Scarica il file GPX di questo articolo
Tematiche turistiche > Destinazioni a tema > Patrimoni mondiali dell'umanità > Patrimoni mondiali dell'umanità in Svizzera

Patrimoni mondiali dell'umanità in Svizzera

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Questa è la lista dei Patrimoni mondiali dell'umanità presenti in Svizzera al 2017.

Introduzione[modifica]

Logo UNESCO
Bandiera nazionale

La Svizzera ha accettato la Convenzione UNESCO per i Beni dell'Umanità il 17 settembre 1975.

Lista dei patrimoni dell'umanità[modifica]

Sito Anno Tipo Criteri Descrizione Immagine
1 Centro storico di Berna 1983 Culturale (iii) Fondata nel XII secolo su un sito collinare e circondata dal fiume Aare, Berna si è sviluppata nel corso dei secoli in linea con un concetto di pianificazione estremamente coerente. Gli edifici della città vecchia, che risalgono a vari periodi, includono portici del XV secolo e fontane XVI secolo. La maggior parte della città medievale è stata restaurata nel XVIII secolo, ma ha mantenuto il suo carattere originale. Bern luftaufnahme-2num.jpg
2 Abbazia di San Gallo 1983 Culturale (ii)(iv) L'abbazia di San Gallo, un perfetto esempio di un grande monastero carolingio, fu dall'VIII secolo fino alla sua secolarizzazione nel 1805, uno dei più importanti d'Europa. La sua biblioteca è una delle più ricche e più antiche del mondo e contiene preziosi manoscritti, come il primo, noto progetto architettonico disegnato su pergamena. Dal 1755 al 1768, l'area conventuale fu ricostruita in stile barocco. La cattedrale e la biblioteca sono le caratteristiche principali di questo straordinario complesso architettonico, che riflettono 12 secoli di attività ininterrotta. St-gall-interior-cathedral.jpg
3 Convento benedettino di San Giovanni a Müstair 1983 Culturale (iii) Il convento di Müstair, che sorge in una valle dei Grigioni, è un buon esempio di rinnovamento monastico cristiano in epoca carolingia. Ha la più grande serie in Svizzera di murales dipinti figurativi (~800 d.C.), con affreschi romanici e stucchi. Benediktinerkloster St. Johann.JPG
4 I tre castelli e la cinta muraria di Bellinzona 2000 Culturale (iv) Il sito Bellinzona è costituito da un gruppo di fortificazioni raggruppate intorno al castello di Castelgrande, che sorge su un picco roccioso che si affaccia su tutta la valle del Ticino. Dal castello partono una serie di mura fortificate un tempo atte a proteggere l'antica città, bloccando il passaggio attraverso la valle. Un secondo castello (Montebello) costituisce parte integrante delle fortificazioni, mentre un terzo, ma separato, castello (Sasso Corbaro) è stato costruito su un isolato promontorio roccioso a sud-est delle altre fortificazioni. Castelgrande.JPG
Alpi svizzere: 5 Jungfrau-6 Aletsch-7 Bietschhorn 2001, 2007 Naturale (vii)(viii)(ix) Il patrimonio mondiale naturale di Jungfrau-Aletsch-Bietschhorn (iscritto inizialmente nel 2001), si espande ad est e ad ovest, portando la sua superficie da 53.900 a 82.400 ettari. Il sito fornisce un eccellente esempio di formazione di alta montagna, tra cui la parte più ghiacciata della catena montuosa e il più grande ghiacciaio in Eurasia. È dotato di una grande diversità di ecosistemi, comprese le fasi successive dovute in particolare alla ritirata dei ghiacciai derivanti dal cambiamento climatico. Il sito è di eccezionale valore universale, sia per la sua bellezza che per la ricchezza di informazioni che contiene circa la formazione delle montagne e ghiacciai, così come il cambiamento climatico in atto. Ha anche un valore inestimabile in termini di processi ecologici e biologici che illustra, in particolare attraverso un piano di successione. L'imponente paesaggio ha svolto un ruolo importante nell'arte, letteratura, alpinismo e turismo alpino in Europa. Aletschgletscher.jpg
8 Monte San Giorgio 2003, 2010 Naturale (viii) Il Monte San Giorgio, una montagna boscosa a forma di piramide vicino al Lago di Lugano, è considerato come la miglior raccolta di fossili di vita marina del Triassico (245-230.000.000 di anni fa). Questi reperti sono una testimonianza di vita in un ambiente di laguna tropicale, riparata e parzialmente separata dal mare aperto da una barriera corallina al largo. Diverse forme di vita marina fiorirono all'interno di questa laguna, tra cui rettili, pesci, bivalvi, ammoniti, echinodermi e crostacei. Poiché la laguna era vicino alla terraferma, tra i resti si trovano anche fossili terrestri di rettili, insetti e piante, con una conseguente ricchissima fonte di fossili. Lake Lugano.jpg
9 Lavaux, terrazze vinicole 2007 Culturale (iii)(iv)(v) I vigneti terrazzati del Lavaux, che si estende per circa 30 km lungo le sponde settentrionali esposte a sud del lago di Ginevra dal Castello di Chillon alla periferia orientale di Losanna nella regione vodese, coprono le pendici della montagna tra i villaggi e il lago. Anche se vi è qualche evidenza che le viti sono state coltivate nella zona in epoca romana, le attuali terrazze di vite possono essere fatte risalire all'XI secolo, quando i monasteri benedettini e cistercensi controllavano la zona. Si tratta di un eccellente esempio di interazione secolare tra le persone e il loro ambiente, sviluppata per ottimizzare le risorse locali in modo da produrre un vino molto apprezzato che è sempre stato importante per l'economia. Lake Geneva Lavaux.jpg
10 Arena tettonica di Sardona 2008 Naturale (viii) L'arena tettonica svizzera di Sardona nella parte nord-orientale del Paese si estende su una zona montuosa di 32.850 ettari che dispone di sette vette che si innalzano al di sopra di 3.000 m. L'area mostra un eccezionale esempio di formazioni montane attraverso la collisione e le caratteristiche continentali. Eccellenti sezioni geologiche attraverso la spinta tettonica, ossia il processo per cui le rocce più anziane e profonde vengono trasportate sulle rocce più giovani e superficiali. Il sito si distingue per la chiara esposizione tridimensionale delle strutture e dei processi che caratterizzano questo fenomeno ed è stato un luogo chiave per le scienze geologiche fin dal XVIII secolo. Le Alpi Glaronesi sono montagne ghiacciate che si innalzano in modo impressionante sopra strette valli fluviali e sono il sito della più grande frana post-glaciale nella regione centrale alpina. Ringelspitz from Calanda.jpg
11 Ferrovia retica nel paesaggio dell'Albula e del Bernina 2008 Culturale (ii)(iv) La ferrovia retica nel paesaggio di Albula/Bernina, mette insieme due linee ferroviarie storiche che attraversano le Alpi svizzere attraverso due passaggi. Inaugurata nel 1904, la linea dell'Albula nella parte nord occidentale del territorio è lunga 67 km. È dotata di una serie impressionante di strutture tra cui 42 tunnel e gallerie coperte e 144 viadotti e ponti. La linea Bernina lunga 61 km, dispone di 13 tunnel e gallerie e 52 viadotti e ponti. La proprietà è esemplare l'uso della ferrovia per superare l'isolamento degli insediamenti nelle Alpi centrali all'inizio del XX secolo, con un importante e duraturo impatto socio-economico della vita in montagna. Esso costituisce un eccezionale complesso tecnico, architettonico e ambientale e incarna realizzazioni di ingegneria di architettura e civile, in armonia con il paesaggio attraverso il quale passano. RhB Ge 4-4 III UNESCO Weltkulturerbe auf Landwasserviadukt showing the tunnel.jpg
Pianificazione urbana di 12 La Chaux-de-Fonds/13 Le Locle 2009 Culturale (iv) Il sito delle città orologiaie di La Chaux-de-Fonds e Le Locle è costituito da queste due città situate l'una vicino all'altra in un ambiente remoto nel Giura svizzero, su un terreno poco adatto all'agricoltura. La loro pianificazione e gli edifici riflettono il bisogno di un'organizzazione razionale degli orologiai. Progettate agli inizi del XIX secolo, dopo vasti incendi, le città dovevano la loro esistenza a questo singolo settore. La loro disposizione lungo un sistema aperto di strisce parallele su cui sono mescolate edilizia residenziale e commerciale, rispecchia le esigenze della cultura orologiaia locale che risale al XVII secolo ed oggi ancora viva. Il sito presenta esempi notevoli di produzione cittadina mono-industriale, che sono ben conservati e ancora attivi. La pianificazione urbana delle due città ha ospitato il passaggio dalla produzione artigianale a domicilio verso una produzione di fabbrica più concentrata della fine secoli XIX e XX. La città di La Chaux-de-Fonds è stata descritta da Karl Marx come una "grande città-fabbrica" ne "Il Capitale" dove ha analizzato la divisione del lavoro nell'industria orologiaia del Giura. Le Locle Ref Kirche.jpg
14 Siti palafitticoli preistorici attorno alle Alpi 2011 Culturale (iv)(v) Questa serie di 111 piccoli siti individuali comprende i resti di preistorici insediamenti a palafitte, dentro e intorno le Alpi, costruite circa dal 5000 al 500 a.C. sui bordi dei laghi, fiumi o paludi. Gli scavi, condotti solo in alcuni dei siti, hanno fornito testimonianze che permettono di comprendere la vita in epoca preistorica durante il Neolitico e nell'Età del Bronzo, nell'Europa alpina e il modo con cui le comunità interagivano col loro ambiente. 56 di questi siti si trovano in Svizzera. Gli insediamenti sono un gruppo unico di siti archeologici eccezionalmente ben conservati e culturalmente ricchi, che costituiscono una delle fonti più importanti per lo studio delle prime società agrarie della regione. Tauchbasis Sutz-Lattrigen 02 11.jpg
L'opera architettonica di Le Corbusier, un contributo eccezionale al Movimento Moderno:
  • 15 Villa Le Lac
  • 16 Immeuble Clarté
2016 Culturale (i)(ii)(vi) Scelti dal lavoro di Le Corbusier, i 17 siti che comprendono questa proprietà seriale transnazionale sono distribuiti in sette paesi e sono una testimonianza dell'invenzione di un nuovo linguaggio architettonico che ha fatto una rottura con il passato. Furono costruiti in un periodo di mezzo secolo, nel corso di ciò che Le Corbusier descrisse come "ricerca paziente". Il Complexe du Capitole a Chandigarh (India), il National Museum of Western Art, Tokyo (Giappone), la House of Dr Curutchet a La Plata (Argentina) e l'Unité d'habitation a Marsiglia (Francia) riflettono le soluzioni che il movimento moderno ha cercato di applicare nel corso del XX secolo alle sfide di inventare nuove tecniche architettoniche per rispondere ai bisogni della società. Questi capolavori del genio creativo attestano anche l'internazionalizzazione della pratica architettonica in tutto il pianeta. Geneve immeuble Clarte 2011-08-02 13 55 36 PICT3664.JPG
Legenda Unesco
(i) Rappresentare un capolavoro del genio creativo dell'uomo.
(ii) Mostrare un importante interscambio di valori umani in un lungo arco temporale o all’interno di un'area culturale del mondo, sugli sviluppi dell'architettura, nella tecnologia, nelle arti monumentali, nella pianificazione urbana e nel disegno del paesaggio.
(iii) Essere testimonianza unica o eccezionale di una tradizione culturale o di una civiltà vivente o scomparsa.
(iv) Costituire un esempio straordinario di una tipologia edilizia, di un insieme architettonico o tecnologico o di un paesaggio che illustri uno o più importanti fasi nella storia umana.
(v) Essere un esempio eccezionale di un insediamento umano tradizionale, dell’utilizzo di risorse territoriali o marine, rappresentativo di una cultura (o più culture) o dell’interazione dell’uomo con l’ambiente, soprattutto quando lo stesso è divenuto per effetto delle trasformazioni irreversibili.
(vi) Essere direttamente o materialmente associati con avvenimenti o tradizioni viventi, idee o credenze, opere artistiche o letterarie dotate di un significato universale eccezionale.
(vii) Presentare fenomeni naturali eccezionali o aree di eccezionale bellezza naturale o importanza estetica.
(viii) Costituire una testimonianza straordinaria dei principali periodi dell’evoluzione della terra, comprese testimonianze di vita, di processi geologici in atto nello sviluppo delle caratteristiche fisiche della superficie terrestre o di caratteristiche geomorfiche o fisiografiche significative.
(ix) Costituire esempi significativi di importanti processi ecologici e biologici in atto nell’evoluzione e nello sviluppo di ecosistemi e di ambienti vegetali e animali terrestri, di acqua dolce, costieri e marini.
(x) Presentare gli habitat naturali più importanti e significativi, adatti per la conservazione in situ della diversità biologica, compresi quelli in cui sopravvivono specie minacciate di eccezionale valore universale dal punto di vista della scienza o della conservazione.

Altri progetti