Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Kpalimé
La città vista la lato ghanese
Stato
Territorio
Superficie
Abitanti
Prefisso tel
Fuso orario
Posizione
Mappa del Togo
Kpalimé
Kpalimé

Kpalimé è una città del Togo centrale.

Da sapere[modifica]

Kpalimé è situata nel cuore di una vegetazione lussureggiante, la città è rinomata per la ricchezza del suo ambiente naturale, grazie ai numerosi sforzi di alcune associazioni per la protezione e lo sviluppo ambientale.

Kpalimé è anche una delle località più visitate in Togo. Grazie al clima e al paesaggio montano, la città è stata popolare fin dall'epoca coloniale. Ci sono artisti e artigiani che espongono in tutta la città. Inoltre è un importante centro dell'industria tessile e della produzione agricola, specialmente di cacao.

La sua popolazione è la quarta in ordine di grandezza dopo Lomé, Sokodé e Kara.

Cenni geografici[modifica]

I paesaggi dei dintorni sono considerati tra i più belli del Paese. Immersa in una valle circondata da verdi colline, non lontano dal Monte Agou (la vetta più alta del Togo), la città è al crocevia di strade che conducono ad altre parti del Paese e al vicino Ghana, situato a 15 km a ovest.

Cenni storici[modifica]

Kpalimé era originariamente chiamato Agomé-Kpalimé, essendo uno dei villaggi del popolo Agomé. Le loro origini possono probabilmente essere fatte risalire allo Yorubaland nella Nigeria moderna, e in particolare a due città: Ifè (il centro religioso) e Oyo (il centro politico e amministrativo). I migranti si spostarono gradualmente verso ovest, stabilendosi a Kétou (Benin), Tado (Togo) e alla fine fondando la città di Notsé.

Il re Agokoli, che governava Notsé all'inizio del XVIII secolo, era un tiranno. Ciò ha causato la fuga di molte persone, rifugiandosi a Gamé. C'erano tre gruppi principali di fuggitivi, uno dei quali era composto da Agomé, Agou, Kpélé, Danyi, Gbi, Peki, Kpando, Matsè e Wodzo.

La loro migrazione li condusse infine ad Anidi sul Monte Kloto (allora chiamato Méléku), che si trova 13 km a nord ovest di Kpalimé. L'Agomé consisteva di cinque clan guidati da un capo chiamato Tsali. Lì, erano liberi di praticare attività come l'agricoltura, la caccia, l'agricoltura, la pesca, l'artigianato e il commercio.

Fino al 1880, Kpalimé era un piccolo villaggio nell'entroterra circondato da foreste. Non aveva collegamenti con la costa. Fu la colonizzazione che portò alla sua nascita come una grande città interconnessa. La storia coloniale di Kpalimé è insolita in quanto è uno dei pochi luoghi in Africa che passò dall'amministrazione tedesca (1890-1914) a quella britannica (1914-1920) e poi francese (1920-1960). La malaria e altre malattie tropicali fecero presa sui primi colonizzatori: nessuno di quelli sepolti nel cimitero militare tedesco visse oltre i 35 anni.

Nel 1890, Jesko von Puttkamer, il commissario imperiale tedesco per Togoland, fondò la prima stazione di campo a Misahohè, a 9 km da Kpalimé. Era una posizione strategica nella "Togo Hinterland Expedition" del tedesco ed era considerata la porta di accesso al Togo settentrionale.

Le dimensioni ridotte e la lontananza di Misahohè obbligarono il governo tedesco a investire nella vicina Kpalimé istituendo uffici, servizi amministrativi e un minimo di infrastrutture socio-economiche. Kpalimé rubò rapidamente le luci della ribalta da Misahohè, diventando la capitale regionale. Situato ad un bivio, ha attratto molti commercianti. Nel 1913, c'erano 39 aziende a Kpalimé, con solo otto impiegati bianchi.

I tedeschi investirono anche in collegamenti stradali e ferroviari tra Kpalimé e la costa, aprendo la filiale Lomé–Kpalimé delle ferrovie del Togo nel 1907. A quel tempo, questo rivoluzionò la città, dando nuova vita al commercio e all'agricoltura della regione. Tuttavia, la ferrovia non fu operativa per molti anni.

Tuttavia, la prima guerra mondiale (1914-1918) tagliò il dominio tedesco di Kpalimé. Attraversando il confine da quella che era allora la Gold Coast, gli inglesi occuparono la città per sei anni (1914-1920). Non fecero nulla di notevole per lo sviluppo di Kpalimé, preoccupati com'erano dalla guerra. In seguito al trattato di Versailles (28 giugno 1919), cedettero la città ai francesi nel 1920.

Situato in una fertile campagna, Kpalimé era il luogo ideale per lo stoccaggio pre-esportazione delle colture. Questo fu un fattore importante nella sua crescita, con i colonizzatori francesi che conferirono a Kpalimé progressivamente una maggiore autonomia, con il suo status che cambiò da "comune indigeno" (1939), a "comune misto" (1951) e infine a "comune" (1959).

Come orientarsi[modifica]


Come arrivare[modifica]

In auto[modifica]

Kpalime dista 2 ore d'auto da Lomé.

In autobus[modifica]

Taxi e minibus percorrono la strada relativamente buona tra Lomé e Kpalimé partendo dalla stazione centrale. Questi mezzi possono essere anche presi al volo in uscita dalla città. Il tempo di percorrenza va da 2 a 2,5 ore.

Come spostarsi[modifica]

In taxi[modifica]

A Kpalimé c'è un'enorme quantità di moto-taxi. Anche attraversando l'intera città, il prezzo non dovrebbe mai superare i 200 CFA.


Cosa vedere[modifica]

Kpalimé è circondata da piacevoli scenari naturali con dolci colline boscose e numerose cascate in campagna. Nella parte musulmana della città ci sono molte moschee più piccole. Ci sono ancora molti edifici coloniali dell'occupazione tedesca. Sul Missahöhe, nel nord della città, c'è un cimitero tedesco e una grande villa coloniale.

  • 1 Château Vial. I coloni francesi costruirono l'imponente castello nel 1940. Da allora, tuttavia, il clima umido e la sporadica manutenzione della Château Vial hanno portato a un suo deterioramento. Oggi è comunque utilizzato come luogo di incontro per il governo togolese. Château Vial (Q19460952) su Wikidata
  • Cattedrale dello Spirito Santo (Cathédrale Saint Esprit). Cattedrale cattolica neogotica costruita durante il dominio tedesco nel 1913, vicino al punto più alto del paese, il Monte Agou e divenuta un po' il simbolo del paese. Holy Spirit Cathedral, Kpalimé (Q24232911) su Wikidata
  • Cascate Wome (Cascade de Womé). Cascata nella giungla sotto il livello del suolo. Non ci sono guide sul sito, quindi è meglio andarci con una guida trovata in città. Poiché il terreno e il percorso per arrivarci sono accidentati, un 4x4 è il veicolo migliore per spostarsi. L'acqua è pulita quindi si può indossare il costume per nuotare e fare un tuffo.
  • Cascate Kpimé (Cascade de Kpimé), Kpimé Seva. Uno spettacolo magnifico durante la stagione delle piogge. Tuttavia, poiché l'acqua nelle cascate viene deviata verso una vicina diga, a volte si riduce a un semplice gocciolamento nella stagione secca. Le guide sono disponibili presso le cascate.


Eventi e feste[modifica]


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]

Kpalime è la capitale artigianale del Togo. È il centro per sculture in legno, vestiti, tessuti, ceramiche e altre opere d'arte. Molte boutique offrono oggetti simili anche se con piccole varianti. È meglio comprare cibo e tessuti sul mercato. C'è il Grand Marché nel centro della città e il nuovo mercato appena ad ovest della Gare Routieres.

  • Aklala Batik du Togo, +228 91 74 18 85. Simple icon time.svg Lun-Sab 8:00-17:00. Vengono venduti batik e tessuti di vari colori e stili.
  • Centro artigianale (Centre artisinal). Offre vari tipi di artigianato.
  • Blindenwerkstatt. Offre anche una vasta selezione di souvenir e artigianato.
  • (Sulla strada principale di fronte al Grand Marchés). Un piccolo negozio chiamato che offre alcuni prodotti squisiti come formaggio, cioccolato, vino ed elettrodomestici.


Come divertirsi[modifica]

Spettacoli[modifica]

  • Stadio municipale (Stade Municipal). Stadio con una capienza di 10.000 persone, utilizzato per ospitare partite di calcio/calcetto per il club con sede a Kpalimé, il Gomido FC. Stade Municipal (Q7596155) su Wikidata

Locali notturni[modifica]

Kpalimé offre relativamente molte opportunità di uscire la sera.

  • Chez Fomen (All'Hotel Crystal). Simple icon time.svg Sab. L'unico vero club.
  • Bar Alokpa. Tipico bar di strada dove soprattutto nei fine settimana le lunghe serate sono danzate con musica dell'Africa occidentale ed europea.
  • Africa Bar (Chez Corneille). Bar reggae con un barista molto amichevole, inconfondibile per le sue risate.


Dove mangiare[modifica]

La bevanda locale della zona è conosciuta come sodabi, un potente distillato di palma.

Prezzi modici[modifica]

Numerose bancarelle nel centro della città offrono le tipiche salse rosse con patè (simili a budini). Alla stazione degli autobus è anche possibile ottenere piatti con il delizioso formaggio dei Fulani (Peul). Prima di "Chez Fomen" è possibile acquistare spiedini di carne (Brochette) per 100 CFA. Inoltre, ci sono diverse piccole caffetterie che preparano piatti semplici come spaghetti, cuscus, patatine fritte, piselli o frittate per pochi soldi. Due si trovano, ad esempio, sulla strada principale tra Post e Texaco, il Belair e il Prestige.

  • 1 Binjago, RN5 (Difronte alla polizia).

Prezzi medi[modifica]

  • Le Bon Vivant. Un belga e sua madre servono ottimi hamburger, Filetto Stroganoff e altro, il tutto innaffiato con birra belga.
  • Macumba (Fuori città verso Kloto sulla sinistra dell'ABCN), +228 91 82 02 81. Cucina togolese affiliato al centro di formazione ABCN. Piatti locali tra cui minestra di carne di capra, pollo arrosto e fufu (purè di patate).
  • Au Fermier (Sulla strada fuori città verso Monte Kloto). Cibo delizioso in un'atmosfera rilassata con comode poltrone e musica tranquilla.
  • Chez Lazard. Buon ristorante, popolare tra gli europei per le sue lasagne.

Prezzi elevati[modifica]


Dove alloggiare[modifica]

Prezzi medi[modifica]

  • Mandela Inn (Auberge mandela), Castle Market Street, +228 91 42 29 99.
  • Jess Hotel, Quartier Kpeta. Ogni hotel ha un bagno privato ed è climatizzato. Vanta anche un bar e un giardino.
  • Le Geyser (Direttamente al tribunale), @ . Ecb copyright.svg Doppia 18.500 CFA + 1000 CFA di tasse. Con Wi-Fi e piscina.


Sicurezza[modifica]

Kpalimé è sostanzialmente sicuro. Il problema potrebbe essere rappresentato dal traffico stradale.

Kpalimé ha diversi centri sanitari, ad esempio il "Solidarité". Qui, possono essere eseguiti esami del sangue per la malaria e esami batteriologici. I medicinali di qualità occidentale possono essere acquistati ad esempio presso le farmacie.

La malaria è una compagna costante in questa regione. Una protezione efficace non è in definitiva possibile. I farmaci per la malaria possono essere acquistati localmente e di solito si guarisce entro 3 giorni.

L'acqua deve essere bevuta solo imbottigliata, i sacchetti di plastica ("acqua pura") sono più economici, ma discutibili dal punto di vista ambientale a causa della completa assenza di strutture per lo smaltimento dei rifiuti. Si consiglia di filtrare bene l'acqua. L'acqua non filtrata contiene spesso amebe e germi batterici a Kpalimé, che possono portare a spiacevoli malattie gastrointestinali.

Dopo un viaggio, si raccomanda un successivo esame presso una struttura specializzata in medicina tropicale.

Come restare in contatto[modifica]

Poste[modifica]

Sulla strada principale si trova la filiale dell'ufficio postale togolese. Da qui cartoline, lettere e pacchi possono essere spediti in tutto il mondo. Le cartoline sono acquistabili al Grand Marché o nella libreria accanto alla cattedrale.

Telefonia[modifica]

Per le telecomunicazioni, è consigliabile acquistare una scheda SIM togolese (moov o toucocell). Un minuto per gli altri paesi europei costa circa 200 CFA.

Internet[modifica]

Esistono buone connessioni Internet Skypefähige nell'Internet cafe vicino alla Cattedrale, a Cyber Zomayi sulla strada per il Ghana, e di fronte al bar Alokpa.


Nei dintorni[modifica]

  • 1 Riserva forestale di Misahöhe Questa foresta di 5.000 ettari è l'habitat di molte specie vegetali e 67 specie di uccelli rendendolo il biotopo togolese più frequentato dagli uccelli della foresta.

Le montagne Kloto e Agou, sono il punto di partenza per bellissime passeggiate nel cuore della natura e della vegetazione tropicale.

  • 2 Monte Kloto 825 m s.l.m. Sdraiato su morbide montagne verdi, qui si possono osservare numerose farfalle.
  • 3 Monte Agou 986 m s.l.m. La montagna più grande della regione offre una vista meravigliosa. In una giornata limpida si vedo in lontananza il Lago Volta.

Informazioni utili[modifica]

Il barista di Afrikabar ha una vasta rete di conoscenze che comprende anche molti volontari europei ed è felice di prendere contatto. Nel "Bon vivant" si può entrare direttamente in contatto con volontari europei e americani che vivono a Kpalimé.

Altri progetti

  • Collabora a Wikipedia Wikipedia contiene una voce riguardante Kpalimé
  • Collabora a Commons Commons contiene immagini o altri file su Kpalimé
1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard contiene informazioni utili a un turista e dà un'informazione sommaria sulla meta turistica. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.