Scarica il file GPX di questo articolo

Asia > Medio Oriente > Rub' al-Khali

Rub' al-Khali

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search
Rub' al-Khali
Dune di sabbia del Rub' al-Khali
Localizzazione
Rub' al-Khali - Localizzazione
Stato
Regione
Superficie

Rub' al-Khali (الربع الخالي) detta "il quarto vuoto" è una regione desertica del Medio Oriente.

Da sapere[modifica]

Il Rubʿ al-Khālī è il secondo più grande deserto di sabbia del mondo. Ricopre il terzo più meridionale della Penisola arabica.

Ancora ampiamente inesplorato e praticamente disabitato, il deserto è lungo circa 1.000 km e largo circa 500. Persino i Beduini ne sfiorano solo le zone marginali. Ciò nonostante esistono compagnie di viaggi che offrono escursioni assistite da GPS nel deserto. Il primo occidentale di cui si ha notizia che abbia attraversato il Rub' al-Khālī fu Bertram Thomas nel 1931. Successivamente fu esplorata da St John Philby e da Wilfred Thesiger che descrisse le innumerevoli peripezie dell'attraversamento nel suo libro.

Geologicamente, il Rub' al Khali è il sito più ricco di petrolio nel mondo. Vaste riserve di petrolio sono state scoperte sotto le dune di sabbia.

Cenni geografici[modifica]

Questo deserto si sviluppa nei territori di Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Oman e Yemen con confini non ben definiti; né quelli perimetrali, né quelli al suo interno tra le varie nazioni.

Quando andare[modifica]

Tramonto in Rub' al Khali

Con temperature estive che vanno da vari gradi sotto lo zero di notte ad oltre 60 °C sopra lo zero a mezzogiorno, e dune più alte della Torre Eiffel (oltre 330 metri), il deserto potrebbe essere l'ambiente più inospitale del pianeta. Comunque, come quasi ovunque, la vita vi fiorisce. Vi si trovano aracnidi, roditori e piante appartenenti alla famiglia delle succulente.

Cenni storici[modifica]

La desertificazione è progredita nel corso dei millenni. Prima che questa rendesse così difficoltose le rotte che lo attraversavano, le carovane del commercio dell'incenso passavano in età preislamica attraverso distese oggi virtualmente impercorribili, fino alla fine del III secolo d. C. circa. Si veda ad esempio la città perduta di Ubar, che dipendeva da questo commercio

In età a noi più vicine, invece, le due rotte carovaniere erano quelle "del Hegiaz", parallela al Mar Rosso, e quella più impervia "dell'Iraq". La prima metteva in collegamento lo Yemen al Mar Mediterraneo mentre la seconda l'Oman alla Mesopotamia.

Lingue parlate[modifica]

La lingua più adeguata per parlare con i locali che eventualmente si incontreranno nel deserto è probabilmente l'arabo.

L'eventualità di trovare qualcuno in questa apparente "terra di nessuno" non è nulla. I nomadi di fatto abitano parti del quarto in diversi momenti dell'anno.


Letture suggerite[modifica]

  • Wilfred Thesiger, Sabbie arabe. Pubblicato la prima volta nel 1959 e considerato un classico della letteratura di viaggio, il libro documenta i viaggi dell'autore in tutto il Rub' al-Khali (Quarto vuoto) nel 1945 e il 1950, con l'assistenza di tribù locali. (ISBN 978-8865593691).


Territori e mete turistiche[modifica]


Come arrivare[modifica]

Deserto di Liwa vicino Hameem

In auto[modifica]

  • Negli Emirati Arabi Uniti il confine all'estremo nord del quarto vuoto è accessibile dall'Oasi di Liwa, a 200 km di eccellenti autostrade da Abu Dhabi. La strada più grande per Huwayiah è fiancheggiata da verdi palme da datteri, come l'altra strada (più vicino a Abu Dhabi) per Al Hamai'm, dove anche li stanno crescendo. È grazioso per gli abitanti degli emirati che vanno a visitare un'oasi, ma blocca la vista del deserto per gli stranieri non abituati a un simile contesto.
  • Dall'Arabia Saudita le visite alla maggior parte del quarto vuoto richiedono permessi dalla Commissione nazionale per la conservazione e lo sviluppo della fauna selvatica; più facili da ottenere attraverso agenzie di viaggio e tour organizzati. Gli usuali punti di accesso sono Wadi al-Dawasir (As Sulayyil) e Sharurah, entrambe raggiungibili via terra da Riyad (con 550 km via terra) o con un volo Saudia da Riyad e Gedda. Anche Najran, a 300 km a ovest di Sharurah, è un ragionevole punto di partenza.


Come spostarsi[modifica]

Traino di un 4x4 fuori di una duna di sabbia nel deserto di Liwa

In auto[modifica]

Non guidare mai nella più grande distesa di sabbia del mondo da solo! Una carovana di veicoli 4x4 o di cammelli sono le uniche opzioni sicure per addentrarsi nelle soffici sabbie del deserto. Se non sei un esperto, fiducioso e ben equipaggiato conducente di dune di sabbia del deserto, Wikivoyage non può preparare nessuno per qualcosa come il quarto vuoto.

Per quanto riguarda le strade asfaltate negli Emirati Arabi Uniti, una strada passa attraverso le varie città oasi ed è possibile guidare verso Tal Mireb, la duna più alta del Paese, che dà in pochi minuti la prospettiva di quanto vasto e inospitale possa essere un tale posto.


Cosa vedere[modifica]

Ciò che si può ammirare nel Rub' al-Khali è principalmente la natura che ci circonda e la fauna selvatica che riesce a sopravvivere in questo ambiente avverso.

Cosa fare[modifica]


A tavola[modifica]

Bevande[modifica]

L'alcol è vietato in Arabia Saudita. Negli Emirati Arabi Uniti e nell'Oman l'alcol è consentito, ma soggetto a determinate restrizioni. Nel quarto vuoto alcuni alberghi sul lato Emirati Arabi Uniti servono alcolici.

Fare un'ampia scorta d'acqua prima di incamminarsi nel deserto.

Sicurezza[modifica]

Come per tutti i deserti, portare un'ingente quantità di acqua, assicurarsi che il veicolo sia grado di gestire le sabbie del deserto ed essere certi di disporre di un mezzo affidabile per la determinazione della direzione (e.g. GPS). Inoltre portare un mezzo affidabile di comunicazione in caso di problemi (e.g. telefono satellitare).

Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard e ha almeno una sezione con informazioni utili (anche se di poche righe). Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.