Scarica il file GPX di questo articolo

Monti Lessini

Da Wikivoyage.


Monti Lessini è un itinerario di circa 86 km. che si svolge attraverso la provincia di Verona, in Veneto e raggiunge i circa 1.500 m s.l.m.

Introduzione[modifica]

Chiusa a Nord dalla profonda e selvaggia Valle dei Ronchi e dal maestoso Gruppo della Carega, delimitata ad Est dalla Val Leogra, a Sud dal corso dell'Adige e dall'alta pianura veronese e ad Ovest dalla Val Lagarina, essa è quasi un'unità a sé stante nell'ambito delle Prealpi Venete. La solcano numerose valli che dagli alti pascoli scendono e si spiegano a ventaglio verso Verona e la pianura. Una parte dell'itinerario percorre, nella parte più settentrionale, il Parco naturale regionale della Lessinia.

I monti della Lessinia offrono numerose opportunità agli sportivi. Nel periodo invernale nella zona intorno a Malga San Giorgio è presente una stazione sciistica con alcuni impianti di risalita. Malga San Giorgio è inoltre una delle partenze del celebre centro Fondo Alta Lessinia, un percorso di sci di fondo che si snoda negli angoli più belli della catena montuosa, toccando quote che vanno dai 1390 ai 1755 m. D'estate la Lessinia vede la presenza di numerosi escursionisti, e negli ultimi anni è notevolmente cresciuta la presenza di amanti della mountain bike. I percorsi sterrati attraverso le malghe hanno fatto da richiamo agli amanti della bicicletta da fuoristrada. Nelle zone intorno a Sega di Ala si tiene ogni anno la "Lessinia Bike", gara che vede impegnati numerosi atleti in un percorso che tocca i più suggestivi luoghi della Lessinia orientale. La parte occidentale è stata invece teatro di molte edizioni di un'altra importante gara di mountain bike: la Lessinia Legend.

Anche in Lessinia si sta man mano sviluppando un turismo legato alla natura e in particolare all'osservazione degli uccelli (birdwatching), grazie alla presenza di numerose specie alpine come l'aquila reale, il codirossone o il merlo acquaiolo. Recente è la possibilità di vedere d'inverno una specie in Italia poco frequente e poco numerosa come lo zigolo delle nevi che ha portato in Lessinia numerosi fotografi e birdwatcher. Il punto principe dove osservare questo passeriforme artico è la località Bocca di Selva.

Come arrivare[modifica]

Verona, piazza dei Signori

In aereo[modifica]

In auto[modifica]

Le autostrade interessate sono:

  • Autostrada A4 Autostrada Serenissima, uscita Verona Est
  • Autostrada A22 Autostrada del Brennero, uscita Verona Nord

In treno[modifica]

Dove iniziarlo[modifica]

Tappe[modifica]

Vigneti nelle colline di Negrar

L'itinerario percorre il tratto iniziale della Valpolicella, una zona collinare che precede l'inizio delle Prealpi Veronesi.

  • 3 Parona di Valpolicella
  • 4 Pedemonte
  • 5 Negrar - Altitudine 190 m s.l.m. - Rispetto al capoluogo è in posizione nord-ovest. È racchiuso a nord dal comune di Sant'Anna d'Alfaedo, a est da Grezzana, a sud da Verona, a ovest da San Pietro in Cariano e Marano di Valpolicella. Orograficamente è diviso in due parti, la collina a nord al confine con Sant'Anna d'Alfaedo e intorno alla valle che porta al capoluogo, e la pianura a sud e nell'ampia valle che si insinua fino a Negrar. L'agricoltura è specializzata in ciliegie, uva e frutta, con una produzione vinicola specializzata nei vini Valpolicella e Recioto della Valpolicella. Una netta prevalenza di vini rossi con un forte orientamento all'esportazione. La montagna condivide con i comuni vicini una specializzazione nell'allevamento con prodotti derivati tipici (salumi, formaggio Monte Veronese), La frazione di Prun dà il nome ad una pietra particolare ora estratta prevalentemente sul monte Loffa e lavorata nella parte alta del comune condividendone lo sfruttamento con il comune di Sant'Anna d'Alfaedo. È zona di produzione del vino Valpolicella classico DOC, dell'Amarone classico DOC e del Recioto classico DOC.
  • 6 Fane
  • 7 Sant'Anna d'Alfaedo - Altitudine 939 m s.l.m. - Il territorio comunale si estende nella parte più occidentale dell'altopiano lessinico, al confine con la Val d'Adige (Dolcè, Avio e Ala) a nord-ovest e la Valpolicella (Marano, Fumane, Negrar) a sud. È delimitato a est dalle incisioni del profondo vajo della Marciora, che in pianura dà origine alla Valpantena. Nel territorio comunale sono presenti testimonianze fossili che partono dal Giurassico e arrivano fino alle ultime industrie litiche della glaciazione Würm (10.000 anni fa).
  • 8 Fosse
  • 9 Erbezzo - Altitudine 1.118 m s.l.m. - Dista 31 chilometri da Verona, è il più occidentale dei Tredici Comuni. Ha la casa comunale più alta della provincia (1.118 metri s.l.m.). Il suo territorio è quasi totalmente inserito nel Parco Naturale Regionale della Lessinia e si sviluppa tra i 700 ed i 1.765 metri di Castelberto, che gode una vista sulla val d'Adige. È, inoltre, uno dei comuni che delimitano la Vallagarina orientale, prevalentemente montuosa, che comprende i monti Corno d'Aquilio, Corno Mozzo e il Monte Pastello.
  • 10 Bosco Chiesanuova - Altitudine 1.106 m s.l.m. - Si colloca sulla dorsale tra il vajo di Squaranto e il vajo dell'Anguilla, due profondi canyon che danno origine in pianura, rispettivamente alla val Squaranto e alla Valpantena, in provincia di Verona. Il paese si trova a un'altitudine di circa 1100 m s.l.m., è il secondo capoluogo comunale più alto di Verona dopo Erbezzo (1118). Il suo territorio ha una parte antropizzata a sud ed una a nord che ha pascoli per l'alpeggio d'estate e campi da sci d'inverno, nella vicina località di Malga San Giorgio, nella quale sono stati ristrutturati gli impianti di risalita con la costruzione di una nuova seggiovia biposto e pista illuminata.
  • 11 Maregge

Punto di arrivo[modifica]

Alta Lessinia in inverno dalla malga San Giorgio
  • 12 Malga San Giorgio - Altitudine 1.498 m s.l.m. - Si colloca all'estremità nordest del territorio comunale, presso la fine della Val di Squaranto. È circondata da alcuni massicci compresi nei Monti Lessini: a nordest la dorsale Castel Gaibana-Sparavieri la separa dalla valle di Rivolto mentre, più a nord, si innalza il gruppo del Carega; a ovest si erge la sagoma collinare del monte Tomba (1766 m). A San Giorgio sono presenti impianti sciistici sia di discesa che di fondo. Infatti da questa località parte una pista da fondo che entra nel comprensorio della Translessinia e piste da discesa servite principalmente da una seggovia a due posti, che ha sostituito una piuttosto vecchia ad un solo posto, e da tre skilift, ma è anche presente un impianto ed una pista per gli slittini.

Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard e ha almeno una sezione con informazioni utili (anche se di poche righe). Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.