Scarica il file GPX di questo articolo

Europa > Italia > Italia meridionale > Molise > Appennino molisano > Molise centrale > Ripalimosani

Ripalimosani

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search
Ripalimosani
Ex stazione FS
Stato
Regione
Territorio
Altitudine
Superficie
Abitanti
Nome abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Patrono
Posizione
Mappa dell'Italia
Ripalimosani
Ripalimosani
Sito istituzionale

Ripalimosani è un centro del Molise.

Da sapere[modifica]

Fa parte dei Borghi Autentici d'Italia.

Cenni geografici[modifica]

Sui rilievi dell'Appennino molisano nel Molise centrale, il paese dista 7 km da Campobasso, 32 da Bojano, 34 da Trivento, 51 da Larino.

Cenni storici[modifica]

Il centro fu fondato dai Normanni nel 1000. Nel XV secolo fu completata la chiesa madre, mentre nel 1516 il potere del castello passò a Marino Mastrogiudice, che ampliò il borgo e il maniero.

Nel '700 il centro fu di proprietà di notai come Francesco Maria Riccardo e Francesco Antonio Amoroso.

Come orientarsi[modifica]

Quartieri[modifica]

Il paese si suddivide tradizionalmente in sei contrade che si disputano il Palio dell'11 e 12 agosto: Villaggi, Castello, Santa Lucia, San Rocco, Piazza e Morgione.

Il suo territorio comunale comprende anche le località Fonte e Iontapede.

Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

Italian traffic signs - direzione bianco.svg

In auto[modifica]

  • Autostrada A14 Italia.svg Autostrada Adriatica A14 in direzione di Pescara uscire a Termoli, prendere la SS 87 (strada statale Bifernina) in direzione Campobasso, proseguire sulla SS 647, svoltare sulla SP 59 in direzione di Ripalimosani.
  • Autostrada A1 Italia.svg Autostrada del Sole A1
  • da nord uscire a San Vittore, seguire direzione Isernia, Campobasso, raggiungere la SS 17, proseguire per la SS 647 fino al bivio di Ripalimosani (SP 59).
  • da sud uscire a Caianello, svoltare in direzione di Benevento, proseguire per Campobasso, SS 17, poi SS 647 fino al bivio di Ripalimosani (SP 59).
  • Da Campobasso prendere la SS 87, proseguire per la SS 647, svoltare sulla SP 59 in direzione di Ripalimosani.

In treno[modifica]

  • Italian traffic signs - icona stazione fs.svg Stazione ferroviaria di Campobasso (a 7,5 km circa).

In autobus[modifica]


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

  • Chiesa madre di Santa Maria Assunta. La chiesa originale fu costruita nel XIV secolo. Il campanile è del 1463. Ha pianta basilicale con tre navate interne.
La facciata è molto particolare perché risente del tipico stile napoletano rinascimentale: è tripartita con portale in legno sormontato da una cornice e una lunetta con la Madonna in trionfo tra angeli. La cornice si compone di due colonne con architrave adorna di riccioli.
L'esterno verso il campanile presenta ancora tratti medievali, come la compatta base della torre e un bassorilievo raffigurante il Diavolo (XIV secolo).
L'interno è stuccato alla maniera barocca: importante è l'altare dell'Epifania. Il pulpito è in legno intagliato con elementi floreali; al di sopra vi è un'aquila. Tra le tele maggiori ci sono il ritratto di Scipione Cecere, l'Adorazione dei Magi e la tela di San Michele.
Il campanile è una torre quadrangolare decorata in modo barocco, sopra la cui cella campanaria vi è una lanterna di otto colonne che sorregge la cuspide a cupoletta.
  • Copia della Sacra Sindone. Si tratta di una storica copia della vera Sindone custodita a Torino. Nel XIX secolo una commissione voluta da Monsignor Giovanni Lanza si recò in Molise per effettuare indagini: questa era la terza copia storica della Sindone di Torino.
Secondo la storia la sindone fu commissionata nel 1594 da Carlo Emanuele I di Savoia. Il pittore avrebbe dovuto dipingere in ginocchio davanti alla vera sindone a Torino in segno di rispetto. Dopo la sua morte il Savoia dette in eredità la sindone a monsignor Riccardo di Bari. Nel XVIII secolo la copia rimase a custodia dei canonici della chiesa di santa Maria Assunta di Ripalimosani.
Nel XX secolo la fama della sindone iniziò ad essere nota in tutta Italia, e poi nel 2000, anno giubilare, in tutto il mondo. Vi è stata anche una esposizione a Siena.
Oggi la reliquia è conservata nella Chiesa madre di Ripalimosani.
  • Convento di San Pietro Celestino. Sì trova in contrada Colle Rosa e fu costruito come abbazia nel X secolo. Prende il suo nome dalla visita di Pietro da Morrone nel XIII secolo; oggi è gestito dai Missionari di Maria Immacolata.
Il complesso conserva la facciata antica in romanico abruzzese, con scarpate e bastioni alla base. Il portale è in bugnato rinascimentale. Il campanile è stato ricostruito nel Novecento.
L'interno ha tre navate con affreschi di Scipione Cecere, Santa Maria degli Angeli e la Madonna delle Grazie.
Di interesse è una bambola del Settecento raffigurante Maria bambina.
  • Palazzo marchionale Riccardo. In origine era un castello del X secolo, poi modificato in età barocca. Sorse come centro di controllo e non come struttura difensiva. Vi risiedevano per lo più i notai e i burocrati del centro.
Il palazzo è una struttura molto ricca: la parte esterna quadrangolare mostra ancora i segni del castello per quanto concerne i bastioni. Il cortile interno è decorato da arcate. Il portale principale è in stile cinquecentesco classico con architrave che porta una scritta latina.
All'interno vi sono le stanze nobili rimaste perfettamente conservate, con arredamento in rosso porpora. Vi è anche una cappella privata barocca, con altare decorato da una tela raffigurante la Madonna in trionfo.


Eventi e feste[modifica]

  • Festa Madonna della Neve e Palio (in località Quercigliole). Simple icon time.svg 11-12 agosto. Contemporaneamente alla processione con la statua della madonna trasportata nella chiesa madre, si tiene anche il Palio il giorno 12; una corsa a cavallo viene disputata dalle sei contrade del paese su un percorso di circa un chilometro dalla Contrada Quercigliole alla Cappella della Madonna della Neve.


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]


Come divertirsi[modifica]


Dove mangiare[modifica]

Prezzi medi[modifica]

  • Giglio Bar Ristorante Pizzeria, Contrada Taverna del Cortile, +39 0874 39393.
  • Colorado Ranch Ristorante, Contrada Fonte Longo, +39 0874 39239.
  • Il Picchio Rosso Ristorante Pizzeria, Contrada Iontapede 10, +39 0874 39930.
  • La Scaletta da Rino Ristorante Pizzeria, Via S. Michele.
  • La Tavernetta Ristorante Pizzeria, Contrada Pesco Farese, +39 0874 39858.
  • Le Quercigliole Ristorante Pizzeria, Contrada Quercigliole 5, +39 0874 39491.
  • Mizzica Guaranà Ristorante Pizzeria, Contrada Iontapede 95, +39 0874 39524.
  • Paradise Ristorante Pizzeria, Contrada Covatta, +39 0874 39528.


Dove alloggiare[modifica]

Prezzi modici[modifica]

  • 1 Hotel Palazzo Ducale, Piazza del Popolo, +39 0874 39691. Hotel 1 stella-->


Sicurezza[modifica]

Italian traffic signs - icona farmacia.svg Farmacia


Come restare in contatto[modifica]

Poste[modifica]


Nei dintorni[modifica]

  • Campobasso — La città vecchia si sviluppa su un colle attorno al castello in posizione dominante. La città moderna si è sviluppata nel piano. È il centro più popoloso del Molise, di cui è capoluogo regionale.


Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard contiene informazioni utili a un turista e dà un'informazione sommaria sulla meta turistica. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.