Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Tematiche turistiche > Patrimoni mondiali dell'umanità > Patrimoni mondiali dell'umanità in Giappone

Patrimoni mondiali dell'umanità in Giappone

Jump to navigation Jump to search

Questa è la lista dei Patrimoni mondiali dell'umanità presenti in Giappone al 2021.

Introduzione[modifica]

Logo UNESCO
Bandiera nazionale

Il Giappone ha accettato la Convenzione UNESCO per i Beni dell'Umanità il 30 giugno 1992.

Lista dei patrimoni dell'umanità[modifica]

Sito Anno Tipo
Criteri
Immagine
Scheda
34.617135.7331 Monumenti buddisti nella regione di Hōryū-ji 1993 Culturale
(i)(ii)(iv)(vi)
Horyu-ji11s3200.jpg
Scheda UNESCO
Ci sono all'incirca 48 monumenti buddisti nell'area di Horyu-ji , nella prefettura di Nara. Molti di essi risalgono al VII-VIII secolo, il che li rende alcuni dei più antichi edifici in legno ancora esistenti al mondo. Questi capolavori dell'architettura in legno non solo solo di grande importanza per la storia dell'arte ma illustrano anche l'adozione in Giappone del buddismo di origini cinesi, arrivato qui per tramite coreano.
34.833134.72 Castello di Himeji 1993 Culturale
(i)(iv)
Château de Himeji01.jpg
Scheda UNESCO
Il castello di Himeji è uno splendido esempio di castello del XVII secolo, costituito da 83 edifici con uno straordinario sistema di difesa e ingegnose tecniche di difesa che risalgono all'inizio del periodo Shogun. Il castello in se è un esempio mirabile dell'architettura in legno che combina sapientemente un delicato gusto estetico con le sue funzioni militari. La bellezza architettonica è il frutto della combinazione delle mura bianche con i livelli multipli dei tetti.
30.333130.5333 Yakushima 1993 Naturale
(vii)(ix)
Jhomonsugi in Yaku Island Japan 001.JPG
Scheda UNESCO
L'isola di Yaku, in giapponese Yakushima, si trova alla confluenza delle ecozone paleartica e orientale; l'isola ospita una ricca flora con circa 1900 specie e sottospecie tra cui sono compresi i cedri giapponesi (i sugi). Yakushima è anche habitat di un pezzo della foresta calda temperata, un tempo molto più estesa, unica in questa regione.
40.47140.134 Shirakami-Sanchi 1993 Naturale
(ix)
Sirakami santi.JPG
Scheda UNESCO
Sito sulle montagne dell'Honshu settentrionale, questo sito sperduto include l'ultima foresta vergine della zona temperata fredda con esemplari di faggi giapponesi che un tempo ricoprivano tutte le montagne e colline del nord del Giappone. Il sito è anche habitat per l'orso nero, il capricorno e 87 specie di uccelli.
34.981135.7695 Monumenti storici dell'antica Kyoto (città di Kyoto, Uji e Otsu) 1994 Culturale
(ii)(iv)
Byodo-in Uji03bs2640.jpg
Scheda UNESCO
Costruito nel 794 sul modello delle antiche capitali della Cina, Kyoto fu capitale dell'Impero giapponese fino alla metà del XIX secolo. Essendo stato centro della cultura e della politica giapponese per un millennio, Kyoto illustra magnificamente l'evoluzione dello stile architettonico giapponese, con i suoi edifici in legno (soprattutto templi) e dell'arte dei giardini che ha influenzato la progettazione dei paesaggi nel mondo intero.
36.4136.8836 Villaggi storici di Shirakawa-go e Gokayama 1995 Culturale
(iv)(v)
Ogi Shirakawa-gō, Gifu, Japan.jpg
Scheda UNESCO
Situati in una regione montuosa, quasi tagliata fuori dal resto del mondo per un lungo periodo, questi villaggi con le loro abitazioni in stile Gassho hanno basato la loro sussistenza sulla coltivazione del gelso e sull'allevamento di bachi da seta. Le case locali con i tetti spioventi in paglia sono esemplari unici in Giappone. Al di là delle avversità economiche che la regione ha superato, i villaggi di Ogimachi, Ainokura e Suganuma sono esempi mirabili di uno stile di vita perfettamente adattato all'ambiente circostante.
34.383132.457 Memoriale della pace di Hiroshima (Genbaku dome) 1996 Culturale
(vi)
HiroshimaGembakuDome6747.jpg
Scheda UNESCO
Il memoriale della pace (Genbaku dome) è l'unica struttura rimasta in piedi nell'area in cui esplose la prima bomba atomica il 6 agosto 1945. Grazie allo sforzo di molte persone, inclusi gli abitanti di Hiroshima, l'edificio è stato conservato nello stesso stato in cui si trovava immediatamente dopo il bombardamento. Non è soltanto un simbolo forte ed eloquente della forza distruttiva nelle mani dell'umanità; esprime anche la speranza per un mondo di pace e per una totale dismissione delle armi nucleari.
34.294132.3258 Santuario shintoista di Itsukushima 1996 Culturale
(i)(ii)(iv)(vi)
Itsukushima torii distance.jpg
Scheda UNESCO
L'isola di Itsukushima nel Mare interno di Seto è un luogo sacro allo shintoismo sin dalla sua nascita. I primi edifici di culto e pellegrinaggio furono qui eretti nel VI secolo. Gli edifici oggi visibili risalgono al XII secolo e dimostrano le grandi capacità tecniche e artistiche dei loro creatori. Il santurio crea anche un pittoresco contrasto in colori e forme con gli elementi naturali circostanti, illustrando il concetto giapponese di bellezza scenica che combina natura e creatività umana.
34.676135.8399 Monumenti storici dell'antica Nara 1998 Culturale
(ii)(iii)(iv)(vi)
Kofukuji0411.jpg
Scheda UNESCO
Nara è stata capitale del Giappone dal 710 al 784. Durante questo periodo, il potere in Giappone si consolidò e Nara ne approfittò vivendo un'epoca di grande prosperità. I monumenti storici della città, tra cui templi buddisti, santuari shintoisti e i resti dell'antico palazzo imperiale, forniscono un'immagine vivida della vita nella capitale giapponese dell'VIII secolo, periodo di profondi cambiamenti culturali e politici.
36.748139.61110 Santuari e templi di Nikkō 1999 Culturale
(i)(iv)(vi)
Taiyuin nitenmon gate.jpg
Scheda UNESCO
I santuari e templi di Nikkō, insieme con il loro ambiente naturale, sono da secoli un luogo sacro, famoso per i suoi capolavori architettonici e decorativi. I siti sono strettamente connessi con la storia degli shogun Tokugawa.
26.209127.68311 Siti Gusuku e beni associati del reame delle Ryukyu 2000 Culturale
(ii)(iii)(vi)
Naha Shuri Castle16s5s3200.jpg
Scheda UNESCO
Cinquecento anni di storia Ryukyuan (XII-XVII secolo) sono sintetizzati e illustrati da questo gruppo di siti e monumenti. Le rovine di castelli, su ambienti elevati, sono la prova della struttura sociale di quel periodo, mentre i luoghi sacri offrono una tacita testimonianza della sopravvivenza di un'antica forma di religione in età moderna. L'ampia portata dei contatti economici e culturali delle isole Ryukyu in quel periodo ha dato luogo a una cultura unica di cui questi siti danno testimonianza.
33.837135.77612 Siti sacri e vie dei pellegrini nella penisola di Kii 2004 Culturale
(ii)(iii)(iv)(vi)
Kongobuji Koyasan07n3200.jpg
Scheda UNESCO
Situati nelle fitte foreste dei monti Kii, affacciati sull'Oceano Pacifico, tre luoghi sacri - Yoshino e Omine, Kumano Sanzan e Koyasan - collegati da antichi percorsi di pellegrinaggio alle antiche capitali di Nara e Kyoto, riflettono la fusione dello shintoismo con l'antica tradizione del culto della natura in Giappone, e con il buddismo, che è stato introdotto dalla Cina attraverso la penisola coreana. I siti e il loro paesaggio forestale circostante riflettono una tradizione persistente e straordinariamente ben documentata di presenza umana su queste montagne sacre per oltre 1.200 anni. L'area, con ricca di torrenti, fiumi e cascate, fa ancora parte della cultura religiosa del Giappone ed è molto visitata da gente che qui celebra i suoi rituali e da turisti s'avventurano su queste montagne. La regione raggiunge un massimo di 15 milioni di visitatori ogni anno. Ciascuno dei tre siti ospita santuari, alcuni dei quali risalenti al IX secolo.
43.949144.96613 Parco nazionale di Shiretoko 2005 Naturale
(ix)(x)
140829 Ichiko of Shiretoko Goko Lakes Hokkaido Japan01s5.jpg
Scheda UNESCO
La penisola di Shiretoko è situata nella parte nord-orientale di Hokkaido, l'isola più settentrionale del Giappone. Il sito si estende dalla parte centrale della penisola fino alla sua punta (Capo Shiretoko) e l'area marina circostante. Questo sito fornisce un eccellente esempio di interazione degli ecosistemi marini e terrestri e della produttività d'un ecosistema straordinario, in gran parte influenzato dalla formazione stagionale di ghiaccio marino. L'area è anche particolarmente importante per un certo numero di specie marine e terrestri, alcune delle quali in via di estinzione ed endemiche, come il gufo pescatore di Blakiston e piante come la Viola kitamiana. Il sito è importante per alcune specie di uccelli marini minacciati e uccelli migratori, un certo numero di salmonidi, e per i mammiferi marini, tra cui leoni di mare di Steller e alcune specie di cetacei.
35.113132.43514 Miniere d'argento di Iwami Ginzan e paesaggio culturale 2007 Culturale
(ii)(iii)(v)
Shimizudani Refinery Ruins at Iwami Ginzan Silver Mine 001.jpg
Scheda UNESCO
Le miniere di Iwami Ginzan a sud-ovest di Honshu si trovano su di un gruppo di montagne, alte fino a 600 m ed intervallate da profonde valli fluviali. Qui sono ospitati i resti archeologici delle miniere d'argento, siti di fusione e di raffinazione e gli insediamenti dei lavoratori attivi tra il XVI e XX secolo. Il sito conserva ancora anche i percorsi per il trasporto del minerale d'argento lungo la costa verso le città portuali da cui veniva spedito in Corea e Cina. Le miniere hanno contribuito grandemente allo sviluppo economico del Giappone e del sud-est asiatico nei secoli XVI e XVII. L'area mineraria è ora ricoperta da boschi. Inclusi nel sito ci sono fortezze, templi, parti del sistema di trasporto di Kaido e tre città portuali, Tomogaura, Okidomari e Yunotsu, da dove il minerale veniva spedito.
39.001141.10815 Hiraizumi – Templi, Giardini e Siti archeologici del Buddhismo 2011 Culturale
(ii)(vi)
Mōtsū-ji.JPG
Scheda UNESCO
А Hiraizumi sono situati cinque siti protetti dall'UNESCO tra templi, giardini e siti archeologici, incluso il monte Kinkeisan. Il monte ospita i resti degli uffici governativi in uso dall'XI al XII secolo quando Hiraizumi era centro amministrativo del regno del Nord del Giappone e rivaleggiava con Kyoto. Tutti gli edifici, templi e giardini in questa regione seguono l'ideale della Terra Pura buddista che si diffuse nell'VIII secolo. Rappresenta la terra a cui i credenti buddisti aspirano nell'aldilà, simbolo di pace per lo spirito già in questa vita. I frutti di quest'ideale, combinati con i preesistenti edifici shintoisti hanno dato vita a un modo di concepire la pianificazione dei giardini unica e propria solo del Giappone.
27.718142.116 Isole Ogasawara 2011 Naturale
(ix)
Minamijima, Ogasawara, Tokyo.jpg
Scheda UNESCO
In questo sito sono comprese più di 30 isole divisibili in tre gruppi che insieme coprono un'area di 7.939 ettari. Le isole offrono una varietà di paesaggi e ospitano un gran numero di specie animali tra cui la volpe volante, un pipistrello in pericolo di estinzione, e 195 specie di uccelli in via di estinzione.Più di 400 taxa di piante autoctone sono state documentati nelle isole, le cui acque offrono un habitat ideale per molte specie di pesci, cetacei e coralli. L'ecosistema delle Isole Ogasawara riflette e documenta una serie di processi evolutivi che hanno interessato diverse specie vegetali importate sia dal sud-est che dal nord-ovest dell'Asia, insieme a molte altre specie endemiche.
35.360833138.727517 Fujisan, luogo sacro e fonte di ispirazione artistica 2013 Culturale
(iii)(vi)
Lake Motosu04.jpg
Scheda UNESCO
La bellezza del monte Fuji, solitario, spesso innevato, di origine vulcanica è conosciuta in tutto il mondo. Il monte si erge al di sopra di villaggi, su spiagge costellate di alberi e panorami lacustri, fonte d'ispirazione per generazioni di artisti e poeti. Il sito consiste di 25 luoghi che riflettono l'essenza del panorama artistico sacro del monte Fujisan. Nel XII secolo, Fujisan diventò centro di addestramento per gli asceti buddisti anche se tutt'intorno si notano elementi shintoisti. A quota 1500 metri, in un paesaggio di montagne alte 3700 metri, si incontrano i sentieri dei pellegrini e alcuni santuari, tra cui quello di Sengen-jinja e Oshi, con i loro fiumi di lava e alberi considerati ancora oggi sacri. La loro rappresentazione nelle fonti e nell'arte giapponese risale all'XI secolo ma è la ricorrenza delle loro rappresentazioni nelle stampe e incisioni del XIX secolo ad aver reso Fujisan un'icona internazionale del Giappone e della percezione occidentale del Giappone.
36.2556138.887518 Mulino da seta di Tomioka e siti correlati 2004 Culturale
(ii)(iv)
Tomioka Silk Mill Infirmary 01.JPG
Scheda UNESCO
Il Mulino in questione è un centro storico della sericoltura e industria della seta, creato nel XIX secolo nella prefettura di Gunma, a nord-ovest di Tokyo. Il sito consiste di 4 elementi che corrispondono alle diverse fasi della lavorazione della seta. Un Chan si gong, l'avvolgitore del filo di seta importato dalla Francia, una fattoria sperimentale per l'allevamento di bachi da seta, una scuola per gli apprendisti e un magazzino per la conservazione delle uova. Il sito illustra il desiderio di rapido sviluppo del Giappone nel campo della produzione di massa e diventò un centro importante per l'ammodernamento dell'industria della seta in Giappone nel XIX secolo, facendo entrare l'intera nazione sul mercato globale, cliente appetibile di grandi potenze europee e americane.
Siti Meiji della rivoluzione industriale del Giappone: ferro e acciaio, costruzione navale e miniere di carbone 2015 Culturale
(ii)(iv)
Nirayama-Hansharo.jpg
Scheda UNESCO
Il sito comprende una serie di 23 parti che lo compongono, principalmente localizzate nel sud-ovest del Giappone. Questo sito testimonia la rapida industrializzazione del Paese a partire dalla metà del XIX secolo all'inizio del XX secolo, attraverso lo sviluppo della siderurgia, cantieristica e l'estrazione del carbone. Il sito illustra il processo attraverso il quale il Giappone feudale cercò di trasferire la tecnologia europea e americana a partire dalla metà del XIX secolo, e come questa tecnologia fu adattata alle esigenze del Paese e alle tradizioni sociali. Il sito testimonia quello che è considerato essere il primo trasferimento con successo dell'industrializzazione occidentale a una nazione non occidentale.
35.715556139.77583319 L'opera architettonica di Le Corbusier, un contributo eccezionale al Movimento Moderno 2016 Culturale
(i)(ii)(vi)
National museum of western art05s3200.jpg
Scheda UNESCO
Scelti dal lavoro di Le Corbusier, i 17 siti che comprendono questa proprietà seriale transnazionale sono distribuiti in sette paesi e sono una testimonianza dell'invenzione di un nuovo linguaggio architettonico che ha fatto una rottura con il passato. Furono costruiti in un periodo di mezzo secolo, nel corso di ciò che Le Corbusier descrisse come "ricerca paziente". Il Complexe du Capitole a Chandigarh (India), il National Museum of Western Art, Tokyo (Giappone), la House of Dr Curutchet a La Plata (Argentina) e l'Unité d'habitation a Marsiglia (Francia) riflettono le soluzioni che il movimento moderno ha cercato di applicare nel corso del XX secolo alle sfide di inventare nuove tecniche architettoniche per rispondere ai bisogni della società. Questi capolavori del genio creativo attestano anche l'internazionalizzazione della pratica architettonica in tutto il pianeta.
34.246667130.10416720 Isola sacra di Okinoshima e siti associati della regione di Munakata 2017 Culturale
(ii)(iii)
Munakata-taisha, shaden.JPG
Scheda UNESCO
Situata a 60 km al largo della costa occidentale dell'isola di Kyūshū, l'isola di Okinoshima è un eccezionale esempio della tradizione di culto di un'isola sacra. I siti archeologici che sono stati preservati sull'isola sono praticamente intatti e forniscono una cronologia di come i rituali eseguiti lì siano cambiati dal IV al IX secolo d.C. In questi rituali, oggetti votivi sono stati depositati come offerte in diversi siti sull'isola. Molti di loro sono di squisita fattura e sono stati portati da oltreoceano, a testimonianza di intensi scambi tra l'arcipelago giapponese, la penisola coreana e il continente asiatico. Integrata all'interno del Grande Sacrario di Munakata, l'isola di Okinoshima è considerata sacra fino ad oggi.
Siti cristiani nascosti nella regione di Nagasaki
  • 33.339444129.44388921 Villaggio di Kasuga e luoghi sacri a Hirado (Villaggio di Kasuga e monte Yasumandake)
  • 33.373611129.46444422 Villaggio di Kasuga e luoghi sacri a Hirado (Isola di Nakaenoshima)
  • 32.312222130.02583323 Villaggio di Sakitsu ad Amakusa
  • 32.845129.70055624 Villaggio di Shitsu a Sotome
  • 32.864722129.68583325 Villaggio di Ōno a Sotome
  • 33.139167129.53694426 Villaggi sull'isola di Kuroshima
  • 33.186944129.12944427 Resti di villaggi sull'isola di Nozaki
  • 33.012222129.18277828 Villaggi sull'isola di Kashiragashima
  • 32.802222128.90388929 Villaggi sull'isola di Hisaka
  • 32.855222128.90413930 Villaggio di Egami sull'isola di Naru (Chiesa di Egami e i soui dintorni)
  • 32.628889130.25444431 Resti del Castello di Hara
  • 32.734167129.8732 Cattedrale di Ōura
2018 Culturale
(iii)
Oura Cathedral 20180623.jpg
Scheda UNESCO
Situato nella parte nord-occidentale dell'isola di Kyūshū, questo patrimonio seriale è composto da dieci villaggi, resti del castello di Hara e una cattedrale, risalente al XVII al XIX secolo. Riflettono l'era della proibizione della fede cristiana, così come la rivitalizzazione delle comunità cristiane dopo la revoca ufficiale del divieto nel 1873. Questi siti portano testimonianza unica di una tradizione culturale nutrita da cristiani nascosti nella regione di Nagasaki che segretamente trasmettevano la loro fede durante il periodo di proibizione dal XVII al XIX secolo.
Gruppo di kofun di Mozu-Furuichi: tumuli funerari del Giappone antico:
  • 34.555831135.60055633 Aoyama Kofun
  • 34.565831135.59416434 Chuai-tenno-ryo Kofun
  • 34.562778135.48222235 Dogameyama Kofun
  • 34.565192135.49149436 Genemonyama Kofun
  • 34.554717135.49082837 Gobyoyama Kofun
  • 34.567917135.59543938 Hachizuka Kofun
  • 34.557778135.60444239 Hakayama Kofun
  • 34.551106135.60444240 Hakuchoryo Kofun
  • 34.576108135.48832841 Hanzei-tenno-ryo Kofun
  • 34.556667135.48277842 Hatazuka Kofun
  • 34.561667135.60221743 Hazamiyama Kofun
  • 34.563889135.61221744 Higashiumazuka Kofun
  • 34.561692135.6057545 Higashiyama Kofun
  • 34.573056135.61666746 Ingyo-tenno-ryo Kofun
  • 34.553056135.48582847 Itasuke Kofun
  • 34.556942135.60194248 Joganjiyama Kofun
  • 34.566917135.48427249 Komoyamazuka Kofun
  • 34.568056135.60944250 Komuroyama Kofun
  • 34.562778135.612551 Kurizuka Kofun
  • 34.56135.48552 Magodayuyama Kofun
  • 34.566944135.48527553 Maruhoyama Kofun
  • 34.552217135.59716454 Minegazuka Kofun
  • 34.557217135.60610655 Mukohakayama Kofun
  • 34.571556135.61460656 Nabezuka Kofun
  • 34.557667135.48757857 Nagatsuka Kofun
  • 34.568056135.48666458 Nagayama Kofun
  • 34.569944135.61238959 Nakatsuhime-no-mikoto-ryo Kofun
  • 34.568056135.61360660 Nakayamazuka Kofun
  • 34.564717135.48777261 Nintoku-tenno-ryo Kofun, Chayama Kofun and Daianjiyama Kofun
  • 34.546664135.49943962 Nisanzai Kofun
  • 34.556106135.60666763 Nishiumazuka Kofun
  • 34.558889135.60444264 Nonaka Kofun
  • 34.562217135.60944265 Ojin-tenno-ryo Kofun, Konda-maruyama Kofun and Futatsuzuka Kofun
  • 34.558856135.48807866 Osamezuka Kofun
  • 34.566944135.60888967 Otorizuka Kofun
  • 34.553889135.47749768 Richu-tenno-ryo Kofun
  • 34.556778135.47958369 Shichikannon Kofun
  • 34.568056135.61305670 Suketayama Kofun
  • 34.561106135.48333171 Tatsusayama Kofun
  • 34.556106135.47999772 Terayama-minamiyama Kofun
  • 34.581944135.59360673 Tsudo-shiroyama Kofun
  • 34.562778135.4905574 Tsukamawari Kofun
  • 34.568056135.61444275 Yashimazuka Kofun
  • 34.552667135.48677276 Zenemonyama Kofun
  • 34.555331135.48432877 Zenizuka Kofun
2019 Culturale
(iii)(iv)
NintokuTomb Aerial photograph 2007.jpg
Scheda UNESCO
Situata su un altopiano sopra la pianura di Osaka, questo territorio comprende 49 kofun (vecchi tumuli in giapponese). Tumuli di varie dimensioni, il kofun può assumere la forma di serrature, capesante, quadrati o cerchi. Queste tombe erano per i membri dell'élite, contenenti una serie di oggetti funerari (come armi, armature e ornamenti). Sono stati decorati con figure di argilla, note come haniwa, che possono assumere la forma di cilindri o rappresentazioni di case, strumenti, armi e sagome umane. Questi kofun sono stati selezionati da un totale di 160.000 in Giappone e formano la più ricca rappresentazione materiale del periodo Kofun, dal III al VI secolo d.C. Dimostrano le differenze nelle classi sociali di quel periodo e riflettono un sistema funerario altamente sofisticato.
Siti preistorici Jōmon nel Giappone settentrionale
  • 41.501667140.55221778 Sito di Odai Yamamoto
  • 41.929167140.94832879 Sito di Kakinoshima
  • 42.402217140.91166780 Sito Kitakogane
  • 40.887772140.33777281 Sito di Tagoyano
  • 40.748606141.22916782 Luogo di sepoltura di Kamegaoka
  • 40.810278140.69888983 Sito Futatsumori
  • 41.9575140.92584 Sito di Sannai Maruyama
  • 40.19805141.30583185 Sito Ofune
  • 42.542772140.77527886 Sito Goshono
  • 40.7375140.72777887 Sito Irie
  • 40.203056140.34666788 Luogo di sepoltura di Takasago
  • 40.271389140.80444289 Komakino Stone Circle
  • 42.886664141.71666790 Cerchi di pietre Isedotai
  • 40.698889140.35833191 Oyu Stone Circles
  • 42.546664140.76972292 Cerchi funerari di Kiusu Earthwork
  • 40.883889140.33666493 Cerchio di pietre di Omori Katsuyama
  • 40.473608141.49082894 Sito Korekawa
2021 Culturale
(iii)(v)
青森県つがる市木造亀ヶ岡出土 遮光器土偶-2.JPG
Scheda UNESCO
La proprietà è composta da 17 siti archeologici nella parte meridionale dell'isola di Hokkaidō e nel nord di Tōhoku in contesti geografici che vanno da montagne e colline a pianure e bassopiani, da baie interne a laghi e fiumi. Portano una testimonianza unica dello sviluppo nel corso di circa 10.000 anni della cultura pre-agricola ma sedentaria di Jōmon e del suo complesso sistema di credenze spirituali e rituali. Attesta l'emergere, lo sviluppo, la maturità e l'adattabilità ai cambiamenti ambientali di una società sedentaria di cacciatori-pescatori-raccoglitori che si sviluppò a partire dal 13.000 a.C. circa. Espressioni della spiritualità di Jōmon sono state rese tangibili in oggetti come vasi laccati, tavolette di argilla con l'impressione di piedi, le famose statuine di dogū dagli occhi stralunati, così come in luoghi rituali tra cui terrapieni e grandi cerchi di pietre che raggiungono diametri di oltre 50 metri. La proprietà seriale testimonia lo sviluppo raro e molto precoce della sedentarietà pre-agricola dall'emergenza alla maturità.
Isola di 28.326389129.37444495 Amami Ōshima, 27.82128.93222296 isola di Tokunoshima, parte settentrionale dell'26.483333127.9597 isola di Okinawa e isola di 24.336944123.82111198 Iriomote 2021 Naturale
(x)
Amami beach.jpg
Scheda UNESCO
Comprendendo 42.698 ettari di foreste pluviali subtropicali su quattro isole su una catena situata nel sud-ovest del Giappone, il sito seriale forma un arco al confine tra il Mar Cinese Orientale e il Mar delle Filippine il cui punto più alto, il Monte Yuwandake sull'isola di Amami Ōshima, sorge a 694 metri sul livello del mare. Interamente disabitato dall'uomo, il sito ha un alto valore di biodiversità con un'altissima percentuale di specie endemiche, molte delle quali minacciate a livello globale. Il sito ospita piante endemiche, mammiferi, uccelli, rettili, anfibi, pesci delle acque interne e crostacei decapodi, tra cui, ad esempio, il coniglio Amami (Pentalagus furnessi) in via di estinzione e il ratto a pelo lungo Ryukyu (Diplothrix legata) in via di estinzione che rappresentano antichi lignaggi e non hanno parenti viventi in nessuna parte del mondo. Cinque specie di mammiferi, tre specie di uccelli, e tre specie di anfibi nella proprietà sono state identificate globalmente come specie evolutivamente distinte e in pericolo globale (EDGE). Ci sono anche una serie di diverse specie endemiche confinate in ciascuna rispettiva isola che non si trovano altrove nella proprietà.
Legenda Unesco
(i) Rappresentare un capolavoro del genio creativo dell'uomo.
(ii) Mostrare un importante interscambio di valori umani in un lungo arco temporale o all’interno di un'area culturale del mondo, sugli sviluppi dell'architettura, nella tecnologia, nelle arti monumentali, nella pianificazione urbana e nel disegno del paesaggio.
(iii) Essere testimonianza unica o eccezionale di una tradizione culturale o di una civiltà vivente o scomparsa.
(iv) Costituire un esempio straordinario di una tipologia edilizia, di un insieme architettonico o tecnologico o di un paesaggio che illustri uno o più importanti fasi nella storia umana.
(v) Essere un esempio eccezionale di un insediamento umano tradizionale, dell’utilizzo di risorse territoriali o marine, rappresentativo di una cultura (o più culture) o dell’interazione dell’uomo con l’ambiente, soprattutto quando lo stesso è divenuto per effetto delle trasformazioni irreversibili.
(vi) Essere direttamente o materialmente associati con avvenimenti o tradizioni viventi, idee o credenze, opere artistiche o letterarie dotate di un significato universale eccezionale.
(vii) Presentare fenomeni naturali eccezionali o aree di eccezionale bellezza naturale o importanza estetica.
(viii) Costituire una testimonianza straordinaria dei principali periodi dell’evoluzione della terra, comprese testimonianze di vita, di processi geologici in atto nello sviluppo delle caratteristiche fisiche della superficie terrestre o di caratteristiche geomorfiche o fisiografiche significative.
(ix) Costituire esempi significativi di importanti processi ecologici e biologici in atto nell’evoluzione e nello sviluppo di ecosistemi e di ambienti vegetali e animali terrestri, di acqua dolce, costieri e marini.
(x) Presentare gli habitat naturali più importanti e significativi, adatti per la conservazione in situ della diversità biologica, compresi quelli in cui sopravvivono specie minacciate di eccezionale valore universale dal punto di vista della scienza o della conservazione.

Altri progetti