Scarica il file GPX di questo articolo

Europa > Europa centrale > Svizzera > Basilea e Argovia > Basilea

Basilea

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Basilea
Basel • Bâle
Il Reno e la cattedrale di Basilea
Stemma e Bandiera
Basilea - Stemma
Basilea - Bandiera
Stato
Altitudine
Abitanti
CAP
Posizione
Mappa della Svizzera
Basilea
Basilea
Sito del turismo
Sito istituzionale

Basilea è una città della Svizzera.

Da sapere[modifica]

Cenni storici[modifica]

Nel I secolo a.C. appaiono stanziati nell'odierno territorio di Basilea i Raurici, una tribù celtica come ci informa Giulio Cesare nella sua opera Commentarii de bello Gallico. I Romani eressero un fortino sulla collina dove ora sorge la cattedrale. Nel 44 a. C. Lucio Munazio Planco, luogotenente di Cesare, fondò Colonia Raurica, in seguito ribattezzata Augusta Raurica, situata nell'odierna Augst, a circa dieci chilometri ad est di Basilea.

Il nome di Basilea è menzionato per la prima volta in occasione della visita dell'imperatore Valentiniano I del 374 d. C. A quel tempo la città era di dimensioni alquanto ridotte: l'area racchiusa entro le mura romane era di soli 5 ettari .

Intorno al 740 d. C., all'epoca dei Carolingi, Basilea divenne la sede di vescovi che sotto il regno dell'imperatore Enrico II ottennero il titolo principi del Sacro Romano Impero. Il loro potere temporale sulla città si esercitò fino alla Riforma del XVI secolo.

Nel 1080 il vescovo Burkhard von Hasenburg ordinò la costruzione di una cinta muraria ampliata nel 1200 e dotata di cinque grandi porte. Al 1225, sotto il governo del principe vescovo Heinrich von Thun, risale la costruzione del primo ponte in pietra, destinato a rimanere l'unico ponte sull'alto corso del Reno per i successivi 600 anni. Trattandosi di un passaggio obbligato, l'opera contribuì grandemente all'espansione dei commerci e allo sviluppo economico di Basilea ma a metà del XIV secolo la città fu colpita da due calamità, l'epidemia di peste del 1348 e il terremoto del 18 ottobre 1356 che la rase praticamente al suolo. Dell'epidemia di peste furono accusati gli ebrei che furono condannati ad essere rinchiusi in un granaio in legno su un'isola del Reno per poi essere arsi vivi.

Il finire del XIV secolo vide l'affermarsi della borghesia che partecipò al governo della città con l'istituzione del gran consiglio (1431-1448). Nel 1439, sulla piazza antistante la cattedrale, il duca Amedeo VIII di Savoia fu proclamato antipapa con il nome di Felice V alla presenza dell'imperatore Sigismondo I. Sempre a quel tempo comparvero a Basilea i primi libri stampati che contribuirono in misura notevole alla diffusione delle idee dell'Umanesimo. La prima cartiera fu il mulino di St-Alban, oggi trasformato in museo.

Il gran consiglio fu promotore e finanziatore dell'Università di Basilea, la più antica della Svizzera, costituitasi ufficialmente con bolla di papa Pio II del 12 novembre 1459. L'istituto attrasse umanisti, tra cui Erasmo da Rotterdam.

La data del 13 luglio 1501 è una pietra miliare nella storia della città: Basilea decide di entrare nella confederazione dei 10 cantoni. I delegati furono accolti con la celebre frase "Soave benvenuto a Basilea, in territorio svizzero". I confederati elargirono numerosi privilegi al nuovo membro grazie ai quali Basilea fu in grado di segnare un progresso tangibile. A quel tempo risale la costruzione del palazzo comunale (Rathaus) e la sistemazione della piazza del mercato (Marktplatz). Nel 1585 il vescovo Christoph von Utenheim fu esautorato del suo potere temporale dietro compensazione di 200.000 fiorini. Già dal 1515 larghi strati della popolazione di Basilea avevano abbracciato i principi della chiesa riformata grazie all'opera del predicatore Oecampade. Andrea Vesalio (1514-1564), considerato il fondatore della moderna anatomia aveva fatto stampare a Basilea il suo capolavoro "De humani corporis fabrica".

Dal 1618 al 1648 la guerra a sfondo religioso dei Trent'anni scosse l' Europa. Con la firma del Trattato di Westfalia del 1648 che pose fine al conflitto, il sindaco di Basilea, Johann Rudolf Wettstein, riuscì ad ottenere il riconoscimento ufficiale dell'indipendenza della confederazione svizzera nei confronti del Sacro Romano Impero.

Per tutto il corso del conflitto Basilea aveva generosamente aperto le sue porte a protestanti dell'Italia settentrionale e ad Ugonotti fuggiti dalla Francia dopo la revoca dell'Editto di Nantes. Il flusso migratorio determinò la svolta dell'industria dei tessuti. Gli Ugonotti aprirono infatti numerosi setifici, fabbriche di velluto e industrie connesse come quelle dei coloranti, assicurando grande prosperità a Basilea nei due secoli successivi.

Le idee dell'Illuminismo, culminato nella rivoluzione francese del 1789 trovarono grande corrispondenza a Basilea. Peter Ochs (1752-1821), nato a Nantes ma cresciuto in Germania, arrivò a Basilea, la patria di suo padre, nel 1769. Politico e grande ammiratore della rivoluzione francese fomentò la popolazione locale contro il patriziato e collaborò in seguito alla stesura della costituzione della Repubblica Elvetica, uno stato unitario che sostituiva la precedente confederazione di cantoni.

Il 24 novembre 1797 Il generale Bonaparte, all'età di 28 anni, soggiornò all'Hôtel des Trois Rois, tuttora esistente. Con la restaurazione operata dal congresso di Vienna, Basilea dovette affrontare una serie dissidi interni. Già nel 1814 il re di Prussia Federico Guglielmo III, l'imperatore d' Austria Francesco I e lo zar Alessandro I si erano incontrati nella Casa Blu di Martinsgasse per discutere dei futuri assetti dell'Europa in vista del tramonto della stella napoleonica.

Il XVIII secolo fu segnato da uno sviluppo economico senza precedenti. La necessità di colorazioni artificiali per tessuti e nastri di seta, grazie ai quali Basilea era riuscita ad acquisire fama internazionale, favorì la nascita dell'industria chimica che alla fine soppiantò quella tradizionale dei tessuti.

La prima fabbrica di coloranti chimici fu Ciba, aperta nel 1859 da Alexander Clavel (1805-1873), nativo di Lione trasferitosi a Basilea per sfruttare un brevetto sviluppato in Francia dai fratelli Renard. Intorno al 1864 un chimico svizzero, Johann Rudolf Geigy-Merian ( 1830-1917 ) inizia a produrre coloranti sintetici.

Sandoz fu fondata nel 1886. Originariamente orientata alla produzione di coloranti sintetici, la Sandoz si rivolse in seguito al settore farmaceutico. Nel 1996 Ciba-Geigy e Sandoz si fusero per formare Novartis, un gigante dell'industria farmaceutica e agrochimica.

La multinazionale "La Roche" fu creata nel 1896 da Fritz Hoffmann-La Roche e si è sempre concentrata nel settore farmaceutico.

La biotecnologia è un altro settore in pieno sviluppo sin dagli anni '90 del XX secolo. Biovalley, la zona che concentra le aziende del settore e i relativi istituti di ricerca, è situata nella zona triangolo dei tre stati.

Come orientarsi[modifica]

Quartieri[modifica]

Basilea è divisa in 19 quartieri. Di seguito sono menzionati quelli più interessanti da un'ottica turistica:

  • Città vecchia (Altstadt) — Si estende su ambo le rive del Reno; la parte estesa sulla riva sinistra (occidentale) è detta Grossbasel (Grande Basilea), quella sulla riva destra Kleinbasel (Piccola Basilea). Grande Basilea ha il maggior numero di attrazioni.
  • Vorstädte — È il quartiere a sud di Grossbasel. Il nome fu coniato nel medioevo e significa sobborghi ma oggi Vorstädte è parte integrante del centro storico.
  • St. Alban e Bruderholz — Sono quartieri residenziali di carattere alto borghese come tutti i quartieri del sud. Sono per lo più costituiti da ville unifamiliari immerse nel verde. Le classi ad alto reddito prediligono i quartieri sul lungo fiume come Breite o quelli su alture.
  • St. Johann, Iselin e Kleinhüningen — I quartieri a nord e ad ovest del centro sono zone di fabbriche ed hanno carattere operaio. Accolgono famosi locali notturni e associazioni di cultura alternativa.

Sobborghi di Basilea sono considerati i centri d'oltreconfine, un tempo villaggi con una propria storia e identità culturale ma oggi ridotti a semplici quartieri dormitorio. È il caso di Saint-Louis e Huninque in territorio francese.

Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

Dal 2010 i voli dall'Italia sono operati dalle compagnie EasyJet (Cagliari, Napoli, Olbia, Roma-Ciampino).
Un servizio di autobus fa la spola tra l'aeroporto e la stazione ferroviaria in Centralbahnstrasse. Aeroporto di Basilea-Mulhouse-Friburgo su Wikipedia Aeroporto di Basilea-Mulhouse-Friburgo (Q156971) su Wikidata

In treno[modifica]

Bahnhof Basel SBB

Basilea ha due stazioni ferroviarie principali:.

  • 2 Bahnhof Basel SBB (Stazione di Basilea SBB), Centralbahnstrasse 10 (Bus : 30, 48 et 50). Alla stazione di Basilea SBB fanno capolinea i treni da/per Italia, Germania e altre città svizzere, all'altra detta "Gare de Bâle SNCF" i treni da/per Francia, Belgio, Lussemburgo. Stazione di Basilea (FFS) su Wikipedia stazione di Basilea FFS (Q667201) su Wikidata
  • 3 Basel Badischer Bahnhof (Stazione di Basilea Badischer), Schwarzwaldallee 200. Stazione di Basilea Badischer su Wikipedia Basel Badischer Bahnhof (Q666725) su Wikidata


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

Architetture civili e militari[modifica]

Spalentor
Palazzo comunale
  • 1 Rathaus (Palazzo comunale), Marktplatz 9, +41 61 267 81 81, @ . Ecb copyright.svg 5,00 CHF a persona. Simple icon time.svg Visite guidate in tedesco: Lun-Ven 07:00-12:00 e 13:30-17:00. Visite guidate in inglese: Sab 16:30-17:00. Considerato un capolavoro dell'architettura tardo gotica nella sua fase di transizione al rinascimento, il palazzo comunale di Basilea presenta una facciata dal caratteristico colore rosso, affiancata da un'alta torre realizzata tra il 1899 e il 1901 in concomitanza di lavori di ristrutturazione dell'intero edificio. La facciata era in origine decorata con affreschi di Hans Holbein il giovane andati perduti con il trascorrere del tempo; alcuni frammenti sono esposti al museo di belle arti.
La corte interna è ornata da una statua di Lucio Munazio Planco, il console romano, fondatore di Augusta Raurica posta accanto alla scalinata d'accesso alla Grossratssaal, la sala del grande consiglio.
Le visite guidate hanno una durata di 30 minuti e vanno obbligatoriamente prenotate Municipio di Basilea su Wikipedia municipio di Basilea (Q688984) su Wikidata
  • 2 Spalentor. Considerata una delle porte più belle della Svizzera, Śpalentor è una delle tre porte cittadine rimaste della cinta muraria del XV secolo.
Due torri rotonde di 28,15 m fiancheggiano la porta che oggi appare più alta grazie al suo tetto a cuspide rivestito con tegole policrome. Anche le due torri laterali avevano analoghi tetti di forma piramidale ma andarono distrutti nel 1842 nel corso di una tempesta e mai più ricostruiti.
Spalentor è ornata con parecchie sculture; proprio sopra l'arco d'ingresso sta uno stemma scolpito in pietra arenaria rossa e incorniciato da due leoni.
L'origine del nome non è chiara ma probabilmente deriva dal latino palus , che significa "palo" o "palizzata" con riferimento, forse, alla fortificazione in legno che proteggeva l'area abitata fuori le mura, corrispondente all'odierno quartiere di Vorstädte. Gate of Spalen (Q667144) su Wikidata
  • 3 St. Alban-Tor, St. Alban-Vorstadt 101. La porta di St. Alban è l'altra delle tre rimaste che si aprivano nell'antica cinta muraria. Fu eretta tra il 1362 e il 1374 sul luogo di un'altra andata distrutta dal disastroso terremoto del 1356.
La porta si apre in un'alta torre che aveva funzioni di sorveglianza per prevenire attacchi dall'esterno. Il compito di guardia era affidato a privati cittadini che vi si alternavano a turno. All'interno stava un fossato con ponte levatoio.
La struttura scampò alla demolizione progettata nel 1878 grazie all'associazione "Amici della porta di Sant'Albano". L'apertura del viale di circonvallazione ne compromise la stabilità per cui si resero necessari lavori di consolidamento che comportarono l'abbattimento di elementi pesanti come il tetto, le balconate e i fregi che l'ornavano. In conseguenza di questi lavori, la torre presenta oggi un aspetto alquanto spoglio. Gate of Saint Alban (Q392077) su Wikidata
Ponte di mezzo
  • 4 Mittlere Brücke (Ponte di mezzo). Il ponte di mezzo si trova esattamente al km 166,6 del Reno ed è considerato per tradizione il confine tra l'alto corso del fiume (Hochrhein) e il suo tratto superiore (Oberrhein). Il primo ponte fu realizzato nella prima metà del XIII secolo e rimase in piedi - con modifiche - fino al 1903, quando fu sostituito dall'attuale.
Fino all'apertura del ponte Wettstein nel 1879, il Mittlere Brücke fu l'unico ponte cittadino. L'opera acquisì grande importanza per i commerci a lunga distanza che si dipanavano nel medioevo tra Italia e Germania tramite il valico di San Gottardo e ad essa Basilea deve gran parte della sua prosperità nei secoli passati.
Già in epoca romana, diversi ponti scavalcavano il Reno, ad Augusta Raurica (odierna Augst) e a Brisiacus (Breisach). Nessuno di questi rimase in piedi dopo il ritiro delle legioni romane.
Il principe vescovo Heinrich von Thun (1216-1238) fu in grado di costruire il ponte grazie al tesoro strappato agli ebrei e alle donazioni dei monasteri Bürgeln e St. Blasien oltre che di privati cittadini.
Il ponte fungeva anche da luogo di eecuzioni capitali. Assassini, adulteri e ladri colti in flagrante venivano condannati a morte per annegamento e quindi buttati giù dal ponte ammanettati. Middle Bridge, Basel (Q449659) su Wikidata
  • 5 Wettsteinbrücke. Wettsteinbrücke fu il secondo ponte realizzato a Basilea. Fu progettato nel 1848 dall'ingegnere Joseph Chaley, cui si deve anche il ponte sospeso di Friburgo. La sfida più grande per la costruzione del ponte fu la differenza di livello tra le due sponde del Reno che fu risolta con una pendenza del ponte stesso del 2,67%. L'espediente non piacque all'opinione pubblica che lo ribattezzò "ponte sbilenco". Fu inaugurato il 7 giugno 1879 e ampliato da 12,6 a 21,5 metri nel 1935. A causa del traffico intenso cui fu soggetto si rese necessaria la sua ricostruzione negli anni 90 del XX secolo. (Q1597642) su Wikidata
  • 6 Messeturm, Messeplatz 12. Il grattacielo della fiera raggiunge i 105 metri ed è il secondo edificio più alto di Basilea. Fu realizzato nel 2002. Ospita al suo interno un albergo di 200 stanze, il Ramada hotel e all'ultimo piano un locale con vista panoramica, il bar Rouge. Il grattacielo costituisce un punto di riferimento, essendo visibile da lontano e spuntando tra gli edifici relativamente bassi del centro. Basler Messeturm su Wikipedia Basler Messeturm (Q677963) su Wikidata

Monumenti[modifica]

  • 7 Strassburger Denkmal (Monumento di Strasburgo), Centralbahnplatz. Opera di Frédéric Auguste Bartholdi , lo scultore alsaziano noto principalmente per aver realizzato la Statua della Libertà, donata dalla Francia agli Stati Uniti e situata all'ingresso del porto di New York. Il monumento fu commissionato dal barone francese Hervé de Gruyer e donato alla città di Basilea in segno di gratitudine per il sostegno fornito agli abitanti di Strasburgo pesantemente bombardata nel corso della guerra franco-prussiana del 1870. Il gruppo marmoreo rappresenta un angelo che protegge donne e bambini. (Q1577575) su Wikidata

Architetture religiose[modifica]

Musei[modifica]

Parchi e giardini[modifica]


Eventi e feste[modifica]

  • Basler Fasnacht. Carnival of Basel (Q35281) su Wikidata
  • Vogel Gryff. (Q2529907) su Wikidata


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]


Come divertirsi[modifica]

Schaulager

Spettacoli[modifica]

Locali notturni[modifica]

  • 9 Bar du Nord (Gare du Nord), Schwarzwaldallee 200 (sul lato nella stazione ferroviaria di Basel – Badischer Bahnhof), +41 616 837 170, @ . Simple icon time.svg Mer–Gio 18:00–24:00, Ven–Sab 18:00–02:00 e 90 min. prima di partite di calcio o 120 min. prima di concerti e spettacoli. Un bar nello stile classico dei grandi cafè, che è anche un punto di ritrovo per tifosi del calcio. Il bar ha una terrazza esterna esposta a nord e una grande sala dalle pareti in legno adibita a concerti e spettacoli.
  • 10 The Bird's Eye Jazz Club, Kohlenberg 20, +41 61 263 33 41. Simple icon time.svg Mar-Sab 20:30–22:45.
  • 11 Bar Lounge Club 59, Steinenvorstadt 33, +41 61 281 59 50. Simple icon time.svg Lun-Gio 11:30–01:00, Ven-Sab 11:30–05:00, Dom 14:00–01:00. Disco club con musica dj. La pista da ballo è di dimensioni ridotte e si affolla facilmente. Il bar serve alcolici, cocktail e birre alla spina e d'estate funziona anche all'aperto.
  • 12 Heimat, Erlenstrasse 59. Simple icon time.svg Gio-Sab 17:00–00:00. Piccola discoteca apprezzata per la musica e gli effetti sonori, meno per il servizio e l'impianto d'aria condizionata.
  • 13 Redrocks Basel, Innere Margarethenstrasse 5, +41 79 816 88 95. Simple icon time.svg Mer-Gio 20:00–02:00, Ven-Sab 21:00–05:00. Locale di musica live hard rock e metal. Venerdì e sabato musica dj.
  • 14 Vice Club, Steinentorstrasse 35, +41 61 281 61 14. Simple icon time.svg Ven-Sab 23:00–06:00.
  • 15 Hinz & Kunz Bar, Steinentorberg 20 (Markthalle Basel), +41 61 403 04 04. Simple icon time.svg Mar-Gio 17:00–00:00, Ven-Sab 17:00–02:00.
  • 16 L39, Rebgasse 39, +41 61 689 15 55. Simple icon time.svg Mer-Gio 20:00–02:00, Ven-Sab 20:00–04:00, Dom 20:00–02:00.
  • 17 Singer, Marktplatz 34, +41 61 551 11 11. Simple icon time.svg Mar-Sab 18:00–00:00.
  • 18 Angels' Share, Feldbergstrasse 51, +41 79 609 31 07. Simple icon time.svg Lun-Sab 17:00–01:00.
  • 19 O'Neill's Irish Pub, Birsig-Parkplatz 31, +41 61 281 12 20. Simple icon time.svg Lun-Gio 16:00–01:00, Ven-Sab 16:00–03:00, Dom 16:00–00:00.
  • 20 Cargobar Basel, St. Johanns-Rheinweg 46, +41 61 321 00 72. Simple icon time.svg Lun-Gio 16:00–01:00, Ven-Sab 16:00–02:30, Dom 16:00–01:00.
  • 21 Club Borderline, Hagenaustrasse 29, +41 61 322 06 03.
  • 22 Irrsinn Bar, Rebgasse 43. Simple icon time.svg Mar-Gio 17:00–01:00, Ven-Sab 18:00–03:00.
  • 23 Balz, Steinenbachgässlein 34, +41 61 271 02 12. Simple icon time.svg Gio-Sab 23:00–05:00, Dom 20:00–0:00.
  • 24 Nordstern, Westquaistrasse 19. Simple icon time.svg Gio-Sab 23:00–07:00.
  • 25 RENÉE, Klingental 18. Simple icon time.svg Lun-Dom 17:00–03:00.
  • 26 Nebel, Sperrstrasse 94, +41 61 554 14 37. Simple icon time.svg Mar-Gio 20:00–01:00, Ven-Sab 20:00–04:00.
  • 27 Bar Rouge, Messeplatz 10, +41 61 361 30 31. Simple icon time.svg Mer-Gio 17:00–02:00, Ven-Sab 17:00–4:00.
  • 28 KaBAR, Klybeckstrasse 1b, +41 61 681 47 17. Simple icon time.svg Lun-Gio 11:30–01:00, Ven-Sab 11:30–02:00, Dom 12:00–21:00.


Dove mangiare[modifica]

Prezzi medi[modifica]

Prezzi elevati[modifica]


Dove alloggiare[modifica]


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]


Nei dintorni[modifica]

Vitra Design Museum


Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard contiene informazioni utili a un turista e dà un'informazione sommaria sulla meta turistica. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.