Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Troia
Truva o Troya
Mura di Troia
Localizzazione
Troia - Localizzazione
Stato
Regione
Sito istituzionale

Troia è un sito archeologico della Regione di Marmara.

Da sapere[modifica]

Troia Pronuncia in lingua originale è un'antica città resa famosa dal poema epico di Omero, l‘Iliade. Secondo l‘Iliade , è qui che ebbe luogo la leggendaria guerra di Troia. Oggi è un sito archeologico popolare tra i viaggiatori di tutto il mondo, e oltre ad essere un parco nazionale della Turchia, è sulla lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO.

Troia è uno dei siti antichi più famosi della Turchia (forse insieme a Efeso e da ultimo anche Göbekli Tepe), eppure le aspettative durante la visita potrebbero essere inferiori a quanto immaginato. Non troverete infatti la gloria delle colonne di marmo lucenti presenti in molti altri siti dell'antichità, tuttavia in essa si invita a pensare alle rovine come un memoriale di tutte le guerre che le persone hanno dovuto subire nel corso della storia.

Cenni geografici[modifica]

Un tempo città portuale ai margini di una profonda baia dei Dardanelli, il sito si trova ora a 5 km nell'entroterra dalla costa a causa del materiale alluvionale trasportato dal fiume Scamandro (moderno Karamenderes), che riempì la baia, trasformandola in fertile terreno coltivato che si protende verso il mare.

Il sito si trova all'interno del Parco Nazionale di Troia.

Cenni storici[modifica]

Il cavallo di Troia all’ingresso del sito

La prima città sul sito di Troia si chiamava Wilusa, fondata nel III millennio a.C. dagli Ittiti, che furono i primi indigeni dell'Anatolia a formare uno stato durante l'età del bronzo. Situata sulla collina di Hisarlık sulla punta nord-occidentale della penisola della Troade, era chiaro che la ragione dell'esistenza della città in primo luogo era il controllo totale dei Dardanelli, che, insieme al Mar di Marmara e al Bosforo, è oggi noto come lo Stretto turco, una rotta chiave che collega il Mediterraneo con il Mar Nero, e dove le masse continentali europee e asiatiche sono a pochi passi l'una dall'altra.

Il rapimento di Elena, la figlia del re di Sparta, da parte di Paride, un principe troiano, ha suscitato inimicizia tra i troiani e gli achei dall'altra parte del Mar Egeo, o almeno così dice la storia. Non essendo riusciti a entrare nelle mura difensive della città, gli Achei decisero di inventare un trucco: offrirono un enorme cavallo di legno in dono ai Troiani, come ammenda per il disturbo che avevano causato con le loro galee di guerra sulla spiaggia della città. I Troiani accettarono l'offerta, ma ciò portò loro a perdere la città, poiché all'interno del cavallo c'erano soldati achei, pronti a combattere proprio nel centro della città.

Storicamente ci fu una vera guerra di Troia, che probabilmente ebbe luogo nel XII secolo a.C., e fu in questo periodo che l'ittita Wilusa fu convertita nell'ellenica Ilione, e in seguito in Troia. Tuttavia, per qualche ragione, tutti gli invasori successivi da tutte le direzioni, con l'eccezione di Alessandro Magno (i cui ufficiali fondarono la città di Alessandria Troas sulla costa a sud di Troia), favorirono il Bosforo a nord-est invece dei Dardanelli per le loro traversate intercontinentali. Anche l'imperatore romano Costantino I (306-337) acconsentì, fondando una nuova capitale per il suo impero, Costantinopoli, sulle rive del Bosforo. Mentre Costantinopoli prosperava, la sua rivale Troia declinò, scomparendo infine sotto strati di terra.

Sin dai tempi dell'Impero bizantino, si pensava che Troia non fosse altro che la pura immaginazione di Omero, ma nel 1868 Heinrich Schliemann, un uomo d'affari tedesco e un archeologo autodidatta, dimostrò il contrario, dopo aver colto il suggerimento che Troia poteva essere un posto reale sepolto sotto la collina Hisarlık da Frank Calvert, un archeologo britannico che aveva visitato il sito tre anni prima. Poiché gli scavi di Schliemann erano totalmente dilettanteschi, danneggiarono l'integrità di gran parte dei resti, ma Schliemann ottenne comunque ciò che desiderava: la sua sposa greca Sophia Schliemann venne immortalata in una foto che la mostra mentre indossa i tesori trovati sulla collina di Hisarlık (parte del tesoro fu successivamente portato dall'Armata Rossa da Berlino a Mosca alla fine della seconda guerra mondiale e oggi esposto in uno dei musei).

Sebbene sia passato quasi un secolo e mezzo dai tempi di Schliemann, Troia non è stata ancora portata alla luce completamente e i lavori di scavo continuano ancora oggi.

Nel turco moderno, c'è una tendenza a spostare il nome del sito da Truva, che riflette la pronuncia del nome francese del luogo (Troie) poiché quella era la lingua scelta dall'élite turca fino agli anni '50, a Troya, che è più vicino al nome greco originale, sebbene entrambi possano ancora essere ascoltati in modo intercambiabile.

Come arrivare[modifica]

In auto[modifica]

Il sito si trova a 5 km dall'autostrada principale Çanakkale-Izmir (D550 / E87), con la quale è collegata da una strada attraverso un bel paesaggio campestre. I cartelli stradali (che dicono Truva , Troya , Troy o Troia, a volte due di loro sullo stesso cartello) le indicazioni partono dal porto dei traghetti di Çanakkale.

Notate che non ci sono indicazioni sull'approccio all'incrocio in cui la strada per Troia si dirama dall'autostrada principale (tranne un cartello marrone proprio all'interno dell'incrocio), quindi moderate la velocità e aspettatevi l'incrocio in qualsiasi momento quando siete a 30 km o giù di lì di Çanakkale.

In autobus[modifica]

Il centro principale più vicino è Çanakkale, a circa 35 km a nord di Troia. Ci sono minibus che viaggiano da e per la stazione degli autobus locale di Çanakkale, che si trova sotto il ponte sul fiume. Il viaggio dura circa 45 minuti.

Da Çanakkale, i minibus sono programmati (gennaio 2012) per partire ogni ora dalle 07:00 con l'ultimo alle 15:00. Per rientrare ogni ora a partire dalle 09:30 con l'ultima corsa alle 17:30. Un programma aggiornato può essere trovato presso l'ufficio informazioni turistiche a Çanakkale vicino al porto dei traghetti.

Permessi/Tariffe[modifica]

Mappa del sito

La quota di ingresso al sito è di 50 TL (nov 2020).

Orari di apertura

Periodo estivo dal 15 Marzo al 24 Ottobre: Lun-Dom 10:00-19:00, periodo invernale dal 24 ottobre al 15 marzo: Lun-Dom 09:00-17:30

Come spostarsi[modifica]

Il sentiero tra le rovine è ben segnalato, ma in alcuni punti è piuttosto roccioso e scivoloso. Assicuratevi di indossare scarpe da passeggio adeguate.

Cosa vedere[modifica]

Troia fu distrutta e ricostruita nove volte, e in ciascuno dei nove diversi strati vi è ancora qualcosa fino ad oggi, sebbene gli scavi archeologici dilettantistici della fine del 1800 danneggiarono molto la leggibilità. Lo strato che si pensa sia raffigurato nell'Iliade di è probabilmente Troia VII, una parte delle mura leggendarie ancora intatte.


Cosa fare[modifica]

Salite le scale del finto cavallo di Troia all'ingresso del sito è una parte inevitabile dell'esperienza. Meglio farlo nei giorni feriali poiché le scale (e l'interno del cavallo stesso) possono essere affollati nei fine settimana da scolari in gita (una situazione che rende piuttosto sgradevole salire e scendere le scale ripide). L'inverno è un periodo fantastico per visitare Troia, poiché ci sono pochissimi turisti in giro.

Acquisti[modifica]


Dove mangiare[modifica]


Dove alloggiare[modifica]

È anche possibile soggiornare a Çanakkale e visitare Troia come gita di un giorno.


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]

Telefonia[modifica]

Ci sono telefoni pubblici a pagamento appena fuori dall'ingresso della città antica. Il prefisso telefonico dell'area è (+90) 286 .

Nei dintorni[modifica]

  • Gli appassionati dell'Iliade (e gli amanti della natura) troveranno probabilmente interessante il vicino Monte Ida (a sud-est di Troia). Secondo l'epopea, qui è dove gli dei hanno assistito all'epica battaglia sui campi di Troade, e Paride ha scelto la più bella delle tre dee. Vale la pena sia l'approccio da settentrione (attraverso la città di Bayramiç) che quello meridionale (da vari villaggi lungo la costa settentrionale del Golfo di Edremit) alla montagna.
  • Bozcaada, o l'antica Tenedo, un'isola nel Mar Egeo con un centro storico ben conservato e un castello veneziano, si trova nelle vicinanze (visibile da Troia). Il porto di Geyikli, che ha un collegamento in traghetto con Bozcaada, si trova a circa 10 km da Troia, a sud.
  • Çanakkale, la città principale della penisola della Troade, dovrebbe essere una delle prossime destinazioni se non siete già arrivati da quella direzione.
  • Potete anche continuare a muovervi verso sud attraverso strade di campagna lungo la costa, passando piacevoli villaggi e una serie di antiche rovine greche tra alcuni bei paesaggi mediterranei.

Itinerari[modifica]


Altri progetti

  • Collabora a Wikipedia Wikipedia contiene una voce riguardante Troia
  • Collabora a Commons Commons contiene immagini o altri file su Troia
2-4 star.svg Usabile: l'articolo rispetta le caratteristiche di una bozza ma in più contiene informazioni su come arrivare, sulle principali attrazioni o attività da svolgere e sui biglietti e orari d'accesso.