan, Sialkot, Skardu, Sukkur, Turbat, Zhob, Dammam, Dhaka, Dubai, Istanbul, Jeddah, Kathmandu, Kuala Lumpur, London-Heathrow, Manchester, Medinah, Mumbai, Muscat, New York-JFK, Riyadh, Toronto-Pearson, Zahedan
Qatar Airways Doha
Saudia Dammam, Jeddah, Medina, Riyadh
Shaheen Air Faisalabad, Islamabad, Lahore, Multan, Peshawar, Quetta, Abu Dhabi, Dammam, Doha, Dubai, Jeddah, Muscat, Sharjah
SriLankan Airlines Colombo
Thai Airways International Bangkok-Suvarnabhumi, Muscat
Turkish Airlines Istanbul-Atatürk

In auto[modifica]

M-9 (موٹروے 9) è un'autostrada a 6 corsie lunga 136 km da Karachi a Hyderabad dove si raccorda con la statale Pakistan N-55.svg (o strada dell'Indo) per Peshawar (1264 km) e le altre città del Pakistan settentrionale.

La Pakistan N-10.svg o National Highway 10, è una strada statale di 653 km che si snoda lungo la costa del Mar Arabico, da Karachi a Gwadar, località del Balochistan prossima alla frontiera con l'Iran. Prima dell'apertura della strada il viaggio da Karachi Gwadar richiedeva almeno due giorni mentre adesso sono sufficienti 7 ore.

In treno[modifica]

  • 2 Karachi Cantonment. La stazione costituisce il capolinea della Linea-1 che inizia da Peshawar. La massima velocità dei convogli è di 100 km orari ma sono in corso lavori di potenziamento che, una volta ultimati, permetterano ai treni velocità medie di 160 km/ orari. Nel 2019 è stato sospeso il servizio di treni internazionali Thar Express, diretti a Jodhpur (India). Karachi Cantonment Railway Station (Q3605245) su Wikidata

In autobus[modifica]

La stazione degli autobus di Karachi è ben servita da linee sia pubbliche che private. Usare gli autobus è sicuramente il modo più economico per arrivare nella metropoli, ma comporta anche una notevole perdita di tempo. I bus che arrivano e/o partono da Karachi si dividono in due categorie: normal e luxury bus. I primi, ovviamente più economici, sono frequenti, ma non hanno l'aria condizionata. I luxury bus sono più spaziosi, puntuali, hanno l'aria condizionata e spesso hanno un'hostess e una guardia del corpo sui bus. La più importante compagnia di di luxury bus è la Daewoo Sammi.

A Karachi non c'è un vero e proprio terminal degli autobus, ma la maggior parte di questi terminano la loro corsa fuori dalla stazione ferroviaria di Cantonment, a Sohrab Goth sulla M-9, o a Saddar vicino Empress Market.

La corsa Karachi-Hyderabad costa circa Rs 200 con autobus privi di aria condizionata o Rs 250 con gli autobus con aria condizionata. Da Sukkur Rs 500 o Rs 700. Chi vuole viaggiare su bus condizionati Daewoo, la tariffa da Sukkur è di Rs 1,500 e i bus partono ogni ora (il viaggio dura circa 7 ore).

Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

Mausoleo Mazar-e-Quaid
Moschea Tooba
  • 1 Mazar-e-Quaid, 7 Hatim Alvi Rd, Block 5 Old Clifton. Il mausoleo ove si trovano le spoglie di Muhammad Ali Jinnah, il fondatore del Pakistan. Mausoleo di Muhammad Ali jinnah su Wikipedia Mausoleo di Muhammad Ali jinnah (Q2571455) su Wikidata
  • 2 Palazzo Mohatta. Palazzo costruito nel 1927 nell'elegante località balneare di Clifton come residenza estiva di Shivratan Mohatta, un uomo d'affari indù. Il palazzo è stato costruito secondo lo stile tradizionale delle reggie del Rajasthan, utilizzando la pietra rosa di Jodhpur in combinazione con la pietra gialla locale. Il mercante ha potuto godere di questo edificio per circa due decenni. Dopo la spartizione dell'India è stato costretto a lasciarlo e oggi l'edificio è stato trasformato in museo della storia culturale e dei giardini. Mohatta Palace (Q3456819) su Wikidata
  • 3 Museo Nazionale del Pakistan, Dr. Zia-ud-din Road (Burns Garden). La collezione più interessante del museo è quella relativa alle civiltà pre-arie della Valle dell'Indo costituita da reperti provenienti da scavi effettuati a Mohenjo-daro. Un'altra sezione è dedicata alla civiltà del Gandhara. Si ammira anche una collezione con 300 edizioni del Corano di cui una cinquantina sono manoscritti molto rari. National Museum of Pakistan (Q1967486) su Wikidata
  • 4 Torre Merewether. è una torre dell'orologio costruita in epoca vittoriana secondo uno stile neogotico. La torre è un punto di riferimento nel centro di Karachi e si trova all'incrocio di due delle strade più importanti del centro di Karachi: Muhammad Ali Jinnah Road e I. I. Chundrigar Road. La torre segnava segnava la linea di demarcazione tra il centro storico di Karachi ei suoi nuovi quartieri europei a est. Attualmente è il punto più occidentale del quartiere Serai. Merewether Clock Tower (Q10383774) su Wikidata
  • 5 Frere Hall. Frere Hall (Q3924620) su Wikidata
  • 6 Masjid e Tooba. la più grande moschea a cupola unica del mondo Masjid e Tooba (Q2993402) su Wikidata
  • Fontana delle autorità portuali di Karachi
  • 7 Karachi Expo Centre. Karachi Expo Centre (Q6367749) su Wikidata
  • 8 Pakistan Air Force Museum. PAF Museum (Q7118096) su Wikidata
  • 9 Pakistan Maritime Museum. Pakistan Maritime Museum (Q2157417) su Wikidata
  • 10 PIA Planetarium. PIA Planetarium, Karachi (Q7119315) su Wikidata
La cattedrale di St Patriks a Saddar Town
  • 11 Cattedrale di San Patrizio. Il tempio è la sede dell'arcidiocesi cattolica di Karachi e si trova vicino al mercato dell'Imperatrice. La chiesa fu completata nel 1881 e può ospitare 1.500 fedeli. Nella parte anteriore della cattedrale si trova il Monumento a Cristo Re, costruito tra il 1926 e il 1931 per commemorare la missione dei gesuiti nel Sindh. Saint Patrick's Cathedral (Q1335910) su Wikidata
  • 12 Sindh High Court. Sindh High Court (Q7522150) su Wikidata

Isole[modifica]

  • Clifton Oyster Rocks
  • Bhit Shah Island
  • Buddo Island
  • Bundal Island

Eventi e feste[modifica]


Cosa fare[modifica]

Clifton Beach
  • Passeggiate in cammello sulla spiaggia di Clifton.

Parchi di divertimento[modifica]

  • Go Aish Adventure Park
  • Bin Qasim Park (Old Clifton)
  • Safari Park (University Road)
  • Aladdin Park (Rashid Minhas Road)
  • Sindbad
  • PIA Planetarium
  • Karachi Zoological Gardens‎ (Gandhi Garden)
  • Beach Park (Sea View)
  • Askari Park (University Road)
  • Hill Park (Tariq Road)
  • Nisar Shaheed Park (Defance P5)
  • Zam Zam Park (ZamZama)
  • Polo Ground (PIDC)
  • Cosy Water Park (super highway)
  • Samzu Park (super highway)
  • Fiesta park (super highway)
  • Sun Way Lagon (near nooriabad)
  • Cheekoo water park (super highway)

Spiagge e lungomari[modifica]

  • 1 Clifton Beach.
  • Beach Park.
  • Jehangir Kothari Parade.
  • Hawke's Bay Beach. Zona di riproduzione di tartarughe a rischio di estinzione
  • Paradise Point. Promontorio roccioso sul mare con un arco naturale.
  • Sandspit Beach.
  • French Beach.


Acquisti[modifica]

Dolmen Malls Clifton
  • 1 Dolmen Malls. Il gruppo gestisce tre centri commerciali tutti situati a Clifton:
  • Dolmen a Tariq road è stato aperto nel 2000.
  • Dolmen Mall Hyderi è stato costruito nel 2008.
  • Dolmen Mall Clifton è stato inaugurato nel 2011. Nel 2018, i centri commerciali hanno ospitato le celebrazioni del Giorno dell'Indipendenza da venerdì 10 agosto a martedì 14 agosto.
Dolmen Malls ospita negozi al dettaglio internazionali e locali, marchi di moda e alimentari e strutture ricreative al coperto tra cui il parco divertimenti Sindbad. I centri commerciali sono stati utilizzati da registi e canali televisivi per promuovere spettacoli e film.
Lucky One Mall
  • 2 Lucky One Mall, LA-2/B, Block 21، Main Rashid Minhas Rd, Gulberg Town. Al 2021 era il più grande centro commerciale dell'Asia meridionale. Ospita oltre 200 negozi un ipermercato Carrefour e diversi servizi con un ampio parcheggio interno per 1200 auto.
Molti dei negozi presenti sono marchi famosi come Hush Puppies, Travel Mate, Gree Electric, Interwood Mobel, il più grande negozio di mobili per la casa e l'ufficio del Pakistan, Bata Corporationi, l marchio di scarpe più antico del Pakistan e molti altri.
Il LuckyOne comprende anche un atrio, area ristorazione, sale riservate a sfilate di moda e a concerti musicali.
All'interno del centro commerciale si trova anche il parco a tema Onederland, con circa 200 attrazioni disposte su 2 livelli. Lucky One Mall (Q28223646) su Wikidata

Mercati tradizionali[modifica]

Empress Market
  • 3 Empress Market. È un mercato di epoca coloniale situato in centro. Oggi è tra i luoghi più popolari e frequentati dello shopping di Karachi. I prodotti venduti nel mercato vanno dagli alimentari (condimenti, frutta, verdura e carne) ai tessuti e dai casalinghi a materiale di cancelleria. Nelle vicinanze si trova anche un parco ricreativo chiamato Jahangir Park. Empress Market (Q5374577) su Wikidata
  • 4 Jodia Bazaar. Vi su può trovare di tutto dalle spezie ad articoli di abbigliamento..


Come divertirsi[modifica]

Club[modifica]

  • Karachi Boat Club.
  • Creek Club.
  • Marina Club.
  • Arabian sea country club.
  • 1 DHA Golf club.
  • Sindh club.
  • Karachi club.


Dove mangiare[modifica]


Dove alloggiare[modifica]

Prezzi elevati[modifica]


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]


Nei dintorni[modifica]

  • 3 Manora — Raggiungibile in barca dal porto di Karachi in meno di un'ora, l'isoletta di Manora è una tradizionale meta di fine settimana per famiglie amanti del picnic che vengono consumati all'ombra del faro, dipinto a strisce gialle e rosse.
  • 4 Mubarak Goth — Villaggio di pescatori attorniato da vaste spiagge, alcune al riparo dall'irruenza dell'oceano Indiano dove è possibile praticare diversi sport acquatici come lo snorkeling.
Nel 2018 la fuoriuscita di petrolio da un oleodotto sottomarino ha danneggiato l'ambiente.
  • 5 Churna — Un isolotto disabitato attorniato da banchi di corallo che offrono rifugio a una variopinta fauna ittica.
  • 6 Makli (98 km a est) — Necropoli dichiarata patrimonio dell'umanità dall'UNESCO nel 1981. Le tombe risalgono a un periodo compreso tra il XIV e il XVIII secolo e appartengono a nobili, santi sufi e illustri studiosi.
La necropoli di Makli si estende su un'area di 10 chilometri quadrati. Parecchie tombe sono magnificamente scolpite con simboli e bassorilievi di influenza islamica, indù, persiana e moghul.
  • 7 Parco nazionale di Kirthar — Accessibile solo con veicoli a 4 ruote motrici, il parco si estende sui monti omonimi e su un lembo del deserto. Si possono osservare facilmente esemplari di gazzelle, capre selvatiche e tassi ma il leopardo e gli altri felini che un tempo vivevano nell'area sono estinti.


Informazioni utili[modifica]

Consolati[modifica]


Altri progetti

  • Collabora a Wikipedia Wikipedia contiene una voce riguardante Karachi
  • Collabora a Commons Commons contiene immagini o altri file su Karachi
1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard contiene informazioni utili a un turista e dà un'informazione sommaria sulla meta turistica. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.