Scarica il file GPX di questo articolo
Europa > Penisola iberica > Spagna > Isole Canarie > Lanzarote

Lanzarote

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search
Lanzarote
Weinbau auf Lanzarote.jpg
Localizzazione
Lanzarote - Localizzazione
Bandiera
Lanzarote - Bandiera
Stato
Regione
Superficie
Abitanti
Sito del turismo
Sito istituzionale

Lanzarote è una delle Isole Canarie, la più vicina alla costa africana, trovandosi nell’estrema parte a nord est dell’arcipelago. Il suo nome deriva da quello del mercante e navigatore ligure Lanzerotto Malocello.

Da sapere[modifica]

Lanzarote - Paesaggio con campi di cactus

Situata a nord di Fuerteventura, Lanzarote è la più orientale e anche la più settentrionale delle Canarie. Alla sua estremità nord-occidentale sta l'isolotto di "La Graciosa".

Quarta dell'arcipelago per estensione, Lanzarote è un'isola di origine vulcanica dai paesaggi drammatici. Lava e rocce vulcaniche dalle forme fantasiose ne ricoprono il terreno.

Quando andare[modifica]

 Clima gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic
 
Massime (°C) 21 22 23 23 23 25 28 29 29 27 25 20
Minime (°C) 14 14 14 15 16 18 20 21 20 19 17 15
Precipitazioni (mm) 24 14 15 6 2 0 0 0 2 7 12 27
Temp. acqua (°C) 19 18 18 18 19 20 21 22 23 23 21 20

Lanzarote si trova nella zona degli alisei, il che significa il vento spira tutto l'anno prevalentemente da nord-est. Il clima di Lanzarote si mantiene relativamente costante e gradevole nel corso dell'anno con una temperatura media annuale intorno ai 21 °C. Durante i mesi estivi, da giugno a settembre, la temperatura massima media può arrivare anche a 32 °C, anche se abbastanza raramente, mentre nelle ore notturne si mantiene attorno ai 20 °C. D'inverno le massime si aggirano tra i 15 e i 25 °C, per poi scendere fino a 14 °C nelle ore notturne, scendendo raramente sotto questo limite.

Per via della sua particolare orografia, la maggior parte della pioggia cade nella metà nord-occidentale dell'isola, incluso il massiccio del Famara, lasciando la restante metà tendenzialmente asciutta.


Territori e mete turistiche[modifica]

Centri urbani[modifica]

La piscina al "Jameos del Agua"
El Diablo — Effigie creata dall'artista Cesar Manrique all'ingresso del Parco nazionale Timanfaya
  • Arrecife — Capoluogo dell'isola dalla metà del XIX secolo, sorge sulla costa orientale di fronte al Marocco. Il nucleo originale sorge intorno al "Charco de San Gines", una laguna che crea un tranquillo porticciolo naturale. L'architettura è omogenea caratterizzata da case bianche, forti scuri e bassi e chiese con campanili di roccia vulcanica. Entrando in città da sud però si incontra l'incongrua mole del moderno Grand Hotel, un vero e proprio grattacielo considerate le dimensioni (20 piani). Il traffico è limitato ma i numerosi sensi unici e la severità della polizia locale suggeriscono di parcheggiare appena possibile e girare il piccolissimo centro a piedi. Interessanti da visitare il castello di San Gabriel, la fortezza di San José (sede del museo di Arte contemporanea).

A sud di Arrecife

  • Playa Blanca — Ex villaggio di pescatori, Playa Blanca è il centro balneare più moderno e sviluppato con un ininterrotto susseguirsi di spiagge che arrivano fino a capo Papagayo, estrema punta meridionale di Lanzarote. Il senso di artificialità è estremo, l'eccessiva aspettativa turistica e la crisi edilizia hanno reso le zone residenziali (urbanizaciones) più distanti dal mare dei cantieri abbandonati.
  • Puerto del Carmen — Raggiungibile dal capoluogo, tramite una diramazione della strada principale per Playa Blanca, Puerto del Carmen è il maggior centro balneare di Lanzarote insieme a Las Playas. L'estensione è notevole, ma si tratta di una cittadina "artificiale" sorta per fini turistici; oltre alla zona del porticciolo si trovano solamente complessi residenziali e qualche tratto animato del lungomare che inizia dal porticciolo ad ovest fino all'estremità est con l'ampia spiaggia scura di Los Pocillos (circa 5 km). La zona balneabile più curata è Playa Grande.
  • Uga — Villaggio sulla strada principale per Playa Blanca che si incontra dopo aver attraversato la regione viticola di "La Geria".
  • Yaiza — Maggior centro del meridione dell'isola, Yaiza costituisce la base per escursioni al Parco nazionale Timanfaya nonché alla baia "El Golfo" sul versante occidentale, residuo di un antico cratere in gran parte sommerso.

A nord di Arrecife

  • Arrieta — 5 km a nord di Mala si incontra Arrieta, località famosa per la spiaggia di "La Garita", fatta di rocce basaltiche.
  • Costa Teguise — Residenza Real de La Mareta: casa sulla costa utilizzata dal re Husein I di Giordania e restaurata da César Manrique. Fu donata dal re giordano alla famiglia reale spagnola. Situata in un punto strategico per raggiungere con ogni mezzo, dai Quad alle biciclette, tutte le zone più affascinanti dell isola. Le spiagge di alto livello e perfette per il relax e per godersi viste davvero uniche al mondo.
  • Famara — Considerata una delle migliori spiagge di Lanzarote, Famara è un arenile dorato della costa occidentale a breve distanza da Teguise. Una bellissima spiaggia di sabbia del deserto con un mare agitato e con correnti pericolose, è molto sorvegliata per evitare che i bagnanti vadano oltre le zone delimitate per il bagno.
  • Guatiza — L'attrazione principale del villaggio di Guatiza è il "Jardín de Cactus", una delle molte creazioni di César Manrique. La spiaggia di Guatiza è "Los Cocoteros" a 3 km.
  • Haria — La maggiore attrattiva di Haria è la valle de las mil palmeras, un palmeto molto più fitto nei tempi passati. Uscendo dalla valle verso sud la strada passa per lo spettacolare "Mirador de Haria".
  • Mala — 3 km a nord di Guatiza, sta il villaggio di Mala con le scogliere di Charco del Palo dove sono state create piccole zone balneabili costruendo piccole dighe.
  • Orzola — Alla punta settentrionale di Lanzarote, punto terminale della strada, Orzola è un porticciolo dal quale salpano i battelli diretti alla piccola isola di La Graciosa. Nei suoi pressi si trova la Playa de la Cantería, altrimenti nota come "La Playa de Atrás", preferita da quanti praticano il surf; poche centinaia di metri prima di raggiungere il paese si trova invece la spettacolare insenatura balneabile di Charca de la Novia (o Caleton Blanco) dove la sabbia bianchissima contrasta il nero delle rocce laviche.
  • Tahiche — 5 km a nord di Arrecife, Tahiche fu la residenza di César Manrique (1919—1992), scultore e pittore che ideò il Jameos del Agua.
  • Teguise — Chiamata anche "La Villa" fu la prima colonia spagnola sul suolo delle Canarie ed è stata la capitale di Lanzarote fino al 1847. La visita è d'obbligo, una cittadina di collina tranquilla con palazzi nobiliari e chiese biancheggianti tra le verdi piazzette ed il nero del terreno lavico. Su un cratere appena fuori Teguise domina la città il "Castillo Santa Barbara". L'antica capitale si anima la domenica mattina grazie al frequentato mercato settimanale.

Altre destinazioni[modifica]

  • Guinate Tropical Park — Situato nella parte nord dell'isola, ai piedi del vulcano Corona, il parco tropicale di Guinate copre una superficie di 45000 mq. Contiene oltre 1300 tra uccelli e animali esotici, conservati in gabbie immerse nel verde in ambientazioni con cascatelle, giardini e laghetti.
  • Jameos del Agua & Cueva de los Verdes — Tunnel lavici formatisi in seguito alle eruzioni del vicino vulcano "Corona". L'artista Cesar Manrique intervenne sul Jameos del Agua creando un'area con terrazze ed una piscina (non balneabile) che oggi figura tra le prime attrazioni turistiche di Lanzarote. Vi si trova anche un anfiteatro scavato nella roccia lavica.
  • La Geria — È la zona interna dell'isola dedicata alla produzione del vino. È la più grande regione vinicola delle Isole Canarie. Protette dall'Aliseo nord-orientale che soffia in continuazione, vi crescono le viti di malvasia e di moscato in imbuti di cenere lavica con una profondità fino a 2 metri e circondate da pietre naturali. Uno spettacolo formidabile.
  • Los Hervideros — Situato a sud-ovest dell'isola, vicino a El Golfo. In questo punto della costa onde gigantesche colpiscono incessantemente la scogliera lavica. Nel tempo hanno creato all'interno della scogliera un dedalo di cunicoli e gallerie, nei quali l'acqua si insinua impetuosamente creando uno spettacolo formidabile per i visitatori che possono osservare dall'alto tramite un sentiero percorribile a piedi.
  • Monumento Natural De Los Ajaches — A est di Playa Blanca si trova questa riserva naturale al suo interno la famosa Playa de Papagayo e anche molte altre stupende spiagge, tutte indicate dalla segnaletica. Le strade sono sterrate ma ben battute. L'ingresso è a pagamento, 3€ per automobile. Ci sono parcheggi in prossimità delle spiagge, gli unici locali sono sulla sommità di Playa da Papagayo. Alcune spiagge specialmente le più nascoste sono frequentate da nudisti.
  • Parco Naturale del Chinijo — Il Parco naturale del Chinijo, a nord di Lanzarote, con i suoi 700 chilometri quadrati è la Riserva Marina più grande d’Europa. Comprende gli isolotti del nord di Lanzarote (La Graciosa, Alegranza, Montaña Clara, Roque del Este, Roque del Oeste), il dirupo di Famara, e l'estensione di sabbia della parte nord de l'isola.
  • Parco nazionale Timanfaya — Un luogo dai paesaggi lunari il cui terreno fu coperto da colate laviche durante l'eruzione iniziata nel 1730 e durata sei anni. L'escursione nel parco si compie con carovane di cammelli a partire da un parcheggio vicino a Yaiza, oppure in pullman dalla zona sommitale dove c'è il centro visitatori ed il ristorante "El Diablo" dove si cucina sfruttando il calore del vulcano. "Montañas del Fuego" è una zona del parco.
Lanzarote: Playa Blanca
Lanzarote - Mirador del Rio


Come arrivare[modifica]

L'aeroporto di Lanzarote fotografato nel maggio del 2006

In aereo[modifica]

L'aeroporto internazionale di Lanzarote (ACE) sta pochi km a sud del capoluogo ed è diviso in due terminal. L’aeroporto è anche conosciuto sull’isola con il nome di Guacimeta ed è compreso nel municipio di San Bartolomeo. Voli da Milano-Malpensa erano effettuati al 2009 dalla compagnia Spanair. Ora il capoluogo lombardo è collegato all'isola dall'aeroporto di Bergamo Orio al Serio, con voli Ryanair.

Altri voli di linea da aeroporti europei erano operati sempre nell'anno 2009 dalle linee aeree riportate di seguito:

I collegamenti aerei con altre isole delle Canarie sono assicurati da Binter Canarias e Islas Airways

In nave[modifica]

Le due località di Playa Blanca e Corralejo sull'isola di Fuerteventura sono collegate da un servizio regolare di traghetti gestito dalla Fred Olsen. La traversata dura 45 minuti. La compagnia gestisce anche un servizio gratis di autobus da Puerto del Carmen.

È possibile imbarcarsi per le Canarie raggiungendo il porto di Cadice a sud-ovest della Spagna da cui partono le navi della linea Trasmediterranea, che – dopo circa due giorni di navigazione – attraccano in vari porti delle Canarie, tra cui quello di Arrecife. Se intendete imbarcare l’auto a Cadice, assicuratevi di aver effettuato la prenotazione con largo anticipo.

Come spostarsi[modifica]

Con mezzi pubblici[modifica]

Il trasporto pubblico extraurbano si limita ad una serie di linee di autobus (localmente chiamati guaguas) ed è effettuato dalla compagnia di autobus Reff, che collega quasi tutte le città dell’isola, l’aeroporto e il porto di Playa Blanca (estremo sud) e Orzola (estremo nord) con Arrecife (la capitale). Arrecife dispone di un servizio di trasporto pubblico urbano, gestito dagli autobus urbani comunali.

In taxi[modifica]

Tutti i maggiori centri urbani e le principali località residenziali – per non parlare della zona dell’aeroporto – dispongono di un numero di taxi in grado di rispondere adeguatamente alle esigenze dei turisti. I prezzi delle varie compagnie di taxi sono buoni, e per alcune tratte c’è la possibilità di mettersi d’accordo col tassista per il pagamento di una quota fissa. La tariffa per arrivare dall'aeroporto alla capitale è circa 10 €. Il numero per chiamare il servizio Radio Taxi h24 di Lanzarote è 928803104.

In auto[modifica]

Per spostarsi a Lanzarote conviene noleggiare un’automobile, che rappresenta sicuramente il mezzo più indicato sull’isola sia dal punto di vista della comodità che della sicurezza. Lanzarote, infatti, ha strade perfette e ben tenute che permettono una perfetta circolazione a qualunque mezzo, ma i forti venti rendono difficoltoso l’utilizzo di biciclette, moto e scooter per girarla interamente. Sono presenti in gran numero agenzie di autonoleggio (Alquiler de coches) ed i prezzi sono buoni; è comunque consigliabile affittare la macchina già dall’Italia. La principale via di collegamento di Lanzarote parte da Orzola e arriva a Playa Blanca con la capitale Arrecife nel mezzo. Questa autostrada si suddivide in 3 segmenti:

  • LZ1 Collega Arrecife con Orzola passando per Tahiche, Arrieta e Punta Mujeres.
  • LZ2 Collega Arrecife con Playa Bianca passando per Playa Honda,Tias e Yaiza.
  • LZ3 Collega ad anello la capitale Arrecife.

In bicicletta[modifica]

In alcune località è possibile noleggiare biciclette. Esplorare l'isola con questo mezzo è un'interessante alternativa avvantaggiata anche dal clima molto mite, dalle strade poco trafficate e, per la maggior parte, pianeggianti.

In nave[modifica]

Il noleggio di una barca permette di apprezzare al meglio la bellezza dei paesaggi, il mare e le zone costiere dell’isola di Lanzarote. Noleggiare l’imbarcazione più adatta alle proprie esigenze è solo una questione di scelta: si può spaziare dai motoscafi alle barche a vela di ogni tipo; dagli yachts ai catamarani, e così via. Naturalmente c’è anche la possibilità di prenotare dei posti per un’escursione giornaliera in mare, oltre che di noleggiare una barca per diversi giorni. Il noleggio della barca può essere effettuato in una qualunque delle località costiere di Lanzarote, in particolare ad Arrecife, il maggiore porto dell’isola, a Puerto del Carmen, a Puerto Calero ed al porto sportivo di Marina Rubicòn, a sud dell’isola.

Cosa vedere[modifica]

Parco nazionale Timanfaya
  • 1 Parco nazionale Timanfaya (Parque nacional de Timanfaya) (Yaiza), +34 928 840056. Ecb copyright.svg Adulti €8, minori tra i 7 e i 12 anni €4. Simple icon time.svg Tutti i giorni dalle 09:00 alle 19:00. In estate (dal 15 luglio al 15 settembre): dalle 09:00 alle 17:45. Parco nazionale vulcanico, sorto in seguito alle violente eruzioni che interessarono l'isola tra il 1730 e il 1736. Il parco continua a mantenere la propria attività vulcanica, nonostante ora si trovi in uno stato di quiescenza. La figura rappresentativa del parco è la statua "El Diablo", simbolo di fertilità e virilità. È consigliabile raggiungere la zona in bus, e non con mezzi propri. La scarsità di posti macchina potrebbe tramutarsi in una spiacevole e prolungata attesa. Parco nazionale Timanfaya su Wikipedia "parco nazionale Timanfaya" su Wikidata
El Golfo, vista sul Lago Verde
  • 2 Lago Verde (El Golfo). Sulla costa occidentale di Lanzarote si trova una delle meraviglie naturali più belle dell'isola: El Golfo. Un cratere che si è formato direttamente sulla costa. Il margine del cratere che dà sul mare è stato quasi completamente distrutto dall'acqua. Nel cratere si è formata una laguna brillante di colore verde olivina (pietra tipica del luogo), il Charco de los clicos, separata dall'oceano da una spiaggia nera. Il colore particolare delle sue acque è dovuto alla presenza di micro-organismi al suo interno. Il bagno non è permesso. "El Golfo" su Wikidata
  • 3 grotta dei Jameos del Agua (los Jameos del Agua), Carretera de Orzola, Haría, +34 928 848020. Ecb copyright.svg Adulti €9, minori tra i 7 e i 12 anni €7,20. Tariffe maggiormente scontate per i residenti alle Canarie. Simple icon time.svg Tutti i giorni dalle 10:00 alle 18:30. Il sabato dalle 10:00 alle 22:00. Gli Jameos del Agua si compongono di una grotta che ospita al suo interno uno spettacolare lago naturale, collegato al mare. Qui vive una specie endemica, popolarmente chiamata gli jameitos; si tratta di piccoli granchi, albini e ciechi, appartenenti alla specie Munidopsis polymorpha. "Punta Usaje" su Wikidata
  • 4 Cueva de Los Verdes (Cueva de Los Verdes), Carretera de Orzola, Haría. Ecb copyright.svg Adulti €9, minori tra i 7 e i 12 anni €7,20. Tariffe maggiormente scontate per i residenti alle Canarie. Simple icon time.svg Tutti i giorni dalle 10:00 alle 19:00, ultima visita guidata ore 18. Inaugurata nel 1964 e lunga circa 1km è un tunnel lavico prodotto dall'eruzione del vulcano la Corona 5000 anni fa. Una delle gallerie più ampie ospita un auditorium, con capacità di mille persone, nel quale si celebrano in forma sporadica diverse manifestazioni musicali. Cueva de los Verdes su Wikipedia "Cueva de los Verdes" su Wikidata
  • 5 Jardín de Cactus, +34 928 529 397. Ecb copyright.svg 5.50€. Simple icon time.svg Lun-Dom 10:00-17:45. A Guatiza si trova un altro dei capolavori di Manrique: il giardino di lava nera dove spuntano 9700 piante di cactus di ogni forma e dimensione (1420 specie diverse), provenienti da Perù, Messico, Cile, USA, Kenya, Tanzania, Madagascar, Marocco e Isole Canarie, situati in un enorme anfiteatro di roccia vulcanica. All'interno è presente anche un bar caffetteria. "Jardín de Cactus" su Wikidata
  • 6 Fundación César Manrique. A Taro de Tahiche si trova la Fondazione César Manrique di Lanzarote che prende il nome dall'artista che qui costruì la sua casa studio. La struttura dell'edificio è molto suggestiva, poiché si estende su una colata lavica ed è stata costruita sfruttando lo spazio di cinque bolle vulcaniche naturali. In quella centrale è possibile visitare una bella area relax con piscina, sala da pranzo, forno, barbecue. "Fundación César Manrique" su Wikidata
  • Casa Monumento al Campesino. Il monumento al campesino è situato al centro di Lanzarote, vicino Mozaga, nel municipio di San Bartolomè, è formato da una serie di edifici ispirati ai principi dell’architettura tradizionale di Lanzarote, inglobando gli elementi tradizionali delle varie zone dell’isola, fu progettato de Cesar Manrique e realizzato dal suo collaboratore Jesus Soto. "Monumento al Campesino" su Wikidata
  • Museo Agrìcola el Patio. Presso la località di Echedey si trovi un museo dedicato esplicitamente all'agricoltura e al mondo rurale della coltivazione diretta, una fondamentale risorsa per il popolo lanzaroteno. È interessante in particolar modo vedere l’aspetto più prettamente antropologico della civiltà basata sulla agricoltura, con due mulini di farina, un vigneto e recinti per animali riprodotti secondo la più tipica architettura agricola. Anche la casa famigliare è riprodotta in ogni dettaglio, in modo tale da offrire una “immersione totale” nel mondo ormai quasi del tutto perduto della produzione naturale secondo i ritmi delle stagioni e della vita.
  • 7 Castello di Santa Barbara. Il vulcano di Guanapay, alle cui pendici sorge Teguise, ospita sulla sua vetta il Castello di Santa Barbara. Costruito nel 16° secolo come torre di avvistamento per le coste vicine. La storia di questa costruzione è costellata di invasioni da parte di pirati e corsari. Dal 1991 il castello è stato adibito a museo dedicato agli emigranti canariensi in America. Castello di Guanapay su Wikipedia "Castello di Guanapay" su Wikidata
  • 8 Salinas de Janubio. Le Salinas de Janubio si trovano nella zona sud-ovest di Lanzarote, vicino al villaggio di Yaiza. Si tratta delle più grandi saline di Lanzarote ancora attive con il sostegno della UE che le hanno dichiarate area naturale protetta. Hanno un grande valore paesaggistico ed ecologico, per la complessità e l'originalità della loro architettura e la complessità dei sistemi idraulici. "Salinas de Janubio" su Wikidata
  • Museo LagOmar. Casa appartenuta ad Omar Sharif, da visitare per la perticolarità della realizzazione e le soluzioni architettoniche applicate.
  • Casa José Saramago. Nella cittadina di Tías si trova la Casa del famoso scrittore portoghese e Premio Nobel per la letteratura José Saramago.
  • Museo de la Pirateria. All'interno del Castillo de Santa Barbara si trova il museo della pirateria. Molto interessante la visita al castello e il suo panorama.
  • Bodega El Grifo. Si trova a San Bartolomè ed è la cantina piu antica dell'isola. Comprende un moseo sul vino con possibilità di degustazione.
  • Atlantic Museum. Di fronte alle coste di Playa Blanca si trova il primo museo sottomarino d'Europa, creato da Jason deCaires Taylor. Le installazioni si trovano a 14 metri sotto il livello del mare e sono visibili solo indossando maschera e pinne.
  • Museo de Arte Sacro. Ad Haria accanto alla chiesa principale si trova questo affascinante museo.
  • Museo Aloe Vera. All'ingresso della cittadina di Arrieta si trova un museo dedicato all'Aloe Vera coltivata nelle Canarie. All'interno è possibile acquistare prodotti fatti con Aloe coltivata a Lanzarote.
  • 9 Mirador del Rio. Ecb copyright.svg 4.5€. Si trova all'estremità nord dell'isola di Lanzarote. Il panorama da questo punto è fantastico, toglie il fiato. Si può ammirare dall'alto l'isoletta La Graciosa. Offre un ampio parcheggio all'arrivo e, all'interno, c'è un punto di ristoro molto curato anche nei minimi particolari. "Mirador del Rio" su Wikidata


Eventi e feste[modifica]


Cosa fare[modifica]

  • Go-kart.
  • Escursioni.
  • Pesca subacquea.
  • Escursioni in bici.
  • Parchi acquatici.
  • Quad e buggy.

Immersioni[modifica]

A Lanzarote ci sono diverse possibilità per vivere l'esperienza unica di immersioni in acque che nascondono mille tesori; Si possono contare oltre 500 specie di pesci, molti relitti e grotte vulcaniche sottomarine. La visibilità è generalmente buona (10-30 metri) e le temperature dell'acqua sono comprese tra 18 e 23 gradi. Anche i servizi di assistenza e di soccorso sono adeguatamente organizzati.


Acquisti[modifica]


Come divertirsi[modifica]

  • Feste e Party serali


Dove mangiare[modifica]

Prezzi medi[modifica]


Dove alloggiare[modifica]

Prezzi medi[modifica]


Sicurezza[modifica]

L'isola di Lanzarote è una delle più tranquille isole delle Canarie. Il turismo non è dei più massicci, e la criminalità si limita ai centri più urbanizzati.

Come restare in contatto[modifica]

Telefonia[modifica]

Per telefonate dall’Italia a Lanzarote bisogna inserire il prefisso del paese 0034 e poi il prefisso della regione 928. Per chiamare da Lanzarote all’Italia anteporre lo 0039 al numero di telefono fisso o di cellulare.


Nei dintorni[modifica]

A sud di Arrecife andando in direzione dell'aeroporto stanno i centri balneari di "Playa del Cable" (3 km) e "Playa Honda" (5 km) mentre andando a nord si incontra la spiaggia "El Mago" (11 km) e poco più a nord si trova Costa Teguise, centro turistico, famoso per le sue spiagge e per l'ambiente adatto ad ogni tipo di età.

Molte escursioni permettono di visitare in lungo e in largo l Isola, dai suoi parchi naturali a tutti i territori incontaminati del isola a bordo di Quad e Buggy. Inoltre sono molti i centri di immersione dove è possibile effettuare escursioni subacquee di alto livello. Il territorio e il paesaggio sono perfetti per affittare una bici e girare attraverso cactus e vigneti il tutto contornato dalla vista di immensi vulcani. Paesaggio davvero unico quello di Lanzarote, non per questo patrimonio della biosfera e territorio UNESCO.


Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard e presenta informazioni utili a un turista. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.