Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Pozzaglia Sabina
Veduta di Pozzaglia Sabina
Stato
Regione
Territorio
Altitudine
Superficie
Abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Patrono
Posizione
Mappa dell'Italia
Reddot.svg
Pozzaglia Sabina
Sito istituzionale

Pozzaglia Sabina è un centro del Lazio.

Da sapere[modifica]

Cenni geografici[modifica]

Nella Sabina del Lazio orientale, dista 20 km dal Lago del Turano, 40 da Rieti e da Tivoli.

Cenni storici[modifica]

Si sa che l'Abbazia di Farfa ne possedeva i territori nel IX secolo; nel 1297 il papa Urbano VI confisca Pozzaglia ai Colonna. Il paese subì una distruzione da parte di truppe romane nel 1360. Divenne feudo degli Orsini nel XV secolo per passare infine ai Borghese che la detennero fino alla abolizione della feudalità.

Dal XVIII secolo sale alla ribalta locale la famiglia Focolari, che detiene le cariche amministrative del paese fino al XXI secolo.

Come orientarsi[modifica]


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

Italian traffic signs - direzione bianco.svg

  • Aeroporto di Roma Ciampino
  • Aeroporto di Roma Fiumicino

In auto[modifica]

  • Autostrada A1 Italia.svg Autostrada del Sole A1:
  • da nord in direzione Roma, Grande Raccordo Anulare, Roma Nord, uscire a Fiano Romano, proseguire sulla SS 4 Salaria in direzione Rieti, attraversare Borgo Santa Maria, Osteria Nuova, Poggio Moiano, svoltare sulla SP 36 per entrare in Pozzaglia Sabina.
  • da sud percorrere l'autostrada del Sole A1 in direzione Roma, seguire poi la direzione L'Aquila, prendere l'autostrada A 24 Roma-L'Aquila, uscire a Vicovaro/Mandela, attraversare Vicovaro, Orvinio, svoltare sulla SP 36 in direzione Pozzaglia Sabina.
  • Da Rieti prendere la Salaria SS 4 Salaria, attraversare Case San Benedetto, Poggio Moiano, svoltare sulla SP 36 in direzione Pozzaglia Sabina.

In treno[modifica]

In autobus[modifica]

  • Italian traffic sign - fermata autobus.svg Autolinee Cotral [1]


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

Chiesa di Santa Maria del Piano
Campanile della chiesa di Santa Maria del Piano
  • Chiesa di San Nicola di Bari. Sopra l'altare si conserva un affresco rappresentante la Crocifissione realizzato nel XVI secolo. La chiesa custodisce le spoglie di Santa Ulpia Candidia Martire.
  • Abbazia di Santa Maria del Piano (Santa Maria di Pozzaglia). Venne eretta da Carlo Magno per celebrare la sua vittoria sui Saraceni che infestavano la zona.
  • Chiesa di Santo Stefano Protomartire (Santo Stefano di Pietraforte). È documentata in un inventario ecclesiastico reatino del 1252, ma l'aspetto odierno seicentesco è dovuto agli interventi dei Santacroce, feudatari dell'epoca.
L'interno è ad un'unica navata con soffitto a cassettoni. I tre altari sono circondati da finte colonne e sormontati da trabeazioni barocche.
Sull'altare principale è il quadro di scuola di Pietro da Cortona (di Raffaello Vanni da Siena) che raffigura sant'Elena che scopre la vera croce. Nei due altari secondari si conservano una Madonna del Rosario con Santi e un Martirio di Santo Stefano.
Sulle trabeazioni vi sono raffigurazioni floreali. In alcuni punti delle pareti delle finte metope e decorazioni a trecce celano altri disegni precedenti.
  • Chiesa di Sant'Antonio da Padova. Risale al 1655, quando era chiesa privata dei Bonanni, vassalli della rocca di Pietraforte. L'interno è ad un'unica navata con soffitto a capriate e pareti a mattoncini posti ad arte popolare. Sull'altare vi è una raffigurazione barocca a motivi floreali.
Nella parete dell'altare si trovano una lapide votiva con lo stemma dei Bonanni e una nicchia con la statua seicentesca di Sant'Antonio da Padova.
  • Chiesa di Santa Maria dei Casali. Ne sono rimasti dei resti.
  • Ruderi del Castello di Ofiano.
  • Archi. Nel borgo si posso vedere due archi a sesto acuto di forma irregolare. L'arco di ingresso all'ex castello è della prima metà del Cinquecento, ma modificato dai Santacroce.
L'arco di ingresso al Borgo (detto anche "La Porta") è stato fatto costruire da Valerio Santacroce nella prima metà del XVII secolo come attesta lo stemma sulla volta.


Eventi e feste[modifica]

  • Sagra patronale di Santa Ulpia Candidia Martire. Simple icon time.svg martedì dopo Pentecoste.
  • Festa di Santa Agostina Pietrantoni, patrona degli infermieri. Simple icon time.svg seconda domenica di novembre. Per l'occasione si recano alla celebrazione di Pozzaglia da diverse parti d'Italia.


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]


Come divertirsi[modifica]


Dove mangiare[modifica]

Prezzi medi[modifica]

  • 1 Pizzeria Qualità e Cortesia, Via Roma, +39 0765 934058.
  • Bar Curti Fernando, Via Principe Borghese, 6.


Dove alloggiare[modifica]


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]

Poste[modifica]


Nei dintorni[modifica]

  • Lago del Turano — Si distende ai piedi del Monte Navegna (1506 m), una riserva naturale coperta di boschi, ed è caratterizzato dalla presenza sulle sue rive di antichi paesi e castelli che si specchiano nelle limpide acque ricche di molte specie di pesci che raggiungono dimensioni considerevoli: un vero paradiso per i pescatori che affollano numerosi le sue rive.
  • Rieti — Ritenuta dagli autori dell'età classica il centro geografico d'Italia (Umbilicus Italiae) fu fondata all'inizio dell'età del ferro e divenne un'importante città dei Sabini; ancora oggi il suo territorio viene identificato come "Sabina".
  • Tivoli — Alle porte della città si trovano due siti patrimonio dell'umanità UNESCO: la romana Villa Adriana e la rinascimentale Villa d'Este.

Itinerari[modifica]

  • Santuari francescani nella Piana reatina — Un percorso di natura, fede ed arte nella Sabina attraversata da San Francesco, per visitare i quattro Santuari della Valle Santa: Greccio, Poggio Bustone, La Foresta, Fonte Colombo.


Altri progetti

  • Collabora a Wikipedia Wikipedia contiene una voce riguardante Pozzaglia Sabina
  • Collabora a Commons Commons contiene immagini o altri file su Pozzaglia Sabina
1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard contiene informazioni utili a un turista e dà un'informazione sommaria sulla meta turistica. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.