Scarica il file GPX di questo articolo

Europa > Europa settentrionale > Danimarca > Arcipelago di Fionia > Odense

Odense

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Odense
Chiesa di S. Albano ad Odense
Stemma
Odense - Stemma
Stato
Regione
Altitudine
Superficie
Abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Posizione
Mappa della Danimarca
Odense
Odense
Sito del turismo
Sito istituzionale

Odense è una città danese nell'isola di Fionia.

Da sapere[modifica]

Statua di Hans Christian Andersen vicino alla cattedrale

Odense è famosa per aver dato i natali ad Hans Christian Andersen. Il celebre scrittore, ricordato soprattutto per le sue fiabe, nacque in un quartiere povero di Odense il 2 aprile del 1805 e vi rimase fino all'età di 14 anni dopo di che prese la decisione di trasferirsi a Copenaghen. Il comune di Odense ha dedicato ad Andersen tre musei dei quali uno riproduce un tipico villaggio danese dell'epoca in cui visse lo scrittore e un piccolo teatro in cui vengono messe in scena le celebri fiabe. Ogni anno nella seconda metà di agosto si svolge il festival Hans Christian Andersen. Troverete inoltre, sparse per la città, numerose statue e sculture che rappresentano personaggi delle storie redatte dallo scrittore come il soldatino di stagno, la sirenetta, lo spazzacamino, il rospo, il cavalluccio marino, la barchetta di carta e il tronco volante solo per citarne alcuni. Nel parco Eventyr, accanto alla cattedrale, campeggia la statua più ammirata di Andersen, scolpita da nel 1888 da Louis Hasselriis, un artista danese che visse quasi tutta la sua vita a Roma.

Odense è anche famosa per il suo giardino zoologico che figura tra le prime dieci attrazioni della Danimarca ed è visitato da circa 500.000 persone l'anno. Per questi motivi Odense è una meta ideale per famiglie; saranno sicuramente i più piccini ad apprezzare le molteplici attrazioni cittadine.

Odense è ai nostri giorni una città prospera dedita al commercio e all'industria ma il turismo costituisce un'importante fonte di reddito. Nel 2008 la città figurava al settimo posto su scala nazionale per introiti derivati dal turismo (circa 1,6 milioni di corone danesi).

Cenni geografici[modifica]

Odense è situata nel centro-nord dell'isola di Fionia (Fyn) ed è attraversata dal breve fiume omonimo che sfocia nel mar Baltico in un golfo articolato (Odense Fjord) sulla cui sponda sud-orientale sta il porto di Odense (Odense Havn). Nel 1807 fu inaugurato un canale artificiale, l'Odense Kanal che permise ai vascelli di risalire fino al centro cittadino favorendo di parecchio i commerci.

All'interno del golfo di Odense stanno le due isole di Vigelsø e Tornø. La prima accoglie numerosi stormi di uccelli migratori e presenta boschi nella sua parte settentrionale mentre la seconda, molto più piccola (21 ettari), è collegata alla terraferma da un pontile lungo 300 m. ma ha un interesse limitato.

A nord est del della città, lungo la strada 165 si trova il Kertinge Nor, in pratica un lago d'acque dolci la cui parte orientale prende il nome di Karteminde Fjord. Quest'ultima sezione comunica con il mar Baltico tramite il breve e stretto canale Gabets dove fluiscono regolarmente le acque marine nei periodi di alta marea. Nel 1935 fu trovato per caso sulla sponda meridionale del Kertinge Nor il relitto di una nave vichinga del IX secolo, il Ladbyskibet che funse da sepoltura di un personaggio reale. Una riproduzione del naviglio, completata nel 2014, è esposta al museo vichingo Ladby nella vicina cittadina di Kerteminde.

Quando andare[modifica]

Le estati di Odense sono miti con temperature massime di poco superiori ai 20 ° C (68 ° F) ma compensate da un'illuminazione prolungata che raggiunge le 19 ore in corrispondenza del solstizio d'estate. Luglio e agosto sono i mesi più caldi ma anche i più piovosi. Agosto, in particolare, riceve una media di 80 mm. di pioggia l'anno. I mesi più freddi sono gennaio e febbraio con temperature che scendono di una manciata di gradi sotto lo zero. Tra gennaio e marzo la superficie del lago di Odense si presenta di regola ghiacciata e l'approdo al porto è possibile solo grazie all'intervento di navi rompighiaccio. I venti soffiano spesso bassi, provenienti sia da ovest che da nord-est e con un'impetuosità tale da determinare nel golfo un rialzo del livello delle acque fino a 1,8 m. I dati climatici relativi alla città sono registrati all'aeroporto Hans Christian Andersen.

Cenni storici[modifica]

Odense è una delle città più antiche della Danimarca: scavi archeologici nelle vicinanze hanno portato alla luce resti di un insediamento dell'età della pietra risalente a circa 4000 anni fa. Questo primo insediamento era collocato sulla collina più alta della città, tra il fiume Odense a sud e il lago Naesbyhoved (ora asciutto) a nord.

Nonnebakken, una delle più antiche fortezze vichinghe della Danimarca, si trovava a sud del fiume. Il museo Møntergården di Odense espone numerosi reperti legati alla storia dei primi Vichinghi nell'area di Odense. I Vichinghi costruirono numerose fortificazioni lungo gli argini del fiume per difenderlo dagli invasori che arrivavano dalla costa.

Odense ha celebrato il suo millesimo anniversario nel 1988. Il nome della città è infatti menzionato per la prima volta in un editto del 18 marzo 988 dell'imperatore del Sacro Romano Impero, Ottone III con il quale si concedevano diritti e libertà civiche ad Odense e ai villaggi limitrofi. La prima chiesa eretta ad Odense fu quella di Santa Maria, risalente con tutta probabilità alla fine del XII secolo. Il territorio era parte del vasto arcivescovado di Amburgo e nel 988 fu eretto a diocesi cattolica. I primi vescovi di cui abbiamo notizia furono Odinkar Hvide e Reginbert, consacrati entrambi nel 1022 dall'arcivescovo Æthelnoth di Canterbury.

Recenti scavi hanno dimostrato che dagli inizi dell'XI secolo la città si estendeva nell'area attorno alle odierne Albani Torv, Fisketorvet, Overgade e Vestergade. A quel tempo Odense era già una città di una certa importanza. Nel 1086 Canuto IV di Danimarca, generalmente considerato l'ultimo re dei Vichinghi, fu trucidato assieme al suo seguito nel priorato di Sant'Albano durante una rivolta di contadini infuriati per le esose tasse loro imposte. Nel 1101 papa Pasquale II canonizzò il monarca assassinato. Oggi il priorato non esiste più, ma una chiesa è stata eretta sul sito agli inizi del XIX secolo. Monaci benedettini provenienti dall'Inghilterra fondarono nel XII secolo l'abbazia di San Canuto. Fu qui che il monaco inglese Wrotelnoth scrisse la prima opera letteraria in danese, "Vita et Passio S. Canuti". La chiesa del convento cittadino divenne nel secolo successivo la cattedrale cittadina e per tutto il medioevo fu meta di pellegrini che venivano a rendere omaggio alle spoglie del re santo.

Un gran numero di chiese e monasteri furono costruiti in città come quella dedicata a Santa Maria (Vor Frue Kirke) e San Giovanno (Skt Hans Kirke). Nel 1279 giunsero ad Odense i frati francescani che fondarono il proprio monastero (Gråbrødre Kloster).

Come orientarsi[modifica]


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

Stazione dei treni
  • 1 Aeroporto "Hans Christian Andersen" (IATA: ODE). L'aeroporto ha collegamenti aerei nazionali e internazionali, anche se questi si sono ridotti con l'apertura del Great Belt Bridge. Nella stagione estiva sono attivate numerose tratte da/per città italiane come Parma, Firenze e Trieste. aeroporto di Odense (Q2896204) su Wikidata

In treno[modifica]

  • 2 Stazione di Odense (Odense Banegård Center). Vi effettuano fermate treni internazionali da/per Amsterdam, Amburgo (4/5 ore), Stoccolma e Basilea più vari intercity e pochi treni regionali. A fianco della stazione è stato realizzato un centro commerciale di grosse dimensioni che serve anche da capolinea degli autobus extraurbani. Stazione di Odense su Wikipedia stazione di Odense (Q2203165) su Wikidata


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

Cattedrale di San Canuto
Zoo di Odense
La casa ove lo scrittore Hans Christian Andersen trascorse la sua infanzia
Castello di Odense

Architetture religiose[modifica]

  • 2 Cattedrale di San Canuto. Fondata nel 1086 ma ricostruita nei secoli XIV-XV, è una delle più importanti chiese gotiche in mattoni della Danimarca; l'interno, semplice ma grandioso, conserva le reliquie del santo titolare, patrono della Danimarca, e due importanti opere dello scultore Claus Berg. Nella cripta è conservato il grande trittico intagliato del coro (1521) e la tomba di re Giovanni. Cattedrale di San Canuto su Wikipedia cattedrale di San Canuto (Q492584) su Wikidata
  • 3 Chiesa di San Giovanni (Sankt Hans Kirke). Saint Hans Church (Q3377187) su Wikidata
  • 4 Sankt Albani Kirke. St. Alban's Church (Q4992243) su Wikidata

Architetture civili[modifica]

  • 5 Castello di Odense (Odense Slot), Nørregade 36, +45 66131372. Odense Palace (Q3432878) su Wikidata

Musei[modifica]

  • 7 Casa dell'infanzia di Hans Christian Andersen (H.C. Andersens Barndomshjem), Munkemøllestræde 3-5, +45 65 51 46 01, @ . Ecb copyright.svg Adulti 125 Corone. Il biglietto è valido anche per la visita alla casa natale dello scrittore ma devo essere compiuta nella data impressa sul biglietto d'acquisto. Simple icon time.svg Mar-Dom 11:00-16:00. Un altro museo più piccolo dedicato ad Hans Christian Andersen ed allestito nella casa ove si trasferì la famiglia nel maggio del 1807, quando lo scrittore aveva appena 2 anni. Andersen rimase nell'appartamento insieme alla madre anche dopo la morte del padre avvenuta nel 1816 ma i due furono costretti a trasferirsi l'anno seguente perché l'intera casa fu venduta all'asta dagli eredi del proprietario. La madre di Andersen lavorava come lavandaia al palazzo di Odense ma aveva trovato il tempo di risposarsi con un uomo più giovane di lei. Aveva contratto il vizio dell'alcol e forse questo incise sulla decisione dell'adolescente Andersen di lasciare definitivamente Odense per Copenaghen nel 1819. Nel 1931 il comune di Odense acquistò la casa con l'intento di farne un museo e provvedendo a riportarla al suo stato originario. La mostra odierna è allestita sia nell'appartamento degli Andersen sia in quello dei loro vicini del tempo, i Köcker ed occupa uno spazio di appena 42 m². La visita deve essere prenotata anche scrivendo all'indirizzo e-mail riportato sopra.
Tenete presente che è in fase di costruzione un nuovo edificio progettato dall'architetto giapponese Kengo Kuma destinato ad accogliere la mostra nel 2020. Il museo di Munkemøllestræde 3 potrebbe chiudere i battenti nel corso del 2018 e le sue collezioni trasferite temporaneamente all'indirizzo Claus Bergs Gade 11 in attesa dell'inaugurazione del nuovo museo . H.C. Andersens Barndomshjem (Q1522203) su Wikidata
  • 8 Møntergården, Overgade 48, +45 6551 4601, @ . Simple icon time.svg Mar-Dom 10:00-16:00. Møntergården (Q12304739) su Wikidata
  • 9 Il villaggio di Fionia (Den Fynske Landsby), Sejerskovvej 20 (Dalla stazione centrale prendere il bus n. 110 o 111 in direzione di Nr. Broby. Entrambi fermano all'ingresso del museo), +45 6551 4601, @ . Ecb copyright.svg Adulti 75 - 100 Corone a seconda della stagione. Ragazzi fino a 17 anni ingresso gratis. Simple icon time.svg Mar-Dom 10:00-16:00. The Funen Village (Q727113) su Wikidata
  • 10 Museo Carl Nielsen, Claus Bergs Gade 11, +45 65 51 46 01. Museo dedicato al compositore Carl Nielsen, nato nella vicina cittadina di Sortelung il 9 giugno 1865.
  • 11 Brandts Klædefabrik, Brandts Passage 8. Una galleria d'arte moderna e un museo della storia della fotografia danese allestiti in un ex fabbrica del tessile. Il centro ospita diverse mostre nel corso dell'anno dedicate ad artisti danesi ed internazionali.
  • 12 Museo delle ferrovie danesi, Dannebrogsgade 24 (Nei pressi della stazione ferroviaria), +45 66 13 66 30, fax: +45 66 19 02 20, @ . Ecb copyright.svg Adulti: 80 corone. Ragazzi 0-17 anni: ingresso gratuito. Simple icon time.svg Lun-Dom 10:00-16:00. Collezioni di locomotive a vapore e di treni d'epoca. Alcuni vagoni sono arredati con divani rivestiti di velluto rosso. Nei giardini circostanti è stata ricostruita una ferrovia percorsa da treni in miniatura ed allestito un parco giochi con scivoli per i più piccini. D'estate il museo si fa promotore di brevi escursioni nei dintorni di Odense con treni d'epoca o treni-giocattolo (prenotazione necessaria).


Eventi e feste[modifica]


Cosa fare[modifica]

La piccola stazione ferroviaria di Fruens Bøge
Skovsøen d'inverno
  • 1 Skovsøen (Fruens Bøge) (Raggiungibile in pochi minuti dalla stazione centrale con un treno locale o regionale. Scendere alla piccola stazione di Fruens Bøge, successiva a quella del giardino zoologico). Laghetto circondato da un parco (Fruens Bøge) nella periferia sud di Odense. Molto popolare tra i residenti per scampagnate di fine settimana anche invernali. Ragazzi ed adulti si divertono nel praticare pattinaggio sulla superficie ghiacciata del lago e sci di fondo nei boschi circostanti. A fine giugno in occasione della festa di S. Giovanni (Sankt Hans) vengono accesi enormi falò. Altre manifestazioni e gare sportive vi hanno luogo durante tutto il corso dell'anno. (Q12313083) su Wikidata


Acquisti[modifica]

Bazar Fyn
  • 1 Bazar Fyn, Thriges Plads 3, @ . Simple icon time.svg Mar-Dom 10:00-18:00. Un centro commerciale singolare, inaugurato nel 2007 prendendo a modello la struttura di un tipico bazar del Medio Oriente. Gli stand sono disposti su una superficie complessiva di 7.000 m². (Q12302995) su Wikidata


Come divertirsi[modifica]

Spettacoli[modifica]

Locali notturni[modifica]

La vita notturna della città è concentrata nella zona della galleria Brandts Passage. Oltre a numerosi ristoranti si trovano bar e pub aperti fino a tarda ora.

  • 4 Australian Bar, Brandts Passage 10, +45 31 73 73 16. Ecb copyright.svg 40 corone per chi entra dopo le ore 23:00 + 20 corone per il guardaroba. Simple icon time.svg Gio-Sab 22:00-05:00. Un pub che si trasforma in discoteca dopo la mezzanotte. Molto rinomato i frequentatori si intrattengono in giochi vari prima di dare inizio alle danze. Vengono proiettati anche film di vario genere.
  • 5 Cafe Biografen, Amfipladsen 13, +45 66 13 16 16, @ . Simple icon time.svg Lun-Dom 10:00-23:00. Locale retro con servizio ristorante che funge anche da movie theater. Tra le ore 10:00 e 14:00 di domenica si può profittare di un servizio brunch-buffet a prezzi non eccessivi.
  • 6 Musikhuset Dexter, Vindegade 65, +45 63 11 27 28. Locale dove si esibiscono bande di vario genere soprattutto jazz. Non particolarmente adatto a giovanissimi.
  • 7 Franck A, Jernbanegade 4/6, +45 66 12 27 57.
  • 8 Froggys, Vestergade 68, +45 65 90 74 47.
  • 9 Club Retro, Overgade 47, +45 20 92 69 26.


Dove mangiare[modifica]

Prezzi medi[modifica]

  • Cuckoos Nest.
  • Brasserie Klitgaard.
  • Den Gamle Kro. Allestito in una casa a graticcio del XVII secolo.
  • Under Lindetraet. Allestito in un cottage del XVIII secolo di fronte alla casa di Hans Christian Andersen, il ristorante è specializzato in un tipo di cucina franco-danese.


Dove alloggiare[modifica]

Radisson SAS HC Andersen Hotel

Prezzi modici[modifica]

  • Danhostel Odense. Ostello di 140 stanze.

Prezzi medi[modifica]

  • First Hotel Grand.
  • City Hotel (Vicino al museo Hans Christian Andersen).

Prezzi elevati[modifica]

  • Radisson SAS HC Andersen Hotel.
  • Clarion Collection Hotel Plaza. Albergo di 68 stanze in stile old english.


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]


Nei dintorni[modifica]

Ricostruzione della nave vichinga Ladbyskibet a Karteminde
Castello di Egeskov
  • Kerteminde — Graziosa cittadina e porto peschereccio di 6.000 abitanti circa all'estremità orientale del fiordo omonimo e a circa 19 km a nord-est di Odense. Fondata nell'XI secolo conserva alcuni monumenti d'interesse come la chiesa di San Lorenzo del XVI secolo e magioni di mercanti del XVII secolo alcune delle quali sono state trasformate in albergo o B&B. Tra i musei spicca il museo vichingo Ladby che accoglie la ricostruzione di una nave vichinga del IX secolo il cui relitto fu trovato per caso nel 1935 da contadini intenti a lavori di aratura. Kerteminde dispone di un porto turistico e diversi tipologie di alloggio tra cui un campeggio.
  • 3 Castello di Egeskov, Egeskov Gade 3 (A Kværndrup), +45 62 27 10 16. Situato circa a 30 km dalla città, è uno dei castelli "d'acqua" rinascimentali meglio conservati d'Europa. La sua costruzione risale al 1554. Castello di Egeskov su Wikipedia castello di Egeskov (Q857504) su Wikidata
Strade che passano per Odense
KoldingMiddelfart  O Tabliczka E20.svg E  NyborgCopenhagen


Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard contiene informazioni utili a un turista e dà un'informazione sommaria sulla meta turistica. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.