Scarica il file GPX di questo articolo
Europa > Italia > Italia nordoccidentale > Lombardia > Prealpi e grandi laghi lombardi > Franciacorta

Franciacorta

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search
Franciacorta
Una vite della Franciacorta
Localizzazione
Franciacorta - Localizzazione
Stato
Regione
Superficie
Sito del turismo
Sito istituzionale

La Franciacorta è una sotto-regione appartenente alla Lombardia.

Da sapere[modifica]

La Franciacorta è una zona collinare situata tra Brescia e l'estremità meridionale del Lago d'Iseo.

Cenni geografici[modifica]

La Franciacorta è delimitata su tre lati da confini naturali: a nord dal Lago d'Iseo, a sud dal Monte Orfano, che ha un'altezza massima di 451 m s.l.m. e a ovest dal fiume Oglio.

Il territorio, per lo più collinare, è cosparso di boschi e di numerosi vigneti che ne caratterizzano la peculiarità.

Quando andare[modifica]

Se si vuole assistere (o si vuole partecipare) alla vendemmia, il mese migliore per visitare la Franciacorta è quello di settembre.

N.B.: a seconda della temperatura e della quantità di pioggia caduta durante l'estate la vendemmia potrebbe essere anticipata o posticipata.

Cenni storici[modifica]

Secondo un'antica leggenda, Carlo Magno nel 774 si stabilì con il suo accampamento a Rodengo Saiano e poiché doveva celebrare la festa di S. Dionigi (che doveva essere festeggiata in Francia), denominò questa zona "Piccola Francia" da cui Franciacorta visto che l'aspetto del luogo gli ricordava quello della Francia.

Lingue parlate[modifica]

Oltre ai dialetti locali, l'unica lingua parlata è l'Italiano.


Territori e mete turistiche[modifica]

Centri urbani[modifica]

I paesi della Franciacorta

Principali mete turistiche della Franciacorta sono:

  • Bornato — Antico paese nel comune di Cazzago San Martino che conserva un singolare esempio di palazzo rinascimentale costruito all'interno della cinta muraria di un castello medievale e circondato da vigneti.
  • Clusane — paese di pescatori conosciuto con l'epiteto di paese della tinca al forno, possiede un castello (Castello Carmagnola) quattrocentesco da cui si può avere una splendida vista sul lago. Di notevole interesse è il percorso ciclabile che collega il paese con Brescia passando per i vigneti della Franciacorta.
  • Corte Franca — Diviso in piccoli borghi circondati da vigneti, il comune di Corte Franca ospita anche numerose ville storiche come il Palazzo Monti della Corte, che durante le lotte risorgimentali ospitò il patriota bresciano Tito Speri, e il Palazzo Torri.
  • Gussago — Nella Franciacorta orientale, Gussago ospita la Santissima, un dismesso convento domenicano posto sulla cima del colle Barbisone. Da oltre quarant'anni, l'ultima domenica del mese, si svolge del paese la Festa dell'Uva con la sfilata di carri allegorici.
  • Iseo — piccola cittadina sul Lago d'Iseo, con un bel castello e una piazza con molti edifici e monumenti storici come il primo monumento non equestre dedicato all'Eroe dei due mondi, Giuseppe Garibaldi.
  • Monticelli Brusati — Piccolo paese noto per il percorso naturalistico delle Cascate di Gaina.
  • Ome — Questo borgo medievale ospita le Terme di Franciacorta [1], zona che vanta ricchezza d'acqua ma che lega la sua fama soprattutto alla ricchezza di pregiati vini. Nel paese si trova anche un ricco Giardino Botanico.
  • Ospitaletto
  • Paderno Franciacorta
  • Palazzolo sull'Oglio — Città da sempre legata al corso del fiume Oglio, nel centro storico si trovano numerosi monumenti storici come la Torre del Popolo, il Castello, o Rocca Magna, e il ponte romano a quattro arcate.
  • Paratico — tra Franciacorta e Lago d'Iseo, Paratico ha una bella e lunga passeggiata in riva al lago che collega la frazione di Tengattini a Sarnico. Nel castello del paese, oggi privato e in parte crollato, si dice abbia soggiornato Dante Alighieri.
  • Passirano — In mezzo alla Franciacorta, il paese conserva un bel castello medievale, oggi purtroppo proprietà privata.
  • Provaglio d'Iseo — Un tempo penalizzato dalla strada statale che passava per il paese, oggi, grazie all'apertura della superstrada ce taglia fuori il paese, è riuscito a scoprire la sua vena turistica grazie, soprattutto, alle Torbiere e al Monastero di S. Pietro in Lamosa.
  • Rodengo Saiano — Nel paese si trovano sia luoghi di interesse culturale come l'abbazia Olivetana di San Nicola sia di interesse commerciale come il Franciacorta Outlet Village.
  • Rovato — Città del Manzo all'olio, Rovato è un importante centro Franciacortino con un ben conservato centro storico.

Altri paesi franciacortini sono: Adro, Capriolo, Calino, Cazzago San Martino, Cellatica, Coccaglio, Cologne ed Erbusco.

Altre destinazioni[modifica]

  • Riserva naturale Torbiere del Sebino — Una zona acquitrinosa diventata per varie specie di uccelli un'oasi naturale adatta alla riproduzione. L'importanza ecologica di questo ambiente è tale da essere inserita anche nell'elenco delle Zone Umide di Importanza Internazionale protette dalla Convenzione di Ramsar, alla quale hanno aderito moltissimi Paesi europei.


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

Gli aeroporti più vicini ad Iseo sono i seguenti:

In auto[modifica]

Uscite dell'Autostrada A4:

Strade statali che percorrono il territorio sono:

  • Strada Statale 510
  • Strada Statale 469
  • Strada Statale 573

In nave[modifica]

I battelli della Navigazione Lago d'Iseo servono Clusane e Iseo.

In treno[modifica]

La Valle è raggiungibile in treno grazie alla linea gestita da Trenord Brescia-Iseo-Edolo. Per informazioni, tariffe e orari consultare il sito Trenord. I paesi in cui si trovano le stazioni della linea sono (da nord a sud):

Cazzago San Martino e Rovato sono serviti dal ramo Iseo-Rovato, sempre gestito da Trenord.

In autobus[modifica]

Per orari e linee degli autobus in Franciacorta consultare trasportibrescia.it

Come spostarsi[modifica]

Con mezzi pubblici[modifica]

Per sapere quali linee sono più opportune per i vostri spostamenti consultare il sito muoversi in lombardia.

Cosa vedere[modifica]

GiorcesPassirano1.jpg
1 Castello di PassiranoPassirano. Eretto nel 1100 per garantire un rifugio agli autoctoni in caso di attacco. Il castello ha conservato per un lato l'antico fossato, torri rotonde e quadrate fra cui la torre della Specola che nel XVIII secolo ospitava un osservatorio astronomico; si può ancora vedere anche la merlatura ghibellina. È proprietà privata.
Castello Carmagnola Clusane.JPG
2 Castello Carmagnola, Via Ponta 2, Clusane, @ info@rosmunda.it. Simple icon time.svg Dopo il restauro recentemente avvenuto oggi il castello è visitabile su appuntamento il primo lunedì e il terzo martedì di ogni mese. Risalente al XIV secolo, fu fatto costruire dagli Oldofredi, feudatari della Franciacorta e del Lago d'Iseo. In questo luogo si crede sia vissuto il condottiero Francesco Bussone detto "il Carmagnola" dal 1428 al 1432.
Tramonto alle Torbiere.jpg
3 Le Torbiere del Sebino. Ecb copyright.svg Ingresso a pagamento per i non residenti nei comuni di iseo, Corte Franca e Provaglio d'Iseo. Il biglietto è acquistabile nei parcometri posti negli ingressi della riserva.. Area naturale che ha avuto origine dall'attività di estrazione della torba, è ubicata a sud della sponda meridionale del Lago d'Iseo a 185 m s.l.m e costituisce la zona umida più importante per estensione e significato ecologico della provincia di Brescia. In tutta la riserva sono presenti sentieri segnalati, alcuni dei quali percorribili anche in mountain bike. Nel sentiero che collega Timoline con Provaglio d'Iseo sono inoltre presenti delle postazioni dove effettuare della ginnastica. La pesca è consentita solo in alcune aree delle riserva.
San Pietro in Lamosa ingresso 20080803.jpg
4 Monastero di San Pietro in Lamosa, Via Sebina (Provaglio d'Iseo, a ridosso della strada statale che porta verso il lago), @ info@sanpietroinlamosa.org. Simple icon time.svg Da aprile a novembre: Sab, Dom e festivi 10:00-12:00 e 15:00-18:00; resto dell'anno: Sab, Dom e festivi 10:00-12:00 e 14:00-17:00. Il primo nucleo del monastero, una chiesetta, venne costruita durante l'anno mille e, nel 1083, venne donata all'ordine Cluniacense. La chiesa divenne uno dei 1300 monasteri dell'ordine in Europa e rimase tale fino al 1535 quando per decisione del Papa e del Doge passò a una congregazione bresciana di Canonici Regolari. Durante questo periodo venne arricchito con una loggetta rinascimentale. Dal complesso monastico, dove vengono organizzati numerosi eventi, si può godere di una splendida vista sulla Riserva naturale Torbiere del Sebino.
Abbazia Rodengo Chiostro Grande.JPG
5 Abbazia Olivetana di San Nicola, Via Brescia 83, Rodengo Saiano. L'abbazia fu fatta costruire dai monaci cluniacensi verso la metà dell'XI secolo. Nel 1446, per volere di papa Eugenio IV, la primitiva abbazia fu affidata agli olivetani. Fin dal 1450 si assunse la decisione di riedificare il complesso abbaziale, a cominciare dalla chiesa di San Nicola, interamente ricostruita nel luogo ove sorgeva la vecchia chiesa cluniacense. Il progetto di ampliamento delle strutture architettoniche riguardò presto anche la costruzione del chiostro occidentale e del chiostro grande, (rifatto poi nel 1560-70, con l'ampliamento dei piani superiori), e progressivamente interessò tutto il monastero. I priori olivetani si mostrarono subito consapevoli della importanza delle azione intrapresa e furono attenti a valersi della collaborazione dei più importanti artisti bresciani come il Romanino e il Moretto.
Iseo (10).JPG
6 Castello Oldofredi (al cui interno si trova la biblioteca comunale e il museo delle due guerre), Via Castello Oldofredi. Originariamente costruito nel XI secolo, dopo essere stato bruciato dal Barbarossa, venne restaurato nel 1611 dalla famiglia Oldofredi, da cui prende il nome. Nel 1454 venne adibito a guarnigione militare. Nel 1454 il castello divenne di proprietà del comune che lo affidò ai cappuccini fino alla fine del XVIII secolo. Nel museo delle due guerre sono conservati materiali di equipaggiamento utilizzati dagli eserciti che si sono fronteggiati durante la Prima e la Seconda Guerra Mondiale. Di particolare interesse sono le collezioni di divise, elmetti, bombe a mano, proiettili per artiglieria, scudi da trincea e pinze taglia reticolati.


Eventi e feste[modifica]


Cosa fare[modifica]

Bottiglia e calice di Franciacorta DOCG

È possibile percorrere gli itinerari della Strada del Vino Franciacorta. Sul territorio sono presenti numerosi cartelli che segnalano il percorso dei vari itinerari.

Per gli amanti della natura, interessante è il 1 Percorso delle Cascate di Gaina, Gaina, frazione di Monticelli Brusati. Il percorso è costituito da più sentieri: uno che segue il percorso del sentiero e del torrente, l'altro nel bosco. Vestirsi con un abbigliamento comodo e mettere in conto che, se ha piovuto di recente, sul percorso ci sarà del fango.

Per quanto riguarda gli sport: a Rovato, Corte Franca, Provaglio d'Iseo, Clusane e Iseo si trovano delle piscine. Quelle di Iseo e Clusane hanno anche un parco in riva al lago; a Nigoline Bonomelli (Corte Franca) è possibile giocare a golf:


Acquisti[modifica]

Calice di Franciacorta rosé DOCG

Per acquistare i vini della zona:

In Franciacorta sono presenti i seguenti centri commerciali:

  • 1 Franciacorta Outlet VillageRodengo Saiano, Piazza Cascina Moie 1/2. Simple icon time.svg Aperto tutti i giorni. In un piccolo borgo costruito ad hoc, sono raggruppati molti negozi che vendono vestiti delle passate stagioni a prezzi ridotti.
  • 2 Le Porte FrancheErbusco. Simple icon time.svg Aperto tutti i giorni. Nel centro commerciale è presente anche un cinema.
  • 3 Le TorbiereCorte Franca, Via Roma 78. Simple icon time.svg Aperto tutti i giorni tranne il lunedì mattina. Nel centro commerciale, non molto grande, è presente anche un cinema.


Come divertirsi[modifica]

Spettacoli[modifica]

Oltre ai cinema dei centri commerciali sopraelencati, in Franciacorta si trovano anche i seguenti cinema e teatri:

Locali notturni[modifica]


Dove mangiare[modifica]

Tinca al forno

Ristoranti ai trovano in tutti i paesi della Franciacorta. Piatti tipici sono la tinca al forno a Clusane e il manzo all'olio a Rovato (a entrambi sono dedicati dei festival, visitare le pagine dei rispettivi paesi per ulteriori informazioni).

Prezzi medi[modifica]

  • 1 Ristorante le Margherite, via Risorgimento n. 251, Clusane, +39 0309829205, @ p.archetti@libero.it. Simple icon time.svg chiuso il lunedì e verso la metà di gennaio. membro OTC (Operatori Turistici Clusanesi), il ristorante ha un ampio giardino. Nel ristorante si possono gustare ottimi piatti locali, come la tinca al forno e altri pietanze a base di pesce di lago come gli spaghetti ai gamberi di lago. Periodicamente vengono organizzate serate speciali come la festa della birra.

Prezzi elevati[modifica]

  • 2 Dispensa Pani e vini Franciacorta, Torbiato, via Principe Umberto 23 (Borgo Principe Umberto, nello stesso complesso delle Sorelle Ramonda (negozio di vestiti)), +39 0307450757. Simple icon time.svg chiuso il lunedì. Segnalato da Slow Food, nel ristorante è possibile gustare, oltre a dell'ottimo vino e spumante Franciacorta DOCG, sia piatti legati alla tradizione locale sia piatti ricercati realizzati con prodotti provenienti da presidi Slow Food.


Dove alloggiare[modifica]

La maggior densità di strutture ricettive si ha nei paesi di Clusane e di Iseo, ma pressoché ogni comune ha almeno un albergo e/o un bed and breakfast.

Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]

Poste[modifica]

Per scoprire dove sono dislocati gli uffici postali (in genere uno per paese) e i loro orari d'apertura consultare il sito poste.it.

Internet[modifica]

Sono disponibili connessioni wifi gratuite nei comuni di Iseo, Coccaglio, Corte Franca, Gussago, Palazzolo sull'Oglio e Rovato.

Nei dintorni[modifica]

Vicino alla Franciacorta si trova il Lago d'Iseo.


Altri progetti