Scarica il file GPX di questo articolo

Europa > Italia > Italia centrale > Abruzzo > Appennino abruzzese > Marsica > Collelongo

Collelongo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search
Collelongo
Chiesa della Madonna del Rosario all'ingresso del borgo
Stato
Regione
Territorio
Altitudine
Superficie
Abitanti
Nome abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Patrono
Posizione
Mappa dell'Italia
Collelongo
Collelongo
Sito del turismo
Sito istituzionale

Collelongo è una città della Marsica, subregione dell'Abruzzo.

Da sapere[modifica]

Il popolo italico dei Marsi costruì qui il vicus della Valle di Amplero, mirabile esempio abruzzese di architettura ed urbanistica dell'epoca romana. L'insediamento italico-romano di Amplero è uno degli elementi più importanti del patrimonio archeologico della Marsica. Fa parte del club dei Borghi Autentici d'Italia.

Cenni geografici[modifica]

Il paese situato nella Vallelonga è posto a quota 915 metri sul livello del mare, al confine con il parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise, la Ciociaria, e la piana del Fucino. Ad ovest i monti della Serra Lunga lo separano dalla valle Roveto.

Quando andare[modifica]

L'estate è il periodo migliore per visitare Collelongo, il borgo, i musei e i numerosi sentieri che conducono nell'area protetta del parco d'Abruzzo verso le foreste vetuste, i boschi e la faggeta situati nelle località Val Cervara, Selva Moricento, Coppo del Principe, Coppo del Morto e Cacciagrande oltre la confinante Villavallelonga.

Cenni storici[modifica]

Torre baronale in piazza San Rocco

Nella Vallelonga la civiltà ha origini lontanissime. Le più antiche testimonianze della presenza umana nel territorio di Collelongo risalgono al periodo Paleolitico medio, circa 400 mila anni fa. Si tratta di oggetti di selce che attestano l'attività prevalentemente venatoria di popolazioni nomadi. Presenze stanziali risalgono anche al periodo Neolitico, circa 7.000 anni fa e all'età del ferro (IX secolo a.C.-VIII secolo a.C.), di cui restano scorci delle recinzioni murarie degli "ocres", fortificazioni rinvenute su alcuni colli, e di necropoli di tombe circolari a tumulo. In particolare il sito archeologico del vicus della Valle di Amplero, rappresenta una testimonianza importante che ha permesso di ricostruire le vicende in epoca italica e romana di questi luoghi. Nel medioevo il borgo ha seguito le vicende storiche della Marsica. In epoca contemporanea il paese è stato al centro delle vicende legate al fenomeno del brigantaggio e subì nel 1915 gravi danni con il terremoto del 13 gennaio che causò oltre 30.000 vittime nella Marsica e nel centro Italia.

Come orientarsi[modifica]


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

Italian traffic signs - direzione bianco.svg

In auto[modifica]

La strada provinciale n.19 Ultrafucense collega Collelongo a sud con Trasacco ed Avezzano dove è presente il casello autostradale della A25 Roma-Pescara. In direzione nord il paese è collegato a Villavallelonga e all'area del Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise.

In treno[modifica]

La stazione ferroviaria più vicina è quella di Avezzano posta lungo la linea ferroviaria Roma-Sulmona-Pescara.

In autobus[modifica]

  • Italian traffic sign - fermata autobus.svg Linee di pullman gestite dalle autolinee TUA (Società unica abruzzese di trasporto - ex Arpa) [1]


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

Palazzo Botticelli sede dell'area museale
Necropoli di Amplero
  • 1 Museo civico e archeologico di Collelongo, Via Stretta (centro storico), +39 0863 948113, fax: +39 0863 948537, @ comune.collelongo.aq@pec.comnent-ra.it. Il museo archeologico ospita interessanti reperti archeologici dell'epoca italica e romana provenienti dall'area archeologica della Valle di Amplero, mentre il museo della civiltà contadina e del lavoro è dedicato alla storia, agli usi ed alle tradizioni popolari. Nel palazzo Botticelli dove i musei sono ospitati c'è una ricca esposizione di reperti databili dal VI secolo a.C. al I secolo d.C. Di particolare interesse la copia riprodotta in legno di pero del pregevole letto funerario in osso del I secolo a.C. esposto nel museo archeologico di Chieti. Una postazione multimediale ripercorre la storia della Marsica e dei marsi nel periodo italico.
  • 2 Valle di Amplero, Valle di Amplero (area montana posta a nord est del paese), +39 0863 948113, fax: +39 0863 948537, @ comune.collelongo.aq@pec.comnent-ra.it. Area d'interesse archeologico. Gli scavi effettuati dal 1968 hanno fatto tornare alla luce resti del vicus e del centro fortificato risalenti tra il IV e il III secolo a.C. Di particolare interesse la necropoli di località La Giostra, situata nella valle del Cantone, tra Amplero e la piana del Fucino. Le tombe sono incluse in un periodo temporale che va dal I secolo a.C. al I secolo d.C. Il prezioso letto in osso ritrovato in zona è ospitato presso il museo archeologico di Chieti, mentre la fedele riproduzione in copia, opera del fratelli Fubelli di Roma, è esposta nel palazzo Botticelli. Nelle località di Fonte Jò, Fonte di Sotto e Fonte Elia ci sono i resti di insediamenti umani risalenti all'età del bronzo e all'epoca medievale, mentre a Civita Rosa di Colle Colubrina sono visibili i resti di un centro fortificato e di edifici di culto.
  • 3 Vallelonga, Vallelonga (area montana inclusa tra i comuni di Luco dei Marsi e Villavallelonga), +39 0863 948537, fax: +39 0863 948537, @ info@comune.collelongo.aq.it. Area d'interesse archeologico, naturalistico e storico-artistico. L'area offre una ricca rete sentieristica e diversi rifugi e ristori. Percorsi tematici ambientali e religiosi attraversano i quattro comuni dell'area.


Eventi e feste[modifica]

Le conche rescagnate
  • 1 Festa di Sant'Antonio Abate, Centro storico (Chiesa parrocchiale di Santa Maria Nuova), +39 0863 948537, fax: +39 0863 948537, @ info@collelongo-go.it. Simple icon time.svg 16 e 17 gennaio. La sera del 16 gennaio ha inizio annualmente l'ultrasecolare festa di Sant'Antonio Abate. Nelle taverne del centro storico, in paioli di rame ("cuttore" o "cottore"), viene bollito il granturco, le cicerchie e i ceci rossi (chiamati dagli abitanti del luogo "cicerocchi") offerti ai visitatori insieme a pizze, dolci e bevande. Dopo l'accensione dei falò (i "torcioni") il parroco benedice, lungo un percorso illuminato da fiaccole, le cuttore. La festa prosegue tra i canti popolari per tutta la notte. La mattina seguente all'alba una processione di ragazzi vestiti con abiti tradizionali porta le "conche rescagnate", contenitori di rame sormontati da scene di vita contadina, abbelliti e dotati di luci, in giro per il paese. Il mais cotto la sera prima viene donato per poter essere distribuito agli animali domestici.


Cosa fare[modifica]

  • 1 Centro sportivo Chiaravalle, Via Casiline (Ingresso del paese), +39 0863 948368, @ info@collelongo-go.it. Il centro sportivo è dotato di palestra e piscina esterna. La struttura situata accanto al campo da calcio in erba sintetica è attrezzata per la pratica di varie attività sportive. Presenta bar interno ed esterno.


Acquisti[modifica]


Come divertirsi[modifica]


Dove mangiare[modifica]

Prezzi medi[modifica]


Dove alloggiare[modifica]

Prezzi medi[modifica]


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]

Poste[modifica]


Nei dintorni[modifica]



Altri progetti

2-4 star.svg Usabile: l'articolo rispetta le caratteristiche di una bozza ma in più contiene abbastanza informazioni per consentire una breve visita alla città. Utilizza correttamente i listing (la giusta tipologia nelle giuste sezioni).