Scarica il file GPX di questo articolo

Europa > Italia > Italia nordoccidentale > Lombardia > Bassa del Po di Lombardia > Sant'Angelo Lodigiano

Sant'Angelo Lodigiano

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search
Sant'Angelo Lodigiano
Piazza Libertà
Stemma
Sant'Angelo Lodigiano - Stemma
Stato
Regione
Territorio
Altitudine
Superficie
Abitanti
Nome abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Patrono
Posizione
Mappa dell'Italia
Sant'Angelo Lodigiano
Sant'Angelo Lodigiano
Sito istituzionale

Sant'Angelo Lodigiano è una città della Lombardia.

Da sapere[modifica]

Cenni geografici[modifica]

Nella pianura lodigiana, si trova sulla sponda destra del Lambro, sulla strada Lodi (12 km) e Pavia (23).

Cenni storici[modifica]

La storia di Sant'Angelo si è svolta senza grandi avvenimenti e senza grandi sconvolgimenti; legato al dominio milanese, il centro visse un periodo di una certa importanza quando fu residenza estiva della duchessa di Milano Regina della Scala. Fu poi tranquillamente feudo dei Bolognini, che rimasero proprietari del castello fino in epoca contemporanea.

Come orientarsi[modifica]


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

Italian traffic signs - direzione bianco.svg Sono aeroporti lombardi:

In auto[modifica]

Strada Statale 235

*Strada provinciale ex SS 235 di Orzinuovi (Pavia - Lodi)

Strada Provinciale 17

*Strada provinciale 17 - per Melegnano

Strada Provinciale 19

*Strada provinciale 19 per San Colombano al Lambro


In autobus[modifica]

Italian traffic sign - fermata autobus.svg
  • Linee di pullman per Lodi, Pavia, Melegnano.
  • Un bus navetta collega Sant'Angelo al capolinea della Metropolitana milanese - Linea

gialla - a San Donato Milanese

Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

Castello Bolognini
  • Castello. Nel Duecento fu edificato dai signori di Milano come presidio militare soprattutto contro Lodi. La sua funzione guerresca fu sostituita nel secolo successivo con la nuova funzione di dimora nobiliare destinata a soggiorno estivo da Regina della Scala, moglie di Bernabò Visconti. La torre maestra fu aggiunta nel 1383; nel medesimo periodo furono aperte le finestre bifore che dovevano appunto ingentilire la costruzione trasformandola in lussuosa dimora principesca e facendole perdere il primitivo ruolo di fortezza militare.

Divenne proprietà di Michele Matteo Bolognini nel 1452. Fu restaurato nel primi del Novecento, e nel 1933 iniziò ad ospitare la Fondazione Morando Bolognini e i Musei.

  • Museo Morando Bolognini. Nel Castello, raccoglie la storia dell'edificio con i suoi arredi dal Settecento al Novecento; viene inoltre presentata la storia del feudo e dei suoi abitanti. Ha una importante Biblioteca di duemila volumi ed una armeria di cinquecento pezzi
  • Museo del pane. Nel castello, è un museo a tema che raccoglie quanto ha attinenza con la storia del pane: vari tipi di cereali, procedura per la produzione del pane, varie forme di pane (italiane ed estere), macchinari per la panificazione, excursus storico su tasse, gabelle , regolamenti e disposizioni legislative varie che hanno nei secoli interessato questo fondamentale alimento.
  • Museo lombardo di storia dell'agricoltura. Anche questo terzo museo è ospitato nel castello. La sua collocazione è interessante, in quanto è ospitato nelle ex scuderie, nei seminterrati e nei cortili esterni. Copre la storia dell'agricoltura dal 10.000 avanti Cristo ad oggi, tracciandone gli sviluppi fino alle più recenti innovazioni tecnologiche. Un settore del museo è dedicato alla storia agricola della Bassa padana.


Eventi e feste[modifica]


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]


Come divertirsi[modifica]


Dove mangiare[modifica]


Dove alloggiare[modifica]


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]


Nei dintorni[modifica]

Itinerari[modifica]


Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard contiene informazioni utili a un turista e dà un'informazione sommaria sulla meta turistica. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.