Scarica il file GPX di questo articolo

Valle d'Aosta

Da Wikivoyage.
Valle d'Aosta
Valle d'Aosta
Localizzazione
Valle d'Aosta - Localizzazione
Stemma e Bandiera
Valle d'Aosta - Stemma
Valle d'Aosta - Bandiera
Stato
Superficie
Abitanti
Sito del turismo
Sito istituzionale

La Valle d'Aosta (in francese: Vallée d'Aoste) è una regione a statuto speciale dell'Italia nordoccidentale.

Da sapere[modifica]

Cenni geografici[modifica]

Al confine con la Francia si trova la cima più alta d'Europa, il Monte Bianco, mentre il colle del Gran San Bernardo collega la Valle d'Aosta con la Svizzera. La regione ospita l'unico 4000 interamente italiano, il Gran Paradiso.

Il territorio è completamente montuoso, l'altitudine media della regione è superiore ai 2000 metri.


Territori e mete turistiche[modifica]

Carte vda.jpg

La valle principale è percorsa dalla Dora Baltea (in francese, Doire baltée), tributario di sinistra del Po, che ha origine alle falde del Monte Bianco dalla confluenza, presso Entrèves, della Dora di Ferret e della Dora di Vény. Il fiume bagna il capoluogo, Aosta.

Valdigne — Con il termine Valdigne si intende la parte superiore della Valle d'Aosta, corrispondente all'alto corso della Dora Baltea. In Valdigne si trovano, tra gli altri comuni, Courmayeur e La Salle. Nel territorio sono comprese le valli seguenti:

  • Val Ferret — Si sviluppa a nord della conca di Courmayeur, rasentando il versante sud orientale del Monte Bianco.
  • Val Veny — A sud di Courmayeur.
  • Vallone di La Thuile — Le tre cascate del Rutor sono le più spettacolari della Valle d'Aosta e non dovrebbero essere perse. Da visitare anche l'orrido di Verney (in francese, Gouffre de Verney), nella parte bassa del vallone, presso Pré-Saint-Didier.

Valli laterali di sinistra[modifica]

Adret (pron. Adré) è il nome tipico valdostano per indicare la destra orografica. Le valli laterali di sinistra della Dora Baltea, riportate in successione risalendo la Valle d'Aosta dal Piemonte, sono:

Valli laterali di destra[modifica]

Envers (pron. Anvèr) è il nome tipico valdostano per indicare la destra orografica.

Centri urbani[modifica]


Come arrivare[modifica]


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

  • Castello Savoia (in francese, Château Savoie) a Gressoney-Saint-Jean
  • Castello di Fénis uno dei principali castelli della Valle d'Aosta
  • Forte di Bard sulla chiusa che sovrasta l'omonima cittadina e Hône


Eventi e feste[modifica]


Cosa fare[modifica]


A tavola[modifica]

  • Tegole (in francese, Tuiles)
  • Carbonade
  • Seupa à la Valpelenentse
  • Favò
  • Polenta concia
  • Formaggi tipici quali: Fontina, Toma di Gressoney, Bleu d'Aoste (formaggio erborinato)
  • Prosciutti crudi quali il famoso Jambon de Bosses e il Saint-Marcel

Bevande[modifica]

  • Vini: Arnad-Montjovet, Blanc de Morgex et de La Salle, Muscat de Chambave flétri, Chardonnay, Caves de Donnas, Enfer d'Arvier, Fumin, Gamay, Nus Malvoisie flétri, Petit Rouge, Petite Arvine, Pinot noir, Pinot gris, Torrette
  • Caffè alla valdostana (Café à la valdôtaine)
  • Inoltre esiste il sidro valdostano Maley, prodotto nella Valdigne con le mele Raventze della Valtournenche.


Sicurezza[modifica]

La Valle d'Aosta ha un livello di crimine molto basso, quasi nullo, probabilmente è la regione più sicura d'Italia sotto questo punto di vista.

Sulle montagna invece incombe il rischio valanghe ed è meglio avventurarsi solo in zone che si conoscono bene, in alternativa farsi accompagnare da una guida.

Itinerari[modifica]

Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard e presenta informazioni utili a un turista. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.