Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Percorso Fonte Avellana
(Serra Sant'Abbondio)
Serra Sant'Abbondio - Monastero di Fonte Avellana
Tipo itinerario
Stato
Regione
Territorio
Città
Lunghezza
Tempo

Il percorso Fonte Avellana è un itinerario geologico e naturalistico che si sviluppa per 6,5 km (tra andata e ritorno) attorno il Monastero di Fonte Avellana, attraverso varie tappe percorrendo un percorso differente in andata e ritorno.

Introduzione[modifica]

L'itinerario, a cura di Cristiano Ceccucci (geologo e guida escursionistica specializzata in educazione ambientale e alla sostenibilità), nasce nel contesto dell'iniziativa Wiki Grand Tour Marche.

Cenni geografici[modifica]

L'abbazia di Fonte Avellana, come il percorso proposto, è posta sul versante nordorientale del monte Catria, una montagna dell'Appennino umbro-marchigiano alta 1701 m s.l.m. posta lungo il confine tra Umbria e Marche.

Le rocce che costituiscono il monte sono formate da sedimenti calcarei e calcareo-marnosi di origine marina, risalenti al Mesozoico (Giurassico e Cretaceo); hanno un aspetto stratificato e contengono numerosi fossili. Il Catria viene definito un "atlante geologico" per i suoi numerosi affioramenti di diversi tipi di rocce e di diverse epoche geologiche, le quali testimoniano l'intero arco temporale di formazione dell'Appennino centrale.

Cenni storici[modifica]

« Tra ' due liti d'Italia surgon sassi,
e non molto distanti a la tua patria,
tanto che ' troni assai suonan più bassi,

e fanno un gibbo che si chiama Catria,
di sotto al quale è consecrato un ermo,
che suole esser disposto a sola latria. »
(Dante Alighieri, Divina Commedia, Canto ventunesimo del Paradiso, versi 106-111)

Le origini del monastero risalgono alla fine del primo millennio d.C., sono legate alla storia della congregazione dei Camaldolesi e l'eremo viene citato anche nella Divina Commedia. La tradizione riporta il numero di settantasei santi e beati vissuti nell'eremo.

Dal 2007, il Giardino Botanico del monastero – da sempre riservato ai monaci – è stato aperto al pubblico.

Quando andare[modifica]

 Clima gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic
 
Massime (°C) 6 7 10 14 19 23 27 26 22 16 11 7
Minime (°C) 1 2 4 7 11 15 18 17 15 11 6 3
Precipitazioni (mm) 76 86 91 96 107 88 65 92 100 110 140 106

Buona parte del percorso si svolge su sentieri sterrati o ghiaiosi, pertanto è bene consultare le previsioni meteorologiche prima di incamminarsi. Una giornata piovosa renderà impossibile soffermarsi sui dettagli che si incontrano durante la passeggiata.

A chi è rivolto[modifica]

Questo percorso è stato pensato per persone senza esperienza, che desiderano immergersi nella natura e desiderano ammirare aspetti sia culturali, come geologici e naturalistici.

Come arrivare[modifica]

In auto[modifica]

1 Parcheggio (Eremo di Fonte Avellana), Località Fonte Avellana, 1, 61040, Serra Sant'Abbondio, PU, +39 0721 730 261, @ . Monastero di Fonte Avellana su Wikipedia monastero di Fonte Avellana (Q978549) su Wikidata

Bologna Prendere l'Autostrada A14 direzione Ancona e uscire a Fano; si percorre la superstrada SS73bis in direzione Roma. Arrivati a Cagli (uscita Cagli Est) si prosegue per Frontone, quindi per Serra Sant'Abbondio dove - poco dopo - si incontra il Monastero di Fonte Avellana.
Pescara Prendere l'Autostrada A14 direzione Ancona e uscire ad Ancona Nord; si percorre la superstrada SS76 in direzione Roma. Arrivati a Genga (uscita Genga-Sassoferrato) si prosegue in direzione Pergola, fino ad arrivare a Monterosso Stazione, quindi per Serra Sant'Abbondio dove - poco dopo - si incontra il Monastero di Fonte Avellana.
Roma Prendere l'Autostrada A1 direzione Firenze e uscire a Orte; si percorre la E45 fino a Foligno, quindi la SS3 fino a Gualdo Tadino. Dopodiché, si seguono le indicazioni per il Monastero di Fonte Avellana.
Firenze Prendere l'Autostrada A1 direzione Roma e uscire ad Arezzo; si raggiunge San Sepolcro per immettersi sulla E45 direzione Roma fino a Umbertide (uscita Umbertide-Gubbio), quindi proseguire per Scheggia. Dopodiché, si seguono le indicazioni per il Monastero di Fonte Avellana.

In treno[modifica]

Purtroppo non esiste un collegamento ferroviario fino a Fonte Avellana.

Le uniche opzioni sono le stazioni ferroviarie di Pesaro e Fano, da cui - tramite autobus - proseguire per Pergola o Serra San'Abbondio. Dopodiché il monastero può essere raggiunto in taxi.

Altra stazione ferroviaria consigliata è Fabriano, dove è possibile proseguire per Serra San'Abbondio in autobus e arrivare al monastero in taxi.

In aereo[modifica]

Gli aeroporti con più tratte e più vicini sono l'Aeroporto di Ancona-Falconara "Raffaello Sanzio", dal quale prendere l'autobus per Ancona. Similmente, dall'Aeroporto di Bologna "Guglielmo Marconi", si arriva in treno fino a Fano e si procede come descritto.

Tappe[modifica]

  • 2 Acqua potabile.
  • 3 Valico della Forchetta.
  • 4 Prato di Paoluccio.
  • 5 Scalette.
  • 6 Grotta di San Pier Damiani.
  • 7 Tiglio nostrale monumentale.

Come restare in contatto[modifica]

L'unico punto collegato da una strada, risulta essere il punto di partenza, ossia il Monastero di Fonte Avellana.

Telefonia[modifica]

La copertura telefonica lungo il sentiero risulta essere altalenante, in quanto vi sono dei tratti asserviti e dei tratti che non lo sono.

Nei dintorni[modifica]

Lungo il percorso è possibile osservare in affioramento diverse formazioni geologiche che caratterizzano questo settore di Appennino umbro/marchigiano nonché i vari aspetti della vegetazione, tra cui i castagni piantati dai monaci.

2-4 star.svg Usabile: l'articolo rispetta le caratteristiche di una bozza ma in più contiene abbastanza informazioni per consentire lo svolgimento dell'itinerario.