Scarica il file GPX di questo articolo

Europa > Italia > Italia nordoccidentale > Lombardia > Bassa del Po di Lombardia > Pavese > Turago Bordone

Turago Bordone

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search
Turago Bordone
Campagne attorno a Turago Bordone
Stato
Regione
Altitudine
Abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Patrono
Posizione
Mappa dell'Italia
Turago Bordone
Turago Bordone
Sito istituzionale

Turago Bordone è una frazione del comune lombardo di Giussago in provincia di Pavia.

Da sapere[modifica]

Cenni geografici[modifica]

La frazione di Turago Bordone si trova al confine tra la provincia di Milano e la provincia di Pavia, nella pianura tra l'Olona e il Naviglio Pavese.

Viale degli Innamorati in Turago Bordone (via del Sole)

Quando andare[modifica]

Il periodo più consigliato per visitare questa zona è la primavera e l'estate, quando la presenza della natura stessa è all'apice della sua bellezza.

Cenni storici[modifica]

Noto fin dal XII secolo come "Toragum", apparteneva alla Campagna Soprana pavese; fu feudo dei Beccaria di Mezzano e nel XVIII secolo dei Peverelli di Milano. Nel 1928 fu soppresso e unito al comune di Giussago.

Chiesa di San Giorgio martire del XV secolo


Come orientarsi[modifica]


Come arrivare[modifica]

In auto[modifica]

Strade statali e provinciali[modifica]

  • Strada Provinciale 35 Attraverso la Statale dei Giovi SP35 (tra Milano e Pavia) si esce a Giussago, all'ingresso della circonvallazione di Giussago tenere la sinistra e seguire le indicazioni per Turago Bordone.

Autostrade[modifica]

  • Autostrada A7 Milano-Genova A7, uscire a Binasco e seguire per Pavia attraverso la Statale dei Giovi SP35, uscire a Giussago, all'ingresso della circonvallazione di Giussago tenere la sinistra e seguire le indicazioni per Turago Bordone.
  • Autostrada A1 Milano-Bologna A1, uscire a Melegnano e seguire per Binasco attraverso la Statale SP40, giunti a Binasco seguire per Pavia attraverso la Statale dei Giovi SP35, uscire a Giussago, all'ingresso della circonvallazione di Giussago tenere la sinistra e seguire le indicazioni per Turago Bordone.

In treno[modifica]

  • Italian traffic signs - icona stazione fs.svg Attraverso la linea ferroviaria Milano-Tortona, scendere alla stazione di Certosa di Pavia e seguire le indicazioni per Giussago


Come spostarsi[modifica]

Con mezzi pubblici[modifica]

fermata autobus


Cosa vedere[modifica]

Laghetto artificiale del Parco La Barona (autunno 2017)



Eventi e feste[modifica]

Fuochi d'artificio durante la sagra
  • 1 Sagra di Sant'Anna, via Grande (Dietro la Chiesa di San Giorgio martire in via Grande), +39 0382 939611, fax: +39 0382 927711, @ comune.giussago@pec.regione.lombardia.it. Ecb copyright.svg 5/10€. Simple icon time.svg Fine luglio. La sagra di Sant'Anna condivide con i viaggiatori: musica, giochi e buon cibo. Arrivata alla 37esima edizione, la Sagra di Sant'Anna ricorre ogni anno nell'ultimo sabato del mese di Luglio, proseguendo per la domenica e il lunedì. Nei tre giorni di festa i viaggiatori possono assistere a spettacoli di musica dal vivo, giochi tradizionali quali: la lippa (antico gioco popolare italiano risalente al XV secolo), si gioca a squadre e ci si iscrive in loco. La festa si conclude, nella nottata del lunedì, con i tradizionali fuochi d'artificio. Turago Bordone su Wikipedia


Cosa fare[modifica]

  • 1 Azienda Agricola MIgliavacca Fabio, via Cascina Liconasco, 9, +39 0382 924096. Maneggio per gli amanti dei cavalli, ideale per una rilassante giornata, e galoppate, tra le campagne della zona.


Acquisti[modifica]


Come divertirsi[modifica]

Locali notturni[modifica]

  • 1 Calma Apparente, via Roma, 105, +39 0382 927038. Ottimo bar/pub per passare una serata con una buona birra e, per gli amanti del calcio, partite in diretta!


Dove mangiare[modifica]

Prezzi medi[modifica]

  • 1 Trattoria del Sole, via del Sole 28, +39 328 195 9728. Locale caratteristico con travi a vista e caminetto, dove regna sovrano il legno con un'atmosfera calda, quasi come stare a casa. Situato in una suggestiva località di campagna tra Lacchiarella e Certosa di Pavia. La sala può contenere una cinquantina di persone a sedere.
Lo chef propone abbondanti e ottimi antipasti con salumi e pietanze della casa ; buonissimi i risotti e i malfatti, i secondi: specialità come il galletto o la fiorentina...e lo gnocco fritto con marmellata di cipolla di tropea! Predisposto per eventi di ogni tipo, dalle feste di compleanno al buffet.


Dove alloggiare[modifica]

Prezzi medi[modifica]

  • 1 Le Rivaldi - La Maison Vert B&B, via dei Platani 8/10, +39 393 920 1353. Antica villa di campagna del 1400 immersa nel verde della pianura padana, che fu costruita nello stesso periodo storico della Certosa di Pavia e che fu antico luogo di sosta e di ristoro per i cavalieri e viandanti, è oggi un'armoniosa casa con 5 camere da letto, tre sale e tre bagni. Un porticato per rilassarsi e il giardino di cui godere della compagnia di Bianca (il loro cavallo argentino).


Sicurezza[modifica]

Italian traffic signs - icona farmacia.svg Farmacia

Come restare in contatto[modifica]

Poste[modifica]


Nei dintorni[modifica]

Itinerari[modifica]

Certosa di Pavia
Cavaliere Lombardo del XII secolo (dipinto del Museo dei Cavalieri Medievali)
Particolare del Museo dei Miracoli
  • 2 Certosa di Pavia, via del Monumento 4 (Certosa di Pavia), +39 0382 925613. Complesso monumentale storico che comprende un monastero e un santuario. Edificato alla fine del XIV secolo, assomma in sè diversi stili, dal tardo-gotico italiano al rinascimentale. Originariamente affidato alla comunità certosina, poi quella cistercense e, per un breve periodo, anche quella benedettina, dopo l'unificazione del Regno d'Italia la Certosa fu dichiarata nel 1866 monumento nazionale e acquisita tra le proprietà del demanio dello Stato italiano, così come tutti i beni artistici ed ecclesiastici in essa contenuti; dal 1968 ospita una piccola comunità monastica cistercense. Certosa di Pavia su Wikipedia
  • 3 Museo dei Cavalieri Medievali, via Fratelli Cervi 2, Stazione ferroviaria di Certosa di Pavia (Attraverso la linea ferroviaria Milano-Tortona, scendere a Certosa di Pavia), +39 335 611 5708. Quattro importantissimi musei aperti al pubblico che ricorderanno, ai giovani viaggiatori, un importante periodo di storia e di tradizione di questa terra. Museo della Fornace (stessa detta "della Certosa di Pavia", documenti, oggetti e attrezzi storici riguardanti la costruzione del monumento storico), Museo della Civiltà Contadina Pavese (foto storiche a attrezzi antichi per la lavorazione nei campi e nella vita quotidiana), Museo dei Miracoli (20 pregevoli dipinti riguardanti la storia dei Miracoli di Gesù e di Sant'Antonio di Padova), Museo dei Cavalieri Medievali (25 dipinti che rappresentano i cavalieri più famosi dell'epoca medievale e la storia degli avvenimenti più importanti di questa zona). I Musei sono aperti a tutti, su appuntamento.


Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard contiene informazioni utili a un turista e dà un'informazione sommaria sulla meta turistica. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.