Scarica il file GPX di questo articolo

Europa > Balcani > Macedonia del Nord > Macedonia del Nord orientale

Macedonia del Nord orientale

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search
Macedonia del Nord orientale
Grad Delcevo.JPG
Localizzazione
Macedonia del Nord orientale - Localizzazione
Stemma
Macedonia del Nord orientale - Stemma
Stato
Sito istituzionale

Macedonia del Nord orientale è una regione turistico-geografica della Macedonia del Nord.

Da sapere[modifica]

Cenni geografici[modifica]

L'area in questione è dislocata a est del fiume Vardar. Ha caratteri collinari con rilievi minori, e comprende il lago Dojran, posto al confine tra Grecia, Bulgaria e Macedonia del Nord.

Cenni storici[modifica]

Il territorio dell'attuale Macedonia del Nord ha fatto parte, durante i secoli, di numerosi Stati e imperi antichi. La Peonia, l'antica Macedonia, l'Impero romano e l'Impero bizantino; nel VI-VII secolo d.C. arrivarono i primi Slavi e in seguito si formarono gli Stati medioevali di Bulgaria e di Serbia. Nel XV secolo la regione venne conquistata dall'Impero ottomano.

In seguito alle due guerre balcaniche nel 1912 e nel 1913 e la dissoluzione dell'Impero ottomano, diventò parte della Serbia e fu riconosciuta come Јужна Србија (Južna Srbija, "Serbia meridionale"). Dopo la Prima guerra mondiale la Serbia si unì al neo-formato Regno dei Serbi, dei Croati e degli Sloveni. Nel 1929, il regno fu rinominato Jugoslavia e diviso in province chiamate "banovina". Il territorio della moderna Macedonia del Nord divenne la Provincia di Vardar (Vardarska Banovina).

Nel 1941, la Jugoslavia venne occupata dalle Potenze dell'Asse. La provincia Vardarska Banovina venne spartita tra la Bulgaria e l'Italia, che al momento occupava l'Albania. Il rigido governo che le forze occupanti stabilirono nella zona incoraggiò molti slavi macedoni ad appoggiare il movimento di resistenza di Josip Broz Tito, che divenne il presidente della Jugoslavia alla fine della guerra. Dopo la conclusione della Seconda guerra mondiale, la Repubblica Popolare di Macedonia in Jugoslavia diventò una delle sei repubbliche della Repubblica Popolare Federale di Jugoslavia. In seguito alla ridenominazione della Federazione Jugoslava in Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia nel 1963, la Repubblica Federale di Macedonia fu ridenominata allo stesso modo Repubblica Socialista di Macedonia. La repubblica si ridenominò Repubblica di Macedonia nel 1991, quando si separò pacificamente dalla Jugoslavia. Entrò in conflitto formale con la Grecia a proposito del nome ufficiale dello Stato dopo la sua dichiarazione d'indipendenza, e nel 2013 la disputa persiste.

La Repubblica di Macedonia rimase in pace durante la Guerra civile jugoslava nei primi anni novanta ma fu parzialmente coinvolta nella Guerra del Kosovo nel 1999, quando circa 360 000 albanesi si rifugiarono dal Kosovo nel paese. I profughi ritornarono velocemente nella loro regione alla fine della guerra, ma, poco dopo, i radicali albanesi di entrambi i lati del confine presero le armi per rivendicare l'autonomia o l'indipendenza per le aree a maggioranza albanese della Repubblica. Venne combattuta una piccola guerra civile e le etnie albanesi si ribellarono, soprattutto nel nord e nell'est del paese, nel marzo/giugno del 2001. Si arrivò a una conclusione del conflitto con l'intervento di un piccolo contingente di monitoraggio della NATO e con l'impegno del governo a riconoscere culturalmente la minoranza albanese.

Quando andare[modifica]

Il clima risulta freddo e nevoso nel periodo invernale e caldo umido nella stagione estiva. Si consiglia di recarsi in tali aree in primavera inoltrata.

Lingue parlate[modifica]

La lingua maggiore è il macedone , lingua del ceppo slavo del sud, seguita dall'albanese, turco, bulgaro e romanì.

Territori e mete turistiche[modifica]

Centri urbani[modifica]

  • Berovo — Sostenuta dal fiume Bregalnica, Berovo si trova a 830-900 m (2,723-2,953 piedi) sul livello del mare ed è raggiungibile in auto utilizzando un'unica strada asfaltata che conduce in città. Il lago di Berovo e la foresta dei Monti Maleshevo sono due luoghi popolari per i turisti e gli artigiani di Berovo sono famosi per la loro abilità nella lavorazione del legno tradizionale. Il formaggio Berovo è anche un bene noto. Inoltre risultano visitabili il Monastero del Santo Arcangelo Michele ed il rispettivo convento.
  • Bogdanci — Piccola città, vicino al confine con la Grecia. Si trova a circa 41 ° 12'11 "N 22 ° 34'32" E, ed è la sede del Comune di Bogdanci.
  • Delčevo — Il centro RKC Golak si trova a soli 10 chilometri (6 miglia) a sud di Delcevo a 1300 m di altezza sul livello del mare, sotto la vetta (1358 m) del monte Golak. Lontano dai rumori della città, la vegetazione meravigliosa, l'aria fresca pulita e l'acqua fredda e cristallina della montagna sono proprio ciò di cui hanno bisogno i visitatori. In inverno, sotto una fitta coltre di neve, il Monte Golak (mk) offre panorami indimenticabili e unici.
  • Dojran — Posta sulla sponda occidentale del lago Dojran nella parte sud-est della Macedonia del Nord. Oggi, è un nome collettivo per due villaggi sul territorio della città in rovina: Nov (nuovo) Dojran (ambientato dalla fine della prima guerra mondiale alla seconda guerra mondiale) e Star (vecchio) Dojran, che contiene sia antiche rovine che costruzione recente, in particolare hotel, resort e ristoranti. La vecchia città di Dojran fu completamente distrutta durante la prima guerra mondiale e dopo la Seconda Guerra Mondiale furono costruiti i moderni villaggi. L'Amam (Hamam), un bagno turco situato nella parte alta della città fu in passato era abitato da la popolazione turca. L'anno in cui è stato costruito è sconosciuto e rimangono solo parti della torre. La Chiesa di S. Ilija fu costruita nel 1874 nella parte settentrionale della città. Lo stato attuale della chiesa; frammenti di dipinti, suggerisce che le pareti della chiesa erano originariamente coperte di affreschi. Dojran è anche archeologicamente significativo a causa di numerose scoperte di scavi accidentali o sistematici tra cui rilievi, lastre di marmo con iscrizioni greche, resti di mura, monete e tombe con epitaffi.
  • Gevgelija — Città con una popolazione di 15.685 abitanti situata nel sud-est della Macedonia del Nord lungo le rive del fiume Vardar, situata al confine principale del paese con la Grecia (Bogorodica-Evzoni), il punto che collega l'autostrada da Skopje e altri tre ex Capitali jugoslave (Belgrado, Zagabria e Lubiana) con Salonicco.
  • Kočani — La città annovera numerosi monumenti culturali e storici, dall'antichità al Medioevo. Uno di questi è un sito archeologico di Dolno Gradishte del tardo periodo antico e due torri medievali nel centro della città.

I complessi monastici nei villaggi vicini Morodvis e Panteley sono famosi in tutto il mondo sia per la loro architettura che per gli affreschi unici. Il verde della città, soprattutto lungo il letto del fiume e le rive del fiume Kočani, è l'orgoglio della popolazione locale. La città è molto pulita e ordinata, per cui detiene orgogliosamente il prestigioso titolo di "La città più pulita della Macedonia". Oggi Kočani è una città moderna con infrastrutture pianificate, viali, molti edifici moderni e condomini, un ospedale, un centro commerciale, un parco e una zona industriale di nuova costruzione. Tutto questo è attentamente pianificato e strutturato, secondo i moderni standard di vita ed estetica. I nuovi sobborghi sono costruiti principalmente ad est, dove la città raggiunge quasi le prime case di Orizari e ad ovest che si estende sulla zona industriale.

  • Kratovo — E' noto per i suoi numerosi ricordi del passato. Uno dei suoi simboli sono le sue torri di pietra. Una volta ce n'erano dodici, ma ora rimangono solo sei torri (Saat o Clock Tower, Simić, Krstev, Eminbeg, Zlatković e Hadži Kostov Tower). Le torri furono costruite nel tardo Medioevo, a partire dalla fine del XIV secolo e furono utilizzate non solo come protezione ma anche come magazzino. I ponti di Kratovo sono un'altra caratteristica di questa città fatta da antichi maestri. La città ha un'architettura unica e interessante del 19 ° secolo e una galleria d'arte unica di disegni per bambini, con immagini di bambini Kratovo che hanno vinto numerosi premi in diverse mostre internazionali. molte organizzazioni stanno lavorando alla ricostruzione della città. Uno dei più coraggiosi di questi sforzi viene dal programma Engineering Without Borders della University of Florida che sta attualmente lavorando allo sviluppo di un sistema di rifiuti solidi sostenibile per aiutare gli sforzi della Macedonia nel raggiungere il riconoscimento nell'Unione europea.
  • Kriva Palanka — Città situata nella parte nord-orientale della Macedonia del Nord. Ha 14.558 abitanti. La città di Kriva Palanka è la sede del comune di Kriva Palanka, che conta quasi 21.000 abitanti. La città si trova vicino al confine nazionale di Deve Bair con la Bulgaria, in quanto tale, il traffico pesante quasi costante passa attraverso la strada principale che taglia in due i lati della città (Deve Bair è considerata la frontiera principale tra Macedonia e Bulgaria perché collega le capitali Skopje con Sofia).
  • Kumanovo — Kumanovo ha diversi monumenti risalenti al periodo preistorico. I più importanti sono:

Gradište, un sito archeologico di interesse che si trova vicino al villaggio di Pelince e risale all'età del bronzo. Vicino al villaggio di Mlado Nagoričane c'è un altro sito interessante risalente al periodo del Neolitico. Vicino al villaggio di Lopate si trova il luogo di Drezga che rappresenta una necropoli romana. Uno dei siti più importanti situati vicino a Kumanovo è l'osservatorio astronomico megalitico di Kokino, risalente a 4000 anni fa, situato a 30 km a nord-est di Kumanovo e scoperto nel 2001. Si trova al 4 ° posto nella lista dei vecchi osservatori della NASA . Il monumento Four Poli si trova anche nel centro della città, sulla piazza principale, l'Ossario commemorativo e il Museo Casa di Hristijan Todorovski Karpoš. La chiesa più antica e più grande della città è San Nicola. Ci sono icone del 13 ° secolo nella chiesa. La chiesa rappresenta un capolavoro di Andreja Damjanov, un importante architetto rinascimentale macedone. Inoltre troviamo la Chiesa Santa Trinità costruita nel 1902, e la Chiesa di San Giorgio, la Chiesa di San Petka nel villaggio di Mlado Nagoričane, il monastero di Karpino, l'Ascensione della Santa Madre nel villaggio di Matejče, la moschea Eski costruita nel 1751, il monumento Zebrnjak, Kumanovska Banja nel villaggio di Proevce e il palazzetto dello sport Sokolana.

  • Makedonska Kamenica — Città nel nord-est della Macedonia del Nord. Ha 5.147 abitanti, la maggior parte dei quali sono macedoni etnici. La città è la sede del comune Makedonska Kamenica.
  • Pehčevo — Piccola città nella parte orientale della Macedonia del Nord. È la sede del comune di Pehčevo. Nel 2002, la città aveva 3.193 residenti
  • Probištip — Città in Macedonia e sede del Comune di Probištip. La città ha una popolazione di 10.826 abitanti
  • Radoviš — Città nella parte sud-orientale della Macedonia del Nord. È la seconda città più grande nella regione sud-orientale. La città è sede del comune di Radoviš, che si trova sul fondo del monte Plačkovica e nella parte settentrionale della valle Radoviš-Strumica. La strada principale M6 Štip-Radoviš-Strumica si trova tangenzialmente sul comune di Radoviš. Questa strada è una via di comunicazione principale con altre parti del paese.
  • Strumica — La più grande città nella parte orientale della Macedonia del Nord, vicino al valico di confine Novo Selo-Petrich con la Bulgaria. Circa 100.000 persone vivono nella regione che circonda la città. Prende il nome dal fiume Strumica che lo attraversa.
  • Sveti Nikole — Ci sono molti siti archeologici nel comune di Sveti Nikole di tutte le epoche in passato. I villaggi periferici di Sveti Nikole includono Amzabegovo, con il suo sito archeologico appena scavato, e Burilovci, famosa per i magnifici affreschi che adornano la sua chiesa di San Nicola.
  • Valandovo — Valandovo è conosciuta per il suo festival annuale di musica in cui prendono parte i migliori cantanti folk della Macedonia.
  • Vinica — Ci sono diversi siti archeologici a Vinica e nei suoi dintorni:

Vinica, insediamento medievale, Pazarište, insediamento di epoca romana, Fortezza di Vinica, insediamento fortificato di epoca tardoantica, Gorica, insediamento e basilica paleocristiana di tarda antichità, Ila, necropoli dell'età del ferro.

  • Štip — Štip ha le rovine di un antico castello che sorveglia la città dalla collina di Isar. Nella città e nelle vicinanze ci sono tre chiese del XIV secolo, costruite nel periodo in cui la città faceva parte della Serbia medievale.


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

Gli aeroporti limitrofi sono:

  • Aeroporto di Skopje (IATA: SKP, ICAO: LWSK) (Macedone: Аеродром Скопје, Aerodrom Skopje);
  • Thessaloniki Airport "Makedonia" (Greco: Κρατικός Αερολιμένας Θεσσαλονίκης "Μακεδονία", Kratikós Aeroliménas Thessaloníkis "Makedonía") (IATA: SKG, ICAO: LGTS).

In auto[modifica]

E' possibile oltrepassare i valichi di frontiera con la Bulgaria a est di Kumanovo o con la Grecia a Gevgelija.

In treno[modifica]

E' possibile usufruire di collegamenti diretti con la capitale Skopje, Thessaloniki, Belgrado, secondo tali relazioni:

  • Linea Skopje - Stip - Kocani;
  • Linea Belgrado - Kumanovo - Skopje - Gevgelija (internazionale).

Per maggiori informazioni, consultare il sito delle Ferrovie Macedoni.

In autobus[modifica]

Numerosissimi collegamenti fruibili da Skopje, Kumanovo, Stip, Kricevo, Gevgelija, Veles, Belgrado e Sofia.

Come spostarsi[modifica]

In auto[modifica]

L'asse stradale principale E75 corre lungo la direttrice nord-sud Salonicco-Gevgelija (confine con la Grecia) - Skopje - Tabanovce (confine con Serbia-Montenegro) - Belgrado; il tratto che percorre la  FYROM è quasi per intero autostradale. L'altra via di collegamento importante corre lungo la direttrice est-ovest Sofia-Kriva Palanka (confine con la Bulgaria) - Skopje - Tetovo - Ocrida, in parte autostradale. Le condizioni delle strade asfaltate sono soddisfacenti, con qualche eccezione all'interno delle città. Sui tratti autostradali (totale 145 km ca.) è dovuto un pedaggio, pagabile alle barriere, solamente in contanti.

In treno[modifica]

E' possibile usufruire di collegamenti ferroviari nei centri di Stip, Kumanovo, Gevgelija, Kocani. Per maggiori informazioni, consultare il sito delle Ferrovie Macedoni.

In autobus[modifica]

Risultano fruibili numerosissimi collegamenti tra maggiori e piccoli centri.

Taxi collettivi[modifica]

Tipici della R. di Macedonia, i taxi collettivi, in concorrenza ai mezzi d trasporto comuni, offrono tratte a prezzi molto vantaggiosi.

Cosa vedere[modifica]

I numerosi centri archeologici, assieme a quelli in stile turco ottomano, contornati dalla presenza di aree naturali, sono da considerare un patrimonio di grande risvolto turistico.

Cosa fare[modifica]

Visite culturali, archeologiche e naturalistiche.

A tavola[modifica]

Tipica la bevanda Boza, ottenuta dalla fermentazione alcoolica di numerose essenze, associabile a piatti della tradizione balcanica, greca e turca.

Sicurezza[modifica]

Prestare attenzione alla guida. Casi di microcriminalità gravi sono rari, frequenti borseggi e scippi ai turisti. Prestare attenzione alle condizioni meteo

Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard e presenta informazioni utili a un turista. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.