Scarica il file GPX di questo articolo

Tematiche turistiche > Destinazioni a tema > Patrimoni mondiali dell'umanità > Patrimoni mondiali dell'umanità in Croazia

Patrimoni mondiali dell'umanità in Croazia

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Questa è la lista dei Patrimoni mondiali dell'umanità presenti in Croazia al 2019.

Introduzione[modifica]

Logo UNESCO
Bandiera nazionale

La Croazia ha accettato la Convenzione UNESCO per i Beni dell'Umanità il 6 luglio 1992.

Lista dei patrimoni dell'umanità[modifica]

Sito Anno Tipo Criteri Descrizione Immagine
1 Città vecchia di Ragusa (Dubrovnik) 1979, 1994 Culturale (i)(iii)(iv) La "Perla dell'Adriatico", situata sulla costa dalmata, divenne un'importante potenza del mare Mediterraneo dal XIII secolo. Anche se gravemente danneggiata da un terremoto nel 1667, Ragusa è riuscita a conservare le sue belle chiese, monasteri, palazzi e fontane, gotiche, rinascimentali e barocche. Danneggiato di nuovo nel 1990 da un conflitto armato, è ora al centro di un importante programma di restauro coordinato dall'UNESCO. Dubrovnik-L04-1.jpg
2 Complesso storico di Spalato (Split) con il Palazzo di Diocleziano 1979 Culturale (ii)(iii)(iv) Le rovine del Palazzo di Diocleziano, costruito tra la fine del III e l'inizio del IV secolo d.C., si trovano in tutta la città. La cattedrale fu costruita nel Medioevo, riutilizzando i materiali dell'antico mausoleo. Chiese romaniche del XII e XIII secolo, fortificazioni medievali, palazzi gotici del XV secolo e di altri palazzi in stile rinascimentale e barocco costituiscono il resto dell'area protetta. Diocletians mausoleum-Split.jpg
3 Parco nazionale dei laghi di Plitvice 1979, 2000 Naturale (vii)(viii)(ix) Le acque che scorrono sopra il calcare e il gesso hanno, nel corso di migliaia di anni, depositate lastre di travertino, creando dighe naturali che a loro volta hanno creato una serie di bellissimi laghi, grotte e cascate. Questi processi geologici continuano oggi. Le foreste del parco sono la patria di orsi, lupi e molte specie di uccelli rari. Plitvice10.jpg
4 Complesso episcopale della Basilica eufrasiana nel centro storico di Parenzo (Poreč) 1997 Culturale (ii)(iii)(iv) Il gruppo di monumenti religiosi a Parenzo, in cui il cristianesimo è stato istituito già nel IV secolo, costituisce il complesso superstite più completo del suo genere. La basilica, l'atrio, il battistero e il palazzo vescovile sono eccellenti esempi di architettura religiosa, mentre la basilica si combina elementi classici e bizantini in maniera eccezionale. Croatia Porec Euphrasius Basilika BW 2014-10-08 11-02-20.jpg
5 Città storica di Traù (Trogir) 1997 Culturale (ii)(iv) Trogir è un notevole esempio di continuità urbana. Il piano stradale ortogonale di questo insediamento risale al periodo ellenistico ed è stato impreziosito da successivi governanti con numerosi edifici pubblici e domestici, e fortificazioni. Le sue belle chiese romaniche si affiancano agli straordinari edifici rinascimentali e barocchi del periodo veneziano. View over Trogir - Croatia.jpg
6 Cattedrale di San Giacomo a Sebenico (Šibenik) 2000 Culturale (i)(ii)(iv) La Cattedrale di San Giacomo a Sebenico (1431-1535), sulla costa dalmata, testimonia le notevoli scambi nel campo delle arti monumentali tra nord Italia, la Dalmazia e la Toscana nei secoli XV e XVI. I tre architetti che si sono succeduti nella costruzione della Cattedrale (Francesco di Giacomo, Georgius Mathei Dalmatico e Niccolò di Giovanni Fiorentino), hanno sviluppato una struttura costruita interamente in pietra e con tecniche costruttive uniche per la volta e la cupola del Duomo. La forma e gli elementi decorativi della Cattedrale, come un fregio notevole decorato con 71 facce scolpite di uomini, donne e bambini, illustrano anche la fusione tra gotico e rinascimentale. Cathedral of St. James, Sibenik1 (js).jpg
7 Piana di Cittavecchia (Stari Grad) 2008 Culturale (ii)(iii)(v) La piana di Cittavecchia sull'isola adriatica di Lesina (Hvar) è un paesaggio culturale che è rimasto praticamente intatto da quando è stata colonizzata dai Greci Ionci da Paro (Paros) nel IV secolo a.C. L'attività agricola originaria di questa pianura fertile, principalmente incentrata su uva e olive, è stata mantenuta fin dai tempi greci ad oggi. Il sito è anche una riserva naturale. Il paesaggio è caratterizzato da antiche mura e rifiniture in pietra, o piccoli rifugi di pietra, e testimonia l'antico sistema geometrico di divisione del terreno utilizzato dagli antichi greci, la chora che è rimasta praticamente intatta nel corso di 24 secoli. Hvar Stari grad.jpg
8 Cimiteri di tombe medievali stećci 2016 Culturale (iii)(vi) Questa proprietà seriale combina 28 siti, situati in Bosnia ed Erzegovina, Serbia occidentale, Montenegro occidentale e Croazia centrale e meridionale, che rappresentano questi cimiteri e lapidi medievali caratteristici della regione, o stećci. I cimiteri, che risalgono dal XII al XVI secolo d.C., sono disposti a file, come era usanza comune in Europa dal Medioevo. Gli stećci sono per lo più scolpiti in pietra calcarea. Presentano una vasta gamma di motivi decorativi e iscrizioni che rappresentano continuità iconografica all'interno dell'Europa medievale e tradizioni locali distintive. Stećci, croatian medieval tombstones.JPG
Foreste primordiali dei faggi dei Carpazi e di altre regioni d'Europa: 2007, 2011, 2017 Naturale (ix) Questa proprietà transfrontaliera si estende su 12 Paesi. Dalla fine dell'ultima era glaciale, il faggio europeo si è diffuso da poche aree di rifugio isolate nelle Alpi, nei Carpazi, nei Dinaridi, nel Mediterraneo e nei Pirenei in un breve periodo di qualche migliaio di anni in un processo ancora in corso. L'espansione riuscita in un intero continente è legata all'alterabilità e alla tolleranza dell'albero in diverse condizioni climatiche, geografiche e fisiche. Tysa Rakhiv.jpg
Opere di difesa veneziane tra XVI e XVII secolo: Stato da Terra-Stato da Mar occidentale:
  • 12 Sistema difensivo di Zara
  • 13 Fortezza di San Nicolò (a Sebenico)
2017 Culturale (iii)(iv) Questa proprietà è composta da 6 componenti di opere difensive in Italia, Croazia e Montenegro, che si estendono per oltre 1.000 km tra la regione italiana lombarda e la costa adriatica orientale. Le fortificazioni dello Stato da Terra proteggevano la Repubblica di Venezia da altre potenze europee a nord-ovest e quelle dello Stato da Mar proteggevano le rotte marittime e i porti del Mar Adriatico fino al Levante. Erano necessari per sostenere l'espansione e l'autorità della Serenissima. L'introduzione della polvere da sparo ha portato a cambiamenti significativi nelle tecniche e nell'architettura militare che si riflettono nella progettazione delle fortificazioni cosiddette alla moderna/bastionate, che si sarebbero diffuse in tutta Europa. Šibenik - Pevnosť Sv. Mikuláša.JPG
Legenda Unesco
(i) Rappresentare un capolavoro del genio creativo dell'uomo.
(ii) Mostrare un importante interscambio di valori umani in un lungo arco temporale o all’interno di un'area culturale del mondo, sugli sviluppi dell'architettura, nella tecnologia, nelle arti monumentali, nella pianificazione urbana e nel disegno del paesaggio.
(iii) Essere testimonianza unica o eccezionale di una tradizione culturale o di una civiltà vivente o scomparsa.
(iv) Costituire un esempio straordinario di una tipologia edilizia, di un insieme architettonico o tecnologico o di un paesaggio che illustri uno o più importanti fasi nella storia umana.
(v) Essere un esempio eccezionale di un insediamento umano tradizionale, dell’utilizzo di risorse territoriali o marine, rappresentativo di una cultura (o più culture) o dell’interazione dell’uomo con l’ambiente, soprattutto quando lo stesso è divenuto per effetto delle trasformazioni irreversibili.
(vi) Essere direttamente o materialmente associati con avvenimenti o tradizioni viventi, idee o credenze, opere artistiche o letterarie dotate di un significato universale eccezionale.
(vii) Presentare fenomeni naturali eccezionali o aree di eccezionale bellezza naturale o importanza estetica.
(viii) Costituire una testimonianza straordinaria dei principali periodi dell’evoluzione della terra, comprese testimonianze di vita, di processi geologici in atto nello sviluppo delle caratteristiche fisiche della superficie terrestre o di caratteristiche geomorfiche o fisiografiche significative.
(ix) Costituire esempi significativi di importanti processi ecologici e biologici in atto nell’evoluzione e nello sviluppo di ecosistemi e di ambienti vegetali e animali terrestri, di acqua dolce, costieri e marini.
(x) Presentare gli habitat naturali più importanti e significativi, adatti per la conservazione in situ della diversità biologica, compresi quelli in cui sopravvivono specie minacciate di eccezionale valore universale dal punto di vista della scienza o della conservazione.

Altri progetti