Scarica il file GPX di questo articolo
Europa > Italia > Italia nordorientale > Emilia-Romagna > Emilia > Appennino emiliano > Colli Piacentini > Vigoleno

Vigoleno

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search
Vigoleno
Vigoleno.JPG
Stato
Regione
Territorio
Altitudine
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Posizione
Mappa dell'Italia
Vigoleno
Vigoleno

Vigoleno è un paese dell'Emilia-Romagna, frazione di Vernasca.

Da sapere[modifica]

La località fa parte de I borghi più belli d'Italia, pervenutoci fortunatamente intatto in tutte le sue parti è un esempio di borgo fortificato medievale di particolare bellezza.

Cenni geografici[modifica]

Il borgo di Vigoleno con il suo castello è un imponente complesso fortificato della provincia di Piacenza sul confine con quella di Parma, nel comune di Vernasca. Posto sul crinale tra la valle dell'Ongina e quella dello Stirone su un rilievo di non elevata altezza domina le colline circostanti.

Quando andare[modifica]

Aperto tutto l'anno, può quindi essere visitato in ogni stagione; tuttavia i mesi primaverili (o comunque di bel tempo) consentono di apprezzarne al meglio la collocazione panoramica e la sua scenografica monumentalità..

La piazza


Come orientarsi[modifica]


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

  • Aeroporto di Parma (40 km circa)
  • Aeroporto di Milano Linate (104 km circa)
  • Aeroporto di Bergamo Orio al Serio (120 km circa)

In auto[modifica]

  • Autostrada A1: uscita a Fiorenzuola d'Arda SP 462R fino a Fiorenzuola, continuare sulla SS. 9 "Via Emilia", poi prendere la SP 4 per Castell'Arquato, Vernasca.
  • Da Piacenza: prendere SS. 9 "Via Emilia", superato il paese di Cadeo proseguire seguendo le indicazioni per Fiorenzuola d'Arda, prendere la SP 4 e seguire le indicazioni prima per Castell'Arquato poi per Vernasca.


Come spostarsi[modifica]

Impossibilità di accesso al centro storico per le auto. Parcheggio nelle immediate vicinanze, nella piazzetta all'ingresso del borgo. Difficilmente accessibile ai disabili in quanto il selciato è in sasso.

Cosa vedere[modifica]

Vigoleno castello2.jpg
  • 1 Castello, +39 3297503774, +39 0523 891225. La sua fondazione risale al X secolo ma la prima data documentata è il 1141 quando era avamposto, sulla strada per Parma, del Comune di Piacenza. Il possesso passò per molte mani, principalmente fu della famiglia Scotti, vide i Pallavicino, Piccinino, Farnese, e venne più volte distrutto e ricostruito.
Nel 1922 la principessa Ruspoli Gramont lo fece restaurare e ne fece sede di incontri mondani; passarono tra le sue mura Gabriele D'Annunzio, l'attore Douglas Fairbanks, Max Ernst, Alexandre lacovleff, Jean Cocteau, la diva del cinema Mary Pickford, la scrittrice Elsa Maxwell, il pianista Arthur Rubinstein. Nei primi anni '80 fu teatro di parte delle riprese del film "Lady Hawke" di Richard Donner con Rutger Hauer e Michelle Pfeiffer. Castello di Vigoleno su Wikipedia "castello di Vigoleno" su Wikidata
Veduta esterna del borgo fortificato di Vigoleno
  • 2 Borgo fortificato. Il borgo antico è completamente circondato dalla cinta muraria merlata che è interamente percorribile sull'antico cammino di ronda. Ha un unico accesso attraverso un rivellino, dalla particolare forma tondeggiante, che proteggeva il vero portale d'ingresso. Il cuore del borgo è la piazza, con fontana centrale, su cui si affacciano: il mastio, la parte residenziale del castello, l'oratorio e la cisterna. Il paese prosegue con un piccolo gruppo di case strette intorno alla pieve di San Giorgio . Sul lato est, tra le abitazioni e le mura si trova un giardino.
  • Mastio. Ha un imponente torrione di pianta quadrangolare con feritoie, beccatelli e merli ghibellini. Ospita sale museali con documenti storici e fotografici. Un camminamento di ronda lo collega alla seconda torre e da qui alla parte residenziale.
  • Meridiana. Posta sul lato sud di una torretta affacciata sulla piazza porta la data del 1746.
Vigoleno San Giorgio.jpg
  • 3 Pieve di San Giorgio. Chiesa romanica del XII secolo ha tre navate divise da quattro coppie di possenti pilastri rotondi con capitelli scolpiti con figure. Ha subito rimaneggiamenti rinascimentali e barocchi, ma grazie al restauro del 1963, si presenta oggi con il suo aspetto originale, austero ed imponente. La facciata è impreziosita da un portale scolpito con colonnine dai capitelli fogliati e nella lunetta una scultura raffigurante San Giorgio. Poche le tracce di affresco, San Giorgio nell'abside del XV secolo e San Benedetto su un pilastro, datato 19 luglio 1427. Il campanile di pianta quadrangolare, è sormontato da bifore.
  • Oratorio di Santa Maria. Piccolo edificio settecentesco elegante e sobrio con pianta a crociera. Si affaccia sulla piazzetta con una piccola gradinata. Oggi viene utilizzato per mostre e per piccoli concerti data l'acustica perfetta.


Eventi e feste[modifica]

  • Cantamaggio. Simple icon time.svg 30 aprile. A Vigoleno è ancora viva la tradizione della questua del cantamaggio, il 30 di aprile il gruppo dei canterini porta l'augurio del maggio per le case del borgo, ricevendone in cambio uova o altri doni che vengono calati con la cavagna appesa ad uno spago dalle finestre negli stretti vicoli.


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]

Alla zona di Vigoleno è legata la produzione del vino (non per niente siamo nei Colli Piacentini), ad uno dei quali dà il proprio nome: il Colli Piacentini Vin Santo di Vigoleno D.O.C.


Come divertirsi[modifica]


Dove mangiare[modifica]


Dove alloggiare[modifica]

Prezzi medi[modifica]


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]

Telefonia[modifica]

Il territorio è coperto dai segnali dei gestori principali di telefonia mobile.



Nei dintorni[modifica]

  • Castell'Arquato — Sul primo rilievo della pianura, dove il terreno comincia a corrugarsi per diventare Appennino, su un colle spicca Castell'Arquato. Il borgo in pianura immette alle vie che salgono verso l'alto nel cuore della città vecchia, rappresentato dalla piazza del Municipio, che costituisce un complesso monumentale dove si raggruppano gli edifici di maggiore pregio, la Collegiata e il Palazzo Pretorio.
  • Velleia — Città prima ligure e poi romana, ci ha lasciato importanti resti del foro, venuti alla luce grazie a scoperte occasionali che diedero poi il via a scavi archeologici settecenteschi.
  • Piacenza — Emiliana ma anche un po' lombarda, nodo stradale e ferroviario sulla sponda destra del Po, conserva un bel centro storico con considerevoli monumenti - il Palazzo comunale (il Gotico), il Duomo - e un impianto urbanistico signorile. Fu co-capitale del Ducato di Parma e Piacenza.

Itinerari[modifica]

  • Castelli del Ducato di Parma e Piacenza — Disseminati sull’appennino parmense e piacentino, ma presenti anche nella pianura a sorvegliare il confine naturale del Po, i numerosi castelli dell’antico Ducato di Parma e Piacenza caratterizzano tutta l’area. Baluardi militari in origine, molti di essi hanno mantenuto l’aspetto di rocca inaccessibile, molti hanno via via trasformato la loro natura bellica in raffinata dimora nobiliare; tutti perpetuano nel tempo l’atmosfera di avventura, di favola e di leggenda che da sempre è legata ai castelli, in molti dei quali si narra della presenza di spiriti e fantasmi.


Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard contiene informazioni utili a un turista e dà un'informazione sommaria sulla meta turistica. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.