Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Antille Olandesi
Rovine di magazzini del XVIII secolo sulla spiaggia di Lower Town, a Sint Eustatius
Localizzazione
Antille Olandesi - Localizzazione
Stemma e Bandiera
Antille Olandesi - Stemma
Antille Olandesi - Bandiera
Stato
Superficie
Abitanti

Antille Olandesi sono le 6 isole, nei Caraibi, facenti parte del Regno dei Paesi Bassi.

Da sapere[modifica]

Le isole che fanno parte delle Antille Olandesi sono Aruba, Bonaire, Curaçao, Saba, Sint Eustatius e Sint Maarten.

Mentre Aruba, Bonaire e Curaçao, chiamate anche Isole ABC e facenti parte dell'arcipelago delle Isole Sottovento, si trovano al largo della costa venezuelana, Saba, Sint Eustatius e Sint Maarten, chiamate anche Isole SSS e facenti parte dell'arcipelago delle Isole Sopravento settentrionali, si trovano ad ovest di Santo Domingo.

Solo la parte meridionale dell'isoletta di Sint Maarten appartiene ai Paesi Bassi, essendo il nord sotto amministrazione francese. Non vi sono comunque barriere tra i due territori e si può tranquillamente passare dall'uno all'altro. Sint Maarten costituisce infatti una sorta di codominio grazie a un accordo tra le due potenze che risale al 1648 ed è tuttora in vigore.

Cenni storici[modifica]

Il 10 ottobre 2010 le Antille Olandesi hanno cessato di esistere: dopo tale data il territorio ha assunto una nuova statuizione amministrativa: parte di esso (Bonaire, Saba e Sint Eustatius) è stato integrato nei Paesi Bassi in qualità di municipalità speciali, mentre l'altra parte (Aruba, Curaçao e Sint Maarten) è andata a formare tre nuove nazioni costitutive del Regno dei Paesi Bassi. Il termine Antille Olandesi è oggi usato con accezione meramente geografica e non più politico-economica.

Lingue parlate[modifica]

Essendo state, fino a pochi anni fa, un possedimento del Regno dei Paesi Bassi la lingua ufficiale è proprio l'olandese.


Territori e mete turistiche[modifica]

Mappa delle Antille Olandesi

Le Antille Olandesi sono così divise:


Come arrivare[modifica]

Per accedere a una delle isole delle Antille Olandesi è necessario essere muniti di passaporto e biglietto di andata e ritorno. Il visto non è necessario per i cittadini italiani per soggiorni inferiori a 180 giorni.

In aereo[modifica]

Tutte le isole delle Antille Olandesi sono dotate di aeroporti internazionali più o meno grandi. La maggior parte dei collegamenti è garantita con i Caraibi e l'America del Nord. Tuttavia, esistono dei voli europei principalmente da Amsterdam;

Aeroporti Principali[modifica]

Aereo in fase di atterraggio Aeroporto Internazionale Principessa Giuliana

Aeroporti minori[modifica]

  • 5 Aeroporto Juancho E. Yrausquin (IATA:SAB) (Saba). Principalmente offre voli interni alla zona dei Caraibi. La sua pista di atterraggio si trova a strapiombo su una scogliera ed è lunga solo 400 m, questo fatto la rende la più corta al mondo; Aeroporto di Saba-Juancho E. Yrausquin su Wikipedia Aeroporto di Saba-Juancho E. Yrausquin (Q1137714) su Wikidata
  • 6 Aeroporto F. D. Roosevelt (IATA:EUX) (Sint Eustatius). Principalmente offre voli interni alla zona dei Caraibi. Aeroporto di Sint Eustatius-F. D. Roosevelt su Wikipedia Aeroporto di Sint Eustatius-F.D. Roosevelt (Q2479758) su Wikidata


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]


Cosa fare[modifica]


A tavola[modifica]


Sicurezza[modifica]


Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard e ha almeno una sezione con informazioni utili (anche se di poche righe). Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.